Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2008
Rapporti

Nuova ricerca sulle indennità-malattia di tè verde

Da Julius Goepp, MD
Nuova ricerca sulle indennità-malattia di tè verde

In laboratori intorno al globo, il tè verde sta scintillando l'eccitazione tremenda mentre le nuove applicazioni di salute tengono essere scoperte.

Il costituente del tè verde più attivo è chiamato gallato del epigallocatechin. Questo flavonoide unico altera favorevole le vie che sono alla base dei processi patologici quale cancro,1-4 la malattia cardiovascolare, 5,6 il diabete,7 l'obesità,8 ed Alzheimer e malattie del Parkinson.9-11 tutto il questo indica tè verde come sostanza nutriente dell'ampio spettro che può promuovere la lunga vita.4,12

Il tè verde è consumato ordinariamente in popolazioni asiatiche, che hanno maggior longevità ed abbassano i tassi di mortalità per le malattie che sono prevalenti nella società occidentale.

Dato la letteratura scientifica enorme che sostiene il ruolo positivo di tè verde nell'impedire le malattie neurodegenerative, per non menzionare i suoi benefici nel contribuire ad impedire cancro ed altre malattie come pure la sua mancanza di tossicità, là ragione del isample per i polifenoli di consumo del tè verde in maniera regolare.

In questo articolo, abbiamo intervistato gli scienziati internazionali sulla loro ricerca corrente sui benefici d'estensione e di miglioramento di miriade di tè verde.

La ricerca abbondante conferma i vasti benefici del tè verde

Gli studi basati sulla popolazione13-15 e test clinici4,16-20 hanno indicato che il consumo del tè verde è utile alle sanità, specialmente in individui che bevono cinque o più tazze di questa bevanda gli studi giapponesi un day.6 due suggeriscono che coloro che beve parecchie tazze del quotidiano del tè verde evita la morte cardiovascolare prematura, che può aiutarle per vivere più lungamente degli oggetti che consumano meno tè verde.14,21

I benefici del tè verde per la protezione del cancro e la salute del cuore sono stati confermati tramite l'estesa ricerca nella coltura cellulare22 e negli esperimenti sugli animali.23,24 ricerche di laboratorio inoltre hanno indicato che il tè verde può contribuire a proteggere da perdita di cellule cerebrali,9,25 batterici e le infezioni virali,18,26 allergie,27 l'artrite,28 e densità minerale ossea in diminuzione,29 tra altre preoccupazioni di salute.30,31 un test clinico in volontari umani inoltre hanno rivelato che gli aiuti di una preparazione del tè verde migliorano l'immunità ed impediscono i sintomi di influenza e del freddo.18

La ricerca abbondante conferma i vasti benefici del tè verde

Swen Wolfram, PhD, da Basilea, la Svizzera, dice il prolungamento della vita, “dovuto l'interesse tremendo del pubblico e della comunità scientifica, le indennità-malattia di tè verde sono state studiate estesamente durante gli anni ultimi. La non altra bevanda tradizionale ha ricevuto tale attenzione scientifica diffusa e la conoscenza circa i suoi effetti positivi è eccezionale. Le varie indennità-malattia del consumo corrente del tè verde possono infine provocare una durata prolungata.„

Pon Velayutham Anandh Babu, PhD, un socio di ricerca postdottorale nell'alimentazione umana, in alimenti e nell'esercizio a Virginia Polytechnic Institute ed università di Stato in Blacksburg, dice il prolungamento della vita. “Gli studi recenti suggeriscono che il tè verde possieda le varie indennità-malattia sulla malattia cardiovascolare, sul cancro, sul diabete e sulle complicazioni diabetiche e salute orale. L'effetto antipertensivo, effetto antibatterico, effetto antivirale ed effetto neuroprotective di tè verde [sia] anche riferito.„

I diversi benefici di tè verde possono risultare dai suoi costituenti unici, che capacità antiossidante confer potente. Il tè verde è particolarmente ricco in polifenoli salutari conosciuti come le catechine, il più abbondante di quale è gallato del epigallocatechin (EGCG).5 questo antiossidante potente efficacemente intrappolano le specie reattive dell'ossigeno, o i radicali liberi,1,4 che sono colpevoli comuni nell'invecchiamento e nelle malattie degeneranti croniche. Uno studio giapponese recentemente ha riferito che quello prendere un d'una sola dose dell'estratto della catechina del tè verde equivalente a bere cinque tazze di tè verde un il giorno ha migliorato la capacità antiossidante del plasma degli adulti in buona salute.32

EGCG protegge da Cancro

Le ricerche di laboratorio suggeriscono che EGCG funzioni al livello cellulare per intervenire contro i vari cancri, compreso cancro del seno, pancreas 33,34, 35 dicono, 36 il colon, 37 e prostata.38,39

Secondo i risultati da parecchi studi epidemiologici, individui che bevono il tè verde regolarmente possono avere meno frequente o meno cancro severo in varie aree del corpo, compresi l'ovaia,40 la prostata,13,41 e testa e collo.42 c'è una certa prova che suggerisce che l'assunzione regolare di tè verde ad un livello di più di tre tazze quotidiane possa ridurre il rischio di cancro polmonare in fumatori.43 incoraggiante è uno studio recente di intervento che conferma gli effetti preventivi delle catechine del tè verde nel carcinoma della prostata.44 test clinici in altri tipi di cancri sono in corso.1

EGCG protegge da Cancro

“La prova principale che suggerisce che tè verde (e tè in generale è utili alle sanità generalmente è stato gli studi concernente “il paradosso asiatico„ — specificamente quel comportamento della mostra degli asiatici (per esempio, fumare) che è stato associato a lungo con la malattia cardiaca ed il cancro in Nord America, eppure i loro tassi di queste malattie è molto più bassi,„ Sean Eddy, il PhD, un socio di ricerca in biochimica alla scuola di medicina dell'università di Boston, dice il prolungamento della vita. “Il consumo del tè verde, con gli suoi alti livelli dei flavonoidi antiossidanti quale EGCG, è stato notato come una delle ragioni potenziali per questa. Il tè verde lavora ai livelli multipli dalla protezione e dalla prevenzione al trattamento, bloccando l'infiammazione ed il cancro.„

Gli studi epidemiologici e basati sulla popolazione inoltre hanno indicato che le giovani donne asiatiche che migrano negli Stati Uniti aumentano drammaticamente il loro rischio di vita di sviluppare il cancro al seno e di morte da cancro al seno, che suggerisce che ambientale piuttosto che i fattori genetici spieghi “il paradosso asiatico.„45-47

“Gli studi nel Giappone mostrano che quello bere tre - sei tazze di tè verde un il giorno può avere un effetto protettivo contro i pazienti nella remissione curati per il cancro al seno della fase iniziale,„ il Dott. Eddy dice. “Il tè verde e/o EGCG è stato indicato per inibire ogni tipo di cellula tumorale, almeno [nella regolazione di un laboratorio]. Inoltre è indicato per fungere da antinfiammatorio, antitrombotico, colesterolo-abbassamento ed agente potenzialmente antivirale ed antibatterico, che spiegherebbe l'effetto protettivo del tè verde nella malattia cardiaca.„

