Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2007
immagine

Il ruolo cruciale della d della vitamina nella protezione cardiovascolare

Da William Davis, MD

gli adulti Salute consapevoli controllano regolarmente il loro rischio cardiovascolare fattore-tale come colesterolo, glucosio ed omocisteina-nell'ordine per ridurre il loro rischio di debilitazione della malattia cardiovascolare. Ora, la nuova ricerca intrigante suggerisce che la vitamina D possa svolgere un ruolo essenziale eppure trascurato nell'evitare la malattia cardiaca. La carenza di vitamina D può finalmente aggiungersi alla lista delle cause che contribuiscono ai disturbi cardiovascolari.

Un corpo crescente della ricerca indica che la carenza di vitamina D contribuisce ad una vasta gamma di termini quali ipertensione, la sensibilità difficile dell'insulina, l'infiammazione ed altri processi fondamentali che sono alla base della malattia cardiaca.

In modo allarmante, la carenza di vitamina D è in tutto popolazione-colpire estremamente comune il più della metà degli adulti e della maggior parte degli anziani.1

In questo articolo, esploreremo l'epidemia della carenza di vitamina D, i suoi effetti nocivi su salute cardiovascolare e al corpo intero e come potete proteggerti mantenendo i livelli ematici sani di vitamina D.

Se cercate “il fattore di rischio coronarico„ in qualunque manuale medico standard, troverete una lista che include ricco in colesterolo, lo stile di vita del diabete, l'obesità e l'ipertensione di fumo e sedentari. Tuttavia, lo stato di vitamina D non è elencato. Forse troverete la vitamina D nella lista dei rischi per il rachitismo e l'osteoporosi di infanzia in femmine. Ma un fattore di rischio coronarico? Non lo vederete.

I nuovi dati, tuttavia, stanno suggerendo un intero nuovo pannello degli effetti sulla salute precedentemente insospettati per questa vitamina poco apprezzata. Può, infatti, essere una sostanza nutriente cruciale che svolge un ruolo centrale nella prevenzione della coronaropatia.

“La carenza di vitamina D e le sue conseguenze sono estremamente sottili, ma hanno le sanità e malattia enormi di implicationsfor. È per questo motivo che la carenza di vitamina D continua a andare non riconosciuta da una maggioranza dei professionisti di sanità.„

— Dott. Michael Holick, università di Boston

Carenza di vitamina D: Un'epidemia moderna

La dieta difficile, gli stili di vita sedentari ed i programmi stressanti hanno contribuito all'odierna epidemia della malattia cardiovascolare. Interessante, i fattori di stile di vita e dietetici inoltre sono collegati con un altro potenzialmente pericoloso e possibilmente sono collegati epidemia-che della carenza di vitamina D.

La pelle umana è ricca con la pre-vitamina latente D, che è attivata da luce solare. Gli esseri umani sono destinati per ottenere la vitamina D con esposizione alla luce solare. La vitamina D non è contenuta in una maniera sensibile in alimento, né era ha significato essere ottenuto attraverso assunzione orale. Ma durante i secoli, la gente ha migrato ai climi più freddi e Sun-sfavoriti, lavora all'interno in uffici o le fabbriche, il viaggio in macchina, l'esercizio in palestre piuttosto che all'aperto e l'usura copre che coprono tutti solo 5% di area del corpo. Infatti, anche gli adulti che vivono a Miami soleggiata sono probabili essere carenti in vitamina D per almeno la parte dell'anno.L'assunzione orale 2 della vitamina D è diventato necessaria come stili di vita sviluppati esseri umani che comprendono sempre meno l'esposizione del sole. Aggiunga a questa la fobia del sole promossa dai dermatologi che ci consigliano che che l'esposizione del sole causa il cancro di pelle e la maggior parte di noi terribile Sun-sono privati e quindi incapace di attivare la vitamina D.

