Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2008
Rapporti

Il danno conoscitivo delicato vi interessa?

Riduzione del pericolo del declino neurologico silenzioso da Edward R. Rosick, FANNO, i MPH, DABHM
Il danno conoscitivo delicato vi interessa?

I medici convenzionali hanno ancora riconoscere l'epidemia crescente di danno conoscitivo delicato che pone alla nostra popolazione di invecchiamento. Attualmente, c'è protocollo medico non standard per impedire o il trattamento della questa circostanza che può essere un precursore al morbo di Alzheimer. In questo articolo, il Dott. Rosick del medico discute l'esigenza della diagnosi precoce e del trattamento preventivo.

L'epidemia del morbo di Alzheimer

Descritto clinicamente nel 1906, Alzheimer è la maggior parte della causa comune di demenza in quelle 65 o più vecchio invecchiati. È caratterizzato da un declino progressivo sia nella cognizione che nella memoria. Con rapidamente la popolazione di invecchiamento negli Stati Uniti, le proiezioni sono che 20 milione di persone negli Stati Uniti svilupperanno questa malattia neurologica estremamente debilitante durante le quattro decadi prossime.1,2 tuttavia, c'è un'altra circostanza che tutti noi, anziani o non, necessità di essere interessato circa quando si tratta di danno conoscitivo funzione-delicato del cervello suboptimale.

È il danno conoscitivo delicato una forma in anticipo di morbo di Alzheimer?

Chi fra noi ora e poi non dimentica le cose? Come medico occupato che esercita la professione medica integrante ad un centro medico, trovo che non è insolito da dimenticare neppure il più semplice di del tipo di cose dove ho lasciato le mie chiavi dell'automobile o che stanza il mio stetoscopio è (fortunatamente, io non dimentica generalmente che stanza i miei pazienti sono!). Infatti, sono sicuro è sicuro da dire che c'è praticamente nessuno nel nostro di andatura veloce, mondo di alto-sforzo che non ha questi episodi di dimenticanza. Per la maggior parte di noi, mentre si infastidiscono, questi periodi di fusione di memoria non sono un gran cosa. Ma per alcuni gente-quei che soffrono da conoscitivo delicato danno-è potenzialmente un problema grave.

È il danno conoscitivo delicato una forma in anticipo di morbo di Alzheimer?

Il danno conoscitivo delicato rappresenta un processo in cui gli individui mostrano un declino statisticamente significativo nella loro memoria in paragone ad altri pazienti della stessi età e genere. Contrariamente ai pazienti con il morbo di Alzheimer, la gente con danno conoscitivo delicato ha generalmente non altro conoscitivo reclamo-che è, essi non ha azionamento di problemi, vestendosi, cucinante la cena, ecc.

Dovrebbe essere notato che la ricerca su danno conoscitivo delicato è ancora nuova. Infatti, non c'è consenso fra i medici integrante o persino (della corrente principale) su che cosa fa e non comprende il danno conoscitivo delicato.

“Se ho danno conoscitivo delicato, fa quella media che otterrò automaticamente il morbo di Alzheimer?„ è una domanda che sento spesso e la risposta, almeno dai dati attualmente abbiamo, siamo “no„ manifestazione di studi che la gente con danno conoscitivo delicato non continua automaticamente a sviluppare il morbo di Alzheimer. Nello studio canadese 2004 su salute e nell'invecchiamento in 296 uomini e donne, 29% è rimanere stabile-che è, essi non si è deteriorato più ulteriormente nel morbo di Alzheimer, mentre 10% recuperare-che è, essi ha riacquistato la memoria normale e la funzione conoscitiva.3 in uno studio più recente pubblicato nel 2007, i ricercatori italiani hanno esaminato 52 uomini e donne anziani (un'età media di 73 anni) con danno conoscitivo delicato su un periodo che varia a partire da due mesi a tre anni. I ricercatori hanno trovato che quasi 54% dei pazienti è rimanere stabile in termini di loro conservazione di memoria, mentre 17% di loro ha riacquistato la funzione normale del cervello.4

