Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2008
Rapporti

Coenzima Q10 e Cancro
Migliorando i risultati e miglioramento di trattamento della tollerabilità di chemioterapia

Da Julius Goepp, md

Studi umani

Frustratingly e spesso tragicamente, i dati coercitivi dagli studi sugli animali sono tradotti soltanto lentamente in prove-sostenibile cliniche umane con notevole dispendio nella sofferenza umana. Ciò è stata la situazione con CoQ10 sino a poco tempo fa. Infatti, il prolungamento della vita ha arruolato “una chiamata ad azione„ all'inizio del 200624 per supporto aumentato delle prove umane facendo uso di varie dosi di CoQ10. Fortunatamente, quella chiamata è stata sentita ed i dati in modo convincente dalle prove umane correttamente condotte ora stanno emergendo.

Coenzima Q10 e Cancro

Parecchie piccole prove umane sono state condotte negli anni 90, ma con una mancanza spiacevole di entusiasmo in comunità medica.25 per esempio, i poteri distimolazione di CoQ10 sono stati esplorati dagli stessi biochimici di Austin che protuberanza raggiunta successiva come conseguenza del loro lavoro fondamentale con la sostanza nutriente.26 quando hanno dato CoQ10 e la vitamina b6 (piridossina) ai soggetti umani ed hanno misurato i livelli di immunoglobulina il G (una proteina importante dell'anticorpo nel sistema immunitario umano), hanno notato gli importante crescite. Intrigante, inoltre hanno trovato che livelli ematici della linea cellulare “di T4-helper„ anche aumentata, come ha fatto il rapporto delle cellule di T-helper/T-suppressor, indicante una spinta significativa nella protezione immunologica degli oggetti contro i virus e gli indicatori anormali della superficie delle cellule connessi con cancro.

Nel 1994, la remissione parziale di cancro al seno è stata notata in un gruppo di pazienti in Danimarca che segue il loro completamento con CoQ10 con altri antiossidanti ed acidi grassi essenziali.27 in questo studio approfondito, 32 donne con cancro al seno categorizzato come ad alto rischio, a causa della diffusione del loro tumore ai linfonodi, hanno preso i supplementi delle vitamine C ed E più selenio, acidi grassi essenziali e CoQ10 (90 mg/giorno). I ricercatori hanno adottato questo approccio “combinatorio„ facendo uso della loro conoscenza che i fattori multipli agiscono sinergico per iniziare e promuovere la crescita del cancro. Sulla base di questo principio i ricercatori hanno supposto che gli effetti sinergici delle componenti multiple dovrebbero anche essere provati per valutare insieme i loro effetti anticancro. Tutti i pazienti in questo studio già avevano subito la chirurgia ma sono stati conosciuti per avere rimanere residuo del tumore. Drammaticamente, c'erano morti zero durante il periodo di studio, malgrado un tasso di mortalità previsto di quattro pazienti. Nessun paziente dato segni di sviluppare le nuove metastasi e tutti i pazienti hanno riferito un miglioramento nella qualità della vita.

Ancora più notevolmente, in quello stesso studio danese, era l'individuazione che sei delle 32 donne realmente ha mostrato la regressione parziale del tumore (cioè non solo i tumori restanti non si sono sviluppati, ma realmente sono diventato più piccoli). Incoraggianti, i ricercatori hanno aumentato la dose quotidiana di CoQ10 un paziente - 390 mesi di MG-un in più successivamente, non ha avuta tumore rilevabile su esame fisico e per la fine di seguente mese, il tumore interamente è stato andato sul suo mammogramma. I ricercatori poi hanno sollevato la dose in un secondo paziente mentre i ricercatori ben-- hanno riferito che, “dopo tre mesi, il paziente era nello stato clinico eccellente e non c'era tessuto residuo del tumore.„ Concludendo questo rapporto sbalorditivo, gli scienziati hanno notato che CoQ10 “attività bioenergetica„ (cioè la sua capacità di proteggere le cellule da danno dell'ossidante e di mettere a disposizione più energia per la funzione sana) può essere il meccanismo dominante che causa queste regressioni drammatiche di cancro al seno.28

