Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2008
Rapporti

Aritmia evitanti con gli acidi grassi Omega-3

da William Davis, MD
Aritmia evitanti con gli acidi grassi Omega-3

Troppo spesso, il primo segno della malattia cardiovascolare nascosta è l'ultimo: morte cardiaca improvvisa. Molte di queste morti sono causate tramite i ritmi cardiaci anormali, o le aritmia.

Aritmia-qualche inoffensivi, alcuni vita minacciare affliggono quasi 10 milione Americani. Mentre i trattamenti medici convenzionali mettono a fuoco sui dispositivi e sui farmaci impiantabili dilaganti che portano gli effetti collaterali seri, la prova coercitiva indica che potete armarti contro i disordini pericolosi di ritmo cardiaco ottimizzando la vostra assunzione dell'acido grasso omega-3.

I medici infine raccomandano l'olio di pesce

Durante i due anni ultimi, i medici convenzionali hanno acidi grassi sempre più abbracciati omega-3 dall'olio di pesce per i loro benefici di cuore-salute.

Ma appena 30 anni fa, vi ha avuto suggeriti che l'olio di pesce potrebbe fornire i benefici straordinari verso la riduzione del rischio di attacco di cuore, contribuire ad impedire o sopprimere i ritmi cardiaci anormali e perfino ridurre la probabilità della morte dalla malattia cardiaca di più di tutto il farmaco da vendere su ricetta medica conosciuto, voi sarebbe stato riso dalla città. Ma inoltre avreste avuto l'ultima risata.

I medici infine raccomandano l'olio di pesce

Per anni, i medici hanno allontanato il valore dei supplementi nutrizionali, compreso gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce. Questa riluttanza utilizzare l'olio di pesce è prevalso malgrado i considerevoli dati scientifici che documentano il danno di salute flagrante provocato dalla carenza omega-3 in Americani. Anche dopo che uno studio 1999 ha indicato che i superstiti di attacco di cuore che hanno completato con una quantità modesta di olio di pesce ogni giorno hanno avvertito significativamente la meno mortalità cardiovascolare (30%) e la morte improvvisa (45%), molti medici non riusciti per raccomandare gli acidi grassi omega-3 ai loro pazienti.1

Olio di pesce di prescrizione

I medici di pratica sono rimanere riluttanti a raccomandare l'olio di pesce finché una ditta farmaceutica non decidesse che avrebbe commercializzato gli acidi grassi omega-3 come farmaco da vendere su ricetta medica. I prodotti farmaceutici fiduciosi hanno spinto la sua versione dell'olio di pesce omega-3s con i test clinici umani, un processo costoso e laborioso richiesto per approvazione di FDA come agente farmaceutico. Nel novembre 2004, l'olio di pesce approvato dalla FDA come farmaco da vendere su ricetta medica per il trattamento dei livelli del trigliceride di >500 mg/dL. (È procedura operativa standard affinchè le ditte farmaceutiche ottenga l'approvazione della droga per un singolo stato che è probabile passare l'adunata regolatrice.) Naturalmente, una volta che il prodotto raggiunge gli scaffali della farmacia, può essere prescritto “fuori dall'etichetta„ per altri usi. Il nome di prodotto iniziale era “Omacor®,„ ma recentemente è stato cambiato a Lovaza™ dovuto confusione da un prodotto simile suonante ma indipendente.

Olio di pesce di prescrizione

L'approvazione subito seguente di FDA, sforzi di commercializzazione ha esploso. I medici di pratica hanno ricevuto le visite del settimanale, le telefonate ed i email dai rappresentanti desiderosi, per non menzionare gli inviti alle cene e le conferenze “educative„. Ora, tre anni ed abbondanze di sforzi di commercializzazione più successivamente, il vostro medico della vicinanza sta cominciando a prescrivere l'olio di pesce per gli alti trigliceridi.

L'aspetto dell'olio di pesce come agente farmaceutico ha pavimentato il percorso affinchè i grandi test clinici studi la sua utilità per il trattamento delle una serie di circostanze. Le più grandi somme che un produttore della droga può addebitare un prodotto (perché “le droghe„ sono pagate per dall'industria di assicurazione malattia) portano in maggiori redditi sufficienti per costituire un fondo per i grandi studi clinici.

