Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2008
Rapporti

Collegamento letale di resistenza-Un dell'insulina fra la malattia e l'attacco di cuore metabolici

Da William Davis, MD
Malattia e attacco di cuore letali di BetweenMetabolic di collegamento di resistenza-Un dell'insulina

dovuto la pubblicità di svariati milioni e le campagne di marketing del dollaro dall'industria farmaceutica, dai pazienti e dai medici sembri egualmente associare il rischio del colpo e di attacco di cuore soltanto con colesterolo. Le droghe che abbassano il colesterolo (statine), hanno creato un bene inaspettato del profitto per le ditte farmaceutiche, con la droga della statina di una singola società che supera spesso vari miliardo dollari nelle vendite annuali. Tuttavia, il rischio cardiovascolare comporta molto appena i livelli di colesterolo elevati.

Infatti, il fenomeno conosciuto come insulino-resistenza offre un legame diretto fra la malattia metabolica ed il rischio cardiovascolare ed è un diabete e una malattia cardiaca di fondo spesso trascurati del colpevole. Impari come e perché queste due malattie comuni sono riferite intimamente e come districarli a partire dalla vostra vita.

Come la glicemia e la placca sono riferite?

Il diabete e la malattia cardiaca sono intrecciati dall'inizio, dividenti un pannello complesso dei fenomeni nascosti che gettano la base per entrambe le circostanze. Se il diabete è presente, la malattia cardiaca è molto più probabile svilupparsi. Se la malattia cardiaca si sviluppa, è molto più probabile che il diabete inoltre.

Come la glicemia e la placca sono riferite?

La sfortuna comune del diabete e della malattia cardiaca è emerso con il rapporto del Dott. Steven Haffner 1998 dall'università del Texas che la gente con il diabete che non ha malattia cardiaca avere lo stesso rischio per attacco di cuore come la gente con il rischio stabilito di malattia- del cuore è uno e gli stessi.1 nel 1999, l'associazione americana del cuore ha continuato ad identificare il diabete “una malattia cardiovascolare.„

Da allora, più studi hanno stabilito questo collegamento. Uno studio 2001 della gente con la malattia cardiaca stabile ma nessuna storia precedente del diabete ha trovato che circa 50% degli oggetti recentemente aveva diagnosticato le perturbazioni del metabolismo del glucosio (16% ha avuto diabete completo e 36% aveva alterato la tolleranza al glucosio).2 un altro studio recente in persone ospedalizzate con i sintomi più avanzati e più instabili della malattia cardiaca (“angina instabile ") hanno scoperto quel 66% di coloro che ha risposto ai criteri per il diabete non sono stati diagnosticati come tali dal loro medico curante.3 inoltre, più estesa la malattia cardiaca identificata, più sugli zuccheri di sangue hanno teso ad essere. Queste comprensioni ci forniscono le strategie che potrebbero contribuire a diminuire la probabilità sia del diabete che della malattia cardiaca.

Che cosa dovete conoscere: Insulino-resistenza
  • La maggior parte della gente con la malattia cardiaca ed il diabete è insulina-resistente, che è una causa di origine della sindrome che metabolica quello conduce alla stessa glicemia destinazione-alzata, dei trigliceridi aumentati, di HDL riduttore, di infiammazione intensificata e di un rischio aumentato di attacco di cuore, di colpo e di diabete.

  • Il diabete e la malattia cardiaca sono collegati intimamente. I diabetici senza malattia cardiaca hanno lo stesso rischio per attacco di cuore dei non diabetici con la malattia cardiaca stabilita.

  • Il primo punto nel difendersi dalla sindrome metabolica è di misurare il rischio di insulino-resistenza attraverso le analisi del sangue semplici quali i trigliceridi, l'insulina, HDL, CRP e DHEA.

  • L'insulino-resistenza e l'infiammazione possono essere ridotti solitamente efficacemente senza l'esigenza dei farmaci da vendere su ricetta medica usando le giuste strategie nutrizionali di stile di vita e di supplemento.

  • I supplementi nutrizionali che sono efficaci per ridurre l'insulino-resistenza includono l'olio di pesce, il cromo, l'estratto del fagiolo bianco, DHEA, la vitamina D, l'acido lipoico, il magnesio, la cannella, i beta glucani, i resveratroli ed i polifenoli trovati in cacao, in tè verde ed in mele.

Resistenza-radice dell'insulina del problema

La maggior parte della gente con la malattia cardiaca ed il diabete hanno, sepolto spesso gli anni più presto nel loro passato, un modello della sensibilità all'insulina difficile, o “l'insulino-resistenza.„ Una volta che questo fenomeno si consolida, la fase è messa.

L'insulina è l'ormone che aiuta le cellule ed i tessuti del corpo per usare il glucosio. Un processo autoimmune, con cui il sistema immunitario del corpo attacca le cellule producenti insulina del pancreas, è il difetto dietro il diabete di tipo 1. Ciò è un processo diverso dal cosiddetto “adulto-inizio„, o tipo - 2, il diabete.

Resistenza-radice dell'insulina del problema

Il diabete di tipo 2 in adulti rappresenta uno squilibrio metabolico sia della secrezione dell'insulina che dell'azione dell'insulina al livello cellulare, rispetto alla carenza assoluta di insulina osservata con il diabete di tipo 1. In pazienti con il diabete di tipo 2, una serie di fattori conducono ad una risposta difficile ad insulina in muscolo, grasso e fegato. In pratica, le cellule del tessuto diventano meno rispondenti ad insulina. Ciò avvia il pancreas per retribuire in modo eccessivo producendo le maggiori quantità di insulina. I livelli ematici di doppio dell'insulina, il triplo, anche quadruplo come il pancreas lotta per sopraffare la sensibilità all'insulina difficile del corpo. Ciò è la situazione chiamata “insulino-resistenza.„

Per le ragioni per cui ha ancora essere capito, un pancreas sovraccarico non può rispondere all'esigenza aumentata di insulina per lungamente. Dopo appena alcuni anni, le beta cellule producenti insulina del pancreas cominciano “bruciano„ e la glicemia aumenta. La glicemia in aumento è quindi un segno di insulino-resistenza.

L'insulino-resistenza è presente in 90% o più della gente con il diabete diagnosticato.4 in tutto il praticità, adulto-inizio, o tipo - 2, il diabete sono sinonimi con la sensibilità difficile ad insulina.

L'insulino-resistenza è una causa fondamentale di una serie di anomalie metaboliche che sono raggruppate insieme in una circostanza chiamata la sindrome metabolica. Questo disordine è associato con una miriade di conseguenze indesiderabili quale glicemia in aumento, trigliceridi aumentati, che conducono ad una riduzione in lipoproteina ad alta densità utile (HDL) e ad un aumento nelle particelle pericolose e piccole della lipoproteina a bassa densità (LDL), nel maggior rischio per la coagulazione del sangue e nell'ipertensione.4,5

La lista dei fenomeni metabolici avviati da insulino-resistenza dovrebbe sembrare esperto-questa è inoltre fattori di rischio per aterosclerosi coronaria.4

La proteina C-reattiva (CRP) — che cosa è?

