Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2008
Come lo vediamo

La terapia farmacologica innovatrice immediatamente inverte i deficit conoscitivi di Alzheimer

Da William Faloon
William Faloon
William Faloon

Venti milione oggi vivi degli Americani sono destinati per contrarre il morbo di Alzheimer, un'afflizione che ci ruba della memoria, dell'intelligenza e finalmente delle nostre abilità conoscitive più rudimentali.

Le vittime di Alzheimer recentemente diagnosticato sono dette che soffriranno un declino implacabile nella loro funzione neurologica fino alla morte. I sintomi iniziali sono intervalli di memoria a breve termine che peggiorano finché i pazienti non possano più riconoscere i loro propri membri della famiglia. Mentre la demenza progredisce, gli scoppi emozionali ostili si manifestano spesso, mentre il paziente perde la capacità di prendere la cura del suo auto-uguale nella misura di andare al bagno.

Le poche droghe approvate per trattare i sintomi di Alzheimer producono soltanto gli effetti a breve termine modesti. Alcuni pazienti non possono tollerarli affatto.

Finora, una diagnosi di Alzheimer significata uno è stata destinata per essere privata lentamente di tutto lo stato conoscitivo di funzione-un che completa la lista dei timori della malattia della gente di invecchiamento.

Risultati di terapia di innovazione nel miglioramento conoscitivo rapido

Gli scienziati hanno collegato gli eventi infiammatori cronici nel cervello con l'inizio e la progressione del morbo di Alzheimer.1-14 un fattore infiammatorio causativo nella degenerazione di un neurone del morbo di Alzheimer è una citochina chiamata fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-alfa).15-22

Risultati di terapia di innovazione nel miglioramento conoscitivo rapido

Ci sono parecchie sostanze nutrienti che fanno diminuire i livelli dell'TNF-alfa nel corpo.23-45 l'ingestione di queste sostanze nutrienti è associata con l'incidenza riduttrice del morbo di Alzheimer.43-45 per quelle già afflitte con la demenza di Alzheimer, tuttavia, più appena ridurre il livello dell'TNF-alfa è necessaria invertire il corso della malattia.

Nel 1998, una droga dell'anti-TNF-alfa chiamata Enbrel® (etanercept) è stata approvata per trattare l'artrite reumatoide. Enbrel® non riduce l'TNF-alfa nel corpo. Invece, funziona legando all'TNF-alfa e bloccando la sua capacità di agganciarsi ai recettori dell'TNF-alfa sulle membrane cellulari. Interferendo con l'azione dell'TNF-alfa in questo modo, gli effetti tossici dell'TNF-alfa in eccesso sono diminuiti.

Sto andando dirgli che come Enbrel® può essere amministrato ai pazienti di Alzheimer in un modo speciale in modo che scorra direttamente nel cervello, ma i lettori dovrebbero in primo luogo capire come l'TNF-alfa causa la demenza senile.

Miglioramento conoscitivo della prova dopo sei mesi dell'iniezione di Enbrel®

Subscale Scala-conoscitivo di valutazione del morbo di Alzheimer

26%

Esame Mini-mentale di stato

12%

Batteria severa di danno

27%

Come l'TNF-alfa in eccesso altera di un neurone funzioni e strutturi

Nel cervello, l'TNF-alfa può suscitare una cascata degli eventi cellulari che culminano nella morte di un neurone.11,46-51 l'TNF-alfa elevata è stata osservata nel cervello, nel liquido cerebrospinale e nel siero in casi del morbo di Alzheimer.2,50,52-54

Come l'eccesso TNF- altera di un neurone funzioni e strutturi

Di interesse particolare è come l'TNF-alfa colpisce “le sinapsi„ nei nostri cervelli. “Una sinapsi„ è il punto del collegamento fra le cellule nervose. Le cellule cerebrali sono collegate e comunicano a vicenda inviando i neurotrasmettitori con le sinapsi.

L'TNF-alfa in eccesso nel cervello può interrompere la comunicazione sinaptica.55-58 una serie di risultati suggeriscono che i disturbi della fisioregolazione sinaptici causati dall'TNF-alfa in eccesso contribuiscano a disfunzione conoscitiva e comportamentistica nel morbo di Alzheimer.52,59-68

L'TNF-alfa elevata fa più della comunicazione sinaptica vitale. Un mutamento strutturale visto nel morbo di Alzheimer è l'accumulazione di amiloide-beta in cellule cerebrali. la Amiloide-beta accumulazione aumenta l'infiammazione e questa formazione di cause di infiammazione ulteriore amiloide-beta. Un meccanismo da cui amiloide-beta induce l'infiammazione è avviando un incremento della produzione dell'TNF-alfa.60,69-72

Quindi, l'TNF-alfa in eccesso avvia un circolo vizioso con cui amiloide-beta tossico è prodotto, con conseguente maggiori livelli di TNF-alfa proinflammatory, che causano la formazione TNF-alfa ed ancor più amiloide-beta. L'TNF-alfa elevata direttamente causa la disfunzione sinaptica e contribuisce alla distruzione di un neurone. Il risultato di queste mutazioni patologiche è i deficit senili orribili accusati dai pazienti del morbo di Alzheimer.

Poichè presto leggerete, l'effetto rapido di Enbrel® al contrario gli aiuti conoscitivi di danno convalida il ruolo dell'TNF-alfa in eccesso nel processo debilitante del morbo di Alzheimer.

Protegga dall'TNF-alfa in eccesso

Una conseguenza comune di invecchiamento “normale„ è uno stato di infiammazione sistemica cronica. Questo stato infiammatorio può causare le malattie diverse quanto l'aterosclerosi,74-80 il cancro,81,82 l'artrite,83-87 e morbo di Alzheimer.88

I membri del fondamento del prolungamento della vita non intendono invecchiare normalmente “.„ Per proteggere dalle citochine proinflammatory in eccesso gradisca l'TNF-alfa, essi completano con le sostanze nutrienti come l'olio di pesce,23-33 la luteolina,34-37 e curcumina.38-42 mantenendo un equilibrio giovanile dell'ormone facendo uso di DHEA89-94 e del testosterone95-110 (in uomini), mangiante gli alimenti cucinati relativamente alle basse temperature,111 e sostenente un peso sano sono inoltre critici a sopprimere le reazioni infiammatorie.

