Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2008
Rapporto

Promozione della nutrizione ottimale con gli enzimi digestivi

Da Dale Kiefer
Promozione della nutrizione ottimale con gli enzimi digestivi

Nella gioventù, gli enzimi digestivi ripartono l'alimento ingerito nelle proteine, nei grassi e nei carboidrati vitali per fornire la nutrizione ottimale per il corpo. Ma con invecchiamento e la malattia, le funzioni digestive del corpo si deteriorano, conducendo per intossicarsi, gonfiarsi, alimento parzialmente digerito, carenze nutrizionali e perfino circostanze infiammatorie.

Fortunatamente, le formulazioni avanzate degli enzimi permettono di migliorare la salute digestiva, impediscono l'emergenza e la malnutrizione gastriche (specialmente negli anziani), mentre proteggono dall'infiammazione sistemica.

Siete che cosa digerite

Mentre gli alimenti sani forniscono il fondamento per salute e la vitalità ottimali, anche gli alimenti più sani sono utili poco se non si digeriscono correttamente. Mentre invecchiamo, la digestione normale rallenta, inibendo la nostra capacità di elaborare le sostanze nutrienti vitali per uso in tutto il corpo.1

Se il corpo non può estrarre tutte le sostanze nutrienti in nostro alimento, la nostra salute globale comincerà ad esitare e può provocare una vasta gamma di malattie sgradite. Questi problemi sono causati spesso facendo diminuire i livelli degli enzimi digestivi che facilitano la ripartizione cruciale di alimento in nostro apparato digerente.2-4

Il risultato sfavorevole è malnutrizione e deficit in sostanze nutrienti cruciali, che possono aggiungere ad un circolo vizioso di immunità d'esitazione e della malattia crescente, specialmente negli anziani.5-8 tuttavia, un ampio spettro degli enzimi digestivi che include le proteasi, delle amilasi, delle lipasi, della pancreatina, della cellulasi e della lipasi è stato indicato non solo per aumentare la digestione di una vasta gamma di alimenti, ma notevolmente a tempo di recupero 9,10 della post-chirurgiadi diminuzione e, in determinati casi, al servire come adiuvante utile nella terapia del cancro.11

Supporto naturale di digestione

I problemi digestivi relativi all'età non hanno bisogno dei problemi di salute significativi diventati, dato che i enzima-molti digestivi supplementari derivati dal pianta-possono da contribuire a sostituire gli enzimi pancreatici prodotti nella gioventù. Queste preparazioni moderne di digestione-assistenza offrono gli enzimi naturali che una volta presi con i pasti, possono migliorare il processo digestivo.

Supporto naturale di digestione

Per migliorare la digestione, una serie di varie componenti degli enzimi sono determinanti per l'amplificazione del processo digestivo naturale. Uno degli ingredienti più importanti è miscela della pancreatina-un di parecchi enzimi ordinariamente liberati dal pancreas in risposta alla presenza di alimento negli intestini. La pancreatina contiene gli enzimi quali le proteasi per facilitare la suddivisione delle proteine negli aminoacidi; amilasi per fendere le molecole complesse del carboidrato negli zuccheri trattabili; e lipasi per facilitare la suddivisione dei lipidi (meglio conosciuti come grassi) nelle componenti utilizzabili. Altre componenti supplementari desiderabili includono la lattasi per assistere la capacità del corpo di ripartire il lattosio (lattosio) dai prodotti lattier-caseario; papaina dalla papaia, assistere a digestione della proteina; e cellulasi, impedire lo sviluppo di uno stato raro conosciuto come phytobezoar gastrico, in cui cellulosa non digerita, o fibra di pianta, forme una massa con altri costituenti della pianta, che possono causare il bloccaggio all'interno dell'apparato gastrointestinale.12,13

Che cosa è digestione?

