Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti

LE Magazine giugno 2008
Estratti

EECP

Confronto dei risultati a lungo termine dello stent a rilascio di farmaco e dell'impianto nudo di stent del metallo nei destinatari del trapianto di cuore con la coronaropatia.

Lo scopo dello studio era di confrontare i risultati a lungo termine di impianto intracoronary degli stent a rilascio di farmaco (DES) e degli stent nudi del metallo (BMS) in pazienti che soffrono dalla coronaropatia del trapianto (TxCAD). MATERIALE E METODI: Abbiamo eseguito un'analisi retrospettiva di tutti gli impianti intracoronary di stent per TxCAD fra gli oggetti con almeno un'angiografia coronaria di seguito. Abbiamo identificato 28 pazienti d'eluizione del DES (n = 17), 24 BMS (n = 13 pazienti) e sia impianti di BMS che del DES (n = 7 pazienti) fra 23 destinatari. Seguito medio dopo che il DES era di 14 mesi e dopo impianto di BMS, 20 mesi. Abbiamo confrontato l'avvenimento della ristenosi di in-stent (ISR) e la sopravvivenza dei pazienti nel contesto dei fattori di rischio che sono stati identificati esclusivamente per ogni tipo di stent. Il significato è stato valutato facendo uso del ceppo-rango, "chi" (2) e prova di Mann-Whitney U. RISULTATI: C'erano 2 (7%) ISR fra il DES contro 14 (58%) ISR fra i pazienti di BMS (P = .0002), con un tempo maggiore di libertà dal IRS dopo impianto del DES (P = .022). C'erano tre morti (18%) fra il DES, quattro (31%) con BMS ed uno (14%) con il DES e BMS (P = NS). L'arteria discendente anteriore sinistra era il posto di impianto del DES in 17 (61%) contro 10 (42%) dei casi di BMS (P = NS). Il profilo di fattore di rischio era comparabile eccezione fatta per un'più alta età ai tempi di trapianto (46 +/- 7 contro 41 +/- 6 anni; P = .011) ed impianto di stent (54 +/- 7 contro 49 +/- 6 anni; P = .0002) per il DES. CONCLUSIONE: I risultati a lungo termine favorevoli di sirolimus-eluizione degli stent sopra BMS impiantati per TxCAD hanno indicato il loro uso preferenziale nei destinatari del trapianto di cuore.

Trapianto Proc. 2007 novembre; 39(9): 2859-61

Contro pulsazione esterna migliorata (EECP) come trattamento novello per la sindrome delle gambe senza riposo (RLS): un test preliminare dell'ipotesi neurologica vascolare per RLS.

FONDO E SCOPO: La contro pulsazione esterna migliorata (EECP) è usata per trattare l'angina. Con il trattamento continuo questo aumenta la circolazione collaterale alle arterie coronarie come pure al corpo complessivamente. Abbiamo trovato alcuni pazienti che hanno subito EECP per guasto di scompenso cardiaco o di angina che inoltre per coincidenza ha avuto sindrome delle gambe senza riposo severa (RLS). I rapporti di caso sono presentati. PAZIENTI E METODI: Sei pazienti con RLS (1F, 5M, età 55-80) hanno subito il trattamento di EECP. Tutti i pazienti sono stati dati la scala di valutazione del gruppo di studio dell'internazionale RLS per RLS (il IRLS) prima e subito dopo dei 35 giorni del trattamento di EECP. RISULTATI: Il punteggio medio della scala di valutazione del IRLS dei sei pazienti prima che il trattamento sia 28,8 (gamma 23-35), che indica frequente e moderato a RLS molto severo. Dopo i 35 giorni del trattamento di EECP il punteggio del IRLS era 6 (P<0.03), che indica clinicamente RLS insignificante. Seguito a lungo termine in tre pazienti indica il miglioramento continuo in tutti e tre le a 3-6 mesi dopo che EECP è stato completato (punteggio 28.3-3.33 del IRLS). Ulteriore seguito in quattro pazienti indicati ha sostenuto il miglioramento in due pazienti 1 anno dopo che EECP è stato completato. CONCLUSIONE: EECP migliora significativamente i sintomi di RLS e potrebbe essere considerato come trattamento dell'aggiunta per i pazienti con RLS. In alcuni casi, il miglioramento dura i mesi dopo il corso del trattamento. In questo modo EECP è da farmacoterapia unica e dissimile che richiede il trattamento quotidiano continuo. Ancora, i nostri risultati indicano che le diminuzioni nel flusso vascolare influenzano l'unità periferica o il sistema nervoso centrale che conduce ai sintomi sensoriali di RLS. Un più grande numero dei pazienti studiati nelle circostanze accecate è necessario trarre ulteriori conclusioni.

