Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2008
Rapporti

Evitare lievito cronico e le infezioni batteriche

Da Dale Kiefer
Evitare lievito cronico e le infezioni batteriche

Le droghe potenti esistono per sradicare la maggior parte di lievito acuto e delle infezioni batteriche. Eppure se le circostanze che rendono uno vulnerabile a questi agenti patogeni non sono corrette, ritorno di questi organismi troppo spesso.

Le donne incontrano frequentemente le infezioni di lievito nei loro tessuti vaginali. Inoltre, le infezioni batteriche croniche dell'apparato urinario causano annualmente la miseria significativa per decine di milioni di donne.

I nuovi studi rivelano quello che ristabilisce la flora probiotica sana significativamente protegge da questi tipi di infezioni croniche.

 

Batteri: Amici o nemici?

Pensiamo spesso ai batteri come il nemico: È certamente vero che molte specie come quelle che causano la tubercolosi o l'antrace sono capaci di grande danno. Ma saremmo negligenti trascurare il fatto che alcuni batteri, specialmente quelli che producono l'acido lattico, sono non solo inoffensivi, essi siamo realmente altamente utili. Infatti, una relazione simbiotica utile esiste fra gli esseri umani e determinati tipi di batteri “amichevoli„.

Sebbene entriamo nel mondo con (esente dai microrganismi viventi) gli enti sterili, la situazione cambia rapidamente. I batteri utili perdono poche aree di colonizzazione di tempo dove i tessuti del corpo collegano mediante interfaccia all'ambiente, quali la bocca, l'apparato digerente e la vagina. Quando i batteri utili tengono l'ondeggiamento, la salute ottimale è raggiunta e mantenuta. Nell'intestino, i batteri amichevoli contribuiscono a mantenere l'integrità del rivestimento intestinale e la prova emergente suggerisce che inoltre amplifichino l'immunità.1-4

Evitare lievito cronico e le infezioni batteriche

Fortunatamente, fiorendo dagli inoltre impediscono altro, ai batteri molto innocui di guadagnare un appiglio, entrambi fisicamente ammucchiandoli fuori ed ottimamente alterando l'ambiente locale per scoraggiare i batteri nocivi dal prosperare. La microflora utile di un individuo finalmente numera nei trilioni di diverse cellule. Nell'intestino, questi microrganismi amichevoli contribuiscono ai rifornimenti del corpo della vitamina K e dell'acido folico5,6 interagendo con le nostre proprie cellule “altamente in un complesso ma la relazione armoniosa,„7 come pure aiutano modulano l'immunità innata.2

Il lattobacillo è il migliore amico di una ragazza

Aiuti i simili di un processo di colonizzazione inoltre proteggono da una serie di infezioni vaginali in femmine. Una volta che stabiliti, i batteri amichevoli (particolarmente del genere del lattobacillo) producono i disinfettanti naturali che contribuiscono a mantenere un pH ottimale e un equilibrio sano dei microrganismi utili nella vagina escludendo i batteri nocivi ed altri agenti patogeni.

Per esempio, determinati sforzi specifici dei lattobacilli producono le sostanze quali acido lattico, il perossido di idrogeno e le batteriocine, che inibiscono la crescita dei batteri implicata in vaginosi batterica. Ancora, questi batteri difabbricazione amichevoli possono inibire l'aderenza dei batteri nocivi responsabili della vaginosi batterica.

Evitare lievito cronico e le infezioni batteriche

I numerosi fattori possono rovesciare l'equilibrio delicato della microflora amichevole. Questi comprendono la terapia antibiotica, i cambiamenti dietetici, il tabagismo, l'attività sessuale ed i livelli di sforzo d'oscillazione. Indipendentemente dalla causa, tali perturbazioni possono condurre alla crescita eccessiva altro da un o agente patogeno, forse con conseguente temuto, ma terreno comunale, infezione di lievito o (ma niente di meno terreno comunale) stato poco-noto conosciuto come la vaginosi batterica.