Al livello molecolare, EGCG dirige i segnali delle cellule che bloccano l'attività nociva o pericolosa che potrebbe condurre alla crescita incontrollata caratteristica delle cellule tumorali.48

Gli effetti Cancro-preventivi di tè verde possono essere spiegati almeno parzialmente dall'interazione di EGCG con un meccanismo recentemente identificato di cellulare-control (conosciuto come il ricevitore del laminin 67-kDa), secondo il Dott. Wolfram.Il tè verde 49 è stato indicato per sopprimere la crescita del tumore bloccando l'angiogenesi, o la formazione di nuovi vasi sanguigni fornente il tumore.35,50

EGCG protegge la salute cardiovascolare

Gli studi dal gruppo del Dott. Eddy hanno indicato che il tè verde inoltre inibisce un fattore di crescita HER2 chiamato ricevitore, che è superiore attuale in circa 30% dei cancri al seno ed è associato con i risultati difficili. Non solo EGCG inibisce la crescita delle cellule di cancro al seno in topi, ma in uno studio ha bloccato la crescita delle cellule di cancro al seno prese da un paziente che non ha reagito al trattamento con un anticorpo contro HER2. Conosciuto come trastuzumab, questo anticorpo è usato spesso per immunoterapia in pazienti con i tumori di HER2-positive. A differenza di trastuzumab, EGCG può prendparteere al cervello, rendente lo potenzialmente utile in pazienti con i tumori del seno che si sono sparsi al cervello.51

Attraverso una cascata dei segnali intermedi, l'inibizione HER2 infine induce una proteina che sopprime drammaticamente la crescita del tumore. Altri studi hanno indicato che EGCG ed il tè verde bloccano altre cascate di segnalazione in questione nella proliferazione e nella diffusione di cancro.52

“Tutte queste cascate sono importanti nel cancro, malattia cardiaca, diabete e/o infiammazione,„ il Dott. Eddy dice. “Se bloccate la loro attivazione, bloccate significativamente la progressione di malattia. Mentre le compagnie farmaceutiche tentano di mirare ad un obiettivo cellulare specifico, i polifenoli del tè verde colpiscono una pletora di vie, che lo rende potenzialmente migliore come terapia reale.„

EGCG protegge la salute cardiovascolare

Il tè verde agisce in molti altri modi promuovere la salute cardiovascolare. Grazie ad attività antiossidante potente, a tè verde e a EGCG puliscono i radicali liberi danneggianti, o le specie reattive dell'ossigeno che provocano ferite cellulari che conducono alla malattia cardiaca.24,53,54

La malattia cardiaca può svilupparsi in molti modi, come:

  • Infiammazione delle pareti del vaso sanguigno e proliferazione delle cellule di muscolo all'interno delle pareti del vaso sanguigno, che contribuiscono ad aterosclerosi.

  • Disfunzione endoteliale e riduzione dei vasi sanguigni, che riducono il flusso sanguigno al muscolo del cuore ed aumentano la pressione sanguigna.

  • Aggregazione anormale della piastrina all'interno dei vasi sanguigni, che possono condurre ad un attacco di cuore o ad un colpo micidiale.

  • Alti livelli della lipoproteina a bassa densità (LDL), specialmente una volta ossidato, che più ulteriormente aggravano tutti questi problemi.

Stupefacente, il tè verde può contribuire a proteggere da tutti questi colpevoli che conducono alla malattia cardiaca ed al colpo.55-60 in uno studio ben controllato, l'essere umano si offre volontariamente ha mostrato i miglioramenti a breve termine in flusso sanguigno con EGCG rispetto a placebo.20

“Il tè verde è stato riferito ad favorevolmente urta i parametri connessi con disfunzione cardiovascolare compreso l'ossidazione della lipoproteina, l'infiammazione vascolare, la proliferazione delle cellule di muscolo liscio vascolari, l'aggregazione della piastrina e reattività vascolare,„ il Dott. Babu dice, riferendosi alle sue proprie ricerche di laboratorio.61-63 “catechine, i composti polifenolici principali in tè verde, esercitano gli effetti vascolare-protettivi attraverso i meccanismi multipli compreso gli effetti antiossidanti, antinfiammatori, antithrombogenic, antiproliferativi e di riduzione dei lipidi. Le catechine del tè verde inoltre sono state riferite per regolare il tono vascolare.„

Che cosa dovete conoscere: Tè verde

Il gallato di Epigallocatechin inoltre attiva la sintasi endoteliale dell'ossido di azoto in cellule che allineano i vasi sanguigni, o le cellule endoteliali,58,64,65 che il Dott. Wolfram dice possono parzialmente spiegare i benefici cardiovascolari del consumo del tè verde. Il rilascio aumentato di ossido di azoto induce il muscolo liscio all'interno della parete del vaso sanguigno a rilassarsi, quindi aumentando il diametro del vaso sanguigno e migliorando il flusso sanguigno.

Un altro meccanismo importante può essere che EGCG riduce l'espressione dei prodotti chimici cellulari conosciuti come le citochine, che promuovono l'aterosclerosi di fondo e la malattia cardiaca di infiammazione. Il gallato di Epigallocatechin può quindi inibire l'infiammazione e la proliferazione delle cellule di muscolo liscio all'interno della parete del vaso sanguigno, quindi impedicenti il bloccaggio vascolare.59

“Il tè verde e EGCG sono stati indicati per ridurre l'aterosclerosi e migliorare conformità arteriosa e funzione endoteliale,„ il Dott. Wolfram dice. “Il consumo corrente del tè verde è associato con il rischio riduttore di malattia cardiovascolare quali il colpo e l'infarto miocardico [attacco di cuore].„

In ulteriore ricerca, un test clinico principale dal ricercatore giapponese, Nagao Tomonori, ha valutato l'effetto dei ricchi di un estratto del tè verde in catechine sui fattori di rischio per la malattia cardiovascolare.17

“L'ingestione continua di [estratto del tè verde] riduce il grasso corporeo, i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna in femmine ed in maschi senza cambiare i loro stili di vita,„ il Dott. Tomonori dice il prolungamento della vita. “Abbiamo trovato che l'beta-ossidazione aumentata (combustione grassa) nel fegato dalle catechine è stata associata con la riduzione di grasso corporeo intra-addominale, [che] è conosciuto per secernere i fattori che causano le varie malattie croniche. Di conseguenza, la sua riduzione ridurrà il rischio di malattie croniche collegate allo stile di vita.„

Che cosa dovete conoscere: Tè verde
  • Gli studi di popolazione in esseri umani, le ricerche di laboratorio in animali e nella coltura cellulare e gli studi clinici nei soggetti umani suggeriscono una ricchezza delle indennità-malattia connesse con tè verde.

