Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2008
Rapporti

Protezione dei nostri occhi contro da danno indotto Del tempo

Da Julius G. Goepp, MD
Protezione dei nostri occhi contro da danno indotto Del tempo

Dall'età di 65 anni, quasi un terzo degli adulti avvertirà il danneggiamento relativo all'età della loro vista.1 la causa principale di cecità centrale relativa all'età è degenerazione maculare, che può rubarci della capacità di leggere e vedere i dettagli fini. Le cataratte sono una frequente causa di danneggiamento della lente cristallina dell'occhio e possono provocare la cecità.

la perdita Età-collegata della visione non è inevitabile. Infatti, le sostanze nutrienti gradiscono la luteina, zeaxantina e la meso-zeaxantina fornisce le proprietà critiche di luminoso filtraggio e dell'antiossidante alla lente ed alle macula-strutture di occhio essenziali per la chiara visione.2,3 non solo fanno queste sostanze nutrienti si difendono da perdita 4della visionela prova a crescita suggerisce che inoltre proteggano da altri disturbi quali cancro ed il declino conoscitivo.5-7

Sebbene la visione di deterioramento sia spesso accettata come parte inevitabile di invecchiamento, stiamo imparando oggi che questo non deve accadere. Un numero notevole degli studi clinici è insegnandoci come la maggior parte delle cause comuni di perdita relativa all'età della visione possono essere impedire-se agiamo l'azione rapida.

Gli scienziati stanno trovando che le carenze in determinati composti pianta-derivati possono indurre la visione a degradarsi col passare del tempo.4 per capire appena come queste sostanze nutrienti producono i loro benefici, diamo un'occhiata a come gli esseri umani perdono solitamente la loro visione con l'età. Due colpevoli importanti sono degenerazione maculare senile e cataratte. Entrambi sono potenzialmente evitabili se i provvedimenti iniziali sono presi.8 sostanze nutrienti come meso-zeaxantina possono anche aiutare l'inverso che la forma più comune di cecità che affligge l'invecchiamento osserva.4

Degenerazione maculare senile

La degenerazione maculare è una causa principale di cecità in adulti.9,10 deriva da perdita progressiva di cellule nervose di percezione nella macula, o dalla parte centrale della retina, in cui queste cellule sono imballate il più densamente. La macula quindi ci fornisce la più grande quantità di capacità visiva dell'acutezza- di vedere i dettagli fini.11 mentre la degenerazione maculare progredisce, la gente perde la visione centrale, diminuente gradualmente la loro capacità di distinguere le caratteristiche facciali, di leggere e di impegnarsi nelle molte attività quotidiane che richiedono la visione tagliente. Questi effetti sono tragici, strazianti ed anche estremamente costosi alla nostra società in termini di sanità.12

Cataratte

Un'altra causa principale di cecità in adulti è cataratte,1,13 in cui le rotture della lente inducono la luce a piegare e spargere nei modi che impediscono la formazione di immagine tagliente sulla retina.14 dall'esterno, le cataratte a sviluppo completo danno alla lente un aspetto di essere smussate o persino opache. Sull'interno, il risultato è una perdita di acuità visiva e di luce che raggiunge la retina. Come degenerazione maculare, l'incidenza delle cataratte aumenta progressivamente con l'età d'avanzamento; a differenza di degenerazione maculare, tuttavia, il trattamento chirurgico è disponibile ed efficace, sebbene costoso e non senza rischio.15

Zeaxantina e Luteina-protezione dal lato oscuro di luce

Ora c'è considerevole prova che la zeaxantina e la luteina dietetiche svolgono un ruolo importante nella protezione contro le devastazioni sia di degenerazione maculare che delle cataratte.4 concentrato nella lente e nella retina, questi carotenoidi sono, infatti, responsabili del colore giallo oro della macula retinica sana,21,22 che compie la luce (UV) ultravioletta di funzione-filtraggio essenziale due ed il danno ossidativo di combattimento.

Zeaxantina e Luteina-protezione dal lato oscuro di luce

Filtrando la luce UV e blu, che è distruttiva alle cellule retiniche,11,23 zeaxantina e luteina fungono da una specie di protezione solare incorporata.22,23 le sostanze nutrienti sono inoltre antiossidanti potenti, “estiguendo„ i radicali liberi distruttivi prodotti quando l'energia leggera interagisce con i tessuti delicati all'interno dell'occhio.23-27 lo sforzo dell'ossidante è un contributore (e un risultato di) ai cambiamenti infiammatori che accompagnano la degenerazione maculare senile,9 che prestano la ancor più importanza alla funzione antiossidante di queste sostanze nutrienti.