Accompagnato spesso dall'odore, dallo scarico, dal dolore e dal itching o dalla bruciatura, la vaginosi batterica è realmente l'infezione vaginale più comune in donne dell'età di gravidanza. La vaginosi batterica è causata dalla crescita eccessiva dei batteri anaerobici quali la gardnerella, Mobiluncus, i batterioidi, o il micoplasma. I fattori di rischio stabiliti per questa circostanza comprendono l'infezione priore con il tipo del virus Herpes simplex - 2, avendo i partner sessuali multipli e bassi livelli di lattobacilli.8

Mentre chiaramente un fastidio, vaginosi batterica inoltre è associato con un rischio aumentato di sviluppare i termini più seri quale la malattia infiammatoria pelvica o sessualmente - infezioni trasmesse quali clamidia o la gonorrea. La vaginosi batterica può anche aumentare il rischio di complicazioni durante la gravidanza.8,9

Vaginal Microflora Disorders Exceptionally Common

Secondo un rapporto, ci sono più di 300 milione casi delle infezioni delle vie urinarie, della vaginosi batterica e della vaginite del lievito universalmente ogni anno.10 infezioni di lievito da solo colpiscono 75% delle donne americane durante i loro anni riproduttivi e 40-50% di queste donne resisterà agli episodi ricorrenti, mentre 5-8% infezioni croniche del candida di esperienza.11

Il trattamento standard per l'infezione di lievito comune del candida (tecnicamente chiamata candidosi vulvovaginal) richiede la terapia antifungina, con un agente orale, quali l'itraconazolo o il fluconazolo,12 o una crema vaginale più ingombrante o la supposta, che può richiedere le applicazioni multiple. La vaginosi batterica è trattata comunemente con un antibiotico, quali il metronidazolo o la clindamicine.13 in qualunque caso, gli scienziati notano che le infezioni ricorrenti di questo tipo sono “notoriamente difficili da dirigere,„ e possono causare moltissimi disagio, inconveniente e perfino emergenza psicologica.14

Dato l'alta prevalenza di queste infezioni ed in modo allarmante il tasso alto di ricorrenza, è chiaro che la maggior parte delle donne adulte potrebbero trarre giovamento dalla protezione preventiva.

Prevenzione preferibile al trattamento

Fortunatamente, gli scienziati hanno identificato le specie specifiche di batteri che sono particolarmente efficaci a proteggere la microflora vaginale ed intestinale, fornente la resistenza contro le perturbazioni che possono condurre alla crescita eccessiva con le specie decisamente poco amichevoli di lievito e di batteri.

Generalmente, questi batteri protettivi sono classificati come batteri verdi acido e o acidofili. I test clinici hanno indicato che i batteri del genere lattobacillo, in particolare, una volta consumati oralmente sono giornalmente particolarmente efficaci all'instaurazione ed a mantenere della microflora vaginale sana.

La vita comunemente trovata nell'armonia all'interno della vagina, studi ha indicato che determinate specie di lattobacillo sono capaci di inibizione della crescita degli organismi patogeni quali il gardnerella vaginalis ed il candida albicans. Questi stessi batteri difabbricazione amichevoli possono anche inibire i funghi sgraditi dall'aderenza al rivestimento della vagina, che impedisce l'infezione di lievito.15 un randomizzato recente, controllato con placebo, studio di prova alla cieca hanno trovato che le donne con i numeri alti dei lattobacilli nella vagina erano molto probabili harbor il lievito.16

Evitare lievito cronico e le infezioni batteriche

Due specie di lattobacillo in particolare, rhamnosus del L. (GR-1) e reuteri del L. (RC-14), sono state indicate per essere particolarmente esperte a colonizzare l'ambiente vaginale e combattere fuori tenta dai batteri e dai funghi sgraditi di guadagnare un appiglio. Nel 2001, aprire la strada alla ricerca condotta all'università di Ontario occidentale ha dimostrato la capacità di questi sforzi specifici di lattobacillo “di ristabilire e mantenere una flora urogenitale normale„ in donne dopo gli appena 28 giorni di uso orale quotidiano.17

Uno studio più recente ha esaminato il ruolo potenziale di questi probiotici orali nel trattamento della vaginosi batterica insieme con la terapia antibiotica standard. Lo studio ha iscritto 125 donne premenopausa con le infezioni batteriche diagnosticate della vagina.18 oggetti erano terapia antibiotica standard prescritta che consiste del metronidazolo (500 mg) preso due volte al giorno per una settimana. Ulteriormente, gli oggetti sono stati assegnati a caso due volte al giorno ad una dose dei probiotici orali, contenendo GR-1 e RC-14, o placebo inattivo, per un intero mese, cominciante il primo giorno del trattamento con l'antibiotico.