Ci sono poche fonti dietetiche di vitamina D. Un bicchiere di latte da otto once contiene 100 IU, sebbene questo sia spesso contradditorio.Altri 3,4 prodotti lattier-caseario, come formaggio e yogurt, tendono ad avere poca o nessuna vitamina D aggiunta. Il pesce oleoso come il salmone, lo sgombro e le sardine contengono la vitamina D di 200-360 IU per servizio da 3,5 once. Molti cereali da prima colazione contengono 40-100 IU per servizio.1 malgrado questa, molta gente non riesce ad ottenere neppure l'assunzione “adeguata„ modesta ogni giorno. I vegetariani rigorosi e gli individui intolleranti al lattosio sono particolarmente probabili essere sostanzialmente vitamina D carente.Altre 5 genti ad ad alto rischio per la carenza di vitamina D includono: gli anziani, che convertono meno vitamina D con esposizione alla luce solare hanno confrontato ai giovani; l'obeso; ed individui dalla carnagione scura, dovuto il contenuto elevato della pelle della melanina.4,6

Vitamina D e rischio coronario: Che cosa dovete conoscere
  • Notando quella gente che vivono nei climi nordici avverta più attacchi di cuore, scienziati ha cominciato a studiare la relazione fra la vitamina D e la malattia cardiaca. La prova crescente ora suggerisce che i bassi livelli di vitamina D possano rappresentare un contributore significativo ma poco noto alla malattia cardiaca.

  • La vitamina D è prodotta nella pelle in risposta ad esposizione alla luce solare. Gli importi modesti della vitamina D sono disponibili in alimenti quali i prodotti lattier-caseario, i cereali da prima colazione oleosi e del pesce.

  • Molti adulti non riescono a consumare l'assunzione adeguata raccomandata della carenza di vitamina D della vitamina D. è particolarmente diffusi in adulti anziani e coloro che passa poco tempo al sole.

  • Gli studi suggeriscono che l'assunzione adeguata raccomandata della vitamina D sia troppo minimo lontano. Molti esperti in salute ora consigliano gli adulti di completare con 1.000 IU o più ogni giorno.

  • La misurazione dei livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D è cruciale da individuare la carenza e controllare gli effetti del completamento di vitamina D. Gli scienziati consigliano gli adulti di raggiungere un livello ematico minimo di 30 ng/ml 25 della idrossilato-vitamina D ed alcuni studi suggeriscono che ancora i livelli elevati siano consigliabili.

  • La carenza di vitamina D contribuisce ad ipertensione, il diabete ed infiammazione-tutto di cui rischio cardiovascolare di aumento. I bassi livelli di vitamina D sono stati notati nelle vittime ed in quelle di attacco di cuore con aterosclerosi e possono contribuire al rischio cardiovascolare elevato che accompagna la malattia renale.

  • I livelli ottimali di vitamina D possono proteggere dai termini quali la sclerosi a placche, il cancro, l'influenza e le fratture.

  • L'assicurazione dei livelli ematici ottimali di vitamina D può rappresentare una componente chiave di una strategia per impedire e trattare la malattia coronarica.

Raccomandazioni basate su romanzo, non fatti di vitamina D

Nel 1963, quando l'istituto di medicina ha disegnato l'indennità giornaliera raccomandata (RDA) per la vitamina D, non c'erano letteralmente dati scientifici disponibili contribuire a determinare i requisiti di salute ottimale. Era chiaro, tuttavia, che la vitamina D era un ingrediente necessario per salute, poiché bambini che non sono riuscito a ricevere almeno 300-400 IU al giorno, completati solitamente come il petrolio del fegato di merluzzo, “le gambe di arco sviluppate,„ o rachitismo, dovuto maturazione anormale dell'osso nelle gambe. Ma la dose di vitamina D raccomandata per gli adulti era puro-e evidentemente-montaggio. È stato basato su una malattia modello-che è, il pensiero di quantità per impedire il rachitismo, piuttosto che l'importo stato necessario per promuovere la salute ottimale, che può essere ben maggior.

“La base per le raccomandazioni adulte di vitamina D [era] arbitrarie. Trentasei anni fa, un comitato di esperti per la vitamina D potrebbe fornire soltanto il contributo aneddotico a cui si è riferito come “l'ipotesi di piccolo requisito„ della vitamina D in adulti e di ha raccomandato a metà della dose infantile, per assicurarsi appena che gli adulti ottenessero alcuno dalla dieta.„

— Dott. Reinhold Vieth University di Toronto

Negli anni 60, la sola conseguenza conosciuta della carenza di vitamina D in adulti era l'osteomalacia, una forma di ammorbidire dell'osso. Un'amministrazione di 200 IU al giorno della vitamina D doveva abbastanza appena impedire l'osteomalacia. La ricerca più recente di vitamina D, tuttavia, ha scoperto il fatto che l'esposizione ad appena 10-20 minuti di luce solare ha reso l'equivalente del livello ematico di 10.000 unità della vitamina D prese oralmente.7 perché la fonte naturale-progettata di vitamina D rendono i livelli molto al di là di quello specificati dal RDA?