Fra emergendo le applicazioni di omega-3s è il trattamento o la prevenzione dei disordini di ritmo cardiaco, o le aritmia. Dal ritmo i disordini sono complessi, i media ha dipinto un'immagine confusionaria della loro gestione con l'olio di pesce. Eppure se vagliamo con la campagna pubblicitaria e la confusione di media, scopriremo che l'olio di pesce sta emergendo come trattamento molto potente per i disordini di ritmo cardiaco. Sebbene i più nuovi studi abbiano messo a fuoco sulla forma di prescrizione di omega-3s, l'olio di pesce è a disposizione di noi senza una prescrizione, appena come è stato per anni. Le buone notizie sono che l'olio di pesce può rappresentare la strategia nutrizionale di numero uno per la protezione contro i ritmi cardiaci anormali pericolosi.

Che cosa dovete conoscere: Aritmia evitante con gli acidi grassi Omega-3
  • Le aritmia del cuore sono una causa principale della morte cardiaca improvvisa. I ritmi cardiaci anormali sono stati trattati tradizionalmente con i farmaci di prescrizione. Tuttavia, questi farmaci hanno effetti collaterali pericolosi e non possono fare diminuire la mortalità globale.

  • La prova coercitiva suggerisce che gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce possano impedire la morte cardiaca improvvisa, che probabilmente è mediata con gli effetti distabilizzazione. Gli individui con i livelli più bassi dell'assunzione dell'acido grasso omega-3 sono più probabili avvertire le aritmia del cuore.

  • La dieta americana è estremamente - bassa in acidi grassi omega-3. L'approvazione recente di una forma di prescrizione di acidi grassi omega-3 ha rifornito uno scoppio di combustibile di interesse nell'estensione dei suoi usi, compreso gestione dei ritmi cardiaci anormali. L'olio di pesce di alta qualità come supplemento nutrizionale è prontamente accessibile.

  • Gli acidi grassi Omega-3 contribuiscono a stabilizzare i ritmi cardiaci attraverso i numerosi meccanismi e possono contribuire ad impedire l'aritmia comune, la fibrillazione atriale. I grassi Omega-3 possono trovare l'utilità anche per la gente con i ritmi cardiaci pericolosi che necessitano i defibrillatori.

  • I supplementi dell'olio di pesce rimangono la migliore fonte degli acidi grassi omega-3, con acido alfa-linoleico una seconda scelta.

Una carenza nazionale di Omega-3s

Prima del fine anni '1980, la dieta americana era estremamente alta in grassi saturi, che è stata collegata con un rischio elevato di malattia cardiovascolare.2

Nella risposta, molti arbitri del cibo sano, compreso l'ufficio del chirurgo generale, l'usda e finalmente anche FDA hanno parlato fuori contro consumo di grassi nella dieta americana. Così nasceva l'era a bassa percentuale di grassi. Non solo gli Americani hanno ricevuto un'introduzione al concetto degli alimenti a bassa percentuale di grassi, ma l'industria alimentare ha macchiato una nuova opportunità per un'assolutamente nuova gamma di prodotti che hanno sfruttato il concetto a bassa percentuale di grassi: biscotti a bassa percentuale di grassi, cereali da prima colazione a bassa percentuale di grassi, carni di pranzo a bassa percentuale di grassi e migliaia di altre.

Una carenza nazionale di Omega-3s

Con il concetto a bassa percentuale di grassi, le stesse agenzie hanno sostenuto un commutatore dai grassi saturi ai grassi polinsaturi, in base ad una certa prova che suggerisce che sostituire saturata con i grassi polinsaturi riducesse i livelli di colesterolo del sangue, l'attacco di cuore ed il cancro.3 grassi polinsaturi da mais, dal cartamo, dal girasole e da altre fonti quindi sono diventato profondamente trincerati nelle abitudini nutrizionali degli Americani.

Allo stesso tempo, una nuova tendenza stava emergendo nella cinghia degli stati medio-occidentali dell'azienda agricola. Le aziende agricole americane tradizionali, in cui il bestiame ha vagato e si alimentato le erbe, sono state sostituite con le aziende agricole su grande scala della fabbrica che potrebbero generare un gran numero di carne a basso costo. Queste aziende agricole della fabbrica hanno tenuto gli animali limitati alle piccole penne ed hanno alimentato loro il cereale o hanno industrializzato il surrogato alimentare. Mentre il manzo allevato ad erba contiene una quantità sostanziale di acidi grassi omega-3, il manzo azienda-alzato fabbrica non fa.4 che questa tendenza ha guidato giù il costo di carne, ma inoltre ha vuotato il rifornimento di carne della nazione degli acidi grassi omega-3. Ora, la maggior parte della carne del supermercato è ricca in acidi grassi omega-6, con la maggior composizione grassa risultante visibile all'occhio senza aiuto come “marmorizzando.„5