Che cosa dovete conoscere: Probiotici

I probiotici sono microrganismi che producono gli effetti benefici sulle sanità, come impedire equilibrio ottimale di pH vaginale del mantenimento, di infezioni, funzione immune sostenente ed impedire ai microbi nocivi di prosperare.

Gli scienziati hanno identificato due specie di batteri probiotici con i benefici notevoli per salute femminile. Conosciuto come il rhamnosus del lattobacillo (GR-1) e reuteri del lattobacillo (RC-14), questi probiotici mostrano gli effetti potenti nell'impedire e nel combattimento delle infezioni vaginali batteriche e fungose.

Dati clinici in modo convincente

Alla conclusione della prova di un mese, 88% delle donne che prendono sia i probiotici antibiotici che orali sono stati giudicati essere curati. Nel forte contrasto a questo tasso impressionante della cura, soltanto 40% delle donne che prendono la terapia antibiotica standard da solo sono stati trovati per essere curati. I conteggi del lattobacillo erano alti in 96% delle donne che avevano ricevuto la terapia probiotica, mentre i conteggi erano alti in soltanto 53% degli oggetti di controllo alla conclusione dello study.18 “questo studio ha mostrato l'uso efficace dei lattobacilli e l'antibiotico nell'estirpazione della vaginosi batterica,„ ha concluso i ricercatori. Chiaramente, il completamento orale quotidiano con i lattobacilli può dare un contributo significativo a salute vaginale.

La ricerca più iniziale ha indicato che la terapia probiotica orale quotidiana è non solo sicura, ma è inoltre efficace a spostare la microflora vaginale ad un da un ambiente adatto a agente a agente-resistente. In una prova randomizzata e controllata con placebo in 64 donne in buona salute, ricercatori canadesi ha indicato che due mesi della terapia con i probiotici orali quotidiani GR-1/RC-14 hanno spostato la microflora vaginale da una caratterizzata dai batteri potenzialmente patogeni ed il lievito (capace di causare infezione batterica della vaginosi o vaginite fungosa) “al normale Lattobacillo-ha colonizzato la microflora„ in 37% delle donne contro appena 13% delle donne che prendono il placebo.19

Sebbene apparentemente sano una volta in primo luogo iscritte, queste donne siano trovate sperimentare la vaginosi batterica non sintomatica, che è stata trattata con successo ristabilendo la microflora Lattobacillo-dominante normale con i probiotici orali.19,20

Completando con i probiotici

I probiotici sono organismi utili che forniscono agli esseri umani varie indennità-malattia. La prova di questi benefici è stata conosciuta a lungo, ma la scienza moderna recentemente ha cominciato soltanto ad approfondire i numerosi modi in cui questi microrganismi amichevoli migliorano il nostro benessere.

C'è prova ben fondata che i batteri utili, il rhamnosus GR-1 del L. e il reuteri RC-14 del L., forniscono le misure di sicurezza significative contro i disordini vaginali. Per le indennità-malattia femminili ottimali, i professionisti di sanità suggeriscono di completare con 5-10 miliardo unità formanti colonie (cfu) degli sforzi GR-1 e RC-14 dei lattobacilli ogni giorno. I prodotti dei lattobacilli richiedono la refrigerazione per la potenza ottimale.

I pazienti immunodepressi dovrebbero consultare un medico prima del complemento con gli agenti probiotici quale lattobacillo.

Lavorando per stabilire uno stato naturale di armonia, questi probiotici sono capaci di ristabilimento dell'equilibrio, di impedire l'infezione dai microbi nocivi e di riduzione dell'infiammazione in varie aree del corpo. •

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Monteleone G, Peluso I, Fina D, et al. batteri ed immunità mucosa. Dig Liver Dis. 2006 dicembre; 38 (supplemento 2): S256-60.

2. Mohamadzadeh m., Olson S, Kalina WV, et al. lattobacilli attiva le cellule dentritiche umane che cellule di T oblique verso polarizzazione dell'assistente 1 di T. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 22 febbraio 2005; 102(8): 2880-5.

3. Attività antagonistica di Hutt P, di Shchepetova J, di Loivukene K, di Kullisaar T, di Mikelsaar M. dei lattobacilli probiotici e bifidobacteria contro entero- e uropathogens. Microbiologia di J Appl. 2006 giugno; 100(6): 1324-32.

