Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2008
Rapporto

DHA sostiene Brain Development e protegge la funzione neurologica

Da Russell L. Blaylock, MD

DHA e neurotrasmettitori

Gli effetti benefici di DHA estendono oltre la promozione della funzione ottimale del neurone e la riduzione dell'infiammazione. Una serie di studi hanno indicato che gli oli-particolare omega-3 DHA-possono anche sostenere i livelli sani di neurotrasmettitori, i messaggeri chimici fra le cellule. Per esempio, è stato indicato che una dieta DHA-completata può ristabilire il rilascio del neurotrasmettitore nell'ippocampo ed invertire il danno relativo all'età di acquisizione di memoria.51 questo possono essere dovuti, in parte, all'effetto di DHA sull'aumento della fluidità delle membrane cellulari, che migliora la loro capacità di liberare i neurotrasmettitori, ma può anche comprendere la segnalazione delle cellule.52,53 un altro effetto importante di DHA sono nell'aumento della densità delle conseguenze del nervo chiamate dendrites, una proprietà che è collegata forte all'apprendimento migliore nei ratti come pure negli esseri umani.54

DHA e neurotrasmettitori

Inoltre, DHA ha effetti piuttosto complessi su una serie di neurotrasmettitori, compreso serotonina, norepinefrina, acetilcolina, glutammato e dopamina.46,55,56 carenze in DHA sono state indicate per abbassare il livello di dopamina e del ricevitore D2 della dopamina nel lobo frontale, che può provocare i problemi con l'attenzione e l'apprendimento.57 questo possono spiegare la capacità di DHA di promuovere l'attenzione concentrata e ad ansia calma.

Un effetto importante delle diete DHA-carenti è stato visto in uno studio facendo uso della dopamina chimica della ricompensa, che ha trovato che la carenza a lungo termine omega-3 ha sollevato i livelli della dopamina in una regione del cervello collegato molto attentamente a comportamento di dipendenza.58 questo, in pratica, aumentano significativamente la suscettibilità ai comportamenti inducenti al vizio, se agli alimenti, al sesso, o alle droghe illecite.

Per concludere, DHA inoltre svolge un ruolo chiave nella funzione del ricevitore del neurotrasmettitore. Gli studi recenti hanno trovato gli effetti significativi di DHA sulle strutture della membrana cellulare chiamate ricevitori G-proteina-accoppiati, che comunicano con l'interno della cellula una volta stimolati dai neurotrasmettitori quali glutammato, serotonina ed acetilcolina.42,59 poiché questi ricevitori sono viscoelastici, cioè, i loro numeri possono essere aumentati a richiesta o alterando le sostanze nutrienti, i cambiamenti dietetici possono colpire significativamente come il cervello funziona.

Effetto degli oli Omega-3 sul rischio di suicidio e di depressione

A causa di frequente effetto profondo di EPA e particolarmente di DHA, sulla segnalazione delle cellule, le membrane, i neurotrasmettitori ed i ricevitori, una prevederebbero che gli oli omega-3 producessero i cambiamenti ugualmente profondi nel comportamento umano pure. Infatti, una serie di studi hanno trovato una correlazione vicina fra gli oli omega-3 nella dieta ed il comportamento. Di interesse speciale è l'effetto degli oli omega-3 sulla depressione, sul rischio, sull'aggressione, sulla rabbia e sull'ansia di suicidio.

Effetto degli oli Omega-3 sul rischio di suicidio e di depressione

La depressione si è trasformata in in un problema principale, con i tassi che aumentano alle più giovani età che mai prima e nella malattia che accade anche nei preteens. Inoltre stanno aumentando i tassi di disturbi di ansia, di dyscontrol di rabbia, di insonnia, di suicidi violenti e perfino di omicidi. Gli scienziati hanno proposto un collegamento comune fra questi disordini ed infiammazione cronica del cervello. Inoltre, una serie di condizioni mediche sono state associate con la depressione cronica, quali la malattia cardiovascolare, il cancro e la salute difficile globale. Fino ad oggi, è stato presupposto che questo fosse a causa degli effetti neuroendocrini o di altre ragioni non specifiche. Tuttavia, una quantità crescente di ricerca ora indica che queste malattie sono collegate alla depressione da un meccanismo-un comune ad alto livello dei mediatori infiammatori, quali le citochine e le prostaglandine infiammatorie.

A differenza di infiammazione acuta del cervello, come veduta con la meningite e l'encefalite, l'infiammazione sottile e cronica del cervello può essere silenziosa, eccezione fatta per le sue manifestazioni comportamentistiche.L'infiammazione cronica del cervello 60 può essere il risultato di una serie di termini, quali l'obesità addominale, le infezioni virali latenti, le malattie autoimmuni, la sindrome metabolica, l'intossicazione di metalli pesanti e le carenze in oli omega-3.

Gli studi hanno rivelato una correlazione vicina fra infiammazione e la depressione croniche.61-65 uno studio recente anche ha trovato una forte correlazione fra i livelli infiammatori di citochina ed i tassi alti di depressione ed il suicidio in anestesisti.66 ancora, una serie di studi suggeriscono che molti dei farmaci antidepressivi inoltre fungano da agenti antinfiammatori e che i pazienti che rispondono male hanno i livelli elevati delle citochine infiammatorie.67-70

L'infiammazione cronica del cervello inoltre è stata trovata nel disordine post - traumatico di sforzo e nella depressione successiva al parto.71,72 può essere che gli oli omega-3 migliorino la depressione principale come pure una serie di altri disordini neuropsichiatrici, riducendo l'infiammazione del cervello.