Quindi, una confluenza degli eventi ha condotto a creare un eccesso di acidi grassi omega-6 e uno svuotamento di omega-3s nella dieta americana. Confrontato alla dieta di una selvaggina umana primitiva alimentarsi, la dieta americana media basata su bestiame azienda-alzato fabbrica contiene meno di 10% del suo contenuto originale dell'acido grasso omega-3.6

La conseguenza di svuotamento profondo e a lungo termine degli acidi grassi omega-3 dalla dieta americana è una collezione di malattie infiammatorie: cancro, ipertensione, malattia mentale e malattia cardiaca.

Hanno potuto i molti casi dei disordini di ritmo cardiaco che affliggono gli esseri umani oggi rappresentare il risultato finale delle decadi di una dieta che manca degli acidi grassi omega-3? La prova intrigante suggerisce che questo possa essere il caso.

Aritmia di comprensione

Che cosa è che il flip-flop che vi ritiene ottiene a volte mentre si trova a letto o dopo una forte tazza di caffè? Quando è irregolare o ritmo cardiaco rapido un fenomeno appena di passaggio e inoffensivo e quando è un presagio di difficoltà reale?

Nella verità, tutti hanno certa misura dell'irregolarità del loro battito cardiaco e nessuno ritmo cardiaco è perfettamente regolare. la variazione del Battito--battito, infatti, è una caratteristica desiderabile di ritmo cardiaco che riflette la salute. Gli atleti il più fisicamente misura, per esempio, hanno il più grande grado di variazione di frequenza cardiaca. La mancanza di variazione del battito--battito può suggerire i pericoli ed il potenziale nascosti per attacco di cuore e perfino la morte. Ciò non può essere misurata facilmente sui vostri propri, ma può essere valutata dall'elettrocardiogramma, o dall'elettrocardiogramma. Ad un certo punto, tuttavia, il ritmo del vostro cuore può violare i suoi comandi e superare i limiti sani della variabilità. Ciò è l'aritmia. Realmente, un termine più accurato sarebbe dysrhythmia, o il ritmo di disturbo, poiché l'aritmia significa “senza ritmo,„ ma l'aritmia è il termine più comunemente usato.

Come la gente, le aritmia vengono in varie forme e dimensioni. Alcuni sono benigni e semplicemente un disturbo (anche se spaventante quando il vostro cuore ritiene come è saltante o corrente), mentre altri sono pericolosi. Il vostro medico può contribuire a determinare se avete un'aritmia e se è benigno o una fonte di preoccupazioni potenziale.

Parecchi indizi possono suggerire che un'aritmia possa essere presente e che la valutazione medica è necessaria. Per esempio, una frequenza cardiaca che è troppo bassa (meno di 50 battiti per minuto) o anche digiuna (più di 99 battiti per minuto) è insolita e dovrebbe essere valutata dal vostro medico. La sensazione delle palpitazioni; o quel flip-flop che ritiene dentro di te, senza ritenere coscienza debole o perdente; può suggerire che un'aritmia sia presente. Ma le palpitazioni da soli sono eccezionalmente comuni e non necessariamente in relazione con il ritmo. Se siete passato fuori o ritenuto debole, quindi dovreste fare valutare ad un medico se potete avere un'aritmia.

Gli acidi grassi Omega-3 dall'olio di pesce sono la stabilizzazione del ritmo

Economici, sicuri ed efficaci, gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce forniscono un effetto stabilizzante sulla funzione di ritmo cardiaco che nessun farmaco può assicurare.

La prova che indica che gli acidi grassi omega-3 stabilizzano le date di ritmi cardiaci indietro quasi 20 anni alla prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Condotto dal Dott. Michael Burr all'università di Galles nel 1989, la prova del DARDO era il primo test clinico randomizzato che dimostra i benefici dell'olio di pesce. Due mille e trentatre uomini con gli attacchi di cuore priori hanno partecipato allo studio. Coloro che si è consigliato di mangiare il pesce due volte alla settimana ha avvertito un calo di 29% nella mortalità per tutte le cause nel corso di due anni, rispetto agli uomini che non hanno ricevuto questo consiglio dietetico. Il Dott. Burr e colleghi ragione per cui la quantità modesta di acidi grassi omega-3 ottenuti mangiando il pesce probabilmente ha soppresso la generazione di impulsi elettrici instabili dal muscolo del cuore nocivo che può avviare i ritmi cardiaci mortali.7