Un alto CRP significa che i processi infiammatori sono attivi nel vostro corpo. Potreste avere una fonte ovvia, come un periodo recente della bronchite virale, dell'artrite dolorosa nel vostro ginocchio sinistro, o della gotta nell'alluce giusto. Tuttavia, un CRP aumentato inoltre dice voi ed il vostro medico che l'infiammazione può essere attiva in vostri vasi sanguigni.

Rischio aumentato di attacco di cuore dei doppi o di tripli di CRP (mg/l >3.0), indipendentemente dai livelli di LDL.80 quando CRP è alta, placca aterosclerotica coronaria è alla la rottura più incline, l'evento temuto che avvia un attacco di cuore. Quando alto CRP si presenta nella società di piccola dimensione delle particelle di LDL, uno dei fenomeni si è associato con insulino-resistenza (una misura della lipoproteina,81 il rischio di rischio di attacco di cuore è maggior quasi di 7 volte.82

la proteina C-reattiva deve essere osservata nel contesto di altre misure di salute e della malattia. Se elevato, il rischio di circostanze multiple intensifica.

Più circa la sindrome metabolica

La sindrome metabolica è conosciuta da una serie di sindrome differente della resistenza dell'nome-insulina, la sindrome X, il diabete limite, tra l'altro e tipicamente è associata con i trigliceridi aumentati, HDL riduttore, infiammazione intensificata, rischio triplo o maggior di attacco di cuore, maggior rischio 6 per il colpo ed il diabete.

Più circa la sindrome metabolica

La sindrome metabolica può determinare la crescita di placca aterosclerotica anche quando tutto il resto, come LDL, è corretta per perfezionare i livelli. Anche con i livelli eccellenti di LDL, per esempio, la malattia cardiaca aterosclerotica nascosta può continuare a svilupparsi ad un tasso in modo allarmante.

Il primo punto nel difendersi dall'insulino-resistenza e dalla sindrome metabolica è di misurare il suo rischio attraverso le prove semplici quali i trigliceridi, l'insulina, la pressione sanguigna, HDL, proteina C-reattiva e il dehyroepiandro-sterone (DHEA). Voi ed il vostro medico dovrebbero sospettare l'insulino-resistenza e la sindrome metabolica se:

  • HDL è <50 mg/dL in donne, <40 mg/dL negli uomini

  • I trigliceridi sono >150 mg/dL

  • La pressione sanguigna supera 130/85 di mmHg

  • La glicemia a digiuno è >100 mg/dL

  • C'è grasso addominale in eccesso.

La probabilità di sviluppare la sindrome metabolica inoltre intensifica acutamente sopra un indice di massa corporea (BMI) di 27. Tenga presente che questi tagli sono in qualche modo arbitrari e che pochi gradi di insulino-resistenza possono essere presenti prima che questi punti di taglio completamente siano raggiunti.

Alcuni autorevoli ricercatori sostengono la rilevazione del rischio di insulino-resistenza e di sindrome metabolica misurando la dimensione della vita. Se la circonferenza della vita è pollici >35 in una femmina o pollici >40 in un maschio, quindi la sindrome metabolica è un ad alto rischio.7,8

Insulino-resistenza ed infiammazione

L'insulino-resistenza inoltre è associato con infiammazione, come riflesso dai livelli aumentati della fattore-kappa nucleare B, interleukin-6 e proteina C-reattiva (CRP) degli indicatori infiammatori.la proteina C-reattiva 5,9 è l'analisi del sangue che è emerso poichè uno strumento importante per misurare l'infiammazione nascosta e impercettibile. Gli studi hanno indicato coerente che più alto il CRP, più luminosa la fiamma di infiammazione che brucia nel corpo e nel maggior la probabilità di attacco di cuore e di diabete.10-12

Inoltre, l'insulino-resistenza avvia le anomalie in un gruppo recentemente riconosciuto di molecole di segnalazione chiamate adipokines.13 cellule grasse, specialmente quelle nell'addome (“obesità centrale "), presuppongono una durata dei loro propri e cominciano ad agire appena come un nuovo organo indipendente del corpo, producendo dozzine di queste sostanze uniche. Il adipokine, leptina, per esempio, è prodotto dalle cellule grasse addominali ed induce i globuli bianchi chiamati macrofagi ad afferrare le particelle del colesterolo, un fenomeno creduto per aggiungere ad aterosclerosi coronaria. L'fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-alfa), un altro adipokine potente, attiva le risposte infiammatorie nel rilascio di aumenti e del tessuto vascolare delle molecole adesive, di cui tutt'e due aggiungono ad aterosclerosi.5,14,15 ha aumentato la massa di tessuto adiposo contribuisce alla secrezione aumentata delle citochine proinflammatory, particolarmente TNF-alfa.15

Sensibilità e riduzione aumentanti dell'insulina dell'infiammazione

La chiave alla riduzione o ad eliminare delle molte delle minacce sia della sindrome metabolica/dell'insulino-resistenza che della malattia cardiaca è di scheggiare via alla causa di origine entrambi e della sensibilità dell'insulina di aumento. Corregga questo difetto fondamentale e la correzione del multiplo che altri fenomeni seguiranno-HDL aumenterà, le piccole particelle di LDL saranno ridotte ed i trigliceridi si precipiteranno. Il fibrinogeno della proteina di coagulazione del sangue inoltre cadrà mentre il vigore e l'energia fisici aumenteranno.

Sensibilità e riduzione aumentanti dell'insulina dell'infiammazione

Inoltre, l'infiammazione nascosta che rifornisce sia la malattia cardiaca che la sindrome di combustibile metabolica potente sarà ridotta.

Nella maggior parte dei casi, l'insulino-resistenza, l'infiammazione e CRP possono essere ridotti solitamente efficacemente e dramatically-usually a normale-appen'usando i supplementi e le strategie nutrizionali di stile di vita discusse qui sotto. Ancora, raggiungere il controllo glycemic in pazienti con insulino-resistenza con lo stile di vita ed interventi nutrizionali può efficacemente impedire o ritardare lo sviluppo dei problemi e delle complicazioni cardiovascolari.

Poichè leggerete, dato il genere di destra di informazioni, le droghe non sono necessarie sempre forse raramente.

Le strategie di stile di vita che aiutano la sensibilità corretta dell'insulina, riducono l'infiammazione nascosta (CRP) e quindi contribuiscono a ridurre la probabilità della malattia cardiaca ed il diabete include:

Esercizio. Per miglioramento della sensibilità dell'insulina, almeno 30 minuti di attività fisica al giorno è richiesto per il beneficio, preferibilmente 60 minuti. Inoltre, il più frequente i vostri sforzi, il migliore. L'esercizio può ridurre l'infiammazione, pure. Un'esperienza israeliana in 28 pazienti con la coronaropatia ha indicato che 12 settimane dell'esercizio aerobico a 70-80% della frequenza cardiaca massima hanno ridotto CRP da 19% in non diabetici e di 40% in diabetici.Un addestramento di 16 forze con i pesi o la resistenza lavora inoltre gli aiuti a macchina aumentando il tasso metabolico basale ed accelerando la perdita grassa. Venti minuti di addestramento di forza possono accelerare due volte alla settimana il progresso immensamente.

