Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2007
Rapporto

Depressione di combattimento e cognizione migliorare con gli acidi grassi Omega-3


Da Laurie Barclay, MD

Benefici di Omega-3s nella gravidanza

All'altro estremo dello spettro dell'età, mangiare i frutti di mare durante la gravidanza è collegato per migliorare i risultati neurodevelopmental nell'infanzia. In parte, questi risultati erano inattesi, dato le preoccupazioni circa danno potenziale al bambino dal contenuto del mercurio in un certo pesce. I ricercatori hanno valutato i dati da 11.875 donne incinte che partecipano allo studio longitudinale di Avon dei genitori e dei bambini.19

Sorprendente, le donne che hanno seguito la raccomandazione del loro medico limitare la loro assunzione dei frutti di mare durante la gravidanza a 340 grammi di settimanale hanno avute un rischio maggior 48% che i loro bambini sarebbero stati nel quarto più basso dei punteggi verbali di quoziente d'intelligenza, rispetto alle madri che hanno mangiato settimanale più di 340 grammi di pesce. Le madri che hanno mangiato meno frutti di mare inoltre hanno avute un maggior rischio che i loro bambini avrebbero avuti problemi con comportamento sociale, capacità motorie, la comunicazione e lo sviluppo sociale.

Traducendo questi risultati agli studi clinici, i ricercatori all'università di Australia occidentale hanno assegnato a caso 98 donne incinte per ricevere l'olio di pesce ad alta dose (2200 mg DHA più mg 1100 EPA quotidiano) o il placebo (olio d'oliva) a partire da 20 settimane della gravidanza fino alla consegna. Nè le donne nè gli scienziati hanno conosciuto quali donne sono state assegnate all'olio di pesce finché lo studio non fosse completo.20

Sebbene i bambini in entrambi i gruppi abbiano simili tassi di crescita a 2,5 anni, quelli di cui le madri hanno ricevuto l'olio di pesce durante la gravidanza hanno avuti coordinazione significativamente migliore della occhio-mano.

I benefici di omega-3 inoltre estendere agli infanti sopportati prematuramente. Sono stati trovati per avere livelli in diminuzione di DHA in corteccia del cervello. Sia gli infanti di termine che prematuri alimentati DHA hanno migliorato l'acuità visiva corticale ed i risultati conoscitivi.21 infatti, alcune formule infantili ora sono arricchite con gli acidi grassi omega-3 in risposta alle raccomandazioni che incinto e le donne di professione d'infermiera mantengono un'ingestione dietetica adeguata di DHA per soddisfare le loro proprie esigenze aumentate come pure quelli del feto o dell'infante.22

Quanto è abbastanza?

L'ossessione dell'America con magrezza durante le tre decadi scorse ci ha condotti a respingere tutti i grassi dietetici, compreso gli acidi grassi utili omega-3 quali EPA e DHA. Il risultato è stato un'onda di marea della depressione, del deficit di attenzione/del disordine dell'iperattività (ADHD) e di altre diagnosi psichiatriche.23,24 che l'incidenza della depressione ha scalato più su con ogni decade del XX secolo, come hanno spese sanitarie per i farmaci antidepressivi e l'altro trattamento di salute mentale.25

In Nord America oggi, l'assunzione quotidiana di media di EPA più DHA è soltanto 130 mg, l'a corto di lontano di caduta gli acidi grassi totali 1000-2000 di mg quotidiano omega-3 ha raccomandato da alcuni clinici per salute ottimale, l'umore e funzione conoscitiva. Sulla base dei test clinici, i dosaggi di mg 1000-4000 possono offrire i benefici massimi per quelli con l'umore depresso.26

“Sebbene il meccanismo preciso di azione sia ancora sconosciuto, raccogliendo la prova suggerisce che il quotidiano 1000-2000 di mg di EPA possa essere utile nel trattamento di delicato da moderare la depressione,„ il Dott. Yamina Osher, autore principale di un esame recente di 12 test clinici di PUFAs nella depressione, nel disturbo bipolare ed in altri disturbi dell'umore27 e un membro della facoltà delle scienze di salute a Ben Gurion University in birra Sheva, Israele, dice il prolungamento della vita.

