Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2007

As

Dovrebbe il presidente la Declare un'emergenza nazionale?

Da William Faloon

Mettere fuori Assistenza sanitaria statale in libertà provvisoria

Se uno aggiunge le malattie che la vitamina D è stata indicata per impedire, è evidente che se tutti gli Americani completati con appena 1.000 IU della vitamina D (più calcio) ogni giorno, spesa di sanità negli Stati Uniti si precipitassero.

Assistenza sanitaria statale ed alcuni regimi assicurativi privati stanno affrontando l'insolvibilità basata sui costi sporgenti di sanità che colpiranno la popolazione dell'americano di invecchiamento. L'insolvibilità si trasformerebbe in un'eccedenza se l'assunzione di vitamina D diventasse obbligatoria.

Un modo di entrare a vitamina D in quasi ognuno il corpo sarebbe di negare Assistenza sanitaria statale ed altri sborsi di assicurazione-malattia a quelli di cui i livelli ematici di vitamina D erano severamente carenti. Ciò può suonare draconiana ai fautori del libero arbitrio civili, ma quando si considera le conseguenze economiche terribili questo paese fronti se i costi di sanità non sono portati giù, affidare il completamento in mandato di vitamina D sembrerebbe avvantaggiare sia la salute della cittadinanza che i loro libri tascabili.

Non voglio personalmente dovere pagare più tasse di Assistenza sanitaria statale perché alcuni cittadini sono poco disposti ad inghiottire una capsula minuscola ed economica ogni giorno che potrebbe tagliare drammaticamente il loro rischio di contratto delle malattie temute di invecchiamento.

i sostegnhi alla ricerca coercitivi hanno aumentato l'assunzione di vitamina D

Una recensione nell'edizione del 19 luglio 2007 di New England Journal di medicina fa una discussione coercitiva affinchè gli Americani completi con più vitamina D.98

Gli autori precisano che fra 40% e 100% degli anziani negli Stati Uniti e l'Europa abbia livelli insufficienti o carenti di vitamina D. Inoltre evidenziano i risultati preoccupanti che anche i bambini ed i giovani adulti che completano con le UI/die 400 della vitamina D e consumano alimenti D-contenenti della vitamina soffrono spesso da un'insufficienza di vitamina D.

Nel parlare ai critici che sostengono che gli studi facendo uso di 400 IU della vitamina D non mostrano molto beneficio, gli autori forniscono la rappresentazione meticolosa di dati che le dosi elevate ben della vitamina D sono necessarie e che è la quantità di vitamina D nel suo sangue che determina la riduzione di rischio di malattia piuttosto che quanto realmente è inghiottito.

Gli autori hanno calcolato i tassi di varie malattie colpite da stato di vitamina D ed hanno fornito i seguenti numeri sensazionali:

  • rapporto di riproduzione di 78% in diabete di tipo 1 in bambini che prendono UI/die 2.000 della vitamina D durante il primo anno di vita
  • aumento di 200% nel tipo diabete di I nei bambini D-carenti della vitamina
  • rapporto di riproduzione di 33% di diabete di tipo II in quelli che prendono UI/die 800 della vitamina D più calcio
  • rapporto di riproduzione di 72% nella quantità delle cadute di anziani che prendono vitamina D della alto-dose
  • 30-50% nuovi cancri nella gente D-carente della vitamina
  • rapporto di riproduzione di 42% della sclerosi a placche in donne che prendono più di UI/die 400 della vitamina D.98

New England Journal di medicina crea poi le incidenze aumentate documento delle malattie autoimmuni, dell'osteoartrite, della depressione, dell'ipertensione, dei disordini polmonari, della schizofrenia e delle malattie cardiovascolari in quelle con stato meno ottimale di vitamina D.

Ancora, gli autori di un editoriale pubblicato nel giornale americano di nutrizione clinica sono stati acutamente critici dei media ed il governo affinchè non riuscire invitasse gli Americani a consumare più vitamina D.175 questo editoriale, nominato “il bisogno urgente di raccomandare un'assunzione della vitamina D che è efficace,„ continua a dichiarare:

  1. Le diete umane non forniscono la vitamina D sufficiente.
  2. I livelli ematici minimi di vitamina D stati necessari per ridurre il rischio di malattia sono 30 ng/ml.

Gli scrittori pongono la domanda: “Se una concentrazione di 75 nmol/L [30 ng/ml] è lo scopo da raggiungere tramite consumo di vitamina D, quindi perché è così raro per i membri della popolazione compire questo?„

Il giornale americano dell'editoriale clinico di nutrizione colpisce i media per fuorviare il pubblico circa la quantità di vitamina D che devono completare con. Come gli autori precisano, alle raccomandazioni basate a governo UI/die 200 delle UI/die per i bambini, 400 per quelle di 51-70 anni e UI/die 600 per quelle oltre 70 sono orribile antiquate. Eppure i timori della responsabilità inducono i media a continuare a regurgitare le potenze antiquate di vitamina D di governo che tempo fa sono state indicate per essere insufficienti. La seguente citazione proviene dalla conclusione di questo editoriale:

“A causa di prova in modo convincente del beneficio e della prova ben fondata della sicurezza, sollecitiamo coloro che ha la capacità di sostenere i media pubblici di salute-, produttori della vitamina e la politica creatore-a intraprende le nuove iniziative che avranno una probabilità realistica di fabbricazione della differenza in termini di nutrizione di vitamina D.„175

Gli europei sono anche meno abbienti

Se pensate gli Americani hanno un problema, appena immaginano se il governo vietasse gli integratori alimentari per contenere al di sopra di 400 IU della vitamina D. in Europa, la potenza di limite superiore è di soltanto 400 IU della vitamina D, rendente la difficile per la gente là ottenere i livelli adeguati.