“Così anche se ho danno conoscitivo delicato, siete che dite che non devo preoccuparmi per diventare il morbo di Alzheimer?„ è una domanda che ragionevole molti di voi probabilmente stanno facendo. Purtroppo, quello non è il caso. I dati preliminari indicano quello circa 10% circa della gente con danno conoscitivo delicato continuerà a sviluppare il morbo di Alzheimer contro soltanto 2% della popolazione in genere. A causa di questo rischio statisticamente aumentato, credo che sia di importanza fondamentale che noi nei comunità-entrambi medici corrente principale ed integrante-sia aggressivo nella formalizzazione le prove e delle norme per determinare se una persona sta sviluppando il danno conoscitivo delicato. Purtroppo, quel giorno non è qui ancora. Poiché i cambiamenti sottili nella memoria e nella cognizione accadono a tutti noi a sicuro tempo-e particolarmente mentre chedefiniamo chi ha delicato il danno conoscitivo rimaniamo una sfida critica. Nuova selezione prova-tale come Montreal conoscitiva Valutazione-sta sviluppanda per fornire ai fornitori di cure mediche uno strumento rapido e sensibile per valutare la memoria ed il danno conoscitivo delicato. Inoltre, gli studi della rappresentazione come imaging a risonanza magnetica (RMI) hanno indicato che la gente con danno conoscitivo delicato, come quelle con il morbo di Alzheimer, tende ad avere una perdita di cellule nell'ippocampo, un'area del cervello che è estremamente importante a formazione di memoria.

Impedire danno conoscitivo delicato

Impedire danno conoscitivo delicato

Poiché la gente con danno conoscitivo delicato ha un piccolo ma rischio statisticamente aumentato di sviluppare il morbo di Alzheimer, l'accademia americana della neurologia ha raccomandato che la gente con danno conoscitivo delicato sospettato dovrebbe essere controllata molto attentamente da un medico. Poiché è conosciuto che l'individuazione tempestiva ed il trattamento del morbo di Alzheimer è importanti, ha soltanto significato pensare che se siete a rischio di danno conoscitivo delicato, presto potete intraprendere le azione per impedire la sua progressione, il migliore. Poichè un medico antinvecchiamento e olistico formato, la linea inferiore a me sta riconoscendo indipendentemente da fatto che il danno conoscitivo delicato condurrà al morbo di Alzheimer ed a cominciare un programma che può molto bene ritardo-o anche il danno conoscitivo impedire-delicato e quindi, morbo di Alzheimer.

Danno conoscitivo delicato e le cause Malattia-comuni di Alzheimer?

A causa di alcune similarità fra danno ed il morbo di Alzheimer conoscitivi delicati, i ricercatori hanno cominciato ad esaminare se questi stati di due malattie dividono le eziologie comuni. Il danneggiamento delle cellule cerebrali con la produzione in eccesso dei radicali liberi può essere un processo chiave comune sia a danno conoscitivo delicato che al morbo di Alzheimer. I radicali liberi sono molecole che sono prodotte dentro le cellule cerebrali ed ogni altra cellula nel corpo quando l'energia è generata. Tuttavia, in determinate malattie gradisca Alzheimer, radicali liberi sono prodotti nelle quantità elevate molto che il normale. Questi radicali liberi in eccesso ora sono conosciuti per danneggiare significativo il cervello che può condurre alla distruzione reale delle cellule nervose. Una recensione importante ha riferito che nei cervelli sottoposti ad autopsia dei pazienti con il morbo di Alzheimer, c'erano molte mutazioni patologiche dell'marchio di garanzia causate da attività libero radicale, compreso danno del DNA, l'ossidazione della proteina e la perossidazione lipidica.5

Danno conoscitivo delicato e le cause Malattia-comuni di Alzheimer?