Gli acidi grassi Omega-3 dall'olio di pesce sono la stabilizzazione del ritmo

Un altro studio di 360 pazienti con i sintomi di attacco di cuore ha confermato i risultati del DARDO, ma ha usato una dose elevata di omega-3s ottenuto dalle capsule dell'olio di pesce. Questi studi, che sono stati intrapresi in India, hanno indicato che i pazienti dati gli acidi grassi omega-3 alla dose di 1.080 mg al giorno di acido eicosapentanoico (EPA) e di 720 mg al giorno di acido docosaesaenoico (DHA) che ammonta a 1.800 mg al giorno hanno sofferto la morte meno cardiaca di 48% e la morte cardiaca meno improvvisa di 76% come pure un rapporto di riproduzione di 54% dei ritmi cardiaci pericolosi.8

Le numerose preparazioni sperimentali hanno fornito una base scientifica per l'effetto distabilizzazione di omega-3s. Questi acidi grassi colpiscono le membrane del miocardio, regolano i potenziali d'azione delle cellule di muscolo del cuore ed urtano un'ampia varietà di meccanismi di cellulare-segnalazione, che contribuiscono insieme ad evitare le aritmia pericolose.9,10 al contrario, gli acidi grassi omega-6 dagli oli vegetali poli-insaturi, che sono convertiti in acido arachidonico nel corpo, possono aumentare il potenziale per le aritmia. L'olio di pesce inoltre riduce la proteina di coagulazione del sangue, fibrinogeno ed inibisce l'aggregazione della piastrina, di cui tutt'e due impedisce la formazione del coagulo di sangue su attivo, placca coronaria rotta che potrebbe contribuire ad attacco di cuore. L'attacco di cuore è rinomato per ritmo cardiaco di destabilizzazione.11

I mesi rilevati, gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce riducono sostanzialmente la frequenza dei battiti irregolari anormali.12,13 in ATTICA Study recente, un'analisi dettagliata degli elettrocardiogrammi (elettrocardiogrammi) ha indicato che i partecipanti che hanno consumato più di 300 grammi di pesce per settimana (circa 11 oncia, o due - tre piccoli servizi) hanno mostrato i più brevi intervalli di quarto, una misura della stabilità di ritmo cardiaco. Quindi, la gente che mangia il pesce ha mostrato meno potenziale per i ritmi cardiaci instabili da questa misura.14

Ma appena quanto utili sono gli acidi grassi omega-3 per soppressione o la prevenzione in vivo dei ritmi cardiaci anormali?

Acidi grassi Omega-3: Applicazioni in vivo

Gli studi clinici ora forniscono la documentazione solida che gli acidi grassi omega-3 riducono la mortalità dalla malattia cardiaca e dai disordini di ritmo cardiaco. Ciò è nel contrasto drammatico al farmaco del ritmo di prescrizione, che efficacemente normalizza i ritmi cardiaci ma può anche aumentare il rischio della mortalità.15

Acidi grassi Omega-3: Applicazioni in vivo

La prova italiana di GISSI-Prevenzione ha dimostrato in modo persuasivo i benefici del salvataggio dell'olio di pesce. Oltre 11.000 oggetti ha partecipato a questa grande prova che ha stabilito saldamente l'olio di pesce come sostegno della gestione della malattia cardiaca. I partecipanti hanno preso 1.000 mg di EPA e di DHA, gli acidi grassi omega-3 dell'olio di pesce, o placebo, con un rapporto di riproduzione risultante di 30% della mortalità cardiovascolare e un rapporto di riproduzione di 45% della morte improvvisa fra quelli che prendono l'olio di pesce. I benefici protettivi (riduzione della morte) hanno cominciato fin da tre mesi dopo l'inizio del completamento dell'olio di pesce.1 simile, sebbene ancor più profondi, gli effetti siano suggeriti da una rappresentazione di studio di Harvard che gli uomini che hanno avuti livelli ematici di acidi grassi omega-3 soffrissero una probabilità più bassa 80% della morte cardiaca improvvisa rispetto agli uomini che hanno avuti bassi livelli ematici omega-3.18 così mentre i farmaci di prescrizione possono esercitare gli effetti più potenti su soppressione dei battiti cardiaci irregolari, l'olio di pesce può avere il vantaggio nella fornitura dei benefici di salvataggio.