Mentre i tassi del morbo di Alzheimer sono proiettati per salire alle stelle con la popolazione di invecchiamento, tantissimi studi scientifici rivelano che il suo rischio può essere ridotto significativamente mangiando una dieta sana e prendendo le sostanze nutrienti e gli ormoni adeguati.

Come Enbrel® è amministrato come terapia di un Anti-Alzheimer

L'uso approvato di Enbrel® è di autoiniettarselo una volta alla settimana sotto la pelle per alleviare i disordini infiammatori cronici. Enbrel® ha iniettato questo modo, tuttavia, sufficientemente non penetrerà la barriera ematomeningea a miglioramento conoscitivo rapido dei prodotti.

Come Enbrel® è amministrato come terapia di un Anti-Alzheimer

Per consegnare Enbrel® al cervello, i ricercatori stanno iniettandolo nella parte posteriore del collo (nell'area spugnosa del muscolo fra le seste e settime vertebre cervicali). La testa del paziente poi è abbassata per circa cinque minuti ad un livello intorno al loro addome per permettere meglio al Enbrel® iniettato nel collo per scorrere il cervello (attraverso il sistema venoso cerebrospinale).

La dose che era stata utilizzata negli studi clinici era mg 25-50 di Enbrel® in 1 cc dell'acqua sterile. Il prolungamento della vita sta esplorando l'uso di Enbrel® in una più grande quantità di acqua (2 cc) permettere a più soluzione di Enbrel® di viaggiare al cervello.

Queste iniezioni di Enbrel® alla parte posteriore del collo (conosciuto come le iniezioni interspinose) dovrebbero essere amministrate una volta alla settimana da un neurologo competente.

Il primo pilota Study dei 15 pazienti di Alzheimer

I trattamenti medici correnti per il morbo di Alzheimer non impediscono il deterioramento clinico a lungo termine.

Come discusso, l'fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-alfa) è una citochina proinflammatory che è implicata nella rottura e nella degenerazione di un neurone osservate nei pazienti di Alzheimer.

Il primo pilota Study dei 15 pazienti di Alzheimer

Gli studi dell'aperto etichetta sono stati intrapresi in 15 pazienti con il morbo di Alzheimer delicato--severo.20 tre hanno riconosciuto le misure della prova della funzione conoscitiva sono stati eseguiti all'inizio dello studio. I pazienti hanno ricevuto le iniezioni settimanali di Enbrel® alla parte posteriore del collo e la prova conoscitiva è stata ripetuta ad intervalli di un mese. La seguente scatola mostra i miglioramenti clinici che sono stati misurati in questo gruppo di prova iniziale dopo sei mesi:

Quando si considera che il morbo di Alzheimer finora abbia provocato il peggioramento della funzione conoscitiva, il fatto che c'era un miglioramento essere in media di 22% in queste tre misure mentali di funzione dopo sei mesi è senza precedenti.

Questi pazienti hanno continuato a ricevere queste iniezioni di Enbrel® per più di tre anni. I risultati indicano che il trattamento di mantenimento settimanale produce un effetto positivo continuo, indicante che questo approccio novello può rallentare o persino fermare gran parte del deterioramento mentale che si presenta nei pazienti di Alzheimer. Ciò è ancora un fenomeno clinico ineguagliabile.

I risultati sorprendenti rivelano il miglioramento immediato!

Gli studi iniziali sono stati limitati a misurare l'efficacia di Enbrel® fra 30 intervalli del giorno. Che cosa i ricercatori ed i badante di questi pazienti di Alzheimer notati, tuttavia, erano un miglioramento clinico rapido in pochi minuti di amministrazione del Enbrel®.

I risultati sorprendenti rivelano il miglioramento immediato!

Il miglioramento immediato nella funzione conoscitiva in questi pazienti pazzi era ricercatori inattesi e presi (ed i loro badante) impreparati. Immagini appena quanto sorprendente sarebbe di portare il vostro caro senile ad un ambulatorio e di osservare un miglioramento istantaneo nella loro funzione mentale.

Gli autori dello studio originale poi hanno deciso di usare vari hanno riconosciuto le prove per misurare il grado di miglioramento rapido in un nuovo paziente curato come componente della loro pratica normale di medicina.

Il secondo pilota Study

Il nuovo paziente era un 81enne che era stato nella buona salute generale fino a circa due anni prima della presentazione iniziale, quando la sua moglie ha notato le difficoltà progressive di memoria e le difficoltà con il calcolo matematico.71

La sua moglie ha assunto la direzione delle mansioni matematiche quale compilazione ed il paziente è stato valutato da un neurologo priore 18 mesi. Il medicinale Aricept® è stato prescritto ma non è stato tollerato ed è stato interrotto dopo quattro mesi. I due medicinali dell'altro Alzheimer (Nameda® e Exelon®) sono stati prescritti ma inoltre non sono stati tollerati dal paziente.

Un esame mentale di stato ha eseguito l'un giorno prima dell'iniezione di Enbrel® nel collo ha mostrato che questo paziente ha incontrato difficoltà che ricorda le informazioni autobiografiche personali quali il suo compleanno o l'occupazione di suo padre. Non potrebbe ricordare i nomi di c'è ne dei medici che lo hanno curato. Non è stato orientato verso la data di calendario, il giorno della settimana, l'anno, il posto, la città, o lo stato. L'esame dettagliato ha rivelato che aveva segnato la difficoltà nel ricordo delle parole e non potrebbe nominare nove su 10 immagini che è stato indicato appena.

Una volta data una prova misurare le sue abilità linguistiche, cioè, chieste per elencare tutti gli animali che potrebbe in 60 secondi, lui potrebbe elencare soltanto due, il cane ed il gatto.

Su prova di memoria, il paziente non potrebbe ricordare il nome del suo medico dopo 90 secondi, malgrado le introduzioni ripetitive almeno in quattro occasioni in tutto l'esame. Ha preso tre prove affinchè il paziente registri cinque parole e 90 secondi dopo, il paziente non potrebbero recuperare c'è ne delle parole neppure con inserire categorico.

Una volta chiesto di estrarre un orologio con le mani disposte a 10 minuti dopo 11, ha disegnato un quadrato senza numeri ed una linea per l'ora o la lancetta dei minuti. Non potrebbe fare un compito che le lettere ed i numeri di collegamento implicati e sono stati sopraffatti chiaramente da.

Il paziente non potrebbe eseguire i calcoli semplici e non potrebbe fare i sevens di serie (che contano alla rovescia da 100 dai sevens). Una volta chiesto di aggiungere 29 più 11 dopo una profonda latenza ha detto 31. I concetti astratti come come un treno e una bicicletta, un orologio e un righello, o la musica e la pittura erano simili non potrebbero essere espressi dal paziente.