Una volta che inghiottito, l'alimento comincia un viaggio stupefacente tramite il canale alimentare; un viaggio che, quando tutto va secondo il piano, si conclude fornendoci le sostanze nutrienti dipromozione e rifornendoci di combustibile con energia vita sostenente. Ma appena come automobili lucide non può funzionare su petrolio greggio, il corpo umano ha bisogno di “raffina„ il suo combustibile per funzionare uniformemente. Richiede la digestione.

La digestione è il processo tramite cui il corpo riparte l'alimento, estraente l'energia e le sostanze nutrienti e scartante le componenti inutilizzabili. Ciò suddivide il processo comprende un insieme coordinato degli eventi, combinante la ripartizione meccanica con la masticazione con le attività deconstructive dei prodotti chimici caustici ed ha specializzato gli enzimi. Purtroppo, la ricerca suggerisce che la produzione di enzimi digestivi diminuisca con l'età d'avanzamento.14,15

Digestione di comprensione

La digestione comincia non nello stomaco, ma con i sensi. La meri vista ed aroma di alimento allettante invia i segnali al cervello che avviano una cascata degli eventi. Aumenti di salivazione, pompando gli enzimi amilasi e lipasi nella bocca. Amilasi, che è realmente una famiglia delle proteine relative, inizio di aiuti il processo di suddivisione dei carboidrati, mentre la lipasi inizia lo smontaggio dei grassi nelle loro componenti più semplici.

Digestione di comprensione

Masticando i servire per ripartire meccanicamente alimento, assicurando prodotto chimico efficiente e smontaggio enzimatico di alimento. Mentre masticare continua, i morsi inumiditi e enzima-merlettati di alimento sono inghiottiti, aiutato dalla contrazione muscolare, passante giù l'esofago nello stomaco.

Nello stomaco, l'alimento è sbattuto e si combina con acido gastrico, che è fatto di soprattutto acido cloridrico. La pepsina liberata dalle cellule principali nello stomaco degrada le proteine dell'alimento nei peptidi, mentre gli enzimi più digestivi si aggiungono alla miscela. Questi enzimi ripartono selettivamente le proteine, carboidrati e grassi, prima del trasporto dei contenuti dello stomaco all'intestino tenue, in cui la massa di digestione e di assorbimento ha luogo. D'importanza, lo stomaco inoltre contribuisce un composto chiamato fattore intrinseco, che permette all'assorbimento del vitamina b12 più ulteriormente a valle.

Nell'intestino tenue, gli enzimi digestivi supplementari, compreso pancreatina, tripsina e chimotripsina sono arruolati ad ulteriore alimento di ripartizione. Prodotto dal rivestimento intestinale o pubblicato nell'intestino dal pancreas, questi enzimi svolgono un ruolo importante nell'estrazione delle sostanze nutrienti dall'alimento.

Il fegato contribuisce producendo la bile, che è immagazzinata nella cistifellea ed è liberata in risposta alla presenza di grassi. Gli aiuti della bile emulsionano i grassi, rendente li più suscettibili della ripartizione enzimatica. Questa azione è importante per l'assorbimento delle vitamine liposolubili, quali le vitamine A, D, E e K.

Malnutrizione e invecchiamento

Questa serie complessa di eventi scompone l'alimento ai suoi aminoacidi costituenti, zuccheri ed acidi grassi, che sono assorbiti prontamente attraverso il rivestimento dell'intestino tenue e sono trasportati nella circolazione sanguigna. Le sostanze nutrienti poi sono messe da parte al fegato, in cui la filtrazione accade, tossine sono inattivate e rimosse e l'elaborazione finale accade.