Perdita di peso (se sovrappeso). La perdita di peso rende l'effetto più drammatico di tutti per sia il miglioramento della risposta dell'insulina che la riduzione dell'infiammazione. La perdita di peso rende i cali drammatici in CRP.17-19 il determinante principale è la quantità di peso persa, non i mezzi da cui la raggiungete.18–20

Alimenti sani. Scelga gli alimenti ricchi di fibra solubile ed abbassi nel carico glycemic (cioè la somma totale delle calorie del carboidrato e dello zucchero). I migliori alimenti sono dadi e semi crudi, crusca d'avena, proteine magre ed acidi grassi omega-3. Alcuni approcci dietetici possono imballare un maggior effetto che altri (vedi sotto). Le strategie dietetiche come sostituzione del grasso saturo con gli oli sani gradiscono l'oliva, il canola ed il seme di lino (per i monoinsaturi); selezione degli alimenti più bassi del glycemic-carico quali le proteine magre, gli interi prodotti del grano e le verdure; ed evitando gli alimenti come farina bianca trasformata e degli gli alimenti carichi di zucchero bianchi gradisca i biscotti, i cracker, caramelle ed i dolci contribuiranno a sottomettere l'infiammazione e migliorare la risposta dell'insulina.21-23

Che cosa è il vostro livello di insulino-resistenza?

La dieta Mediterranea è un efficace approccio per migliorare le risposte dell'insulina e per ridurre l'infiammazione. ATTICA Study greco oltre di 3.000 uomini e donne ha reso il rapporto di riproduzione di 20% di CRP di partecipanti che hanno aderito il più molto attentamente ad una dieta Mediterranea tradizionale. La dieta include l'olio d'oliva abbondante (una fonte ricca di grasso monoinsaturo), verdure e frutta, dadi e pesce, con pochi o nessun alimenti trasformati.Altri 24 parecchi studi hanno dimostrato il miglioramento nelle risposte dell'insulina e la riduzione di glicemia sulla dieta Mediterranea.23,25,26

Una spinta importante nell'assunzione solubile della fibra può anche aumentare il successo nella riduzione delle risposte dell'insulina e di infiammazione. David Jenkins, MD, PhD, DSc, al centro clinico di modifica di fattore di rischio & di nutrizione a Toronto ha acquisito un'esperienza affascinante facendo uso di un approccio che chiama “la cartella dietetica„ degli alimenti d'abbassamento.

In uno studio, 46 partecipanti hanno seguito un programma di quattro settimane di nutrizione che ha aggiunto le seguenti sostanze nutrienti per 1.000 kcal dell'assunzione totale degli oggetti: 1,0 grammi di fitosteroli (alti in steroli vegetali), solubili 9,8 grammi viscosi, o, fibre quali i prodotti dell'avena e della crusca d'avena, orzo e seme dello psyllium, 21,4 grammi di proteina di soia e 14 grammi di mandorle crude. (Una dieta kcal 2.400 essere in media fornirebbe 2,4 grammi di fitosteroli, 24 grammi di fibra viscosa, 51 grammo di proteina di soia e 34 grammi di mandorle.) I partecipanti hanno fatto la media un'assunzione della fibra di 78 grammi/giorno, che è cinque volte più fibra che l'americano medio consuma.27 un il gruppo di controllo hanno seguito un grasso saturo molto basso, una latteria e un'intera dieta del cereale del grano, piuttosto che gli alimenti che contenente le fibre e gli steroli vegetali viscosi.28

La cartella dietetica del Dott. Jenkins ' ha raggiunto una riduzione di LDL di 29% e un rapporto di riproduzione di 28% di CRP, rispetto al gruppo di controllo che ha raggiunto il rapporto di riproduzione di soltanto 8% di LDL ed il rapporto di riproduzione di 10% di CRP. Un altro gruppo del trattamento sulla dieta di controllo ha ricevuto il trattamento con la droga del colesterolo, la lovastatina (Mevacor®), ma ha eseguito non migliore del gruppo dietetico della cartella.28

La cartella dietetica del Dott. Jenkins ' ed altri studi inoltre hanno indicato che l'assunzione abbondante della fibra, le fibre particolarmente viscose o solubili, rallenta il rilascio degli zuccheri nella circolazione sanguigna e quindi smussa le eccessive risposte dell'insulina. I miglioramenti nelle risposte della sensibilità e della glicemia dell'insulina inoltre sono stati dimostrati in parecchi altri studi.29,30

Sonno. La mancanza cronica di sonno di una notte completa altera la funzione dell'insulina e contribuisce (all'interno dei contenuti addominali) all'accumulazione grassa viscerale peculiare alla sindrome metabolica.31 sette - otto ore di mantenimento di sonno per aiuti di notte migliorano le risposte dell'insulina.Il completamento della melatonina 31,32 per ristabilire i cicli normali di sonno-veglia può contribuire a migliorare la sindrome e l'infiammazione metaboliche.33

Che cosa è il vostro livello di insulino-resistenza?

Un metro della glicemia può essere un'aggiunta utile ai vostri strumenti di salute domestica. I produttori forniscono spesso un buono per coprire il costo del metro, comunque strisce test monouso fatte funzionare circa $1 ciascuno.

Secondo l'associazione americana del diabete,83 se il sangue è provato dopo un veloce di notte ed il numero leggono:

  • >126 mg/dL – Vedi il vostro medico per la conferma poichè 126 mg/dL sono il taglio per la diagnosi del diabete.

  • 100-125 mg/dL – Il glucosio a digiuno Impaired (IFG) può essere presente, significando che le cellule del vostro corpo stanno diventando insulina-resistenti.

  • 100-110 mg/dL – Una zona grigia. Non perfezionare ma non ancora nella gamma ufficiale di insulino-resistenza o di IFG. Se questa è la vostra lettura, quindi ora è il momento di cominciare agire per impedire la malattia metabolica attuarsi.84

  • <100 mg/dL – “normale„ (idealmente, i ricercatori del prolungamento della vita e gli scienziati ritengono che la glicemia a digiuno dovrebbe essere nell'ordine di 70-85 mg/dL per la longevità ottimale).

Poiché l'insulino-resistenza avvia il pancreas per produr in eccessoe l'insulina, misurare l'insulina di digiuno livellata può anche identificare la resistenza ai suoi effetti. I livelli elevati saranno, solitamente >10 µU/mL, sebbene spesso 30, 40 o più alto, anche quando il glucosio è normale (<100 mg/dL).

Che cosa sono le probabilità?

L'esame nazionale di nutrizione e di salute esamina nel 1999-2002 indicato quello:85

  • Un terzo degli adulti con il diabete non sa che lo hanno. Quello aggiunge a oltre 6 milione di persone.