Sulla prova conoscitiva di valutazione di Montreal, il paziente ha segnato 7 su 30 punti possibili, coerenti con demenza moderato--severa. Sulla base questi e di altre prove conoscitive, il paziente ha risposto chiaramente ai criteri stabiliti per il morbo di Alzheimer probabile.

Effetti collaterali di Enbrel®

Enbrel® non è una droga una prenderebbe a meno che sia criticamente necessario. Quello è perché una volta amministrato sistematicamente, aumenta i rischi potenziali di infezione, di conteggi dei globuli bassi, di linfoma, di malattia demielinizzante del nervo, di infiammazione dell'occhio, di guasto di scompenso cardiaco e di morte.73 gli effetti collaterali a lungo termine sono non noti quando Enbrel® è amministrato soprattutto al cervello, come stanno facendi nel trattamento di questo anti-Alzheimer.

Il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti questi soggetti del morbo di Alzheimer (o dai loro membri della famiglia) che li avvertono di questi rischi potenziali. La spiegazione razionale nei rischi del conosciuti di e sconosciuti di accettazione di effetto collaterale è che il morbo di Alzheimer è una malattia uniformemente progressiva e letale. Non c'è altra terapia che così rapidamente e efficacemente inverte il decorso clinico della malattia.

Esame dieci minuti dopo l'iniezione di Enbrel®

Immediatamente prima dell'iniezione di Enbrel® il paziente è stato interrogato dal neurologo. Non potrebbe dichiarare l'anno né non potrebbe lui nomina lo stato che ha vissuto dentro.

Dieci minuti dopo Enbrel® che dosa, il paziente è stato riesaminato. Era notevolmente più calmo, più di meno frustrato e più attento. Poteva identificare correttamente lo stato come California ed ha identificato l'anno come 2006. Le sue risposte all'interrogazione sono sembrato meno effortful e più rapida, con la meno latenza. Ha andato per andare ad un secondo neurologo per ulteriore prova immediata.

Esame neurologico di seguito due ore dopo il trattamento di Enbrel®

Il paziente è stato riprovato da un altro neurologo due ore dopo amministrazione di Enbrel®. Mentre non potrebbe ricordare essere nell'ufficio del neurologo di trattamento precedentemente (prima dell'iniezione di Enbrel®), ha ricordato il nome del secondo neurologo che stava vedendo. Ora è stato orientato verso il mese, il giorno della settimana ed il posto e potrebbe nominare ancora correttamente lo stato come California, che non potrebbe fare prima dell'iniezione di Enbrel® alla parte posteriore del suo collo. Era fuori nella data di calendario entro i due giorni e nell'anno entro un anno.

Esame neurologico di seguito due ore dopo il trattamento di Enbrel®

La capacità del paziente di nominare le immagini contrassegnato è stata migliorata, nominante correttamente nove sulle prime 10 immagini, un miglioramento notevole a partire dal giorno priore quando potrebbe nominare soltanto una delle 10 immagini presentate. Sulla prova verbale di fluidità, poteva elencare otto parole che hanno cominciato con la lettera “F„ in 60 secondi e reso a soltanto una risposta erronea. Su un compito della linguistica, poteva elencare cinque animali in 60 secondi.

Sul funzionamento visuospatial, il paziente potrebbe copiare un cubo tridimensionale ed una volta chiesto di estrarre un orologio, ha disegnato un cerchio con un'ora e una lancetta dei minuti. Una volta data una prova per collegare le lettere ed i numeri, il paziente poteva chiaramente ordinare esattamente e completare il compito, le lettere alternanti ed i numeri. Poteva pantomime sette su otto costruzioni del dito di complessità aumentante.

Su prova di memoria, il paziente non potrebbe ricordare c'è ne di cinque memorandum dopo cinque minuti neppure con inserire categorico. Con inserire che ha diverse risposte, potrebbe ricordare uno su cinque memorandum. Tuttavia, potrebbe ricordare il nome dell'esaminatore senza difficoltà e senza necessità di ripetizione delle introduzioni in tutto l'intero esame.

Su prova attentional, il paziente potrebbe elencare esattamente cinque cifre ad un modo di andata e tre cifre ad un modo di sequenza inversa. Su una prova di compito di vigilanza, non ha fatto errori dell'omissione o della commissione.

Sui calcoli, potrebbe sottrarre correttamente sette da 100, ma non potrebbe eseguire i sevens di serie. Non potrebbe dividere 58 per due, né potrebbe aggiungere 29 più 11. Non potrebbe dire al neurologo quanti nichel erano in un dollaro.

Su capacità di sottrarre i concetti, poteva collegare come un treno e una bicicletta erano simili in quanto entrambi possono essere usati per trasporto. Una volta chiesto come un orologio e un righello erano simili, ha riferito che entrambi forniscono le informazioni. Una volta chiesto come la musica e la pittura erano simili, ha riferito, “voi tiraggio la vostra pittura; tuttavia, musica che sentite.„

Montreal che la valutazione conoscitiva ha eseguito due ore che seguono il d'una sola dose di Enbrel® ha iniettato nella parte posteriore del suo collo, resa ad uno spartito di 15 su 30 punti… un miglioramento 115% rispetto allo spartito precedente di 7 prima dell'iniezione di Enbrel® (soltanto due ore prima).

Un'intervista collaterale con il figlio e la moglie del paziente ha confermato la loro convalida di un miglioramento notevole nelle abilità conoscitive dopo l'amministrazione di Enbrel®

Effetti neurologici una settimana dopo l'iniezione iniziale di Enbrel®

Sopra il ritorno per la sua seconda iniezione settimanale di Enbrel®, la moglie ed il figlio del paziente hanno confermato che era rimanere contrassegnato migliorato durante la settimana.

Era meno riluttante ad aderire la conversazione. Sul riesame dal primo neurologo prima della ricezione la seconda dose settimanale, il paziente identificato correttamente l'anno, mese, stagione, giorno della settimana e dello stato. È sembrato rispondere con meno frustrazione e l'impressione dell'esaminatore era che c'era la latenza riduttrice della risposta, con altri miglioramenti osservabili. Sulla prova per la fluidità verbale, una volta chiesto di elencare tutte parole che cominciano con la lettera “F„ in 60 secondi, ha elencato otto parole e nominato cinque animali in 60 secondi.