Con la conoscenza che i radicali liberi molto probabilmente sono compresi in Alzheimer, i ricercatori ora stanno esaminando indipendentemente da fatto che queste biomolecole distruttive sono comprese nella genesi di danno conoscitivo delicato. Uno studio pubblicato in neurologia ha indicato che, nelle proprie parole degli autori, “il danno ossidativo si presenta nel cervello degli oggetti con danno conoscitivo delicato.„6 in uno studio ancor più recente pubblicato nel 2007, i ricercatori hanno presentato la rappresentazione di dati che in pazienti con danno conoscitivo delicato, là era prova significativa di produzione libero radicale in eccesso e di danno ossidativo. Alla luce di questa prova, gli autori dello studio conclusivo, “… antiossidanti o combinazioni di antiossidanti sono necessari da fare diminuire il danno ossidativo nel danno conoscitivo delicato ed in Alzheimer.„7

Per concludere, un altro studio recente ha esaminato i livelli ematici di numeroso antiossidante-compreso le vitamine A, C ed E con luteina e zeaxantina-nel plasma sia dei pazienti maschii che femminili con danno conoscitivo delicato, il morbo di Alzheimer ed i pazienti di referenza in buona salute. Lo studio ha indicato inequivocabilmente che sia l'attività livellata che biochimica di tutti questi antiossidanti era più bassa in pazienti con sia danno conoscitivo delicato che Alzheimer. A causa di questo, gli autori indicati senza mezzi termini, “mentre il danno conoscitivo delicato può rappresentare un periodo prodromico di morbo di Alzheimer ed il danno ossidativo sembra accadere come uno degli eventi patofisiologici più iniziali nel morbo di Alzheimer, un'assunzione aumentata degli antiossidanti in pazienti con danno conoscitivo delicato potrebbero essere utili nell'riduzione del rischio di conversione a demenza.8

Facendo uso degli antiossidanti per impedire danno e morbo di Alzheimer conoscitivi delicati

Con la conoscenza che il danneggiamento ossidativo delle cellule cerebrali può fa parte del processo quello conduce sia al morbo di Alzheimer che danno conoscitivo delicato, ha significato pensare che i supplementi antiossidanti potrebbero essere armi importanti nella guerra con queste forme di demenza che conducono ai cambiamenti di memoria e conoscitivi. Uno studio iniziale che ha esaminato 442 pazienti anziani a Basilea, Svizzera, ha trovato una correlazione diretta fra i livelli ematici di due antiossidanti comuni (beta-carotene e vitamina C) e la conservazione di memoria.9 che un altro studio ha riferito sul rischio riduttore di Alzheimer nella gente che ha preso i supplementi antiossidanti. I risultati dello studio dovrebbero non sorprendere ed inequivocabilmente hanno indicato che, nelle proprie parole degli autori, “l'uso della vitamina E ed i supplementi della vitamina C in associazione è associato con prevalenza e l'incidenza del morbo di Alzheimer ridutrici. Ulteriore studio di merito antiossidante di supplementi come agenti nella prevenzione primaria del morbo di Alzheimer.„10 che cosa stiamo imparando, tuttavia, è che gli antiossidanti tradizionali come la vitamina E dell'alfa-tocoferolo non possono essere abbastanza per proteggere a lungo termine i neuroni dai radicali liberi.

Vitale antiossidante naturale di resveratroli-un per impedire danno conoscitivo delicato

Un antiossidante utile nell'impedire il danno ed il morbo di Alzheimer conoscitivi delicati può essere trovato in un vino bevanda-rosso antichissimo. Il resveratrolo è un polifenolo trovato soprattutto nella pelle dell'uva ed è presente nelle quantità significative in vino rosso.

Vitale antiossidante naturale di resveratroli-un per impedire danno conoscitivo delicato

Gli studi multipli dimostrano l'effetto benefico significativo che il resveratrolo ha in cellule cerebrali proteggenti dalle devastazioni dei radicali liberi. Uno studio pubblicato ha esaminato l'effetto protettivo degli estratti neri della pelle dell'uva (che sono alti in resveratroli) sulla tossicità cellulare prodotta dal peptide dell'beta-amiloide in cellule endoteliali umane.11 i ricercatori indicati, quello, almeno in laboratorio la regolazione, l'estratto della pelle dell'uva hanno ridotto la produzione libero radicale da beta-amiloide (una proteina patologica trovata spesso nei cervelli dei pazienti di Alzheimer), con le membrane delle cellule epiteliali proteggenti contro danno indotto libero radicale.