Ovviamente, gli enzimi svolgono un ruolo integrale in questo processo complesso. Purtroppo, molti adulti hanno importi insufficienti di questi agevolatori digestivi del cavallo di lavoro. Una ragione per questo deficit degli enzimi può essere rintracciata di nuovo alla dieta. Sebbene gli enzimi naturali siano trovati in frutta ed in verdure crude, molti Americani consumano troppo poco di questi alimenti salutari. Ed anche quando la gente fa uno sforzo per comprendere gli importi adeguati di questi alimenti nella dieta, una maggioranza di questi enzimi può essere inattivata con la cottura e l'elaborazione, rendente li inutili. Ulteriormente, la quantità di enzimi prodotti dallo stomaco, il pancreas e l'intestino tenue è creduta generalmente per diminuire mentre invecchiamo.14,15

Di conseguenza, la gente più anziana può avvertire i problemi con digestione difficile, assorbimento nutriente in diminuzione e motilità intestinale diminuita, che può contribuire a vari reclami, compreso i problemi con l'eliminazione, gas e rigonfiamento aumentato, l'anemia e perfino malnutrizione.

Malnutrizione e invecchiamento

Molti fattori sfidano lo stato nutrizionale degli adulti più anziani. L'abuso di alcool cronico, la gastrite atrofica, la pancreatite cronica, l'insufficienza pancreatica, l'intolleranza al lattosio, la diverticolosi e la malattia celiaca tutta sono associati con il malassorbimento potenziale delle sostanze nutrienti e/o della malnutrizione.21-26

Come celebre precedentemente, gli individui invecchiati sono particolarmente a rischio della vitamina, il minerale ed i deficit di sviluppo dell'oligoelemento; quale può urtare seriamente l'immunità e la salute globale.8,27 gli studi recenti intrapresi in Francia, per esempio, hanno trovato un'alta prevalenza della vitamina, del minerale e delle carenze dell'acido grasso omega-3 fra gli uomini e le donne invecchiati 70 e sopra.28 e la carenza di vitamina b12, che può condurre ad uno stato serio conosciuto come l'anemia perniciosa, tra altri stati patologici, è tutta troppo comune fra gli anziani.29,30

Dato le conseguenze potenzialmente devastanti di nutrizione insufficiente, è di importanza fondamentale da ottimizzare la salute digestiva in adulti più anziani.

Miglioramento della digestione

Molti individui e professionisti di salute contano sui supplementi degli enzimi digestivi per assicurarsi che il sani ripartano ed assimilazione di alimento.

Una prova alla cieca, studio dell'incrocio conferma l'efficacia dei supplementi degli enzimi digestivi nella digestione d'ottimizzazione. I volontari sani hanno consumato una alto-caloria, pasto ad alta percentuale di grassi, con le capsule pancreatiche degli enzimi o con placebo. I sintomi gastrointestinali sono stati registrati per le 17 ore prossime. L'enzima pancreatico completa gonfiarsi significativamente riduttore, il gas e la sensibilità della pienezza. Questi risultati dimostrano che anche gli individui in buona salute possono avvertire la maggior comodità digestiva attraverso l'aiuto dei supplementi degli enzimi digestivi e suggeriscono un ruolo per gli enzimi digestivi in quelli sfidati con la sindrome di intestino irritabile.31

Benefici sistemici potenziali

Oltre a migliorare la salute digestiva, gli enzimi digestivi possono svolgere ulteriori ruoli utili nel corpo, come in riduzione della guarigione dell'autoimmunità e di infiammazione e di accelerazione dopo chirurgia.

Nelle malattie autoimmuni, complessi immuni, che sono le grandi aggregazioni degli antigeni (molecole che avviano le risposte immunitarie) e degli anticorpi (proteine immuni che neutralizzano gli invasori stranieri), serratura insieme in un abbraccio aggrovigliato. Il loro deposito in tessuto provoca il danno di tessuto. Sono creduti per svolgere un ruolo nelle malattie del sistema immunitario, quali l'artrite reumatoide, il lupus erythematosus e la glomerulonefrite, una forma di malattia renale. Alcuni scienziati ritengono che gli enzimi supplementari possano avere attività immunomodulatoria e potrebbero svolgere un ruolo nella riduzione dell'incidenza di questi complessi immuni.32-35