Miglioramento continuo

Il paziente ha ricevuto un d'una sola dose di Enbrel® ha iniettato nella parte posteriore del suo collo per ciascuna delle prime cinque settimane; la dose seguente è stata omessa ed il paziente è ritornato dopo sette settimane per riprovare. A questo intervallo di sette settimane (e a 14 giorni dopo la ricezione della sua dose ultima di Enbrel®), il suo spartito conoscitivo di valutazione di Montreal era 14 su 30 (un miglioramento 100% dallo spartito della linea di base di 7), con miglioramento persistente nelle numero-lettere che collegano compito e dipinto migliore del fronte di orologio.

I ricercatori hanno dichiarato che il miglioramento conoscitivo rapido che segue l'iniezione di Enbrel® alla parte posteriore del collo non è limitato a questo paziente. In effetti era stato osservato comunemente in pazienti multipli durante anni di questi ricercatori i più di tre di esperienza clinica che utilizzano Enbrel® per il trattamento del morbo di Alzheimer probabile.20,71

Gli aiuti del fondamento del prolungamento della vita convalidano i risultati

Poiché questi miglioramenti clinici sono senza precedenti, il fondamento del prolungamento della vita ha condotto uno studio pilota di un paziente femminile di 91 anni del morbo di Alzheimer che ha accusato i deficit conoscitivi severi.

C'era miglioramento immediato dopo la prima iniezione di Enbrel®. Per esempio, poteva seguire i comandi semplici quale “il rubinetto che le vostre dita„ quelle non potrebbe fare prima dell'iniezione. Era più animata pure.

Dopo quattro settimane, i risultati sull'esame Mini-mentale di stato hanno mostrato un miglioramento significativo 150% ed il suo aiuto la ha descritta come impegnandosi durante le discussioni più accurate e mangiando meglio.

La famiglia del paziente e del neurologo di trattamento di questo Alzheimer ha notato un miglioramento immediato dopo la prima iniezione di Enbrel®. Secondo suo figlio, che è un medico:

“Mia madre sta facendo meglio. Le sue conversazioni sono più lunghe. Sta chiedendo di andare per le passeggiate fuori. Non è più incontinente delle feci. Quando gli ho detto stavo andando presentare un esposto in Boca Raton il mese prossimo che ha detto, “sono molto fiero di voi. “Non ha detto nulla quel complesso durante gli anni.„

Il prolungamento della vita sta continuando a costituire un fondo per la terapia del Enbrel® di questo paziente ed a continuare sul suo progresso. Purtroppo, dovuto le complicazioni relative al suo stato avanzato del morbo di Alzheimer, amministrare queste iniezioni settimanali è stata provocatoria. Ogni sforzo sta facendo aiutare questo le donne riacquistare alcune delle sue abilità conoscitive. Gli studi futuri saranno pazienti puntati su del morbo di Alzheimer della fase iniziale.

Nuovo studio clinico promosso dal fondamento del prolungamento della vita

Sulla base di questi risultati straordinari, il fondamento del prolungamento della vita sta cercando di lanciare uno studio ampliato con l'obbiettivo della misurazione degli effetti a lungo termine delle iniezioni settimanali di Enbrel® più le sostanze nutrienti che contribuiscono a sopprimere la produzione dell'TNF-alfa in eccesso.

Enbrel® è una droga estremamente costosa. Il costo normale del Enbrel® e delle iniezioni settimanali è circa $675. Se voi o una persona che conoscete con il morbo di Alzheimer della fase iniziale desidera partecipare a questo nuovo studio clinico, là non sarà tassa per i trattamenti.

Il sito di studio sarà in Florida del sud. Poiché le iniezioni di Enbrel® dovranno essere amministrate settimanalmente, i partecipanti di studio dovrebbero risiedere idealmente nell'area del Fort Lauderdale.

dovuto gli effetti collaterali potenziali di Enbrel®, ci sono transenne che burocratiche dobbiamo aderire prima ad iniziare questo studio convenzionale. Una volta che abbiamo approvazione istituzionale, il prolungamento della vita inizierà questo studio puntato su convalidando un metodo provato per invertire il morbo di Alzheimer. Speriamo di tenere il ritardo nel lancio del questo studio ad un minimo, ma molti degli aspetti regolatori sono oltre il nostro controllo.

per domandare circa l'iscrizione a questo studio nuovo promosso dal fondamento del prolungamento della vita, chiamata 1-866-517-4536.

Una nuova era…

Nel 1907, il Dott. Alois Alzheimer ha realizzato un'autopsia sul cervello di un singolo deceduto e celebre le caratteristiche strutturali della malattia che ora porta il suo nome. Finora, non c'è stato modo efficace di rallentare questo stato orribile.

Per la prima volta nell'anamnesi, quelli afflitti con il morbo di Alzheimer possono godere di un'inversione immediata dei deficit conoscitivi, mentre potenzialmente rallentano la distruzione ai loro neuroni preziosi causati dalle reazioni infiammatorie indotte TNF alfa.

Finora, prendere un caro ad un ambulatorio e ad un apprendimento di una diagnosi del morbo di Alzheimer ha significato un futuro brullo del declino neurologico inesorabile. Sulla base di che cosa è stato scoperto, i pazienti recentemente diagnosticati possono presto accedere a queste iniezioni speciali di Enbrel® e godere di un ripristino rapido e duraturo della funzione conoscitiva.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Mrak CON RIFERIMENTO A, grifone WS. Glia e le loro citochine nella progressione del neurodegeneration. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 marzo; 26(3): 349-54.

2. Tarkowski E, Andreasen N, Tarkowski A, infiammazione di Blennow K. Intrathecal precede lo sviluppo del morbo di Alzheimer. Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 2003 settembre; 74(9): 1200-5.

3. L'interleuchina 1 del grifone WS, di Stanley LC, di Ling C, et al. del cervello e il immunoreactivity S-100 sono elevati in sindrome di Down e nel morbo di Aalzheimer. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1989 ottobre; 86(19): 7611-5.

4. Mrak CON RIFERIMENTO A, grifone WS. Interleukin-1, neuroinflammation e morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2001 novembre; 22(6): 903-8.

5. Akiyama H, Barger S, Barnum S, et al. infiammazione e morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2000 maggio; 21(3): 383-421.