Le azioni doppie di zeaxantina e di luteina come luminoso assorbitori liberamente d'estinzione, distribuite strategico in sia lente che retina, rende loro i protettori naturali ideali della visione.21,23

Prova per zeaxantina e luteina nelle malattie dell'occhio

Il più alta ingestione orale di zeaxantina e di luteina provoca maggiori depositi di queste sostanze nutrienti nella lente e nella retina, impedicenti i disturbi della vista comuni. Il Dott. Eamonn O'Connell del dipartimento dell'oftalmologia all'ospedale regionale di Waterford nelle note dell'Irlanda, “prova continua a accumularsi che lo sforzo ossidativo è importante nella maculopatia relativa all'età [equivalente a degenerazione maculare senile] e che gli antiossidanti appropriati dell'origine dietetica possono proteggere da questa circostanza.„28 in uno studio ha pubblicato appena questo anno, il Dott. O'Connell e colleghi ha registrato le informazioni dietetiche da 828 oggetti irlandesi invecchiati 20-60 anni ed ha cercato le associazioni con la maculopatia relativa all'età. In modo preoccupante, hanno trovato che quello l'età aumentante direttamente è stata associata con una mancanza relativa di zeaxantina nella dieta. Quello è particolarmente sfavorevole, perché altri studi hanno indicato che l'assunzione aumentata della luteina e della zeaxantina, con i livelli ematici delle sostanze nutrienti, è associata con i tassi più bassi di degenerazione maculare senile e di cataratte.21,29

Infatti, gli epidemiologi al Massachusetts osservano e l'infermeria dell'orecchio a Boston ha studiato 356 persone di 55-80 anni con degenerazione maculare avanzata e li ha paragonati a 520 oggetti di controllo che hanno avuti altre malattie dell'occhio.10 questi scienziati hanno trovato una diminuzione di 43% nei tassi di degenerazione maculare fra la gente con le più alte assunzioni dietetiche del carotenoide (specialmente zeaxantina e luteina), rispetto a coloro che ha avuto le assunzioni più basse.

Un altro gruppo di scienziati irlandesi ha studiato la densità dei pigmenti maculari, che soprattutto sono composti di zeaxantina, di luteina e di meso-zeaxantina, in 828 individui sani.2 hanno trovato un declino relativo all'età significativo nella densità di questi pigmenti maculari protettivi vitali, che era peggiore in fumatori e quelle con una storia della famiglia di degenerazione maculare senile.

Completamento Luminoso protettivo che funziona
La luteina e la zeaxantina sono conosciute come carotenoidi perché erano effettivamente prime scoperte in carote.16-18 la zeaxantina e la luteina possono essere trovate nelle fonti dietetiche quali i rossi d'uovo e frutta e verdure quali i verdi frondosi scuri, mais e mandarini vibrante colorati.3

Uno studio coercitivo che ha contribuito a collegare l'assunzione della luteina e della zeaxantina a salute maculare era il grande “studio relativo all'età di malattia dell'occhio„ (AREDS). Un gruppo di scienziati di AREDS ha studiato 4.519 partecipanti di 60-80 anni, stimanti la loro assunzione nutrizionale e conducenti gli esami di occhio periodici per prova di degenerazione maculare.30 che hanno trovato che la gente con il più alta assunzione di zeaxantina e di luteina nelle loro diete ha avuta una diminuzione nei segni di degenerazione maculare senile su esame degli occhi, varianti da 27% a 55%, secondo la misura specifica usato. La conclusione degli autori era che il più alta assunzione di zeaxantina e di luteina è stata associata indipendente con una probabilità in diminuzione di degenerazione maculare senile.

I simili effetti sono stati riferiti riguardo alle cataratte, un'altra causa principale dei problemi visivi relativi all'età. Per esempio, i ricercatori in Spagna hanno studiato 177 adulti 65 anni e più vecchi, controllando la loro ingestione dietetica per una settimana e paragonandola all'avvenimento delle cataratte e la storia di vita dell'esposizione del sole.31 come previsto, il tasso della cataratta era più alto fra quelli con il maggior sole di vita esposizione-ma gli uomini protetti che le donne dell'alta assunzione della luteina sia contro le cataratte e l'alta assunzione della zeaxantina protetta contro le cataratte negli uomini.

I ricercatori australiani hanno esteso quei risultati in uno studio di 2,322 persone 40 anni e più vecchi, che hanno seguito per cinque anni.32 Astonishingly, gli scienziati hanno trovato un 40% più a tariffa ridotta delle cataratte che accadono al centro della lente per ogni aumento di 1 mg nella loro assunzione quotidiana di luteina e di zeaxantina! Come gli altri ricercatori, questi autori hanno concluso che l'alta ingestione dietetica di queste sostanze nutrienti è stata associata con i tassi significativamente più bassi di cataratte. Altri studi epidemiologici su grande scala continuano a rinforzare queste osservazioni, con i rapporti delle riduzioni dei tassi della cataratta di 18%33 a 32%29 nei gruppi di persone con le alte ingestioni dietetiche di luteina e di zeaxantina.

Che cosa dovete conoscere: Impedire cecità relativa all'età
  • La perdita grave di visione e perfino di cecità può colpire ogni anno milioni di Americani di invecchiamento.

  • La degenerazione maculare senile e le cataratte causano insieme la maggior parte della perdita della visione sperimentata dagli adulti.

  • Sia la degenerazione maculare senile che le cataratte sono i risultati diretti degli effetti di punizione di esposizione alla luce sulle strutture delicate nell'occhio.

  • I pigmenti giallo oro naturali chiamati zeaxantina e luteina filtrano le forme più offensive di luce per proteggere l'occhio, mentre i loro poteri antiossidanti naturali aumentano che la protezione “estiguendo„ i radicali liberi ha prodotto da luce.