Che cosa dovete conoscere

Enzimi digestivi

  • Mentre gli adulti si sviluppano più vecchi, diventano più suscettibili della funzione digestiva alterata, aumentando la loro vulnerabilità alla malnutrizione ed alla malattia.
  • La sostituzione degli enzimi digestivi che sono persi al processo di invecchiamento può contribuire a ristabilire lo stato nutrizionale ottimale ed ad alleviare i numerosi reclami di salute.
  • Gli enzimi quali pancreatina, la proteasi, l'amilasi, la lattasi, la cellulasi, la lipasi e l'aiuto papapya-derivato della papaina ripartono gli alimenti nelle loro proteine, carboidrati e grassi costituenti.
  • Gli enzimi digestivi non solo contribuiscono a promuovere la digestione ottimale, essi possono anche contribuire ad evitare l'infiammazione, il tempo di recupero post-chirurgico della velocità ed il servire come terapia ausiliaria utile del cancro.

Gli enzimi orali supplementari inoltre hanno provato popolare in Europa come sostituti per gli anti-infiammatori non steroidei, o NSAIDs. Sono usati per trattare le circostanze che variano dall'osteoartrite all'artrite reumatoide e ad altre circostanze in relazione con l'infiammazione. I risultati di vari studi (controllati con placebo e confronti con gli anti-infiammatori non steroidei) in pazienti con le malattie reumatiche indicano che la terapia orale con gli enzimi proteolitici produce determinato analgesico e gli effetti antinfiammatori. Generalmente, queste preparazioni enzimatiche commerciali sono state trovate per essere ugualmente efficaci quanto i farmaco anti-infiammatorio standard, ma con la migliore tollerabilità.36-39

In Europa Orientale, la terapia orale degli enzimi (anche conosciuta come la terapia sistemica degli enzimi, nel rispetto dell'attività di questi enzimi fuori dell'apparato digerente ed all'interno della circolazione generale) è stata indicata per essere efficace nel miglioramento del tempo di recupero post-chirurgico, nella riduzione dell'esigenza degli analgesici e nella diminuzione dell'incidenza di disturbo della conservazione fluida o, dell'edema, dopo chirurgia.9,40 chirurghi cechi riferiti, “la riduzione efficiente dell'edema ed hanno accelerato così la guarigione… e l'effetto analgesico…„ con l'uso degli enzimi orali.9

Terapia d'amplificazione del Cancro

La terapia sistemica degli enzimi anche è stata utilizzata come adiuvante nel trattamento di cancro. I ricercatori svizzeri hanno pubblicato un esame degli enzimi orali a questo fine e conclusivo, “questi studi hanno indicato che la terapia degli enzimi può ridurre gli effetti contrari causati dalla radioterapia e dalla chemioterapia. C'è inoltre prova che, in alcuni tipi di tumori, la sopravvivenza può essere prolungata.„ Gli autori hanno notato che i meccanismi esatti di azione rimangono teorici, ma hanno speculato, “l'effetto benefico della terapia sistemica degli enzimi sembrano essere basati sul suo potenziale antinfiammatorio.„10

I ricercatori americani inoltre hanno notato la promessa della terapia sistemica degli enzimi nel trattamento di cancro. Si noti che una preparazione degli enzimi pancreatici in primo luogo è stata proposta come trattamento per combattere la crescita del tumore quasi 100 anni fa, gli scienziati in Pensilvania hanno eseguito gli esperimenti in cui gli enzimi pancreatici, specialmente amilasi, hanno rivelato gli effetti selettivi notevoli che hanno inibito la crescita delle cellule del tumore con potenziale metastatico.11

Avvertenze di sicurezza

Se usate il acarbose dei farmaci di prescrizione (Precose®) o il miglitol (Glyset®), consulti il vostro medico prima di usando la pancreatina.41 se usate il warfarin del farmaco (Coumadin®), consulti il vostro medico prima di usando la papaina (un enzima proteolitico derivato dalla papaia).42