4. Reid G, Bruce aw. Probiotici per impedire le infezioni delle vie urinarie: la spiegazione razionale e la prova. Mondo J Urol. 2006 febbraio; 24(1): 28-32.

5. HM detto, Mohammed ZM. Assorbimento intestinale delle vitamine solubili in acqua: un aggiornamento. Curr Opin Gastroenterol. 2006 marzo; 22(2): 140-6.

6. Produzione di Conly JM, di Stein K. The dei menaquinones (vitamina K2) dai batteri intestinali ed il loro ruolo nell'omeostasi di mantenimento di coagulazione. Alimento Nutr Sci di Prog. 1992 ottobre; 16(4): 307-43.

7. Ewaschuk JB, LA di Dieleman. Probiotici e prebiotics nelle malattie intestinali infiammatorie croniche. Mondo J Gastroenterol. 7 ottobre 2006; 12(37): 5941-50.

8. Cherpes TL, SL più collinoso, LA di Meyn, Busch JL, Krohn mA. Un equilibrio delicato: i fattori di rischio per acquisizione della vaginosi batterica comprendono l'attività sessuale, l'assenza di lattobacilli producenti perossido dell'idrogeno, la corsa nera ed il tipo positivo del virus Herpes simplex - sierologia 2. Trasmettitore DIS del sesso. 2008 gennaio; 35(1): 78-83.

9. Disponibile a: http://www.cdc.gov/std/bv/STDFact-Bacterial-Vaginosis.htm. 18 dicembre 2007 raggiunto.

10. Agenti di Reid G. Probiotic per proteggere il tratto urogenitale dall'infezione. J Clin Nutr. 2001 febbraio; 73 (2 supplementi): 437S-43S.

11. Candidosi della vulvovaginite di Wilson C. Recurrent; una panoramica delle terapie tradizionali ed alternative. Infermiere Pract di adv. 2005 maggio; 13(5): 24-9.

12. Pitsouni E, Iavazzo C, Falagas ME. Itraconazolo contro il fluconazolo per il trattamento di candidosi vaginale e vulvovaginal acuta semplice in donne non gravide: Una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. J Obstet Gynecol. 2007; 7 dicembre.

13. DG di Ferris, ms di Litaker, Woodward L, Mathis D, Hendrich J. Treatment della vaginosi batterica: un confronto del metronidazolo orale, del gel vaginale del metronidazolo e della crema vaginale della clindamicine. J Fam Pract. 1995 novembre; 41(5): 443-9.

14. Watson C, rassegna completa di Calabretto H. dei metodi convenzionali e non convenzionali di gestione di candidosi vulvovaginal ricorrente. Aust NZ J Obstet Gynaecol. 2007 agosto; 47(4): 262-72.

15. Falagas ME, GI di Betsi, Athanasiou S. Probiotics per la prevenzione di candidosi vulvovaginal ricorrente: una rassegna. J Antimicrob Chemother. 2006 agosto; 58(2): 266-72.

16. Palladio di Ronnqvist, UB Forsgren-rude, Grahn-Hakansson EE. Lattobacilli nel tratto genitale femminile relativamente ad altri microbi genitali ed a pH vaginale. Acta Obstet Gynecol Scand. 2006;85(6):726-35.

17. Reid G, Beuerman D, Heinemann C, Bruce aw. Dose probiotica del lattobacillo richiesta di ristabilire e mantenere una flora vaginale normale. FEMS Immunol Med Microbiol. 2001 dicembre; 32(1): 37-41.

18. Anukam K, Osazuwa E, Ahonkhai I, et al. aumento della terapia antimicrobica del metronidazolo della vaginosi batterica con il rhamnosus probiotico orale GR-1 del lattobacillo e il reuteri RC-14 del lattobacillo: randomizzato, la prova alla cieca, placebo ha controllato la prova. I microbi infettano. 2006 maggio; 8(6): 1450-4.

19. Reid G, Charbonneau D, Erb J, et al. l'uso orale del rhamnosus GR-1 del lattobacillo e del fermentum RC-14 del L. altera significativamente la flora vaginale: prova randomizzata e controllata con placebo in 64 donne in buona salute. FEMS Immunol Med Microbiol. 20 marzo 2003; 35(2): 131-4.

20. Reid G, Burton J, Hammond JA, Bruce aw. Diagnosi a base d'acido nucleica della vaginosi batterica e della gestione migliore facendo uso dei lattobacilli probiotici. J Med Food. 2004;7(2):223-8.