La speculazione si è sviluppata che il vero requisito di vitamina D di salute era molto più del RDA in assenza di esposizione alla luce solare sostanziale. Gli studi intrapresi durante i periodi invernali a Omaha, Nebraska, in uomini adulti in buona salute hanno indicato che i partecipanti hanno utilizzato 3000-5000 unità internazionali della vitamina D al giorno per mantenere un livello ematico costante di vitamina D. I ricercatori hanno concluso che il RDA corrente era insufficiente soddisfare queste richieste.8 raccomandazioni governo pubblicate basse dell'assunzione di vitamina D, con la privazione di luce solare, quindi ha provocato una nazione che è spaventoso carente in sostanza nutriente cruciale.

L'indagine successiva facendo uso dei livelli ematici di vitamina D ha scoperto la prevalenza straordinaria della carenza. Uno studio di 1500 donne che ricevono il trattamento per osteoporosi ha indicato che 52% dei partecipanti erano carenti (<30 hydroxyvitamin di ng/ml 25 D); e 18% erano severamente carenti (<20 hydroxyvitamin di ng/ml 25 D).9 la probabilità della carenza di vitamina D variano da un minimo di 36% in adulti in buona salute 18-29 anni, a 57% di una popolazione adulta generale negli Stati Uniti, a fino a 100% negli anziani.1 a nord di 37 gradi di latitudine (approssimativamente una linea Norfolk, la Virginia orizzontalmente di collegamento disegnate, a San Francisco, a California), la luce solare è insufficiente per avviare la conversione di vitamina D nell'inverno months.10 che vive in un clima del sud non è garanzia che la carenza non accadrà. Gli studi intrapresi a Miami, Florida hanno indicato che circa 40% di 212 adulti erano carenti in inverno, con un miglioramento modesto nell'estate.2

Luce solare, vitamina D e attacco di cuore

Il Nord che più estremo vivete, più probabilmente soffrirete un attacco di cuore.11 che l'osservazione curiosa ha condotto al sospetto che la vitamina D può essere collegata in qualche modo con lo sviluppo della malattia cardiaca. Suggerisce che l'esposizione alla luce solare possa fornire in qualche modo un effetto protettivo, forse con la vitamina D. L'eccezione notevole a questo modello è gli eschimesi, che mangiano un gran quantità di pesce oleoso, una fonte ricca di vitamina D e gli acidi grassi omega-3.

Un suggerimento iniziale che la carenza della vitamina D potrebbe essere dietro la malattia cardiaca è venuto da uno studio della Nuova Zelanda di 179 persone che presenta con gli attacchi di cuore. Vittime di attacco di cuore rivelate avere più bassi livelli ematici di vitamina D (25-hydroxyvitamin D) ha confrontato alla gente senza attacchi di cuore.12

Un'osservazione della conferma è emerso dall'analisi della base di dati enorme di 259.891 attacco di cuore mantenuto dalla registrazione nazionale di infarto miocardico. In questa tabulazione nazionale, gli attacchi di cuore si sono sollevati da 53% durante i periodi invernali Sun-sfavoriti confrontati all'estate.Ulteriore conferma 13 è venuto dalle osservazioni nei climi subtropicali, dove il sole intenso splende annuale e la variazione stagionale nei tassi d'attacco di attacco di cuore non accade.14 a differenza di vaste gamme in freddo o caldo trovato nelle regioni temperate, il clima caldo di una regione subtropicale non colpisce la frequenza degli attacchi di cuore.

