Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2008
immagine

Miglioramento della longevità con la dieta Mediterranea di Miami

Da Michael Ozner, MD, FACC, Faha con Dale Kiefer

Conclusione

La dieta Mediterranea tradizionale lungamente è stata associata con la portata di lunga vita e un rischio in diminuzione di malattia degenerante e la scienza moderna ora conferma i vasti benefici di questo stile del cibo. Ora anche potete trarre i vantaggi di questa dieta tradizionale, facendo uso delle linee guida e dei piani del menu descritti nella dieta Mediterranea di Miami.

Miglioramento dei profili del lipido con la dieta Mediterranea

il Salute-miglioramento dei polifenoli trovati in olio d'oliva può essere una componente critica nella riduzione dell'ossidazione di LDL, che può essere uno dei meccanismi protettivi da cui la dieta Mediterranea riduce la coronaropatia. Una serie di studi in volontari sani hanno trovato quello contenente olio verde oliva di consumo una quantità aumentante di maggior protezione assicurata polifenoli contro l'ossidazione di LDL,66,67 mentre però favorevole amplificando i livelli di HDL.68,69

La dieta Mediterranea inoltre è stata indicata per lavorare meglio di una dieta a bassa percentuale di grassi rapidamente nell'abbassamento dei livelli di LDL come pure pressione sanguigna e glicemia.Ulteriore prova 70 di un effetto protettivo significativo viene da uno studio in corso in individui ad ad alto rischio della malattia cardiovascolare. I risultati di preliminare da questo studio indicano che coloro che migliora la loro dieta verso un modello Mediterraneo hanno riduzioni significative dei livelli di lipidi cellulari e dell'ossidazione di LDL. Lo studio fornisce ulteriore prova per raccomandare la dieta come strategia primaria utile di prevenzione per la coronaropatia.19

Delizioso e soddisfacente, la dieta Mediterranea di Miami ha aiutato molti individui a migliorare la loro salute cardiovascolare, ad evitare le procedure dilaganti, a perdere il peso, evitare il diabete e la sindrome metabolica ed a mantenere la loro vitalità giovanile. Spero che ci uniate in quanto segue questi dieta e stile di vita salutari. Potrebbe conservare appena la vostra vita.

Miglioramento dei profili del lipido con la dieta Mediterranea

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Michael Ozner, MD, FACC, FAHA è uno degli avvocati principali dell'America per la prevenzione della malattia cardiaca e di un altoparlante regionale e nazionale ben noto nel campo della cardiologia preventiva. Il Dott. Ozner è un cardiologo bordo-certificato, un collega dell'istituto universitario americano della cardiologia e dell'associazione americana del cuore, direttore medico del centro per la prevenzione e del benessere a Baptist Health South Florida e ad un assistente universitario clinico di medicina e della cardiologia all'university of miami Miller School di medicina. Inoltre, è il direttore medico per l'istituto cardiovascolare di prevenzione di Florida del sud e direttore del simposio per “la malattia cardiovascolare

Prevenzione,„ una riunione internazionale annuale che evidenzia gli sviluppi della cardiologia preventiva. Il Dott. Ozner è il presidente passato dell'associazione americana del cuore di Miami. Per più informazioni, visita www.cardiacoz.com.

Il nuovo studio mette la dieta Mediterranea di Miami in pratica

Su richiesta del governo di Saint Kitts e Nevis, il Dott. Michael Ozner, come co-ricercatore, sta sorvegliando uno studio di un anno e basato sulla popolazione sui benefici cuore-sani della dieta Mediterranea di Miami. In uno sforzo per impedire la malattia cardiaca in donne, questo studio studierà un programma globale di stile di vita che comprende la dieta di Miami, il completamento dell'olio di pesce e della vitamina, l'esercizio e la riduzione di sforzo Mediterranei come modello per la vita sana. Nel migliore dei casi, i risultati da questo studio serviranno da programma di salute preventiva per l'intero bacino caraibico.

Riferimenti

1. DAI J, Miller AH, Bremner JD, et al. aderenza alla dieta mediterranea è associato inversamente con fare circolare interleukin-6 fra gli uomini di mezza età: uno studio gemellato. Circolazione. 15 gennaio 2008; 117(2): 169-75.