  • Il completamento quotidiano con zeaxantina e luteina è stato indicato per fornire i forti progressi nella struttura e nella funzione dell'occhio, particolarmente in pazienti degenerazione maculare senile. Un supplemento relativo ha chiamato la meso-zeaxantina inoltre mostra la promessa nella promozione della salute maculare.

  • Le dosi di zeaxantina utilizzate negli studi dell'occhio hanno variato dal poco quanto 1 mg/giorno a su quanto 30 mg/giorno e di luteina da 2,4 mg/giorno a 30 mg/giorno senza gli effetti contrari.25,36 una prova molto grande recente hanno indicato che un supplemento che contiene 10-20 mg/giorno di luteina e di zeaxantina ha prodotto insieme le migliori concentrazioni di questi pigmenti in tutto la retina.41

  • Come altre sostanze nutrienti del carotenoide, la luteina e la zeaxantina possono essere il meglio assorbente una volta consumate con una fonte di grasso dietetico. Determinati farmaci, gli alimenti e le sostanze nutrizionali possono fare diminuire l'assorbimento di luteina e di zeaxantina. Questi includono la colestiramina e il cholestipol d'abbassamento dei farmaci, olio di mais e pectina.3

  • La zeaxantina e la luteina ora stanno mostrando la grande promessa nella protezione di pelle come pure nella prevenzione delle malattie in relazione con l'ossidante connesse con l'età d'avanzamento, quali cancro, la malattia cardiovascolare ed il declino conoscitivo.

Completamento Luminoso protettivo che funziona

La gente di invecchiamento che non ottiene abbastanza zeaxantina e luteina è al rischio sostanzialmente aumentato per le malattie dell'occhio. Gli anni ultimi hanno visto un'abbondanza di studi scientifici che indicano che queste sostanze nutrienti possono fare una differenza, particolarmente se iniziato presto in cui il danno in relazione con luminosa cronico è minimo.

Incoraggiante dagli studi priori in altre malattie dell'occhio,34 il Dott. Richard Bone dell'università internazionale di Florida ed i colleghi erano fra i primi scienziati per mostrare che i supplementi della luteina nelle dosi che variano da 2,4 a 30 mg/giorno, con un d'una sola dose di zeaxantina hanno aumentato la densità ottica dei pigmenti protettivi nella macula, a 25 dove la più grande protezione è necessaria. Risultati simili sono stati trovati in altri studi,35-37 alcuni di cui ha combinato la zeaxantina e la luteina con altri vitamine e minerali antiossidanti.36

Un gruppo di oftalmologi italiani inoltre ha confermato il potere del completamento nutrizionale di migliorare la funzione retinica.38 gli scienziati hanno misurato i cambiamenti nella funzione retinica su un periodo dei 180 giorni in pazienti con degenerazione maculare senile iniziale, di cui 17 hanno ricevuto un supplemento antiossidante quotidiano (nicotinammide vitamina E di mg 15 luteina di mg, 20 e di mg 18 [una vitamina di B]) e 13 non hanno ricevuto il completamento dietetico. Lo studio inoltre ha incluso otto genti con gli occhi sani, quattro di chi ha preso lo stesso supplemento e quattro chi non ha fatto. I risultati erano attività coercitivo-retinica erano sostanzialmente più alti per tutti i pazienti completati, mentre nessun cambiamento utile è stato visto in c'è ne del gruppo senza aggiunte. Inoltre, la capacità di individuare la luce ai livelli più bassi è stata aumentata di gruppo completato. Nelle proprie parole degli autori, “i risultati indicano che quello aumentare il livello di antiossidanti retinici [considerevolmente compreso luteina] potrebbe influenzare la funzione maculare presto nel processo di malattia come pure nell'invecchiamento normale.„

Nel 2004, un gruppo di ricerca principale dal Dott. Stuart Richer della clinica di occhio medica degli affari del veterano in Chicago ha pubblicato una prova rigorosa di luteina, con o senza gli antiossidanti supplementari, in pazienti con degenerazione maculare senile.39 questo studio con attenzione progettato hanno incluso 90 pazienti su un periodo di 12 mesi, diviso in tre gruppi del trattamento. Un gruppo ha ricevuto i supplementi della luteina di mg del quotidiano 10 da solo, mg ricevuto secondo gruppo della luteina 10 con un antiossidante

la vitamina/miscela minerale e un terzo gruppo ha ricevuto un placebo. Gli esperti nell'occhio hanno studiato sia i livelli retinici del pigmento come pure i cambiamenti reali nella visione alla linea di base che dopo 12 mesi del trattamento. Il completamento ha prodotto la chiara beneficio-densità del pigmento retinico protettivo aumentato significativamente di entrambi i gruppi luteina-completati, mentre l'acuità visiva è aumentato per sia il solo luteina che la luteina più i gruppi antiossidanti. i pazienti curati solo luteina inoltre hanno riferito un miglioramento soggettivo nella loro visione su una scala standard, mentre i destinatari del placebo non hanno avuti cambiamento significativo in c'è ne dei risultati misurati. Uno studio successivo dal Dott. Richer lo ha condotto a concludere che “gli efficaci interventi [supplementi] dovrebbero potere ristabilire questa barriera protettiva [pigmenti maculari].„40

