Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2008
Rapporti

Alleviazione del guasto di scompenso cardiaco con il coenzima Q10

Da Peter H. Langsjoen, md, facc

Assorbimento di CoQ10

Figura 3. Due forme di coenzima Q10:
Ubiquinone e Ubiquinol
Assorbimento di CoQ10
Fino ad oggi, tutto il CoQ10 supplementare
era nella forma dell'ubiquinone o e ossidata.
Oggi, è possibile ottenere gli integratori alimentari
contenere ubiquinol, la forma riduttrice di CoQ10.
Ubiquinol è più bioavailable dell'ubiquinone.

Dall'inizio della nostra esperienza con CoQ10 in infarto, abbiamo osservato l'assorbimento difficile di CoQ10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco avanzato. Ciò estremamente sta frustrando, perché i pazienti che sono il più malato ed hanno il miglioramento minimo del plasma più bassa CoQ10 di manifestazione dei livelli a causa della loro incapacità di assorbire CoQ10. È stato il nostro presupposto che la conservazione o l'edema fluida nell'intestino e nel fegato in questi pazienti criticamente malati è stata responsabile di questo assorbimento difficile. Fino a circa un anno favorevole fa, tutto il CoQ10 supplementare nel mondo è stato nella sua forma dell'ubiquinone o ossidata. In questo stato ossidato, CoQ10 è arancia a colori e solubile nel grasso stabili e luminosi. È questa proprietà di essere solubile nel grasso che è responsabile della difficoltà con assorbimento CoQ10.

Una migliore forma di CoQ10

Dopo ingestione, subito dopo degli incroci CoQ10 nelle prime cellule che allineano l'intestino tenue, è convertito enzimaticamente sua riduttrice in, o in ubiquinol, forma. Così, quando misuriamo il plasma CoQ10, circa 98-99% del CoQ10 è in questa forma riduttrice di ubiquinol (si veda figura 3). Kaneka Corporation del Giappone è riuscito a fare una formulazione stabile di ubiquinol che stiamo studiando con attenzione dall'ottobre 2006. Ubiquinol è una polvere bianca piuttosto che arancio ed è meno solubile nel grasso, facendola assorbente meglio.

Il nostro primo paziente da trattare con il ubiquinol ha avuto infarto severo con una frazione di espulsione di 15% (una misura della quantità di sangue ha pompato fuori con ogni battito cardiaco, che è normalmente 60-65%). Questo signore ha avuto un livello sotto-terapeutico del plasma CoQ10 di 2,2 mcg/mL su 450 mg al giorno di ubiquinone. Il suo livello del plasma su 450 mg al giorno del ubiquinol aumentato drammaticamente a 8,5 mcg/mL e durante i 10 mesi successivi, la sua frazione di espulsione aumentata a 60% con una corrispondenza drammatica e forse un miglioramento clinico di salvataggio (si veda figura 4). Ora abbiamo complessivamente sette pazienti con guasto di scompenso cardiaco avanzato ed i bassi livelli del plasma CoQ10, malgrado la presa fino a 600 mg al giorno di ubiquinone (la forma ossidata di CoQ10) che sono stati passati alla formulazione di ubiquinol (la forma riduttrice). Le nostre osservazioni preliminari sono state molto favorevoli ed è il mio forte parere che il ubiquinol supplementare rappresenta un avanzamento scientifico importante nella storia di 50 anni della ricerca CoQ10.

Completando con CoQ10

Figura 4. componente dei livelli del plasma CoQ10
con severità di guasto di scompenso cardiaco
Completando con CoQ10
Cromatogramma dell'estratto del plasma da un paziente
con infarto severo. Questo paziente ha avuto un'espulsione
una frazione di 15% e livello del plasma di riduttore di (ubiquinol)
CoQ10 di 2,2 mcg/mL su un ubiquinone di 450 mg/giorno.
Scelta una formulazione CoQ10 e del dosaggio
Cromatogramma dell'estratto del plasma dallo stesso cuore
guasto paziente dopo il completamento con il ubiquinol.
Dieci mesi del ubiquinol 450 mg/giorno aumentati
livello del plasma (ubiquinol) di CoQ10 riduttore a
8,5 mcg/mL e frazione migliore di espulsione a 60%.

Vorrei formulare alcune osservazioni pratiche basate su 24 anni di cura dei migliaia di pazienti dell'infarto con CoQ10 supplementare oltre ai farmaci standard di prescrizione. Non abbiamo visto effetti collaterali e interazioni della droga da CoQ10 supplementare, ma abbiamo osservato diminuire graduale del requisito di molti farmaci cardiaci che si presenta con un miglioramento nella funzione di muscolo del cuore. Per esempio, abbiamo osservato una diminuzione significativa nell'esigenza del diuretico, a causa di una tendenza riduttrice della conservazione fluida mentre la funzione del cuore migliora. Inoltre, abbiamo notato un miglioramento graduale nell'ipertensione che accade mentre la funzione del cuore migliora, che può richiedere una diminuzione graduale in farmaci antipertensivi quali gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE), classe A di medicine d'abbassamento del sangue utilizzate frequentemente nei pazienti dell'infarto. I pazienti con la malattia cardiaca dovrebbero essere seguiti dai loro medici, specialmente quando ci sono tutti i cambiamenti nell'attività, nella dieta, in farmaci da vendere su ricetta medica, o nei supplementi non quotati in borsa.