È conosciuto che una carenza in oli omega-3 colpisce la neurotrasmissione serotonergic e dopaminergica e che se ristabilito prima dello svezzamento (sospensione di professione d'infermiera), questi difetti possono essere riparati nel cervello.73,74 entrambi neurotrasmettitori come pure l'infiammazione, svolgono un ruolo significativo nei disordini neuropsichiatrici quali la schizofrenia, la personalità psicotica limite, il suicidio, l'ostilità/l'aggressione, il disturbo bipolare e la depressione principale.

Il restringimento dell'ippocampo del cervello è stato descritto nella depressione principale e nel disordine post - traumatico di sforzo.75 questo restringimento (atrofia) inoltre sono accompagnati dalle carenze nella memoria recente. I deficit di memoria possono accadere prima di atrofia e di perdita del neurone ed il trattamento della depressione può contribuire a ristabilire i neuroni ed i collegamenti hippocampal (neutrites e sinapsi).76

DHA basso nella dieta aumenta la rabbia e l'ostilità

Mentre sia EPA che DHA sono stati associati con i miglioramenti nella depressione principale, solo DHA stimola la conseguenza del neurite e lo sviluppo e la riparazione sinaptici, cioè, plasticità del cervello.54 di conseguenza, può essere una migliore scelta nei metodi per riparare la lesione cerebrale della depressione cronica.

Un problema crescente in questo paese è la depressione successiva al parto, che è collegata spesso con il suicidio, l'omicidio e l'infanticidio. Una serie di studi hanno collegato i bassi livelli ematici ed i livelli del globulo rosso di acidi grassi omega-3 con la depressione successiva al parto.77-79

Per esempio, uno studio di 10 donne incinte che hanno sviluppato la depressione successiva al parto contro 38 chi non ha trovato che la proporzione di DHA nei fosfolipidi del siero era coerente più bassa nelle donne con la depressione successiva al parto.79

Il rischio di suicidio inoltre è stato collegato ai bassi livelli omega-3 nel sangue e nelle membrane cellulari.80,81 in uno tali studio, ricercatori al dipartimento della neuroscienza all'istituto psichiatrico dello Stato di New York Hanno seguito 33 senza farmaco, pazienti depressi per due anni. Sette del tentato suicidio degli oggetti. La percentuale bassa del plasma DHA in fosfolipidi del siero e un alto rapporto dei grassi omega-6 ai grassi omega-3 hanno predetto esattamente i tentativi di suicidio.82 purtroppo, gli Americani consumano molto più grassi omega-6 necessario per i buona salute.

Con gli effetti suddetti di DHA sui livelli del cervello dei neurotrasmettitori serotonina e dopamina come pure la segnalazione in membrane sinaptiche, una di espressione del ricevitore e delle cellule non dovrebbe essere sorpreso dall'impatto comportamentistico drammatico della carenza omega-3.

La prova per l'effetto di omega-3 lubrifica su un altro neurotrasmettitore, glutammato- che la maggior parte del messaggero abbondante in cervello-ancora sta dibattendo. C'è prova coercitiva che una serie di disordini neuropsichiatrici, compreso la schizofrenia, disordine, rischio di suicidio e la depressione biopolar di maggiore, sono collegati con le anomalie nella neurotrasmissione del glutammato.83-85

I dati per indicare che il glutammato in eccesso può essere responsabile della depressione principale come pure altri disturbi psichiatrici di controllo di impulso e dell'umore vengono da una serie di quarti. In primo luogo, la depressione e la schizofrenia sono state collegate con una diminuzione in proteine di trasporto del glutammato, che portano normalmente il glutammato in eccesso a partire dalle terminazioni nervose. Ciò può notevolmente aumentare i livelli del glutammato del cervello e il excitotoxicity,86 e spiegherebbe la perdita di neuroni nell'ippocampo visto nella schizofrenia e nella depressione principale. Secondariamente, la chetamina della droga, che è un antagonista potente del ricevitore del glutammato, inoltre agisce come un antidepressivo.87 un'altra droga, riluzolo, che impedisce il rilascio di glutammato le cellule inoltre impediscono la degenerazione delle cellule cerebrali nella depressione e sollevano i livelli di fattore della crescita del cervello, che sono abbassati coerente nella depressione. Per concludere, gli studi attenti hanno indicato che i ricevitori del glutammato nella depressione overactivated e nei sistemi di rimozione del glutammato, che proteggono normalmente il cervello dall'eccesso del glutammato, funzione anormalmente. Questi stessi studi hanno trovato che il sistema dell'acido gamma-aminobutirrico (GABA), che è essenziale a proteggere il cervello contro il excitotoxicity, inoltre funziona al di sotto della norma.

