Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2008
Rapporti

Il potere di Malattia-combattimento dei polifenoli

Da Laurie Barclay, MD

Il potere di Malattia-combattimento dei polifenoli

La nuova prova coercitiva rivela che un modo potente proteggere le arterie di invecchiamento è di consumare più polifenoli della pianta.

Gli studi pubblicati mostrano come i composti del polifenolo contribuiscono a migliorare la funzione endoteliale, che è un fattore critico nell'impedire l'aterosclerosi. I polifenoli inoltre sono stati indicati per inibire l'aggregazione anormale della piastrina che causano la maggior parte di attacco di cuore e dei colpi improvvisi, mentre infiammazione combattente e lipidi del sangue sani sostenenti.

Di interesse particolare sono i polifenoli derivati da tè verde, il cacao, mele ed anneriscono il chokeberry-tutto di quale possono complementarsi nel sostegno delle difese del corpo contro i disturbi quali cancro, le allergie ed il declino conoscitivo. Qui, esploreremo l'importanza di come i polifenoli diversi di consumo possono contribuire a salvaguardare la sua salute contro i disturbi comuni che contagiano gli adulti di invecchiamento.

Polifenoli: Composti di guarigione dalla farmacia della natura

Attraverso la storia, gli entusiasti di benessere hanno celebrato il potenziale medicinale delle piante, guardante a questi alleati botanici per promuovere la vitalità e ristabilire i buona salute. La scienza moderna ha confermato queste teorie, indicanti che le piante commestibili devono essere stimate non solo per il loro contenuto elevato della fibra e della vitamina ma anche per il loro deposito ricco dei composti polifenolo-antiossidanti che danno a piante alcune del loro colore, sapore e qualità curative.

I polifenoli sono trovati non solo in frutta ed in verdure quale il mirtillo, ma anche in cacao, in tè e nella frutta esotica conosciuta come il chokeberry. Una serie di studi mostrano che quello i polifenoli di consumo da varie fonti possono essere più salutari del limitandosi agli alimenti vegetali trovati tipicamente nella dieta occidentale.

“I polifenoli sono… un genere di prodotto chimico che può proteggere da alcuni problemi sanitari comuni e possibilmente determinati effetti di invecchiamento,„ Dalia Akramiene, un fisiologo all'università di Kaunas di medicina in Lituania, hanno detto il prolungamento della vita. “I polifenoli proteggono le cellule ed i prodotti chimici del corpo da danno causato dagli atomi radicale-reattivi liberi che contribuiscono a danno di tessuto nel corpo. Per esempio, quando il colesterolo della lipoproteina a bassa densità (LDL) è ossidato, può essere incollato alle arterie e causare la coronaropatia.„

Polifenoli: Composti di guarigione dalla farmacia della natura

In uno studio finlandese di 1.380 uomini di mezza età, l'alta assunzione dei flavonoidi, o i polifenoli, è stato collegato alle arterie carotiche più sane con meno ostruzione da aterosclerosi.1 un grande francese studia indicato che quella gente in 65 anni che hanno consumato di una dieta ricca di flavonoide ha avuta declino meno conoscitivo su un periodo di dieci anni.2 polifenoli dalle piante differenti possono lavorare sinergico una volta consumati insieme, con i benefici dalla combinazione che uguaglia più della somma delle parti.

La prima conferenza internazionale sui polifenoli e sulla salute, tenuti nel 2005, prova impressionante esaminata che sostengono forte un ruolo per i polifenoli nell'impedire le malattie degeneranti, particolarmente disturbi cardiovascolari e cancro.3 polifenoli sono gli antiossidanti più abbondanti nella dieta e promuovono la salute da vari meccanismi.

“I polifenoli possono anche bloccare l'azione degli enzimi di che i cancri hanno bisogno per la crescita e possono disattivare le sostanze che promuovono la crescita dei cancri,„ il Dott. Akramiene hanno detto. “Il consumo aumentato di polifenoli è stato associato con un rischio riduttore di malattia cardiovascolare e possibilmente un cancro ed il colpo.„

Cacao: “Alimento dei„

Nella cultura azteca, il cacao era così altamente stimato per il suo valore dello stimolante e medicinale come pure per il suo gusto, che il botanico Linnaeus lo ha definito theobroma cacao, o “l'alimento dei.„ A differenza di attuale cioccolata calda, il cacao azteco è stato servito senza zucchero e latte, che oggi aggiungono le calorie ed il grasso saturo ad una libagione altrimenti salutare.

I polifenoli in cacao si presentano nell'più alta concentrazione che in qualunque altro alimento ed hanno attività antiossidante molto maggior di quella dei broccoli o del vino rosso. Infatti, il cioccolato fondente ha circa 10 volte il potere antiossidante di spinaci come misurato dalla prova di ORAC (capacità radicale di capacità di assorbimento dell'ossigeno). Le catechine e le procianidine in cacao inoltre sembrano ridurre il rischio di cancro e di malattia cardiaca.4

Cacao: “Alimento dei„

“La prova derivata dalle indagini epidemiologiche, dagli studi retrospettivi e dagli studi di approfondimento come pure dai dati sperimentali, mostra che il cacao riduce la pressione sanguigna, migliora la sensibilità dell'insulina e può leggermente migliorare il profilo del lipido,„ Claudio Ferri, il MD, un professore ordinario di medicina interna all'università di L'Aquila in Italia, ha detto il prolungamento della vita. “Tutto di cui sopra deve essere considerato per l'inserzione di cacao in una dieta sana. Il cacao non è gli alimenti industriali; [è] un alimento sano e raffinato; tuttavia, il suo contenuto calorico elevato deve essere preso in considerazione e la sua ingestione deve essere accompagnata da riduzione attenta delle calorie da altre fonti.„