Ho curato i centinaia di pazienti con CoQ10 e mai non ho osservato un'interazione con warfarin (Coumadin®). Ci sono stati rapporti aneddotici che la combinazione può aumentare il rischio di emorragia. Gli individui che usano il warfarin dovrebbero consultare sempre un medico prima di usando CoQ10.28,29

Scelta una formulazione CoQ10 e del dosaggio

La maggior parte dei supplementi disponibili nel commercio CoQ10 comprendono l'ubiquinone. I dosaggi quotidiani raccomandati di questo tipo di CoQ10 variano da 100 mg a 600 mg.

Le formule più avanzate CoQ10 ora contengono il ubiquinol, la forma riduttrice di CoQ10, che è definitivamente migliore assorbente nella circolazione sanguigna.30-32 ha raccomandato i dosaggi quotidiani della gamma di ubiquinol da 100 mg a 300 mg.

Poiché sappiamo che i livelli CoQ10 tendono a diminuire con l'età e viviamo in una società che consuma i ricchi pochissimi dell'alimento in CoQ10 (carni di organo come cuore, fegato ed il rene), ha significato completare con una quantità modesta (ubiquinone o ubiquinol) di inizio CoQ10 nel medio evo. Coloro che soffre da guasto di scompenso cardiaco o che usano i farmaci di statina dovrebbero mirare a consumare le dosi elevate di CoQ10 (ubiquinone o ubiquinol).

Conclusione

La capacità del coenzima Q10 di migliorare fondamentalmente la produzione di energia e la difesa antiossidante in ogni cellula del corpo ha determinato molti miglioramenti notevoli ed inattesi in tutti gli aspetti delle sanità. Questa molecola straordinaria ha cambiato drammaticamente la mia propria pratica di medicina ed ha portato la gioia al trattamento delle malattie cardiovascolari precedentemente devastanti.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Crane FL, Hatefi Y, Lester RL, Widmer C. Isolation di un chinone dai mitocondri del cuore del manzo. Acta di Biochim Biophys. 1957 luglio; 25(1): 220-1.

2. Folkers K, GP di Littarru, L noiosa, et al. prova per una carenza del coenzima Q10 nella malattia cardiaca umana. Int Z Vitaminforsch. 1970;40(3):380-90.

3. Langsjoen pH, Vadhanavikit S, Folkers K. Response dei pazienti nelle classi III ed IV di cardiomiopatia alla terapia in una prova dell'incrocio e dei ciechi con il coenzima Q10. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1985 giugno; 82(12): 4240-4.

4. Efficacia di Langsjoen pH, di Langsjoen pH, di Folkers K. Long-term e sicurezza della terapia del coenzima Q10 per cardiomiopatia dilatata idiopatica. J Cardiol. 15 febbraio 1990; 65(7): 521-3.

5. Folkers K, Langsjoen P, Willis R, et al. lovastatine fa diminuire i livelli del coenzima Q in esseri umani. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. Del 1990 novembre; 87(22): 8931-4.

6. Il brevetto 4929437 degli Stati Uniti, registrato il 29 maggio 1990 e brevetto 4933165 degli Stati Uniti, registrato il 12 giugno 1990, entrambi ha intitolato “il coenzima Q10 con gli inibitori della riduttasi HMG-CoA.„

7. Argento mA, Langsjoen pH, Szabo S, Patil H, Zelinger A. Effect delle atorvastatine sulla funzione e sulla capacità diastoliche ventricolari sinistre del coenzima Q10 invertire quella disfunzione. J Cardiol. 15 novembre 2004; 94(10): 1306-10.

8. Hindler K, CS di Cleeland, Rivera E, CD del cavolo riccio. Il ruolo delle statine nella terapia del cancro. Oncologo. 2006 marzo; 11(3): 306-15.

9. Alsheikh-Ali aa, Maddukuri PV, Han H, RH di Karas. Effetto della grandezza di riduzione dei lipidi sul rischio di enzimi elevati, di rabdomiolisi e di cancro del fegato: comprensioni dalle grandi prove randomizzate di statina. J Coll Cardiol. 31 luglio 2007; 50(5): 409-18.

10. TB di Newman, SB di Hulley. Carcinogenicità delle droghe di riduzione dei lipidi. JAMA. 3 gennaio 1996; 275(1): 55-60.

11. Li G, Larson eb, Sonnen JA, et al. terapia di statina è associato con i cambiamenti neuropathologic riduttori del morbo di Aalzheimer. Neurologia. 28 agosto 2007; 69(9): 878-85.