Meso-zeaxantina
Prova per zeaxantina e luteina nelle malattie dell'occhio

Un cugino nutrizionale di luteina e di meso-zeaxantina chiamata zeaxantina sta attirando l'attenzione per la sua applicazione nella salute dell'occhio.3,19,20 sebbene notpresent nella dieta tipica, meso-zeaxantina sia prodotto da luteina nella retina.3,20 insieme a luteina ed a zeaxantina, gli aiuti della meso-zeaxantina comprendono il pigmento maculare, la regione della retina dell'occhio che è determinante per la visione dettagliata.3 come molti altri processi biochimici, tuttavia, la conversione di luteina ameso-zeaxantina è ridotta invecchiando. Una carenza in meso-zeaxantina può quindi provocare una riduzione della densità maculare del pigmento. Ancora, una mancanza di luteina ingerita o di difficoltà nella sintetizzazione della meso-zeaxantina da luteina può ulteriormente ridurre i livelli.

Fortunatamente, la meso-zeaxantina può essere ottenuta come supplemento nutrizionale per sormontare queste carenze e per sostenere i livelli diminuenti con invecchiamento. Uno studio intrigante ha indicato che quando gli individui completati con meso-zeaxantina, la loro densità maculare del pigmento sono aumentato.19 poiché la densità maculare ottimale del pigmento è determinante per salute visiva, questo suggerisce che completando con meso-zeaxantina-nell'aggiunta a consumare la luteina abbondante e zeaxantina-può contribuire a tenere la degenerazione maculare alla baia.3

Più dettagli circa come questi benefici sorgono sono diventato appena l'anno scorso evidenti, quando gli scienziati svizzeri hanno trovato che la luteina, la zeaxantina, o la combinazione alle dosi di 10 o 20 mg/giorno potrebbero aumentare la densità dei pigmenti maculari.41 di loro pazienti, la concentrazione media nel plasma di questi pigmenti è stata aumentata dalla volta fino a 27. I ricercatori hanno trovato che la luteina ha finito soprattutto nella maggior parte della regione centrale della retina, mentre la zeaxantina è stata depositata sopra un'più ampia area, suggerente ancora che entrambe le sostanze nutrienti fossero necessarie per salute retinica massima.

Ancora le informazioni più coercitive su come entrambi i supplementi promuovono la visione migliore sono state pubblicate questo anno.42 oftalmologi italiani hanno randomizzato 27 pazienti con degenerazione maculare senile iniziale per ricevere l'uno o l'altro un supplemento quotidiano orale che non contiene 10 zeaxantina della luteina di mg 1 di mg, ed altri antiossidanti o il completamento. Dopo 6 e 12 mesi, i pazienti completati hanno mostrato altamente gli importante crescite nell'attività elettrica nelle zone centrali delle loro retine (dove l'acuità visiva massima è generata), mentre i pazienti senza aggiunte non hanno mostrato cambiamenti affatto. I ricercatori hanno concluso che “negli occhi non avanzati di AMD, una disfunzione selettiva nella retina centrale può essere migliorata dal completamento con i carotenoidi [luteina e zeaxantina] e gli antiossidanti.„42

Ora è chiaro che, nelle parole di Francis E. Cangemi, uno degli esperti principali della nazione su degenerazione maculare senile, “supplementi nutrizionali si è trasformato nella prima linea di difesa per i clinici nel combattimento dell'AMD asciutto.„43 questa dichiarazione sono stati fatti nel contesto di un rapporto 2007 sullo studio “di TOZAL„, valutante l'impatto di un supplemento che contiene mg della luteina 8 e mg della zeaxantina 0,4 con taurina, acidi grassi omega-3 e vitamine e minerali antiossidanti per “asciuga„ la degenerazione maculare senile. Ciò è la forma della malattia in cui non c'è “perdita„ di materiale dai vasi sanguigni retinici.

Il supplemento è stato fornito a 37 adulti più anziani (un'età media di 76 anni). Dei pazienti completati, 77% ha avvertito la stabilizzazione o il miglioramento nell'acuità visiva. Ricordi, questi sono pazienti di cui l'acuità visiva diminuirebbe altrimenti costantemente col passare del tempo.

Altri effetti di zeaxantina e di luteina

I nuovi benefici di zeaxantina e di luteina su altre malattie relative all'età stanno emergendo giornalmente.44 un breve riassunto di altre indennità-malattia con questi pigmenti potenti sono forniti sotto.

Occhiali da sole interni

Dall'atto della luteina e della zeaxantina come una forma “di protezione solare„ per gli occhi, gli scienziati della visione hanno studiato gli effetti di queste sostanze nutrienti luminoso assorbenti su abbagliamento leggero, di un problema comune per i driver, dei piloti e di chiunque che dovesse mantenere la buona visione nelle circostanze brillantemente accese.37 gli scienziati hanno trovato che in 40 giovani oggetti in buona salute, quelli con i livelli elevati del pigmento hanno migliorato sulle mansioni visive fatte nelle circostanze di abbagliamento luminoso. Dopo 6 mesi del completamento zeaxantina/della luteina (12 mg/giorno), la densità del pigmento è stata aumentata significativamente ed i soggetti hanno eseguito drammaticamente meglio su tutte mansioni di abbagliamento. In pratica, questo studio ha fornito agli oggetti “gli occhiali da sole interni„ che li hanno aiutati a fare fronte a luce clamorosa!