  • Della popolazione totale degli Stati Uniti, una in quattro adulti ha alterato il glucosio a digiuno (IFG) e la proporzione aumenta con l'età.

  • Fino a 35% degli adulti degli Stati Uniti hanno il diabete (diagnosticato e non diagnosticato) o IFG.

Ed i numeri stanno sviluppando mentre gli Americani diventano più sovrappeso e sedentari.85

Supplementi nutrizionali

I seguenti supplementi possono contribuire a ridurre l'insulino-resistenza e l'infiammazione nel corpo:

Olio di pesce. Gli acidi grassi Omega-3 contenuti in olio di pesce aiutano nei numerosi modi.34 Omega-3s efficacemente riducono i trigliceridi inevitabilmente elevati della sindrome metabolica, alzano HDL e riducono l'infiammazione.35-38 di tutti i loro benefici, il potere di riduzione dei trigliceridi di omega-3s rappresenta il loro effetto più potente, che è probabilmente responsabile della riduzione drammatica dell'attacco di cuore e del colpo visto con il completamento.39-41 circa acido docosaesaenoico di mg 1.400 l'acido eicosapentanoico di mg e 1.000 è raccomandato ogni giorno per il mantenimento del cuore sano.

Cromo. Le dosi di cromo supplementare che variano da 200 mcg/giorno a 1.000 mcg/giorno migliorano la glicemia migliorando gli effetti di insulina.42,43 supplementi del cromo inoltre offrono un'aggiunta utile ai pazienti diabetici sulla terapia di sulfonilurea, che è associata normalmente con obesità una volta presa da solo. In uno studio recente in diabetici adulti, l'obesità usuale veduta con la terapia di sulfonilurea è stata ridotta significativamente completando con il picolinate del cromo, 1.000 mcg/giorno.Altri 43 studi hanno dimostrato che il completamento del cromo riduce sicuro i livelli del trigliceride e del colesterolo e possono ridurre i requisiti del farmaco orale di antidiabetico.44

Supplementi nutrizionali

Estratto del fagiolo bianco. Questo estratto del fagiolo bianco comune, phaseolus vulgaris, è uno stampo dell'amido quell'assorbimento intestinale del carboidrato dei blocchi da fino a 66%. Uno studio randomizzato e controllato con placebo recente ha indicato che 445 mg di estratto del fagiolo bianco in adulti di peso eccessivo hanno condotto due volte al giorno a 6,4 libbre di perdita di peso (mentre mantenendo la massa magra del corpo) dopo i 30 giorni rispetto a soltanto 0,8 libbre negli oggetti non trattati.45

L'estratto del fagiolo bianco inoltre migliora le risposte dell'insulina da assorbimento dello zucchero riducente e con perdita di peso.45

DHEA. Una volta preso ad ora di andare a letto, questo ormone della ghiandola surrenale migliora la mobilizzazione di grasso addominale che contribuisce alla sindrome, all'insulino-resistenza ed all'infiammazione metabolici.Il prolungamento della vita 46 raccomanda la gamma usuale della dose per gli uomini invecchianti e le donne è mg 15-75 quotidiano. Nel migliore dei casi, i livelli ematici di DHEA-S dovrebbero essere ottenuti tre - sei settimane dopo il dosaggio per valutare la singola risposta.46 uomini e donne con i cancri ormone-rispondenti dovrebbero completare soltanto con DHEA dopo spazio dal loro medico personale.

I rapporti emozionanti di D. Numerous della vitamina circa gli effetti benefici della miriade della d della vitamina comprendono le osservazioni recenti che la carenza di vitamina D contribuisce ad insulino-resistenza e solleva la pressione sanguigna (aumentando la renina d'innalzamento dell'ormone del sangue).La carenza di vitamina D 47 è eccessivamente comune, specialmente nei climi nordici, dove fino a 90% della gente hanno carenza moderato--severa. Nei climi Sun-sfavoriti, le UI/die 1,000-4,000 possono essere richieste per sollevare i livelli ematici al normale, occasionalmente più. La maggior parte della gente che manca dell'esposizione del sole può prendere sicuro le UI/die 2.000.48 tuttavia, l'esposizione adeguata del sole necessariamente non garantisce i livelli ottimali di vitamina D.Lo stato di vitamina D 49 può essere valutato facendo il suo provare sangue. I livelli ottimali sono considerati come nell'ordine 30-50 del ng/ml (75-125 nmol/L) 25 del hydroxyvitamin D nel sangue. (Discuta il completamento di vitamina D con il vostro medico se avete la malattia renale, i calcoli renali, o una storia dei livelli elevati del calcio.)

La vitamina D inoltre sta guadagnando il riconoscimento come modulatore cruciale di infiammazione. Uno studio dell'università di Londra ha dimostrato una riduzione drammatica delle proteine infiammatorie CRP e della proteinasi metallica della matrice (MMP), dopo il completamento in 171 adulto in buona salute, con un rapporto di riproduzione facente sussultare di 68% di MMP.50

Magnesio. Questo minerale è necessario per le più di 300 reazioni biochimiche ed è riconosciuto come mediatore importante di azione dell'insulina e nella riduzione dell'infiammazione. In parecchi studi, il completamento orale quotidiano del magnesio ha migliorato sostanzialmente la sensibilità dell'insulina da 10% ed ha ridotto la glicemia di 37%.51-53 lo studio della salute delle donne compreso quasi 12.000 partecipanti ha mostrato che quella gente che non riesce a prendere l'assunzione adeguata raccomandata di un magnesio di 320-420 mg/giorno sia più incline hanno sia sindrome metabolica che che ha aumentato CRP.54 ha migliorato la sensibilità ad insulina generata dalla sostituzione del magnesio può ridurre drammaticamente i trigliceridi vicino fino a 75 mg/dL.53 ha ridotto la disponibilità del trigliceride, a loro volta, riduce delle le particelle ricche di trigliceride, la lipoproteina molto a bassa densità (VLDL) ed i piccoli LDL, che sono contributori potenti alla malattia cardiaca. Il completamento del magnesio può anche sollevare i livelli di HDL utile.55,56

La carenza di magnesio è comune non solo da un punto di vista dietetico, ma inoltre sta trasformandosi in in un'edizione ancora più grande poichè la gente si gira verso acqua in bottiglia, che contiene appena abbastanza magnesio e mentre il trattamento delle acque municipale “addolcisce più intensivamente„ la sua acqua rimuovendo il magnesio.

Anche il governo federale ammette che molti Americani non ottengono la quantità raccomandata di magnesio, che è 320 mg/giorno per le donne e 420 mg/giorno per gli uomini.Il completamento del magnesio 57 è quindi un bisogno per salute per la maggior parte della gente. (Discuta questo con il vostro medico se avete disordini dell'elettrolito o della malattia renale.)

