Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2008
Rapporti

Il pericolo metabolico dello sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio

Da Dana Flavin, ms, MD, PHD
Profili e coronaropatia del lipido di Atherogenic

Profili e coronaropatia del lipido di Atherogenic

A differenza di glucosio, il fruttosio è convertito prontamente in grasso dal fegato, conducente ad un'eccessiva concentrazione di grassi e di lipoproteine nel corpo.9 l'alta ed ingestione prolungata del fruttosio aumenta i profili sfavorevoli del lipido nel corpo. Aumentando i Livelli 12,27del trigliceride— un fattore di rischio indipendente per il malattia-fruttosio coronario del cuore promuove i cambiamenti potenzialmente pericolosi della lipoproteina che aumentano il rischio atherogenic. Per esempio, il fruttosio aumenta la lipoproteina primaria di apoB100-the responsabile del trasporto del colesterolo al tessuto-che conduce alla formazione di depositi grassi. Per contro, la lipoproteina ad alta densità (HDL), che è responsabile del trasporto delle particelle del colesterolo di nuovo al fegato da eliminarsi, è diminuita da fruttosio.L'ingestione del fruttosio 28 quindi contribuisce ai depositi grassi nel fegato (fegato grasso)7 ed aumenti la quantità di lipoproteine pericolose che migliorano i giacimenti del colesterolo in pareti dei vasi sanguigni.29 che questo può condurre ad accumulazione della placca ed allo stringimento della bomba a orologeria di ticchettio delle navi-un del sangue per lo sviluppo sia del colpo che dell'attacco di cuore.

Conseguenze potenziali del consumo dietetico in eccesso del fruttosio
  • Invecchiamento accelerato

  • Insulino-resistenza

  • Diabete di tipo 2

  • Complicazioni diabetiche

Retinopatia (può condurre a cecità)

Nefropatia (può condurre alla malattia renale severa, richiedere la dialisi cronica)

Neuropatia (può comprendere l'intorpidimento, il dolore, l'impotenza, il danno di discorso, la perdita di controllo della vescica, ecc.)

  • Affezione epatica grassa analcolica

  • L'acido urico del sangue anormalmente alto livella (iperuricemia; può provocare lo sviluppo della gotta; implicato nello sviluppo di diabete e della sindrome metabolica)

  • Il trigliceride anormalmente alto livella (ipertrigliceridemia; implicato nello sviluppo di aterosclerosi e della malattia cardiovascolare).5,7,15

Affezione epatica grassa analcolica

Una volta che una singolarità clinica relativamente rara, affezione epatica grassa analcolica ora è stimata per colpire 20-30% delle popolazioni adulte in paesi sviluppati.19 come l'obesità ed il diabete, l'aumento in casi grassi analcolici di affezione epatica ha parallelizzato l'aumento nel consumo di fruttosio dietetico.4 per esempio, uno studio recente dagli scienziati all'università di Florida, Gainesville, determinato che il consumo del fruttosio in pazienti con l'affezione epatica grassa analcolica stabilita era circa due a superiore triplo a fra gli oggetti normali di controllo.4

Come il suo nome suggerisce, l'affezione epatica grassa analcolica è una costellazione delle circostanze che colpiscono il fegato, caratterizzata da eccessiva accumulazione di grasso nell'organo ed indipendente da alcolismo. È associato con gli più alti tassi di morte dalle malattie del fegato, quali la cirrosi ed il cancro del fegato e con la malattia cardiovascolare.30-32 è collegato intimamente ad insulino-resistenza ed alla sindrome metabolica e spesso diventa uno stato infiammatorio conosciuto come lo steatohepatitis analcolico.33

Il collegamento di ETÀ

Gli effetti contrari di fruttosio dietetico in eccesso non sono limitati agli effetti nocivi sul metabolismo della glicemia, sui profili del lipido, o sulla salute del fegato. Il fruttosio in eccesso inoltre incoraggia la formazione di prodotti finiti avanzati tossici di glycation (età). Queste sono proteine ibride aberranti, formate quando gli zuccheri ed i lipidi reagiscono con queste molecole, alteranti le loro strutture e danneggianti la loro funzionalità. Mentre le età si accumulano incoraggiano l'infiammazione ed ossidativo solleciti. Inoltre sono stati collegati all'invecchiamento accelerato. I prodotti finiti avanzati di glycation sono creduti per svolgere un ruolo chiave nello sviluppo di ipertensione come pure delle complicazioni connesse con il diabete di tipo 2 come la neuropatia e la retinopatia.5,7,34-37 la neuropatia affligge i nervi e può causare il formicolio, formicolante le sensazioni, l'intorpidimento ed il dolore, mentre la retinopatia danneggia la retina dell'occhio e può condurre a cecità.