Se effettivamente, la depressione, il disturbo bipolare, la schizofrenia ed il rischio principali di suicidio sono collegati con la lesione excitotoxic, gli oli omega-3 possono svolgere un ruolo significativo nel combattimento dei questi disordini disattivare, poiché parecchi studi hanno indicato che omega-3 gli oli-particolare DHA-significantly riducono il excitotoxicity.88,89

DHA basso nella dieta aumenta la rabbia e l'ostilità

I bassi omega-3 livelli, particolarmente livelli di DHA, inoltre sono stati associati con le reazioni di ostilità e di rabbia. Per esempio, nel primo di uno studio randomizzato studio multicentrico in due parti, gli studenti di medicina sono stati dati un placebo o gli oli di pesce che contiene 1,5 g al giorno di DHA per tre mesi.90 in questa parte dello studio, che è stato fatto durante il periodo di alto-sforzo (durante gli esami finali), hanno trovato un aumento 8,9% nell'aggressione nel gruppo del placebo, mentre quelli che prendono il DHA non hanno avvertito aumento nelle tendenze aggressive.

Nella seconda parte dello studio, facendo uso di 46 studenti non sforzati, DHA non ha avuto effetto su aggressione.91 questo sono perché gli aumenti nell'aggressione erano secondari sollecitare e DHA è sembrato calmare soltanto gli stimoli aggressivi stimolati. Ciò è coerente con gli studi sopraccitati che indicano la rottura di cause di carenza di DHA della neurotrasmissione della monoammina (dopamina, norepinefrina, serotonina) come pure acetilcolina e la neurotrasmissione del glutammato, che sono collegati con l'impulso ed irritano il controllo. Questi effetti inoltre sono collegati con gli effetti antinfiammatori e e della membrana di cellula-segnalazione, della fluidità di DHA, che sono maggiori di quelli di EPA (si veda figura 3 alla pagina 51).

In uno studio successivo in 41 studente universitario, i ricercatori hanno paragonato una dieta alta--DHA (g/giorno 1,5) a placebo (olio di soia) su un periodo di tre mesi per vedere gli effetti sulle risposte ostili.92 hanno trovato che c'era un'incidenza di 27% delle risposte ostili alla linea di base, che è aumentato a 92% durante gli esami finali. Di nuovo, non c'era aumento nell'ostilità fra quelli che prendono il supplemento alto--DHA. Inoltre hanno trovato che il completamento di DHA ha ridotto significativamente le misure di ostilità fra il personale dell'università.

C'è anche prova che DHA extra nella dieta può ridurre il comportamento aggressivo in bambini più in giovane età. Per esempio, in uno studio le ragazze ed i ragazzi d'esame hanno invecchiato 9 - 12 anni, aggiungenti gli alimenti di omega-3-fortified (3.600 mg DHA e 840 mg EPA alla settimana) hanno ridotto il comportamento impulsivo sia in maschi che in femmine, con i più forti risultati in femmine.93

Uno degli effetti di più alta assunzione di DHA è di ridurre i livelli della norepinefrina del plasma, che riduce la risposta di lotta-o-volo. In uno studio, la capacità di DHA di modulare la norepinefrina del plasma era abbastanza drammatica, senza gli effetti su cortisolo, su epinefrina, su glucosio, o sui livelli dell'insulina.94 DHA hanno potuto così essere un'arma utile per ridurre l'ansia e gli attacchi di panico.

Completando con DHA

Gli adulti in buona salute dovrebbero consumare mg 240-1,000 di quotidiano di DHA per proteggere la loro salute conoscitiva e neurologica. Mentre molti adulti già consumano l'olio omega-3 completa contenere sia DHA che EPA, prodotti autonomi di DHA permettono che quei rapporti più alti di ricerca di DHA/EPA personalizzino la loro assunzione secondo le loro preoccupazioni uniche di salute.

Le donne incinte e d'allattamenti richiedono un minimo di 300 mg DHA quotidiani di promuovere lo sviluppo di sistema nervoso ottimale nei loro bambini. I genitori dovrebbero assicurarsi che i loro bambini piccoli consumino almeno 150 mg di DHA al giorno per sostenere la salute. Gli oli Omega-3 sono inoltre disponibili nelle formulazioni liquide dell'buon-assaggio per i bambini piccoli e coloro che incontra difficoltà che inghiotte le capsule.

Riassunto

Da questo esame abbiamo visto che gli oli omega-3 svolgono un ruolo principale nello sviluppo del cervello, con l'avvenimento più molto richiesto durante lo sviluppo intrauterino ed i primi due anni dopo la nascita (durante il getto di crescita del cervello). Le carenze durante lo neuro-sviluppo nella madre alterano non solo lo sviluppo immediato, ma possono mettere la fase per la malattia e la disfunzione successive del cervello.

A causa del molto richiesto per DHA dal bambino di sviluppo e dall'estrazione preferenziale dal rifornimento della madre dal feto, le carenze sono composte con le nascite successive, se la dieta non migliora. Inoltre, questo ha un effetto profondo sul profilo psicologico della madre, con le carenze severe del suo DHA con conseguente tassi aumentati di depressione successiva al parto e rischio aumentato concomitante di suicidio e di omicidio.

Inoltre abbiamo visto che gli effetti di DHA e EPA sulle cellule di sistema nervoso vanno oltre gli effetti strutturali della membrana (fluidità), ma piuttosto influenziamo la segnalazione delle cellule, neurotrasmettitori ed espressione e funzione del ricevitore. Ciò inoltre comprende il regolamento e l'espressione del gene. Gli effetti degli oli omega-3 su infiammazione sono complessi e vanno molto al di là fisicamente dello spostamento del prodotto base dell'acido- arachidonico per infiammatorio prostaglandina-dalla membrana cellulare. DHA inoltre aumenta i lipoxins, inibisce il N-F-KB e produce neuroprotectin-D1 e i resolvins.