Un medico tedesco ha creato un esame meticoloso che mostra le riduzioni significative in malattia cardiovascolare e diabete (in bambini ed in adulti) in risposta all'più alto stato di vitamina D. Poichè la malattia cardiovascolare ed il diabete rappresentano fino a 50% di tutte le morti in paesi occidentali, questo medico ha avvertito delle conseguenze significative di salute se la pandemia della carenza di vitamina D non fosse corretta. Il medico tedesco ha concluso la sua carta dichiarando:

“Dato l'alta prevalenza delle concentrazioni nel sangue insufficienti e carenti di vitamina D nella popolazione in genere, un miglioramento nello stato della vitamina D della popolazione deve essere uno sforzo importante per servizio medico-sanitario di salute pubblica in futuro. Per quella ragione, in molti paesi, la legislazione deve essere cambiata per concedere una quantità di vitamina D in supplementi e alimenti arricchiti non quotati in borsa di vitamina D, che sono sufficienti per aumentare le misure del siero della vitamina D nella gamma adeguata.„174

La mia lettera a presidente Bush

Alla pagina seguente è la mia lettera al nostro presidente che lo invita ad agire l'azione immediata assicurarsi che altrettanti Americani come possibili sappiano per completare con almeno 1.000 IU del vitamina D3 ogni giorno.

Come preciso, il governo federale conserverebbe i grandi importi sulle spese di inabilità e di sanità se desse ad Americani più a basso reddito una bottiglia libera che contiene 365 capsule (1.000 IU) del vitamina D3 ogni anno.

Ho acquisito la conoscenza che le centinaia di migliaia di vite americane potrebbero essere conservate ogni anno soltanto prendendo una vitamina a basso costo. Non agire la discriminazione positiva eliminare questa carenza vitaminica come causa della malattia sarebbe morale biasimevole, ergo la mia richiesta al presidente per usare le risorse a sua disposizione per sradicare l'odierna epidemia della malattia di carenza di vitamina D.

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

La nota di P.S. Please che nel giornale americano di nutrizione clinica studia, ogni capsula era fabbricata fornire 1.100 IU del vitamina D3 per assicurarsi che ogni partecipante al gruppo attivo ricevesse almeno le UI/die 1.000 della vitamina D.

Continuato alla pagina 3 di 3

Riferimenti

1. Apperly F. La relazione di irradiamento solare a mortalità del cancro in Nord America. Ricerca del Cancro. 1941;1:191-5.

2. Tuohimaa P, Pukkala E, Scelo G, et al. fa l'esposizione solare, come indicato dai cancri di pelle del non melanoma, protegga dai cancri solidi: Vitamina D come spiegazione possibile. Cancro di EUR J. 2007 luglio; 43(11): 1701-12.

3. WB di Grant, RC sconosciuto, cfr. della ghirlanda. Il sole è buona medicina. Le indennità-malattia di produzione indotta ultravioletta-b di vitamina D. J Cosmet Dermatol. 2003 aprile; 2(2): 86-98.

4. WB di Grant, CF della ghirlanda, Gorham ED. Una stima delle riduzioni di tasso di mortalità del cancro Europa e negli Stati Uniti con 1.000 IU della vitamina D orale al giorno. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2007.174:225-34.

5. Holick MF. Vitamina D: il suo ruolo nella prevenzione del cancro e nel trattamento. Prog Biophys Mol Biol. 2006 settembre; 92(1): 49-59.

6. WB di Grant, Holick MF. Benefici e requisiti della vitamina D di salute ottimale: una rassegna. Altern Med Rev. 2005 giugno; 10(2): 94-11.

7. CF della ghirlanda, hydroxyvitamin D di Comstock GW, della ghirlanda FC, et al. del siero 25 e tumore del colon: studio prospettivo di otto anni. Lancetta. 18 novembre 1989; 2(8673): 1176-8.

8. CF della ghirlanda, ghirlanda FC, Gorham ED. Possono l'incidenza del tumore del colon ed i tassi di mortalità essere ridotti con calcio e la vitamina D? J Clin Nutr. 1991 luglio; 54 (1 supplemento): 193S-201S.

9. CF della ghirlanda, SB di Gorham ED, di Mohr, et al. vitamina D e prevenzione di cancro al seno: analisi riunita. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2007 marzo; 103 (3-5): 708-11.

10. CF di Gorham ED, della ghirlanda, ghirlanda FC, et al. vitamina D e prevenzione di cancro colorettale. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 ottobre; 97 (1-2): 179-94.

11. EM di John, GG di Schwartz, Koo J, Van Den BD, Ingles SA. Esponga al sole l'esposizione, i polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D ed il rischio di carcinoma della prostata avanzato. Ricerca del Cancro. 15 giugno 2005; 65(12): 5470-9.

12. CF della ghirlanda, ghirlanda FC, Gorham ED, et al. Il ruolo della vitamina D nella prevenzione del cancro. Salute pubblica di J. 2006 febbraio; 96(2): 252-61.

13. Thomas MG. Influenze Luminal ed umorali sul cytokinetics epiteliale rettale umano. Ann R Coll Surg Engl. 1995 marzo; 77(2): 85-9.

14. Ghirlanda FC, CF della ghirlanda, Gorham ED, giovane JF. Variazione geografica nella mortalità del cancro al seno negli Stati Uniti: un'ipotesi che comprende esposizione a radiazione solare. Med di Prev. Del 1990 novembre; 19(6): 614-22.

15. Dihydroxyvitamin 25 e 1,25 di Bertone-Johnson ER, di Chen WY, di Holick MF, et al. hydroxyvitamin D dei plasmi D e rischio di cancro al seno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 agosto; 14(8): 1991-7.

16. Berube S, Diorio C, Verhoek-Oftedahl W, vitamina D di Brisson J., calcio e densità mamografiche del seno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 settembre; 13(9): 1466-72.

17. Jensen ss, Madsen Mw, Lukas J, Binderup L, effetti di Bartek J. Inhibitory di 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D (3) sul macchinario dicontrollo di G (1) - S. Mol Endocrinol. 2001 agosto; 15(8): 1370-80.

18. Lowe L, Hansen cm, Senaratne S, chilowatt di Colston. Meccanismi implicati negli effetti regolatori di crescita dei composti di vitamina D in cellule di cancro al seno. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2003;164:99-110.