Med di sonno. 2005 marzo; 6(2): 101-6

Un'analisi dell'efficacia e della sicurezza del counterpulsation esterno migliorato a Virginia University Hospitals ad ovest.

Un'analisi retrospettiva è stata condotta di 79 pazienti consecutivi che hanno subito il counterpulsation esterno migliorato (EECP) a Virginia University Hospitals ad ovest durante il periodo di novembre 1998 al settembre 2005 per determinare la sue efficacia e sicurezza nel trattamento dell'angina. Un esame del grafico e/o un'indagine del telefono sono stati eseguiti per analizzare i dati clinici pertinenti (uso sublinguale della nitroglicerina e classe di angina) pre e la posta EECP. Complessivamente 60 pazienti (di 76%) che sono stati fatti riferimento con successo per EECP hanno finito i 35 trattamenti. Settantacinque per cento della popolazione paziente hanno migliorato almeno una classe di angina dopo un corso del trattamento completo. La terapia era interrotto dovuto gli effetti contrari in 12 pazienti (di 15%). I miglioramenti statisticamente significativi nella classe di angina e la riduzione dei farmaci di anti-angina sono stati osservati in ogni sottogruppo co-morboso analizzato, compreso i pazienti con la malattia vascolare, il diabete, l'iperlipidemia, l'ipertensione, il fumo, il Post-MI e LVEF periferici < 40% (P < .05, prova del Firmare-rango di Wilcoxon). In generale, EECP era efficace nel miglioramento dell'angina come mostrato in una riduzione sostanziale dei farmaci di antiangina in 59 pazienti (di 75%).

Med J. 2007 di W V maggio-giugno; 103(3): 10-2

Counterpulsation ed orientamenti futuri esterni migliorati: faccia un passo oltre gestione medica per i pazienti con angina e l'infarto.

Fra 25.000 e 75.000 nuovi casi del refrattario di angina alla terapia medica massima e revascularization coronario standard le procedure sono diagnosticate ogni anno. Inoltre, l'infarto inoltre dispone un carico enorme sul sistema sanitario degli Stati Uniti, con un impatto economico stimato che varia da $20 miliardo a più di $50 miliardo all'anno. La tecnica di counterpulsation, ora studiata per quasi a metà di secolo, è considerata una cassaforte, un trattamento altamente utile, a basso costo, non invadente per questi pazienti di angina ed ora per i pazienti dell'infarto pure. La prova recente suggerisce che la terapia esterna migliorata di counterpulsation (EECP) possa migliorare i sintomi e fare diminuire la morbosità a lungo termine via più di 1 meccanismo, compreso miglioramento nella funzione endoteliale, la promozione di collateralization, il potenziamento della funzione ventricolare, il miglioramento nel consumo di ossigeno (VO2), la regressione di aterosclerosi e gli effetti periferici di addestramento simili all'esercizio. I numerosi test clinici nelle ultime 2 decadi hanno indicato la terapia di EECP per essere sicuri ed efficaci per i pazienti con angina refrattaria con un tasso di risposta clinico che è in media 70% - 80%, che è sostenuto fino a 5 anni. È non solo sicuro in pazienti con infarto di coesistenza, ma inoltre è indicato per migliorare la capacità di esercizio e di qualità della vita e per migliorare il lungo termine ventricolare sinistro di funzione. Interessante, la terapia di EECP è stata studiata per vari usi potenziali all'infuori della malattia cardiaca, quale la sindrome agitata della gamba, la sordità improvvisa, la sindrome epato-renale, disfunzione erettile, ecc. Questo esame riassume la prova corrente per il suo uso nell'angina e infarto stabili ed i suoi orientamenti futuri.

J Coll Cardiol. 16 ottobre 2007; 50(16): 1523-31

Il ruolo del counterpulsation esterno migliorato nel trattamento di angina e di infarto.

