Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2008
Rapporti

Funzione conoscitiva giovanile di mantenimento con i mirtilli

Da Laurie Barclay, MD

Funzione conoscitiva giovanile di mantenimento con i mirtilli

Gli studi scientifici pubblicati indicano che i mirtilli sono imballati con le sostanze nutrienti che non solo migliorano il declino neurologico conoscitivo di ritardo e di funzione ma inoltre proteggono le strutture delicate del cervello da danno ossidativo.

I ricchi nei composti potenti del polifenolo, mirtilli sono stati indicati per proteggere unicamente il cervello dalle influenze nocive quali i radicali liberi, la radiazione, l'infiammazione e il excitotoxicity. Ancora, i mirtilli possono anche invertire i deficit relativi all'età in conoscitivo e nella funzione motoria. Gli scienziati hanno notato che i composti del mirtillo sono assorbiti prontamente nella circolazione sanguigna, quindi attraversano nel cervello in cui influenzano le regioni coinvolgere nei ruoli terapeutici disuggerimento del motore e di memoria contro Parkinson ed Alzheimer.

In questo rapporto, parliamo con alcuni degli scienziati alla prima linea di questo campo di ricerca emozionante.

Mirtilli: Una centrale elettrica nutrizionale

La scienza moderna ha realizzato molti progressi nella scoperta dei benefici dei composti specifici trovati in frutta ed in verdure, quali vitamina C ed i resveratroli. “i superplants„ Sostanza-densi vanno un punto più avanti e sono imballati con le miscele complesse dei phytonutrients che funzionano insieme per promuovere la salute ottimale.

Mirtilli: Una centrale elettrica nutrizionale

Un tale “superfruit„ è il mirtillo, che contiene una centrale elettrica delle sostanze nutrienti che possono difendere il corpo contro le devastazioni di invecchiamento e della malattia. I mirtilli sono ricchi in polifenoli, di cui alcuno dell'più utile è classe A di flavonoidi chiamati antociani, che danno alla bacca il suo colore blu intenso.1 questi composti notevoli come pure le proantocianidine, i flavonoli ed i tannini, che inoltre sono trovati in mirtilli, atto non solo come antiossidanti,2 ma sono stati indicati nel laboratorio ad infiammazione di lotta pure.

Questo effetto doppio dà ad antociani il potenziale di combattere il cancro,3-6 la malattia cardiovascolare,5 l'infiammazione,7 ed invecchiare e degenerazione delle cellule nervose.8,9

Lo sforzo e l'infiammazione ossidativi sono probabilmente colpevoli comuni non solo nell'invecchiamento stesso, ma anche nella malattia cardiovascolare, nel morbo di Alzheimer ed in altre malattie neurodegenerative che contagiano la nostra popolazione graying. Gli studi di popolazione suggeriscono quello che consuma un livello di dieta in antiossidanti, come quelli trovati in frutta e le verdure, possono anticipare l'inizio del morbo di Alzheimer e di altre demenze.10,11 composto polifenolico trovato in mirtilli può fare diminuire la vulnerabilità età-migliorata allo sforzo ed all'infiammazione ossidativi. Rispetto ad altre frutta e verdure, i mirtilli sono fra il più alto nella capacità antiossidante, o nella loro capacità di pulire i radicali liberi nocivi, come misurato dalla prova radicale della capacità di capacità di assorbimento dell'ossigeno (ORAC).12 similmente, i mirtilli selvaggi superano altri frutti quali il mirtillo rosso, la mela e l'uva nell'analisi cellulare di attività antiossidante, una tecnologia di recente sviluppato e di prossima generazione quella effetti antiossidanti all'interno delle cellule stessi delle misure.13

Morbo di Alzheimer

Malgrado gli avanzamenti indiscussi resi diretto possibile varie droghe disponibili per combattere le varie malattie, le droghe hanno effetti potenti, qualche utile, alcuno potenzialmente nocivo. I rischi potenziali devono essere considerati quando prescrive o prendendo i farmaci, particolarmente per le malattie croniche di invecchiamento in cui il trattamento può essere necessario nel lungo termine.

D'altra parte, la frutta e le verdure che sono trovate naturalmente nella nostra dieta possono essere elaborate sicuro dall'ente senza preoccupazione per gli effetti collaterali possibili. L'intervento appropriato con i mirtilli ed i loro estratti può promuovere la salute e combattere malattia-senza il rischio di complicazioni avverse comuni con le droghe potenti.