A causa dell'interazione complessa degli oli omega-3 con un gran numero dei sistemi, sia cellulari che via le reti neuronali, le variazioni in cervello EPA e particolarmente DHA può avere effetti profondi sull'apprendimento e sul comportamento. L'assicurazione degli importi ottimali di questi oli salutari è così essenziale in tutto la durata sana.

Cautela di sicurezza

Gli individui che usano il warfarin del farmaco (Coumadin®) dovrebbero consultare un medico prima del complemento con DHA.95

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Yehuda S, Rabinovtz S, Carasso RL, DI di Mostofsky. Preparato di essenziale gli acidi grassi (SR-3)
migliora la qualità della vita dei pazienti di Alzheimer. Int J Neurosci.
1996 novembre; 87 (3-4): 141-9.

2. Morris MC, Evans DA, Bienias JL, et al. consumo di pesce ed acidi grassi omega-3 e rischio di incidente
Morbo di Aalzheimer. Arco Neurol. 2003 luglio; 60(7): 940-6.

3. Kalmijn S, Launer LJ, Ott A, Witteman JC, Hofman A, Breteler millimetro.
L'assunzione del grasso dietetico ed il rischio di demenza di incidente a Rotterdam studiano. Ann Neurol. 1997 novembre; 42(5): 776-82.

4. Soderberg m., Edlund C, Kristensson K, composizione di in acidi grassi di Dallner G. dei fosfolipidi del cervello dentro
invecchiando e nel morbo di Alzheimer. Lipidi. 1991 giugno; 26(6): 421-5.

5. SIG. di Prasad, Lovell mA, Yatin m., Dhillon H, Markesbery WR. Fosfolipide regionale della membrana
alterazioni nel morbo di Alzheimer. Ricerca di Neurochem. 1998 gennaio; 23(1): 81-8.

6. Morris MC, Evans DA, Tangney cc, Bienias JL, Wilson RS. Consumo di pesce e declino conoscitivo con l'età in a
grande studio della comunità. Arco Neurol.2005 dicembre; 62(12): 1849-53.

7. Hashimoto m., Hossain S, Shimada T, et al. acido docosaesaenoico assicura la protezione da danno dell'apprendimento
abilità nei ratti del modello del morbo di Alzheimer. J Neurochem. 2002 giugno; 81(5): 1084-91.

8. Gamoh S, Hashimoto m., Hossain S, amministrazione di Masumura S. Chronic di acido docosaesaenoico migliora la prestazione
del compito radiale del labirinto del braccio in ratti invecchiati. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2001 aprile; 28(4): 266-70.

9. Neuringer m., Connor NOI. acidi grassi omega-3 nel cervello e nella retina: prova per la loro essenzialità.
Rev. 1986 di Nutr settembre; 44(9): 285-94.

10. Sugimoto Y, Taga C, Nishiga m., et al. effetto di sforzo acido-fortificato docosaexanoico CK22 di chlorella vulgaris sopra
la prestazione radiale del labirinto in topi invecchiati. Toro di biol Pharm. 2002 agosto; 25(8): 1090-2.

11 Gamoh S, Hashimoto m., Sugioka K, et al. amministrazione cronica di acido docosaesaenoico migliorano il riferimento
abilità di apprendimento in relazione con la memoria in giovani ratti. Neuroscienza. 1999;93(1):237-41.

12. Reisbick S, Neuringer m., Hasnain R, Connor NOI. Comportamento domestico della gabbia dei resi
con la carenza a lungo termine degli acidi grassi omega-3. Physiol Behav. 1994 febbraio; 55(2): 231-9.

13. Enslen m., Milon H, Malnoe A. Effect di assunzione bassa degli acidi grassi omega-3 durante lo sviluppo sul fosfolipide del cervello
composizione di in acidi grassi e comportamento esplorativo in ratti. Lipidi. 1991 marzo; 26(3): 203-8.

14. Betulla EE, Garfield S, Castaneda Y, et al. acuità visiva e risultati conoscitivi a 4 anni in una prova alla cieca,
prova randomizzata della formula infantile integrata con acido grassa poli-insatura a catena lunga. Sviluppatore in anticipo di ronzio. 2007 maggio; 83(5): 279-84.

15. Willatts P, Forsyth JS, DiModugno Mk, Varma S, Colvin M. Effect degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga
nella formula infantile sulla soluzione dei problemi a 10 mesi dell'età. Lancetta. 29 agosto 1998; 352(9129): 688-91.

16. Sc di Cunnane, Sc di Williams, Bell JD, et al. utilizzazione di 13C-polyunsaturated uniformemente identificato acidi grassi nella sintesi di
acidi grassi a catena lunga e colesterolo che si accumulano nel cervello neonatale del ratto. J Neurochem. 1994 giugno; 62(6): 2429-36.

17. Crabtree JT, Gordon MJ, Campbell FM, Dutta-Roy AK. Distribuzione e metabolismo differenziali di acido arachidonico
e acido docosaesaenoico dalle cellule placentari umane di choriocarcinoma (BeWo). Mol Cell Biochem. 1998 agosto; 185 (1-2): 191-8.

18. Crawford mA, Hassam AG, PA di Stevens. Requisiti essenziali dell'acido grasso nella gravidanza e nella lattazione con
riferimento particolare a sviluppo del cervello. Ricerca del lipido di Prog. 1981;20:31-40.