In termini di reazioni che conducono allo sviluppo delle età, il fruttosio è molto più reattivo del glucosio, così anche una piccola quantità di fruttosio che circola nella circolazione sanguigna è potenzialmente offensivo. In laboratorio, è stato indicato che il tasso di reticolazione proteina/del fruttosio è 10 volte maggior del tasso del legame connesso con glucosio.38 questo suggeriscono che il fruttosio dietetico in eccesso sia collegato intimamente all'invecchiamento accelerato, poichè questo tipo di reticolazione della proteina è una manifestazione comune di invecchiamento.7,39-41

Questi effetti d'accelerazione degli zuccheri dietetici sono stati studiati nei ratti del laboratorio alimentati le diete che caratterizzano il saccarosio, il glucosio, o il fruttosio. Le tre misure di invecchiamento, compreso la reticolazione di collagene (una proteina che fornisce la struttura ed il supporto per la pelle ed altri tessuti), erano ogni significativamente maggior in ratti che sono stati alimentati il fruttosio che i ratti che hanno consumato il glucosio o il saccarosio. “I dati suggeriscono che il consumo a lungo termine del fruttosio induca gli effetti contrari su invecchiamento,„ i ricercatori conclusivi.42

I prodotti finiti avanzati di glycation inoltre sono conosciuti per indurre la disfunzione endoteliale acuta.La disfunzione endoteliale 43 è implicata nello sviluppo di aterosclerosi e così nella malattia cardiovascolare.44 scienziati inoltre ritengono che le età possano contribuire allo sviluppo ed alla progressione di infarto cronico inducendo l'irrigidimento vascolare e del miocardio.45

Supplementi che maggio protegge da da danno indotto da fruttosio

L'eccessiva assunzione di fruttosio dietetico dalle fonti quale lo sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio (HFCS) può contribuire agli effetti sulla salute avversi innumerevoli che variano dalla sindrome metabolica ai calcoli renali alle complicazioni del diabete. Oltre a limitare l'esposizione a fruttosio dietetico, i supplementi nutrizionali possono offrire la protezione importante contro questi effetti nocivi.

Protegga dai prodotti finiti avanzati di Glycation.

Il fruttosio promuove la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation (età), che sono collegati chiaramente ad alcuni che degli effetti collaterali peggiori del diabete.5, 50 prodotti finiti avanzati di glycation inoltre sono collegati ad invecchiamento accelerato, anche fra il sano.7,39,40

  • Benfotiamine: Questo analogo altamente bioavailable della vitamina B1 è stato indicato per impedire alcuno del danno connesso con i livelli elevati legati al diabete della glicemia. Benfotiamine blocca tre “delle vie molecolari principali„ da quale iperglicemia danneggia le cellule.51 che uno studio recente dei pazienti con il diabete di tipo 1 ha confermato quel benfotiamine, congiuntamente ad acido alfa-lipoico supplementare, “… completamente hanno normalizzato la formazione aumentata dell'ETÀ…„ connesso con le complicazioni diabetiche. Benfotiamine inoltre correggeva i deficit endoteliali delle cellule connessi con i livelli elevati della glicemia.52 Benfotiamine mostrano similmente la promessa contro gli effetti contrari del diabete di tipo 2.5

  • Benfotiamine inoltre funge da antiossidante.
    Secondo la nuova ricerca pubblicata dagli scienziati tedeschi, “il benfotiamine mostra un'azione antiossidante diretta. Questo effetto del benfotiamine può partecipare al miglioramento delle complicazioni recenti del diabetico, compreso la neuropatia periferica.„54

  • acido Alfa-lipoico: Raccomandato al preventglycation e riduca l'accumulazione delle età come pure migliori l'utilizzazione del glucosio.l'acido Alfa-lipoico 55 può fare diminuire lo sviluppo o migliorare i sintomi della neuropatia in pazienti diabetici.56 effetti antiossidanti potenti di offerte Alfa-lipoiche dell'acido sia negli ambienti del lipido che acquosi. Soltanto gli antiossidanti lipido-solubili entrano prontamente nel organellesto delle cellule impediscono il danno i radicali liberi. l'acido Alfa-lipoico è un metabolita mitocondriale; è particolarmente efficace a proteggere queste “centrali elettriche„ cellulari vulnerabili dal danno ossidativo.57-61