Una ricchezza degli studi pubblicati nel 2007 rivela che i mirtilli fanno appena quello. Gli studi sugli animali hanno indicato quel pterostilbene, un principio attivo in mirtilli, possono specificamente contribuire ad impedire il tumore del colon.14 un altro costituente del mirtillo-tannino-possono di uccidere malattia-causare i batteri,15 mentre i composti fenolici del mirtillo hanno un effetto benefico sui batteri nei due punti, quindi riducenti l'infiammazione gastrointestinale.Ulteriore ricerca dell'ultimo minuto 16 mostra che il potere antiossidante dei mirtilli promuove la salute dell'occhio e protegge da danno cromosomico,9 mentre gli antociani trovati in bacche possono anche migliorare la funzione delle cellule cerebrali, con i miglioramenti comportamentistici corrispondenti.8

L'estratto del mirtillo protegge Brain Cells From Injury

In uno studio emozionante pubblicato recentemente, l'istituto nazionale di invecchiamento ha esaminato l'effetto di una dieta mirtillo-arricchita nella protezione dal trauma cranico in ratti. 17 giovani ratti hanno ricevuto una dieta che contiene l'estratto del mirtillo di 2%, o una dieta di controllo, per almeno otto settimane. Alcuni dei ratti poi sono stati fatti le iniezioni di acido kainic, un prodotto chimico nocivo producendo lo sforzo ossidativo e overexcitability delle cellule nervose, nell'ippocampo, in una regione del cervello in questione nella memoria e nell'apprendimento.

I ratti che hanno ricevuto le iniezioni acide kainic avevano alterato chiaramente l'apprendimento della prestazione rispetto ai ratti di controllo. Tuttavia, quei ratti che avevano ricevuto la dieta mirtillo-completata prima dell'iniezione acida kainic hanno avuti molto meno danno che quelli che hanno ricevuto la dieta di controllo. Più stupefacente, l'esame al microscopio del tessuto cerebrale ha confermato che i ratti che ricevono il controllo sono a dieta e le iniezioni acide kainic hanno avute perdita significativamente maggior di cellule cerebrali che i ratti pretrattati con la dieta mirtillo-completata.

L'estratto del mirtillo protegge Brain Cells From Injury

Donald K. Ingram, PhD, dal laboratorio nutrizionale di invecchiamento e della neuroscienza, centro di ricerca biomedico di Pennington, il sistema dell'università di Stato della Luisiana a Baton Rouge, che ha collaborato con l'istituto nazionale di invecchiamento su questo studio ha detto il prolungamento della vita, “oltre l'attività antiossidante dimostrata, mirtilli sembra stimolare le risposte di sforzo che proteggono le cellule [da] una grande varietà di lesioni.„ Ha aggiunto, “prova che i mirtilli potrebbero essere utili al cervello di invecchiamento è derivato da vari studi con attenzione intrapresi del roditore che mostrano la prestazione migliore degli animali invecchiati nelle mansioni comportamentistiche come pure dalla protezione aumentata contro le varie forme di trauma cranico relative alla malattia neurodegenerative umana.„

Il gruppo del Dott. Ingram ha intrapreso ai loro risultati un'azione ulteriore. Hanno trovato che il siero dal sangue dei ratti ha alimentato le cellule realmente protette mirtillo-arricchite di dieta sviluppate nel laboratorio dalla morte indotta dal perossido di idrogeno, un fattore di sforzo ossidativo potente che genera molti radicali liberi. I ricercatori hanno concluso che il completamento del mirtillo può proteggere dal neurodegeneration e dal danno conoscitivo causati dal excitotoxicity e dallo sforzo ossidativo.17

“Dato la prova epidemiologica che il livello di diete nel contenuto nella verdura e nella frutta, specialmente quelli di colore scuro [può contribuire a proteggere dallo sforzo ossidativo], consumo di mirtilli potrebbe altamente essere raccomandato come componente di una dieta sana,„ il Dott. Ingram ha detto. “Ora c'è una grande necessità per i test clinici sistematici di confermare gli effetti benefici del consumo del mirtillo su una serie di misure sanitarie importanti, compreso la funzione come pure i fattori di rischio comportamentistici per la malattia relativa all'età, quali la malattia cardiovascolare ed il diabete.„

L'estratto del mirtillo può impedire Brain Impairment relativo all'età

Le indennità-malattia potenziali del cibo i mirtilli e di simili frutti e la prova scientifica che sostiene questo potenziale, inoltre sono state evidenziate recentemente al secondo congresso internazionale su Berry Health Benefits, tenuto nel giugno 2007 all'università di Stato dell'Oregon in Corvallis.

