Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 2008
Rapporti

Individui il vostro rischio di attacco di cuore e di colpo improvvisi

Da Laurie Barclay, MD

Vantaggi della prova di PLAC®

Lp-PLA2 non è influenzato dalla malattia acuta quali i freddo e le infezioni batteriche (come accade con proteina C-reattiva) e così serve da biomarcatore clinicamente utile per il rischio di evento cardiovascolare acuto. I risultati dei test erroneamente positivi di PLAC® possono accadere nella gente con i livelli maggiori di 110 mg/dL della lipoproteina ad alta densità (HDL), che ordinariamente riflette il rischio cardiovascolare più basso. Ciò può essere attribuita alle differenze genetiche possibili in individui con HDL in questa gamma.24

Vantaggi della prova di PLAC®

Lp-PLA2 fa ad un 5% solo valore premonitore importante anche sembrare dei pazienti ad alto rischio avere un evento cardiovascolare ricorrente durante i quattro - sei anni futuri in cui Lp-PLA2 sono nelle gamme più basse. I medici possono controllare così i livelli Lp-PLA2 in pazienti ad alto rischio per capire quando la placca arteriosa è stata stabilizzata.

Uno studio recente conferma che i bassi livelli di Lp-PLA2, insieme con altri indicatori meno convenzionali del rischio cardiovascolare, indicano molto un a basso rischio della sindrome coronarica acuta.25 dovrebbe essere notato che Lp-PLA2 in una persona non trattata può aumentare a tempo, in modo da un Lp-PLA2 basso in gente apparentemente in buona salute non dovrebbe essere usato per assicurare qualcuno che il loro rischio di vita è basso. Il monitoraggio regolare rimane importante per la prevenzione tutta la vita cardiovascolare di evento.

Sebbene LDL sia ampiamente usato come indicatore del rischio cardiovascolare, è molto premonitore che Lp-PLA2,26,27 che non aumenta fino ad infiammare ed avanzato la placca. Soltanto 1 in 500 particelle di LDL può essere associato con Lp-PLA2 e LDL può essere elevato per le decadi prima che Lp-PLA2 aumenti, segnalando un cambiamento da aterosclerosi cronica al rischio acuto per la rottura della placca.

I livelli di lipidi da solo forniscono poche informazioni sullo stato di salute della parete dell'arteria, mentre Lp-PLA2 è una misura diretta di. Rick Lanman, MD, capo ispettore sanitario e vice presidente esecutivo del diaDexus, il produttore della prova di PLAC®, note, “potete avere un paziente con la chirurgia dell'innesto del bypass coronarico che ha Lp-PLA2 basso perché sono su una statina e la loro placca è diventato stabile.„

La che ricerca supplementare è necessaria?

Le risposte supplementari per quanto riguarda il valore di abbassamento del Lp-PLA2 saranno prossime quando i risultati sono annunciati dalla prova IBIS-2. Questo grande studio sta esaminando gli effetti di un inibitore specifico di Lp-PLA2 in pazienti con aterosclerosi coronaria. Attualmente, non si sa se abbassare i livelli Lp-PLA2 riduce il rischio di eventi ischemici acuti.

I ricercatori da Mayo Clinic notano che i livelli Lp-PLA2 sono associati indipendente con il rischio cardiovascolare fra le popolazioni differenti ed attraverso i livelli differenti di colesterolo. Sostengono che questo sostiene la teoria che Lp-PLA2 non è appena un indicatore passivo del rischio, ma che attivamente è compreso nel causare la placca aterosclerotica che conduce all'attacco di cuore o al colpo acuto.6,11

Gli studi in popolazioni differenti e l'analisi statistica attenta sono necessari prima della conclusione che la prova di PLAC® è utile da predire il rischio di evento acuto in individui specifici. Alcuni studi hanno suggerito che i livelli di Lp-PLA2 potessero variare basato sul genere e sulla corsa,29,30 che suggeriscono che i valori specifici del rischio connessi con i livelli differenti di Lp-PLA2 potessero avere bisogno di di essere determinato per gli uomini e le donne delle corse differenti.