Conclusione

Le sfide invecchianti di multiplo dei presente, ma essendo costringendo a dare l'addio ai piaceri semplici di buon alimento non devono essere uno di loro. Una volta presi oralmente prima di un pasto, gli enzimi digestivi supplementari possono amplificare la capacità naturale del corpo di ripartire l'alimento nei suoi costituenti animatori e salutari. Una volta consumati fra i pasti, gli enzimi digestivi possono contribuire ad attenuare i processi di malattia ed infiammatori in tutto il corpo, così contribuire a assicurarsi ha continuato i buona salute.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Invecchiare ed enzimi digestivi

La domanda di indipendentemente da fatto che la produzione di enzimi diminuisce in funzione dell'età è stata un argomento di controversia fra gli scienziati. Un rapporto recente sull'edizione ha notato che i vari ricercatori hanno riferito i risultati contrastanti.16 per esempio, negli anni 80, gli scienziati che lavorano con i ratti del laboratorio hanno notato che l'amilasi dal pancreas è diminuito da 41% negli animali di invecchiamento, ma la concentrazione nella lipasi è aumentato di 29%.17 che lavorano con il maschio ed i volontari umani femminili di varie età, gli scienziati argentini hanno trovato un aumento nella secrezione della lipasi e dell'amilasi negli uomini in 45 anni, ma hanno riferito una diminuzione in donne della stessa età.18

Un simile esperimento eseguito dai ricercatori francesi ha trovato che fra i più vecchi individui (età media: 72), le concentrazioni della lipasi degli enzimi digestivi e la chimotripsina, “sono state ridotte significativamente… di 15% e 23% rispettivamente,„ ha paragonato ai più giovani individui.Altri 19 gruppi di ricercatori francesi hanno raggiunto una simile conclusione. “I tre enzimi che sono stati studiati linearmente [lipasi, fosfolipasi e chimotripsina]

in diminuzione nella concentrazione come pure nell'uscita con l'età a partire dalla terza decade… una può concludere che la secrezione pancreatica cambia in esseri umani con l'età. L'invecchiamento altera la secrezione pancreatica, con una diminuzione nella secrezione di portata, del bicarbonato e degli enzimi…„15

Nel Giappone, gli scienziati hanno fatto ad argomenti di varie età un'iniezione del secretin, un ormone generato e liberato dagli intestini, che agisce per stimolare l'enzima pancreatico per produrre in risposta alla presenza di alimento. I campioni di serie delle secrezioni intestinali sono stati raccolti e le concentrazioni di enzimi intestinali sono state misurate. “L'uscita degli enzimi ha mostrato una diminuzione graduale con invecchiamento,„ hanno concluso, aggiungendo, “[oggetti 65 anni e più vecchi] i valori significativamente più bassi indicati nel volume secretivo, uscita del bicarbonato ed enzima prodotto che [più giovani oggetti].„20

Quindi, un esame attento della letteratura rivela un'immagine gradualmente di diminuzione dell'uscita degli enzimi digestivi, che sembra accelerare dopo l'età 65, particolarmente fra le donne.

Riferimenti

1. Brownie S. Why è individui anziani a rischio della carenza nutrizionale? Int J Nurs Pract. 2006 aprile; 12(2): 110-18.

2. Pirlich m., laghi H. Nutrition negli anziani. Migliore ricerca Clin Gastroenterol di Pract. 2001 dicembre; 15(6): 869-84.

3. Guslandi m., Pellegrini A, difese mucose di Sorghi M. Gastric negli anziani. Gerontologia. 1999 luglio; 45(4): 206-8.

4. Hurwitz A, Brady DA, Se di Schaal, et al. acidità gastrica in adulti più anziani. JAMA. 27 agosto 1997; 278(8): 659-62.

5. Chapman IM. L'anoressia di invecchiamento. Med di Clin Geriatr. 2007 novembre; 23(4): 735-56.

6. Panettiere H. Nutrition negli anziani: ipovitaminosi e le sue implicazioni. Geriatria. 2007 agosto; 62(8): 22-6.

7. AL di Girodon F, di Galan P, di Monget, et al. impatto degli oligoelementi e completamento della vitamina su immunità ed infezioni in anziani istituzionalizzati
pazienti: una prova controllata randomizzata. MIN. VIT. AOX. rete geriatrica. Med dell'interno dell'arco. 12 aprile 1999; 159(7): 748-54.