I ricercatori indiani a Madras inoltre hanno preso la loro conoscenza ed abilità dal laboratorio al lato del letto con gli studi definitivi di CoQ10 in malati di cancro umani, pubblicanti i loro risultati nel 2007.29,30 hanno avviato il loro lavoro con l'osservazione stabilita che fosse la metastasi del tumore, non il cancro primario, che è la causa della morte nei pazienti di cancro al seno. Trovi un modo impedire la metastasi o rallentare almeno la sua progressione, i ricercatori ha ragionato ed uno potrebbe migliorare drammaticamente i risultati per le vittime di cancro al seno. Per verificare la loro ipotesi, hanno intrapreso due studi in un gruppo di 84 pazienti di cancro al seno, assegnante a caso loro per ricevere un placebo o i supplementi del quotidiano con 100 niacine di mg CoQ10, riboflavina di mg 10 e di mg 50. Tutti i pazienti sono stati curati con il tamoxifene come la droga primaria della chemioterapia pure.

Nel primo studio, i ricercatori hanno misurato i marcatori tumorali, le proteine del sangue che riflettono il grado a cui un tumore ha progredito e potenzialmente si è sparso.29 trattato una volta con il tamoxifene, i livelli di marcatori tumorali sono caduto significativamente, come è stato preveduto. Ma i pazienti hanno trattato con il supplemento di CoQ10-containing hanno avuti ancora più grandi diminuzioni nei loro livelli del marcatore tumorale. Da questo lavoro, i ricercatori hanno concluso che il supplemento di CoQ10-containing “riduce… il rischio di ricorrenza e di metastasi del cancro.„

Studi umani

Non il contenuto con l'esame dell'appena una misura (marcatori tumorali) degli effetti del completamento, il gruppo di ricerca è continuato ad esaminare i modi in cui il completamento ha colpito il vario immune ed i componenti di sistema di regolamento del tumore che possono contribuire alla diffusione di cancro.30 mettendo a fuoco sulle citochine, sui prodotti chimici inter ed intracellulari potenti che segnalano l'infiammazione e promuovono o permettono la diffusione di cancro, i campioni di sangue ottenuti ricercatori dagli stessi 84 pazienti nello studio precedente. Inoltre hanno misurato i livelli di fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), una proteina dipromozione che le cellule tumorali usano per coltivare i vasi sanguigni. L'abbassamento dei livelli di tutti questi prodotti chimici dimiglioramento è un punto cruciale nel rallentamento o nell'impedire della diffusione del tumore. Di nuovo, i risultati erano [CoQ10, riboflavina e niacina] pazienti inequivocabile-completati significativamente avevano ridotto i livelli di tutti i citochine e VEGF, rispetto a quelli trattati con il tamoxifene soltanto. Potente, gli scienziati hanno concluso il quel, “una tal diminuzione nei livelli di citochina del siero dopo [CoQ10, riboflavina e niacina] il completamento nei pazienti di cancro al seno può suggerire la buone prognosi ed efficacia del trattamento e potrebbe anche offrire la protezione dalle metastasi e la ricorrenza di cancro.„