2. DB di Panagiotakos, Arapi S, Pitsavos C, et al. La relazione fra aderenza alla dieta Mediterranea e la prognosi a breve termine e di severità delle sindromi coronariche acute (ACS): Lo studio greco di ACS (Il GREECS). Nutrizione. 2006 luglio; 22 (7-8): 722-30.

3. CA di Mitrou PN, di Kipnis V, di Thiebaut, et al. modello dietetico Mediterraneo e previsione di mortalità per tutte le cause in una popolazione degli Stati Uniti: risultati dallo studio di dieta e di salute di NIH-AARP. Med dell'interno dell'arco. 10 dicembre 2007; 167(22): 2461-8.

4. DB di Tzima N, di Pitsavos C, di Panagiotakos, et al. livelli Mediterranei di sensibilità dell'insulina e di dieta, di profilo del lipido e di pressione sanguigna, in gente di peso eccessivo ed obesa; lo studio di Attica. Salute DIS dei lipidi. 2007;622.

5. Trichopoulou A, olio d'oliva di Dilis V. e longevità. Mol Nutr Food Res. 2007 ottobre; 51(10): 1275-8.

6. Fito m., de la TR, Covas MI. Olio d'oliva e sforzo ossidativo. Mol Nutr Food Res. 2007 ottobre; 51(10): 1215-24.

7. Dieta di Esposito K, di Ciotola m., di Giugliano D. il Mediterranean e la sindrome metabolica. Mol Nutr Food Res. 2007 ottobre; 51(10): 1268-74.

8. Perez-Jimenez F, Ruano J, Perez-Martinez P, Lopez-Segura F, Lopez-Miranda J. L'influenza di olio d'oliva sulle sanità: non una questione di solo grasso. Mol Nutr Food Res. 2007 ottobre; 51(10): 1199-208.

9. Puel C, Coxam V, Davicco MJ. Prevenzione Mediterranea di osteoporosi e di dieta. Med Sci (Parigi). 2007 agosto; 23 (8-9): 756-60.

10. Rossi m., Negri E, Bosetti C, et al. dieta Mediterranea relativamente al rapporto dell'vita--anca e dell'indice di massa corporea. Salute pubblica Nutr. 2008 febbraio; 11(2): 214-7.

11. Sc di Burgener, Buettner L, Coen BK, et al. prova che sostiene gli interventi nutrizionali per le persone nel morbo di Alzheimer della fase iniziale (ANNUNCIO). Invecchiamento di salute di J Nutr. 2008 gennaio; 12(1): 18-21.

12. DB di Panagiotakos, Chrysohoou C, Pitsavos C, Stefanadis C. Association fra la prevalenza di obesità e l'aderenza alla dieta Mediterranea: lo studio di Attica. Nutrizione. 2006 maggio; 22(5): 449-56.

13. DB di Panagiotakos, Tzima N, Pitsavos C, et al. L'associazione fra aderenza alla dieta Mediterranea e gli indici di digiuno del homoeostasis del glucosio: ATTICA Study. J Coll Nutr. 2007 febbraio; 26(1): 32-8.

14. TB di Vanitallie. Ancel Keys: un tributo. Nutr Metab (Lond). 14 febbraio 2005; 2(1): 4.

15. Noè A, Truswell AS. Ci sono molte diete Mediterranee. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2001;10(1):2-9.

16. Dieta di Trichopoulou A. il Mediterranean: il passato ed il presente. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2001 agosto; 11 (4 supplementi): 1-4.

17. Simopoulos AP. Le diete del Mediterraneo: Che cosa è così speciale circa la dieta della Grecia? La prova scientifica. J Nutr. 2001 novembre; 131 (11 supplemento): 3065S-73S.

18. McKellar G, Morrison E, McEntegart A, et al. Uno studio pilota di un intervento Mediterraneo tipo di dieta in pazienti femminili con l'artrite reumatoide che vivono nelle aree di privazione sociale a Glasgow. Ann Rheum Dis. 2007 settembre; 66(9): 1239-43.