19. Se di Ozias Mk, di Carlson, parità di Levant B. Maternal ed accrescimento poli-insaturo di influenza di concentrazione nell'acido grasso di dieta (omega-3) del cervello
acido docosaesaenoico del fosfolipide in ratti di sviluppo. J Nutr. 2007 gennaio; 137(1): 125-9.

20. Kris-Etherton PM, Taylor DS, Yu-Poth S, et al. acidi grassi polinsaturi nel ciclo alimentare negli Stati Uniti.
J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 179S-88S.

21. Il Dott di Hoffman, Theuer RC, Castaneda YS, et al. maturazione dell'acuità visiva è accelerato negli infanti di termine allattati al seno alimentati contenente degli alimenti per bambini
tuorlo d'uovo DHA-arricchito. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2307-13.

22. La P verde, Glozman la S, Kamensky la B, Yavin E. Developmental cambia in lipidi della membrana del cervello del ratto ed acidi grassi.
L'accumulazione prenatale preferenziale di acido docosaesaenoico. Ricerca del lipido di J. 1999 maggio; 40(5): 960-6.

23. McCann JC, BN di Ames. È l'acido docosaesaenoico, un acido grasso poli-insaturo a catena lunga omega-3, richiesto per
sviluppo della funzione normale del cervello? Una panoramica di prova dalle prove conoscitive e comportamentistiche in esseri umani ed in animali.
J Clin Nutr. 2005 agosto; 82(2): 281-95.

24. EM di Khedr, Farghaly WM, Amry S, Osman aa. Maturazione neurale degli infanti di formula-federazione e allattato al seno.
Acta Paediatr. 2004 giugno; 93(6): 734-8.

25. Dijck-Brouwer DA, Hadders-Algra m., Bouwstra H, et al. abbassa lo stato fetale di acido docosaesaenoico, acido arachidonico
e gli acidi grassi essenziali è associato con lo stato neurologico neonatale meno favorevole. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine.
2005 gennaio; 72(1): 21-8.

26. Colombo J, Kannass KN, Shaddy DJ, et al. DHA materno e lo sviluppo di attenzione nell'infanzia e in toddlerhood.
Sviluppatore del bambino. 2004 luglio; 75(4): 1254-67.

27. Diau GY, Hsieh A, Sarkadi-Nagy ea, et al. L'influenza del completamento a lunga catena del poliusaturo su docosaexanoico
acido acido ed arachidonico in sistema nervoso centrale del neonato del babbuino. Med di BMC. 2005;311.

28. Moriguchi T, Salem N, recupero del Jr. del docosahexaenoate del cervello conduce al recupero della prestazione spaziale di compito.
J Neurochem. 2003 ottobre; 87(2): 297-309.

29. Youyou A, Durand G, Pascal G, et al. recupero della composizione di in acidi grassi alterata indotta da una dieta priva degli acidi grassi omega-3 in mielina,
synaptosomes, mitocondri e microsomi del cervello di sviluppo del ratto. J Neurochem. 1986 gennaio; 46(1): 224-8.

30. Homayoun P, Durand G, Pascal G, Bourre JM. Alterazione nella composizione di in acidi grassi dei capillari adulti del cervello del ratto e del plesso coroidico indotti
da una dieta carente in acidi grassi omega-3: recupero lento dopo sostituzione con una dieta nondeficient. J Neurochem. 1988 luglio; 51(1): 45-8.

31. Connor NOI, Neuringer m., Lin DS. Effetti dietetici sulla composizione di in acidi grassi del cervello: la reversibilità della carenza dell'acido grasso omega-3 e
volume d'affari di acido docosaesaenoico nel cervello, negli eritrociti e nel plasma dei resi. Ricerca del lipido di J. Del 1990 febbraio; 31(2): 237-47.

32. Moriguchi T, Loewke J, guarnigione m., catalano JN, Salem N, inversione del Jr. della carenza nel cervello del ratto, retina, fegato dell'acido docosaesaenoico e
siero. Ricerca del lipido di J. 2001 marzo; 42(3): 419-27.

33. Anderson GJ. Sensibilità inerente allo sviluppo del cervello agli acidi grassi dietetici omega-3. Ricerca del lipido di J. 1994 gennaio; 35(1): 105-11.

34. Stillwell W, SR di Shaikh, Zerouga m., Siddiqui R, SR di Wassall. L'acido docosaesaenoico colpisce la segnalazione delle cellule alterando le zattere del lipido. Reprod
Sviluppatore di Nutr. 2005 settembre; 45(5): 559-79.

35. Stillwell W, SR di Wassall. Acido docosaesaenoico: proprietà della membrana di un acido grasso unico. Lipidi di Chem Phys. 2003 novembre; 126(1): 1-27.

36. Stillwell W, Ehringer W, Jenski LJ. L'acido docosaesaenoico aumenta la permeabilità delle vescicole del lipido e delle cellule del tumore. Lipidi. 1993 febbraio; 28(2): 103-8.

37. Brown ER, Subbaiah PV. Effetti differenziali di acido eicosapentanoico e di acido docosaesaenoico sui fibroblasti umani della pelle.
Lipidi. 1994 dicembre; 29(12): 825-9.

38. Zerouga m., Jenski LJ, Stillwell W. Comparison delle fosfatidilcoline che contengono una o due catena docosaexanoica dell'acile sulle proprietà di
strati monomolecolari e doppii strati del fosfolipide. Acta di Biochim Biophys. 14 giugno 1995; 1236(2): 266-72.