  • Il tè verde è ricco in polifenoli salutari, specialmente una catechina conosciuta come EGCG, che è un antiossidante potente.

  • Il tè verde può contribuire ad impedire o dirigere il cancro, cuore e malattia vascolare, il diabete, l'obesità, morbo di Alzheimer ed altre malattie degeneranti neurologiche, infezioni batteriche e virali ed altre circostanze.

  • In popolazioni giapponesi, il consumo del tè verde è stato collegato a vita più lunga, particolarmente negli oggetti che bevono più giornalmente cinque tazze o. Le popolazioni occidentali consumano relativamente poco tè verde.

  • I supplementi dell'estratto del tè verde possono facilitare il consumo adeguato per salute massima beneficio-senza la richiesta dei cambiamenti di stile di vita.

  • I supplementi del tè verde inoltre evitano i rischi potenziali di cancro esofageo connessi con bere il tè caldo. Questo rischio probabilmente è collegato con la temperatura elevata di tè tradizionalmente pronto, perché il tè verde stesso non ha tossicità conosciuta.

Oltre ai meccanismi descritti precedentemente, il Dott. Tomonori nota che EGCG inoltre inibisce un enzima che controlla il tasso di produzione del colesterolo. Raccomanda la ricerca supplementare per determinare come EGCG migliora i fattori di rischio cardiovascolari e per studiare gli effetti di tè verde nelle nazionalità non giapponesi.

“I trattamenti più importanti per l'obesità e le malattie cardiovascolari dovrebbero essere ottenuti da uno stile di vita appropriato quale la dieta equilibrata ed abitudini di esercizio,„ il Dott. Tomonori dice. “L'ingestione continua della a [estratto del tè verde] alta in catechine potrebbe assistere questa.„

Il più grande studio basato sulla popolazione fin qui degli effetti di tè verde sulla durata è lo studio di Ohsaki di più di 40.000 adulti giapponesi seguiti per fino a 11 anno.14 una volta iscritti nel 1994, i partecipanti avevano 40 - 79 anni e non hanno avuti storia del colpo, della coronaropatia, o del cancro. Lo studio ha trovato quello che beve più tè verde protetto contro la morte da tutte le cause e contro la morte dalla malattia cardiovascolare, specialmente dal colpo, ma non contro la morte da cancro.

Durante il seguito, c'erano 12% meno morti da tutte le cause negli uomini e 23% meno morti in donne che hanno bevuto cinque o più tazze di tè verde al giorno, rispetto a coloro che ha bevuto meno di una tazza. Più in maniera sconvolgente, c'erano 31% meno morti cardiovascolari in donne che hanno bevuto cinque o più tazze al giorno, rispetto a coloro che ha bevuto meno di una tazza.

Il tè verde e EGCG possono contribuire ad impedire l'obesità, il diabete

Il principale inquirente di questo studio, Shinichi Kuriyama, MD, PhD, dice il prolungamento della vita, “abbiamo confermato che il consumo del tè verde è associato con la mortalità riduttrice dovuto tutte le cause, malattia cardiovascolare, ma non cancro. Il nostro studio fornisce la prova ben fondata per quanto riguarda i benefici di bere il tè verde in esseri umani sulla malattia cardiovascolare, ma non il cancro.„

Il Dott. Kuriyama, un professore associato dell'epidemiologia, della salute pubblica e della medicina legale alla scuola post-laurea dell'università di Tohoku di medicina a Sendai, Giappone, precisa che gli studi precedenti hanno suggerito che il tè verde possa ridurre i fattori di rischio cardiovascolari quali ipertensione e l'obesità, che possono spiegare parzialmente la sopravvivenza migliore collegata al consumo del tè verde. Sorprendente, tuttavia, il suo studio ha mostrato un effetto protettivo di tè verde che beve anche negli oggetti magri ed in quelli con pressione sanguigna normale.

“Di conseguenza, i meccanismi all'infuori degli effetti sui fattori di rischio tradizionali della malattia cardiovascolare potrebbero svolgere un ruolo,„ il Dott. Kuriyama dice. “Una serie di meccanismi biologici compreso lavaggio radicale e le proprietà antiossidanti sono stati proposti per gli effetti benefici di tè verde nei modelli differenti della malattia cronica. I polifenoli del tè verde hanno potuto direttamente colpire l'aterosclerosi stessa, indipendentemente dai profili di rischio tradizionali della malattia cardiovascolare.„

Il tè verde e EGCG possono contribuire ad impedire l'obesità, il diabete

Poiché il diabete e la malattia cardiovascolare dividono alcuni degli stessi fattori di rischio, specialmente l'obesità, non è sorprendente che il tè verde, migliorando questi fattori di rischio,17 può contribuire a proteggere dal diabete come pure dalla malattia cardiaca.6-8

“Gli oggetti con consumo a lungo termine di tè verde sono caratterizzati da una percentuale più bassa della circonferenza grassa e più piccola dal corpo intero della vita e rapporto in diminuzione dell'vita--anca,„ il Dott. Wolfram dice. “Nell'intervento studia, è stato indicato che il consumo di tè verde può ridurre il peso corporeo e l'ossidazione addominale di aumento come pure grassa ed il dispendio energetico grassi. Ancora, il consumo del tè verde può ridurre l'incidenza del diabete di tipo 2 e migliorare il controllo del glucosio e la sensibilità dell'insulina.„

Il meccanismo esatto di come il tè verde aiuta il sovrappeso di controllo e l'alta glicemia completamente non è capita e probabilmente comprende vari meccanismi ormonali e metabolici.8 tuttavia, il Dott. Wolfram nota che EGCG regola i geni in questione nell'ossidazione e nello stoccaggio grassi come pure geni coinvolgere nella segnalazione dell'insulina e nel metabolismo del glucosio.66-68

Stupefacente, EGCG può anche migliorare la sopravvivenza e la funzione delle cellule di Langerhans disecrezione sviluppate in laboratorio e potrebbe avere applicazioni future nel miglioramento del successo di trapianto delle cellule dell'isolotto pancreatico.69 ancora, EGCG sopprime la produzione del glucosio dalle cellule di fegato.Il tè verde bevente 70 è stato indicato per migliorare il metabolismo del glucosio in volontari umani in buona salute,71 ed in uno studio di popolazione, donne che hanno bevuto quattro o più tazze di tè al giorno ha avuto una tendenza verso il rischio più basso del diabete, rispetto alle donne che non hanno bevuto tè.72

Estesi studi dal gruppo di Dott. Babu degli effetti di tè verde e delle sue catechine nei modelli animali del tipo 1 e del diabete di tipo 2.53,61,62,73 hanno indicato che il tè verde che gli aiuti ottimizzano l'utilizzazione del glucosio, quindi riducente la glicemia livella.