Questi risultati drammatici tutto il punto ai poteri dimiglioramento di CoQ10 e tumore-riducentesi versatili nel cancro al seno. Ma che cosa circa altro, cancri ancor più resistenti? Dato il ruolo vitale del sistema immunitario nella conservazione dei pazienti senza Cancro dopo il trattamento di tutti i tipi di tumori, i ricercatori a Roma hanno studiato i trattamenti d'amplificazione per i pazienti con uno dei cancri più micidiali e trattamento-più resistenti, melanoma maligno.31 l'ambulatorio in anticipo ed aggressivo è stato il sostegno del trattamento per questa forma micidiale di cancro di pelle.32 l'aggiunta del trattamento con le citochine d'amplificazione quali interferone alfa e l'interleuchina 2 leggermente hanno migliorato la sopravvivenza ma al costo degli effetti collaterali significativi.33 i ricercatori di Roma avevano notato che i pazienti del melanoma hanno bassi livelli di CoQ10 e ragione per cui l'aggiunta della sostanza nutriente alla terapia dell'interferone potrebbe migliorare il suo successo mentre riduceva gli effetti collaterali. Hanno condotto una prova triennale del trattamento ininterrotto con interferone alfa a basse dosi soltanto, o con l'aggiunta di 400 mg/giorno di CoQ10 in pazienti con il melanoma in anticipo che segue la rimozione chirurgica dei tumori. Hanno seguito i pazienti tutta l'uscita a 5 anni che seguono il trattamento. Notevolmente per così lungo studio, nessun paziente si è ritirato dalla prova come conseguenza degli effetti collaterali. Per di più, la malattia ha progredito molto più lentamente nell'interferone più i pazienti di CoQ10-treated, che inoltre hanno avuti un tasso significativamente riduttore di ricorrenza dei tumori che il gruppo senza aggiunte.31

La forma più avanzata di CoQ10

Una delle ragioni per cui i livelli di citochina sono elevati in malati di cancro è la risposta infiammatoria potente prodotta in tessuti normali tumore-e, come abbiamo visto, da risposta infiammatoria stessa è compresa nella crescita e nella diffusione di nuovi tessuti del tumore. Purtroppo, molti agenti della chemioterapia del cancro producono l'infiammazione, spesso come conseguenza del danno che intenzionale dell'ossidante infliggono sulle cellule del tumore e sulle loro componenti. Malgrado i suoi effetti benefici nel trattamento di cancro al seno, il tamoxifene è rinomato per lo sforzo ossidativo imponente e gli indicatori aumentanti di infiammazione. Inoltre interrompe i profili del lipido dei pazienti, elevanti la lipoproteina a bassa densità (LDL), i trigliceridi ed il colesterolo totale, mentre abbassa la lipoproteina ad alta densità protettiva (HDL). Il gruppo di ricerca di Madras quindi ha precisato per determinare come CoQ10 colpisce i profili antiossidanti del lipido e di stato, ragione per cui alcuno del suo beneficio potrebbe essere il risultato di ristabilimento dell'equilibrio a questi parametri fondamentali.34,35

Secondo le aspettative, i pazienti di cancro al seno non trattati sono stati trovati per avere i livelli di lipidi aumentati e livelli elevati di grassi ossidati infiammatori. Il trattamento con il tamoxifene ha avuto soltanto un impatto limitato sullo sforzo ossidativo ed inoltre ha indotto un'elevazione severa dei trigliceridi (molecole grasse) nel siero dei pazienti. Quando i ricercatori hanno aggiunto CoQ10, riboflavina e completamento della niacina, tuttavia, i livelli di grassi ossidati sono caduto drammaticamente, con un aumento concomitante nei livelli antiossidanti.34

Notevolmente, dalle le rotture indotte da tamoxifene nei profili del lipido inoltre hanno risposto a terapia di associazione CoQ10. Tutte anomalie di profilo del lipido sono ritornato ai livelli quasi normali dopo i 90 giorni del trattamento con la terapia di combinazione (tamoxifene più CoQ10 ed altre sostanze nutrienti).35

Che cosa dovete conoscere: Ubiquinol: La forma più avanzata di CoQ10

Nel 2006, la forma di ubiquinol di CoQ10 in primo luogo è stata introdotta come integratore alimentare. Ubiquinol è un donatore di elettrone che può neutralizzare i radicali liberi pericolosi non appena è ingerire-a differenza di ubiquinone (il solo tipo di CoQ10 disponibile prima del 2006), non richiede attivazione biochimica dopo che è consumata.

La prova suggerisce che il corpo assorba il ubiquinol fino a otto volte più efficacemente dell'ubiquinone.38-40 questi risultati suggeriscono che il ubiquinol possa offrire oggi la formulazione più bioavailable CoQ10 disponibile.