La ricerca sostanziale suggerisce che gli acidi grassi omega-3 possano proteggere l'apparato cardiovascolare aumentando la variabilità di frequenza cardiaca. Mentre i ritmi cardiaci anormali e pericolosi sono caratterizzati spesso dall'irregolarità, c'è inoltre una modulazione modesta che si presenta normalmente dal battito cardiaco al battito cardiaco, declinante ed entrante nelle onde che la pista respiratoria (respirando) modella. Questa specie dell'irregolarità è realmente il tono parasimpatico intensificato desiderabile e sano, di riflessione del sistema nervoso. Interessante, gli acidi grassi omega-3 aumentano questo tipo di variazione desiderabile di frequenza cardiaca, che può contribuire a spiegare la loro capacità di modulare i ritmi cardiaci. I grassi Omega-3 inoltre riducono la frequenza cardiaca di riposo e migliorano il recupero di frequenza cardiaca dopo l'esercizio.19

Le proprietà disoppressione dell'olio di pesce sono così efficaci che alcuni cardiologi ora raccomandano che i pazienti che hanno impiantato i defibrillatori (per dirigere i ritmi cardiaci pericolosi) prendano l'olio di pesce per ridurre l'instabilità del ritmo del cuore e per ridurre gli infornamenti del defibrillatore, che sono molto dolorosi e spaventosi. In uno studio 2005 di Harvard, 402 superstiti degli attacchi di cuore con i defibrillatori impiantati sono stati dati una dose bassa dell'olio di pesce o del placebo. Il completamento dell'olio di pesce ha prodotto un rapporto di riproduzione di 38% degli infornamenti dolorosi del defibrillatore nel corso di 11 mese.20

Può l'olio di pesce impedire i ritmi pericolosi nella gente senza malattia cardiaca conosciuta? Lo studio della salute dei medici fornisce la più chiara prospettiva su questo problema intrigante. In 17 anni di osservazione, i partecipanti che sono morto dalla morte cardiaca improvvisa hanno avuti livelli ematici molto più bassi di acidi grassi omega-3 all'inizio del periodo di osservazione che coloro che non ha fatto. I livelli protettivi di omega-3 sono stati ottenuti appena mangiando uno o più servizi del pesce alla settimana, rendenti un rapporto di riproduzione di 52% del rischio di morte cardiaca improvvisa, che probabilmente è stata mediata tramite la diminuzione nei ritmi cardiaci mortali.21

Una domanda intrigante ma senza risposta è se l'olio di pesce sopprime l'aritmia comune conosciuta come la fibrillazione atriale. La fibrillazione atriale contagia circa 10% della gente sopra l'età 80 ed è una frequente ragione per l'ospedalizzazione. Ancora, la fibrillazione atriale aumenta il rischio di colpo contribuendo alla formazione del coagulo di sangue nell'atrio sinistro che i frammenti ed è scaricato nella circolazione. Il trattamento medico convenzionale per la fibrillazione atriale è carico di effetti collaterali e di efficacia limitata e le migliori terapie sono irritato necessarie.L'olio di pesce 22 ha soppresso impressionante la fibrillazione atriale nelle preparazioni non umane sperimentali.9 la domanda sono coercitivi: prendendo l'olio di pesce impedisce questa aritmia comune?

La prevenzione della fibrillazione atriale sarebbe difficile in una vasta popolazione, come è tutta la strategia preventiva, dal ritmo si sviluppa soltanto in una piccola percentuale della gente durante il periodo limitato di studio. “Un laboratorio„ conveniente per esaminare questo problema è fornito dalle persone che subiscono l'intervento di bypass del cuore, poiché la fibrillazione atriale si presenta in circa un terzo dei pazienti che seguono l'operazione. Uno tale sforzo era uno studio recente di 160 pazienti dati 2.000 mg al giorno di EPA-DHA contro placebo, cominciato i cinque giorni prima di chirurgia, che ha dimostrato che l'avvenimento della fibrillazione atriale si è precipitato da 33,3% nel gruppo del placebo a 15,2% nel gruppo omega-3.23 interessante, il solo altri agenti terapeutici che sono stati indicati per raggiungere una simile riduzione della fibrillazione atriale dopo che la cardiochirurgia è stata la classe betabloccante di droghe antipertensive quale metoprololo, farmaci antiaritmici come il sotalolo,24 e la droga antiaritmica, amiodarone.25 tutti di queste droghe portano i rischi di effetto collaterale. Al contrario, l'uso degli acidi grassi omega-3 è stato compiuto con virtualmente nessun effetti collaterali.