Poichè l'incidenza di angina e l'infarto continuano ad aumentare, le nuove opzioni terapeutiche saranno necessarie curare i pazienti che rimangono sintomatici o che sono intolleranti al trattamento corrente. Il counterpulsation esterno migliorato (EECP) è una modalità non invadente che è studiata sia nei pazienti di guasto di scompenso cardiaco che di angina. Si è rivelato fornire il beneficio sintomatico nei pazienti di angina, ma non si è rivelato mostrare un aumento nella speranza di vita o la diminuzione negli eventi cardiovascolari. EECP in infarto si è rivelato essere sicuro, ma la sua efficacia è ancora incerta. L'articolo attuale riassume la letteratura corrente sull'uso clinico di EECP in angina e infarto.

Può J Cardiol. 2007 agosto; 23(10): 779-81

Una nuova modalità del trattamento in infarto ha migliorato il counterpulsation esterno (EECP).

L'infarto rimane un problema sanitario significativo negli Stati Uniti e nel mondo. Malgrado una quantità eccessiva degli avanzamenti diagnostici e terapeutici recenti, i pazienti con infarto rimangono aiutati insufficientemente. L'esigenza in modo schiacciante di nuove e migliori terapie continua a stimolare gli scienziati studiare le nuove tecnologie. Negli ultimi anni l'uso del counterpulsation esterno migliorato come trattamento per angina cronica è aumentato costantemente. Recentemente, il suo ruolo potenziale in gestione dell'infarto è stato indicato. Esaminiamo il ruolo del counterpulsation esterno migliorato in gestione dell'infarto come terapia non invadente emergente del paziente esterno.

Rev. 2004 di Cardiol gennaio-febbraio; 12(1): 15-20

Effetti del counterpulsation esterno migliorato sui sintomi e sui miglioramenti anginosi nelle misure obiettive di ischemia miocardica.

FONDO: Il counterpulsation esterno migliorato (EECP) è un romanzo, terapia potenzialmente utile dell'aggiunta usata per l'angina pectoris. Abbiamo valutato l'efficacia di questo metodo nell'alleviamento dell'angina e nel miglioramento delle misure obiettive di ischemia miocardica. METODI: Tutto paziente (67) che si è riferita per EECP a Shahid Chamran Hospital, Ispahan, l'Iran dal 2002 al 2005 erano inclusi. I dati demografici, i fattori di rischio della coronaropatia (cad) ed i dati angiografici della linea di base sono stati raccolti. I sintomi anginosi, la classe funzionale cardiovascolare canadese della società (CCS), i parametri ecocardiografici (frazione di espulsione, diametri fine-diastolici e fine-sistolici ventricolari sinistri) e la durata della prova di esercizio prima e dopo il trattamento sono stati confrontati. RISULTATI: Settantasette per cento dei pazienti che avevano subito EECP hanno avuti una risposta clinica positiva. Eserciti la durata della prova e la classe funzionale di CCS migliori dopo il trattamento. Tuttavia, EECP non ha avuto effetto significativo sui parametri ecocardiografici. L'efficacia era indipendente dall'età, dal genere, dai fattori di rischio di cad, dalla classe funzionale priore di CCS e dai parametri ecocardiografici. I pazienti senza partecipazione principale sinistra dell'arteria e coloro che ha avuto almeno un'arteria non ostruita hanno dimostrato una maggior probabilità di miglioramento. CONCLUSIONE: I risultati di questo studio hanno indicato che EECP è un sicuro, bene hanno tollerato ed il trattamento significativamente efficace per l'angina pectoris.

Cardiovasc J Afr. 2007 maggio-giugno; 18(3): 154-6

Risultati clinici biennali dopo che terapia esterna migliorata di counterpulsation (EECP) in pazienti con l'angina pectoris refrattaria e la disfunzione ventricolare lasciata (rapporto dalla registrazione paziente dell'internazionale EECP).