8. Wintergerst es, Maggini S, DH di Hornig. Contributo delle vitamine e degli oligoelementi selezionati alla funzione immune. Ann Nutr Metab. 2007;51(4):301-23.

9. Terapia degli enzimi di Kamenicek V, di Holan P, di Franek P. Systemic nel trattamento e prevenzione di gonfiamento post - traumatico e postoperatorio.
Acta Chir Orthop Traumatol Cech. 2001;68(1):45-9.

10. Leipner J, terapia degli enzimi di Saller R. Systemic in oncologia: effetto e modo di azione. Droghe. 2000 aprile; 59(4): 769-80.

11. Novak JF, terapia di Trnka F. Proenzyme di cancro. Ricerca anticancro. 2005 marzo; 25 (2A): 1157-77.

12. Bonilla F, Mirete J, Cuesta A, Sillero C, Gonzalez M. Treatment dei phytobezoars gastrici con la cellulasi. Rev Esp Enferm Dig. 1999 dicembre; 91(12): 809-14.

13. PS di Lee, Holloway WD, GI di Nicholson. La dissoluzione medica dei phytobezoars facendo uso della cellulasi. Br J Surg. 1977 giugno; 64(6): 403-5.

14. Morley JE. L'intestino di invecchiamento: Fisiologia. Med di Clin Geriatr. 2007 novembre; 23(4): 757-67.

15. Laugier R, Bernard JP, Berthezene P, Dupuy P. Changes nella secrezione esocrina pancreatica con l'età: la secrezione esocrina pancreatica fa
diminuisca negli anziani. Digestione. 1991;50(3-4):202-11.

16. Risposta esocrina pancreatica di P. Human di Keller J, di strato alle sostanze nutrienti nella salute e malattia. Intestino. 2005 luglio; 54 supplementi 6vi1-28.

17. Greenberg CON RIFERIMENTO A, Holt PR. Influenza di invecchiamento sopra gli enzimi digestivi pancreatici. Dig Dis Sci. 1986 settembre; 31(9): 970-7.

18. Tiscornia OM, Cresta mA, de Lehmann ES, Celener D, Dreiling DA. Effetti del sesso e dell'età sulla secrezione pancreatica.
Int J Pancreatol. 1986 luglio; 1(2): 95-118.

19. Vellas B, Balas D, Moreau J, et al. secrezione pancreatica esocrina negli anziani. Int J Pancreatol. 1988 dicembre; 3(6): 497-502.

20. Ishibashi T, Matsumoto S, Harada H, et al. invecchiare e funzione pancreatica esocrina valutati dalla prova recentemente standardizzata di secretin.
Il Giappone Ronen Igakkai Zasshi. 1991 settembre; 28(5): 599-605.

21. Gloria L, Cravo m., Camilo ME et al. carenze nutrizionali in alcoolizzati cronici: relazione ad ingestione dietetica ed al consumo dell'alcool.
J Gastroenterol. 1997 marzo; 92(3): 485-9.

22. PH verde. Alcool, nutrizione e malassorbimento. Clin Gastroenterol. 1983 maggio; 12(2): 563-74.

23. Montgomery RD, SIG. di Haeney, Ross DENTRO, et al. L'intestino di invecchiamento: uno studio su assorbimento intestinale relativamente a nutrizione negli anziani. Med di Q J. 1978 aprile; 47(186): 197-24.

24. Montgomery RD, Haboubi NY, Mike NH, Chesner IM, Asquith P. Causes di malassorbimento negli anziani. Invecchiamento di età. 1986 luglio; 15(4): 235-40.