Protezione esterna di Sun

In modo simile, questi carotenoidi hanno potuto contribuire a lavorare come un protettore naturale del sole per la pelle. Gli scienziati di Harvard ora hanno dimostrato che il completamento con zeaxantina e luteina può proteggere i topi cancerizzabili della pelle da radiazione UV offensiva.45 animali hanno alimentato il supplemento indicato il tempo di sopravvivenza senza tumore aumentato e l'incidenza riduttrice dei tumori. D'importanza, gli scienziati inoltre hanno studiato gli effetti “di foto-invecchiamento„ di luce, dimostranti che la pelle degli animali completati ha mostrato meno cambiamenti relativi all'età, rispetto agli oggetti di controllo.

I chirurghi plastici in Italia hanno intrapreso l'azione logica seguente di studio degli effetti del completamento su pelle umana.46 facendo uso dei volontari umani, i ricercatori hanno studiato cinque fattori della fisiologia della pelle relativi a suscettibilità del cancro ed invecchiare, fornente i supplementi della luteina e della zeaxantina oralmente, attuale, o in associazione. Il completamento orale ed attuale combinato ha assicurato il più alto grado di protezione antiossidante. I trattamenti separati hanno assicurato una certa protezione, la via orale chiaramente superiore in termini di cambiamenti indotti da luce UV. Sembra probabilmente che ulteriori studi convalidino più forte i molti modi in cui queste sostanze nutrienti possono proteggere i nostri corpi dagli effetti offensivi di luce solare.

Prevenzione del cancro

Le sostanze nutrienti antiossidanti sono pensate per fare diminuire il rischio di determinati cancri limitando il danneggiamento ossidativo di DNA. La forte associazione fra infiammazione e cancro,47 accoppiati con gli effetti conosciuti dell'ossidazione su infiammazione,48 aggiunge al potenziale anticancro delle sostanze nutrienti antiossidanti pure. I poteri antiossidanti di luteina e di zeaxantina ora attivamente stanno esplorandi per il loro potenziale come agenti d'impedimento.

Per esempio, l'epidemiologo Jianjun Zhang, dell'università di Arkansas per le scienze mediche ed i colleghi ha studiato 193 uomini con carcinoma della prostata, paragonante i loro livelli ematici di carotenoidi (zeaxantina compresa e luteina) a quelli di 197 pazienti di referenza senza Cancro. Gli oggetti con i livelli elevati del plasma di queste sostanze nutrienti essenziali hanno avuti un 55% più a basso rischio di carcinoma della prostata che quelli con i più bassi livelli.5

Un altro studio con attenzione progettato sull'assunzione del carotenoide fra le donne cinesi con cancro ovarico ha trovato i risultati similmente intriganti.49 ricercatori hanno paragonato 254 donne ai cancri confermati con 652 pazienti di referenza in buona salute, rigorosamente notanti la loro ingestione dietetica secondo una base di dati di norma di usda. Un 55% notevole più a basso rischio di cancro ovarico è stato visto in donne con i livelli elevati dell'assunzione della zeaxantina e della luteina. Questi due studi rigorosamente progettati vanno un modo lungo di stabilire le proprietà anticancro di luteina e di zeaxantina.

Basi della zeaxantina e della luteina

La luteina e la zeaxantina sono conosciute come carotenoidi perché erano effettivamente prime scoperte in carote.16-18 la zeaxantina e la luteina possono essere trovate nelle fonti dietetiche quali i rossi d'uovo e frutta e verdure quali i verdi frondosi scuri, mais e mandarini vibrante colorati.3

Declino conoscitivo

C'è una ricchezza di prova che il declino conoscitivo relativo all'età è parzialmente il risultato della lesione cumulativa dell'ossidante alle cellule cerebrali. Alcuni dei dati più recenti e più coercitivi sono venuto da un grande programma di ricerca francese chiamato lo studio “di EVA„.50,51 scienziato di EVA ha seguito parecchie migliaia di adulti più anziani difunzionamento ed ha trovato che quelli con i valori bassi degli antiossidanti (particolarmente carotenoidi) nel loro sangue hanno avuti punteggi coerente più bassi sulle prove di cognizione.

Uno studio di approfondimento dei partecipanti di EVA è stato pubblicato nel 2007, specificamente valutante la relazione fra i carotenoidi del plasma e la prestazione conoscitiva in 589 adulti con un'età media di 74 anni.7 partecipanti con il più a basso livello della funzione conoscitiva erano quasi due volte probabili avere bassi livelli della zeaxantina quanto erano conoscitivo la gente alla cima del loro gioco. Gli autori hanno concluso, “i nostri risultati indicano che i bassi livelli del carotenoide potrebbero svolgere un ruolo nel danno conoscitivo.„