Riassunto

Forse ancor più sono temuti che la diagnosi di cancro stessa gli effetti collaterali orrendi connessi con la chemioterapia. Le nuove scoperte indicano che gli aiuti del coenzima Q10 non solo impediscono le cellule sane subire i cambiamenti maligni, ma inoltre protegge dagli effetti collaterali della chemioterapia e dal danno infiammatorio inflitti sul corpo dalle cellule tumorali.

Il coenzima Q10 ha celebrato il cinquantesimo anniversario della sua scoperta nel 2007. Per la maggior parte della sua “vita„ nella biologia umana, è stato visto soltanto come sostanza nutriente relativa al metabolismo energetico cellulare e quindi è stato il più noto per i suoi effetti benefici sul muscolo del cuore e sul tessuto cerebrale.36,37 negli ultimi anni, CoQ10 ha trovato i vasti nuovi ruoli nella salute di mantenimento e vita di prolungamento. •

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Siemieniuk E, Skrzydlewska E. Coenzyme Q10: la suoi biosintesi e significato biologico negli organismi animali ed in esseri umani. Postepy Hig Med Dosw. (Online). 2005;59:150-9.

2. Ross D, Kepa JK, Winski SL, et al. NAD (P) H: ossidoriduttasi 1 (NQO1) del chinone: chemoprotection, bioactivation, regolamento del gene e polimorfismi genetici. Le bioe di Chem interagiscono. 2000 1° dicembre; 129 (1-2): 77-97.

3. Dlugosz A, Sawicka E. L'effetto chemoprotective del coenzima Q sui lipidi nei lavoratori di industria della lacca e della pittura. Int J Occup Med Environ Health. 1998;11(2):153-63.

4. Riduttasi di Ross D. Quinone a funzioni multiple nel mondo metabolico. Rev. 2004 di Metab della droga ottobre; 36 (3-4): 639-54.

5. Ratnam DV, DD di Ankola, Bhardwaj V, Sahana dk, MN di Kumar. Ruolo degli antiossidanti nella profilassi e nella terapia: Una prospettiva farmaceutica. J controlla il rilascio. 20 luglio 2006; 113(3): 189-207.

6. Pettini ab, Choe JY, DH di Truong, Folkers K. Reduction dal coenzima Q10 della tossicità acuta dell'adriamicina di topi. Ricerca Commun Chem Pathol Pharmacol. 1977 novembre; 18(3): 565-8.

7. KB di Wallace. da interferenza indotta da adriamicina con omeostasi mitocondriale cardiaca del calcio. Cardiovasc Toxicol. 2007;7(2):101-7.

8. Iarussi D, Auricchio U, Agretto A, et al. effetto protettivo del coenzima Q10 sulla cardiotossicità di antracicline: controlli lo studio in bambini con la leucemia linfoblastica acuta ed il linfoma non Hodgkin. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: s207-12.

9. Dobrovolskaia mA, Kozlov SV. Infiammazione e cancro: quando il N-F-kappaB amalgama l'associazione pericolosa. Obiettivi della droga di Cancro di Curr. 2005 agosto; 5(5): 325-44.

10. L'efficacia di Perumal ss, di Shanthi P, di Sachdanandam P. Combined del tamoxifene e del coenzima Q10 sullo stato di perossidazione lipidica e gli antiossidanti in DMBA hanno incitato il cancro al seno. Mol Cell Biochem. 2005 maggio; 273 (1-2): 151-60.

11. Bubici C, papà S, decano K, diafonia di Franzoso G. Mutual fra le specie reattive dell'ossigeno e la fattore-kappa nucleare B: base molecolare e significato biologico. Oncogene. 30 ottobre 2006; 25(51): 6731-48.

12. Papà S, Bubici C, Zazzeroni F, et al. Il controllo N-F-kappaB-mediato della cascata di JNK nell'antagonismo della morte programmata delle cellule nella salute e nella malattia. La morte delle cellule differisce. 2006 maggio; 13(5): 712-29.