39. Horrobin DF, CN di Bennett. I nuovi obiettivi del gene si sono riferiti alla schizofrenia e ad altri disturbi psichiatrici: enzimi, proteine obbligatorie e trasporto
proteine in questione nel metabolismo dell'acido grasso e del fosfolipide. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 1999 marzo; 60(3): 141-67.

40. Horrobin DF. Interazioni fra il metabolismo dei lipidi e la schizofrenia: i cambiamenti biochimici che possono renderci umani. Lipidi.
1999; 34 SupplS255.

41. Xiao Y, Huang Y, Chen ZY. La distribuzione, lo svuotamento ed il recupero di acido docosaesaenoico sono regione-specifici nel cervello del ratto.
Br J Nutr. 2005 ottobre; 94(4): 544-50.

42. Litman BJ, Niu SL, Polozova A, CC di Mitchell. Il ruolo dei fosfolipidi contenenti dell'acido docosaexanoici nella modulazione del G proteina-ha accoppiato la segnalazione
vie: trasduzione visiva. J Mol Neurosci. 2001 aprile; 16 (2-3): 237-42.

43. Bourre JM, Francois m., Youyou A, et al. Gli effetti di acido alfa-linoleico dietetico sulla composizione delle membrane del nervo, attività enzimatica,
l'ampiezza dei parametri elettrofisiologici, della resistenza ai veleni e della prestazione dell'apprendimento incarica in ratti. J Nutr. 1989 dicembre; 119(12): 1880-92.

44. Turner N, PL altro, Hulbert AJ. Il contenuto nell'acido docosaesaenoico (DHA) delle membrane determina l'attività molecolare di
la pompa del sodio: implicazioni per gli stati ed il metabolismo di malattia. Naturwissenschaften. 2003 novembre; 90(11): 521-3.

45. Salem N, Jr., Litman B, Kim HY, Gawrisch K. Mechanisms di azione di acido docosaesaenoico nel sistema nervoso. Lipidi.
2001 settembre; 36(9): 945-59.

46. Chalon S, ione-Vancassel S, Belzung C, et al. olio di pesce dietetico colpisce la neurotrasmissione ed il comportamento monoaminergic in ratti.
J Nutr. 1998 dicembre; 128(12): 2512-9.

47. Sergeeva m., Strokin m., Reiser G. Regulation di calcio intracellulare livella dagli acidi grassi polinsaturi, dall'acido arachidonico e dall'acido docosaesaenoico,
in astrocytes: partecipazione possibile della fosfolipasi A2. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2005 settembre; 45(5): 633-46.

48. Kim HY, Akbar m., Lau A, Edsall L. Inhibition degli apoptosi di un neurone da acido docosaesaenoico (22:6omega-3). Ruolo della fosfatidilserina nell'effetto antiapoptotic.
Biol chim. di J. 2000 10 novembre; 275(45): 35215-23.

49. Delwaide PJ, Gyselynck-Mambourg, Hurlet A, Ylieff M. Double-blind ha randomizzato lo studio controllato della fosfatidilserina in pazienti pazzi senili.
Acta Neurol Scand. 1986 febbraio; 73(2): 136-40.

50. Zhao G, Etherton TD, effetti antinfiammatori del Kr di Martin et al. degli acidi grassi polinsaturi in cellule THP-1.
Biochimica Biophys ricerca Commun.2005 28 ottobre; 336(3): 909-17.

51. BM di McGahon, Martin DS, Horrobin DF, Lynch mA. Cambiamenti relativi all'età nella funzione sinaptica: analisi dell'effetto del completamento dietetico
con gli acidi grassi omega-3.
Neuroscienza. 1999;94(1):305-14.

52. Fujita S, Ikegaya Y, Nishikawa m., Nishiyama N, acido docosaesaenoico di Matsuki N. migliora il potenziamento a lungo termine attenuato dalla fosfolipasi
A (2) inibitore nelle fette hippocampal del ratto. Br J Pharmacol. 2001 aprile; 132(7): 1417-22.

53. Kitajka K, Puskas LG, Zvara A, et al. Il ruolo degli acidi grassi polinsaturi omega-3 in cervello: modulazione di espressione genica del cervello del ratto da dietetico
acidi grassi omega-3. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 5 marzo 2002; 99(5): 2619-24.

54. Cao D, Xue R, Xu J, Liu Z. Effects di acido docosaesaenoico sulla sopravvivenza e sulla conseguenza del neurite dei neuroni corticali del ratto nelle culture primarie.
Biochimica di J Nutr. 2005 settembre; 16(9): 538-46.

55. de la Presa OS, Innis MP. L'acido docosaexanoico ed arachidonico impedisce una diminuzione in neurotrasmettitori dopaminergici e serotoninergic dentro
corteccia frontale causata da una dieta carente in acido linoleica ed alfa-linolenica in porcellini di formula-federazione. J Nutr. 1999 novembre; 129(11): 2088-93.

56. Innis MP, de la Presa OS. La composizione di in acidi grassi dietetica nella gravidanza altera gli acidi grassi e la dopamina della membrana del neurite nel cervello neonato del ratto.
J Nutr. 2001 gennaio; 131(1): 118-22.