Benefici cardiovascolari

Tutta la sostanza nutriente con gli effetti antiossidanti potenti è probabile fornire i benefici cardiovascolari significativi, dati che cosa ora conosciamo circa l'ossidazione, l'infiammazione e l'aterosclerosi. Gli scienziati stanno trovando questo per essere vero per i carotenoidi compreso luteina e zeaxantina. I ricercatori svedesi hanno studiato 89 pazienti con la coronaropatia e 50 comandi sani.6 oggetti con la malattia cardiaca hanno avuti carotenoide più basso

livelli, particolarmente luteina totale più zeaxantina, che i pazienti di referenza. Quei bassi livelli inoltre sono stati correlati con il fumo, l'obesità, la lipoproteina ad alta densità bassa (HDL) e l'attività infiammatoria, che sono fattori di rischio cardiovascolari affermati. Se questi bassi livelli sono una causa o un effetto dello sforzo ossidativo visto nella malattia cardiovascolare rimane essere vedere-ma questi risultati indicano forte che i livelli combinati d'amplificazione della zeaxantina e della luteina potrebbero essere protettivi. Quell'idea è sostenuta da un'università di studio di Minnesota nel 2007 che indica che i pazienti con i livelli ematici di carotenoidi, compreso zeaxantina e luteina, hanno avuti i più bassi livelli di molecole connesse con infiammazione, lo sforzo ossidativo e la disfunzione endoteliale, che sono fattori di rischio conosciuti per la malattia cardiovascolare.52

Riassunto

Gli studi scientifici moderni hanno indicato i benefici impressionanti per i nostri occhi con meso-zeaxantina, zeaxantina e luteina. Queste sostanze nutrienti specializzate del carotenoide contribuiscono ad impedire il danno che sperimentiamo che risultati nella degenerazione maculare ed in cataratte. La prova ben fondata suggerisce che la maggior parte della gente di invecchiamento non ottenga gli importi adeguati di zeaxantina e di luteina nelle loro diete. Ancora, il processo di invecchiamento fa diminuire la capacità del nostro corpo di generare la meso-zeaxantina da luteina e quindi il completamento fornisce i benefici potenti nel contesto di invecchiamento. Ancora, i benefici di questi carotenoidi specializzati si applicano in altre parti del corpo come ben--non soltanto negli organi sensibili alla luce come la pelle, ma anche in altri tessuti come l'apparato cardiovascolare ed il cervello in cui le devastazioni dell'età ci rubano della nostre salute e vitalità.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Quillen DA. Cause comuni di perdita di visione in pazienti anziani. Medico di Fam. 1999 luglio; 60(1): 99-108.

2. Nolan JM, pila J, O FA, Loane E, Beatty i fattori di rischio dello S. che per la maculopatia relativa all'età sono associati con una mancanza relativa di pigmento maculare. Ricerca dell'occhio di Exp. 2007 gennaio; 84(1): 61-74.

3. Nessun autori elencati. Luteina e zeaxantina. Monografia. Altern Med Rev. 2005 giugno; 10(2): 128-35.

4. Luteina di Delcourt C, di Carriere I, di Delage m., della Barberger-torta P, di Schalch W. Plasma e zeaxantina ed altri carotenoidi come fattori di rischio modificabili per la maculopatia relativa all'età e la cataratta: POLA Study. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2006 giugno; 47(6): 2329-35.

5. Zhang J, Dhakal I, lapida i carotenoidi del plasma et al., di A ed il carcinoma della prostata: uno studio basato sulla popolazione di caso-control nell'Arkansas. Cancro di Nutr. 2007;59(1):46-53.

6. Lidebjer C, Leanderson P, Ernerudh J, livelli del plasma di Jonasson L. Low dei carotenoidi ossigenati in pazienti con la coronaropatia. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2007 luglio; 17(6): 448-56.

7. Livelli del carotenoide di Akbaraly NT, di Faure H, di Gourlet V, di Favier A, di Berr C. Plasma e prestazione conoscitiva in una popolazione anziana: risultati di EVA Study. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2007 marzo; 62(3): 308-16.

8. Bressler nanometro. Individuazione tempestiva e trattamento di degenerazione maculare senile neovascolare. Bordo Fam Pract di J. 2002 marzo; 15(2): 142-52.

9. Patel m., Chan cc. Aspetti di Immunopathological di degenerazione maculare senile. Semin Immunopathol. 26 febbraio 2008.

10. Seddon JM, Ajani uA, Sperduto RD, et al. carotenoidi dietetici, vitamine A, C ed E e degenerazione maculare senile avanzata. Gruppo di studio di Caso-Control di malattia dell'occhio. JAMA. 9 novembre 1994; 272(18): 1413-20.

11. Whitehead AJ, giumente JA, Danis RP. Pigmento maculare: una rassegna di conoscenze attuali. Arco Ophthalmol. 2006 luglio; 124(7): 1038-45.

12. Bandello F, Augustin A, Sahel JA, et al. associazione fra acuità visiva e costi medici e non sanitari in pazienti con degenerazione maculare senile bagnata in Francia, in Germania ed in Italia. Invecchiare delle droghe. 2008;25(3):255-68.

13. Chitchumroonchokchai C, Bomser JA, Glamm JE, Failla ml. Le xantofille e l'alfa-tocoferolo fanno diminuire dalla la perossidazione lipidica indotta UVB e sollecitano la segnalazione in cellule epiteliali della lente umana. J Nutr. 2004 dicembre; 134(12): 3225-32.