In uno studio dal gruppo del Dott. Ferri,5 15 volontari sani sono stati assegnati a caso mangiare i ricchi da 100 grammi di una barra di cioccolato fondente in polifenoli, o una barra di cioccolata bianca da 90 grammi, che non contiene i polifenoli, ogni giorno per i 15 giorni. Dopo il cibo cacao o del cioccolato per una settimana, i volontari poi hanno commutato all'altro tipo di cioccolato. Rispetto a cioccolata bianca, il cioccolato fondente è stato associato con pressione sanguigna più bassa e con i miglioramenti nell'insulino-resistenza e nella sensibilità dell'insulina, che sono indicatori importanti per il diabete.

Di ancora maggior importanza clinica, il gruppo del Dott. Ferri ha fatto un simile studio in pazienti con ipertensione ed ha trovato quel cioccolato fondente, ma non la cioccolata bianca, la pressione sanguigna in diminuzione e la lipoproteina a bassa densità del siero (LDL) mentre migliorava la sensibilità dell'insulina e del flusso sanguigno.6 studi da altri ricercatori suggeriscono che le proantocianidine del cacao impediscano l'elevazione dei livelli della glicemia in topi obesi diabetici.7

Sorprendentemente, anche le piccole quantità di polifenoli del cioccolato fondente, di 30 mg un il giorno o dell'importo trovato in una barra quarta di cioccolato fondente premio, possono proteggere da ipertensione, secondo uno studio di 18 settimane pubblicato questo anno in JAMA, la pubblicazione della nave ammiraglia di American Medical Association.8 in individui con pressione sanguigna leggermente elevata (130/85 - 139/89 di mmHg), quelli che ricevono il cioccolato fondente hanno avuti una piccola diminuzione nella pressione sanguigna media, sistolicoda 2. 9 mmHg e diastolicoda 1. 9 mmHg. La percentuale di questo gruppo classificato come iperteso anche in diminuzione da 86% a 68%. Il gruppo che riceve la cioccolata bianca non ha avuto cambiamenti significativi.

Sebbene questi cambiamenti di pressione sanguigna possano sembrare piccoli, potrebbero tradurre per abbassare i tassi di colpo e attacco di cuore e sopravvivenza migliore. Quando i ricercatori hanno riunito le informazioni dai loro propri e da altri studi pubblicati, hanno trovato la prova coercitiva che il cacao ha aiutato la pressione sanguigna più bassa.9 alcuni studi hanno mostrato un effetto di reazione al dosaggio, con i maggiori miglioramenti che accompagnano l'assunzione di più grandi importi dei polifenoli del cioccolato fondente.9,10

In uno studio giapponese, gli individui con ricco in colesterolo hanno avuti i miglioramenti in lipoproteina ad alta densità utile (HDL), che protegge dalla malattia cardiovascolare e dall'aterosclerosi come pure riduzione di LDL nocivo quando consuma un quotidiano della bevanda del cacao per quattro settimane.11

Potere di Malattia-combattimento dei polifenoli

I simili risultati grandinano da un altro studio giapponese,12 con i 11.4% aumenti in HDL dopo soltanto tre settimane di cioccolato fondente di consumo e un aumento 13,7% nel gruppo che riceve il cioccolato fondente arricchito con i polifenoli del cacao. La cioccolata bianca di consumo del gruppo non ha avuta questi miglioramenti in HDL, confermante che il beneficio potrebbe essere attribuito ai polifenoli del cacao, che sono assenti da cioccolata bianca.

Cesar G. Fraga, PhD, un professore della ricerca di nutrizione all'università di California a Davis, ha detto il prolungamento della vita circa parecchie linee di prova che suggeriscono che i polifenoli trovati in cacao, specialmente epicatechina, potrebbero migliorare le sanità. Gli studi di popolazione nei Paesi Bassi, casa di cioccolato olandese rinomato, mostrano che quello mangiare il cioccolato è collegato alla sopravvivenza migliore ed a meno morti dalla malattia cardiovascolare.

“Il consumo del cacao, particolarmente cacao che contenente gli alti livelli dei polifenoli, protegge la funzione vascolare e conseguentemente può colpire i disturbi vascolari,„ il Dott. Fraga ha detto. “Il cacao che contenente gli alti livelli dei polifenoli può fare diminuire la pressione sanguigna, [e] indicatori dell'aggregazione e del sangue della piastrina di diminuzione dei prodotti del cacao di infiammazione. Il regolamento di ossido di azoto presente nel sistema vascolare è attualmente il meccanismo più accettato in cui i polifenoli del cacao possono essere implicati.„

Che cosa dovete conoscere: Potere di Malattia-combattimento dei polifenoli
  • I polifenoli trovati in frutta ed in verdure sono antiossidanti potenti, specialmente quelli in cacao, tè verde, chokeberry e mele.

  • I polifenoli inoltre hanno effetti benefici sul rivestimento endoteliale dei vasi sanguigni aumentando la disponibilità di ossido di azoto ed impedendo l'aterosclerosi di fondo dell'ossidazione del lipido.