19. Fito m., Guxens m., Corella D, et al. effetto di una dieta Mediterranea tradizionale su ossidazione della lipoproteina: una prova controllata randomizzata. Med dell'interno dell'arco. 11 giugno 2007; 167(11): 1195-203.

20. Esposito K, Ciotola m., Giugliano F, et al. dieta Mediterranea migliora la funzione sessuale in donne con la sindrome metabolica. Ricerca di Int J Impot. 2007 settembre; 19(5): 486-91.

21. de Lorgeril M, dieta di Salen P. il Mediterranean ed acidi grassi n-3 nella prevenzione e nel trattamento della malattia cardiovascolare. Med di J Cardiovasc (Hagerstown.). 2007 settembre; 8 supplementi 1S38-S41.

22. Trichopoulou A, Bamia C, Norat T, et al. dieta e sopravvivenza Mediterranee modificate dopo infarto miocardico: lo studio Epico-anziano. EUR J Epidemiol. 2007 dicembre; 22(12): 871-81.

23. Dieta di Giugliano D, di Esposito K. Mediterranean e malattie metaboliche. Curr Opin Lipidol. 2008 febbraio; 19(1): 63-8.

24. Waterman E, componente attivi di Lockwood B. ed applicazioni cliniche di olio d'oliva. Altern Med Rev. 2007 dicembre; 12(4): 331-42.

25. Olio d'oliva di Caramia G. Virgin. Dalla leggenda a conoscenza scientifica degli aspetti nutraceutical. Pediatr Med Chir. 2006;28(1-3):9-23.

26. Spence JD. Prevenzione del colpo e di nutrizione. Colpo. 2006 settembre; 37(9): 2430-5.

27. Scarmeas N, Luchsinger JA, Mayeux R, dieta severa di Y. il Mediterranean e mortalità del morbo di Aalzheimer. Neurologia. 11 settembre 2007; 69(11): 1084-93.

28. Scarmeas N, Y severo, Mayeux R, Luchsinger JA. Dieta Mediterranea, morbo di Aalzheimer e mediazione vascolare. Arco Neurol. 2006 dicembre; 63(12): 1709-17.

29. Luchsinger JA, JM nobile, Scarmeas N. Diet e morbo di Alzheimer. Rappresentante di Curr Neurol Neurosci. 2007 settembre; 7(5): 366-72.

30. DB di Pitsavos C, di Panagiotakos, Tzima N, et al. dieta, esercizio e livelli C-reattivi della proteina nella gente con obesità addominale: lo studio epidemiologico di Attica. Angiologia. 2007 aprile; 58(2): 225-33.

31. Dhand R, sonno di Sohal H. Good, cattivo sonno! Il ruolo del giorno fa un sonnellino in adulti in buona salute. Med di Curr Opin Pulm. 2006 novembre; 12(6): 379-82.

32. Ruscelli A, mancanza L. Un breve pelo di pomeriggio dopo la restrizione notturna di sonno: la quale durata del pelo è la maggior parte a ricupero? Sonno. 1° giugno 2006; 29(6): 831-40.

33. Thakore AH, Guo CY, Larson MG, et al. associazione degli indicatori infiammatori multipli con spessore e stenosi mediali intimal carotici (dallo studio del cuore di Framingham). J Cardiol. 1° giugno 2007; 99(11): 1598-602.

34. Packard RR, Libby P. Inflammation nell'aterosclerosi: da biologia vascolare alla scoperta di biomarcatore ed alla previsione di rischio. Clin chim. 2008 gennaio; 54(1): 24-38.

35. Meccanismi infiammatori di Patel S, di Celermajer DS, di Bao S. Atherosclerosis-Underlying ed implicazioni cliniche. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 7 dicembre 2007.

36. Bonomini F, Tengattini S, Fabiano A, Bianchi R, Rezzani R. Atherosclerosis e sforzo ossidativo. Histol Histopathol. 2008 marzo; 23(3): 381-90.

37. PC di Calder. Immunomodulazione dagli acidi grassi omega-3. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2007 novembre; 77 (5-6): 327-35.