Farmaci di Anti-aritmia di prescrizione: Giocando con il fuoco

Trenta anni fa, i medici hanno controllato diligente i ritmi cardiaci dei loro pazienti, selezionanti e prescriventi i farmaci specifici chiamati farmaci dell'anti-aritmia, quali procainamide o amiodarone, di conseguenza. Questi farmaci erano altamente efficaci alla riduzione o ad eliminare i battiti e dei ritmi dell'irregolare.

Ha sorpreso quando parecchi grandi test clinici negli anni 80 hanno riferito che mentre i farmaci dell'anti-aritmia del cuore hanno ridotto la quantità di battiti cardiaci “anormali„, sono stati associati con un aumento nella mortalità o nei tassi di mortalità.15

Nel 1995, la rivista del prolungamento della vita ha esposto l'omissione di FDA di prendere le droghe letali dell'anti-aritmia fuori dal mercato, che a quel tempo già aveva ucciso 50.000 Americani.

Questa scoperta sensazionale ha posto molte domande per i medici. Quando dovrebbero i ritmi anormali essere trattati e quando dovrebbero essi essere lasciati solo? È una riduzione dell'irregolarità del ritmo un positivo cambiamento-o potenzialmente mortale? Ciò ha determinato a casa la lezione che semplicemente sopprimere i battiti cardiaci irregolari non può tradurre in migliori risultati.

Ciò che trova si è conclusa i giorni di soppressione di tutti i ritmi cardiaci anormali. Da allora, i ricercatori hanno imparato che non tutti i ritmi devono essere soppressi. Inoltre abbiamo imparato che mentre i farmaci del ritmo riducono il numero dei battiti in eccesso, sono inoltre potenzialmente molto pericolosi.

Aggiunga a questo il fatto che molti farmaci dell'anti-aritmia portano i rischi di effetti collaterali fuori di ritmo cardiaco, alcuno molto serio. Il procainamide dell'agente, per esempio, può causare una sindrome del tipo di lupus, mentre l'amiodarone è collegato chiaramente con i disordini della tiroide e la disfunzione del fegato.16,17 oggi, i farmaci antiaritmici sono riservati per i ritmi pericolosi e solitamente pericolosi.

Le imperfezioni ed i trabocchetti dei farmaci dell'anti-aritmia hanno condotto molti cardiologi ad abbracciare i defibrillatori impiantabili che consegnano una scossa interna al cuore del paziente per terminare i ritmi che comportano il rischio pericoloso. Questi dispositivi sono costosi e richiedono una procedura chirurgica per impianto.

Quindi, mentre determinati farmaci possono sopprimere il numero dei ritmi cardiaci irregolari, necessariamente non prolungano la vita o non riducono “gli eventi„ cardiovascolari.

Il vostro medico o cardiologo può aiutarvi a sviluppare un piano per tenere il vostro cuore nel ritmo sano. Fortunatamente, i supplementi nutrizionali come gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce possono svolgere un ruolo preventivo anche con serio aritmia-e non hanno gli aspetti indesiderabili dei farmaci dell'anti-aritmia.

Ottenere gli acidi grassi Omega-3

L'olio di pesce è la fonte concentrata omega-3 degli acidi grassi EPA e DHA. Questi acidi grassi sono presenti in pesce con acqua fredda quali il salmone, l'halibut e lo sgombro selvaggi come pure nei supplementi dell'olio di pesce.

I dati attuali suggeriscono che una dose dell'olio di pesce che consegna mg circa 1,400-2,000 di EPA più mg 1,000-1,500 di DHA sia probabile rendere i benefici di ritmo cardiaco. Questa dose è simile a quella utilizzata nella prova di GISSI-Prevenzione che ha reso una riduzione sostanziale degli eventi cardiovascolari.