Uno dei relatori principali a questo simposio era James A. Joseph, testa del laboratorio della neuroscienza del centro di ricerca dell'alimentazione umana di USDA-ARS su invecchiamento all'università dei ciuffi a Boston, mA.

L'estratto del mirtillo può impedire Brain Impairment relativo all'età

Il suo gruppo cercato per confermare se il completamento del mirtillo promuove la comunicazione fra le cellule nervose e riduce così teoricamente il rischio di danni del motore e conoscitivi connessi con invecchiamento. Facendo uso di un modello animale, il gruppo del Dott. Joseph ha studiato gli effetti di una dieta mirtillo-completata su movimento ed i problemi di memoria si sono riferiti ad invecchiare come pure sui cambiamenti di fondo di fisico medica e del prodotto chimico nel cervello.8

“Abbiamo alimentato a ratti una dieta che contiene i mirtilli, fragole, o gli spinaci (l'equivalente di voi che mangiate una grande insalata degli spinaci, o una tazza dei mirtilli, o circa una pinta delle fragole) per otto mesi, comincianti a circa 19 mesi dell'età, quando stanno cominciando dare segni di invecchiamento in conoscitivo e nella funzione motoria,„ il Dott. Joseph hanno detto il prolungamento della vita. “Abbiamo indicato che questi animali hanno migliorato che quei che fossero mantenuti sulle diete non integrate.„

Rispetto ai ratti che hanno ricevuto la dieta di controllo, i ratti di invecchiamento che hanno ricevuto diete completate erano molto meno probabili sviluppare i danni nella prestazione del labirinto dell'acqua e su altre prove della memoria, dell'apprendimento e della coordinazione, come equilibratura su uno stretto o su una barretta di filatura. Che cosa era ancor più emozionante era che una volta invecchiati i ratti che già hanno avuti danni su queste prove sono stati dati l'estratto del mirtillo, la loro prestazione migliore o persino restituita al normale!8

“I mirtilli erano niente male a bloccare alcuni degli effetti dei fattori di sforzo ossidativi; cioè erano organismi saprofagi ragionevolmente buoni dei radicali liberi, [e] inoltre abbiamo cominciato esaminare altri meccanismi ed altri benefici potenziali che potrebbero avere,„ il Dott. Joseph ha detto. “Abbiamo indicato che la crescita del neurogenesis-the di nuovo neurone-è aumentata di questi animali, che va d'accordo con i miglioramenti comportamentistici che abbiamo visto.„

I livelli aumentati di prodotto chimico di un neurone conosciuto come la chinasi segnale-regolata extracellulare (ERK), che protegge le cellule nervose, hanno dato ulteriore prova del neurogenesis negli animali mirtillo-completati. Infatti, ERK è stato indicato per essere cruciale per varie mansioni di memoria, rendendolo unicamente sospeso per cambiare gli effetti di un neurone e comportamentistici di invecchiamento.

Non solo il completamento del mirtillo è associato con la crescita di nuove cellule nervose,18 ma le cellule nervose attuali possono meglio comunicare tra loro con un processo conosciuto come trasduzione del segnale. I livelli di enzimi in questione nella trasduzione del segnale, quali GTPase e le chinasi mitogene-attivate protettive della proteina (MAPPA), realmente sono aumentato di animali mirtillo-completati.