  • La dieta occidentale tipica manca degli importi e della varietà sufficienti di polifenoli della pianta per essere del beneficio ottimale.

  • I polifenoli dalle piante differenti possono lavorare sinergico per proteggere dalla malattia cardiovascolare, dal cancro, dal diabete, dalla disfunzione endoteliale e da altre malattie croniche, senza alcuni effetti collaterali conosciuti.

L'aterosclerosi, che ostruisce le arterie, infine con conseguente attacco di cuore o colpo, si aiuta ed incoraggiata da due colpevoli: attivazione anormale della piastrina e disfunzione endoteliale. Senza piastrine che si agglutinano insieme, potremmo sanguinare alla morte da un piccolo taglio, ma quando questa funzione normale è overactivated, i coaguli di sangue pericolosi possono seguire.

Overactivation dell'aggregazione della piastrina può derivare da infiammazione dell'endotelio (lo strato sottile delle cellule che allineano i vasi sanguigni). Le cellule endoteliali producono normalmente l'ossido di azoto, che esercita una gamma di effetti protettivi controllando l'elasticità della parete del vaso sanguigno, permettendo che il cuore si contragga normalmente, proteggendo i vasi sanguigni dalla lesione ed aiutando impedisca l'aterosclerosi.13-15 lo svuotamento di ossido di azoto endoteliale con invecchiamento provoca l'irrigidimento ed il bloccaggio delle arterie, che, se lasciato incontrollato, possono causare l'attacco di cuore ed il colpo.16-18

I polifenoli del tè possono combattere la malattia cardiaca ed il Cancro

I polifenoli sono stati indicati positivamente a produzione dell'ossido di azoto di influenza. I fumatori sono specialmente a svuotamento incline dell'ossido di azoto nell'endotelio, che può spiegare parzialmente il loro rischio cardiovascolare aumentato. I fumatori dati i ricchi di una bevanda del cacao in polifenoli hanno migliorato i livelli di ossido di azoto come pure di flusso sanguigno migliore.19 anche un d'una sola dose dei ricchi di una bevanda del cacao in flavanoli migliorano transitoriamente la biodisponibilità dell'ossido di azoto nel sangue e significativamente invertono la disfunzione endoteliale.20

Nello studio di JAMA descritto precedentemente, il consumo di polifenoli del cioccolato fondente, ma non la cioccolata bianca, ha provocato il miglioramento continuo negli indicatori in relazione con l'ossido nitrici del sangue della funzione endoteliale.8

La capacità dei polifenoli del cacao di regolare l'attività dell'ossido di azoto nei vasi sanguigni potrebbe avere benefici che estendono oltre la malattia cardiovascolare, poiché il regolamento dell'ossido di azoto è inoltre importante in altri tessuti. Sebbene gli estesi studi clinici e basati sulla popolazione ancora non siano stati fatti per determinare gli effetti dei polifenoli del cacao su altre malattie, il Dott. Fraga ha detto che possono contribuire a proteggere il corpo da cancro, dal diabete e dai disordini degeneranti del cervello quale il morbo di Alzheimer.

Un filo comune che lega tutte queste circostanze è insieme infiammazione, che interferisce con la cellula e la funzione del tessuto. I polifenoli del cacao tendono a ridurre l'infiammazione regolando i mediatori proinflammatory e controllando i processi che ossidano LDL nello sviluppo di aterosclerosi.21

“L'infiammazione acuta è evidente e trattata dal punto di vista terapeutico; tuttavia, l'infiammazione cronica è meno evidente e può accompagnare silenziosamente l'individuo per anni, come in diabete,„ il Dott. Fraga ha detto. “Questa infiammazione “silenziosa„ ha potuto essere mirata a e migliorata con la dieta. Se le azioni dei polifenoli del cacao come pure degli stessi polifenoli contenuti in altri alimenti, sono confermare-e considero che siamo sulla giusta incorporazione della pista- degli importi ragionevoli dei prodotti del cacao potremmo fa parte di una dieta sana.„

I polifenoli del tè possono combattere la malattia cardiaca ed il Cancro

“Parecchio la coltura cellulare, l'animale e gli studi umani hanno indicato che i polifenoli del tè potrebbero essere utili alle sanità,„ Arpita Basu, il PhD, un assistente universitario delle scienze nutrizionali all'università di Stato di Oklahoma in Stillwater, hanno detto il prolungamento della vita. “La ricerca ha messo a fuoco principalmente su tè verde e sul suo composto attivo, il gallato del epigallocatechin [EGCG], che è stato indicato per possedere l'anti-obesità, l'ipotensivo, l'antidiabetico, l'antiossidante, antinfiammatori e gli effetti [anticancro] antimutageni.„

In secondo luogo soltanto all'acqua, tè è la bevanda consumata del mondo, sebbene sia meno popolare nella dieta occidentale. I tè bianchi di verde, del oolong, del nero e vengono dal camellia sinensis sempreverde tropicale.22 Poiché il oolong ed i tè neri subiscono l'elaborazione più estesa prima che siano commercializzati, tè verde e tè (non fermentato) di bianco conservi più polifenoli nella loro forma intatta. I polifenoli del tè ripartono alle temperature elevate, il tè così di recente fatto contiene una quantità elevata dei polifenoli per servizio delle bevande inscatolate o in bottiglia del tè.