19. Swami S, Raghavachari N, Muller UR, YP di Bao, inibizione della crescita di vitamina D di Feldman D. delle cellule di cancro al seno: modelli di espressione genica valutati dal microarray del cDNA. Ossequio di ricerca del cancro al seno. 2003 luglio; 80(1): 49-62.

20. Chilowatt di Colston, Hansen cm. Meccanismi implicati negli effetti regolatori di crescita della vitamina D nel cancro al seno. Cancro di Endocr Relat. 2002 marzo; 9(1): 45-59.

21. Weitsman GE, Koren R, Zuck E, et al. vitamina D sensibilizza le cellule di cancro al seno all'azione di H2O2: i mitocondri come convergenza indicano nella via di morte. Med libero di biol di Radic. 15 luglio 2005; 39(2): 266-78.

22. Vitamina D e cancro al seno di Lingua gallese J.: comprensioni dai modelli animali. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1721S-4S.

23. Vitamina D e cancro al seno di Christakos S. Adv Exp Med Biol. 1994;364:115-8.

24. Cui Y, Rohan TE. Vitamina D, calcio e rischio di cancro al seno: una rassegna. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 agosto; 15(8): 1427-37.

25. Peng X, Mehta RG. L'espressione differenziale del prohibitin è correlata con azione doppia della vitamina D come ormone proliferativo ed antiproliferativo in cellule epiteliali del seno. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2007 marzo; 103 (3-5): 446-50.

26. Sundaram S, Beckman MJ, Bajwa A, et al. QW-1624F2-2, un analogo sintetico del dihydroxyvitamin 1,25 D3, migliora la risposta ad altri deltanoids e sopprime l'invasività delle cellule metastatiche umane del tumore del seno. Mol Cancer Ther. 2006 novembre; 5(11): 2806-14.

27. Friedrich m., Diesing D, Cordes T, et al. un'analisi 25 del hydroxyvitamin D3-1alpha-hydroxylase nel tessuto normale e maligno del seno. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2615-20.

28. Chilowatt di Colston, Lowe LC, Mansi JL, Campbell MJ. Stato di vitamina D e rischio di cancro al seno. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2573-80.

29. Peng X, Mehta R, Wang S, Chellappan S, Mehta RG. Prohibitin è un gene novello dell'obiettivo della vitamina D in questione nella sua azione antiproliferativa in cellule di cancro al seno. Ricerca del Cancro. 15 luglio 2006; 66(14): 7361-9.

30. Lee HJ, Liu H, Goodman C, et al. espressione genica che profila i cambiamenti indotti da un derivato novello di Gemini Vitamin D durante la progressione di cancro al seno. Biochimica Pharmacol. 28 luglio 2006; 72(3): 332-43.

31. Kemmis cm, Salvador MP, Smith chilometro, cellule epiteliali mammarie di Lingua gallese J. Human esprime CYP27B1 ed è la crescita inibita 25 dal hydroxyvitamin D-3, la forma di circolazione principale di vitamina D-3. J Nutr. 2006 aprile; 136(4): 887-92.

32. Kawata H, Kamiakito T, Takayashiki N, Tanaka A. Vitamin D3 sopprime la crescita androgeno-stimolata delle cellule mammarie di carcinoma SC-3 del topo da repressione trascrizionale della cellula Physiol di fattore di crescita del fibroblasto 8. J. 2006 giugno; 207(3): 793-9.

33. Hussain-Hakimjee ea, Peng X, Mehta RR, Mehta RG. Inibizione della crescita di cellule epiteliali agente-trasformate del seno di MCF-12F e adi cellule di cancro al seno ormone sensibili BT-474 da 1alpha-hydroxyvitamin D5. Carcinogenesi. 2006 marzo; 27(3): 551-9.

34. Lin J, Manson JE, Lee IM, et al. assunzioni di calcio e della vitamina D e rischio di cancro al seno in donne. Med dell'interno dell'arco. 28 maggio 2007; 167(10): 1050-9.

35. Ahonen MH, Tenkanen L, Teppo L, Hakama m., rischio di carcinoma della prostata di Tuohimaa P. e livelli prediagnostic di hydroxyvitamin D del siero 25 (Finlandia). Il Cancro causa il controllo. 2000 ottobre; 11(9): 847-52.

36. MD lordo. Vitamina D e calcio nella prevenzione della prostata e del tumore del colon: nuovi approcci per l'identificazione dei bisogni. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 326-31.

37. Luscombe CJ, friggitrice aa, francese ME, et al. esposizione a radiazione ultravioletta: associazione con suscettibilità ed età alla presentazione con carcinoma della prostata. Lancetta. 25 agosto 2001; 358(9282): 641-2.

38. Polek TC, Weigel nl. Vitamina D e carcinoma della prostata. J Androl. 2002 gennaio; 23(1): 9-17.

39. Lou anno, Qiao S, Talonpoika R, Syvala H, Tuohimaa P. Il ruolo del metabolismo di vitamina D3 nel carcinoma della prostata. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2004 novembre; 92(4): 317-25.

40. Corteggi il TC, Choo la R, Jamieson la m., Chander la S, studio pilota di Vieth R.: ruolo potenziale della vitamina D (colecalciferolo) in pazienti con la ricaduta di PSA dopo la terapia definitiva. Cancro di Nutr. 2005;51(1):32-6.

41. GG di Schwartz, Hulka BS. È la carenza di vitamina D un fattore di rischio per carcinoma della prostata? (Ipotesi). Ricerca anticancro. Del 1990 settembre; 10 (5A): 1307-11.

42. WB di Grant. Uno studio ecologico multinazionale sul rischio e sulla riduzione di rischio scompone per la mortalità del carcinoma della prostata. EUR Urol. 2004 marzo; 45(3): 271-9.

43. C lorda, Stamey T, Hancock S, Feldman D. Treatment di carcinoma della prostata ricorrente in anticipo con il dihydroxyvitamin 1,25 D3 (calcitriol). J Urol. 1998 giugno; 159(6): 2035-9.

44. Birra TM, Lemmon D, SEDERE di Lowe, Henner WD. Calcitriol orale settimanale ad alta dose in pazienti con un aumento PSA dopo la prostatectomia o la radiazione per carcinoma della prostata. Cancro. 1° marzo 2003; 97(5): 1217-24.