“Il livello elevato significativamente riduttore del glucosio del siero dell'amministrazione del tè verde [droga] in ratti diabetici indotti ed ha aumentato la tolleranza al glucosio in ratti normali,„ il Dott. Babu dice. “Il tè verde inoltre è stato indicato al più basso livello della glicemia sia [chimicamente indotto] in topi diabetici che in un modello genetico del diabete di tipo 2.„

Abbassando produzione del glucosio in cellule di fegato e facendo diminuire l'attività dei geni che migliorano la produzione del glucosio, “EGCG è stato riferito ad insulina mimica,„ il Dott. Babu spiega. “Il tè verde inoltre ha ridotto l'accumulazione di colesterolo, di acidi grassi liberi e di trigliceridi nel cuore dei ratti diabetici.„

Il cronico, disattivando le complicazioni del risultato del diabete dai cambiamenti ai vasi sanguigni negli arti, gli occhi, i reni, cuore ed altri organi. In presenza dei livelli elevati della glicemia, queste complicazioni sorgono quando i sottoprodotti danneggianti del metabolismo dello zucchero, chiamati prodotti finiti avanzati di glycation (età), interferiscono con reticolazione di collagene in tessuto connettivo. La reticolazione anormale della fibra del collagene contribuisce a fibrosi, in cui il muscolo del cuore ed altri tessuti diventano sempre più disfunzionali mentre si irrigidiscono e diventano rigidi, molto mentre i nastri metallici flessibili collegati insieme possono formare un cappotto impenetrabile dell'armatura. Ancora una volta, il tè verde può intervenire in questo processo di malattia.53,74

“L'amministrazione dell'estratto del tè verde ha ridotto l'accumulazione di collagene, le dimensioni del glycation, la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation e la reticolazione di collagene [chimicamente indotto] in ratti diabetici,„

Il Dott. Babu dice. “Nel nostro studio, abbiamo proposto che il tè verde potesse avere un effetto terapeutico nel trattamento dalle delle complicazioni indotte glycation del diabete.„

Le catechine del tè verde proteggono Brain Cells

Come con la malattia cardiaca ed altre malattie croniche, il danno e l'infiammazione ossidativi inoltre sono alla base delle devastazioni del morbo di Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative connesse con invecchiamento. Gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori delle catechine del tè verde possono ancora una volta venire al salvataggio.10,11,75

“Recentemente, è stato che il consumo del tè verde potesse ridurre il rischio di malattie del cervello degeneranti,„ Bradford L. Frank supposto, il MD, il MPH, MBA, professore clinico di aiuto all'università di scuola di medicina della Buffalo e di scienze biomediche dice. “Ora c'è un grande corpo di prova scientifica, sperimentale ed epidemiologico, dimostrante che determinati composti naturali, quali le catechine da tè verde, migliorano il declino conoscitivo relativo all'età e sono neuroprotective nei modelli animali della malattia del Parkinson, del morbo di Alzheimer, del colpo, della malattia di Huntington, della sclerosi laterale amiotrofica (ALS) e di altre malattie del cervello.„

Un tale modello animale del morbo di Alzheimer è una razza del topo che mostra la perdita accelerata di cellule cerebrali (atrofia) e di danno di memoria con invecchiamento. Gli effetti di tè verde in questo modello sono stati studiati estesamente da Keiko Unno, il PhD, un professore associato di chimica di Bioorganic all'università di Shizuoka nel Giappone.76

“Abbiamo trovato che le abilità di memoria e dell'apprendimento erano più alte in topi invecchiati che avevano bevuto le catechine contenenti acqua del tè verde che quelli in topi stesso-vecchi che avevano bevuto l'acqua (controllo),„ il Dott. Unno dice il prolungamento della vita. “Inoltre, l'atrofia del cervello è stata soppressa in topi invecchiati che bevono le catechine del tè verde. Questi risultati indicano che il consumo di tè verde è utile da impedire la disfunzione conoscitiva.„

I simili benefici dei polifenoli del tè verde su comportamento, sull'apprendimento e sui cambiamenti nel cervello sono stati veduti in altri modelli del topo del morbo di Alzheimer.77,78 gli anche giovani, ratti sani dati il completamento a lungo termine con le catechine del tè verde nella loro manifestazione dell'acqua potabile hanno migliorato la memoria e l'apprendimento rispetto ai ratti di controllo e questi benefici psicologici sono stati collegati per abbassare le specie reattive nell'ippocampo, una regione dell'ossigeno del cervello in questione nella memoria.79

Eccitando, uno studio di popolazione dal gruppo 15 del Dott.Kuriyama ha indicato che in più di 1.000 adulti giapponesi 70 anni o più vecchi, beventi regolarmente più tè verde è associato con una prevalenza più bassa di danno conoscitivo misurata sull'esame Mini-mentale di stato, su una prova standardizzata della memoria e sulla funzione conoscitiva. Rispetto agli oggetti che hanno bevuto tre o meno tazze alla settimana, coloro che ha bevuto una tazza al giorno hanno avuti una diminuzione di 38% nel danno conoscitivo. Questo effetto protettivo significativo non è stato osservato con tè nero o caffè.

Il Dott. Unno nota che la concentrazione di catechine del tè verde utilizzate nei suoi esperimenti sugli animali era soltanto 0,02%, che è più basso della concentrazione di 0.05-0.06% trovato in tè verde consumato dagli esseri umani. Quindi suggerisce che il consumo quotidiano di parecchie tazze di tè verde o dell'equivalente possa essere protettivo in esseri umani (che si confermerebbero dallo studio del Dott. Kuriyama). Sebbene i meccanismi da cui il tè verde potrebbe avvantaggiare la funzione e il neuroprotection conoscitivi siano ancora poco chiari, il Dott. Unno suggerisce che l'attività antiossidante molto alta delle catechine del tè verde sia importante.

“Il danno ossidativo in proteine e DNA era più basso in cervello ed in altri organi dei topi invecchiati che avevano bevuto le catechine contenenti acqua del tè verde che [dentro] i topi di controllo,„ lui dice. Il Dott. Frank concorda che il danno ossidativo causato dalle specie reattive dell'ossigeno svolge un ruolo fondamentale nel declino conoscitivo età-collegato e nella perdita di un neurone veduti nelle malattie neurodegenerative e che il tè verde ha effetti antiossidanti potenti.