Ulteriore ricerca

I ricercatori attualmente stanno studiando se una dieta carente in acidi grassi essenziali omega-3 aumenta il rischio per la depressione, l'aggressione ed il suicidio connesso con alcolismo. Gli scienziati stanno paragonando l'effetto degli acidi grassi omega-3 a quello di placebo in alcoolizzati aggressivi, in donne con la depressione durante la gravidanza e in attempters di suicidio.

I benefici terapeutici supplementari stanno esplorandi, compreso l'uso di omega-3 nel disturbo da deficit di attenzione e nell'autismo, ma c'è prova ancora insufficiente su cui basare le precise conclusioni.

Altri esami recenti della ricerca hanno notato l'esigenza dei test clinici ben controllato.28-32

Implicazioni per il trattamento

Malgrado questa immagine non finita, il comitato della ricerca sui trattamenti psichiatrici dell'associazione psichiatrica americana ha invitato gli scienziati a partecipare al sottocomitato degli acidi grassi Omega-3. Questo gruppo di esperti riunito nel 2006 agli studi pubblicati esame ed ai presenti alle riunioni scientifiche che hanno valutato l'effetto degli acidi grassi omega-3 nel disturbo depressivo, nel disturbo bipolare, nella schizofrenia, nella demenza, nel disturbo borderline di personalità e in impulsivity principali e a ADHD.

Le loro conclusioni, che sono state approvate da tre comitati separati dell'associazione psichiatrica americana, hanno dichiarato che gli studi basati sulla popolazione e gli studi del tessuto sostengono un effetto protettivo dell'assunzione essenziale dell'acido grasso omega-3, specialmente di EPA e di DHA, nei disturbi dell'umore. Un esame delle prove controllate randomizzate ha mostrato i rischi trascurabili e un beneficio statisticamente significativo di acidi grassi omega-3 sia nella depressione di maggiore che nella depressione bipolare, con meno prova del beneficio nella schizofrenia.33,34

“La prova suggerisce che gli acidi grassi omega-3 siano importanti per la funzione ottimale del cervello e di sanità,„ Marlene P. Freeman, il MD, autore principale dell'esame psichiatrico americano di associazione, dice il prolungamento della vita. “In alcuni studi, ricercatori hanno dimostrato un effetto benefico degli acidi grassi omega-3 sui disturbi dell'umore e la più ricerca è in corso. Gli individui con i disordini seri di salute mentale dovrebbero ricevere una valutazione completa e conoscere sempre le loro opzioni del trattamento.„

“Come professionisti, incoraggiamo chiunque con la depressione o altri disordini per ottenere il primo soccorso che meritano,„ dice il Dott. Freeman, che è inoltre direttore del programma di salute mentale delle donne e professore associato della psichiatria, dell'ostetricia e della ginecologia e le scienze nutrizionali all'università di istituto universitario di Arizona di medicina. Conclude, “gli acidi grassi Omega-3 possono essere una parte importante del trattamento di alcuni disturbi psichiatrici ed attualmente ricercatori stanno capendo dove vanno d'accordo al trattamento. Possono essere un efficace trattamento per alcuni individui, con i benefici medici importanti.„

Interazioni

Gli acidi grassi Omega-3 dall'olio di pesce possono avere effetti antitrombotici. Gli individui che hanno disordini dell'emorragia e quelli che prendono il warfarin (Coumadin®) dovrebbero usare soltanto l'olio di pesce in consultazione con un medico.35

Conclusione

Essenziale per la struttura del cervello e la funzione sane, gli acidi grassi omega-3 può essere critico per il mantenimento dell'umore sano e la conservazione dell'emergenza mentale alla baia. Questi acidi grassi potenti sono essenziali in tutto l'vita aiuto assicurano lo sviluppo sano del cervello in infanti, mantenendo un umore sano nell'età adulta e proteggendo il cervello di invecchiamento dal declino e dalla demenza conoscitivi. L'ottimizzazione della vostra assunzione degli acidi grassi omega-3 è non solo essenziale per un corpo sano, ma anche per una mente sana.

Se avete qualunque domande circa il contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego uno dei nostri consulenti di salute a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Olio di pesce di Assisi A, di Banzi R, di Buonocore C, et al. e salute mentale: il ruolo degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga n-3 nello sviluppo e nei disturbi neurologici conoscitivi. Int Clin Psychopharmacol. 2006 novembre; 21(6): 319-36.