45. Birra TM, Eilers chilometro, Garzotto m., et al. calcitriol e docetaxel ad alta dose settimanali nel carcinoma della prostata metastatico dell'androgeno-indipendente. J Clin Oncol. 1° gennaio 2003; 21(1): 123-8.

46. Azioni dei swami S, di Krishnan avoirdupois, di Moreno J, et al. di Calcitriol e di genisteina per inibire la via della prostaglandina: terapia di associazione potenziale per curare carcinoma della prostata. J Nutr. 2007 gennaio; 137 (1 supplemento): 205S-10S.

47. Flanagan JN, giovani sistemi MV, persone KS, et al. metabolismo di vitamina D in cellule umane della prostata: implicazioni per il chemoprevention del carcinoma della prostata dalla vitamina D. Anticancer Res. 2006 luglio; 26 (4A): 2567-72.

48. Huang YC, WC appeso. il dihydroxyvitamin 1,25 D3 transcriptionally reprime l'espressione p45Skp2 via i siti Sp1 in cellule di carcinoma della prostata umane. Cellula Physiol di J. 2006 novembre; 209(2): 363-9.

49. Moreno J, Krishnan avoirdupois, Peehl dm, Feldman D. Mechanisms della vitamina D-ha mediato l'inibizione della crescita in cellule di carcinoma della prostata: inibizione della via della prostaglandina. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2525-30.

50. Il JUNIOR di Lambert, Kelly JA, lo spessore la m., et al. prostata ha derivato il fattore in cellule di carcinoma della prostata umane: induzione del gene dalla vitamina D via un meccanismo di p53-dependent e un'inibizione di crescita delle cellule di carcinoma della prostata. Cellula Physiol di J. 2006 settembre; 208(3): 566-74.

51. Bao VICINO, Yao J, Lee YF. 1alpha, 25 dihydroxyvitamin D3 sopprime l'angiogenesi delle cellule di carcinoma della prostata di interleukin-8-mediated. Carcinogenesi. 2006 settembre; 27(9): 1883-93.

52. Lou anno, Tuohimaa P. Androgen migliora l'attività antiproliferativa del vitamina D3 sopprimendo 24 espressioni dell'idrossilasi in cellule di LNCaP. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2006 aprile; 99(1): 44-9.

53. L'interruttore di Yee, Campbell il MJ, Simons C. Inhibition del metabolismo di vitamina D3 migliora VDR che segnala in cellule di carcinoma della prostata dell'androgeno-indipendente. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2006 marzo; 98 (4-5): 228-35.

54. Tokar EJ, Webber millimetro. Il colecalciferolo (vitamina D3) inibisce la crescita e l'invasione dai ricevitori e 25 dall'idrossilasi nucleari diregolamento (CYP27A1) in cellule di carcinoma della prostata umane. Metastasi di Clin Exp. 2005;22(3):275-84.

55. Birra TM, Myrthue A. Calcitriol nel trattamento di carcinoma della prostata. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2647-51.

56. Li H, Stampfer MJ, Hollis JB, et al. Uno studio prospettivo dei metaboliti di vitamina D del plasma, dei polimorfismi del ricevitore di vitamina D e del carcinoma della prostata. Med di PLoS. 20 marzo 2007; 4(3): e103.

57. Medeiros R, Morais A, Vasconcelos A, et al. Il ruolo dei polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D nella suscettibilità a carcinoma della prostata di una popolazione europea del sud. Ronzio Genet di J. 2002;47(8):413-8.

58. Hartman TJ, Albert PS, Snyder K, et al. L'associazione di calcio e della vitamina D con il rischio di adenomi colorettali. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 252-9.

59. Gorham ED, CF della ghirlanda, ghirlanda FC, et al. stato ottimale di vitamina D per prevenzione del cancro colorettale: un'analisi quantitativa del meta. Med di J Prev. 2007 marzo; 32(3): 210-6.

60. Parcheggi SY, PS di Murphy, assunzione di Wilkens LR, et al. del calcio e di vitamina D e rischio di cancro colorettale: lo studio di gruppo multietnico. J Epidemiol. 1° aprile 2007; 165(7): 784-93.

61. CF della ghirlanda, ghirlanda FC. La luce solare e la vitamina D riducono la probabilità di tumore del colon? Int J Epidemiol. 2006 aprile; 35(2): 217-20.

62. CS di Feskanich D, di mA J, di Fuchs, et al. metaboliti di vitamina D del plasma e rischio di cancro colorettale in donne. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 settembre; 13(9): 1502-8.

63. Giovannucci E. L'epidemiologia della vitamina D ed incidenza e mortalità del cancro: una rassegna (Stati Uniti). Il Cancro causa il controllo. 2005 marzo; 16(2): 83-95.

64. Giovannucci E. L'epidemiologia della vitamina D e del cancro colorettale: risultati recenti. Curr Opin Gastroenterol. 2006 gennaio; 22(1): 24-9.

65. RB della ghirlanda C, di Shekelle, Barrett-Connor E, et al. vitamina D e calcio e rischio dietetici di cancro colorettale: uno studio prospettivo da 19 anni in uomini. Lancetta. 9 febbraio 1985; 1(8424): 307-9.

66. Koren R, Wacksberg S, Weitsman GE, Ravid A. Calcitriol sensibilizza le cellule di tumore del colon a citotossicità di H2O2-induced mentre inibisce l'attivazione di caspase. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2006 ottobre; 101 (2-3): 151-60.

67. Grau sistemi MV, barone JA, Sandler RS, et al. vitamina D, completamento del calcio ed adenomi colorettali: risultati di una prova randomizzata. Cancro nazionale Inst di J. 3 dicembre 2003; 95(23): 1765-71.

68. Holt PR, Bresalier RS, mA CK, et al. calcio più la vitamina D altera le caratteristiche preneoplastic degli adenomi colorettali e della mucosa rettale. Cancro. 15 gennaio 2006; 106(2): 287-96.