Una fonte secondaria di acidi grassi omega-3 è acido alfa-linoleico (ALA) trovato in seme di lino, noci ed olio del canola. Meno di 10% dell'acido alfa-linoleico ingerito, tuttavia, è convertito in attivo EPA o DHA, poiché molto di è bruciato semplicemente per le calorie. Queste fonti dovrebbero essere osservate come seconde scelte nella vostra ricerca per ottenere i livelli adeguati di acidi grassi omega-3 necessari per salute ottimale. Ciò nonostante, le esperienze emergenti stanno suggerendo che l'acido alfa-linoleico possa anche ridurre la probabilità dei disordini pericolosi del ritmo che provocano la morte cardiaca improvvisa.26

Poiché la maggior parte di noi non possono ottenere la quantità necessaria di acidi grassi omega-3 con la dieta da solo, le capsule o i liquidi dell'olio di pesce forniscono un modo conveniente e disponibile facilmente di protezione contro le aritmia pericolose del cuore. Se usate il warfarin del farmaco (Coumadin®), consulti un medico prima del complemento con l'olio di pesce.27

Conclusione

Il mondo delle aritmia può essere un web confusionario delle edizioni complesse, anche per i medici ed i cardiologi. La strategia apparentemente diretta di soppressione dei battiti cardiaci anormali con il farmaco di prescrizione non migliora spesso il risultato, poichè l'esperienza con i farmaci di ritmo cardiaco ci ha indicati.

La carenza cronica e severa della frazione omega-3 dei grassi dalla dieta americana può essere una causa importante dietro la malattia cardiovascolare, specialmente le aritmia pericolose del cuore. I ricchi dell'olio di pesce in acidi grassi omega-3 possono contribuire a trattare il deficit nutrizionale di base che è alla base di molti disordini del ritmo.

Gli studi hanno indicato che la gente con i livelli più bassi degli acidi grassi omega-3 è alle le aritmia più inclini ed eventi cardiovascolari. I ricercatori inoltre hanno dimostrato che il consumo dell'acido grasso omega-3 riduce tali eventi. Il completamento con gli acidi grassi omega-3 può fornire così un metodo utile e pratico impedire lo sviluppo di parecchie varietà di aritmia comuni.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Il Dott. William Davis è un autore e un cardiologo che praticano a Milwaukee, Wisconsin, che mette a fuoco sulle strategie di sviluppo per l'inversione della malattia cardiaca. È autore del libro, segue la vostra placca: Il solo programma di prevenzione della malattia cardiaca che vi mostra che come usare il nuovo cuore esplora per individuare, seguire e controllare placca coronaria. Può essere contattato con www.trackyourplaque.com.

Riferimenti

1. Anon. Completamento dietetico con gli acidi grassi polinsaturi n-3 e la vitamina E dopo infarto miocardico: risultati
della prova di GISSI-Prevenzione. Gruppo Italiano per miocardico di nell'Infarto di Sopravvivenza di della dello studio dello. Lancetta. 1999
7 agosto; 354(9177): 447-55.

2. Hu FB, Stampfer MJ, Manson JE, et al. assunzione del grasso dietetico ed il rischio di coronaropatia in donne. N Inghilterra
Med di J. 20 novembre 1997; 337(21): 1491-9.

3. Kris-Etherton PM, Hecker KD, Binkoski EA. Acidi grassi polinsaturi e salute cardiovascolare. Rev. 2004 di Nutr
Novembre; 62(11): 414-26.

4. En di Ponnampalam, MANN NJ, Sinclair AJ. Effetto dei sistemi di alimentazione sugli acidi grassi omega-3, acido linoleico coniugato
ed acidi grassi del trasporto nei tagli australiani del manzo: impatto potenziale sulle sanità. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2006;15(1):21-9.

5. Carne rossa magra di MANN N. Dietary ed evoluzione umana. EUR J Nutr. 2000 aprile; 39(2): 71-9.

6. SB di Eaton, SB terzo, Sinclair AJ, Cordain L, MANN NJ di Eaton. Ingestione dietetica degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga
durante il paleolitico. Rev Nutr Diet del mondo. 1998;83:12-23.

7. Sbavi il ml, Fehily, Gilbert JF, et al. gli effetti dei cambiamenti in grasso, il pesce e le assunzioni della fibra sulla morte e sul re-infarto del miocardio:
prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Lancetta. 30 settembre 1989; 2(8666): 757-61.

8. RB di Singh, Niaz mA, Sharma JP, et al. randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo dell'olio di pesce e dell'olio di senape
in pazienti con infarto miocardico acuto sospettato: l'esperimento indiano dell'infarto survival-4. Cardiovasc droga Ther. 1997 luglio; 11(3): 485-91.