“Tuttavia, gli studi recenti indicano che la proprietà antiossidante dei polifenoli del tè verde è improbabile da essere la sola spiegazione per la loro capacità neuroprotective,„ il Dott. Frank dice. “Infatti, un'ampia gamma di eventi di cellulare-segnalazione può rappresentare bene le loro azioni biologiche. C'è prova scientifica sostanziale che sostiene gli effetti benefici di tè verde sulla funzione conoscitiva e sul suo uso come sostanza neuro-protettiva naturale.„

La morte delle cellule nervose in Parkinson, in Alzheimer, o in altre malattie del cervello degeneranti può derivare non solo da danno ossidativo, ma da una serie complessa di reazioni tossiche anche che comprendono l'infiammazione, il declino in neurochemicals protettivi, il ferro in eccesso e l'accumulazione delle proteine nocive come amiloide-beta, l'marchio di garanzia biochimico del morbo di Alzheimer. Poiché EGCG può contribuire ad interrompere questa reazione a catena, può potenzialmente avere valore preventivo o terapeutico nel morbo di Alzheimer9 e nella malattia del Parkinson.25

“I flavonoidi del tè verde (catechine) sono stati riferiti per possedere la chelatazione del metallo (legando e rimuovendo ferro in eccesso, per esempio), l'antiossidante e le attività antinfiammatorie, per penetrare la barriera del cervello e per proteggere [contro] la morte di un neurone in una grande selezione dei modelli cellulari ed animali delle malattie neurologiche,„ il Dott. Frank dice. “La prova sta aumentando che i flavonoidi del tè verde possono proteggere le cellule da [amiloide-beta] - la neurotossicità mediata. Il polifenolo principale in tè verde, EGCG, esercita un ruolo utile nella riduzione dei livelli [amiloide-beta] da vari meccanismi cellulari.„

Nel morbo di Alzheimer ed in altre forme di danno di memoria, i livelli del cervello di acetilcolina, un prodotto chimico usato dalle cellule nervose sicure per comunicare a vicenda, diminuiscono. In un modello animale del morbo di Alzheimer,80 topi che hanno consumato regolarmente polifenoli del tè hanno avuti i livelli elevati del cervello di acetilcolina ed inversioni significative della memoria e deficit dell'apprendimento. “Questo che trova suggerisce che il polifenolo del tè potrebbe essere utile nel trattamento del morbo di Alzheimer,„ i ricercatori scrive.80

Nella malattia del Parkinson, lo sforzo ossidativo è pensato per svolgere un ruolo importante nella morte di cellule nervose. I polifenoli del tè verde possono proteggere le cellule nervose dopaminergiche da tale sforzo ossidativo, offrente gli effetti neuroprotective importanti contro la malattia del Parkinson.25

“Sarebbe interessante convalidare gli effetti neuroprotective identificati nella coltura cellulare ed in [animale vivo] studia negli studi ben progettati di intervento nei soggetti umani,„ il Dott. Wolfram dice. “Questo ha potuto potenzialmente avere implicazioni per il declino relativo all'età nella memoria e nella vigilanza ed essere utile per gli oggetti con Alzheimer o le malattie del Parkinson.„

Suggerimenti pratici per i buona salute con tè verde

Gli esperti intervistati da prolungamento della vita hanno acconsentito che la ricerca fin qui sostiene forte le indennità-malattia di tè verde.

Il Dott. Wolfram ritiene quello, “le indennità-malattia più prominenti sono osservate negli oggetti che consumano cinque o più tazze di tè verde al giorno. Di conseguenza, è consigliabile che la popolazione in genere aumenta il consumo del tè verde approssimativamente a questo livello.„ Effettivamente, molti dei test clinici umani evidenziati in questo rapporto hanno usato le dosi di EGCG di fino a 500 mg/giorno (equivalenti a bere fino a cinque o sei tazze di tè verde un il giorno), nel rendere i benefici ottimali per salute cardiovascolare e per la protezione contro cancro, il diabete e le malattie neurodegenerative.13,15,16,17,20,43,72,81

Tuttavia, il Dott. Wolfram continua, “a differenza degli asiatici, europei e gli Americani non consumano il tè verde parecchie volte al giorno durante l'intero anno.„ L'uso degli estratti purificati del tè verde può quindi essere un'alternativa fattibile che non comprende i cambiamenti di stile di vita, particolarmente perché alcuni consumatori occidentali trovano il gusto caratteristico di tè verde tradizionale sgradevole. Il Dott. Wolfram inoltre consiglia il consumatore di comprare soltanto il tè verde o gli estratti dalle piantagioni ben controllato.

“L'industria alimentare ha riconosciuto le indennità-malattia delle catechine del tè verde ed attivamente sta effettuando la ricerca per potere offrire i prodotti standardizzati che possono contribuire a sostenere il benessere e la salute del consumatore,„

Il Dott. Wolfram aggiunge. “Più risultati dagli studi ben progettati, a lungo termine, multicentrati con i prodotti standardizzati del tè verde hanno potuto potenzialmente trasformare una bevanda connessa tradizionalmente con una serie di indennità-malattia ad un in un alimento funzionale basato a prova.„

“Ogni piccolo pezzo aiuta, ma più [tè verde] è probabilmente migliore,„ il Dott. Eddy raccomanda. “Questo è inoltre il caso con la frutta/verdure ed altri alimenti non elaborati con le alte qualità antiossidanti, come i mirtilli ed i melograni.„

Un'altra ragione per cui il tè verde completa può essere migliore del tè verde bevente è che il consumo di questa bevanda calda tradizionalmente pronta è stato collegato con un rischio aumentato di cancro esofageo. 82,83 scienziati ritengono che un gran quantità di tè verde caldo possa infliggere il danno locale che rende i tessuti esofagei più suscettibili di cancro. Sebbene la mortalità totale del cancro non sia significativamente differente nel Giappone che negli Stati Uniti, il tasso adeguato all'età giapponese di morte dalla malattia cardiovascolare è circa 30% più basso.

“Con relativamente un a tariffa ridotta della mortalità della malattia cardiovascolare, i giapponesi ora hanno la speranza di vita più lunga nel mondo,„ il Dott. Kuriyama concludono. “Sebbene i fattori all'infuori della dieta possano anche essere contribuenti, il tè verde, una bevanda inoffensiva senza il valore calorico, potrebbe fornire un indizio a chiarire la ragione per la longevità giapponese fra i fattori dietetici. Al contrario, il tè verde bevente a temperatura elevata può essere associato a un aumentato rischio dell'incidenza e della mortalità esofagee del cancro; quindi, raccomandiamo che il tè verde dovrebbe essere consumato al moderato o alla bassa temperatura.„

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. JUNIOR di Carlson, SEDERE di Bauer, Vincent A, Limburgo PJ, Wilson T. Reading le foglie di tè: proprietà anticarcinogenic di (-) - epigallocatechin-3-gallate. Mayo Clin Proc. 2007 giugno; 82(6): 725-32.

2. DNA di Kuzuhara T, di Sei Y, di Yamaguchi K, di Suganuma m., di Fujiki H. e RNA come nuovi obiettivi obbligatori delle catechine del tè verde. Biol chim. di J. 23 giugno 2006; 281(25): 17446-56.

3. Kuzuhara T, Suganuma m., catechina del tè di Fujiki H. Green come chaperon chimico nella prevenzione del cancro. Cancro Lett. 7 dicembre 2007.

4. Khan N, polifenoli di Mukhtar H. Tea per la promozione della salute. Vita Sci. 26 luglio 2007; 81(7): 519-33.

5. Lambert JD, ha cantato la S, CS di Yang. Biotrasformazione dei polifenoli del tè verde e le attività biologiche di quei metaboliti. Mol Pharm. 2007 novembre; 4(6): 819-25.