Se la vitamina D effettivamente è collegata con il rischio della malattia cardiaca, quindi inoltre penseremmo vedere meno attacchi di cuore nei climi soleggiati e più attacchi di cuore nei climi più freschi. Effettivamente, uno studio esauriente svolto dal Dott. David Grimes ed i colleghi all'infermeria reale di Blackburn in Inghilterra hanno dimostrato una relazione mondiale coerente fra esposizione alla luce solare e la malattia cardiaca: il più estremo Nord nella latitudine, più attacchi di cuore ha accaduto.11 il Dott. Grimes ed altri ha suggerito che la vitamina D attivata da luce solare fosse dietro il rischio riduttore di malattia cardiaca.

Salute-promozione degli effetti della vitamina D

La vitamina D ha implicazioni ampie che estendono molto al di là della promozione della salute dell'osso. In questi ultimi 40 anni, la ricerca ha fatto luce sulle vie d'intersezione della vitamina D e su molti altri aspetti di salute. Fra la d della vitamina le funzioni cruciali nel corpo sono:

  • Normalizzazione della pressione sanguigna. La gente carente in vitamina D è molto più probabile avere ipertensione.Il trattamento 15,16 con la vitamina D ed il calcio abbassa significativamente la pressione sanguigna sistolica.15 vitamine D probabilmente esercita questo effetto sopprimendo l'espressione della renina dell'ormone di pressione sanguigna.32

  • Effetti antinfiammatori. La vitamina D sembra avere un effetto potente sulla riduzione dell'infiammazione, come misurato da proteina C-reattiva (CRP). Le riduzioni drammatiche di CRP sono state documentate. Al contrario, i farmaci di statina possono produrre soltanto le diminuzioni modeste nei livelli di CRP.17

  • Effetti antidiabetici. Il diabete è più prevalente in individui con i bassi livelli di vitamina D del siero.L'amministrazione di vitamina D 22 riduce la glicemia ed aumenta la sensibilità ad insulina. Il miglioramento nella sensibilità dell'insulina è associato con una cascata dei benefici, compreso un rischio in diminuzione di sviluppare il diabete completo.18

  • Chemoprevention. La vitamina D ha dimostrato gli effetti Cancro-preventivi potenti nelle preparazioni sperimentali ed animali ed in esseri umani.7 uno studio recente hanno indicato che completare con la vitamina D ed il calcio ha ridotto l'incidenza di tutti i tipi di cancri in donne postmenopausali.33

  • Prevenzione di osteoporosi. La vitamina D è trascurata irritato in questa area. Le donne sono farmaci da vendere su ricetta medica costosi prescritti che costano le centinaia di dollari al mese, eppure sono carenti in vitamina D, un fattore cruciale nella salute dell'osso. La sostituzione ai livelli sani aumenta sostanzialmente la densità ossea più efficacemente del completamento del calcio. L'assorbimento intestinale di calcio è ingrandetto considerevolmente quando la vitamina D sufficiente è presente.34,35

  • Prevenzione delle fratture di sforzo. Anche i giovani con un'età media di 19 sono stati indicati per sperimentare più fratture di sforzo quando i livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D erano bassi.36

  • Prevenzione della sclerosi a placche. La carenza di vitamina D è stata collegata ad una probabilità aumentata di sviluppare questo disturbo neurologico debilitante in individui leggero-pelati; la correlazione fra stato difficile di vitamina D e la sclerosi a placche non ha sostenuto in popolazioni afroamericane o ispane.37 scienziati ritengono che l'intervento concreto degli aiuti di vitamina D eviti il multiplo sclerosi-che è considerato un autoimmune malattia-selettivamente dal regolamento del sistema immunitario.

  • Potenziamento immune. Si noti che le epidemie di influenza sono più comuni nei periodi invernali, gli scienziati hanno proposto che i bassi livelli di vitamina D potessero predisporre gli individui a soccombere a queste infezioni respiratorie potenzialmente pericolose.38

La mia clinica inoltre consiglia che i pazienti consumano l'olio di pesce ad una dose minima di 4000 mg/giorno (che contengono mg 1200 di acido e di acido docosaesaenoico eicosapentenic), con L-arginina (mg 3000-6000 due volte al giorno) per sostenere la salute endoteliale.

Infine, solleviamo i livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D a 50 ng/ml (125 nmol/L) facendo uso del completamento di vitamina D. La maggior parte della gente (nel Midwest del Nord) richiede 2000-4000 IU al giorno a metà l'inverno e di quella dose di estate. Alcuni richiedono fino a 8000 IU al giorno, mentre una persona rara richiede soltanto 1000 IU al giorno. Facendo uso di questo approccio, ora abbiamo un registro impressionante di riduzione degli spartiti di ricerca del cuore di CT. Lle riduzioni di 20-30% durante il primo anno non sono rare.