  • Carnosine: Questo dipeptide funge da agente anti--glycating che inibisce la formazione dell'ETÀ come pure glycation della proteina, l'ossidazione e reticolazione connessa con invecchiamento e le sue patologie collegate. Gli studi sugli animali suggeriscono che il carnosine sopprima le complicazioni del diabete.62-65 la ricerca recente suggerisce che il carnosine possa impedire l'aterosclerosi diabete-collegata.66

  • Piridossamina: a ricercatori basati a Harvard recentemente hanno mostrato quella piridossamina, una formulazione avanzata della vitamina b6, funge da “vasto inibitore„ del glycation avanzato per avvantaggiare i pazienti con la nefropatia diabetica (malattia renale).67,68

Combatti la sindrome metabolica. L'eccessiva assunzione del fruttosio è collegata intimamente con la sindrome metabolica e le sue componenti quali i trigliceridi elevati, l'ipertensione ed il rischio cardiovascolare aumentato.

  • Supplemento regolarmente con omega-3 gli acidi grassi (olio di pesce). L'acido docosaesaenoico (DHA) e l'acido eicosapentanoico (EPA) sono acidi grassi omega-3, trovati soprattutto in olio di pesce, che sono stati indicati ad infiammazione di diminuzione, migliorano il profilo del lipido, riducono l'insulino-resistenza e migliorano la salute cardiovascolare.69-73

  • acido Alfa-lipoico: Migliora parecchie componenti della sindrome metabolica negli studi sugli animali, compreso insulino-resistenza, i profili atherogenic del lipido e l'ipertensione.74

  • Acetile-L-carnitina: Congiuntamente ad acido alfa-lipoico (anche un antiossidante mitocondriale), la acetile-L-carnitina è stata indicata per migliorare la pressione sanguigna in pazienti con la coronaropatia.75

Riduca il rischio di livello ematico elevato dell'acido urico. L'alta ingestione dietetica di fruttosio-particolare sotto forma di HFCS-è associata con i livelli ematici elevati di acido urico, che sono collegati con la gotta.
  • Vitamina C supplementare: Uno studio recente di più di 1.300 uomini ha indicato che una maggior assunzione di vitamina C fa diminuire il rischio di livelli ematici anormalmente di acido urico (iperuricemia).L'iperuricemia 76 è collegata forte al rischio di sviluppare la gotta. Lle assunzioni della vitamina C di mg 500 per giorno o più sono state associate con i livelli corrispondentemente bassi di acido urico nella circolazione sanguigna.76

Elevazione, gotta e calcoli renali dell'acido urico

Uno studio recente dai ricercatori canadesi mostra chiaramente che quello bere le bevande zucchero-zuccherate ad alta percentuale di fruttosio è associato con i livelli ematici elevati di acido urico. Conosciuto come iperuricemia, questa circostanza incontrovertibly è collegata al rischio elevato di sofferenza dalla malattia unita dolorosa, gotta. I ricercatori hanno ricavato le loro conclusioni basate sui dati riuniti da quasi 15.000 Americani adulti che hanno partecipato alla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute (1988-1994). “I livelli dell'acido urico del siero aumentati con l'aumento dell'assunzione zucchero-zuccherata della bibita,„ hanno scritto gli scienziati. Significativamente, bere le bibite dietetiche, che non contengono HFCS, non è stato associato con i livelli elevati dell'acido urico.15

Elevazione, gotta e calcoli renali dell'acido urico

“da iperuricemia indotta da fruttosio ha potuto avere un ruolo causale nella sindrome metabolica, nell'ipertensione e nell'altra malattia cronica,„ a scienziati basati a Harvard celebri nel 2007.46 nel 2008, i ricercatori canadesi hanno restretto il fuoco delle loro indagini precedenti, esaminante la relazione fra le bibite, il consumo del fruttosio ed il rischio di gotta negli uomini. In questo studio, più di 46.000 uomini senza la storia della gotta sono stati seguiti per dozzina anni. Scrivendo in British Medical Journal influente, hanno concluso: “I dati futuri suggeriscono che il consumo di bibite e di fruttosio zucchero-zuccherati sia associato forte con un rischio aumentato di gotta negli uomini.„17