6. Wolfram S. Effects di tè verde e di EGCG su salute cardiovascolare e metabolica. J Coll Nutr. 2007 agosto; 26(4): 373S-88S.

7. Il wolframio S, Raederstorff D, Preller m., et al. il completamento del gallato di Epigallocatechin allevia il diabete in roditori. J Nutr. 2006 ottobre; 136(10): 2512-8.

8. Wolframio S, Wang Y, effetti di Anti-obesità di Thielecke F. di tè verde: dal lato del letto da bench. Mol Nutr Food Res. 2006 febbraio; 50(2): 176-87.

9. Mandel S, Amit T, Antivari-sono O, MB di Youdim. Disturbi della fisioregolazione del ferro nel morbo di Alzheimer: droghe di chelatazione del ferro permeabile multimodale del cervello, neuroprotective-neurorescue di possesso ed attività regolarici d'elaborazione del precursore dell'amiloide come agenti terapeutici. Prog Neurobiol. 2007 agosto; 82(6): 348-60.

10. Morbo di Alzheimer delle foglie di tè di Quirion R. dietro. Healthc Q. 2006; 9(3): 21-2.

11. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

12. Gramza-Michalowska A, Regula J. Use degli estratti del tè (sinensis di Camelia) in caramelle della gelatina come fonti dei polifenoli nella dieta umana. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007; 16 (supplemento 1): 43-6.

13. Kurahashi N, Sasazuki S, Iwasaki m., Inoue m., consumo del tè verde di Tsugane S. e rischio di carcinoma della prostata in uomini giapponesi: uno studio prospettivo. J Epidemiol. 1° gennaio 2008; 167(1): 71-7.

14. Consumo di Kuriyama S, di Shimazu T, di Ohmori K, et al. del tè verde e mortalità dovuto la malattia cardiovascolare, il cancro e tutte le cause nel Giappone: lo studio di Ohsaki. JAMA. 2006; 296(10):1255-65.

15. Consumo di Kuriyama S, di Hozawa A, di Ohmori K, et al. del tè verde e funzione conoscitiva: uno studio rappresentativo dal progetto Tsurugaya. J Clin Nutr. 2006 febbraio; 83(2): 355-61.

16. Boschmann m., Thielecke F. Gli effetti di epigallocatechin-3-gallate su termogenesi e su ossidazione grassa in uomini obesi: uno studio pilota. J Coll Nutr. 2007 agosto; 26(4): 389S-95S.

17. Nagao T, Hase T, Tokimitsu I. Un estratto del tè verde alto in catechine riduce il grasso corporeo ed i rischi cardiovascolari in esseri umani. Obesità. (Silver Spring). 2007 giugno; 15(6): 1473-83.

18. Rowe CA, mp di Nantz, Bukowski JF, Parsifal ss. La formulazione specifica del camellia sinensis impedisce i sintomi di influenza e del freddo e migliora la gamma, funzione a cellula T di delta: un randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo. J Coll Nutr. 2007 ottobre; 26(5): 445-52.

19. KO di Shin, Moritani T. Gli effetti combinati di capsaicina, dell'estratto del tè verde e delle compresse dell'essenza del pollo su attività del sistema nervosa autonoma umana. J Nutr Sci Vitaminol. (Tokyo). 2007 aprile; 53(2): 145-52.

20. Widlansky ME, Amburgo nanometro, Anter E, et al. il completamento acuto di EGCG inverte la disfunzione endoteliale in pazienti con la coronaropatia. J Coll Nutr. 2007 aprile; 26(2): 95-102.

21. Shimazu T, Kuriyama S, Hozawa A, et al. modelli e mortalità dietetici della malattia cardiovascolare nel Giappone: uno studio di gruppo futuro. Int J Epidemiol. 2007 giugno; 36(3): 600-9.

22. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. Inhibition dell'invasione delle cellule e della produzione di MMP da una miscela nutriente nella linea cellulare maligna SW-872 di liposarcoma. Med Oncol. 2007;24(4):394-401.

23. Hao X, Sun Y, CS di Yang, et al. inibizione del tumorigenesis intestinale nei topi dell'APC (min/+) dai polifenoli del tè verde (polyphenon E) e diverse catechine. Cancro di Nutr. 2007;59(1):62-9.

24. Antonello m., Montemurro D, Bolognesi m., et al. prevenzione di ipertensione, danno cardiovascolare e disfunzione endoteliale con gli estratti del tè verde. J Hypertens. 2007 dicembre; 20(12): 1321-8.

25. Guo S, Yan J, Yang T, et al. effetti protettivi dei polifenoli del tè verde nel modello del ratto 6-OHDA della malattia del Parkinson con inibizione di via di ROS-NO. Psichiatria di biol. 15 dicembre 2007; 62(12): 1353-62.

26. Kohda C, Yanagawa Y, gallato di Shimamura T. Epigallocatechin inibisce la sopravvivenza intracellulare del listeria monocytogenes in macrofagi. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 11 gennaio 2008; 365(2): 310-5.

27. Tachibana H, Fujimura Y, polifenolo epigallocatechin-3-gallate di Yamada K. Tea si associa con le zattere del lipido della membrana di plasma: le zattere del lipido mediano l'azione antiallergica della catechina. Biofactors. 2004;21(1-4):383-5.

28. Tang LQ, Wei W, Wang DI X-Y. Effetti e meccanismi di catechina per l'artrite ausiliaria in ratti. Adv Ther. 2007 maggio; 24(3): 679-90.

29. Devine A, Hodgson JM, Dick IM, principe RL. Bere del tè è associato con i benefici su densità ossea in donne più anziane. J Clin Nutr. 2007 ottobre; 86(4): 1243-7.

30. SR di Shen, Yu HN, Chen P, Yin JJ, Xiong YK. Gli acidi grassi in tè spara (camellia sinensis (L.) O. Kuntze) ed i loro effetti sulla crescita delle linee cellulari endoteliali retiniche di RF/6A. Mol Nutr Food Res. 2007 febbraio; 51(2): 221-8.

31. Hyon SH, DH di Kim, Cui W, et al. conservazione del trapianto aortico del tessuto del ratto con i polifenoli del tè verde. Trapianto delle cellule. 2006;15(10):881-3.

32. Inami S, Takano m., Yamamoto m., et al. consumo della catechina del tè si riduce fare circolare la lipoproteina a bassa densità ossidata. Cuore J. 2007 di Int novembre; 48(6): 725-32.

33. Farabegoli F, Barbi C, Lambertini E, Piva R. (-) - funzione del ricevitore dell'estrogeno dei downregulates di Epigallocatechin-3-gallate alfa in cellule di carcinoma del seno MCF-7. Il Cancro individua Prev. 29 novembre 2007.