Flavonoidi. I composti flavonoidi naturali sono importanti per la soppressione dell'infiammazione. La ricerca emergente suggerisce che alcuni flavonoidi inoltre migliorino la risposta dell'insulina e riducano l'insulino-resistenza. Di migliaia di flavonoidi conosciuti identificati, vari, compreso i polifenoli ed i resveratroli, corrispondono fuori a questi benefici.

I polifenoli derivati da tè verde, da cacao e dalle mele stanno emergendo come agevolatori potenti delle risposte dell'insulina come pure stanno essendo composti antinfiammatori potenti.58-60 uno studio che paragona gli effetti di cioccolato fondente, contenenti i polifenoli utili del cacao, alla cioccolata bianca (non cacao), 100 grammi al giorno per 15 giorni, indicato che soltanto il cioccolato fondente ha migliorato la sensibilità dell'insulina.61 un altro studio in 10 volontari sani hanno indicato che 37 grammi di cioccolato fondente (che contiene 148 mg di procianidine) hanno reso una diminuzione di 29% in leucotrieni infiammatori e un aumento di 32% nella prostaciclina antinfiammatoria rispetto agli oggetti che hanno ricevuto il cioccolato che contenente soltanto 33 mg di procianidine.58 questa diminuzione netta nel rapporto della leucotriene-prostaciclina del plasma, una misura dell'equilibrio proinflammatory-anti-infiammatorio del eicosanoid, dissipata sei ore dopo gli oggetti hanno ingerito il cioccolato, suggerente che il consumo di fonti flavonoidi parecchie volte un il giorno fosse più probabile rendere il massimo beneficio.58

I polifenoli del cacao inoltre funzionano nella sinergia con i beta glucani, che offrono una fonte eccellente di carboidrati basso glycemic. I beta glucani sono una forma eccellente di fibra dietetica solubile che contribuiscono a modulare la risposta del corpo agli alimenti contenenti carboidrati,62-64 promuovono la sazietà e la perdita di peso,65 ed abbassano i livelli di CRP.66

I ricercatori inoltre hanno trovato che la cannella contribuisce a diminuire l'impulso pericoloso del dopo-pasto in glicemia,67 dovuto i polifenoli solubili in acqua contenuti in questa spezia.68

Il resveratrolo, un flavonoide trovato nelle pelli dell'uva e concentrato in vino rosso, inoltre ha attirato molta attenzione della ricerca. Il vino rosso, 12 oz/day, è stato trovato per migliorare le risposte dell'insulina nella gente con il diabete. Il resveratrolo sopprime i mediatori infiammatori e potente inibisce la proteinasi metallica della matrice, un innesco per la rottura aterosclerotica della placca che provoca l'attacco di cuore ed il colpo.69 nei dati estrapolati dagli studi sugli animali, le dosi di resveratroli almeno di 20 mg/giorno sono necessarie da proteggere dalla malattia cardiaca.70 un vetro di vino rosso (circa 6 once o 180 ml) fanno la media appena 500 mcg dei resveratroli.71 inoltre, il contenuto di resveratroli in vini rossi varia enorme secondo tipo di uva, le caratteristiche del suolo, i metodi di imbarilamento, ecc., ma le medie intorno ai Non bevitori ed a quellidi soltanto 2,5 mg/l 71 la protezione di ricerca per un cuore sano possono ottenere i resveratroli come supplemento autonomo, o misto con altri flavonoidi.

Il supplemento antiossidante potente, acido lipoico, è inoltre una strategia utile per accorciare le risposte infiammatorie e per migliorare le risposte dell'insulina.72-78 sebbene gran parte della ricerca su acido lipoico 600-1,800 mg/giorno abbia messo a fuoco sul miglioramento degli stati dolorosi del nervo connessi con il diabete di tipo 2, l'acido lipoico inoltre sopprime i mediatori infiammatori, quali interleukin-6 ed il plasminogeno activator-1.79

Rompa il collegamento di insulino-resistenza e riduca il vostro rischio di malattia cardiaca e di diabete

Scegliendo gli alimenti bassi del glycemic-carico ricchi di fibra solubile, ottenendo il sonno di una notte completa coerente come possibile, l'esercizio e prendere i supplementi nutrizionali gradiscono l'olio di pesce, la vitamina D (particolarmente se Sun-siete privato), l'acido lipoico, il magnesio, la cannella, i beta glucani, resveratroli ed i polifenoli trovati in cacao, in tè verde ed in mele fa parte di un piano integrante potente per la rottura del collegamento di insulino-resistenza.

Potete tracciare una carta del vostro progresso periodicamente misurando vari fattori metabolici e cardiovascolari importanti.

Volete raggiungere:

  • Glicemia a digiuno: <100 mg/dL

  • proteina C-reattiva: < 0,55 mg/l per gli uomini e mg/l <1.5 per le donne

  • Trigliceridi a digiuno del sangue: <100 mg/dL

  • Sangue HDL: >40-50 mg/dL per gli uomini e >50 mg/dL per le donne

  • Circonferenza della vita: <40 misura per gli uomini ed i pollici <35 per le donne.

Se avete avuto un'analisi della lipoproteina, per esempio, un VAP® (profilo automatico verticale) o (prova RMN a risonanza magnetica nucleare), ridurre piccolo LDL a <15% di LDL totale può essere una misura secondaria utile. Il raggiungimento della pressione sanguigna di ≤130/85 mmHg è un altro scopo importante.

Ricordi, facendo diminuire il rischio della malattia cardiaca è molto più semplicemente del prendendo una droga di statina o dell'assicurandosi che il vostro LDL sia all'interno di una gamma ottimale. Mettendo a fuoco sul miglioramento della sensibilità dell'insulina, potete contribuire a ridurre il rischio di attacco di cuore ed a rompere il collegamento letale fra le malattie cardiovascolari e metaboliche!

Il Dott. William Davis è un cardiologo di pratica a Milwaukee, Wisconsin. È fondatore della pista il vostro programma della placca, un programma di prevenzione della malattia cardiaca che mostra come usare le ricerche del cuore di CT per controllare la placca coronaria. Può essere contattato con www.TrackYourPlaque.com.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Haffner MP, Lehto S, Ronnemaa T, Pyorala K, Laakso M. Mortality dalla coronaropatia negli oggetti con il diabete di tipo 2 e negli oggetti nondiabetic con e senza infarto miocardico priore. Med di N Inghilterra J. 23 luglio 1998; 339(4): 229-34.

2. Kowalska I, Prokop J, Bachorzewska-Gajewska H, et al. perturbazioni del metabolismo del glucosio negli uomini si è riferito per l'arteriografia coronaria. Glycemia di Postload come preannunciatore per aterosclerosi coronaria. Cura del diabete. 2001 maggio; 24(5): 897-901.

3. DG di Conaway, O'Keefe JH, Reid kJ, Spertus J. Frequency del diabete mellito non diagnosticato in pazienti con la sindrome coronarica acuta. J Cardiol. 1° agosto 2005; 96(3): 363-5.