12. SEDERE di Golomb, Jaworski B. Statins e demenza. Arco Neurol. 2001 luglio; 58(7): 1169-70.

13. Padala KP, Padala PR, vasaio JF. da declino indotto da simvastatine nella cognizione. Ann Pharmacother. 2006 ottobre; 40(10): 1880-3.

14. Kurian KC, rai P, Sankaran S, et al. L'effetto delle statine in infarto: oltre il suo effetto d'abbassamento. Venire a mancare della carta di J. 2006 agosto; 12(6): 473-8.

15. "phillips" PS, RH di Haas, Bannykh S, et al. miopatia Statina-collegata con la chinasi normale della creatina livella. Ann Intern Med. 1° ottobre 2002; 137(7): 581-5.

16. Langsjoen pH, JO di Langsjoen, Langsjoen, LA di Lucas. Il trattamento degli effetti contrari di statina con il coenzima supplementare Q10 e la statina drogano la sospensione. Biofactors. 2005;25(1-4):147-52.

17. Bartnik m., Norhammar A, Rydén L. Hyperglycaemia e malattia cardiovascolare. Med dell'interno di J. 2007 agosto; 262(2): 145-56.

18. Le NA, Walter MF. Il ruolo di ipertrigliceridemia nell'aterosclerosi. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2007 agosto; 9(2): 110-5.

19. Disponibile a: http://circ.ahajournals.org/cgi/content/abstract.Accessed 29 novembre 2007.

20. Allen Maycock CA, Muhlestein JB, Horne BD, et al. terapia di statina è associato con la mortalità riduttrice attraverso tutte le fasce d'età degli individui con la malattia coronarica significativa, compreso i pazienti molto anziani. J Coll Cardiol. 20 novembre 2002; 40(10): 1777-85.

21. Sorrentino S, effetti d'abbassamento di Landmesser U. delle statine. Med di Cardiovasc di opzioni dell'ossequio di Curr. 2005 dicembre; 7(6): 459-66.

22. Langsjoen pH, Langsjoen. Panoramica dell'uso di CoQ10 nella malattia cardiovascolare. Biofactors. 1999;9(2-4):273-84.

23. Langsjoen pH, GP di Littarru, mA d'argento. Ruolo del coenzima concomitante Q10 con le statine per i pazienti con iperlipidemia. Ricerca di Nutr di argomenti di Curr. 2005;3(3):149-58.

24. Langsjoen pH, Langsjoen. Coenzima Q10 nella malattia cardiovascolare con l'enfasi su infarto e su ischemia miocardica. Cuore J. 1998 di Asia Pacific; 7(3): 160-8.

25. Permanetter B, Rössy W, Klein G, Weingartner F, Seidl KF, trattamento di Blömer H. Ubiquinone (coenzima Q10) a lungo termine di cardiomiopatia dilatata idiopatica. Cuore J. 1992 di EUR novembre; 13(11): 1528-33.

26. Watson PS, GM di Scalia, Gaibraith AJ, Burstow DJ, CN di Aroney, Bett JH. È il coenzima Q10 utile per i pazienti con cardiomiopatia idiopatica? Med J Aust. 15 ottobre 2001; 175(8): 447; risposta 447-8 dell'autore.

27. Khatta m., Alexander BS, Krichten cm, et al. L'effetto del coenzima Q10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco. Ann Intern Med. 2000 18 aprile; 132(8): 636-40.

28. Shalansky S, Lynd L, Richardson K, Ingaszewski A, Kerr C. Risk degli eventi in relazione con il warfarin dell'emorragia e dell'internazionale supratherapeutic ha normalizzato i rapporti connessi con medicina complementare ed alternativa: un'analisi longitudinale. Farmacoterapia. 2007 settembre; 27(9): 1237-47.

29. Engelsen J, Nielsen JD, Winther K. Effect del coenzima Q10 ed il ginkgo biloba su dosaggio del warfarin in warfarin stabile e a lungo termine hanno curato i pazienti esterni. Un randomizzato, ciechi del doppio, prova dell'placebo-incrocio. Thromb Haemost. 2002 giugno; 87(6): 1075-6.

30. Hosoe K, Kitano m., Kishida H, Kubo H, Fujii K, Kitahara M. Study su sicurezza e su biodisponibilità del ubiquinol (Kaneka QH (modello depositato)) dopo la singola e somministrazione orale multipla di quattro settimane ai volontari sani. Regul Toxicol Pharmacol. 2007 febbraio; 47(1): 19-28.

31. Shults CW, Oakes D, Kieburtz K, et al. effetti del coenzima Q10 nel morbo di parkinson precoce: prova di rallentamento del declino funzionale. Arco Neurol. 2002 ottobre; 59(10): 1541-50.

32. Shults CW, BM del silice, canzone D, prova pilota di Fontaine D. di alti dosaggi del coenzima Q10 in pazienti con la malattia del Parkinson. Exp Neurol. 2004 agosto; 188(2): 491-4.