14. Meyer CH, completamento di Sekundo W. Nutritional per impedire formazione della cataratta. Sviluppatore Ophthalmol. 2005;38:103-19.

15. SG di Morris D, di Fraser, chirurgia di Gray C. Cataract ed implicazioni di qualità della vita. Invecchiamento di Clin Interv. 2007;2(1):105-8.

16. Lucarini m., Lanzi S, D'Evoli L, Aguzzi A, Lombardi-Boccia G. Intake di vitamina A e di carotenoidi dalla popolazione italiana--risultati di uno studio italiano di dieta totale. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2006 maggio; 76(3): 103-9.

17. Ni di Krinsky, Johnson EJ. Azioni del carotenoide e la loro relazione a salute ed alla malattia. Mol Aspects Med. 2005 dicembre; 26(6): 459-516.

18. Garcia-Closas R, Berenguer A, Jose TM, et al. fonti dietetiche di vitamina C, vitamina E e carotenoidi specifici in Spagna. Br J Nutr. 2004 giugno; 91(6): 1005-11.

19. RA dell'osso, Landrum JT, Alvarez-Correa C, Etienne V, Ruiz CA. Risposta maculare del siero e del pigmento al completamento dietetico con Meso-zeaxantina. Riunione annuale di ARVO. 4 maggio 2003; Fort Lauderdale, FL: 405/B380 astratto.

20. Disossi il RA, Landrum il JT, Hime il GW, Cains A, Zamor J. Stereochemistry dei carotenoidi maculari umani. Investa Ophthalmol Vis Sci. 1993 maggio; 34(6): 2033-40.

21. Ribaya-Mercado JD, Blumberg JB. Luteina e zeaxantina ed i loro ruoli potenziali nella prevenzione delle malattie. J Coll Nutr. 2004 dicembre; 23 (6 supplementi): 567S-87S.

22. Delcourt C. Application del nutrigenomics nella salute dell'occhio. Forum Nutr. 2007;60:168-75.

23. Ahmed ss, MN di Lott, Marcus dm. Le xantofille maculari. Surv Ophthalmol. 2005 marzo; 50(2): 183-93.

24. Matuszak Z, Bilska mA, Reszka kJ, CF di Chignell, Bilski P. Interaction dell'ossigeno molecolare della maglietta giro collo con melatonina ed indoli relativi. Photochem Photobiol. 2003 novembre; 78(5): 449-55.

25. RA dell'osso, Landrum JT, LH di Guerra, Ruiz CA. Gli integratori alimentari della zeaxantina e della luteina sollevano le concentrazioni maculari in densità e nel siero del pigmento di questi carotenoidi in esseri umani. J Nutr. 2003 aprile; 133(4): 992-8.

26. GRUPPO DI LAVORO di Siems, Sommerburg O, van Kuijk FJ. Il licopene ed il beta-carotene si decompongono più rapidamente della luteina e della zeaxantina sopra l'esposizione ai vari pro-ossidanti in vitro. Biofactors. 1999;10(2-3):105-13.

27. Trevithick-Sutton cc, CS di Foote, Collins m., JUNIOR di Trevithick. I carotenoidi retinici zeaxantina e luteina puliscono il superossido ed i radicali ossidrili: una chemiluminescenza e studio di esr. Mol Vis. 2006;12:1127-35.

28. O'Connell ED, Nolan JM, pila J, et al. dieta e fattori di rischio per la maculopatia relativa all'età. J Clin Nutr. 2008 marzo; 87(3): 712-22.

29. Moeller MP, Voland R, lo stagnaio L, et al. le associazioni fra la cataratta nucleare relativa all'età e la luteina e la zeaxantina nella dieta ed il siero nei carotenoidi nella malattia dell'occhio relativa all'età studiano (CAREDS), uno studio dipendente sull'iniziativa della salute delle donne. Arco Ophthalmol. 2008 marzo; 126(3): 354-64.

30. SanGiovanni JP, masticazione EY, Clemons TE, et al. La relazione di carotenoide e di vitamina A dietetica, dell'assunzione di C e di E con degenerazione maculare senile in uno studio di caso-control: No. 22 di rapporto di AREDS. Arco Ophthalmol. 2007 settembre; 125(9): 1225-32.

31. Rodriguez-Rodriguez E, RM di Ortega, Lopez-Sobaler, et al. La relazione fra assunzione e le cataratte nutrienti antiossidanti in gente più anziana. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2006 novembre; 76(6): 359-66.

32. GH del Vu, Robman L, Hodge A, McCarty CA, ORA di Taylor. Luteina e zeaxantina ed il rischio di cataratta: il progetto di minorazione visiva di Melbourne. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2006 settembre; 47(9): 3783-6.

33. Battezzi il GRUPPO DI LAVORO, Liu la S, Glynn RJ, Gaziano JM, seppellente JE. Carotenoidi, vitamine C ed E e rischio dietetici di cataratta in donne: uno studio prospettivo. Arco Ophthalmol. 2008 gennaio; 126(1): 102-9.

34. Dagnelie G, Zorge È, McDonald TM. La luteina migliora la funzione visiva in alcuni pazienti con degenerazione retinica: uno studio pilota via Internet. Optometria. 2000 marzo; 71(3): 147-64.