25. Holt PR. Malassorbimento intestinale negli anziani. Dig Dis. 2007;25(2):144-50.

26. Holt PR. Diarrea e malassorbimento negli anziani. Nord di Gastroenterol Clin. 2001 giugno; 30(2): 427-44.

27. Fe di Ahmed. Effetto di nutrizione sulla salute degli anziani. Dieta Assoc di J. 1992 settembre; 92(9): 1102-8.

28. Carriere I, Delcourt C, Lacroux A, assunzione di Gerber M. Nutrient in una popolazione anziana in Francia del sud (POLANUT): carenza in qualche vitamine, minerali e omega-3
PUFA. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2007 gennaio; 77(1): 57-65.

29. Parco S, Johnson mA. Che cosa è una dose adeguata del vitamina b12 orale in gente più anziana con stato difficile di vitamina b12? Rev. 2006 di Nutr agosto; 64(8): 373-8.

30. Cambiamenti Età-collegati di Wolters m., di Strohle A, di Hahn A. nel metabolismo della vitamina B (12) ed acido folico: prevalenza, aetiopathogenesis
e conseguenze patofisiologiche. Z Gerontol Geriatr. 2004 aprile; 37(2): 109-35.

31. Suarez F, MD di Levitt, Adshead J, Barkin JS. I supplementi pancreatici riducono la risposta sintomatica degli individui sani ad un pasto ad alta percentuale di grassi. Dig Dis Sci. 1999 luglio; 44(7): 1317-21.

32. Stauder G, Ransberger K, Streichhan P, Van SW, Pollinger W. L'uso degli enzimi idrolitici come terapia adiuvante nei pazienti di AIDS/ARC/LAS. Biomed Pharmacother. 1988;42(1):31-4.

33. Effetti di Stauder G. Pharmacological delle combinazioni orali degli enzimi. Cas Lek Cesk. 4 ottobre 1995; 134(19): 620-4.

34. Terapia degli enzimi di Nouza K. Systemic nelle malattie del sistema vascolare. Bratisl Lek Listy. 1995 ottobre; 96(10): 566-9.

35. Heyll U, Munnich U, enzimi proteolitici di Senger V. come alternativa in confronto agli anti-infiammatori non steroidei (NSAID) nel trattamento
della malattia reumatica degenerante ed infiammatoria: rassegna sistematica. Med Klin (Monaco di Baviera). 15 novembre 2003; 98(11): 609-15.

36. Klein G, Kullich W, Schnitker J, Schwann H. Efficacy e tolleranza di una combinazione orale degli enzimi nell'osteoartrite dolorosa dell'anca. Una prova alla cieca,
studio randomizzato che paragona gli enzimi orali agli anti-infiammatori non steroidei. Clin Exp Rheumatol. 2006 gennaio; 24(1): 25-30.

37. Akhtar nanometro, Naseer R, Farooqi AZ, Aziz W, combinazione degli enzimi di Nazir M. Oral contro diclofenac nel trattamento dell'osteoartrite del ginocchio-un
studio randomizzato futuro della prova alla cieca. Clin Rheumatol. 2004 ottobre; 23(5): 410-5.

38. Anon. Terapia orale degli enzimi nell'osteoartrite del ginocchio. L'enzima proteolitico è efficace con pochi rischi. Med di MMW Fortschr. 7 giugno 2001; 143(23): 44-6.

39. Leipner J, Iten F, Saller R. Therapy con gli enzimi proteolitici nei disordini reumatici. BioDrugs. 2001;15(12):779-89.

40. Duskova m., Wald M. Orally ha amministrato le proteasi in chirurgia estetica. Plast estetico Surg. 1999 gennaio; 23(1): 41-4.

41. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drugs/altmed/printview/altmed-mono-print.aspx?contentFileName=ame0337.
xml&contentXSLTFileName=amepe.xsl&contentName=Pancreatin. 7 novembre 2007 raggiunto.

42. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drugs/altmed/printview/altmed-mono-print.aspx?contentFileName=ame0385.
xml&contentXSLTFileName=amepe.xsl&contentName=Papain. 7 novembre 2007 raggiunto.