4. Bansilal S, Farkouh ME, Fuster V. Role di insulino-resistenza e dell'iperglicemia nello sviluppo di aterosclerosi. J Cardiol. 19 febbraio 2007; 99 (4A): 6B-14B.

5. Dandona P, Aljada A, Chaudhuri A, Mohanty P, sindrome di Garg R. Metabolic: una prospettiva completa basata sulle interazioni fra obesità, diabete ed infiammazione. Circolazione. 22 marzo 2005; 111(11): 1448-54.

6. HM di Lakka, Laaksonen DE, TUM di Lakka, et al. La mortalità metabolica di sindrome e di totale e della malattia cardiovascolare in uomini di mezza età. JAMA. 4 dicembre 2002; 288(21): 2709-16.

7. Sintesi del terzo rapporto del gruppo di esperti nazionale di programma educativo del colesterolo (NCEP) su rilevazione, sulla valutazione e sul trattamento di alto colesterolo del sangue in adulti (pannello adulto di trattamento III). JAMA. 2001; 285:2486-97.

8. Grundy MP, Hansen B, Sc di Smith, Cleeman JI, RA di Kahn. Gestione clinica della sindrome metabolica. Circolazione. 2004;109:551-6.

9. Bluher m., Fasshauer m., Tonjes A, et al. associazione di interleukin-6, proteina C-reattiva, concentrazioni del plasma di adiponectin e di interleukin-10 con le misure di obesità, sensibilità dell'insulina e metabolismo del glucosio. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2005 ottobre; 113(9): 534-7.

10. Dandona P. Effects degli agenti antidiabetici e antihyperlipidemic su proteina C-reattiva. Mayo Clin Proc. 2008 marzo; 83(3): 333-42.

11. Ridker PM. Biomarcatori e rischi infiammatori di infarto miocardico, di colpo, di diabete e di mortalità totale: implicazioni per la longevità. Rev. 2007 di Nutr dicembre; 65 (12 pinte 2): S253-9.

12. Il ms di Sabatine, Morrow DA, KA di Jablonski, et al. significato prognostico dei centri per la proteina C-reattiva alto-sensibilità americana di associazione del cuore/del controllo delle malattie ha tagliato i punti per risultati cardiovascolari ed altri in pazienti con la coronaropatia stabile. Circolazione. 27 marzo 2007; 115(12): 1528-36.

13. Calabro P, Yeh ET. Adiposità intra-addominale, infiammazione e rischio cardiovascolare: Nuova visione del rischio globale di Cardiometabolic. Rappresentante di Curr Hypertens. 2008 febbraio; 10(1): 32-8.

14. Ferroni P, Basili S, Falco A, Davì G. Inflammation, insulino-resistenza ed obesità. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 novembre; 6(6): 424-31.

15. Sonnenberg GE, Krakower GR, Kissebah AH. Una via novella alle manifestazioni della sindrome metabolica. Ricerca di Obes. 2004 febbraio; 12(2): 180-6.

16. Goldhammer E, Tanchilevitch A, Maor I, et al. addestramento di esercizio modula l'attività di citochine nei pazienti della coronaropatia. Int J Cardiol. 8 aprile 2005; 100(1): 93-9.

17. Clifton PM, Keogh JB, PR adottivo, Noakes M. Effect di perdita di peso sugli indicatori infiammatori e endoteliali e FMD facendo uso di due diete a basso contenuto di grassi. Int J Obes (Lond). 2005 dicembre; 29(12): 1445-51.

18. Esposito K, Pontillo A, Di PC, et al. l'effetto di perdita di peso e dello stile di vita cambia sugli indicatori infiammatori vascolari in donne obese: una prova randomizzata. JAMA. 9 aprile 2003; 289(14): 1799-804.

19. A dovuto, Toubro S, Stender S, Skov AR, Astrup A. L'effetto delle diete alte in proteina o carboidrato sugli indicatori infiammatori negli oggetti di peso eccessivo. Diabete Obes Metab. 2005 maggio; 7(3): 223-9.

20. Il CD di Gardner, Kiazand A, Alhassan S, et al. il confronto del Atkins, la zona, Ornish ed IMPARANO le diete per cambiamento nel peso ed i fattori di rischio relativi fra le donne premenopausa di peso eccessivo: lo studio di perdita di peso di Z - di A: una prova randomizzata. JAMA. 7 marzo 2007; 297(9): 969-77.

21. Esposito K, Marfella R, Ciotola m., et al. effetto di una dieta stile Mediterraneo su disfunzione endoteliale ed indicatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: una prova randomizzata. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1440-6.

22. Zhao G, Etherton TD, Kr di Martin, et al. acido alfa-linoleico dietetico riduce i fattori di rischio cardiovascolari del lipido ed infiammatori in uomini ed in donne ipercolesterolemici. J Nutr. 2004 novembre; 134(11): 2991-7.

23. Serra-Majem L, B romana, prova scientifica di Estruch R. degli interventi facendo uso della dieta Mediterranea: una rassegna sistematica. Rev. 2006 di Nutr febbraio; 64 (2 pinte 2): S27-S47.

24. Chrysohoou C, DB di Panagiotakos, Pitsavos C, Das ONU, Stefanadis C. Adherence alla dieta Mediterranea attenua il processo di coagulazione e di infiammazione in adulti in buona salute: ATTICA Study. J Coll Cardiol. 7 luglio 2004; 44(1): 152-8.

25. Paniagua JA, de la Sacristana AG, Sánchez E, et al. Di una dieta ricca MUFA migliora il glucosio, il lipido e le risposte posprandial GLP-1 negli oggetti insulina-resistenti. J Coll Nutr. 2007 ottobre; 26(5): 434-44.

26. DB di Tzima N, di Pitsavos C, di Panagiotakos, et al. livelli Mediterranei di sensibilità dell'insulina e di dieta, di profilo del lipido e di pressione sanguigna, in gente di peso eccessivo ed obesa; lo studio di Attica. Salute DIS dei lipidi. 19 settembre 2007; 6:22.

27. Disponibile a: http://www.eatright.org/ada/files/Metamucil_Fact_Sheet.pdf. 1° aprile 2008 raggiunto.

28. Jenkins DJ, Kendall CW, Marchie A, et al. effetti di una cartella dietetica di colesterolo-abbassamento degli alimenti contro le lovastatine sui lipidi del siero e sulla proteina C-reattiva. JAMA. 23 luglio 2003; 290(4): 502-10.

29. Savaiano DA, storia JA. Malattia cardiovascolare e fibra: è l'insulino-resistenza l'anello mancante? Rev. 2000 di Nutr novembre; 58(11): 356-8.

30. Jenkins DJ, Axelsen m., Kendall CW, et al. fibra dietetica, carboidrati del lente e le malattie insulina-resistenti. Br J Nutr. 2000 marzo; 83 supplementi 1S157-63.

31. JUNIOR di Jennings, Muldoon MF, Corridoio m., Buysse DJ, SB di Manuck. la qualità Auto-riferita di sonno è associata con la sindrome metabolica. Sonno. 1° febbraio 2007; 30(2): 219-23.