Altri due studi hanno prestato il credito all'idea che i resveratroli possono assicurare la protezione contro il morbo di Alzheimer ed il danno conoscitivo delicato con la sua attività antiossidante. Uno studio ha esaminato gli effetti dei resveratroli sulle cellule umane di neuroblastoma sottoposte allo sforzo ossidativo generato dal peptide offensivo dell'beta-amiloide.12 resveratroli erano efficaci nel ristabilimento dei livelli del glutatione (un organismo saprofago libero radicale intracellulare) nelle cellule umane che sono state sottoposte ad beta-amiloide. Un altro studio pubblicato ha indicato che resveratroli cellule coltivate protette del ratto contro da citotossicità indotta da beta ed accumulazione intracellulare dei radicali liberi.13

Che cosa dovete conoscere: Siete a rischio di danno conoscitivo delicato?
  • Una delle malattie più serie e più debilitanti che affrontano gli adulti di invecchiamento è morbo di Alzheimer. Alzheimer conduce a perdita ed a demenza di memoria progressive ed irreversibili.

  • La scienza medica sempre più sta riconoscendo una forma più delicata di delicato definito di perdita di memoria

  • danno conoscitivo. Gli individui con la manifestazione conoscitiva delicata di danno diminuiscono nella funzione di memoria in paragone ai pazienti in buona salute della stessa età.

  • La gente con danno conoscitivo delicato affronta un elevato rischio leggermente di sviluppare Alzheimer; le strategie aggressive di prevenzione quindi sono autorizzate per contribuire ad evitare entrambe queste circostanze minacciose.

  • Da danneggiamento indotto da radicale libero delle cellule cerebrali è stato implicato sia nel danno conoscitivo delicato che in Alzheimer.

  • le sostanze nutrienti d'amplificazione come glutatione, i resveratroli, l'acido lipoico, la acetile-L-carnitina e stesse mostrano la promessa nello sfalsamento delle mutazioni patologiche connesse con danno conoscitivo delicato ed Alzheimer.

  • Un'altra sostanza nutriente chiave del cervello chiamata fosfatidilserina è stata trovata nei test clinici per contribuire a conservare la funzione di memoria con invecchiamento.

Glutatione: Radicali liberi combattenti e proteggere dal danno conoscitivo delicato

Il glutatione è uno di combattenti libero radicali più efficaci nel corpo umano. Con la conoscenza che sia il morbo di Alzheimer che il danno conoscitivo delicato sono associati con un eccesso di radicali liberi, mantenente i livelli ottimali del glutatione può essere critico nell'impedire queste malattie. Una recensione negli archivi del giornale della biochimica e della biofisica ha discusso sia il declino di glutatione nel cuore che il cervello, con l'importanza basilare dei livelli ottimali del glutatione.14 poichè lo stato degli autori, “un ambiente cellulare intensificato dell'pro-ossidante è particolarmente evidente in tessuti metabolicamente attivi, quali il cuore ed il cervello; a loro volta, questi organi sono inclini sviluppano i termini patofisiologici pericolosi quale guasto di scompenso cardiaco ed il morbo di Alzheimer… il cervello ed il cuore è particolarmente vulnerabile all'insulto ossidativo a causa della loro attività antiossidante glutatione-dipendente relativamente limitata.„

Per quelli nella medicina della corrente principale che continuano a dubitare l'importanza di glutatione nel mantenimento delle abilità conoscitive, un articolo recente negli annali prestigiosi dell'accademia di New York delle scienze dovrebbe revocare il loro scetticismo.15 in serie elegante di esperimenti, gli scienziati hanno confrontato le concentrazioni del glutatione del sangue fra i pazienti femminili e maschii con il morbo di Alzheimer ed i comandi di pari età. I ricercatori hanno trovato che il contenuto del glutatione non era significativamente differente fra le donne con Alzheimer e quelli senza la malattia. In uomini, c'era una diminuzione sostanziale in globuli di concentrazioni del glutatione in rosso dei pazienti con il morbo di Alzheimer, rispetto ai pazienti di referenza senza Alzheimer. A causa di questi risultati, gli autori di questo studio hanno concluso, “questi dati suggeriscono che lo svuotamento del glutatione possa contribuire alla patogenesi di Alzheimer in maschi.„