34. Thangapazham RL, Passi N, Maheshwari RK. Il polifenolo del tè verde ed il gallato del epigallocatechin inducono gli apoptosi ed inibiscono l'invasione in cellule di cancro al seno umane. Biol Ther del Cancro. 1° settembre 2007; 6(12).

35. Shankar S, Ganapathy S, SR di Hingorani, Srivastava RK. EGCG inibisce la crescita, l'invasione, l'angiogenesi e la metastasi di cancro del pancreas. Front Biosci. 2008;13:440-52.

36. YC noioso, Yang SF, Peng CY, Chou MIO, Chang YC. Epigallocatechin-3-gallate inibisce l'invasione delle cellule tumorali orali umane e fa diminuire le produzioni delle proteinasi metalliche della matrice e dell'attivatore del urochinasi-plasminogeno. Med orale di J Pathol. 2007 novembre; 36(10): 588-93.

37. Kim m., Murakami A, effetti di Ohigashi H. Modifying dei fattori dietetici sopra (-) - produzione della pro-matrice metalloproteinase-7 di epigallocatechin-3-gallate-induced in cellule tumorali colorettali umane HT-29. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2007 ottobre; 71(10): 2442-50.

38. Siddiqui IA, Malik A, Adhami VM, et al. polifenolo EGCG del tè verde sensibilizza le cellule umane di LNCaP di carcinoma della prostata agli apoptosi Traccia-mediati e sinergico inibisce i biomarcatori connessi con l'angiogenesi e la metastasi. Oncogene. 12 novembre 2007.

39. Yu HN, SR di Shen, Yin JJ. Effetti degli ioni del metallo, delle catechine e delle loro interazioni su carcinoma della prostata. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2007;47(8):711-9.

40. Steevens J, Schouten LJ, SEDERE di Verhage, RA di Goldbohm, PA di van den Brandt. Rischio di bevanda del caffè e del tè e di cancro ovarico: risultati dallo studio di gruppo olandese e da una meta-analisi. Cancro del Br J. 5 novembre 2007; 97(9): 1291-4.

41. Syed DN, Khan N, Afaq F, Mukhtar H. Chemoprevention di carcinoma della prostata attraverso gli agenti dietetici: progresso e promessa. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2007 novembre; 16(11): 2193-203.

42. Saba N-F, Hammond A, Shin dm, STRUTTURA di Khuri. Avanzando verso gli approcci bioadjuvant a prevenzione del cancro del collo e della testa. Biol Phys di Int J Radiat Oncol. 2007; 69 (2 supplementi): S132-5.

43. Liang W, Binns CW, Jian L, Lee AH. Il consumo di tè verde riduce il rischio di cancro polmonare fra i fumatori? Evid ha basato il Med di Alternat del complemento. 2007 marzo; 4(1): 17-22.

44. Adhami VM, Mukhtar H. Anti-oxidants da tè verde e dal melograno per il chemoprevention di carcinoma della prostata. Mol Biotechnol. 2007 settembre; 37(1): 52-7.

45. Haenszel W, Kurihara M. Studies dei migranti giapponesi. I. Mortalità da cancro ed altre malattie fra il giapponese negli Stati Uniti. Cancro nazionale Inst di J. 1968 gennaio; 40(1): 43-68.

46. Sumpio È, CA di Cordova, Berke-Schlessel DW, Qin F, Chen QH. Tè verde, “il paradosso asiatico,„ e malattia cardiovascolare. J Coll Surg. 2006 maggio; 202(5): 813-25.

47. Modelli di Ziegler RG, dell'aspirapolvere Marina militare, del luccio MC, et al. di migrazione e rischio di cancro al seno in donne Asiatico-americane. Cancro nazionale Inst di J. 17 novembre 1993; 85(22): 1819-27.

48. Meeran MP, Katiyar SK. Controllo del ciclo cellulare come base per il chemoprevention del cancro attraverso gli agenti dietetici. Front Biosci. 2008;13:2191-202.

49. Umeda D, Yano S, Yamada K, via di segnalazione del polifenolo epigallocatechin-3-gallate (EGCG) del tè verde di Tachibana H. tramite il ricevitore del laminin 67-kDa. Biol chim. di J. 12 dicembre 2007.

50. Matsubara K, Saito A, Tanaka A, et al. epicatechina coniugato con acido grasso è un inibitore potente della DNA polimerasi e dell'angiogenesi. Vita Sci. 3 aprile 2007; 80(17): 1578-85.

51. Gorgo SF, Se di Kane, Sonenshein GE. le cellule di cancro al seno Trastuzumab-resistenti di HER2-driven sono sensibili a gallato epigallocatechin-3. Ricerca del Cancro. 1° ottobre 2007; 67(19): 9018-23.

52. Chen L, Zhang HY. Meccanismi preventivi del Cancro del polifenolo del tè verde (-) - epigallocatechin-3-gallate. Molecole. 2007;12(5):946-57.

53. Babu PV, Sabitha KE, CS di Shyamaladevi. Effetto terapeutico dell'estratto del tè verde sullo sforzo ossidativo in aorta e cuore dei ratti del diabetico di streptozotocin. Le bioe di Chem interagiscono. 25 agosto 2006; 162(2): 114-20.

54. Wang CZ, SR di Mehendale, CS di yuan. Botanicals antiossidanti comunemente usati: costituenti attivi ed il loro ruolo potenziale nella malattia cardiovascolare. J Chin Med. 2007;35(4):543-58.

55. Basu A, Lucas ea. Meccanismi ed effetti di tè verde su salute cardiovascolare. Rev. 2007 di Nutr agosto; 65 (8 pinte 1): 361-75.

56. Cho HH, Han DW, Matsumura K, Tsutsumi S, Hyon SH. Il comportamento delle cellule e delle piastrine di muscolo liscio vascolari sulla gallato-liberazione del epigallocatechin poli (l-lattide-co-epsilon-caprolactone) come materiali del stent-rivestimento. Biomateriali. 2008 marzo; 29(7): 884-93.

57. Ivanov effetti di V, di Roomi Mw, di Kalinovsky T, di Niedzwiecki A, di Rath M. Anti--atherogenic di una miscela di acido ascorbico, lisina, prolina, arginina, cisteina e composti fenolici del tè verde in cellule di muscolo liscio aortiche umane. J Cardiovasc Pharmacol. 2007 marzo; 49(3): 140-5.

58. Potenza mA, Marasciulo FL, Tarquinio m., et al. EGCG, un polifenolo del tè verde, migliora la sensibilità endoteliale dell'insulina e di funzione, riduce la pressione sanguigna e protegge dalla lesione del miocardio di I/R in SHR. J Physiol Endocrinol Metab. 2007 maggio; 292(5): E1378-87.

59. Tipoe GL, Leung TM, appeso Mw, Fung ml. Polifenoli del tè verde come agente antiossidante ed antinfiammatorio per protezione cardiovascolare. Obiettivi della droga di Cardiovasc Hematol Disord. 2007 giugno; 7(2): 135-44.