Uno studio molto utile esaminerebbe le riduzioni degli eventi cardiovascolari in un gruppo di pazienti che ricevono la prova di PLAC® oltre alla valutazione tradizionale e la gestione del rischio cardiovascolare, rispetto ad un gruppo di pazienti diretti soltanto con alla la valutazione del rischio basata Framingham tradizionale.

Più studi sono necessari conoscere che ogni quanto tempo la prova di PLAC® deve essere effettuata; il quanto valore deve essere dato a questa prova una volta usato come indicatore della presenza e della progressione di aterosclerosi; e quanto utile la prova è in coloro che riceve i vari trattamenti ed interventi quali le medicine per il diabete di tipo 2, l'ipertensione e la coronaropatia e chirurgia per la coronaropatia.

Il pannello di consenso sull'uso di prova Lp-PLA2 raccomanda gli studi futuri sui benefici di una droga che inibisce l'enzima Lp-PLA2; ulteriore valutazione di Lp-PLA2 più altri indicatori cardiovascolari di rischio per ristrutturare meglio le persone a rischio moderato; lo studio supplementare di Lp-PLA2 congiuntamente alla rappresentazione non invadente prova a migliore rilevazione dei pazienti a massimo e ad a basso rischio; e studi di redditività.7

Prova di PLAC®: Sensibile, affidabile e non invadente

Attualmente, la prova di PLAC® è la sola analisi del sangue rimossa dagli Stati Uniti Food and Drug Administration (FDA) per aiutare nella valutazione del rischio per sia la coronaropatia che il colpo ischemico connessi con aterosclerosi. L'approvazione 2005 di FDA dell'analisi del sangue Lp-PLA216 è basata sui risultati dal cuore-polmoni nazionale ed il rischio dell'aterosclerosi dell'istituto del sangue nelle Comunità (ARIC) studia, che hanno fatto partecipare più di 1.300 pazienti.28 lo studio approfondito di ARIC hanno indicato che gli individui con gli alti livelli di Lp-PLA2 hanno due volte il rischio di colpo aterosclerotico nel corso dei sei - otto anni futuri rispetto agli individui con i livelli normali Lp-PLA2. Lo studio inoltre ha trovato che gli individui con gli alti livelli degli entrambi proteina C-reattiva e Lp-PLA2 hanno avuti l'elevato rischio per gli eventi ed il colpo coronari futuri, dopo avere registrato per ottenere i fattori di rischio tradizionali.28

La rappresentazione verifica tipicamente il costo molto più della prova di PLAC®. Altri svantaggi della maggior parte delle prove della rappresentazione sono che sono che richiede tempo e comprendono l'esposizione a radiazioni. Tutto che sia necessario per la prova di PLAC® è un campione di sangue. Ulteriormente, la prova di PLAC® è coperta da Assistenza sanitaria statale e da molti assicuratori commerciali importanti. Non c'è nessun digiuno necessario per la prova di PLAC® ed il paziente può essere esaminato mentre prende i farmaci comunemente usati quali aspirin, Tylenol®, Benadryl® e Pravachol®.

Interpretazione dei risultati dei test di PLAC®

Sebbene le unità che misurano i livelli Lp-PLA2 siano differenti da quelle usate per misurare il colesterolo totale, le gamme connesse con i livelli differenti di rischio sono simili. I livelli premonitori Lp-PLA2 per gli eventi cardiovascolari acuti sono:

  • A basso rischio: ng/ml <200

  • Rischio limite: 200-235 ng/ml

  • Ad alto rischio: >235 ng/ml.

I livelli oltre 200 o 220 ng/ml molto altamente sono correlati con disfunzione endoteliale, che a sua volta altamente è correlata con gli eventi e la predisposizione cardiovascolari ad aterosclerosi. In pratica, la prova di PLAC® può aiutare i medici a determinare se qualcuno è alla parte alta del gruppo a basso rischio o al rischio moderato. Se hanno un Lp-PLA2 basso, le strategie di gestione meno aggressive possono essere indicate, mentre quelle con un di più alto livello di Lp-PLA2 più probabilmente avrebbero bisogno del trattamento intensivo.