6. DeLegge MH, fumo A. Neurodegeneration ed infiammazione. Nutr Clin Pract. 2008 febbraio; 23(1): 35-41.

7. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Neuroinflammation locale e la progressione del morbo di Alzheimer. J Neurovirol. 2002 dicembre; 8(6): 529-38.

8. Munoz-Fernandez mA, Fresno M. Il ruolo del fattore di necrosi tumorale, dell'interleuchina 6, della gamma interferone e della sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto in sviluppo e patologia del sistema nervoso. Prog Neurobiol. 1998 ottobre; 56(3): 307-40.

9. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione e le malattie degeneranti di invecchiamento. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1035:104-16.

10. Minghetti L. Role di infiammazione nelle malattie neurodegenerative. Curr Opin Neurol. 2005 giugno; 18(3): 315-21.

11. Chiarini A, dal P, I, Whitfield JF, Armato U. L'uccisione dei neuroni dai peptidi dell'beta-amiloide, dai prioni e dalle citochine pro-infiammatorie. Ital J Anat Embryol. 2006 ottobre; 111(4): 221-46.

12. Profilo di citochine di Zuliani G, di Ranzini m., di Guerra G, et al. del plasma nei più vecchi oggetti con il morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva o demenza vascolare. Ricerca di J Psychiatr. 2007 ottobre; 41(8): 686-93.

13. Abbronzi ZS, Beiser COME, Vasan RS, et al. indicatori infiammatori ed il rischio di morbo di Aalzheimer: lo studio di Framingham. Neurologia. 29 maggio 2007; 68(22): 1902-8.

14. Van Eldik LJ, Thompson WL, Ranaivo ora, Behanna ha, Watterson dm. Upregulation di citochina di Proinflammatory come obiettivo terapeutico per le malattie neurodegenerative: ad approcci basati a funzione e basati a obiettivo di scoperta. Rev Neurobio dell'interno. 2007;82:278-97.

15. Sriram K, O'Callaghan JP. Ruoli divergenti per l'fattore-alfa di necrosi del tumore nel cervello. J Neuroimmune Pharmacol. 2007 giugno; 2(2): 140-53.

16. Fillit H, Ding WH, Buee L, et al. livelli di fattore di necrosi tumorale di circolazione Elevated nel morbo di Alzheimer. Neurosci Lett. 19 agosto 1991; 129(2): 318-20.

17. Il sidro di pere RT, Collins JS, salciccia H, Acton R, va RC. Il ruolo di TNF e dei suoi ricevitori nel morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2001 novembre; 22(6): 873-83.

18. EM di Ramos, la TA di Lin, alfa di Larson eb, et al. di fattore di necrosi tumorale e interleuchina 10 polimorfismi di regione del promotore e rischi di morbo di Aalzheimer di manifestazione tardiva. Arco Neurol. 2006 agosto; 63(8): 1165-9.

19. Lio D, Annoni G, Licastro F, et al. polimorfismo dell'fattore-alfa -308A/G di necrosi del tumore è associato con l'età all'inizio del morbo di Alzheimer. Sviluppatore invecchiante Mech. 2006 giugno; 127(6): 567-71.

20. Tobinick E, H lorda, Weinberger A, modulazione di Cohen H. TNF-alphaalpha per il trattamento del morbo di Alzheimer: uno studio pilota di 6 mesi. MedGenMed. 2006;8(2):25.

21. Alvarez A, Cacabelos R, Sanpedro C, Garcia-Fantini m., livelli di Aleixandre M. Serum TNF-alphaalpha è aumentato negativamente e correla con IGF-I libero nel morbo di Aalzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 aprile; 28(4): 533-6.

22. Tweedie D, Sambamurti K, Greig NH. Inibizione di TNF-alphaalpha come strategia di trattamento per i disordini neurodegenerative: nuovi candidati ed obiettivi della droga. Ricerca di Curr Alzheimer. 2007 settembre; 4(4): 378-85.

23. Wu D, SN di Han, Meydani m., SN di Meydani. Effetto di consumo concomitante di olio di pesce e di vitamina E su produzione delle citochine infiammatorie in esseri umani anziani in buona salute. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1031:422-24.

24. Grimble rf. Modulazione nutrizionale della funzione immune. Soc di Proc Nutr. 2001 agosto; 60(3): 389-97.

25. James MJ, Gibson RA, Cleland LG. Acidi grassi polinsaturi dietetici e produzione infiammatoria del mediatore. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 343S-8S.

26. Venkatraman JT, WC di CHU. Gli effetti dei lipidi dietetici omega-3 e omega-6 e della vitamina E sulle citochine del siero, sui mediatori del lipido e sugli anticorpi anti-DNA in un topo modellano per l'artrite reumatoide. J Coll Nutr. 1999 dicembre; 18(6): 602-13.

27. Lo CJ, Chiu KC, Fu m., Lo R, olio di pesce di Helton S. fa diminuire la trascrizione genica di fattore di necrosi tumorale del macrofago alterando l'attività della kappa B di N-F. Ricerca di J Surg. 1999 aprile; 82(2): 216-21.

28. Caughey GE, Mantzioris E, Gibson RA, Cleland LG, James MJ. L'effetto sull'alfa e sull'interleuchina umane di fattore di necrosi tumorale 1 beta produzione delle diete arricchite in acidi grassi n-3 da olio vegetale o dall'olio di pesce. J Clin Nutr. 1996 gennaio; 63(1): 116-22.

29. Yano m., Kishida E, Iwasaki m., Kojo S, l'acido docosaesaenoico di Masuzawa Y. e la vitamina E possono ridurre gli apoptosi monocytic umani delle cellule U937 indotti dal fattore di necrosi tumorale. J Nutr. 2000 maggio; 130(5): 1095-101.

30. Kelley DS, PC di Taylor, Nelson GJ, et al. ingestione dell'acido docosaesaenoico inibisce l'attività delle cellule di uccisore naturali e la produzione dei mediatori infiammatori in giovani uomini in buona salute. Lipidi. 1999 aprile; 34(4): 317-24.

31. De CR, Bernini W, Carluccio mA, Liao JK, requisiti di Libby P. Structural di inibizione da di attivazione endoteliale indotta da citochina dagli acidi grassi insaturi. Ricerca del lipido di J. 1998 maggio; 39(5): 1062-70.

32. Kremer JM. supplementi dell'acido grasso n-3 nell'artrite reumatoide. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 349S-51S.

33. PC di Calder. Immunomodulazione dagli acidi grassi omega-3. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2007 novembre; 77 (5-6): 327-35.