13. Lesione di Okada K, di Yamada S, di Kawashima Y, et al. delle cellule dagli agenti antineoplastici ed influenza del coenzima Q10 su attività e sulla differenza di potenziale cellulari del potassio attraverso la membrana in cellule di fegato del ratto. Ricerca del Cancro. 1980 può; 40(5): 1663-7.

14. Kawase I, Niitani H, Saijo N, Sasaki H, effetto di Morita T. Enhancing del coenzima, Q10 sul immunorestoration con il mycobacterium bovis BCG nei topi del tumore-cuscinetto. Gann. 1978 agosto; 69(4): 493-7.

15. Effetto combinato di Niitani H, di Kawase I, di Taniguchi T, di Saijo N, di Irimajiri N. di BCG e coenzima Q10 su attività dell'atpasi e sul contenuto del coenzima Q nei linfociti della milza dei ratti del tumore-cuscinetto. Gann. 1979 giugno; 70(3): 315-22.

16. Kokawa T, Shiota K, Oda K, et al. coenzima Q10 negli studi chemioterapia-sperimentali del cancro sull'aumento degli effetti dei composti mascherati, particolarmente in chemioterapia combinata con i immunopotentiators. Gan To Kagaku Ryoho. 1983 marzo; 10(3): 768-74.

17. Suzuki H, Yamamoto J, Iwata Y, Matsumoto K, Iriyama K. Effects dell'immunostimolazione con OK432, coenzima Q10, o levamisolo da su carcinogenesi colica indotta dimethylhydrazine in ratti. Jpn J Surg. 1986 marzo; 16(2): 152-5.

18. Folkers K, Brown R, Judy WV, Morita M. Survival dei malati di cancro sulla terapia con il coenzima Q10. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 15 aprile 1993; 192(1): 241-5.

19. Folkers K, Osterborg A, Nylander m., Morita m., Mellstedt H. Activities della vitamina Q10 nei modelli animali ed in una carenza seria in pazienti con cancro. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 19 maggio 1997; 234(2): 296-9.

20. Hodges S, Hertz N, Lockwood K, Lister R. CoQ10: potrebbe avere un ruolo in gestione del cancro? Biofactors. 1999;9(2-4):365-70.

21. Perumal ss, Shanthi P, terapia combinatoria dimodulazione delle vitamine-un di Sachdanandam P. nuova impedisce la cachessia del cancro nel carcinoma mammario del ratto. Br J Nutr. 2005 giugno; 93(6): 901-9.

22. Sakano K, Takahashi m., Kitano m., Sugimura T, Wakabayashi K. Suppression da di formazione premaligna colica indotta azoxymethane della lesione dal coenzima Q10 in ratti. Cancro asiatico Prev del Pac J. 2006 ottobre; 7(4): 599-603.

23. Perumal ss, Shanthi P, efficacia di Sachdanandam P. Augmented del tamoxifene in tumorigenesis del seno del ratto una volta gavaged con riboflavina, niacina e CoQ10: effetti su perossidazione lipidica ed antiossidanti in mitocondri. Le bioe di Chem interagiscono. 28 febbraio 2005; 152(1): 49-58.

24. Faloon W. Come lo vediamo: CoQ10 e Cancro. Prolungamento della vita. Febbraio 2006: 7-10.

25. Akihama T, Nakamoto Y, Shindo T, Nakayama Y, effetti di Miura A. Protective del coenzima Q10 sulle reazioni avverse degli antibiotici di antraciclina: facendo uso di doppi ciechi metodo-con riferimento particolare a perdita di capelli. Gan To Kagaku Ryoho. 1983 ottobre; 10(10): 2125-9.

26. Folkers K, Morita m., McRee J, junior. Le attività del coenzima Q10 e della vitamina b6 per le risposte immunitarie. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 28 maggio 1993; 193(1): 88-92.