Conclusione

La prevenzione della malattia cardiovascolare è essenziale per il mantenimento della durata lunga e sana. Eppure i fattori di rischio del monitoraggio come i livelli e la pressione sanguigna di colesterolo non è stato abbastanza per predire quali individui sono probabili soffrire dagli eventi ischemici acuti.

La prova di PLAC® offre un modo affidabile, economico e non invadente di determinazione quali individui sono ad ad alto rischio di sofferenza dagli eventi cardiovascolari potenzialmente micidiali quali attacco di cuore ed il colpo. Le informazioni importanti raccolte da questa tecnologia rivoluzionaria possono contribuire a dipingere un'immagine più accurata del rischio vero di un individuo di soccombere all'medici e pazienti dipermesso ischemici per implementare le strategie di gestione dei rischi aggressive per contribuire ad evitare la tragedia della morte e dell'inabilità cardiovascolari premature.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.webmd.com/heart-disease/news/20080616/tim-russerts-death-questions-answers. 16 giugno 2008 raggiunto.

2. Weintraub HS. Identificazione del paziente vulnerabile con placca rottura-incline. J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 3F-10F.

3. Wilensky RL, Hamamdzic D. La base molecolare di placca vulnerabile: ruolo terapeutico potenziale per l'immunomodulazione. Curr Opin Cardiol. 2007 novembre; 22(6): 545-51.

4. Naghavi m., Falk E, Hecht HS, scià PK. La prima linea guida di FORMA (selezione per la prevenzione e l'istruzione di attacco di cuore). Crit Pathw Cardiol. 2006 dicembre; 5(4): 187-90.

5. Malattia e genere di Clarke J. Heart nella stampa di massa. Menopausa Int. 2008 marzo; 14(1): 18-20.

6. CS di Lavi S, di McConnell JP, di Rihal, et al. produzione locale della fosfolipasi lipoproteina-collegata A2 e lisofosfatidilcolina nella circolazione coronaria: associazione con aterosclerosi coronaria iniziale e disfunzione endoteliale in esseri umani. Circolazione. 29 maggio 2007; 115(21): 2715-21.

7. Davidson MH, Corson mA, Alberts MJ, et al. raccomandazione del pannello di consenso per prova lipoproteina-collegata d'incorporazione della fosfolipasi A2 nelle linee guida di valutazione del rischio della malattia cardiovascolare. J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 51F-7F.

8. RM di Adibhatla, Dempsy R, allevatore JF. Integrazione di biologia di citochina e del metabolismo dei lipidi nel colpo. Front Biosci. 2008;13:1250-70.

9. Kolodgie FD, Burke AP, Skorija KS, et al. espressione Lipoproteina-collegata della proteina della fosfolipasi A2 nella progressione naturale di aterosclerosi coronaria umana. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 novembre; 26(11): 2523-9.

10. Mannheim D, Herrmann J, Versari D, et al. espressione migliorata di Lp-PLA2 e lisofosfatidilcolina in placche aterosclerotiche carotiche sintomatiche. Colpo. 2008 maggio; 39(5): 1448-55.

11. Lerman A, McConnell JP. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2: un indicatore di rischio o un fattore di rischio? J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 11F-22F.

12. Anderson JL. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2: un preannunciatore indipendente degli eventi della coronaropatia nella prevenzione primaria e secondaria. J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 23F-33F.

13. Corson mA, Jones pH, Davidson MH. Rassegna della prova per l'utilità clinica della fosfolipasi lipoproteina-collegata A2 come indicatore cardiovascolare di rischio. J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 41F-50F.

14. Il potenziale d'ossido-riduzione di Yang, McConnell JP, Lennon RJ, et al. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2 è un indicatore indipendente per disfunzione endoteliale coronaria in esseri umani. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 gennaio; 26(1): 106-11.

15. Daniels libbra, Laughlin GA, Sarno MJ, et al. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2 è un preannunciatore indipendente della coronaropatia di incidente in una popolazione più anziana apparentemente in buona salute: Rancho Bernardo Study. J Coll Cardiol. 4 marzo 2008; 51(9): 913-9.