34. Ueda H, Yamazaki C, Yamazaki M. Luteolin come costituente antinfiammatorio ed antiallergico del perilla frutescens. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1197-202.

35. Borchers A, Sakai S, Henderson GL, et al. Shosaiko-a ed altre medicine di Kampo (di erbe giapponese): una rassegna delle loro attività immunomodulatorie. J Ethnopharmacol. 2000 novembre; 73 (1-2): 1-13.

36. Xagorari A, Papapetropoulos A, Mauromatis A, et al. luteolina inibisce una cascata endotossina-stimolata di fosforilazione e una produzione proinflammatory di citochina in macrofagi. J Pharmacol Exp Ther. 2001 gennaio; 296(1): 181-7.

37. Il Das m., Ram A, Ghosh B. Luteolin allevia la broncocostrizione e l'iperreattività della via aerea in topi sensibilizzati ovoalbumina. Ricerca di Inflamm. 2003 marzo; 52(3): 101-6.

38. Chainani-Wu N. Safety ed attività antinfiammatoria di curcumina: una componente di curcuma (curcuma longa). Med del complemento di J Altern. 2003 febbraio; 9(1): 161-8.

39. Antony S, Kuttan R, attività di Kuttan G. Immunomodulatory di curcumina. Immunol investe. 1999 settembre; 28 (5-6): 291-303.

40. Zhang F, Altorki NK, JUNIOR di Mestre, Subbaramaiah K, Dannenberg AJ. La curcumina inibisce la trascrizione cyclooxygenase-2 in cellule epiteliali gastrointestinali umane estere-trattate phorbol dell'acido della bile e. Carcinogenesi. 1999 marzo; 20(3): 445-51.

41. Jobin C, Bradham CA, mp di Russo, et al. curcumina blocca l'attivazione citochina-mediata della N-F-kappa B e l'espressione genica proinflammatory inibendo l'attività inibitoria della chinasi della Io-kappa B di fattore. J Immunol. 15 settembre 1999; 163(6): 3474-83.

42. Pendurthi UR, Williams JT, Rao LV. Inibizione di attivazione del gene di fattore del tessuto in cellule endoteliali coltivate da curcumina. Soppressione dell'attivazione dei fattori di trascrizione Egr-1, AP-1 e N-F-kappa B. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 dicembre; 17(12): 3406-13.

43. GP di Lim, Calon F, Morihara T, et al. Una dieta arricchita con l'acido docosaesaenoico dell'acido grasso omega-3 riduce il carico dell'amiloide in un modello invecchiato del topo di Alzheimer. J Neurosci. 23 marzo 2005; 25(12): 3032-40.

44. Rezai-Zadeh K, Shytle RD, Bai Y, et al. fosforilazione Flavonoide-mediata presenilin-1 riduce la produzione dell'beta-amiloide del morbo di Alzheimer. Cellula Mol Med di J. 9 aprile 2008. [Epub davanti alla stampa].

45. Pari L, Tewas D, Eckel J. Role di curcumina nella salute e nella malattia. Biochimica di Physiol dell'arco. 2008 aprile; 114(2): 127-49.

46. Venters HD, Tang Q, Liu Q, et al. Un nuovo meccanismo del neurodegeneration: una citochina proinflammatory inibisce la segnalazione del ricevitore da un peptide di sopravvivenza. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 17 agosto 1999; 96(17): 9879-84.

47. Sriram K, Matheson JM, Benkovic SA, et al. topi carenti in ricevitori di TNF è protetto contro neurotossicità dopaminergica: implicazioni per la malattia del Parkinson. FASEB J. 2002 settembre; 16(11): 1474-6.

48. Bruunsgaard H, Andersen-Ranberg K, Jeune B, et al. Un'alta concentrazione nel plasma di TNF-alphaalpha è associata con demenza in centenari. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 1999 luglio; 54(7): M357-64.

49. Collins JS, sidro di pere RT, Watson B, Jr., et al. associazione di un aplotipo per il fattore di necrosi tumorale in fratelli germani con il morbo di Aalzheimer di manifestazione tardiva: l'iniziativa della genetica del morbo di Aalzheimer di NIMH. J Med Genet. 2000 4 dicembre; 96(6): 823-30.

50. Il YE P, prezzo W, Kassiotis G, Kollias G, D'Ercole AJ. Regolamento dell'fattore-alfa di necrosi del tumore del fattore-Io del tipo di insulina di crescita, del ricevitore di tipo 1 IGF ed espressione obbligatoria della proteina di IGF in cervelletto dei topi transgenici. Ricerca di J Neurosci. 1° marzo 2003; 71(5): 721-31.

51. Fattore-alfa di necrosi di Bessis A, di Bernard D, di Triller A. Tumor e sviluppo di un neurone. Neuroscenziato. 2005 agosto; 11(4): 277-81.

52. Sorba MJ, Klyubin I, Wang Q, Hu nanowatt, meccanismi di memoria di Anwyl R. Synaptic: Da disfunzione indotta da beta dell'amiloide del morbo di Alzheimer. Transazione di biochimica Soc. 2007 novembre; 35 (pinta 5): 1219-23.

53. Tarkowski E, Liljeroth, Minthon L, Tarkowski A, Wallin A, modello di Blennow K. Cerebral delle citochine pro- ed antinfiammatorie nelle demenze. Brain Res Bull. 15 agosto 2003; 61(3): 255-60.

54. Disponibile a: http://www.sciencedaily.com/releases/2008/01/080109091102.htm. 3 giugno 2008 raggiunto.

55. Pickering m., O'Connor JJ. citochine Pro-infiammatorie ed i loro effetti nella circonvoluzione dentata. Prog Brain Res. 2007;163:339-54.

56. Bell KF, Claudio CA. Funzione sinaptica alterata nel morbo di Alzheimer. EUR J Pharmacol. 1° settembre 2006; 545(1): 11-21.

57. Leggi MP, Perneczky R, Wagenpfeil S, et al. polimorfismi di TNF nel morbo di Aalzheimer ed implicazioni funzionali ai livelli dell'beta-amiloide di CSF. Ronzio Mutat. 2005 luglio; 26(1): 29-35.

58. Beta peptidi di Parameshwaran K, di Dhanasekaran m., di Suppiramaniam V. Amyloid e disturbi della fisioregolazione sinaptici glutamatergic. Exp Neurol. 2008 marzo; 210(1): 7-13.