Ciò ha condotto i ricercatori a suggerire che “gli interventi nutrizionali con gli alti frutti antiossidanti, quali i berryfruits, potessero risultare essere un bene importante nel rafforzamento del cervello contro le devastazioni di tempo e ritardare o impedire lo sviluppo delle malattie neurodegenerative relative all'età.„8

Secondo le aspettative, i ricercatori nel laboratorio del Dott. Joseph hanno confermato che gli antociani in mirtilli possono attraversare la barriera ematomeningea degli animali completati e localizzare in varie regioni del cervello importanti per l'apprendimento e la memoria.19 facendo uso delle cellule microglial del topo (cellule che nutriscono, proteggono e migliorano la funzione delle cellule cerebrali) inoltre hanno studiato i meccanismi da cui gli antociani proteggono le cellule nervose e migliorano la loro funzione.20

“Gli antociani sono stati localizzati nel cervello e più differenti quei che fossero localizzati nel cervello, migliore il comportamento conoscitivo fosse,„ il Dott. Joseph ha detto. “Sappiamo che sono antiossidanti molto buoni e gli anti-infiammatori molto buoni. Che cosa conosciamo dal nostro lavoro in cellule microglial del topo è che questi polifenoli possono inibire le vie di sforzo a parecchi punti in questione nelle vie infiammatorie, con le riduzioni di citochine infiammatorie.„

Questa ricerca suggerisce che i mirtilli producano gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori direttamente cambiando le vie ossidative ed infiammatorie di sforzo-segnalazione. In laboratorio, l'estratto del mirtillo ha impedito i cambiamenti biochimici nocivi connessi con l'esposizione del microglia ad una sostanza infiammatoria.20

L'estratto del mirtillo protegge Brain Region From Injury specifico

“Nel morbo di Alzheimer e nella malattia del Parkinson, ha postulato che questo il microglia è molto overactivated e comincia distruggere le cellule, funzionanti deleterio invece dell'essere utile al cervello,„ il Dott. Joseph ha spiegato. “Quando quello accade, non possono essere attivati ed usati per altri scopi.„

Sebbene la lesione e lo sforzo ordinariamente attivino il microglia per liberare le sostanze che proteggeranno le cellule nervose, l'attivazione patologica di microglia può aggravare il danno progressivo associato non solo con il morbo di Alzheimer e la malattia del Parkinson, ma anche con il colpo, la sclerosi a placche ed il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) - o demenza AIDS-collegata.20,21

Un sistema-modello interessante per studiare il morbo di Alzheimer è il topo transgenico che geneticamente è costruito per avere variazioni nella proteina del precursore dell'amiloide (APP) e in presenilin-1 (PS1), proteine che sono importanti nella produzione della patologia del cervello caratteristica del morbo di Alzheimer. A causa della mutazione di APP, i topi transgenici hanno aumentato gli importi di amiloide-beta, un frammento della proteina che compone “la placca neuritic,„ che è l'marchio di garanzia di questo disordine. Quando i topi transgenici sono stati mantenuti su una dieta mirtillo-completata, i livelli di due prodotti chimici neuroprotective, chinasi segnale-regolata extracellulare e chinasi proteica C, che sono comprese nell'apprendimento e nella memoria, sono stati trovati per essere aumentati.

I topi transgenici hanno alimentato la dieta mirtillo-completata potevano inoltre migliore traversare un labirinto che le loro controparti hanno alimentato una dieta di controllo, anche se entrambi i gruppi di animali hanno sviluppato le placche del cervello. In topi transgenici, i supplementi del mirtillo sono sembrato migliorare la segnalazione al livello delle chinasi, quindi aumentante la sensibilità dei ricevitori del cervello nel corpo striato che sono compresi nella memoria.8,22

L'estratto del mirtillo inoltre ha ridotto la segnalazione di sforzo causata esponendo le cellule cerebrali dall'ippocampo alla dopamina del neurochemical o aamiloide-beta, la proteina che si accumula nei cervelli dei pazienti con il morbo di Alzheimer.23

L'estratto del mirtillo protegge Brain Region From Injury specifico

In collaborazione con la NASA al laboratorio nazionale di Brookhaven, il gruppo del Dott. Joseph sta studiando un sistema-modello per contribuire a capire gli effetti nocivi di radiazione sul cervello. I giovani ratti esposti a circa 150 rad di radiazione di particella pesante, del tipo che gli astronauti sono esposti sui voli spaziali a lungo termine, sviluppano i danni in motore e nella funzione conoscitiva simili a quelli veduti con invecchiamento.8,24

“Se pretrattiamo questi animali per otto settimane con una dieta che contiene i mirtilli o le fragole, troviamo che possiamo bloccare gli effetti della radiazione,„ il Dott. Joseph abbiamo detto. “Che cosa è interessante è meglio quello su alcuni comportamenti, sul lavoro delle fragole e, su altri comportamenti, sul lavoro dei mirtilli meglio.„

Specificamente, i proanthocyanins in mirtilli sembrano essere disegnati al corpo striato, ad un movimento di controllo della struttura del cervello come pure a determinate mansioni di memoria. Il corpo striato è inoltre una delle regioni del cervello più colpite dalla malattia del Parkinson.