Glutatione d'ottimizzazione da proteggere da danno conoscitivo delicato

Dovrebbe essere chiaro di fronte a questa prova scientifica del montaggio che mantenere i livelli ottimali di glutatione è vitale alla vostra salute del cervello. Ci sono modi multipli efficacemente aumentare i vostri livelli del glutatione con i supplementi naturali. Un modo mantenere i livelli elevati del glutatione è con l'uso di due antiossidanti potenti, di acido lipoico e di acetile-L-carnitina.

Gli studi multipli hanno indicato che la acetile-L-carnitina e l'acido lipoico possono offrire le indennità-malattia con la loro capacità di aumentare i livelli del glutatione.14,16 in uno studio, i ricercatori hanno indicato che l'acido lipoico dato ai ratti invecchianti ha invertito con successo il declino relativo all'età nei livelli del glutatione sia nel cervello che nel cuore, conducenti gli autori dello studio a concludere che “l'acido lipoico è un efficace agente per ristabilire sia il declino età-collegato nel rapporto [dell'antiossidante] come pure per aumentare i livelli cerebrali [del glutatione] che diminuiscono altrimenti con l'età.„14

Glutatione d'ottimizzazione da proteggere da danno conoscitivo delicato

L'acido e la acetile-L-carnitina lipoici inoltre lavorano ai loro propri per combattere i radicali liberi. In una carta co-creata dal Dott. rinomato Bruce Ames del ricercatore, sia l'acido lipoico che la acetile-L-carnitina sono stati indicati per proteggere significativamente le cellule in ratti da danno ossidativo, conducente gli autori a concludere che “… alimentare vecchi i ratti acetile-L-carnitina più acido lipoico abbassa gli ossidanti, l'ossidazione del RNA del neurone e le aldeidi mutagene… migliora il declino età-collegato nell'attività e nella memoria ambulatorie… ed impedisce… il decadimento e la disfunzione ossidativi.„17 per concludere, la acetile-L-carnitina può essere utile nell'impedire il danno conoscitivo delicato. Un 6-12-month randomizzato, prova controllata con placebo facendo uso di 1,500-3,000 mg/giorno di acetile-L-carnitina ha indicato che i pazienti che prendono questo supplemento sicuro ed efficace hanno avuti statisticamente maggiori punteggi sulle prove della memoria e di altre funzioni conoscitive.18

Stesso-Possibile la maggior parte del modo efficace di amplificazione del Brain Glutathione

Uno studio pubblicato in Germania ha valutato i cervelli dei roditori che hanno ricevuto stessi (S-adenosylmethionine) rispetto ad un gruppo di controllo che non ha ottenuto stessi.19 i risultati hanno mostrato quello:

  1. Stesso glutatione aumentato livella da 50% e da attività enzimatica antiossidante del glutatione da 98%.

  2. Stessi hanno fatto diminuire una misura di attività libero radicale da 46%.

  3. Stessa perossidazione lipidica inibita da 55% nella cultura.

Questo studio del roditore ha indicato che stesso inibisce la perossidazione lipidica e migliora il sistema antiossidante del glutatione specificamente nel cervello.19

I benefici complessi di stessi nella protezione il cervello, il fegato e dei giunti mentre migliorano l'umore hanno motivato molta gente salute consapevole per prendergli il quotidiano.