32. Gottlieb DJ, nanometro punjabi, Newman ab, et al. associazione di tempo di sonno con il diabete mellito e tolleranza al glucosio alterata. Med dell'interno dell'arco. 25 aprile 2005; 165(8): 863-7.

33. Plante GE. Sonno e disturbi vascolari. Metabolismo. 2006 ottobre; 55 (10 supplementi 2): S45-9.

34. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4632. 1° aprile 2008 raggiunto.

35. PC di Calder. acidi grassi n-3 e malattia cardiovascolare: prova spiegata e meccanismi esplorati. Clin Sci (Lond). 2004 luglio; 107(1): 1-11.

36. KD rigido, parco EJ, Maines VA, Holub BJ. Effetto di un concentrato dell'olio di pesce sui lipidi del siero in donne postmenopausali che ricevono e che non ricevono terapia ormonale sostitutiva in un controllato con placebo, studio in doppio cieco. J Clin Nutr. 2000 agosto; 72(2): 389-94.

37. Palladio di Tsitouras, Gucciardo F, ANNUNCIO di Salbe, Heward C, Harman MP. L'alto consumo di grassi Omega-3 migliora la sensibilità dell'insulina e riduce CRP e IL6, ma non colpisce altre asce endocrine in adulti più anziani in buona salute. Ricerca di Horm Metab. 2008 marzo; 40(3): 199-205.

38. Sbarra DE. Il ruolo di consumo di alfa-linolenico, di eicosapentanoico e gli acidi docosaesaenoici in sindrome e diabete di tipo 2 metabolici umani--un mini-esame. J oleo Sci. 2007;56(7):319-25.

39. Ciubotaru I, Lee YS, vaga RC. L'olio di pesce dietetico fa diminuire la proteina C-reattiva, interleukin-6 ed il triacilglicerolo al rapporto del HDL-colesterolo in donne postmenopausali sulla terapia ormonale sostitutiva. Biochimica di J Nutr. 2003 settembre; 14(9): 513-21.

40. Acidi grassi S, et al. n-3 di Dewailly E, di Blanchet C, di Lemieux e fattori di rischio della malattia cardiovascolare fra l'inuit di Nunavik. J Clin Nutr. 2001 ottobre; 74(4): 464-73.

41. Albert cm, Campos H, Stampfer MJ, et al. livelli ematici di acidi grassi a catena lunga n-3 ed il rischio di morte improvvisa. Med di N Inghilterra J. 2002;346(15):1113-8.

42. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, et al. assunzioni elevate di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.

43. Martin J, Wang ZQ, Zhang XH, et al. il completamento del picolinate del cromo attenua l'obesità del corpo ed aumenta la sensibilità dell'insulina negli oggetti con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 agosto; 29(8): 1826-32.

44. Il CL di Broadhurst, Domenico P. Clinical studia sul completamento del picolinate del cromo nell'esame mellito-un del diabete. Diabete Technol Ther. 2006 dicembre; 8(6): 677-87.

45. Celleno L, Tolaini sistemi MV, D'Amore A, Perricone NV, HG di Preuss. Un integratore alimentare che contiene l'estratto standardizzato del phaseolus vulgaris influenza la composizione corporea degli uomini e delle donne di peso eccessivo. Int J Med Sci. 2007;4(1):45-52.

46. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

47. Holick MF. Alta prevalenza di insufficienza e delle implicazioni di vitamina D per salute. Mayo Clin Proc. 2006 marzo; 81(3): 353-73.

48. Holick MF. Carenza di vitamina D. Med di N Inghilterra J. 19 luglio 2007; 357(3): 266-81.

49. Binkley N, Novotny R, Krueger D, et al. stato basso di vitamina D malgrado esposizione abbondante del sole. J Clin Endocrinol Metab. 2007 giugno; 92(6): 2130-35.

50. Timms PM, mannano N, Hitman GA, et al. MMP9 di circolazione, vitamina D e variazione nella risposta TIMP-1 con il genotipo di VDR: meccanismi per danno infiammatorio nei disturbi cronici? QJM. 2002 dicembre; 95(12): 787-96.

51. Il Guerrero-Romero la F, Tamez-Perez, Gonzalez-Gonzalez G, et al. il completamento orale del magnesio migliora la sensibilità dell'insulina negli oggetti non-diabetico con insulino-resistenza. Una prova randomizzata controllata con placebo della prova alla cieca. Diabete Metab. 2004 giugno; 30(3): 253-8.

52. Rodriguez-Moran m., il completamento del magnesio del Guerrero-Romero F. Oral migliora la sensibilità dell'insulina ed il controllo metabolico nel tipo - 2 oggetti diabetici: una prova controllata della prova alla cieca randomizzata. Cura del diabete. 2003 aprile; 26(4): 1147-52.

53. Yokota K, Kato m., Lister F, et al. efficacia clinica del completamento del magnesio in pazienti con il diabete di tipo 2. J Coll Nutr. 2004 ottobre; 23(5): 506S-9S.

54. Assunzione di canzone Y, di Ridker PM, di Manson JE, et al. del magnesio, proteina C-reattiva e la prevalenza della sindrome metabolica nelle donne di mezza età e più anziane degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2005 giugno; 28(6): 1438-44.

55. Rasmussen HS, Aurup P, Goldstein K, et al. influenza di terapia di sostituzione del magnesio sulla composizione lipidica del sangue in pazienti con la malattia cardiaca ischemica. Una prova alla cieca, placebo ha controllato lo studio. Med dell'interno dell'arco. 1989 maggio; 149(5): 1050-3.

56. Ms di Farvid, Siassi F, Jalali m., Hosseini m., Saadat N. L'impatto del completamento del minerale e/o della vitamina sui profili del lipido in diabete di tipo 2. Ricerca Clin Pract del diabete. 2004 luglio; 65(1): 21-8.

57. Disponibile a: http://dietary-supplements.info.nih.gov/factsheets/magnesium.asp. 1° aprile 2008 raggiunto.

58. Il DD di Schramm, Wang JF, Holt il RR, et al. procianidine del cioccolato fa diminuire il rapporto della leucotriene-prostaciclina in esseri umani e cellule endoteliali aortiche umane. J Clin Nutr. 2001 gennaio; 73(1): 36-40.

59. Ohta Y, Funayama m., Seino H, et al. polifenolo di Apple migliora l'indipendenza del metabolismo dei lipidi e dell'insulina in ratti obesi. Il Giappone Shokuhin Kagaku Kogaku Kaishi. 2007;54(6):287-94.

60. Serisier S, Leray V, Poudroux W, et al. effetti di tè verde sulla sensibilità dell'insulina, profilo del lipido ed espressione di PPARalpha e PPARgamma ed i loro geni dell'obiettivo in cani obesi. Br J Nutr. 6 dicembre 2007; 1-9.