Il counterpulsation esterno migliorato (EECP) è un dispositivo di aiuto circolatorio non invadente che recentemente è emerso come opzione del trattamento per angina refrattaria nella disfunzione ventricolare sinistra (LV). Questo studio di gruppo di due anni descrive seguito a lungo termine dei pazienti che hanno avuti disfunzione severa di LV che è stata trattata con EECP per i risultati clinici di rapporti e di angina pectoris, i tassi di sopravvivenza senza evento e l'incidenza di ripetizione EECP. Questo studio ha incluso 363 pazienti che hanno avuti frazione refrattaria di espulsione di LV e di angina < o =35%. La maggior parte dei pazienti hanno riferito la qualità della vita come povero. Dopo il completamento del trattamento, c'era una diminuzione significativa nella severità della classe di angina (p < 0,001) e 72% è migliorato da angina severa a nessun'angina o ad angina delicata. Cinquantadue per cento dei pazienti hanno interrotto l'uso della nitroglicerina. Qualità della vita migliore sostanzialmente. A 2 anni questa diminuzione nell'angina è stata mantenuta in 55% dei pazienti. Il tasso di sopravvivenza di due anni era 83% ed il tasso di sopravvivenza senza evento cardiovascolare avverso principale era 70%. Quarantatre per cento non hanno avuti ospedalizzazione cardiaca riferita; 81% non ha avuto eventi di guasto riferiti dello scompenso cardiaco. La ripetizione EECP è stata realizzata in 20% di questi pazienti. Il solo preannunciatore indipendente significativo di ripetizione EECP in un modello proporzionale di rischio era guasto completare il primo corso del trattamento di EECP (rapporti di rischio intervalli di confidenza 1,7 - 4,9 di 95%, di 2,9). I miglioramenti nei sintomi di angina e la qualità della vita sono stati mantenuti a 2 anni. In conclusione, per i pazienti che hanno disfunzione ad alto rischio di LV, EECP offre un efficace, approccio terapeutico durevole per angina refrattaria. L'angina ed il miglioramento in diminuzione nella qualità della vita sono stati mantenuti a 2 anni, con ripetizione modesta EECP ed i tassi cardiovascolari importanti bassi di evento.

J Cardiol. 1° gennaio 2006; 97(1): 17-20

Un seguito di anno dei pazienti con l'angina pectoris refrattaria ha trattato con il counterpulsation esterno migliorato.

FONDO: Il counterpulsation esterno migliorato (EECP) è una tecnica non invadente che è stata indicata per essere efficace nella riduzione sia l'angina che dell'ischemia del miocardio in pazienti che non rispondono alla terapia medica e senza alternative di revascularization. Lo scopo dello studio presente era di valutare il risultato a lungo termine del trattamento di EECP ad un centro scandinavo, nell'alleviamento dell'angina in pazienti con l'angina pectoris refrattaria cronica. METODI: 55 pazienti sono stati curati con EECP. La classe cardiovascolare canadese della società (CCS), il farmaco antianginoso e gli eventi clinici avversi sono stati raccolti prima di EECP, alla conclusione del trattamento ed a sei e 12 mesi dopo il trattamento di EECP. I segni ed i sintomi clinici sono stati registrati. RISULTATI: Il trattamento di EECP ha migliorato significativamente la classe di CCS in 79 +/- in 6% dei pazienti con l'angina pectoris cronica (p < 0,001). La riduzione della classe di angina di CCS è stata veduta di pazienti con le classi di CCS III ed IV ed è stata persistita 12 mesi dopo il trattamento di EECP. Non c'era sollievo significativo nell'angina in pazienti con la classe di CCS II prima del trattamento di EECP. 73 +/- 7% dei pazienti con una riduzione della classe di CCS dopo che il trattamento di EECP ha migliorato una classe di CCS e 22 +/- 7% dei pazienti hanno migliorato due classi di CCS. Il miglioramento di due classi di CCS ha potuto progredire per un periodo di sei mesi e teso ad essere più prominente in pazienti con la classe di CCS IV. Conformemente alla riduzione delle classi di CCS c'era una diminuzione significativa nell'uso settimanale della nitroglicerina (p < 0,05). CONCLUSIONE: I risultati dallo studio presente indicano che EECP è un trattamento sicuro per i pazienti altamente sintomatici con angina refrattaria. Gli effetti benefici sono stati sostenuti durante il periodo di seguito di 12 mesi.

BMC Cardiovasc Disord. 15 giugno 2006; 6:28

Impatto del trattamento esterno di counterpulsation sulle visite e sulle ospedalizzazioni del pronto soccorso nei pazienti refrattari di angina con disfunzione ventricolare sinistra.