Vitamina D: Essenziale per salute del cuore

La prova abbondante ora indica le numerose funzioni cardioprotective della vitamina D. Restoring che la vitamina D ai livelli normali è stata trovata per contribuire a ridurre l'infiammazione, normalizzare la pressione sanguigna e migliorare l'insulina sensibilità-tutti fattori che riducono il rischio della malattia cardiaca.15-18

La carenza di vitamina D è stata indicata per diminuire la funzione contrattile delle cellule di muscolo del cuore, contribuire a disfunzione endoteliale, distorcere la struttura del muscolo del cuore (avviando ipertrofia, o crescita anormale del muscolo del cuore) ed aumentare crescita del muscolo liscio nel processo che della parete-un dell'arteria coronaria quello conduce alla formazione di placche aterosclerotica.19,20 bassi livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 sono stati collegati con guasto di scompenso cardiaco, una circostanza in cui il cuore non può continuare con le domande del corpo di sangue e di ossigeno.21 un'analisi recente hanno indicato che gli individui con i bassi livelli del siero di vitamina D hanno avuti più alti tassi di ipertensione, di diabete e di trigliceridi elevati che quelli con i livelli elevati di vitamina D.22

La carenza di lunga durata di vitamina D è un contributore importante ad osteoporosi e gli scienziati lungamente hanno saputo che le donne con osteoporosi sono più probabili avere coronaropatia. La correlazione fra osteoporosi e la malattia cardiaca può riflettere i fattori di rischio comuni ed i meccanismi, quale lo studio della vitamina e dell'estrogenoil D. 23 A in 2.500 donne postmenopausali hanno mostrato un maggior rischio quadruplo di attacco di cuore in donne con osteoporosi.24 uno studio dell'università dell'Illinois ha indicato che lo spartito di ricerca del cuore di tomografia computerizzata (CT) (una misura di placca aterosclerotica coronaria) in donne con osteoporosi ha stato in media 222 (ottimale è zero), mentre le donne con densità ossea normale hanno fatte gli spartiti medii ben più bassi di 42,25 simili indicare risultati che i livelli elevati della calcificazione coronaria sono trovati in quelli con i livelli più bassi della vitamina il D.26,27

La carenza di vitamina D può estendere alla malattia vascolare oltre le arterie coronarie. Uno studio italiano recente ha determinato che maggior la carenza di vitamina D, più la placca aterosclerotica carotica fosse presente, come valutato dall'ultrasuono carotico. Gli autori hanno concluso che i bassi livelli ematici di vitamina D erano un preannunciatore indipendente e forte di aterosclerosi. I diabetici erano due volte inoltre più probabili dei non diabetici essere severamente vitamina D carente.28

Alcune autorità hanno proposto che la vitamina D insufficiente fa parte della ragione per l'incidenza della malattia cardiovascolare estremamente alta nella gente con la funzione anormale del rene.29 persone con poca o nessuna funzione del rene hanno spesso livelli molto bassi di vitamina D, poiché il rene è richiesto per la sua attivazione.30 uno studio giapponese in 240 persone su dialisi per la malattia renale severa hanno suggerito che il trattamento per correggere la carenza di vitamina D derivasse in una riduzione drammatica dell'attacco di cuore e nella morte dalla malattia cardiaca.La scienza emergente 31 perora forte a favore della vitamina D come fattore di rischio importante per la malattia cardiovascolare. Lo stato d'ottimizzazione di vitamina D tiene sicuro il potenziale tremendo, a buon mercato e drammaticamente riduce il rischio cardiovascolare.

“… c'è una similarità notevole fra i benefici della vitamina D ed i benefici della terapia di statina. Credo che gli effetti benefici inattesi e non spiegati della terapia di statina potrebbero essere mediati dall'attivazione dei ricevitori di vitamina D da questo gruppo di droghe.„

— Dott. David S. Grimes Blackburn Royal Infirmary, Lancashire, Regno Unito

 

Continuato alla pagina 2 di 2