16. PB di Gorelick. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2 e rischio di colpo. J Cardiol. 16 giugno 2008; 101 (12A): 34F-40F.

17. Sullivan LM, Massaro JM, Sr del RB di D'Agostino. Presentazione dei dati a più variabili per uso clinico: Le funzioni del punteggio di rischio dello studio di Framingham. Immediatamente Med. 30 maggio 2004; 23(10): 1631-60.

18. Raichlin E, McConnell JP, Bae JH, et al. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2 predice la progressione del rischio vasculopathy ed aumentato cardiaco dell'allotrapianto di eventi cardiovascolari nei pazienti sottoposti a trapianto del cuore. Trapianto. 15 aprile 2008; 85(7): 963-8.

19. Rosenson RS. Il fenofibrato riduce la fosfolipasi associata lipoproteina lipidi di massa ed ossidativi di A2 negli oggetti ipertrigliceridemici con la sindrome metabolica. Cuore J. 2008 di marzo; 155(3): 499.

20. Filippatos TD, Gazi SE, en di Liberopoulos, et al. L'effetto di orlistat e del fenofibrato, da solo o in associazione, su piccolo LDL denso e sulla fosfolipasi lipoproteina-collegata A2 in pazienti obesi con la sindrome metabolica. Aterosclerosi. 2007 agosto; 193(2): 428-37.

21. Schmidt eb, Koenig W, Khuseyinova N, Christensen JH. le concentrazioni Lipoproteina-collegate della fosfolipasi A2 in plasma sono associate con le dimensioni della coronaropatia e correlano ai livelli del tessuto adiposo di acidi grassi marini n-3. Aterosclerosi. 2008 gennaio; 196(1): 420-4.

22. KA di Kuvin JT, di Dave dm, di Sliney, et al. effetti della niacina del esteso-rilascio sulla dimensione delle particelle della lipoproteina, distribuzione ed indicatori infiammatori in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 settembre 2006; 98(6): 743-5.

23. Chethankumar m., attività biologica di Srinivas L. New contro la fosfolipasi A2 da Turmerin, una proteina dal curcuma longa L. Biol chim. 2008 marzo; 389(3): 299-303.

24. PESO di Kao, Yen YC, polmone FW. Gli effetti del polimorfismo del gene del recettore adrenergico beta2 nei profili del lipido. Salute DIS dei lipidi. 2008;720.

25. Mockel m., Danne O, Muller R, et al. sviluppo di una strategia ottimizzata del multimarker per la valutazione del rischio iniziale dei pazienti con le sindromi coronariche acute. Acta di Clin Chim. 2008 luglio; 393(2): 103-9.

26. Khush KK, acque D. Lessons dalla prova di PROVE-IT. Dose elevata della statina potente meglio per i pazienti ad alto rischio. Med di Cleve Clin J. 2004 agosto; 71(8): 609-16.

27. Pettiross SJ, Collins D, Nelson JJ, Bloomfield LUI, BF di Asztalos. Eventi cardiovascolari con la fosfolipasi lipoproteina-collegata aumentata A (2) e lipoproteina-colesterolo ad alta densità basso: la prova di intervento di affari HDL dei veterani. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2008 giugno; 28(6): 1172-8.

28. Ballantyne cm, Hoogeveen RC, il colpo H, et al. la fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2, la proteina C-reattiva della alto-sensibilità ed il rischio per il colpo ischemico di incidente in uomini ed in donne di mezza età nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studiano. Med dell'interno dell'arco. 28 novembre 2005; 165(21): 2479-84.

29. Brilakis es, Khera A, McGuire dk, et al. influenza della corsa e sesso ai livelli lipoproteina-collegati della fosfolipasi A2: osservazioni da Dallas Heart Study. Aterosclerosi. 2008 luglio; 199(1): 110-5.

30. EL-Saed A, Sekikawa A, Zaky RW, et al. associazione della fosfolipasi lipoproteina-collegata A2 con calcificazione coronaria fra gli uomini americani e giapponesi. J Epidemiol. 2007 novembre; 17(6): 179-85.