61. Grassi D, Lippi C, Necozione S, Desideri G, ferri amministrazione di C. Short-term di cioccolato fondente è seguito da un importante crescita nella sensibilità dell'insulina e da una diminuzione nella pressione sanguigna in persone in buona salute. J Clin Nutr. 2005 marzo; 81(3): 611-4.

62. Queenan chilometro, Stewart ml, Smith KN, et al. beta-glucano concentrato dell'avena, una fibra fermentabile, abbassa il colesterolo nel siero in adulti ipercolesterolemici in una prova controllata randomizzata. Nutr J. 2007; 6: 6.

63. Deviazione standard di Poppitt, van Drunen JD, McGill A, TB di Mulvey, Fe di Leahy. Il completamento di una prima colazione del alto-carboidrato con il beta-glucano dell'orzo migliora la risposta glicemica postprandiale per i pasti ma non le bevande. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(1):16-24.

64. Biorklund m., van Rees A, Mensink RP, Onning G. Changes in lipidi del siero e concentrazioni postprandiali nell'insulina e nel glucosio dopo consumo di bevande con i beta-glucani dall'avena o dall'orzo: ad una prova controllata a dose randomizzata. EUR J Clin Nutr. 2005 novembre; 59(11): 1272-81.

65. Il Greenway F, CE di O'Neil, Stewart L, rood J, Keenan m., settimane di Martin R. Fourteen del trattamento con Viscofiber ha aumentato i livelli di digiuno di peptide-1 del tipo di glucagone e di peptide-YY. J Med Food. 2007 dicembre; 10(4): 720-4.

66. McCarty MF. le diete di Basso insulina risposta possono fare diminuire la proteina C-reattiva del plasma influenzando la funzione del adipocyte. Med Hypotheses. 2005;64(2):385-7.

67. Hlebowicz J, Darwiche G, Bjorgell O, Almer LO. Effetto di cannella su glicemia postprandiale, sullo svuotamento gastrico e sulla sazietà negli individui sani. J Clin Nutr. 2007 giugno; 85(6): 1552-6.

68. Anderson RA, CL di Broadhurst, Polansky millimetro, et al. isolamento e caratterizzazione del tipo-Un polimeri del polifenolo da cannella con attività biologica del tipo di insulina. Alimento chim. di J Agric. 14 gennaio 2004; 52(1): 65-70.

69. Quercia MH, EL BJ, Anglard P, Schini-Kerth VB. I composti polifenolici del vino rosso inibiscono forte l'espressione della pro-matrice metalloproteinase-2 e la sua attivazione in risposta a trombina via inibizione diretta di tipo della membrana - 1 - proteinasi metallica della matrice in cellule di muscolo liscio vascolari. Circolazione. 28 settembre 2004; 110(13): 1861-7.

70. Thirunavukkarasu m., Penumathsa SV, Koneru S, et al. resveratrolo allevia la disfunzione cardiaca in da diabete indotto streptozotocin: Ruolo di ossido di azoto, di thioredoxin e dell'ossigenase del heme. Med libero di biol di Radic. 1° settembre 2007; 43(5): 720-9.

71. Folts JD. Indennità-malattia potenziali dai flavonoidi nei prodotti dell'uva sulla malattia vascolare. Adv Exp Med Biol. 2002;505:95-111.

72. Jacob S, Ruus P, Hermann R, et al. somministrazione orale di acido RAC-alfa-lipoico modula la sensibilità dell'insulina in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito: una prova pilota controllata con placebo. Med libero di biol di Radic. 1999 agosto; 27 (3-4): 309-14.

73. Jacob S, Henriksen EJ, AL di Schiemann, et al. potenziamento di disposizione del glucosio in pazienti con il diabete di tipo 2 da acido alfa-lipoico. Arzneimittelforschung. 1995 agosto; 45(8): 872-4.

74. Konrad T, Vicini P, Kusterer K, et al. le concentrazioni alfa-lipoiche nel lattato e nel piruvato del siero di diminuzioni del trattamento acido e migliora l'efficacia del glucosio in pazienti magri ed obesi con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 1999 febbraio; 22(2): 280-7.

75. Estrada DE, Ewart HS, Tsakiridis T, et al. stimolazione dell'assorbimento del glucosio dall'acido alfa-lipoico/acido tioctico del coenzima naturale: partecipazione degli elementi della via di segnalazione dell'insulina. Diabete. 1996 dicembre; 4(12): 1798-804.

76. Henriksen EJ. Eserciti l'addestramento e l'acido alfa-lipoico antiossidante nel trattamento di insulino-resistenza e di diabete di tipo 2. Med libero di biol di Radic. 1° gennaio 2006; 40(1): 3-12.

77. Henriksen EJ, Jacob S, Streeper RS, Fogt DL, Hokama JY, Tritschler HJ. Stimolazione da acido alfa-lipoico di attività di trasporto del glucosio in muscolo scheletrico dei ratti magri ed obesi di Zucker. Vita Sci. 1997;61(8):805-12.

78. Kamenova P. Improvement della sensibilità dell'insulina in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito dopo la somministrazione orale di acido alfa-lipoico. Ormoni (Atene). 2006 ottobre-dicembre; 5(4): 251-8.

79. Sola S, MIR MQ, Cheema FA, et al. Irbesartan ed acido lipoico migliora la funzione endoteliale e riduce gli indicatori di infiammazione nella sindrome metabolica: i risultati del Irbesartan e dell'acido lipoico nella disfunzione endoteliale (ISOLA) studiano. Circolazione. 25 gennaio 2005; 111(3): 343-8.

80. TUM di Pearson, Mensah GA, Alexander RW, et al. indicatori di infiammazione e malattia cardiovascolare: applicazione a pratica di salute pubblica e clinica: Una dichiarazione per i professionisti di sanità dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dall'associazione americana del cuore. Circolazione. 28 gennaio 2003; 107(3): 499-511.

81. Droghe di statina e di Davis W. Cholesterol: separando campagna pubblicitaria dalla realtà. Prolungamento della vita. 2004 novembre; 10(11): 42-52.

82. Il CA di St Pierre, Bergeron J, Pirro la m., et al. effetto della proteina C-reattiva del plasma livella nella modulazione del rischio di coronaropatia connesso con le piccole, lipoproteine dense e a bassa densità negli uomini (lo studio cardiovascolare della Quebec). J Cardiol. 1° marzo 2003; 91(5): 555-8.

83. Disponibile a: http://www.diabetes.org/pre-diabetes/pre-diabetes-symptoms.jsp. 1° aprile 2008 raggiunto.

84. Wen CP, Cheng TY, PS di Tsai, HL di Hsu, Wang SL. Rischi aumentati di mortalità di pre-diabete (glucosio a digiuno alterato) in Taiwan. Cura del diabete. 2005 novembre; 28(11): 2756-61.

85. Cowie cc, ruggine KF, Byrd-Holt, et al. prevalenza di diabete e di glucosio a digiuno alterato in adulti nella popolazione degli Stati Uniti. Indagine nazionale 1999-2002 dell'esame di nutrizione e di salute. Cura 2006 del diabete; 29:1263-8.