In termini di se ci sono regioni reali del cervello dove questi polifenoli possono avere ricevitori, il Dott. Joseph ha detto, “se pensate a questo proposito per un momento, perché il not-there è ricevitori dell'oppioide nel cervello, ricevitori della caffeina e ricevitori [della marijuana]. Non li abbiamo isolati ancora, ma stiamo provando a prendere in giro fuori questi meccanismi ed a vedere quale possono avere la maggior parte del effetto fino a produrre le proprietà utili dei mirtilli.„

Se i proanthocyanins in mirtilli hanno benefici specifici all'interno del corpo striato, sembra ragionevole supporre che l'estratto del mirtillo potrebbe intrattenere la popolazione predominante delle cellule nervose situate nel corpo striato, vale a dire, neuroni che contengono il neurotrasmettitore conosciuto come dopamina. Lo svuotamento di dopamina dal corpo striato è la base biochimica che è alla base della rigidità, della rigidezza e del tremore visto nella malattia del Parkinson.

In un modello del ratto della malattia del Parkinson e del suo trattamento, la dopamina 25 è stata vuotata dal corpo striato, in cui le cellule nervose embrionali che contengono la dopamina sono state trapiantate. Rispetto ai ratti di controllo ha alimentato il cibo standard del laboratorio, quelli ha alimentato una dieta che contiene l'estratto del mirtillo di 2% ha avuto sopravvivenza significativamente maggior delle cellule nervose trapiantate. Queste cellule nervose inoltre hanno funzionato bene, come visto da migliore equilibrio su una prova girante della barretta nei ratti dati l'estratto del mirtillo che i comandi.

“Questi risultati forniscono il supporto per il potenziale dei phytochemicals dietetici come una terapia facilmente amministrata e ben tollerato che può essere usata per migliorare l'efficacia della sostituzione del neurone della dopamina,„ gli autori ha scritto.25

Che cosa dovete conoscere: Mirtilli
  • I composti in mirtilli conosciuti come i flavonoidi, particolarmente gli antociani, hanno proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie, danti loro il grande potenziale di combattere l'invecchiamento, a morbo di Alzheimer e ad altri disturbi cronici.

  • I mirtilli sembrano proteggere le cellule da una vasta gamma di lesioni dagli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti esercitanti direttamente per cambiare le vie ossidative ed infiammatorie di sforzo-segnalazione.

  • Negli studi sugli animali, una dieta mirtillo-arricchita è stata indicata per proteggere da perdita di cellule cerebrali vedute con differenti tipi di trauma cranico e di invecchiamenti come pure dai danni collegati nella memoria, nell'apprendimento e nella coordinazione.

  • Il completamento del mirtillo inoltre è associato con la crescita di nuove cellule nervose e con la migliore comunicazione fra le cellule nervose attuali con il processo conosciuto come trasduzione del segnale.

  • Gli antociani in mirtilli entrano nei cervelli degli animali completati, in cui alloggiano nel corpo striato, un'area specifica che controlla determinati tipi di memoria e di funzioni motorie. Il corpo striato è inoltre principalmente implicato nella malattia del Parkinson.

  • Gli studi di popolazione in esseri umani suggeriscono che le diete su in frutta ed in verdure-particolare quelli di colore scuro, come mirtillo-possano proteggere dallo sforzo ossidativo, dal morbo di Alzheimer e da altre circostanze croniche.

  • Gli esperti intervistati da prolungamento della vita altamente raccomandano il consumo di mirtilli come componente di un programma sano di stile di vita.

Studi dell'essere umano con i mirtilli

In volontari umani, gli studi hanno indicato che i polifenoli e gli antiossidanti in succo del mirtillo sono assorbiti facilmente e risultato nei livelli ematici aumentati.26

I campioni di sangue difficili di questi volontari hanno mostrato che quello bere un cocktail del succo di mirtillo-Apple per quattro settimane ha provocato la protezione di 20% contro danneggiamento chimico del DNA in globuli bianchi. Gli individui con determinate variazioni genetiche erano più probabili di altri mostrare questo effetto protettivo.