Brain Cell Membranes proteggente

Senta mai il vostro medico della corrente principale parlare della fosfatidilserina? Probabilmente non, poiché come altri supplementi, non è una sostanza brevettata e quindi è stato allontanato dalle compagnie farmaceutiche. Eppure la fosfatidilserina è stata indicata negli studi multipli per essere un'altre cassaforte ed efficace sostanza nutriente nell'evitare il declino conoscitivo visto nell'invecchiamento, compreso il danno conoscitivo delicato. Il fosfolipide della fosfatidilserina-un che è realmente una componente importante del cervello di un neurone membrana-è stato indicato negli studi sugli animali per ridurre molti degli effetti di invecchiamento sul cervello.20 fortunatamente, questi effetti sembrano applicarsi similmente agli esseri umani. In prova alla cieca, gli studi controllati con placebo intrapresi in Italia, pazienti (invecchiati 55-80 anni) con danno conoscitivo delicato che ha preso 300 mg/giorno della fosfatidilserina hanno segnato coerente più su nelle prove della conservazione di memoria che quelle che prendono il placebo.21-23

Malattia reale di danno-Un conoscitivo delicato con le conseguenze potenzialmente micidiali

Malattia reale di danno-Un conoscitivo delicato con le conseguenze potenzialmente micidiali

Quelli nella medicina della corrente principale insistono tipicamente su grande, sulla prova alla cieca, studi controllati con placebo, randomizzati, dello studio multicentrico prima della determinazione indipendentemente da fatto che a trattamento-o supplemento-sono proficui. Mentre non ho niente contro questi tipi di studio-e sono d'accordo con i miei colleghi della corrente principale che sono tatto abbastanza utile-Io è insensato nel migliore dei casi ed estremamente nel peggiore dei casi aspettare fino a terminare questi studi per raccomandare determinati supplementi per le circostanze in cui la medicina della corrente principale ha non risposta-tale come danno conoscitivo delicato. Una serie di supplementi disponibili facilmente sono stati trovati negli studi multipli per essere potenzialmente utili nell'impedire il danno ed il morbo di Alzheimer conoscitivi delicati. Finché quelli nella medicina della corrente principale non possano offrire un'alternativa sicura, efficace ed economica, ritengo che sia il mio dovere poichè un medico per informare i miei pazienti di questi informazioni vitali per contribuire ad impedire la perdita di loro memoria e quindi, la perdita di se stessi.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Grundman m., Thal LJ. Trattamento del morbo di Alzheimer: spiegazione razionale e strategie. Neurol Clin. 2000 novembre; 18(4): 807-28.

2. Mayeux R, Sano M. Treatment del morbo di Alzheimer. Med di N Inghilterra J. 25 novembre 1999; 341(22): 1670-9.

3. ANNUNCIO di Hsiung GY, di Sadovnick, genotipo di Feldman H. Apolipoprotein E epsilon4 come fattore di rischio per il declino conoscitivo e demenza: dati dallo studio canadese su salute e su invecchiamento. CMAJ. 12 ottobre 2004; 171(8): 863-7.

4. Maioli F, Coveri m., Pagni P, et al. conversione di danno conoscitivo delicato a demenza negli oggetti anziani: uno studio preliminare in una memoria ed in un'unità conoscitiva di disordine. Arco Gerontol Geriatr. 2007; 44 (supplemento) 1:233-41.

5. Sforzo e morbo di Aalzheimer di Christen Y. Oxidative. J Clin Nutr. 2000 febbraio; 71(2): 621S-9S.

6. Keller JN, Schmitt FA, interruttore di Scheff, et al. prova di danno ossidativo aumentato negli oggetti con danno conoscitivo delicato. Neurologia. 12 aprile 2005; 64(7): 1152-6.

7. Lovell mA, Markesbery WR. Danno ossidativo nel danno conoscitivo delicato e nel morbo di Alzheimer precoce. Ricerca di J Neurosci. 1° novembre 2007; 85(14): 3036-40.

8. Rinaldi P, Polidori MC, Metastasio A, et al. antiossidanti del plasma è vuotato similmente nel danno conoscitivo delicato e nel morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2003 novembre; 24(7): 915-9.