Chokeberry (Aronia): Ricchi in polifenoli, antiossidanti

“I polifenoli in tè sono emerso come candidati chemopreventive potenziali per trattamento del cancro,„ Yogeshwer Shukla, la testa del laboratorio di proteomics, centro di ricerca industriale di tossicologia in Lucknow, India, ha detto il prolungamento della vita. “Gli studi epidemiologici hanno descritto gli effetti benefici dei polifenoli del tè sulla riduzione del rischio di malattie croniche, compreso cancro. Altro [benefici] comprende l'aumento nel tasso metabolico, negli effetti di antidiabetico, in una spinta al sistema immunitario e nella vigilanza mentale e nell'abbassamento dei livelli di ormone di sforzo.„

I meccanismi che sono alla base di queste indennità-malattia dei polifenoli del tè possono comprendere l'attività antiossidante e gli effetti sugli enzimi che metabolizzano le droghe e che sono compresi nel regolamento della crescita e della riproduzione delle cellule. Molti di questi effetti conducono alle proprietà antitumorali ed ai benefici cardiovascolari, quindi potenzialmente riducendo il rischio di malattia cardiaca e di cancro.22-24 in Sud-est asiatico, in cui bere quotidiano del tè è la norma, bere più tè è collegato per abbassare l'incidenza di attacco di cuore e di altri eventi cardiovascolari.25

In fumatori adulti, il completamento quotidiano con tè verde allevia il danno ossidativo connesso con il fumo e riduce la proteina C-reattiva, un indicatore di infiammazione.25 in individui con ricco in colesterolo, bere del tè può anche porre freno l'aumento in lipidi del sangue veduti dopo il cibo.25

“Gli estratti del tè verde o il completamento di EGCG inoltre è stato indicato per ridurre il grasso corporeo e circonferenza della vita in adulti di peso eccessivo in buona salute,„ il Dott. Basu ha detto. “Il completamento del tè che contengono una miscela delle teaflavine [tè nero], le catechine del tè verde ed altri polifenoli del tè sono stati indicati per ridurre il totale ed il colesterolo di LDL negli uomini ed in donne con ipercolesterolemia [alti lipidi del sangue].„

Uno studio recente di più di 40.000 adulti nel Giappone26 ha mostrato che quello bere più tè verde è stato collegato per abbassare i tassi di mortalità da tutte le cause e dalla malattia cardiovascolare in particolare in 11 anno di seguito. Sebbene i polifenoli in tè nero inoltre siano stati associati con il rischio in diminuzione di malattia cardiovascolare, gli effetti delle catechine del tè verde sono più pronunciati.

“dovuto la capacità delle catechine del tè verde di raggiungere il cervello umano, inoltre sono stati correlati con un rischio riduttore di malattie neurodegenerative, quali Alzheimer e le malattie del Parkinson,„ il Dott. Basu ha detto. “Dalla causa fondamentale della maggior parte delle malattie croniche gradisca la malattia cardiovascolare, il diabete di tipo 2, cancro e lo sforzo di disordini [include] e l'infiammazione ossidativi neurodegenerative, polifenoli del tè possono avvantaggiare le sanità globali riducendo questi fattori di rischio.„

I polifenoli del tè, specialmente catechine del tè verde, sono antiossidanti potenti ed infiammazione di lotta, danno del DNA e l'ossidazione di LDL.27 sono quindi ben attrezzati neutralizzare il danno e l'infiammazione ossidativi connessi con invecchiamento, fumare, consumante una dieta, un'obesità e una mancanza ad alta percentuale di grassi di esercizio fisico, di ipertensione e di alta glicemia.

Negli studi cellulari e negli esperimenti sugli animali, il tè verde è stato indicato per ridurre l'ossidazione di LDL e per abbassare l'assorbimento del colesterolo dalla dieta.27-29 inoltre causa il rilassamento del vaso sanguigno, che abbassa la pressione sanguigna ed impedisce la crescita eccessiva delle cellule di muscolo liscio in pareti del vaso sanguigno, che possono restringere altrimenti il vaso sanguigno, riducente la pressione sanguigna aumentare e del flusso sanguigno. Con queste azioni, il tè verde sembra proteggere dalla malattia cardiovascolare e dalla morte.

“I polifenoli del tè ora sono considerati come composti “supplemento-nutrizionali„ in una dieta sana con le indennità-malattia cardioprotective distinte,„ il Dott. Basu ha detto. “Il consumo del tè verde, tre - quattro tazze un il giorno, fa parte della dieta tradizionale in paesi asiatici come la Cina ed il Giappone e rappresenta la maggior parte delle indennità-malattia connesse con il consumo del tè in quei paesi. In base ad informazioni correnti, consumare due - tre tazze di tè verde di recente fatto è una scelta dietetica sana.„

Il Dott. Basu raccomanda la ricerca supplementare sull'assunzione del polifenolo del tè in adulti con le malattie croniche relative allo sforzo ed all'infiammazione ossidativi. Il suo gruppo ora sta confrontando gli effetti di un'assunzione quotidiana di quattro tazze di tè verde appena preparato, di quattro tazze dell'acqua (controllo), o della quantità equivalente di supplemento di EGCG (500 mg) in adulti pre-diabetici.

“Questo è uno studio novello e proverà se… i polifenoli del tè verde potrebbero essere efficaci nell'abbassamento dei fattori di rischio connessi con lo sviluppo del diabete di tipo 2 e delle sue complicazioni cardiovascolari relative,„ il Dott. Basu ha detto. “Gli studi comparativi fra tè bianco, verde e nero più ulteriormente mostreranno quale è il più efficace e se una terapia di associazione conduce per migliorare i risultati contro una singola fonte.„ Il Dott. Shukla ha aggiunto che gli studi in esseri umani sono difficili da interpretare perché il consumo del tè può essere associato con i fattori di stile di vita e socioeconomici che oscurano i risultati. I metodi di preparazione e di assunzione del tè devono essere ben definiti.