59. Selkoe DJ. Il morbo di Alzheimer è un guasto sinaptico. Scienza. 25 ottobre 2002; 298(5594): 789-91.

60. L'aloe L, Fiore m., Probert L, Turrini P, Tirassa P. Overexpression dell'alfa di fattore di necrosi tumorale nel cervello dei topi transgenici differenziale altera l'attività dei livelli di fattore della crescita del nervo e dell'acetiltransferasi di colina. Citochina. 1999 gennaio; 11(1): 45-54.

61. CE di Beattie, Stellwagen D, Morishita W, et al. controllo di forza sinaptica da TNFalpha glial. Scienza. 22 marzo 2002; 295(5563): 2282-5.

62. Stellwagen D, Malenka RC. Rappresentazione in scala sinaptica mediata da TNF-alphaalpha glial. Natura. 20 aprile 2006; 440(7087): 1054-9.

63. Stellwagen D, CE di Beattie, Seo JY, Malenka RC. Regolamento differenziale del ricevitore di AMPA e del ricevitore di GABA che trafficano dall'fattore-alfa di necrosi del tumore. J Neurosci. 23 marzo 2005; 25(12): 3219-28.

64. Wang Q, Wu J, sorba MJ, inibizione dell'Beta-amiloide di Anwyl R. di potenziamento a lungo termine è mediato via il fattore di necrosi tumorale. EUR J Neurosci. 2005 dicembre; 22(11): 2827-32.

65. Bains JS, Oliet SH. Glia: fanno il vostro bastone di memorie! Tendenze Neurosci. 2007 agosto; 30(8): 417-24.

66. Pickering m., Cumiskey D, O'Connor JJ. Azioni di TNF-alphaalpha sulla trasmissione sinaptica glutamatergic nel sistema nervoso centrale. Exp Physiol. 2005 settembre; 90(5): 663-70.

67. Eikelenboom P, Rozemuller AJ, Hoozemans JJ, Veerhuis R, van Gool WA. Neuroinflammation e morbo di Aalzheimer: implicazioni cliniche e terapeutiche. Alzheimer DIS Assoc Disord. 2000; 14 supplementi 1 (S54-S61).

68. Medeiros R, Prediger RD, Passos GF, et al. vie di collegamento di segnalazione di TNF-alphaalpha all'espressione del iNOS in un modello del topo del morbo di Alzheimer: rilevanza per i deficit comportamentistici e sinaptici indotti dalla beta proteina dell'amiloide. J Neurosci. 16 maggio 2007; 27(20): 5394-404.

69. La perdita di Yoshiyama Y, di Higuchi m., di Zhang B, et al. della sinapsi e l'attivazione microglial precedono i grovigli in un modello tauopathy del topo di P301S. Neurone. 1° febbraio 2007; 53(3): 337-51.

70. Zeng C, Lee JT, Chen H, et al. Amiloide-beta peptide migliora dal il iNOS indotto da fattore di necrosi del tumore con la via neutrale ceramide/di sphingomyelinase in oligodendrocytes. J Neurochem. 2005 agosto; 94(3): 703-12.

71. EL di Tobinick, miglioramento conoscitivo lordo di H. Rapid nel morbo di Alzheimer dopo l'amministrazione del etanercept di perispinal. J Neuroinflammation. 2008;52.

72. Etanercept di Tobinick E. Perispinal per il trattamento del morbo di Alzheimer. Ricerca di Curr Alzheimer. 2007 dicembre; 4(5): 550-2.

73. Disponibile a: http://www.fda.gov/medwatch/SAFETY/2004/may_PI/Enbrel_PI.pdf. 4 giugno 2008 raggiunto.

74. Packard RR, Libby P. Inflammation nell'aterosclerosi: da biologia vascolare alla scoperta di biomarcatore ed alla previsione di rischio. Clin chim. 2008 gennaio; 54(1): 24-38.

75. Meccanismi infiammatori Aterosclerosi-di fondo di Patel S, di Celermajer DS, di Bao S. ed implicazioni cliniche. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 2008;40(4):576-80.

76. Bonomini F, Tengattini S, Fabiano A, Bianchi R, Rezzani R. Atherosclerosis e sforzo ossidativo. Histol Histopathol. 2008 marzo; 23(3): 381-90.

77. Acidi grassi polinsaturi essenziali, infiammazione, aterosclerosi e malattie cardiovascolari di De Lorgeril M. Biochimica sottocellulare. 2007;42:283-97.

78. Salas-Salvado J, Garcia-Arellano A, Estruch R, et al. componenti degli indicatori infiammatori Mediterraneo tipi del modello e del siero dell'alimento fra i pazienti ad ad alto rischio per la malattia cardiovascolare. EUR J Clin Nutr. 2008 maggio; 62(5): 651-9.

79. Sbarsi I, Falcone C, Boiocchi C, et al. infiammazione ed aterosclerosi: il ruolo polimorfismi dei ricevitori di TNF e di TNF nella coronaropatia. Int J Immunopathol Pharmacol. 2007 gennaio; 20(1): 145-54.

80. Schulz S, Schagdarsurengin U, Rehfeld D, et al. impatto genetico di TNF-alphabeta sui fattori di rischio per aterosclerosi coronaria. Citochina Netw di EUR. 2006 settembre; 17(3): 148-54.

81. O'Connor MF, SIG. di Irwin, Seldon J, Kwan L, PA di Ganz. citochine e depressione Pro-infiammatorie in una registrazione familiare del cancro. Psychooncology. 2007 maggio; 16(5): 499-501.

82. Caruso C, Lio D, Cavallone L, Franceschi C. Aging, longevità, infiammazione e cancro. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1028:1-13.

83. LA di Joosten, Netea MG, Kim SH, et al. IL-32, una citochina proinflammatory nell'artrite reumatoide. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 28 febbraio 2006; 103(9): 3298-303.

84. Mosaad YM, Metwally ss, Auf FA, et al. citochine di Proinflammatory (IL-12 e IL-18) nelle malattie reumatiche immuni: relazione con attività di malattia e produzione degli autoanticorpo. L'Egitto J Immunol. 2003;10(2):19-26.

85. Kiecolt-Glaser JK, predicatore kJ, MacCallum RC, et al. sforzo cronico ed aumenti relativi all'età nella citochina proinflammatory IL-6. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 22 luglio 2003; 100(15): 9090-5.