9. Jahangiri A, Leifert WR, zoccolo GS, McMurchie EJ. Termine di attività contrattile asincrona in ratto atriale
miociti dagli acidi grassi polinsaturi n-3. Mol Cell Biochem. 2000 marzo; 206 (1-2): 33-41.

10. Il HM di Den Ruijter, Verkerk il AO, Berecki G, et al. olio di pesce dietetico riduce l'avvenimento dei afterdepolarizations iniziali
nei miociti ventricolari del maiale. J Mol Cell Cardiol. 2006 novembre; 41(5): 914-7.

11. Uauy R, oli di Valenzuela A. Marine: le indennità-malattia degli acidi grassi n-3. Nutrizione. 2000 luglio; 16 (7-8): 680-4.

12. Cantante P, Wirth M. Può n-3 PUFA ridurre le aritmia cardiache? Risultati di un test clinico. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2004 settembre; 71(3): 153-9.

13. Reiffel JA, effetti di McDonald A. Antiarrhythmic degli acidi grassi omega-3. J Cardiol. 21 agosto 2006; 98 (4A): 50i-60i.

14. Chrysohoou C, DB di Panagiotakos, Pitsavos C, et al. consumo di pesce a lungo termine è associato con la protezione
contro aritmia in persone in buona salute in uno studio Mediterraneo di regione- Attica. J Clin Nutr. 2007 maggio; 85(5): 1385-91.

15. Janse MJ. Una breve storia della morte cardiaca improvvisa e della sua terapia. Pharmacol Ther. 2003 ottobre; 100(1): 89-99.

16. Disponibile a: http://www.rxlist.com/cgi/generic/amiodarone.htm. 18 dicembre 2007 raggiunto.

17. Disponibile a: http://www.rxlist.com/cgi/generic/procainexr.htm. 18 dicembre 2007 raggiunto.

18. Albert cm, Campos H, Stampfer MJ, et al. livelli ematici di acidi grassi a catena lunga n-3 ed il rischio di morte improvvisa. Med di N Inghilterra J. 11 aprile 2002; 346(15): 1113-8.

19. O'Keefe JH, Jr., Abuissa H, Sastre A, Steinhaus dm, Harris WS. Effetti degli acidi grassi omega-3 sul riposo
frequenza cardiaca, recupero di frequenza cardiaca dopo l'esercizio e variabilità di frequenza cardiaca in uomini con gli infarti miocardici curativi e
frazioni depresse di espulsione. J Cardiol. 15 aprile 2006; 97(8): 1127-30.

20. Copre di foglie A, Albert il cm, Josephson la m., et al. prevenzione delle aritmia mortali negli oggetti ad alto rischio dall'acido grasso dell'olio di pesce n-3
assunzione. Circolazione. 1° novembre 2005; 112(18): 2762-8.

21. Consumo di Albert cm, di Hennekens CH, di O'Donnell CJ, et al. di pesce e rischio di morte cardiaca improvvisa.
JAMA. 7 gennaio 1998; 279(1): 23-8.

22. HL della fioritura. Rassegna concisa di fibrillazione atriale: le considerazioni dell'aggiornamento del trattamento alla luce di AFFERMANO e CORRONO.
Clin Cardiol. 2004 settembre; 27(9): 495-500.

23. Calo L, Bianconi L, Colivicchi F, et al. acidi grassi N-3 per la prevenzione di fibrillazione atriale dopo l'arteria coronaria
intervento di bypass: una prova randomizzata e controllata. J Coll Cardiol. 17 maggio 2005; 45(10): 1723-8.

24. Cristallo E, ms di Garfinkle, Connolly ss, et al. interventi per impedire fibrillazione atriale postoperatoria in pazienti
subire cardiochirurgia. Rev. 2004 del sistema della base di dati di Cochrane; (4): CD003611.

25. Budeus m., Hennersdorf m., Perings S, et al. profilassi dell'amiodarone per fibrillazione atriale dei pazienti ad alto rischio dopo
innesto del bypass coronarico: uno studio futuro, doppio accecato, controllato con placebo, randomizzato. Cuore J. 2006 di EUR
Luglio; 27(13): 1584-91.

26. Albert cm, oh K, Whang W, et al. l'assunzione dell'acido alfa-linoleico ed il rischio dietetici di morte e di coronaropatia cardiache improvvise.
Circolazione. 22 novembre 2005; 112(21): 3232-8.

27. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drugs/altmed/altmed-mono.aspx?
contentFileName=ame0281.xml&contentName=EPA&contentId=441. 19 dicembre 2007 raggiunto.