In uno studio recente, i ricercatori ai dati analizzati facoltà di medicina di Harvard si sono riuniti letteralmente dalle centinaia di migliaia di oggetti, paragonanti l'assunzione del fruttosio al rischio di sviluppare i calcoli renali. Mentre “i carboidrati del non fruttosio„ non erano associati a un aumentato rischio, i rischi relativi di calcoli renali “sono aumentato significativamente„ per gli oggetti con il più alta assunzione di fruttosio dietetico, rispetto agli oggetti che hanno avuti l'assunzione più bassa. Dovrebbe essere notato che il saccarosio (zucchero di tavola) funge da fonte di fruttosio dietetico, poichè comprende il fruttosio ed il glucosio. “Il nostro studio suggerisce che l'assunzione del fruttosio sia associata indipendente con un rischio aumentato di calcoli renali di incidente,„ i ricercatori conclusivi.13 che questi informazioni sono così nuove pochi scienziati hanno avuti tempo anche di tentare di ripiegarla. Ma la dimensione del campione enorme dello studio ed il prestigio dei suoi autori, presta il credito ai risultati.

I livelli anormalmente elevati di acido urico del sangue sono stati citati come un meccanismo potenziale da cui HFCS precipita i cambiamenti metabolici indesiderabili che conducono ai termini quale la sindrome metabolica.47,48 è probabile che questo da aumento guidato da fruttosio in acido urico del siero inoltre svolge un ruolo nel rischio aumentato di calcoli renali. La capacità di fruttosio di indurre un aumento in acido urico può essere un meccanismo importante da cui il fruttosio può causare (cuore e rene) la malattia cardiorenal.

Conclusione

Sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio (HFCS) tranquillamente e torvo entrato l'approvvigionamento di generi alimentari le decadi fa. Oggi HFCS è onnipresente in un'ampia varietà di alimenti, compreso le salse di pasta ed i condimenti dell'insalata.

Lo sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio è stato collegato ad un rischio aumentato di una vasta gamma di di malattie e di circostanze metaboliche. Il fruttosio è immagazzinato preferenziale nel fegato come grasso ed è associato con le punte anormali nei livelli ematici di acido urico.

Affezione epatica grassa analcolica

Gli alti livelli del consumo del fruttosio inoltre sono associati con lo sviluppo delle età, che, a loro volta, sono collegate all'invecchiamento accelerato e ad alcuni degli effetti collaterali peggiori connessi con il diabete di tipo 2. Malgrado le assicurazioni della sicurezza dall'industria del dolcificante del cereale, i consumatori salute consapevoli prudenti farebbero bene per fare diminuire la loro assunzione dei dolcificanti che contenente HFCS. Il contenuto nutrizionale di HFCS offre “le calorie vuote„ - caloria-dense, senza il valore del micronutriente (per esempio vitamine, minerali, phytonutrients). Poiché il saccarosio (zucchero di tavola) è mezzo fruttosio, l'assunzione di questo dolcificante dovrebbe anche essere limitata ove possibile. Il migliore modo ridurre la vostra assunzione dello sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio (HFCS) è di leggere l'etichetta dei prodotti alimentari prima che li acquistiate. Uno può tagliare la loro ingestione dietetica di HFCS evitando gli alimenti che la contengono ed altri zuccheri aggiunti quale saccarosio.

Dana Flavin, ms, MD, PhD è ex assistente di scienza al direttore dell'ufficio del socio per tossicologia a FDA.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370

Riferimenti

1. Rugg ss, Bailey AL, brunente SR. Impedire malattia cardiovascolare nel Kentucky: epidemiologia, tendenze e strategie per il futuro. J KY Med Assoc. 2008 aprile; 106(4): 149-61.

2. Ms di Johnson RJ, di Segal, Sautin Y, et al. ruolo potenziale di zucchero (fruttosio) nell'epidemia di ipertensione, obesità e la sindrome, il diabete, la malattia renale e la malattia cardiovascolare metabolici. J Clin Nutr. 2007 ottobre; 86(4): 899-906.

3. RA di Forshee, piano ml, DB di Allison, et al. Un esame critico della prova che collega lo sciroppo e obesità di amido dell'isoglucosio. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2007;47(6):561-82.