Nell'altra ricerca, è conosciuto che la capacità antiossidante nel sangue diminuisce normalmente dopo un pasto pesante perché metabolizzare l'alimento aumenta i radicali liberi. Tuttavia, gli studi in volontari sani hanno indicato che mangiare i mirtilli aumenta il livello di capacità antiossidante nel sangue. Il cibo degli alimenti alto-antiossidanti, quali i mirtilli, con ogni pasto come componente di una dieta sana è quindi un antidoto saporito per impedire i periodi di sforzo ossidativo che ordinariamente seguono il cibo.12

Mirtilli per vita

“Se vi dicessi per prendere una determinata droga, o per avere una determinata procedura, senza sapere indipendentemente da fatto che è stata provata completamente nella gente ed è stata trovata per non essere nociva, sarei molto negligente nel fare quello, ma non ho difficoltà che qualcuno mangia le bacche o che aggiunge gli alimenti con che molti antiossidanti alla loro dieta,„ il Dott. di raccomandazione Joseph ha concluso. “Ci sono molti dati là fuori che suggeriscono che quella gente che mangia un livello di dieta in frutta ed in verdure sia meno probabile sviluppare alcune delle malattie che si presentano nell'invecchiamento. È come vostra madre ha detto: mangi i vostri frutti e verdura-sono buoni per voi.„ •

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Nicoue EE, Savard S, Belkacemi K. Anthocyanins in mirtilli selvaggi della Quebec: estrazione ed identificazione. Alimento chim. di J Agric. 11 luglio 2007; 55(14): 5626-35.

2. Srivastava A, Akoh cc, Fischer J, Krewer G. Effect di antociano fractions dalle cultivar selezionate dei mirtilli Georgia-crescenti sugli enzimi di fase e degli apoptosi II. Alimento chim. di J Agric. 18 aprile 2007; 55(8): 3180-5.

3. Boivin D, Blanchette m., molletta S, Moghrabi A, Beliveau R. Inhibition di proliferazione di cellula tumorale e di soppressione dall'dell'attivazione indotta TNF di NFkappaB dal succo commestibile della bacca. Ricerca anticancro. 2007 marzo; 27(2): 937-48.

4. Huang C, Zhang D, Li J, tenaglie Q, snocciolatore GD. Inibizione differenziale da di attivazione indotta da UV della kappa B e AP-1 di N-F dagli estratti dai lamponi neri, dalle fragole e dai mirtilli. Cancro di Nutr. 2007;58(2):205-12.

5. Neto cc. Mirtillo rosso e mirtillo: prova per gli effetti protettivi contro cancro e le malattie vascolari. Mol Nutr Food Res. 2007 giugno; 51(6): 652-64.

6. Seeram NP, Adams LS, Zhang Y, et al. Blackberry, il lampone nero, il mirtillo, il mirtillo rosso, il lampone rosso e gli estratti della fragola inibiscono la crescita e stimolano gli apoptosi delle cellule tumorali umane in vitro. Alimento chim. di J Agric. 13 dicembre 2006; 54(25): 9329-39.

7. Proprietà antinociceptive di Torri E, di Lemos m., di Caliari V, et al. antinfiammatorio e dell'estratto del mirtillo (vaccinium corymbosum). J Pharm Pharmacol. 2007 aprile; 59(4): 591-6.

8. Joseph JA, B Shukitt-sana, Lau FC. Polifenoli della frutta ed i loro effetti sulla segnalazione e sul comportamento di un neurone nella senescenza. Ann NY Acad Sci. 2007 aprile; 1100:470-85.

9. Antociani della Zafra-pietra S, di Yasmin T, di Bagchi m., et al. della bacca come antiossidanti novelli nelle sanità e prevenzione delle malattie. Mol Nutr Food Res. 2007 giugno; 51(6): 675-83.

10. DAI Q, Borenstein AR, Wu Y, Jackson JC, Larson eb. Frutta e succhi di verdura e morbo di Alzheimer: il progetto Kame. Med di J. 2006 settembre; 119(9): 751-9.

11. Lau FC, B Shukitt-sana, Joseph JA. Intervento nutrizionale nell'invecchiamento del cervello: riduzione degli effetti di infiammazione e dello sforzo ossidativo. Biochimica sottocellulare. 2007;42:299-318.