“Gli efficaci studi di intervento, la migliore comprensione dei meccanismi fondamentali di azione dei costituenti del tè e la loro biodisponibilità sono necessari più efficacemente determinare l'efficacia dei costituenti del tè come agenti preventivi per cancro umano,„ il Dott. Shukla ha detto. “Sebbene le considerevoli informazioni d'accumulazione forniscano un corpo coercitivo di prova per il potenziale preventivo di tè contro cancro, i polifenoli naturali del tè hanno ancora essere valutati nell'intervento clinico nelle prove umane.„

Chokeberry (Aronia): Ricchi in polifenoli, antiossidanti

Come il mirtillo, il chokeberry nero (aronia melanocarpa) è alto in antociani e nell'attività antiossidante.30 rispetto al mirtillo rosso, contiene più di cinque volte la quantità di flavonoidi e di antociani. Sebbene indigeno a Nord America orientale, il chokeberry sia diventato popolare in Europa Orientale ed in Russia a causa del suo potenziale dipromozione.

“I frutti di aronia melanocarpa sono una delle fonti della pianta più ricche di sostanze fenoliche, pricipalmente antociani,„ Stefka Valcheva-Kuzmanova, il MD, il PhD, assistente universitario principale delle scienze medicobiological all'università medica a Varna, Bulgaria, ha detto il prolungamento della vita. “Il succo di frutta di aronia melanocarpa e gli antociani derivati dai frutti sono stati studiati intensivamente durante i 15 anni ultimi. La maggior parte degli effetti degli antociani di aronia melanocarpa sono dovuto la loro alta attività antiossidante.„

Negli studi sugli animali, il gruppo del Dott. Valcheva-Kuzmanova ha indicato che Aronia protegge il fegato da avvelenamento chimico ed il rivestimento dello stomaco dalle ulcere ha causato dall'indometacina di anti-infiammatorio non steroideo.31 Aronia inoltre fungono da sostanza antinfiammatoria per impedire il gonfiore causato dal rilascio dei mediatori allergici istamina e serotonina.32

Apple un il giorno tiene il dottore Away

Eccitando, Aronia abbassa i livelli di colesterolo nocivi in ratti ha alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi,33 ed impedisce le oscillazioni pericolose in glicemia in diabete sperimentale.34 in laboratorio, il succo di frutta di Aronia rallenta la crescita dei batteri virulenti di Escherichia coli e di staphylococcus aureus e del tipo il A. 35del virus dell'influenza contrariamente agli antibiotici e ad altre droghe, non c'è attualmente prova per “tutto l'indesiderato e gli effetti tossici dei frutti, del succo e degli estratti di aronia melanocarpa,„ il Dott. Valcheva-Kuzmanova hanno spiegato.

Altri studi hanno indicato che Aronia tende ad impedire le mutazioni nocive nelle colture cellulari, per regolare la funzione immune delle culture umane del globulo bianco ed in pazienti con cancro al seno e sopprimere la crescita delle cellule di tumore del colon umane.31 atleta che consuma il succo di chokeberry ha meno danneggiamento ossidativo dei globuli rossi durante l'esercizio vigoroso.36

Portando questi risultati all'arena di prevenzione delle malattie umana, uno studio controllato con placebo ha indicato che i pazienti curati con le statine che seguono un attacco di cuore avevano ridotto i livelli di indicatori infiammatori quando hanno ingerito l'estratto di chokeberry.37 più stupefacente, hanno avuti riduzioni di una pressione sanguigna sistolica e diastolica di 11 e 7 mmHg, rispettivamente.

“Tenuto conto del fatto che i flavonoidi di chokeberry riducono la severità di infiammazione, indipendentemente dalle statine, possono essere usati clinicamente per la prevenzione secondaria della malattia cardiaca ischemica,„ gli autori conclusivi.

Apple un il giorno tiene il dottore Away

Sulla base del contenuto elevato del procyanidin delle mele, che inoltre contengono un polifenolo unico conosciuto come phloridzin, la scienza moderna ora sta confermando la verità di questa vecchia massima. Yoko Akazome, PhD, ricercatore principale al laboratorio di ricerca fondamentale in Asahi Breweries, srl nel Giappone, ha diviso con prolungamento della vita alcuna della sua ricerca recente sui polifenoli della mela.