4. Ouyang X, Cirillo P, Sautin Y, et al. consumo del fruttosio come fattore di rischio per l'affezione epatica grassa analcolica. J Hepatol. 2008 giugno; 48(6): 993-9.

5. Fruttosio di Miller A, di Adeli K. Dietary e la sindrome metabolica. Curr Opin Gastroenterol. 2008 marzo; 24(2): 204-9.

6. CA di Rutledge, Adeli K. Fructose e la sindrome metabolica: patofisiologia e meccanismi molecolari. Rev. 2007 di Nutr giugno; 65 (6 pinte 2): S13-23.

7. Gaby AR. Effetti contrari di fruttosio dietetico. Altern Med Rev. 2005 dicembre; 10(4): 294-306.

8. Nakagawa T, Kr di Tuttle, breve RA, Johnson RJ. Ipotesi: da iperuricemia indotta da fruttosio come meccanismo causale per l'epidemia della sindrome metabolica. Nat Clin Pract Nephrol. 2005 dicembre; 1(2): 80-6.

9. Basciano H, Federico L, Adeli K. Fructose, insulino-resistenza e dislipidemia metabolica. Nutr Metab (Lond). 21 febbraio 2005; 2(1): 5.

10. Rayssiguier Y, Gueux E, Nowacki W, roccia E, consumo dell'isoglucosio di Mazur A. combinato con l'assunzione dietetica bassa del magnesio può aumentare l'incidenza della sindrome metabolica inducendo l'infiammazione. Ricerca di Magnes. 2006 dicembre; 19(4): 237-43.

11. Ms di Segal, Gollub E, Johnson RJ. È l'indice del fruttosio più pertinente per quanto riguarda la malattia cardiovascolare che l'indice glycemic? EUR J Nutr. 2007 ottobre; 46(7): 406-17.

12. Elliott ss, Keim nl, JS severo, tef K, Havel PJ. Fruttosio, obesità e la sindrome di insulino-resistenza. J Clin Nutr. 2002 novembre; 76(5): 911-22.

13. En di Taylor, GASCROMATOGRAFIA di Curhan. Consumo del fruttosio ed il rischio di calcoli renali. Rene Int. 2008 gennaio; 73(2): 207-12.

14. Johnson RJ, Sautin YY, Oliver WJ, et al. lezioni da fisiologia comparativa: ha potuto l'acido urico rappresentare un segnale di allarme fisiologico andato storto nella società occidentale? Comp. Physiol [B] di J. 23 luglio 2008.

15. Choi JW, Ford es, Gao X, Choi HK. bibite, bibite dietetiche e livello Zucchero-zuccherati dell'acido urico del siero: la terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Rheum di artrite. 15 gennaio 2008; 59(1): 109-16.

16. Hak EA, Choi HK. Stile di vita e gotta. Curr Opin Rheumatol. 2008 marzo; 20(2): 179-86.

17. Choi HK, bibite di Curhan G., consumo del fruttosio ed il rischio di gotta in uomini: studio di gruppo futuro. BMJ. 9 febbraio 2008; 336(7639): 309-12.

18. Thuy S, Ladurner R, Volynets V, et al. affezione epatica grassa analcolica in esseri umani è associato con le concentrazioni aumentate nell'inibitore 1 dell'attivatore dell'endotossina e del plasminogeno del plasma e con l'assunzione del fruttosio. J Nutr. 2008 agosto; 138(8): 1452-5.

19. Preiss D, affezione epatica grassa di Sattar N. Non-alcoholic: una panoramica delle considerazioni di prevalenza, di diagnosi, della patogenesi e di trattamento. Clin Sci (Lond). 2008 settembre; 115(5): 141-50.

20. Raglio GA, Nielsen SJ, BM di Popkin. Il consumo di sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio in bevande può svolgere un ruolo nell'epidemia dell'obesità. J Clin Nutr. 2004 aprile; 79(4): 537-43.

21. MB di Vos, Kimmons JE, Gillespie C, Lingua gallese J, HM di Blanck. Consumo dietetico del fruttosio fra i bambini e gli adulti degli Stati Uniti: la terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Med di Medscape J. 9 luglio 2008; 10(7): 160.