86. Dott di Bertolini, Nedwin GE, ST di Bringman, DD di Smith, Mundy gr. Stimolazione di riassorbimento dell'osso e di inibizione di formazione dell'osso in vitro dai fattori di necrosi tumorale umani. Natura. 6 febbraio 1986; 319(6053): 516-8.

87. L'alfa di fattore di necrosi tumorale di Saklatvala J. stimola il riassorbimento ed inibisce la sintesi di proteoglycan in cartilagine. Natura. 7 agosto 1986; 322(6079): 547-9.

88. Paganelli R, Di IA, Patricelli L, et al. citochine di Proinflammatory in sieri dei pazienti anziani con demenza: i livelli nella lesione vascolare sono superiori a quelli dei pazienti del morbo di Alzheimer del delicato-moderato. Exp Gerontol. 2002 gennaio; 37 (2-3): 257-63.

89. Jankowska ea, Biel B, Majda J, et al. carenza anabolica in uomini con infarto cronico: prevalenza ed impatto nocivo sulla sopravvivenza. Circolazione. 24 ottobre 2006; 114(17): 1829-37.

90. Uzieblo-Zyczkowska la B, Sidlo la E, Stelmaszuk T. Dehydroepiandrosterone (DHEA) — rallenta giù il processo di invecchiamento? Pol Merkur Lekarski. 2005 dicembre; 19(114): 831-4.

91. Beutel ME, Wiltink J, Hauck EW, et al. correlazioni fra gli ormoni, fisico medica e parametri affettivi nell'invecchiamento dei pazienti esterni urologici. EUR Urol. 2005 giugno; 47(6): 749-55.

92. Basar millimetro, Aydin G, Mert HC, et al. la relazione fra gli steroidi del sesso del siero ed i sintomi maschii di invecchiamento segnano ed indice internazionale della funzione erettile. Urologia. 2005 settembre; 66(3): 597-601.

93. Morales AJ, RH di Haubrich, Hwang JY, Asakura H, Yen ss. L'effetto di sei mesi di trattamento con una dose quotidiana di mg 100 del deidroepiandrosterone (DHEA) sugli steroidi di circolazione del sesso, forza muscolare e della composizione corporea in uomini ed in donne età-avanzati. Clin Endocrinol (Oxf). 1998 ottobre; 49(4): 421-32.

94. Il casson PR, Andersen Marina militare, HG di Herrod, et al. deidroepiandrosterone orale nelle dosi fisiologiche modula la funzione immune in donne postmenopausali. J Obstet Gynecol. 1993 dicembre; 169(6): 1536-9.

95. La deviazione standard di Moffat, Zonderman l'ab, Metter EJ, et al. libera il testosterone e rischia per il morbo di Aalzheimer in uomini più anziani. Neurologia. 27 gennaio 2004; 62(2): 188-93.

96. LU pH, Masterman DA, Mulnard R, et al. effetti di testosterone su cognizione ed umore in pazienti maschii con il morbo di Aalzheimer delicato ed in uomini anziani in buona salute. Arco Neurol. 2006 febbraio; 63(2): 177-85.

97. Gouras GK, Xu H, RS lordo, et al. testosterone riduce la secrezione di un neurone dei peptidi dell'beta-amiloide di Alzheimer. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 2000 1° febbraio; 97(3): 1202-5.

98. Livello del testosterone di Tang YJ, di Lee WJ, di Chen YT, et al. del siero e fattori metabolici riferiti in uomini oltre 70 anni. J Endocrinol investe. 2007 giugno; 30(6): 451-8.

99. Maggio m., Basaria S, GP di Ceda, et al. La relazione fra testosterone ed i marcatori molecolari di infiammazione in uomini più anziani. J Endocrinol investe. 2005; 28 (11 atto del supplemento): 116-9.

100. EL di Rhoden, PE di Ribeiro, Teloken C, Souto CA. Il diabete mellito è associato con i livelli al di sotto della norma del siero di testosterone libero negli uomini. BJU Int. 2005 ottobre; 96(6): 867-70.

101. Janowsky JS, Chavez B, steroidi di Orwoll E. Sex modifica la memoria di lavoro. J Cogn Neurosci. 2000 maggio; 12(3): 407-14.

102. Hong BS, Ahn TY. Tendenze relative recenti al trattamento della sindrome di carenza del testosterone. Int J Urol. 2007 novembre; 14(11): 981-5.

103. Kalyani RR, Gavini S, Dobs AS. Ipogonadismo maschio nella malattia sistemica. Nord di Endocrinol Metab Clin. 2007 giugno; 36(2): 333-48.

104. Malkin CJ, Pugh PJ, Jones RD, et al. L'effetto della sostituzione del testosterone sulle citochine e sui profili infiammatori endogeni del lipido negli uomini di ipogonadismo. J Clin Endocrinol Metab. 2004 luglio; 89(7): 3313-8.

105. Pugh PJ, Jones RD, JN ad ovest, TH di Jones, Channer KS. Trattamento del testosterone per gli uomini con infarto cronico. Cuore. 2004 aprile; 90(4): 446-7.

106. Il RA di Gornstein, il lappone CA, Bustos-Valdes il MP, Zamorano P. Androgens modula la produzione interleukin-6 dai fibroblasti gengivali in vitro. J Periodontol. 1999 giugno; 70(6): 604-9.

107. Khosla S, Atkinson EJ, CR di Dunstan, O'Fallon WM. L'effetto di estrogeno contro testosterone sul osteoprotegerin di circolazione e sull'altra citochina livella in uomini anziani normali. J Clin Endocrinol Metab. 2002 aprile; 87(4): 1550-4.

108. Cutolo m., Balleari E, Giusti m., intra E, terapia sostitutiva di Accardo S. Androgen in pazienti maschii con l'artrite reumatoide. Rheum di artrite. 1991 gennaio; 34(1): 1-5.

109. Bizzarro A, Valentini G, Di MG, et al. l'influenza della terapia del testosterone sulle caratteristiche cliniche ed immunologiche delle malattie autoimmuni si sono associati con la sindrome di Klinefelter. J Clin Endocrinol Metab. 1987 gennaio; 64(1): 32-6.

110. Laaksonen DE, Niskanen L, Punnonen K, et al. ormoni sessuali, infiammazione e la sindrome metabolica: uno studio basato sulla popolazione. EUR J Endocrinol. 2003 dicembre; 149(6): 601-8.

111. Joyal S. Guard le vostre proteine preziose contro invecchiamento prematuro. Prolungamento della vita. 2008 aprile; 14(3): 37-43.