38. CN di Serhan, pro-risoluzione di Chiang N. Endogenous e mediatori antinfiammatori del lipido: un nuovo genere farmacologico. Br J Pharmacol. 29 ottobre 2007.

39. acidi grassi polinsaturi essenziali, infiammazione, aterosclerosi e malattie cardiovascolari di de Lorgeril M. Biochimica sottocellulare. 2007;42:283-97.

40. Simopoulos AP. Aspetti evolutivi della dieta, del rapporto omega-6/omega-3 e della variazione genetica: implicazioni nutrizionali per le malattie croniche. Biomed Pharmacother. 2006 novembre; 60(9): 502-7.

41. Salas-Salvado J, Garcia-Arellano A, Estruch R, et al. componenti degli indicatori infiammatori Mediterraneo tipi del modello e del siero dell'alimento fra i pazienti ad ad alto rischio per la malattia cardiovascolare. EUR J Clin Nutr. 18 aprile 2007.

42. Schmitz G, Ecker J. Gli effetti avversari degli acidi grassi n-3 e n-6. Ricerca del lipido di Prog. 25 dicembre 2007.

43. Il KA di Harvey, Arnold T, Rasool T, et al. acidi Trans-grassi induce le risposte pro-infiammatorie e la disfunzione endoteliale delle cellule. Br J Nutr. 10 ottobre 2007; 1-9.

44. WC di Willett. Acidi grassi del trasporto e dati malattia-epidemiologici cardiovascolari. Supplemento di Atheroscler. 2006 maggio; 7(2): 5-8.

45. Alipour A, van Oostrom AJ, Izraeljan A, et al. attivazione del leucocita delle dalle lipoproteine ricche di trigliceride. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 24 gennaio 2008.

46. Chatzi L, Apostolaki G, Bibakis I, et al. effetto protettivo dei frutti, verdure e la dieta Mediterranea su asma ed allergie fra i bambini in Creta. Torace. 2007 agosto; 62(8): 677-83.

47. Garcia-Marcos L, Canflanca IM, Garrido JB, et al. relazione di asma e del rhinoconjunctivitis con obesità, esercizio e dieta Mediterranea in scolari spagnoli. Torace. 2007 giugno; 62(6): 503-8.

48. Trichopoulou A, Costacou T, Bamia C, Trichopoulos D. Adherence ad una dieta e ad una sopravvivenza Mediterranee in una popolazione greca. Med 2003 di N Inghilterra J; 348:2599-2608.

49. Carruba G, Granata OM, Pala V, et al. Una dieta Mediterranea tradizionale fa diminuire gli estrogeni endogeni in donne postmenopausali in buona salute. Cancro di Nutr. 2006;56(2):253-9.

50. Menendez JA, tradizioni dietetiche di Lupu R. Mediterranean per il trattamento molecolare di cancro umano: azioni anti-oncogene dell'acido oleico dell'acido grasso monoinsaturo dell'olio d'oliva principale (18:1n-9). Curr Pharm Biotechnol. 2006 dicembre; 7(6): 495-502.

51. Salvini S, sieri F, Caruso D, et al. consumo quotidiano di olio d'oliva del supplemento-vergine del alto-fenolo riduce il danno ossidativo del DNA in donne postmenopausali. Br J Nutr. 2006 aprile; 95(4): 742-51.

52. Owen RW, Haubner R, Wurtele G, guscio E, Spiegelhalder B, Bartsch H. Olives e olio d'oliva nella prevenzione del cancro. Cancro Prev di EUR J. 2004 agosto; 13(4): 319-26.

53. Fini L, Hotchkiss E, Fogliano V, et al. proprietà di Chemopreventive di di olio d'oliva ricco pinoresinol comprende un'attivazione selettiva della cascata ATM-p53 nelle linee cellulari del tumore del colon. Carcinogenesi. 2008 gennaio; 29(1): 139-46.