22. LS lordo, consumo di Li L, di Ford es, di Liu S. Increased di carboidrati raffinati e l'epidemia del diabete di tipo 2 negli Stati Uniti: una valutazione ecologica. J Clin Nutr. 2004 maggio; 79(5): 774-9.

23. Beck-Nielsen H, Pedersen O, Lindskov UFF. Grippaggio cellulare alterato dell'insulina e sensibilità dell'insulina indotta dall'alimentazione ad alta percentuale di fruttosio negli oggetti normali. J Clin Nutr. Del 1980 febbraio; 33(2): 273-8.

24. Hallfrisch J, Ellwood KC, Michaelis OE quarto, Reiser S, O'Dorisio TM, Prather es. Effetti di fruttosio dietetico sulle risposte del glucosio e dell'ormone del plasma in uomini normali e hyperinsulinemic. J Nutr. 1983 settembre; 113(9): 1819-26.

25. Hsieh PS, Tai YH, Loh CH, Shih KC, PESO di Cheng, CHU CH. Interazione funzionale dei ricevitori AT1 e AT2 dain insulino-resistenza e dall'nell'ipertensione indotti da fruttosio in ratti. Metabolismo. 2005 febbraio; 54(2): 157-64.

26. Plante GE, Perreault m., Lanthier A, Marette A, Maheux P. Reduction di no. endoteliali e da stravaso indotto da bradichinina delle macromolecole in muscolo scheletrico del ratto di fruttosio-federazione modellano. Ricerca di Cardiovasc. 1° ottobre 2003; 59(4): 963-70.

27. Avramoglu RK, Qiu W, Adeli K. Mechanisms della dislipidemia metabolica negli stati resistenti dell'insulina: liberalizzazione della secrezione epatica ed intestinale della lipoproteina. Front Biosci. 1° gennaio 2003; 8: d464-76.

28. Thirunavukkarasu V, Anitha Nandhini A, cv di Anuradha. L'effetto di acido alfa-lipoico sul profilo del lipido in ratti ha alimentato una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Exp Diabesity. 2004 luglio-settembre; 5(3): 195-200.

29. Tokita Y, Hirayama Y, Sekikawa A, et al. ingestione del fruttosio migliora l'aterosclerosi ed il deposito dei prodotti finiti glicati avanzati nei conigli di colesterolo-federazione. J Atheroscler Thromb. 2005;12(5):260-7.

30. ONG JP, Pitts A, Younossi ZM. Mortalità globale aumentata e mortalità in relazione con il fegato nell'affezione epatica grassa analcolica. J Hepatol. 2008 ottobre; 49(4): 608-12.

31. Smedile A, Bugianesi E. Steatosis e rischio epatocellulare di carcinoma. Rev Med Pharmacol Sci di EUR. 2005 settembre-ottobre; 9(5): 291-3.

32. Dunn W, Xu R, Wingard DL, et al. affezione epatica grassa e rischio analcolici sospettati di mortalità in uno studio di gruppo basato sulla popolazione. J Gastroenterol. 5 agosto 2008.

33. Raszeja-Wyszomirska J, Lawniczak m., Marlicz W, Miezynska-Kurtycz J, vista del fegato grasso di Milkiewicz P. Non-alcoholic malattia-nuova. Pol Merkur Lekarski. 2008 giugno; 24(144): 568-71.

34. Dhar A, Desai K, Kazachmov m., Yu P, produzione di Wu L. Methylglyoxal in cellule di muscolo liscio vascolari dai precursori metabolici differenti. Metabolismo. 2008 settembre; 57(9): 1211-20.

35. Wang X, Jia X, Chang T, Desai K, Wu L. Attenuation di sviluppo di ipertensione pulendo methylglyoxal in ratti fruttosio-trattati. J Hypertens. 2008 aprile; 26(4): 765-72.

36. Mikulikova K, Eckhardt A, Kunes J, Zicha J, pentosidine del prodotto finito di glycation di Miksik I. Advanced si accumula in vari tessuti dei ratti con l'assunzione dell'isoglucosio. Ricerca di Physiol. 2008;57(1):89-94.

37. Li SY, Ren J. Assessment del glycoxidation della proteina in tessuti ventricolari. Metodi Mol Med. 2007;139:313-28.

38. McPherson JD, Shilton BH, Walton DJ. Ruolo di fruttosio in glycation e reticolazione delle proteine. Biochimica. 22 marzo 1988; 27(6): 1901-7.