In volontari sani, i polifenoli della mela non solo abbassano il colesterolo del sangue, ma inoltre inibiscono l'assorbimento del trigliceride,38-40 senza alcuni cattivi effetti evidenti.41 studio sugli animali conferma l'effetto dell'anti-obesità dei polifenoli della mela via gli effetti benefici sulla sensibilità grassa dell'insulina e del metabolismo.42-44

Dal combattimento ricco in colesterolo e dall'obesità, i polifenoli della mela sono una buona difesa contro la malattia cardiaca ed il diabete. Uno studio randomizzato e controllato con placebo in 71 volontario moderatamente di peso eccessivo ha indicato che quelli che prendono una capsula del polifenolo della mela per 12 settimane hanno avuti riduzione in grasso corporeo centrale che riguarda gli organi ed i miglioramenti addominali nel metabolismo grasso, senza gli effetti contrari.45

Inoltre, i polifenoli della mela hanno il potenziale di ridurre conditions46 allergico bloccando il rilascio di istamina (una sostanza irritante che causa infiammazione e che itching) dai mastociti che mediano le reazioni allergiche.47-49

Ancora le migliori notizie sono che questi effetti antiallergici in laboratorio traducono in miglioramenti clinici in pazienti con dermatite atopica, una condizione della pelle allergica;50,51 ed in rinite allergica persistente, o

febbre da fieno, in base ai risultati di uno studio rigoroso e controllato con placebo.49 anche nelle dosi elevate, i polifenoli della mela non hanno effetti tossici.50

Gli studi da altri gruppi indicano che le qualità antinfiammatorie ed antiossidanti dei polifenoli della mela hanno una vasta gamma di altre indennità-malattia, compreso la protezione delle cellule del colon contro danno libero radicale che potrebbe causare il cancro, prevenzione 52 di perdita dell'osso in un modello sperimentale di osteoporosi della menopausa, dell'ossidazione del lipido in diminuzione 53 e della riduzione del colesterolo.54 studi di popolazione hanno collegato il consumo aumentato di mele con più a basso rischio dei certi cancri, malattia cardiovascolare, asma e diabete.54

La varietà è l'elisir di vita

Come indicato sopra, la bontà della natura dei polifenoli ha effetti benefici che combattono il danno libero radicale ed altri processi degeneranti, quindi potenzialmente abbassanti il rischio di malattia cardiovascolare, la disfunzione endoteliale, l'ipertensione, il diabete, il cancro e le circostanze allergiche.

Nel mondo occidentale, non solo è la nostra popolazione di invecchiamento più vulnerabile a queste circostanze, ma la nostra dieta la fa meno probabilmente che consumeremo una gamma sana di polifenoli in quantità sufficiente per essere del beneficio ottimale. Le sostanze nutrienti vitali in cacao, il tè verde, chokeberry e mele, possono lavorare insieme in modo che la somma sia maggior del tutto delle sue parti nella protezione dei nostri corpi dalle devastazioni della malattia e nell'invecchiare. A differenza delle statine, gli ipotensivo ed altro droga ampiamente usato per impedire e trattare la malattia cronica, polifenoli della pianta non ha effetti contrari conosciuti. •

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Mursu J, Nurmi T, Tuomainen TP, et al. L'assunzione dei flavonoidi e dell'aterosclerosi carotica: lo studio di fattore di rischio della cardiopatia ischemica di Kuopio. Br J Nutr. 2007 ottobre; 98(4): 814-8.

2. Letenneur L, Proust-Lima C, Le GA, assunzione di P. Flavonoid di Dartigues JF, della Barberger-torta e declino conoscitivo su un periodo di dieci anni. J Epidemiol. 15 giugno 2007; 165(12): 1364-71.

3. Scalbert A, Johnson l'IT, Saltmarsh M. Polyphenols: antiossidanti e di là. J Clin Nutr. 2005 gennaio; 81 (1 supplemento): 215S-7S.

4. Weisburger JH. Effetti di Chemopreventive dei polifenoli del cacao sulle malattie croniche. Med di biol di Exp (Maywood). 2001 novembre; 226(10): 891-7.

5. Grassi D, Lippi C, Necozione S, Desideri G, ferri amministrazione di C. Short-term di cioccolato fondente è seguito da un importante crescita nella sensibilità dell'insulina e da una diminuzione nella pressione sanguigna in persone in buona salute. J Clin Nutr. 2005 marzo; 81(3): 611-4.

6. Grassi D, Necozione S, Lippi C, et al. cacao riduce la pressione sanguigna e l'insulino-resistenza e migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in hypertensives. Ipertensione. 2005 agosto; 46(2): 398-405.

7. Tomaru m., Takano H, Osakabe N, et al. il completamento dietetico con le proantocianidine del liquore del cacao impedisce l'elevazione dei livelli della glicemia in topi obesi diabetici. Nutrizione. 2007 aprile; 23(4): 351-5.

8. Taubert D, Roesen R, Lehmann C, Jung N, Schomig E. Effects dell'assunzione abituale bassa del cacao su pressione sanguigna e su ossido di azoto bioactive: una prova controllata randomizzata. JAMA. 4 luglio 2007; 298(1): 49-60.

9. Taubert D, Roesen R, Schomig E. Effect di cacao e dell'assunzione del tè su pressione sanguigna: una meta-analisi. Med dell'interno dell'arco. 9 aprile 2007; 167(7): 626-34.

10. Wang JF, DD di Schramm, Holt RR, et al. Un effetto di reazione al dosaggio dal consumo del cioccolato sull'epicatechina del plasma e sul danno ossidativo. J Nutr. 2000 agosto; 130 (supplemento 8S): 2115S-9S.

11. Il babza S, Natsume m., Yasuda A, et al. plasma LDL e colesterolo di HDL e concentrazioni ossidate di LDL è alterato negli esseri umani ipercolesterolemici e del normo- dopo assunzione dei livelli differenti di cacao in polvere. J Nutr. 2007 giugno; 137(6): 1436-41.

12. La concentrazione nel colesterolo di aumenti HDL del consumo di Mursu J, di Voutilainen S, di Nurmi T, et al. del cioccolato fondente e gli acidi grassi del cioccolato possono inibire la perossidazione lipidica in esseri umani in buona salute. Med libero di biol di Radic. 1° novembre 2004; 37(9): 1351-9.