69. Murillo G, Matusiak D, Benya rv, Mehta RG. Un'efficacia di Chemopreventive 25 del hydroxyvitamin D3 nel tumore del colon. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2007 marzo; 103 (3-5): 763-7.

70. Kim KE, TUM di Brasitus. Il ruolo della vitamina D nei processi normali e patologici nei due punti. Curr Opin Gastroenterol. 2001 gennaio; 17(1): 72-7.

71. Gonzalez-Sancho JM, Larriba MJ, Ordonez-Moran P, HG di Palmer, Munoz A. Effects di 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D3 in cellule di tumore del colon umane. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2669-81.

72. Froicu m., la TA di Cantorna La vitamina D ed il ricevitore di vitamina D sono critici per controllo della risposta immunitaria innata alla lesione colica. BMC Immunol. 2007;85.

73. DG di Lieberman DA, di Prindiville S, di Weiss, fattori di rischio di Willett W. per neoplasia colica avanzata e polipi hyperplastic in individui asintomatici. JAMA. 10 dicembre 2003; 290(22): 2959-67.

74. Giovannucci E, Liu Y, Rimm eb, et al. studio prospettivo dei preannunciatori di stato di vitamina D ed incidenza e mortalità del cancro in uomini. Cancro nazionale Inst di J. 5 aprile 2006; 98(7): 451-9.

75. HG di Skinner, assunzione di Michaud DS, di Giovannucci E, et al. di vitamina D ed il rischio per cancro del pancreas in due studi di gruppo. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 settembre; 15(9): 1688-95.

76. Zhang X, Nicosia SV, ricevitore di Bai W. Vitamin D è un obiettivo novello della droga per trattamento del cancro ovarico. Obiettivi della droga di Cancro di Curr. 2006 maggio; 6(3): 229-44.

77. Lefkowitz es, cfr. della ghirlanda. Luce solare, vitamina D e tassi di mortalità del cancro ovarico nelle donne degli Stati Uniti. Int J Epidemiol. 1994 dicembre; 23(6): 1133-6.

78. BR di Konety, Lavelle JP, Pirtskalaishvili G, et al. effetti della vitamina D (calcitriol) su carcinoma temporaneo delle cellule della vescica in vitro e in vivo. J Urol. 2001 gennaio; 165(1): 253-8.

79. GM di Londra, Guerin AP, Verbeke FH, et al. metabolismo minerale e funzioni arteriose nella malattia renale di stadio finale: un ruolo potenziale 25 della carenza di hydroxyvitamin D. J Soc Nephrol. 2007 febbraio; 18(2): 613-20.

80. Liu W, Tretiakova m., Kong J, et al. espressione del ricevitore di vitamina D3 nei tumori del rene. Ronzio Pathol. 2006 ottobre; 37(10): 1268-78.

81. Taskapan H, Wei m., DG di Oreopoulos. 25 vitamina D3 (OH) in pazienti con la malattia renale cronica ed in quelli su dialisi: riscoprire la sua importanza. Int Urol Nephrol. 2006;38(2):323-9.

82. Nasri H, Baradaran A. L'influenza dei livelli idrossilati di vitamina D del siero 25 sulle infezioni di helicobacter pylori in pazienti con l'insufficienza renale di stadio finale su emodialisi regolare. Rene saudita DIS Transpl di J. 2007 giugno; 18(2): 215-9.

83. Carenza di vitamina D di Hamano T. in pazienti affetti da insufficienza renale cronica. Calcio di Clin. 2007 maggio; 17(5): 718-24.

84. Hamada Y, Fukagawa M. Gli effetti pleiotropici della vitamina D sulla malattia renale. Calcio di Clin. 2007 maggio; 17(5): 712-7.

85. Carenza di Khan S. Vitamin D e iperparatiroidismo secondario fra i pazienti con la malattia renale cronica. J Med Sci. 2007 aprile; 333(4): 201-7.

86. Mernitz H, Smith DE, legno RJ, RM di Russell, Wang XD. Inibizione di carcinogenesi del polmone da 1alpha, da 25-dihydroxyvitamin D3 e da acido retinoico cis 9 nel modello del topo di A/J: prova di diminuzione di retinoide di tossicità di vitamina D. Cancro di Int J. 1° aprile 2007; 120(7): 1402-9.

87. van den Bemd GJ, Chang GT. Vitamina D ed analoghi di vitamina D nel trattamento del cancro. Obiettivi della droga di Curr. 2002 febbraio; 3(1): 85-94.

88. Variazioni geografico di CA, di Robsahm TE, di Dahlback A, et al. stagionale di Porojnicu e nella prognosi del cancro polmonare in Norvegia. La vitamina D dal sole svolge un ruolo? Lung Cancer. 2007 marzo; 55(3): 263-70.

89. Becker S, Cordes T, Diesing D, Diedrich K, Friedrich M. Expression 25 del hydroxyvitamin D3-1alpha-hydroxylase in tessuto dell'endometrio umano. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2007 marzo; 103 (3-5): 771-5.

90. Friedrich m., Rafi L, Mitschele T, et al. analisi del sistema di vitamina D nei carcinoma cervicali, cancro al seno e cancro ovarico. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2003;164:239-46.

91. Polesel J, Talamini R, Montella m., et al. acido linoleico, vitamina D ed altre assunzioni nutrienti nel rischio di linfoma non Hodgkin: uno studio italiano di caso-control. Ann Oncol. 2006 aprile; 17(4): 713-8.

92. Esposizione di Armstrong BK, di Kricker A. Sun e linfoma non Hodgkin. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2007 marzo; 16(3): 396-400.

93. Mullin GE, vitamina D di Dobs A. ed il suo ruolo nel cancro e nell'immunità: una prescrizione per luce solare. Nutr Clin Pract. 2007 giugno; 22(3): 305-22.

94. Parcheggi WH, Seol JG, Kim l'es, et al. arresto del ciclo cellulare indotto dalla vitamina D (3) EB1089 analogico in cellule di mieloma NCI-H929 è associato con induzione dell'inibitore cyclin-dipendente p27 della chinasi. Ricerca delle cellule di Exp. 2000 1° febbraio; 254(2): 279-86.