39. Peppa m., Uribarri J, Vlassara H. Aging e sforzo glycoxidant. Ormoni (Atene). 2008 aprile; 7(2): 123-32.

40. Gasser A, Forbes JM. Glycation avanzato: implicazioni nel danno e nella malattia di tessuto. Proteina Pept Lett. 2008;15(4):385-91.

41. Grillo mA, prodotti finiti di glycation di Colombatto S. Advanced (età): partecipazione all'invecchiamento ed alle malattie neurodegenerative. Aminoacidi. 2008 giugno; 35(1): 29-36.

42. Levi B, Werman MJ. Il consumo a lungo termine del fruttosio accelera il glycation e parecchie variabili relative all'età in ratti maschii. J Nutr. 1998 settembre; 128(9): 1442-9.

43. Stirban A, Negrean m., Gotting C, et al. prodotti finiti avanzati dietetici di glycation e sforzo ossidativo: in vivo effetti sulla funzione endoteliale e sui adipokines. Ann NY Acad Sci. 2008 aprile; 1126:276-9.

44. Versari D, Daghini E, Virdis A, Ghiadoni L, Taddei S. L'endotelio di invecchiamento, il rischio cardiovascolare e la malattia. Exp Physiol. 19 settembre 2008.

45. Smit AJ, Hartog JW, Voors aa, van Veldhuisen DJ. Prodotti finiti avanzati di glycation in infarto cronico. Ann N Y Acad Sci. 2008 aprile; 1126:225-30.

46. Gao X, Qi L, Qiao N, et al. assunzione di zucchero aggiunto e concentrazione zucchero-zuccherata nell'acido urico del siero e della bevanda negli uomini e nelle donne degli Stati Uniti. Ipertensione. 2007 agosto; 50(2): 306-12.

47. Heinig m., Johnson RJ. Ruolo di acido urico nell'ipertensione, nella malattia renale e nella sindrome metabolica. Med di Cleve Clin J. 2006 dicembre; 73(12): 1059-64.

48. Nakagawa T, Hu H, Zharikov S, et al. Un ruolo causale per acido urico dalla nella sindrome metabolica indotta da fruttosio. J Physiol Physiol renale. 2006 marzo; 290(3): F625-31.

49. Akhavan T, Anderson GH. Effetti dei rapporti del glucosio--fruttosio nelle soluzioni su sazietà, sull'ingestione di cibo e sugli ormoni soggettivi di sazietà in giovani. J Clin Nutr. 2007 novembre; 86(5): 1354-63.

50. Ahmed N, Thornalley PJ. Prodotti finiti avanzati di glycation: che cosa è la loro rilevanza alle complicazioni diabetiche? Diabete Obes Metab. 2007 maggio; 9(3): 233-45.

51. Anon. Benfotiamine. Monografia. Altern Med Rev. 2006 settembre; 11(3): 238-42.

52. Du X, Edelstein D, benfotiamine di Brownlee M. Oral più acido alfa-lipoico normalizza complicazione-causare le vie in diabete di tipo 1. Diabetologia. 2008 ottobre; 51(10): 1930-2.

53. Stirban A, Negrean m., Stratmann B, et al. Benfotiamine impedisce la macro e disfunzione endoteliale microvascolare e lo sforzo ossidativo ricchi seguenti di un pasto in prodotti finiti avanzati di glycation in individui con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 settembre; 29(9): 2064-71.

54. Schmid U, tappo H, Heidland A, mostre di Schupp N. Benfotiamine dirige la capacità antiossidante ed impedisce l'induzione di danno del DNA in vitro. Rev. 2008 di ricerca di Metab del diabete luglio; 24(5): 371-7.

55. Thirunavukkarasu V, Anitha Nandhini A, cv di Anuradha. L'acido lipoico migliora l'utilizzazione del glucosio ed impedisce il glycation della proteina e la formazione dell'ETÀ. Pharmazie. 2005 ottobre; 60(10): 772-5.

56. Vincent, Perrone L, KA di Sullivan, et al. ricevitore per l'attivazione avanzata dei prodotti finiti di glycation ferisce i neuroni sensoriali primari via lo sforzo ossidativo. Endocrinologia. 2007 febbraio; 148(2): 548-58.