13. Shaul PW. Sintasi endoteliale dell'ossido di azoto, caveolae e lo sviluppo di aterosclerosi. J Physiol. 15 febbraio 2003; 547 (pinta 1): 21-33.

14. Shaw CA, EL di Taylor, Megson IL, Rossi AG. Ossido di azoto e la risoluzione di infiammazione: implicazioni per aterosclerosi. Mem Inst Oswaldo Cruz. 2005 marzo; 100 1:67 del supplemento - 71.

15. Takimoto E, campione HC, Li m., et al. sforzo dell'ossidante da ossido di azoto synthase-3 che disgiunge stimola il ritocco patologico cardiaco dal carico cronico di pressione. J Clin investe. 2005 maggio; 115(5): 1221-31.

16. Rubio AR, Morales-Segura mA. Ossido di azoto, un iceberg in fisiologia cardiovascolare: molto al di là di controllo di tono della nave. Arco Med Res. 2004 gennaio; 35(1): 1-11.

17. Sugawara J, Komine H, Hayashi K, et al. effetto di inibizione sistemica della sintasi dell'ossido di azoto su rigidezza arteriosa in esseri umani. Ricerca di Hypertens. 2007 maggio; 30(5): 411-5.

18. Taddei S, Virdis A, Ghiadoni L, et al. riduzione relativa all'età di NESSUNA disponibilità e sforzo ossidativo in esseri umani. Ipertensione. 2001 agosto; 38(2): 274-9.

19. Heiss C, Kleinbongard P, Dejam A, et al. consumo acuto di di cacao ricco di flavanolo e l'inversione di disfunzione endoteliale in fumatori. J Coll Cardiol. 4 ottobre 2005; 46(7): 1276-83.

20. Heiss C, Dejam A, Kleinbongard P, et al. effetti vascolari dei ricchi del cacao in flavan-3-ols. JAMA. 27 agosto 2003; 290(8): 1030-1.

21. Polifenoli di Sies H, di Schewe T, di Heiss C, di Kelm M. Cocoa e mediatori infiammatori. J Clin Nutr. 2005 gennaio; 81 (1 supplemento): 304S-12S.

22. Shukla Y. Tea e chemoprevention del cancro: una rassegna completa. Cancro asiatico Prev del Pac J. 2007 aprile; 8(2): 155-66.

23. Khan N, polifenoli di Mukhtar H. Tea per la promozione della salute. Vita Sci. 26 luglio 2007; 81(7): 519-33.

24. Shankar S, Ganapathy S, Srivastava RK. Polifenoli del tè verde: biologia ed implicazioni terapeutiche nel cancro. Front Biosci. 2007;12:4881-9.

25. Basu A, Lucas ea. Meccanismi ed effetti di tè verde su salute cardiovascolare. Rev. 2007 di Nutr agosto; 65 (8 pinte 1): 361-75.

26. Consumo di Kuriyama S, di Shimazu T, di Ohmori K, et al. del tè verde e mortalità dovuto la malattia cardiovascolare, il cancro e tutte le cause nel Giappone: lo studio di Ohsaki. JAMA. 13 settembre 2006; 296(10): 1255-65.

27. Tipoe GL, Leung TM, appeso Mw, Fung ml. Polifenoli del tè verde come agente antiossidante ed antinfiammatorio per protezione cardiovascolare. Obiettivi della droga di Cardiovasc Hematol Disord. 2007 giugno; 7(2): 135-44.

28. Wang S, Noh K, SI di Koo. Il gallato e la caffeina di Epigallocatechin differenziale inibiscono l'assorbimento intestinale di colesterolo e di grasso in ratti ovariectomizzati. J Nutr. 2006;136(11):2791-6.

29. SI di Koo, Noh SK. Tè verde come inibitore dell'assorbimento intestinale dei lipidi: meccanismo potenziale per il suo effetto di riduzione dei lipidi. Biochimica di J Nutr. 2007;18(3):179-83.

30. Valcheva-Kuzmanova S, Gadjeva V, Ivanova D, attività antiossidante di Belcheva A. del succo di frutta di aronia melanocarpa in vitro. Acta Alimentaria. 2007;36(4):425-28.

31. Valcheva-Kuzmanova SV, conoscenze attuali di Belcheva A. dell'aronia melanocarpa come pianta medicinale. Med dei Folia (Filippopoli). 2006;48(2):11-7.

32. Borissova P, Valcheva S, effetto di Belcheva A. Antiinflammatory dei flavonoidi nel succo naturale dal complesso di aronia melanocarpa, della rutina e del rutina-magnesio su un modello sperimentale di infiammazione indotto da istamina e da serotonina. Acta Physiol Pharmacol Bulg. 1994;20(1):25-30.

33. Valcheva-Kuzmanova S, Kuzmanov K, Tsanova-Savova S, et al. effetti di riduzione dei lipidi del succo di frutta di aronia melanocarpa in ratti ha alimentato colesterolo-contenere le diete. Biochimica dell'alimento di J. 2007;31:589-602.

34. Valcheva-Kuzmanova S, Kuzmanov K, Tancheva S, Belcheva A. Hypoglycemic ed effetti ipolipidici del succo di frutta di aronia melanocarpa da in ratti diabetici indotti streptozotocin. Ritrovamento Exp Clin Pharmacol di metodi. 2007 marzo; 29(2): 101-5.