I pazienti con angina refrattaria e disfunzione ventricolare lasciata (LV) esercitano un carico enorme sulle risorse di sanità soprattutto a causa del numero delle visite e delle ospedalizzazioni ricorrenti del pronto soccorso (ED). La terapia esterna migliorata di counterpulsation (EECP) è emerso come opzione del trattamento per i pazienti con angina e disfunzione di LV ed è stata indicata per migliorare i risultati clinici e la funzione di LV. I miglioramenti nei sintomi e le valutazioni del laboratorio in questi pazienti, tuttavia, necessariamente non correlano con una riduzione delle visite e delle ospedalizzazioni di ED. Ciò è il primo studio per valutare l'impatto della terapia di EECP sulle visite di ED e sui tassi dell'ospedalizzazione a seguito di 6 mesi. Questo studio di gruppo futuro ha incluso 450 pazienti con disfunzione di LV (frazione <or=40% di espulsione) curati con la terapia di EECP per angina refrattaria. Risultati clinici, numero delle visite per tutte le cause di ED ed ospedalizzazioni all'interno del 6 mesi prima che la terapia di EECP sia paragonata a quelle a seguito di 6 mesi. Malgrado il profilo di rischio sfavorevole, i pazienti refrattari di angina con disfunzione di LV hanno raggiunto una riduzione sostanziale delle visite per tutte le cause di ED e dei tassi dell'ospedalizzazione a seguito di 6 mesi. La terapia di EECP sembra offrire un'efficace opzione aggiuntiva del trattamento per questo gruppo di pazienti.

Congestionato il venire a mancare del cuore. 2007 gennaio-febbraio; 13(1): 36-40

Il counterpulsation esterno migliorato migliora la durata di esercizio ed il consumo di ossigeno del picco in pazienti più anziani con infarto: un'analisi del sottogruppo della prova di PEECH.

La valutazione futura della Contro-pulsazione esterna migliorata nella prova di guasto di scompenso cardiaco (PEECH) ha dimostrato che la terapia esterna migliorata di counterpulsation (EECP) ha aumentato la durata di esercizio ed ha migliorato lo stato e la qualità della vita funzionali senza colpire il consumo di ossigeno di punta. I dati attuali degli autori da un sottogruppo prespecificato di pazienti anziani (65 anni o più vecchi) si sono iscritti alla prova di PEECH. I 2 punti coprimari dell'estremità erano la percentuale degli oggetti con un aumento di >60-second nella durata di esercizio e la percentuale degli oggetti con un aumento di >1.25-mL/kg/min nel volume di punta di consumo di ossigeno. A seguito di 6 mesi, il tasso del radar-risponditore di esercizio era significativamente più alto nei pazienti di EECP rispetto ai comandi (P=.008). Più ulteriormente, contrariamente allo studio globale di PEECH, il gruppo di EECP ha dimostrato un tasso significativamente più alto del radar-risponditore per consumo di ossigeno di punta (P=.017). Gli autori concludono che un sottogruppo più anziano di oggetti di PEECH conferma l'effetto benefico di EECP in pazienti con cronico, stabile, infarto del delicato--moderato.

Congestionato il venire a mancare del cuore. 2006 novembre-dicembre; 12(6): 307-11

Il counterpulsation esterno migliorato migliora la tolleranza di esercizio in pazienti con infarto cronico.

OBIETTIVI: Lo studio di PEECH (valutazione futura della Contro-pulsazione esterna migliorata nel guasto di scompenso cardiaco) ha valutato i benefici del counterpulsation esterno migliorato (EECP) nel trattamento dei pazienti con l'infarto del delicato--moderato (HF). FONDO: Il counterpulsation esterno migliorato ha ridotto i sintomi di angina ed ha esteso il tempo fino ischemia indotta dall'esercizio in pazienti con la coronaropatia, l'angina e la funzione ventricolare sinistra normale. Una piccola analisi di registrazione e di studio pilota ha suggerito i benefici in pazienti con l'HF. METODI: Abbiamo randomizzato 187 oggetti con i sintomi del delicato--moderato dell'HF a EECP e protocollo-abbiamo definito la terapia farmacologica (pinta) o la pinta da solo. Due punti coprimari dell'estremità sono stati predefiniti: la percentuale degli oggetti con i 60 s o più aumento nella durata di esercizio e nella percentuale degli oggetti con almeno un aumento di 1,25 ml/min/kg nel volume di punta di consumo d'ossigeno (VO2) a 6 mesi. RISULTATI: Dall'analisi primaria dell'intenzione--ossequio, 35% degli oggetti nel gruppo di EECP e 25% di controllo sottopongono il tempo aumentato di esercizio almeno da 60 s (p = 0,016) a 6 mesi. Tuttavia, non c'era differenza del fra-gruppo nei cambiamenti del picco VO2. La classe funzionale di associazione del cuore di New York (NYHA) è migliorato nel gruppo attivo del trattamento a 1 settimana (p < 0,01), a 3 mesi (p < 0,02) ed a 6 mesi (p < 0,01). Il Minnesota che vive con il punteggio dell'infarto ha migliorato significativamente 1 settimana (p < 0,02) e 3 mesi dopo il trattamento (p = 0,01). CONCLUSIONI: Nello studio randomizzato e unico accecato questo, in EECP tolleranza migliore di esercizio, nella qualità della vita e nella classificazione funzionale di NYHA senza un aumento accompagnante nel picco VO2.