57. Hao J, Shen W, tian C, et al. sostanze nutrienti mitocondriali migliora la disfunzione immune nel tipo - 2 ratti diabetici di GOTO-Kakizaki. Cellula Mol Med di J. 9 aprile 2008.

58. Sena cm, Nunes E, Louro T, et al. effetti di acido alfa-lipoico sulla funzione endoteliale in ratti alimentati diabetici ed ad alta percentuale di grassi invecchiati. Br J Pharmacol. 2008 marzo; 153(5): 894-906.

59. ST adottivi. Efficacia e sicurezza del completamento acido alfa-lipoico nel trattamento di neuropatia diabetica sintomatica. Diabete Educ. 2007 gennaio; 33(1): 111-7.

60. Aliev G, Liu J, Shenk JC, et al. miglioramento mitocondriale di un neurone alimentando acetile-L-carnitina ed acido lipoico ai ratti invecchiati. Cellula Mol Med di J. 28 marzo 2008.

61. Invecchiamento di Palaniappan AR, di Dai A. Mitochondrial ed il ruolo utile di acido alfa-lipoico. Ricerca di Neurochem. 2007 settembre; 32(9): 1552-8.

62. Wang, mA C, Xie ZH, Shen F. Use del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 869-71.

63. Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himsworth, et al. effetti protettivi di Pluripotent del carnosine, un dipeptide naturale. Ann NY Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:37-53.

64. Hipkiss AR. Il carnosine o un aiuto carnivoro di dieta sopprimerebbe l'invecchiamento e le patologie collegate? Ann NY Acad Sci. 2006 maggio; 1067:369-74.

65. VP di Reddy, SIG. di Garrett, sidro di pere G, Smith mA. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

66. Rashid I, van Reyk DM, Davies MJ. Carnosine ed i suoi costituenti inibiscono il glycation delle lipoproteine a bassa densità che promuove la formazione delle cellule della schiuma in vitro. FEBS Lett. 6 marzo 2007; 581(5): 1067-70.

67. Williams ME, settimana di Bolton, Khalifah RG, et al. effetti della piridossamina negli studi combinati di fase 2 dei pazienti con il tipo 1 e diabete di tipo 2 e nefropatia evidente. J Nephrol. 2007;27(6):605-14.

68. Williams ME. Nuovi agenti potenziali nel trattamento della malattia renale diabetica: il quarto atto. Droghe. 2006;66(18):2287-98.

69. Davidson MH, Yannicelli HD. Nuovi concetti in dislipidemia nella sindrome e nel diabete metabolici. Metab Syndr Relat Disord. 2006;4(4):299-314.

70. Robinson LE, CA di Buchholz, Mazurak VC. Infiammazione, obesità e metabolismo dell'acido grasso: influenza degli acidi grassi polinsaturi n-3 sui fattori che contribuiscono alla sindrome metabolica. Appl Physiol Nutr Metab. 2007 dicembre; 32(6): 1008-24.

71. Carpentier YA, Portois L, Malaisse WJ. acidi grassi n-3 e la sindrome metabolica. J Clin Nutr. 2006 giugno; 83 (6 supplementi): 1499S-504S.

72. Lombardo YB, Hein G, sindrome di Chicco A. Metabolic: effetti di n-3 PUFAs su un modello della dislipidemia, dell'insulino-resistenza e dell'adiposità. Lipidi. 2007 maggio; 42(5): 427-37.

73. Nettleton JA, acidi grassi polinsaturi a catena lunga di Katz R n-3 in diabete di tipo 2: una rassegna. Dieta Assoc di J. 2005 marzo; 105(3): 428-40.

74. Pershadsingh ha. acido Alfa-lipoico: meccanismi ed indicazioni fisiologici per il trattamento della sindrome metabolica. Droghe di Opin Investig dell'esperto. 2007 marzo; 16(3): 291-302.

75. McMackin CJ, Widlansky ME, Amburgo nanometro, et al. effetto del trattamento combinato con acido alfa-lipoico ed acetile-L-carnitina sulla funzione e sulla pressione sanguigna vascolari in pazienti con la coronaropatia. J Clin Hypertens (Greenwich). 2007 aprile; 9(4): 249-55.

76. Gao X, Curhan G, Forman JP, Ascherio A, Choi HK. Assunzione di Colleen Fitzpatrick e concentrazione nell'acido urico del siero in uomini. J Rheumatol. 2008 settembre; 35(9): 1853-8.