35. Valcheva-Kuzmanova S, Russev V, Bojkova K, Belcheva A. Study del succo di frutta naturale di aronia melanocarpa per il аctivity antibatterico ed antivirale. Med dell'SCR Sci. 2003;35:21-3.

36. Pilaczynska-Szczesniak L, Skarpanska-Steinborn A, Deskur E, Basta P, Horoszkiewicz-Hassan M. L'influenza del completamento del succo di chokeberry sulla riduzione dello sforzo ossidativo derivando da un esercizio incrementale dell'ergometro di rematura. Sport Nutr Exerc Metab di Int J. 2005 febbraio; 15(1): 48-58.

37. Naruszewicz m., Laniewska I, Millo B, terapia di associazione di Dłuniewski M. della statina con l'estratto dei ricchi dei flavonoidi dai frutti di chokeberry ha migliorato la riduzione degli indicatori cardiovascolari di rischio in pazienti dopo l'infrazione del miocardio (MI). Aterosclerosi. 2007 ottobre; 194(2): e179-4.

38. Akazome Y, Kanda T, Ikeda m., effetto d'abbassamento di Shimasaki H. Serum dei polifenoli della mela negli individui sani. J oleo Sci. 2005;54:143.

39. Sugiyama H, Akazome Y, Shoji T, et al. procianidine oligomeriche in polifenolo della mela è componente attivi principali per inibizione di assorbimento pancreatico del trigliceride e della lipasi. Alimento chim. di J Agric. 30 maggio 2007; 55(11): 4604-9.

40. Ogino Y, Osada K, Nakamura S, et al. l'assorbimento dei prodotti dietetici dell'ossidazione del colesterolo ed i loro effetti metabolici a valle sono ridotti dai polifenoli dietetici della mela. Lipidi. 2007 marzo; 42(2): 151-61.

41. Akazome Y, Kanda T, Ohtake Y, et al. la valutazione della sicurezza di eccessiva assunzione e l'efficacia di assunzione a lungo termine della bevanda che contenente i polifenoli sono derivato dalle mele. Jpn Pharmacol Ther. 2005;33(9):893-911.

42. Ohta Y, sami m., Kanda T, Saito K, Osada K, l'analisi di espressione di Kato H. Gene dell'effetto dell'anti-obesità dai polifenoli della mela in ratti ha alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi o una dieta normale. J oleo Sci. 2006;55(6):305-14.

43. Ohta Y, Funayama m., Seino H, et al. polifenolo di Apple migliora l'indipendenza del metabolismo dei lipidi e dell'insulina in ratti obesi. Il Giappone Shokuhin Kagaku Kogaku Kaishi. 2007;54(6):287-94.

44. Osada K, Suzuki T, Kawakami Y, et al. azioni ipocolesterolemiche dipendenti dalla dose del polifenolo dietetico della mela in ratti ha alimentato il colesterolo. Lipidi. 2006 febbraio; 41(2): 133-9.

45. Nagasako-Akazome Y, Kanda T, Ohtake Y, Shimasaki H, polifenoli di Kobayashi T. Apple influenza il metabolismo del colesterolo negli individui sani con l'indice di massa corporea relativamente alto. J oleo Sci. 2007;56(8):417-28.

46. Akiyama H, Sakushima J, Taniuchi S, et al. effetto antiallergico dei polifenoli della mela sul topo di modello allergico. Toro di biol Pharm. 2000 novembre; 23(11): 1370-3.

47. Kanda T, Akiyama H, Yanagida A, et al. effetti inibitori del polifenolo della mela sul rilascio indotto dell'istamina dalle cellule RBL-2H3 e dai mastociti del ratto. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1998 luglio; 62(7): 1284-9.

48. Tokura T, Nakano N, Ito T, et al. effetto inibitorio degli estratti polifenolo-arricchiti della mela sul degranulation del mastocita in vitro che mira al grippaggio fra IgE e FcepsilonRI. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2005 ottobre; 69(10): 1974-7.

49. Enomoto T, Nagasako-Akazome Y, Kanda T, Ikeda m., effetti di Dake Y. Clinical di applica i polifenoli su rinite allergica persistente: Uno studio parallelo controllato con placebo del braccio della prova alla cieca randomizzata. J Investig Allergol Clin Immunol. 2006;16(5):283-9.

50. Akazome Y. Characteristics e funzioni fisiologiche dei polifenoli dalle mele. Biofactors. 2004;22(1-4):311-4.

51. Kojima T, Akiyama H, Sasai m., et al. effetto antiallergico del polifenolo della mela sui pazienti con dermatite atopica: Uno studio pilota. Allergol Int. 2000:49(1):69-73.

52. Schaefer S, Baum m., Eisenbrand G, Janzowski C. Modulation di danno ossidativo delle cellule dalle miscele ricostituite degli estratti fenolici del succo di mele nelle linee cellulari umane dei due punti. Mol Nutr Food Res. 2006 aprile; 50 (4-5): 413-7.

53. Puel C, Quintin A, Mathey J, et al. prevenzione di perdita dell'osso da phloridzin, un polifenolo della mela, in ratti ovariectomizzati nell'ambito di infiammazione condiziona. Tessuto Int di Calcif. 2005 novembre; 77(5): 311-8.

54. Boyer J, RH di Liu. Phytochemicals di Apple e le loro indennità-malattia. Nutr J. 2004 12 maggio; 35.