57. Delion S, Chalon S, Guilloteau D, Besnard JC, carenza dietetica dell'acido alfa-linoleico di Durand G. altera i cambiamenti relativi all'età di dopaminergico e
neurotrasmissione serotoninergic nella corteccia frontale del ratto. J Neurochem. 1996 aprile; 66(4): 1582-91.

58. Zimmer L, Vancassel S, Cantagrel S, et al. La via mesocorticolimbic della dopamina è colpita dalla carenza in acidi grassi polinsaturi omega-3.
J Clin Nutr. 2002 aprile; 75(4): 662-7.

59. CC di Mitchell, Niu SL, Litman BJ. Il potenziamento del G proteina-ha accoppiato la segnalazione dai fosfolipidi di DHA. Lipidi. 2003 aprile; 38(4): 437-43.

60. Blaylock RL. Attivazione cronica e excitotoxicity microglial secondari ad eccessiva stimolazione immune:
fattori possibili nella sindrome e nell'autismo della guerra del Golfo. J Amer Phys Surg. Estate 2004; 9(2): 46-51.

61. Yang K, Xie G, Zhang Z, et al. livella dell'interleuchina del siero (IL) - 6, IL-1beta, fattore-alfa di necrosi del tumore e leptina e loro
correlazione nella depressione. Psichiatria di Aust NZJ. 2007 marzo; 41(3): 266-73.

62. Kim YK, Na KS, Shin KH, et al. squilibrio di citochina in patofisiologia di disturbo depressivo principale.
Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 30 giugno 2007; 31(5): 1044-53.

63. Kiecolt-Glaser JK, Belury mA, portatore K, et al. sintomi depressivi, omega-6: acidi grassi omega-3 ed infiammazione in adulti più anziani.
Med di Psychosom. 2007 aprile; 69(3): 217-24.

64. Craddock D, Thomas A. Cytokines e depressione di tardi-vita. Psychopharmacol essenziale. 2006;7(1):42-52.

65. Spalletta G, Bossu P, Ciaramella A, et al. L'eziologia della depressione del poststroke: una rassegna della letteratura e di un nuovo
ipotesi che comprende le citochine infiammatorie. Mol Psychiatry. 2006 novembre; 11(11): 984-91.

66. Beilin B, Greenfeld K, Abiri N, et al. anestesisti sul lavoro: un incremento della produzione di citochina Th2 e pro-infiammatorio,
ed alterazioni nelle risposte immunitarie proliferative. Acta Anaesthesiol Scand. 2006 novembre; 50(10): 1223-8.

67. O'Brien MP, Scully P, Fitzgerald P, Scott LV, Dinan TG. Profili di citochina del plasma in pazienti depressi a cui venga a mancare
risponda alla terapia selettiva dell'inibitore di ricaptazione della serotonina. Ricerca di J Psychiatr. 2007 aprile; 41 (3-4): 326-31.

68. L'ANNUNCIO di Basterzi, Aydemir la C, Kisa la C, et al. i livelli IL-6 diminuisce con il trattamento di SSRI in pazienti con la depressione principale.
Ronzio Psychopharmacol. 2005 ottobre; 20(7): 473-6.

69. O'Brien MP, Scott LV, Dinan TG. Terapia antidepressiva e livelli C-reattivi della proteina. Psichiatria del Br J. 2006 maggio; 188:449-52.

70. Narita K, Murata T, livelli di Takahashi T, et al. del plasma dell'fattore-alfa di necrosi del tumore e di adiponectin in pazienti
con la depressione principale rimessa che riceve terapia a lungo termine dell'antidepressivo di manutenzione. Prog Neuropsychopharmacol
Psichiatria di biol. 30 agosto 2006; 30(6): 1159-62.

71. von KR, Hepp U, Kraemer B, et al. prova per attività proinflammatory sistemica di qualità inferiore in pazienti con disordine post - traumatico di sforzo.
Ricerca di J Psychiatr. 2007 novembre; 41(9): 744-52.

72. Levant B, Ozias Mk, Se di Carlson. Le regioni specifiche del cervello di ratti femminili differenziale sono vuotate di acido docosaesaenoico vicino
attività riproduttiva e (omega-3) una dieta carente in acido grassa. J Nutr. 2007 gennaio; 137(1): 130-4.

73. Kodas E, Galineau L, Bodard S, et al. la neurotrasmissione Serotoninergic è colpito dagli acidi grassi polinsaturi omega-3 nel ratto.
J Neurochem. 2004 maggio; 89(3): 695-702.

74. Kodas E, Vancassel S, Lejeune B, Guilloteau D, Chalon S. Reversibility dai dei cambiamenti indotti da carenza dell'acido grasso omega-3 dentro
neurotrasmissione dopaminergica in ratti: ruolo critico della fase inerente allo sviluppo. Ricerca del lipido di J. 2002 agosto; 43(8): 1209-19.

75. Hickie I, Naismith S, PB del reparto, et al. ha ridotto i volumi e la perdita di memoria hippocampal in pazienti con la depressione di manifestazione tardiva e presto.
Psichiatria del Br J. 2005 marzo; 186:197-202.

76. MacMaster FP, volume di Kusumakar V. Hippocampal nella depressione iniziale di inizio. Med di BMC. 29 gennaio 2004; 22.

77. Mp di Freeman. Acidi grassi Omega-3 e depressione perinatale: una rassegna della letteratura e delle raccomandazioni per ricerca futura.
Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2006 ottobre; 75 (4-5): 291-7.