54. MD di Brown, Hart CA, Gazi E, Bagley S, Clarke nanowatt. Promozione di migrazione metastatica prostatica verso lo stoma umano del midollo osseo da Omega 6 e la sua inibizione da Omega 3 PUFAs. Cancro del Br J. 27 marzo 2006; 94(6): 842-53.

55. Wu m., KA di Harvey, Ruzmetov N, et al. acidi grassi polinsaturi Omega-3 attenua la crescita del cancro al seno con l'attivazione di una via sphingomyelinase-mediata neutrale. Cancro di Int J. 10 novembre 2005; 117(3): 340-8.

56. De Caterina R, acidi grassi di Massaro M. Omega-3 ed il regolamento dell'espressione dei geni pro--atherogenic e pro-infiammatori endoteliali. J Membr Biol. 2005 luglio; 206(2): 103-16.

57. Trichopoulou A, Lagiou P, Kuper H, Trichopoulos D. Cancer e tradizioni dietetiche Mediterranee. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2000 settembre; 9(9): 869-73.

58. Esposito K, Marfella R, Ciotola m., et al. effetto di una dieta stile Mediterraneo su disfunzione endoteliale ed indicatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: una prova randomizzata. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1440-6.

59. Il Bondia-ponte I, Schröder H, Covas MI, et al. consumo moderato di olio d'oliva dall'uomo europeo in buona salute riduce la pressione sanguigna sistolica nei partecipanti di non Mediterraneo. J Nutr. 2007 gennaio; 137(1): 84-7.

60. Chen iarda, Coulston, Zhou MIO, CB di Hollenbeck, GM di Reaven. Perché le diete a bassa percentuale di grassi del alto-carboidrato accentuano il lipemia postprandiale in pazienti con NIDDM? Cura del diabete. 1995 gennaio; 18(1): 10-6.

61. RB di Singh, Dubnov G, Niaz mA, et al. effetto di una dieta di Indo-Mediterraneo sulla progressione della coronaropatia in pazienti ad alto rischio (studio del cuore di dieta di Indo-Mediterraneo): una prova a singolo-cieco randomizzata. Lancetta. 9 novembre 2002; 360(9344): 1455-61.

62. Castagnetta L, Granata OM, Cusimano R, et al. Il progetto Mediet. Ann NY Acad Sci. 2002 giugno; 963:282-9.

63. DB di Detopoulou P, di Panagiotakos, colina di Antonopoulou S, di Pitsavos C, di Stefanadis C. Dietary e assunzioni della betaina relativamente alle concentrazioni di indicatori infiammatori in adulti in buona salute: lo studio di Attica. J Clin Nutr. 2008 febbraio; 87(2): 424-30.

64. Zeisel SH. C'è una nuova componente della dieta Mediterranea che riduce l'infiammazione? J Clin Nutr. 2008 febbraio; 87(2): 277-8.

65. WC di Willett. La dieta Mediterranea: scienza e pratica. Salute pubblica Nutr. 2006; 9 (1A): 105-10.

66. Marrugat J, Covas MI, Fito m., et al. gli effetti del contenuto fenolico differente in oli d'oliva dietetici sui lipidi e sull'ossidazione-un di LDL hanno randomizzato la prova controllata. EUR J Nutr. 2004 giugno; 43(3): 140-7.

67. Weinbrenner T, Fito m., de la Torre R, et al. oli d'oliva alti in composti fenolici modula stato ossidativo/antiossidante negli uomini. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2314-21.

68. Gimeno E, Fito m., RM di Lamuela-Raventos, et al. effetto di ingestione di olio d'oliva vergine sulla composizione umana nella lipoproteina a bassa densità. EUR J Clin Nutr. 2002 febbraio; 56(2): 114-20.

69. Effetti a breve termine di Fito m., di Gimeno E, di Covas MI, et al. postprandiale e di olio d'oliva vergine dietetico sull'ossidante/sullo stato antiossidante. Lipidi. 2002 marzo; 37(3): 245-51.

70. Estruch R, Martínez-González mA, Corella D, et al. effetti di una dieta stile Mediterraneo sui fattori di rischio cardiovascolari: una prova randomizzata. Ann Intern Med. 4 luglio 2006; 145(1): 1-11.