J Coll Cardiol. 19 settembre 2006; 48(6): 1198-205

Effetti del counterpulsation esterno migliorato (EECP) su aspersione del miocardio.

SCOPO: per valutare se il counterpulsation esterno migliorato (EECP) esercita un effetto su aspersione del miocardio. METODI: Undici pazienti con angina sono stati studiati prima e dopo 35 sessioni del trattamento di EECP. L'aspersione del miocardio è stata quantificata con tomografia a emissione di positroni e 13N-ammonia endovenoso a riposo e dopo dipiridamolo, per mezzo di un modello matematico bicompartimentale. CONCLUSIONE: I risultati indicano che EECP non ha effetto su aspersione del miocardio. Tuttavia, a causa di piccolo numero dei pazienti in questi studio e risposte cliniche altamente variabili, gli studi supplementari sono richiesti di confermare questa individuazione. Gli effetti benefici di EECP sembrano essere mediati da altri meccanismi.

J Ther. 2007 novembre-dicembre; 14(6): 519-23

Un aggiornamento sul counterpulsation esterno migliorato.

Lo sviluppo delle tecniche avanzate di revascularization ha provocato la crescita di un sottoinsieme dei pazienti con la coronaropatia che sono nonrevascularizable e sono considerati di avere angina refrattaria. Il counterpulsation esterno migliorato (EECP) è stato sviluppato per la gestione di questi pazienti con la malattia cronica e refrattaria. La prova ha indicato che con miglioramento della funzione e dell'assunzione endoteliali vascolari delle navi collaterali, EECP fornisce molti benefici clinici. Esperienza di questi pazienti ha sostenuto le diminuzioni nell'angina, il miglioramento nel tempo di esercizio, l'aspersione del miocardio migliore e la qualità della vita migliorata. Ancora, EECP sembra essere sicuro ed efficace nel trattamento di angina in pazienti con la funzione sistolica alterata ed ha simile potenziale in pazienti con guasto di scompenso cardiaco.

Clin Cardiol. 2005 marzo; 28(3): 115-8

Effetto del counterpulsation esterno migliorato sulle citochine e sulle molecole infiammatorie di adesione in pazienti con l'angina pectoris e la coronaropatia angiografica.

La malattia cardiovascolare è associata con infiammazione a basso livello cronica, come provato dalle citochine proinflammatory di circolazione elevate. La prova sperimentale suggerisce che l'infiammazione possa essere soppressa nelle circostanze di alta resistenza di taglio. Questi studi sono stati intrapresi per esaminare gli effetti del counterpulsation esterno migliorato (EECP), di una terapia non invadente che aumenta la resistenza di taglio endoteliale, sui livelli di circolazione di biomarcatori infiammatori e delle molecole di adesione in pazienti con l'angina pectoris. Ventuno paziente è stato assegnato a caso o ai 35 trattamenti di un'ora alle pressioni del polsino di 300 Hg di millimetro (EECP; n=12) o 75 Hg di millimetro (falsità; n=9). L'fattore-alfa di necrosi del tumore del plasma, il monocito protein-1 chemoattractant e l'adesione vascolare solubile molecule-1 delle cellule sono stati misurati prima e dopo 35 sessioni di un'ora del trattamento o della falsità. I pazienti nel EECP raggruppano le riduzioni dimostrate dell'fattore-alfa di necrosi del tumore (6.9+/-2.7 contro 4.9+/-2.5 pg/ml, p<0.01; -29%) e monocito protein-1 chemoattractant (254.9+/-55.9 contro 190.4+/-47.6 pg/ml, p<0.01; -19%) dopo il trattamento, mentre non c'era cambiamento nel gruppo finto. I cambiamenti nell'adesione vascolare solubile molecule-1 delle cellule non sono stati osservati in qualsiasi gruppo. In conclusione, 35 sessioni di EECP hanno fatto diminuire i livelli di circolazione di biomarcatori proinflammatory in pazienti con la coronaropatia sintomatica.

J Cardiol. 1° febbraio 2008; 101(3): 300-2

Continuato alla pagina 2 di 3