95. Ozdemir F, Esen N, Ovali E, et al. effetti di desametasone, tutto trasporto acido retinoico, vitamina D (3) e interferone alfa sulle cellule di mieloma delle FO. Chemioterapia. 2004 ottobre; 50(4): 190-3.

96. Imseis CON RIFERIMENTO A, GM di Palmieri, Holbert JM, SIG. di Leventhal, Sebes JI. Effetto del calcitriol e dei pamidronati in mieloma multiplo. J Med Sci. 1999 luglio; 318(1): 61-6.

97. Lappe JM, Travers-Gustafson D, Davies chilometro, Recker RR, Heaney RP. La vitamina D ed il completamento del calcio riduce il rischio di cancro: risultati di una prova randomizzata. J Clin Nutr. 2007 giugno; 85(6): 1586-91.

98. Holick MF. Carenza di vitamina D. Med di N Inghilterra J. 19 luglio 2007; 357(3): 266-81.

99. Weng FL, Shults J, MB di Leonard, arresti VA, Zemel BS. Fattori di rischio per le concentrazioni basse di hydroxyvitamin D del siero 25 in bambini ed in adolescenti altrimenti in buona salute. J Clin Nutr. 2007 luglio; 86(1): 150-8.

100. Seta H, Thiede S, Trojian T. Counseling circa il completamento di vitamina D per gli infanti: risultati di un'indagine dei medici di famiglia e pediatrica della medicina in Connecticut. Med dei connett. 2007 marzo; 71(3): 133-7.

101. Cashman KD. Vitamina D nell'infanzia e nell'adolescenza. Med J. 2007 di Postgrad aprile; 83(978): 230-5.

102. JUNIOR di Lee JM, di Smith, carenza di Philipp BL, et al. di vitamina D in un gruppo in buona salute di madri ed infanti neonati. Clin Pediatr (Phila). 2007 gennaio; 46(1): 42-4.

103. Piirainen T, Laitinen K, Isolauri E. Impact della fortificazione nazionale di fluido munge e margarine con la vitamina D su concentrazione di hydroxyvitamin D del siero e dell'ingestione dietetica 25 in bambini di 4 anni. EUR J Clin Nutr. 2007 gennaio; 61(1): 123-8.

104. HM di Pappa, stato di Gordon cm, di Saslowsky TM, et al. di vitamina D in bambini e giovani adulti con le malattie intestinali infiammatorie. Pediatria. 2006 novembre; 118(5): 1950-61.

105. Harkness LS, SEDERE di Cromer. Carenza di vitamina D in femmine adolescenti. Salute di J Adolesc. 2005 luglio; 37(1): 75.

106. Sullivan ss, Rosen CJ, Halteman WA, Chen TC, Holick MF. Le ragazze adolescenti in Maine sono a rischio di insufficienza di vitamina D. Dieta Assoc di J. 2005 giugno; 105(6): 971-4.

107. Gordon cm, DePeter KC, Feldman ha, tolleranza E, Emans SJ. Prevalenza della carenza di vitamina D fra gli adolescenti in buona salute. Med di Pediatr Adolesc dell'arco. 2004 giugno; 158(6): 531-7.

108. Gessner BD, Plotnik J, Muth pinta. 25 livelli di hydroxyvitamin D fra i bambini in buona salute nell'Alaska. J Pediatr. 2003 ottobre; 143(4): 434-7.

109. Wharton B, vescovo N. Rickets. Lancetta. 25 ottobre 2003; 362(9393): 1389-400.

110. Biser-Rohrbaugh A, carenza di Hadley-Miller N. Vitamin d in bambini allattati al seno. J Pediatr Orthop. 2001 luglio; 21(4): 508-11.

111. Scià m., Salhab N, Patterson D, Seikaly MG. Il rachitismo nutrizionale ancora affligge i bambini nel Texas del nord. Tex Med. 2000 giugno; 96(6): 64-8.

112. Tworoger ss, Lee IM, seppellente JE, Rosner B, Hollis BW, Se di Hankinson. Dihydroxyvitamin 25 e 1,25 hydroxyvitamin D dei plasmi D e rischio di cancro ovarico di incidente. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2007 aprile; 16(4): 783-8.

113. Hanley DA, Davison KS. Insufficienza di vitamina D in Nord America. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 332-7.

114. Hollis BW. Facendo circolare 25 livelli di hydroxyvitamin D indicativi della sufficienza di vitamina D: implicazioni per l'instaurazione della raccomandazione efficace nuova dell'ingestione dietetica per la vitamina D.J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 317-22.

115. Holick MF. Alta prevalenza di insufficienza e delle implicazioni di vitamina D per salute. Mayo Clin Proc. 2006 marzo; 81(3): 353-73.

116. Ms di Calvo, merlano SJ. Prevalenza di insufficienza di vitamina D nel Canada e negli Stati Uniti: importanza a stato di salute e ad efficacia della fortificazione degli alimenti e dell'uso correnti dell'integratore alimentare. Rev. 2003 di Nutr marzo; 61(3): 107-13.

117. Lappe JM, Davies chilometro, Travers-Gustafson D, Heaney RP. Stato di vitamina D in una popolazione femminile postmenopausale rurale. J Coll Nutr. 2006 ottobre; 25(5): 395-402.

118. Tessitore cm, flotta JC. Requisiti di vitamina D: attuale e futuro. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1735S-9S.

119. Holick MF. L'epidemia di vitamina D e le sue conseguenze di salute. J Nutr. 2005 novembre; 135(11): 2739S-48S.

120. Merlano SJ, sig.ra di Calvo. Raccomandazioni dietetiche per la vitamina D: un'esigenza critica dell'estremità funzionale indica per stabilire un requisito medio stimato. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 304-9.

121. Holick MF. Vitamina D: importanza nella prevenzione dei cancri, del diabete di tipo 1, della malattia cardiaca e dell'osteoporosi. J Clin Nutr. 2004 marzo; 79(3): 362-71.

122. Bodnar LM, Simhan HN, poteri RW, et al. alta prevalenza delle donne incinte di insufficienza di vitamina D in bianco e nero che risiedono negli Stati Uniti del Nord ed i loro neonati. J Nutr. 2007 febbraio; 137(2): 447-52.