27. Remissione parziale di Lockwood K, di Moesgaard S, di Hanioka T, di Folkers K. Apparent di cancro al seno in pazienti “ad alto rischio„ completati con gli antiossidanti nutrizionali, acidi grassi essenziali e coenzima Q10. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: s231-40.

28. Lockwood K, Moesgaard S, Folkers K. Partial e regressione completa di cancro al seno in pazienti relativamente a dosaggio del coenzima Q10. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 30 marzo 1994; 199(3): 1504-8.

29. Lo SG di Premkumar VG, di Yuvaraj S, di Vijayasarathy K, di Gangadaran, Sachdanandam P. Effect del coenzima Q10, la riboflavina e la niacina sul CEA del siero e su CA 15-3 livella nei pazienti di cancro al seno che subiscono la terapia di tamoxifene. Toro di biol Pharm. 2007 febbraio; 30(2): 367-70.

30. SG di Premkumar VG, di Yuvaraj S, di Vijayasarathy K, di Gangadaran, livelli di citochina di Sachdanandam P. Serum di interleukin-1beta, -6, -8, fattore-alfa di necrosi del tumore e fattore di crescita endoteliale vascolare nei pazienti del cancro al seno curati con il tamoxifene e completati con il coenzima Q (10), riboflavina e niacina. Clin di base Pharmacol Toxicol. 2007 giugno; 100(6): 387-91.

31. Rusciani L, Proietti I, A paradisi, et al. interferone recombinante alpha-2b e coenzima Q10 come terapia adiuvante postoperatoria per il melanoma: una prova di tre anni con interferone alfa recombinante e seguito di cinque anni. Ricerca del melanoma. 2007 giugno; 17(3): 177-83.

32. DG della giacca sportiva, III, Sondak VK, sig.ra di Sabel. Terapia chirurgica del melanoma cutaneo. Semin Oncol. 2007 giugno; 34(3): 270-80.

33. Kalaaji. Terapia di citochina nel melanoma avanzato. J droga Dermatol. 2007 aprile; 6(4): 374-8.

34. Yuvaraj S, Premkumar VG, Vijayasarathy K, SG di Gangadaran, stato antiossidante di Sachdanandam P. Augmented in tamoxifene ha curato le donne postmenopausali con cancro al seno sull'co-amministrazione con il coenzima Q (10), niacina e riboflavina. Cancro Chemother Pharmacol. 1° agosto 2007.

35. SG di Yuvaraj S, di Premkumar VG, di Vijayasarathy K, di Gangadaran, effetto di Sachdanandam P. Ameliorating del coenzima Q10, riboflavina e niacina nei pazienti di cancro al seno postmenopausali tamoxifene-trattati con particolare riferimento ai lipidi ed alle lipoproteine. Biochimica di Clin. 2007 giugno; 40 (9-10): 623-8.

36. Singh U, Devaraj S, completamento e infarto di Jialal I. Coenzyme Q10. Rev. 2007 di Nutr giugno; 65 (6 pinte 1): 286-93.

37. Galpern WR, Cudkowicz ME. Trattamento del coenzima Q delle malattie neurodegenerative di invecchiamento. Mitocondrio. 2007 giugno; 7 supplementi: S146-53.

38. Hosoe K, Kitano m., Kishida H, Kubo H, Fujii K, Kitahara M. Study su sicurezza e su biodisponibilità del ubiquinol (Kaneka QH (modello depositato)) dopo la singola e somministrazione orale multipla di quattro settimane ai volontari sani. Regul Toxicol Pharmacol. 2007 febbraio; 47(1): 19-28.

39. Shults CW, Oakes D, Kieburtz K, et al. effetti del coenzima Q10 nel morbo di parkinson precoce: prova di rallentamento del declino funzionale. Arco Neurol. 2002 ottobre; 59(10): 1541-50.

40. Shults CW, BM del silice, canzone D, prova pilota di Fontaine D. di alti dosaggi del coenzima Q10 in pazienti con la malattia del Parkinson. Exp Neurol. 2004 agosto; 188(2): 491-4.