2. MB di Raeder, Steen VM, Se di Vollset, Bjelland I. Associations fra uso dell'olio di fegato di merluzzo ed i sintomi della depressione: Lo studio di salute di Hordaland. Influenza Disord di J. 18 dicembre 2006.

3. Frangou S, Lewis m., McCrone P. Efficacy di acido etile-eicosapentanoico nella depressione bipolare: studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata. Psichiatria del Br J. 2006 gennaio; 188:46-50.

4. Peet m., Horrobin DF. Uno studio digamma sugli effetti di etile-eicosapentaenoate in pazienti con la depressione in corso malgrado il trattamento apparentemente adeguato con le droghe standard. Arco Gen Psychiatry. 2002 ottobre; 59(10): 913-9.

5. Hallahan B, JUNIOR di Hibbeln, Davis JM, sig. della ghirlanda. Completamento dell'acido grasso Omega-3 in pazienti con autolesionismo ricorrente. prova controllata randomizzata della prova alla cieca del Unico centro. Psichiatria del Br J. 2007 febbraio; 190:118-22.

6. Nieminen LR, Makino KK, Mehta N, et al. relazione fra gli acidi grassi omega-3 e steroidi neuroattivi del plasma nell'alcolismo, nella depressione e nei comandi. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2006 ottobre; 75 (4-5): 309-14.

7. BM di Ross. La carenza dell'acido grasso Omega-3 nel disturbo depressivo principale è causata dall'interazione fra la dieta e un'anomalia geneticamente risoluta nel metabolismo dei fosfolipidi. Med Hypotheses. 2007;68(3):515-24.

8. Bourre JM. Effetti delle sostanze nutrienti (in alimento) sulla struttura e sulla funzione del sistema nervoso: aggiornamento sui requisiti dietetici del cervello. Parte 2: macronutrienti. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2006 settembre; 10(5): 386-99.

9. Conklin MP, Harris JI, SB di Manuck, et al. acidi grassi del siero omega-3 è associato con la variazione nell'umore, nella personalità e nel comportamento nei volontari ipercolesterolemici della comunità. Ricerca di psichiatria. 30 luglio 2007; 152(1): 1-10.

10. Conklin MP, SB di Manuck, Yao JK, JUNIOR di Hibbeln, Flory JD, Muldoon MF. Gli acidi grassi polinsaturi del fosfolipide del siero sono associati con l'umore, il comportamento e la personalità negli adulti in buona salute della comunità. Riunione annuale psicosomatica americana della società, marzo 2007, Budapest, Ungheria, estratto 1718.

11. Conklin MP, Gianaros PJ, Brown MP, et al. assunzione a catena lunga dell'acido grasso omega-3 è associato positivamente con il volume corticolimbic della materia grigia in adulti in buona salute. Neurosci Lett. 29 giugno 2007; 421(3): 209-12.

12. McNamara RK, Hahn CG, Jandacek R, et al. deficit selettivi nell'acido docosaesaenoico dell'acido grasso omega-3 nella corteccia orbitofrontal post mortem dei pazienti con disturbo depressivo principale. Psichiatria di biol. 21 dicembre 2006.

13. Muldoon MF, Conklin S, Ryan cm, Yao J, Hibbeln J, SB di Manuck. La funzione conoscitiva e l'acido grasso omega-6 e omega-3 equilibrano. Riunione annuale psicosomatica americana della società, marzo 2007, Budapest, Ungheria, astratta.

14. van Gelder BM, Tijhuis m., Kalmijn S, consumo di pesce di Kromhout D., acidi grassi n-3 e un declino conoscitivo successivo di 5 y in uomini anziani: lo studio degli anziani di Zutphen. J Clin Nutr. 2007 aprile; 85(4): 1142-7.

15. Pinilla FG. L'impatto della dieta e dell'esercizio su plasticità e sulla malattia del cervello. Salute di Nutr. 2006;18(3):277-84.

16. GM delle Cole, Frautschy SA. L'acido docosaesaenoico protegge da amiloide e da patologia dentritica in un modello del topo del morbo di Alzheimer. Salute di Nutr. 2006;18(3):249-59.

17. Saugstad LF. Sono il disordine neurodegenerative e le manifestazioni psicotiche disfunzioni evitabili del cervello con omega-3 dietetico adeguato? Salute di Nutr. 2006;18(2):89-101.