123. Houston dk, Cesari m., Ferrucci L, et al. associazione fra stato di vitamina D e la prestazione fisica: lo studio di InCHIANTI. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2007 aprile; 62(4): 440-6.

124. Pittas AG, Lau J, Hu FB, wson-Hughes B. Il ruolo della vitamina D e del calcio in diabete di tipo 2. Una rassegna e una meta-analisi sistematiche. J Clin Endocrinol Metab. 2007 giugno; 92(6): 2017-29.

125. Harris ss. Vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 1. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 323-5.

126. Chiu KC, CHU A, va VL, Saad MF. La ipovitaminosi D è associata con insulino-resistenza e beta disfunzione delle cellule. J Clin Nutr. 2004 maggio; 79(5): 820-5.

127. Hypponen E. Micronutrients ed il rischio del diabete di tipo 1: vitamina D, vitamina E e nicotinammide. Rev. 2004 di Nutr settembre; 62(9): 340-7.

128. Gysemans CA, Cardozo AK, Callewaert H, et al. 1,25-Dihydroxyvitamin D3 modula l'espressione dei chemokines e delle citochine in isolotti pancreatici: implicazioni per la prevenzione di diabete in topi diabetici nonobese. Endocrinologia. 2005 aprile; 146(4): 1956-64.

129. Hypponen E, Laara E, Reunanen A, SIG. di Jarvelin, Virtanen MP. Assunzione della vitamina D e rischio di diabete di tipo 1: uno studio del nascita-gruppo. Lancetta. 3 novembre 2001; 358(9292): 1500-3.

130. Vitamina D di Mosekilde L. e gli anziani. Clin Endocrinol (Oxf). 2005 marzo; 62(3): 265-81.

131. Carenza di vitamina D delle labbra P. e iperparatiroidismo secondario negli anziani: conseguenze per perdita dell'osso e fratture ed implicazioni terapeutiche. Rev. 2001 di Endocr agosto; 22(4): 477-501.

132. Harris ss, Soteriades E, Coolidge JA, Mudgal S, insufficienza di vitamina D di wson-Hughes B. e iperparatiroidismo in un reddito basso, popolazione multirazziale e anziana. J Clin Endocrinol Metab. 2000 novembre; 85(11): 4125-30.

133. Heaney RP. malattia di carenza di A lungo latenza: comprensioni da calcio e dalla vitamina D. Am.J Clin Nutr. 2003 novembre; 78(5): 912-9.

134. Chapuy MC, Pamphile R, Parigi E, et al. calcio combinato e completamento di vitamina D3 in donne anziane: conferma dell'inversione del rischio secondario di frattura dell'anca e di iperparatiroidismo: lo studio di Decalyos II. Osteoporos Int. 2002 marzo; 13(3): 257-64.

135. Lammert m., Friedman JM, Roth HJ, et al. carenza di vitamina D ha associato con il numero dei neurofibrome nella neurofibromatosi 1. J Med Genet. 2006 ottobre; 43(10): 810-3.

136. Kutuzova GD, HF di DeLuca. 1,25-Dihydroxyvitamin D3 regola i geni responsabili di disintossicazione in intestino. Toxicol Appl Pharmacol. 1° gennaio 2007; 218(1): 37-44.

137. CE di Hayes, la TA di Cantorna, HF di DeLuca. Vitamina D e sclerosi a placche. Med di biol di Proc Soc Exp. 1997 ottobre; 216(1): 21-7.

138. GM di Franklin, fattori di rischio di Nelson L. Environmental nella sclerosi a placche: cause, inneschi ed autonomia del paziente. Neurologia. 28 ottobre 2003; 61(8): 1032-4.

139. Chaudhuri A. Perché dovremmo offrire il completamento sistematico di vitamina D nella gravidanza e nell'infanzia per impedire la sclerosi a placche. Med Hypotheses. 2005;64(3):608-18.

140. BM di VanAmerongen, CD di Dijkstra, labbra P, Polman CH. Sclerosi a placche e vitamina D: un aggiornamento. EUR J Clin Nutr. 2004 agosto; 58(8): 1095-109.

141. Ms di Calvo, merlano SJ. Panoramica degli atti dal simposio sperimentale 2004 di biologia: insufficienza di vitamina D: un fattore di rischio significativo nelle malattie croniche ed in biomarcatori specifici di malattia potenziali della sufficienza di vitamina D. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 301-3.

142. Talalaj m., Kapitan-Malinowska B, Debski K, et al. un'amministrazione di 1 vitamina D3 alfa-OH ed il calcio impedisce la perdita di massa dell'osso in pazienti con carcinoma prostatico avanzato dopo orchidectomy curati con il blocco androgeno completo. Politico di Endokrynol. 2005 maggio; 56(3): 225-32.

143. Livelli di hydroxyvitamin D di Munger chilolitro, di Levin LI, di Hollis BW, di Howard NS, di Ascherio A. Serum 25 e rischio di sclerosi a placche. JAMA. 20 dicembre 2006; 296(23): 2832-8.

144. Parekh N, Chappell RJ, Millen EA, Albert dm, giumente JA. Associazione fra la vitamina D e la degenerazione maculare senile nella terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute, 1988 fino al 1994. Arco Ophthalmol. 2007 maggio; 125(5): 661-9.

145. Lehmann B. La via di vitamina D3 in pelle umana ed il suo ruolo per il regolamento dei processi biologici. Photochem Photobiol. 2005 novembre; 81(6): 1246-51.

146. Wolters M. Diet e psoriasi: dati sperimentali e prova clinica. Br J Dermatol. 2005 ottobre; 153(4): 706-14.

147. Broe KE, Chen TC, Weinberg J, et al. Una dose elevata della vitamina D riduce il rischio di cadute nei residenti della casa di cura: uno studio randomizzato e con dose multipla. Soc di J Geriatr. 2007 febbraio; 55(2): 234-9.

148. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2007_report_vitamind_01.html. 17 luglio 2007 raggiunto.