35. Khachik F, de Moura FF, masticazione EY, et al. L'effetto del completamento della zeaxantina e della luteina sui metaboliti di questi carotenoidi nel siero delle persone ha invecchiato 60 o di più vecchio. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2006 dicembre; 47(12): 5234-42.

36. Trieschmann m., Beatty S, Nolan JM, et al. cambia nelle concentrazioni in densità ottica e nel siero del pigmento maculare dei suoi carotenoidi costituenti che seguono la luteina e la zeaxantina supplementari: lo studio di LUNA. Ricerca dell'occhio di Exp. 2007 aprile; 84(4): 718-28.

37. Stringham JM, BR di Hammond. Pigmento maculare e prestazione visiva nelle circostanze di abbagliamento. Optom Vis Sci. 2008 febbraio; 85(2): 82-8.

38. Falsini B, Piccardi m., Iarossi G, et al. influenza del completamento antiossidante a breve termine sulla funzione maculare nella maculopatia relativa all'età: uno studio pilota compreso la valutazione electrophysiologic. Oftalmologia. 2003 gennaio; 110(1): 51-60.

39. S più ricca, scalette W, Statkute L, et al. prova Doppio mascherata, controllata con placebo, randomizzata di luteina e completamento antiossidante nell'intervento di degenerazione maculare senile atrofica: i veterani DURANO lo studio (prova antiossidante di completamento della luteina). Optometria. 2004 aprile; 75(4): 216-30.

40. S più ricca, Devenport J, Lang JC. ULTIMO II: Risposte temporali differenziali di densità ottica del pigmento maculare in pazienti con degenerazione maculare senile atrofica al completamento dietetico con le xantofille. Optometria. 2007 maggio; 78(5): 213-9.

41. Schalch W, Cohn W, accumulazione di Barker FM, et al. della xantofilla nella retina umana durante il completamento con luteina o zeaxantina - lo studio di LUXEA (accumulazione dell'occhio della xantofilla della luteina). Biochimica Biophys dell'arco. 15 febbraio 2007; 458(2): 128-35.

42. Parisi V, Tedeschi m., Gallinaro G, et al. carotenoidi ed antiossidanti nello studio italiano di maculopatia relativa all'età: modifiche multifocali dell'elettroretinogramma dopo 1 anno. Oftalmologia. 2008 febbraio; 115(2): 324-33.

43. Fe di Cangemi. Studio di TOZAL: uno studio aperto di controllo di caso su un antiossidante e su un supplemento orali omega-3 per AMD asciutto. BMC Ophthalmol. 2007;73.

44. Esponga al sole l'influenza di Yao H. The, di Z di Di-acetilazione dei gruppi di idrossile sull'attività di anti-tumore-proliferazione di luteina e la zeaxantina. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007; 16 supplementi 1:447-52.

45. Astner S, Wu A, Chen J, et al. luteina/zeaxantina dietetiche parzialmente si riduce photoaging e photocarcinogenesis in topi glabri cronicamente UVB-irradiati Skh-1. Pelle Pharmacol Physiol. 2007;20(6):283-91.

46. Palombo P, Fabrizi G, Ruocco V, et al. effetti a lungo termine benefici trattamento antiossidante orale/attuale combinato con i carotenoidi luteina e zeaxantina su pelle umana: una prova alla cieca, studio controllato con placebo. Pelle Pharmacol Physiol. 2007;20(4):199-210.

47. Tenga GL, EL-Omar ME. Aspetti genetici di infiammazione e di cancro. Biochimica J. 2008 1° marzo; 410(2): 225-35.

48. Meccanismi di Libby P. Inflammatory: la base molecolare di infiammazione e della malattia. Rev. 2007 di Nutr dicembre; 65 (12 pinte 2): S140-6.

49. Zhang m., CD di Holman, Binns CW. Assunzione dei carotenoidi specifici ed il rischio di cancro ovarico epiteliale. Br J Nutr. 2007 luglio; 98(1): 187-93.

50. Lo sforzo ossidativo di Berr C, di Richard MJ, di Roussel, di Bonithon-Kopp C. Systemic e la prestazione conoscitiva in EVA basata sulla popolazione studiano. Etude du Vieillissement Arteriel. Med libero di biol di Radic. 1998 maggio; 24 (7-8): 1202-8.

51. Berr C, Balansard B, Arnaud J, Roussel, declino di Alperovitch A. Cognitive è associato con lo sforzo ossidativo sistemico: lo studio di EVA. Etude du Vieillissement Arteriel. Soc di J Geriatr. 2000 ottobre; 48(10): 1285-91.

52. Hozawa A, Dott Jr, Steffes Mw, MD lordo, Steffen LM, DH di Jacobs di Lee. Relazioni delle concentrazioni di circolazione nel carotenoide con parecchi indicatori di infiammazione, dello sforzo ossidativo e della disfunzione endoteliale: lo sviluppo di rischio dell'arteria coronaria nelle giovani tendenze relative longitudinali adulte degli adulti (CARDIAS) /Young ad antiossidanti (JALTA) studia. Clin chim. 2007 marzo; 53(3): 447-55.