12. RL priore, Gu la L, Wu X, et al. la capacità antiossidante del plasma cambia quanto segue un pasto come misura della capacità di un alimento di alterare lo stato in vivo antiossidante. J Coll Nutr. 2007 aprile; 26(2): 170-81.

13. Wolfe chilolitro, RH di Liu. Analisi cellulare di attività antiossidante (CAA) per la valutazione gli antiossidanti, gli alimenti e degli integratori alimentari. Alimento chim. di J Agric. 31 ottobre 2007; 55(22): 8896-907.

14. Suh N, Paul S, Hao X, et al. Pterostilbene, un costituente attivo dei mirtilli, sopprime la formazione di fuochi aberrante della cripta dal nel modello indotto azoxymethane di carcinogenesi dei due punti in ratti. Ricerca del Cancro di Clin. 1° gennaio 2007; 13(1): 350-5.

15. Attività antiossidante di Heinonen M. ed effetto antimicrobico della prospettiva finlandese dei composti fenolici-un della bacca. Mol Nutr Food Res. 2007 giugno; 51(6): 684-91.

16. Russell WR, Labat A, Scobbie L, Duncan SH. Disponibilità dei composti fenolici del mirtillo per metabolismo microbico nei due punti e nelle implicazioni infiammatorie potenziali. Mol Nutr Food Res. 2007 giugno; 51(6): 726-31.

17. KB di Duffy, EL di Spangler, Devan BD, et al. Una dieta mirtillo-arricchita assicura la protezione cellulare contro lo sforzo ossidativo e riduce da un danno d'apprendimento indotto kainate in ratti. Invecchiamento di Neurobiol. 22 maggio 2007; [Epub davanti alla stampa].

18. Casadesus G, HM Shukitt-sano di Stellwagen, di B, et al. modulazione di plasticità hippocampal e comportamento conoscitivo dal completamento a breve termine del mirtillo in ratti invecchiati. Nutr Neurosci. 2004 ottobre-dicembre; 7 (5-6): 309-16.

19. Andres-Lacueva C, B Shukitt-sana, Galli RL, Jauregui O, RM di Lamuela-Raventos, Joseph JA. Gli antociani nei ratti invecchiati di mirtillo-federazione sono trovati centralmente e possono migliorare la memoria. Nutr Neurosci. 2005 aprile; 8(2): 111-20.

20. Lau FC, Bielinski DF, Joseph JA. Effetti inibitori dell'estratto del mirtillo sulla produzione dei mediatori infiammatori nel microglia lipopolysaccharide-attivato BV2. Ricerca di J Neurosci. 2007 aprile; 85(5): 1010-7.

21. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione e neurodegeneration nella malattia del Parkinson. Parkinsonismo Relat Disord. 2004 maggio; 10 supplementi 1: S3-S7.

22. Joseph JA, Na di Denisova, Arendash G, et al. il completamento del mirtillo migliora la segnalazione ed impedisce i deficit comportamentistici in un modello del morbo di Aalzheimer. Nutr Neurosci. 2003 giugno; 6(3): 153-62.

23. Joseph JA, Carey A, fabbricante di birra GJ, Lau FC, Dott. di Fisher. La dopamina e da segnalazione e da decremente indotte Abeta di sforzo nella bufferizzazione di Ca2+ in cellule hippocampal neonatali primarie si contrappongono a dall'estratto del mirtillo. J Alzheimers DIS. 2007 luglio; 11(4): 433-46.

24. B Shukitt-sana, Carey, Jenkins D, BM di Rabin, Joseph JA. Effetti benefici degli estratti di frutta sulla funzione e sul comportamento di un neurone in un modello del roditore di invecchiamento accelerato. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 agosto; 28(8): 1187-94.

25. McGuire COSÌ, CE di Sortwell, B Shukitt-sana, et al. il completamento dietetico con l'estratto del mirtillo migliora la sopravvivenza dei neuroni trapiantati della dopamina. Nutr Neurosci. 2006 ottobre; 9 (5-6): 251-8.

26. Wilms LC, stivali aw, de Boer VC, et al. impatto dei polimorfismi genetici multipli sugli effetti di un intervento di quattro settimane del succo del mirtillo ex vivo su danno linfocitario indotto del DNA in volontari umani. Carcinogenesi. 2007 agosto; 28(8): 1800-6.