149. Holick MF. Luce solare e vitamina D per salute dell'osso e la prevenzione delle malattie autoimmuni, dei cancri e della malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1678S-88S.

150. Liu pinta, Stenger S, Li H, et al. l'avviamento del tipo di tributo del ricevitore di una vitamina D-ha mediato la risposta antimicrobica umana. Scienza. 24 marzo 2006; 311(5768): 1770-3.

151. Maggio E, Asadullah K, Zugel U. Immunoregulation con il dihydroxyvitamin 1,25 D3 ed i suoi analoghi. La droga di Curr mira all'allergia di Inflamm. 2004 dicembre; 3(4): 377-93.

152. furgone EE, Mathieu C. Immunoregulation dal dihydroxyvitamin 1,25 D3: concetti di base. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 ottobre; 97 (1-2): 93-101.

153. Cannell JJ, Vieth R, Umhau JC, et al. influenza epidemica e vitamina D. Epidemiol Infect. 2006 dicembre; 134(6): 1129-40.

154. Quesada JM, Serrano I, effetto di Borrego F, et al. di Calcitriol sulle cellule di uccisore naturali dagli oggetti hemodialyzed e normali. Tessuto Int di Calcif. 1995 febbraio; 56(2): 113-7.

155. PE di Amento. Vitamina D ed il sistema immunitario. Steroidi. 1987 gennaio; 49 (1-3): 55-72.

156. CE di Hayes, Fe di Nashold, Spach chilometro, Pedersen libbra. Le funzioni immunologiche del sistema endocrino di vitamina D. Cellula Mol Biol (. - le-grande rumoroso). 2003 marzo; 49(2): 277-300.

157. Heaney RP, Davies chilometro, Chen TC, Holick MF, Barger-lux MJ. Risposta umana di hydroxycholecalciferol del siero 25 al dosaggio orale esteso con il colecalciferolo. J Clin Nutr. 2003 gennaio; 77(1): 204-10.

158. Meier C, Woitge HW, Witte K, Lemmer B, Seibel MJ. Il completamento con il vitamina D3 ed il calcio orali durante l'inverno impedisce la perdita stagionale dell'osso: una prova futura dell'aperto etichetta controllata randomizzata. Minatore Res dell'osso di J. 2004 agosto; 19(8): 1221-30.

159. WB di Grant. Una stima di mortalità prematura del cancro negli Stati Uniti dovuto le dosi insufficienti di radiazione ultravioletta-b solare. Cancro. 15 marzo 2002; 94(6): 1867-75.

160. Hoyert DL, mp dell'airone, Murphy SL, Kung HC. Morti: dati finali per 2003. Vital Stat Rep nazionale. 19 aprile 2006; 54(13): 1-120.

161. Holick MF. Vitamina D: importante per la prevenzione di osteoporosi, della malattia cardiaca cardiovascolare, del diabete di tipo 1, delle malattie autoimmuni e di alcuni cancri. Med del sud J. 2005 ottobre; 98(10): 1024-7.

162. Miggiano GA, Gagliardi L. Diet, nutrizione ed artrite reumatoide. Clin Ter. 2005 maggio; 156(3): 115-23.

163. Plotnikoff GA, Quigley JM. Prevalenza della ipovitaminosi severa D in pazienti con dolore osteomuscolare persistente e non specifico. Mayo Clin Proc. 2003 dicembre; 78(12): 1463-70.

164. Calcio dietetico di Liu S, di canzone Y, di Ford es et al., vitamina D e la prevalenza della sindrome metabolica negli Stati Uniti di mezza età e più vecchi. donne. Cura del diabete. 2005 dicembre; 28(12): 2926-32.

165. Sanz J, Moreno PR, Fuster V. Update sugli avanzamenti in aterotrombosi. Nat Clin Pract Cardiovasc Med. 2007 febbraio; 4(2): 78-89.

166. de Ferranti SD, proteina C-reattiva di Rifai N.: un indicatore non tradizionale del siero del rischio cardiovascolare. Cardiovasc Pathol. 2007 gennaio; 16(1): 14-21.

167. Witte KK, Nikitin NP, CA di Parker, et al. L'effetto del completamento del micronutriente su qualità della vita e funzione ventricolare lasciata in pazienti anziani con infarto cronico. Cuore J. 2005 di EUR novembre; 26(21): 2238-44.

168. Schleithoff ss, Zittermann A, Tenderich G, et al. il completamento di vitamina D migliora i profili di citochina in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: una prova alla cieca, prova randomizzata e controllata con placebo. J Clin Nutr. 2006 aprile; 83(4): 754-9.

169. Marniemi J, Alanen E, Impivaara O, et al. dietetico e vitamine e minerali del siero come i preannunciatori di infarto miocardico e colpo negli oggetti anziani. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2005 giugno; 15(3): 188-97.

170. Disponibile a: http://www.cdc.gov/vaccines/events/polio-vacc-50th/timeline.htm. 17 luglio 2007 raggiunto.

171. Binkley N, Novotny R, Krueger D, et al. stato basso di vitamina D malgrado esposizione abbondante del sole. J Clin Endocrinol Metab. 2007 giugno; 92(6): 2130-35.

172. Barger-lux MJ, Heaney RP, Dowell S, Chen TC, Holick MF. Vitamina D ed i suoi metaboliti importanti: il siero livella dopo il dosaggio orale classificato negli uomini in buona salute. Osteoporos Int. 1998;8(3):222-30.

173. Byrne PM, Freaney R, McKenna MJ. Completamento di vitamina D negli anziani: rassegna di sicurezza e di efficacia dei regimi differenti. Tessuto Int di Calcif. 1995 giugno; 56(6): 518-20.

174. Vitamina D e prevenzione delle malattie di Zittermann A. con particolare riferimento alla malattia cardiovascolare. Prog Biophys Mol Biol. 2006 settembre; 92(1): 39-48.

175. Vieth R, Bischoff-Ferrari H, Boucher BJ, et al. Il bisogno urgente di raccomandare un'assunzione della vitamina D che è efficace. J Clin Nutr. 2007 marzo; 85(3): 649-50.