78. Sontrop J, Campbell Mk. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 e depressione: una rassegna della prova e di una critica metodologica.
Med di Prev. 2006 gennaio; 42(1): 4-13.

79. De Vriese SR, Christophe ab, livelli poli-insaturi dell'acido grasso del siero omega-3 di Maes M. Lowered (PUFA) predice l'avvenimento
della depressione successiva al parto: ulteriore prova che si è abbassata n-PUFAs è collegata con la depressione principale. Vita Sci. 7 novembre 2003; 73(25): 3181-7.

80. Livelli di tentativo di Huan m., di Hamazaki K, di Sun Y, et al. di suicidio e dell'acido grasso omega-3 in globuli rossi: uno studio di controllo di caso dentro
La Cina. Psichiatria di biol. 1° ottobre 2004; 56(7): 490-6.

81. Terao T, soia A. Cholesterol, acidi grassi essenziali e suicidio. Pharmacopsychiatry. 2003 marzo; 36(2): 86-7.

82. Sublette ME, JUNIOR di Hibbeln, Galfalvy H, Oquendo mA, MANN JJ. Stato essenziale poli-insaturo dell'acido grasso Omega-3 come a
preannunciatore del rischio futuro di suicidio. Psichiatria di J. 2006 giugno; 163(6): 1100-2.

83. DP di Ora, Putz B, Kraft E, et al. glutammato riduttore nella corteccia anteriore del cingulate nella depressione: in vivo un protone a risonanza magnetica
studio di spettroscopia. Psichiatria di biol. 2000 15 febbraio; 47(4): 305-13.

84. McCullumsmith CON RIFERIMENTO A, Kristiansen LV, Beneyto m., et al. espressione in diminuzione della trascrizione NR1, NR2A e SAP102 nell'ippocampo dentro
disturbo bipolare. Brain Res. 5 gennaio 2007; 1127(1): 108-18.

85. Ricevitori di Noga JT, di Hyde TM, di Herman millimetro, et al. del glutammato nel corpo striato post mortem di schizofrenico, suicidio e cervelli di controllo.
Sinapsi. 1997 novembre; 27(3): 168-76.

86. McCullumsmith CON RIFERIMENTO A, Meador-asperula JH. Espressione eccitante Striatal della trascrizione del trasportatore dell'aminoacido nella schizofrenia,
disturbo bipolare e disturbo depressivo principale. Neuropsicofarmacologia. 2002 marzo; 26(3): 368-75.

87. Mathew SJ, Keegan K, modulatori di Smith L. Glutamate come interventi novelli per i disturbi dell'umore. Rev Bras Psiquiatr. 2005 settembre; 27(3): 243-8.

88. Relton JK, Strijbos PJ, bottaio AL, Rothwell NJ. Gli acidi grassi dietetici N-3 inibiscono la lesione cerebrale ischemica e excitotoxic nel ratto.
Brain Res Bull. 1993;32(3):223-6.

89. Hogyes E, Nyakas C, Kiliaan A, et al. effetto di Neuroprotective del supplemento inerente allo sviluppo dell'acido docosaesaenoico contro excitotoxic
lesione cerebrale in ratti infantili. Neuroscienza. 2003;119(4):999-1012.

90. Hamazaki T, Sawazaki S, Nagasawa T, et al. amministrazione di acido docosaesaenoico influenza il comportamento e la catecolamina del plasma
livelli all'epoca di stress psicologico. Lipidi. 1999; 34 SupplS33-7.

91. Hamazaki T, Sawazaki S, Nagao Y, et al. acido docosaesaenoico non colpisce l'aggressione dei volontari normali nelle circostanze nonstressful.
Un randomizzato, controllato con placebo, studio di prova alla cieca. Lipidi. 1998 luglio; 33(7): 663-7.

92. Hamazaki T, Sawazaki S, Itomura m., et al. effetto di acido docosaesaenoico su ostilità. Rev Nutr Diet del mondo. 2001;88:47-52.

93. Itomura m., Hamazaki K, Sawazaki S, et al. L'effetto dell'olio di pesce su aggressione fisica in scolari-un randomizzati, prova alla cieca,
prova controllata con placebo. Biochimica di J Nutr. 2005 marzo; 16(3): 163-71.

94. Sawazaki S, Hamazaki T, Yazawa K, Kobayashi M. L'effetto di acido docosaesaenoico sulle concentrazioni nella catecolamina del plasma e
tolleranza al glucosio durante lo stress psicologico duraturo: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. J Nutr Sci Vitaminol. (Tokyo). 1999 ottobre; 45(5): 655-65.

95. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drugs/altmed/printview/altmed-mono-print.aspx?contentFileName=ame0278.
xml&contentXSLTFileName=amepe.xsl&contentName=DHA. 2 novembre 2007 raggiunto.

96. Hamilton L, Greiner R, junior di Salem N, Kim HY. la carenza dell'acido grasso n-3 fa diminuire selettivamente l'accumulazione della fosfatidilserina
in tessuti di un neurone. Lipidi. 2000 agosto; 35(8): 863-9.

97. Kelley DS, Siegel D, Vemuri m., Mackey È. Il completamento dell'acido docosaesaenoico migliora il digiuno ed i profili postprandiali del lipido dentro
uomini ipertrigliceridemici. J Clin Nutr. 2007 agosto; 86 (no. 2): 324-33.