60. Wahyudi S, polifenoli del tè verde di Sargowo D. inibisce dall'l'attivazione indotta LDL ossidata di NF-KB in cellule endoteliali umane della vena ombelicale. Acta Med Indones. 2007 aprile; 39(2): 66-70.

61. Babu PV, Sabitha KE, CS di Shyamaladevi. Il tè verde impedisce la dislipidemia, perossidazione lipidica, glycation della proteina e migliora Ca2+ - atpasi e Na+/K+ - attività dell'atpasi nel cuore dei ratti streptozotocin-diabetici. Le bioe di Chem interagiscono. 25 agosto 2006; 162(2): 157-64.

62. Babu PV, Sabitha KE, CS di Shyamaladevi. L'estratto del tè verde impedisce la dislipidemia e lo sviluppo di disfunzione cardiaca in ratti streptozotocin-diabetici. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2006 dicembre; 33(12): 1184-9.

63. Babu PV, Sabitha KE, Srinivasan P, CS di Shyamaladevi. Il tè verde attenua la reticolazione di tipo maillard del collagene e della fluorescenza indotta il diabete nel cuore dei ratti del diabetico di streptozotocin. Ricerca di Pharmacol. 2007 maggio; 55(5): 433-40.

64. Kim JA, Formoso G, Li Y, et al. gallato di Epigallocatechin, un polifenolo del tè verde, media la vasodilatazione NO--dipendente facendo uso delle vie di segnalazione in endotelio vascolare che richiede le specie e Fyn reattivi dell'ossigeno. Biol chim. di J. 4 maggio 2007; 282(18): 13736-45.

65. MANN GE, Rowlands DJ, Li FY, de WP, Siow RC. Attivazione della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto dagli isoflavoni dietetici: ruolo di NO nell'espressione genica dell'antiossidante di Nrf2-mediated. Ricerca di Cardiovasc. 15 luglio 2007; 75(2): 261-74.

66. Il cao H, Hininger-Favier I, Kelly mA, et al. l'estratto del polifenolo del tè verde regola l'espressione dei geni in questione nell'assorbimento del glucosio e la segnalazione dell'insulina nei ratti ha alimentato una dieta dell'isoglucosio. Alimento chim. di J Agric. 25 luglio 2007; 55(15): 6372-8.

67. Koyama Y, Abe K, Sano Y, et al. effetti di tè verde su espressione genica degli enzimi gluconeogenic epatici in vivo. Med di Planta. 2004 novembre; 70(11): 1100-2.

68. Serisier S, Leray V, Poudroux W, et al. effetti di tè verde sulla sensibilità dell'insulina, profilo del lipido ed espressione di PPARalpha e PPARgamma ed i loro geni dell'obiettivo in cani obesi. Br J Nutr. 6 dicembre 2007; 1-9.

69. Hara Y, Fujino m., Takeuchi m., Li XK. Polifenolo del tè verde (-) - epigallocatechin-3-gallate fornisce la resistenza agli apoptosi in isolotti isolati. J Pancreat epatobiliare Surg. 2007;14(5):493-7.

70. Collins QF, Liu HY, pi J, et al. Epigallocatechin-3-gallate (EGCG), un polifenolo del tè verde, sopprime la gluconeogenesi epatica con 5' - chinasi proteica Amp-attivata. Biol chim. di J. 12 ottobre 2007; 282(41): 30143-9.

71. Tsuneki H, Ishizuka m., Terasawa m., et al. effetto di tè verde sui livelli della glicemia e sui modelli proteomic del siero in topi diabetici (db/db) e sul metabolismo del glucosio in esseri umani in buona salute. BMC Pharmacol. 26 agosto 2004; 418.

72. Canzone Y, Manson JE, seppellente JE, Sesso HD, Liu S. Associations dei flavonoidi dietetici con il rischio di diabete di tipo 2 e di indicatori di insulino-resistenza e di infiammazione sistemica nelle donne: uno studio prospettivo e un'analisi trasversale. J Coll Nutr. 2005 ottobre; 24(5): 376-84.

73. Babu PV, Sabitha KE, CS di Shyamaladevi. Effetto terapeutico dell'estratto del tè verde sul glycation avanzato e reticolazione di collagene nell'aorta dei ratti del diabetico di streptozotocin. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2006 aprile; 33(4): 351-7.

74. Babu PV, Sabitha KE, CS di Shyamaladevi. L'effetto dell'estratto del tè verde sul glycation avanzato e la reticolazione del collagene del tendine della coda in streptozotocin hanno indotto i ratti diabetici. Alimento Chem Toxicol. 2008 gennaio; 46(1): 280-5.

75. B franca, Gupta S. Una rassegna degli antiossidanti e del morbo di Alzheimer. Ann Clin Psychiatry. 2005 ottobre; 17(4): 269-86.

76. Unno K, Takabayashi F, Yoshida H, et al. consumo quotidiano di regressione di memoria di ritardi della catechina del tè verde in topi invecchiati. Biogerontology. 2007 aprile; 8(2): 89-95.

77. Chan YC, Hosoda K, Tsai CJ, Yamamoto S, Wang MF. Effetti favorevoli di tè sulla riduzione i deficit conoscitivi e dei cambiamenti morfologici del cervello in topi senescenza-accelerati. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2006 agosto; 52(4): 266-73.

78. LU JH, Guo J, Yang WH. Effetti del polifenolo del tè verde sul comportamento del morbo di Alzheimer come i topi indotti da D-galattosio e da Abeta25-35. Zhong Yao Cai. 2006 aprile; 29(4): 352-4.

79. Haque, Hashimoto m., Katakura m., et al. amministrazione a lungo termine delle catechine del tè verde migliora l'abilità di apprendimento spaziale di cognizione in ratti. J Nutr. 2006 aprile; 136(4): 1043-7.

80. Kim HK, Kim m., Kim S, Kim m., Chung JH. Effetti del polifenolo del tè verde sulle attività dell'acetilcolinesterasi e conoscitive. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2004 settembre; 68(9): 1977-9.

81. Bettuzzi S, Rizzi F, rilevanza di Belloni L. Clinical dell'effetto inibitorio delle catechine del tè verde (GtCs) sulla progressione del carcinoma della prostata congiuntamente al delineamento molecolare dei tumori catechina-resistenti: una vista integrata. Veterinario Sci del politico J. 2007;10(1):57-60.

82. Ishikawa A, Kuriyama S, Tsubono Y, et al. fumante, bere dell'alcool, consumo del tè verde ed il rischio di cancro esofageo in uomini giapponesi. J Epidemiol. 2006 settembre; 16(5): 185-92.

83. Kinjo Y, Cui Y, Akiba S, et al. rischi della mortalità di cancro esofageo si è associato con tè, l'alcool, il tabacco e la dieta caldi nel Giappone. J Epidemiol. 1998 ottobre; 8(4): 235-43.