18. Freund-Levi Y, Eriksdotter-Jonhagen m., Cederholm T, et al. trattamento dell'acido grasso Omega-3 in 174 pazienti con delicato per moderare morbo di Aalzheimer: Studio di OmegAD: uno studio in doppio cieco randomizzato. Arco Neurol. 2006 ottobre; 63(10): 1402-8.

19. JUNIOR di Hibbeln, Davis JM, manzo C, et al. consumo materno dei frutti di mare nella gravidanza e risultati neurodevelopmental nell'infanzia (studio di ALSPAC): uno studio di gruppo d'osservazione. Lancetta. 17 febbraio 2007; 369(9561): 578-85.

20. Dunstan JA, Simmer K, Dixon G, Prescott SL. Valutazione conoscitiva a 21/2 di anno che segue completamento dell'olio di pesce nella gravidanza: una prova controllata randomizzata. Bambino Ed neonatale fetale dell'arco DIS. 21 dicembre 2006.

21. McNamara RK, Se di Carlson. Ruolo degli acidi grassi omega-3 nello sviluppo e nella funzione del cervello: implicazioni potenziali per la patogenesi e la prevenzione di psicopatologia. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2006 ottobre; 75 (4-5): 329-49.

22. Vidailhet M. Omega 3: c'è una situazione della carenza in bambini piccoli? Arco Pediatr. 2007 gennaio; 14(1): 116-23.

23. KA di Bruinsma, Taren DL. Essere a dieta, assunzione essenziale dell'acido grasso e depressione. Rev. 2000 di Nutr aprile; 58(4): 98-108.

24. I pozzi COME, hanno letto il nanowatt, Laugharne JD, Ahluwalia NS. Alterazioni nell'umore dopo il cambiamento ad una dieta a bassa percentuale di grassi. Br J Nutr. 1998 gennaio; 79(1): 23-30.

25. Weissman millimetro, Klerman GL. Depressione: comprensione corrente e tendenze cambianti. Annu Rev Public Health .1992; 13:319-39.

26. CA di Logan. Acidi grassi Omega-3 e depressione principale: un iniettore per il professionista di salute mentale. Salute DIS dei lipidi. 9 novembre 2004; 325.

27. Osher Y, RH di Belmaker, test clinici di Nemets B. di PUFAs nella depressione: Stato dell'arte. Psichiatria di biol del mondo J. 2006;7(4):223-30.

28. Appleton chilometro, Hayward RC, Gunnell D, et al. effetti degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga n-3 sull'umore depresso: rassegna sistematica delle prove pubblicate. J Clin Nutr. 2006 dicembre; 84(6): 1308-16.

29. PE di Holtzheimer, III e CB di Nemeroff. Trattamenti emergenti per la depressione. Esperto Opin Pharmacother. 2006 dicembre; 7(17): 2323-39.

30. Jorm AF, Allen N.B.:, O'Donnell CP, et al. efficacia dei trattamenti di autonomia e complementari per la depressione in bambini ed in adolescenti. Med J Aust. 2 ottobre 2006; 185(7): 368-72.

31. PE di Keck, Jr., Mintz J, McElroy SL, et al. prova alla cieca, prove randomizzate e controllate con placebo di etile-eicosapentanoate nel trattamento della depressione bipolare e del disturbo bipolare di riciclaggio della rapida. Psichiatria di biol. 1° novembre 2006; 60(9): 1020-2.

32. van Strater AC, Bouvy PF. Acidi grassi Omega-3 nel trattamento dei disordini affettivi: una panoramica della letteratura. Tijdschr Psychiatr. 2007;49(2):85-94.

33. Mp di Freeman, JUNIOR di Hibbeln, Wisner chilolitro, et al. acidi grassi Omega-3: provi la base per la ricerca di futuro e del trattamento in psichiatria. Psichiatria di J Clin. 2006 dicembre; 67(12): 1954-67.

34. Mp di Freeman. Acidi grassi Omega-3 e depressione perinatale: una rassegna della letteratura e delle raccomandazioni per ricerca futura. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2006 ottobre; 75 (4-5): 291-7.

35. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drug_info/nmdrugprofiles/nutsupdrugs/fis_0106.shtml. 19 luglio 2007 raggiunto.