9. Perrig WJ, Perrig P, HB di Stahelin. La relazione fra gli antiossidanti e la prestazione di memoria nel vecchio e molto vecchio. Soc di J Geriatr. 1997 giugno; 45(6): 718-24.

10. Zandi pp, Anthony JC, Khachaturian COME, et al. rischio riduttore di morbo di Aalzheimer in utenti della vitamina antiossidante completa: lo studio della contea di Cache. Arco Neurol. 2004 gennaio; 61(1): 82-8.

11. Russo A, Palumbo m., Aliano C, et al. micronutrienti del vino rosso come agenti protettivi nell'insulto indotto Alzheimer del tipo di. Vita Sci. 11 aprile 2003; 72(21): 2369-79.

12. Savaskan E, Olivieri G, Meier F, et al. resveratroli dell'ingrediente del vino rosso protegge da neurotossicità dell'beta-amiloide. Gerontologia. 2003 novembre; 49(6): 380-3.

13. Jang JH, Surh YJ. Effetto protettivo dei resveratroli dalla sulla morte ossidativa indotta da beta delle cellule PC12. Med libero di biol di Radic. 15 aprile 2003; 34(8): 1100-10.

14. Suh JH, Wang H, RM di Liu, Liu J, Hagen TM. (R) - acido alfa-lipoico inverte la perdita relativa all'età nello stato redox di GSH in tessuti post-mitotici: prova per il requisito aumentato della cisteina della sintesi di GSH. Biochimica Biophys dell'arco. 1° marzo 2004; 423(1): 126-35.

15. Liu H, Wang H, Shenvi S, Hagen TM, RM di Liu. Metabolismo del glutatione durante l'invecchiamento e nel morbo di Aalzheimer. Ann NY Acad Sci. 2004 giugno; 1019:346-9.

16. L-carnitina di Kumaran S, di Savitha S, di Anusuya dm, di Panneerselvam C. ed inverso che acido DL-alfa-lipoico il deficit relativo all'età nei redox del glutatione dichiara nei tessuti del cuore e del muscolo scheletrico. Sviluppatore invecchiante Mech. 2004 luglio; 125(7): 507-12.

17. Liu J, Atamna H, Kuratsune H, BN di Ames. Ritardo del decadimento mitocondriale del cervello ed invecchiare con gli antiossidanti ed i metaboliti mitocondriali. Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:133-66.

18. Montgomery SA, Thal LJ, Amrein R. Meta-analysis di doppi test clinici controllati randomizzati ciechi di acetile-L-carnitina contro placebo nel trattamento di danno conoscitivo delicato e del morbo di Alzheimer delicato. Int Clin Psychopharmacol. 2003 marzo; 18(2): 61-71.

19. De La Cruz JP, Pavía J, González-Correa JA, Ortiz P, effetti di Sánchez de la Cuesta F. dell'amministrazione cronica di S-adenosyl-L-metionina sullo sforzo ossidativo del cervello in ratti. Arco Pharmacol di Naunyn Schmiedebergs. 2000 gennaio; 361(1): 47-52.

20. Nunzi MG, Milano F, Guidolin D, perdita della spina dorsale di Toffano G. Dendritic in ippocampo dei ratti invecchiati. Effetto dell'amministrazione della fosfatidilserina del cervello. Invecchiamento di Neurobiol. 1987 novembre; 8(6): 501-10.

21. Cenacchi T, Bertoldin T, Farina C, Fiori MG, declino di Crepaldi G. Cognitive negli anziani: una prova alla cieca, studio multicentrato controllato con placebo su efficacia dell'amministrazione della fosfatidilserina. Invecchiare (Milano). 1993 aprile; 5(2): 123-33.

22. Palmieri, G, Palmieri R, il SIG. di Inzoli, et al. prova alla cieca ha controllato la prova dello PS in pazienti con deterioramento mentale senile. Prove J. 1987 di Clin; 24:73-7.

23. Villardtia C, Grioli S, Salmeri G, et al. test clinico multicentrato del cervello PS in pazienti anziani con deterioramento intellettuale. Prove J. 1987 di Clin; 24:84-9.