Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2008
Rapporti

Metodi naturali per l'inversione dell'aterosclerosi

Da Joanne Nicholas
Metodi naturali per l'inversione dell'aterosclerosi

Anche quando i cardiologi dirigono aggressivamente i livelli del colesterolo e della pressione sanguigna dei loro pazienti, milioni di Americani continuano a soffrire gli attacchi di cuore ed i colpi. La ragione è che molti cardiologi non riescono ad indirizzare la causa fondamentale chiave dell'arteria coronaria malattia-che di disfunzione endoteliale.

La disfunzione endoteliale è la causa principale del bloccaggio di aterosclerosi- delle arterie che aumenta il rischio di attacco di cuore, di colpo e di guasto di scompenso cardiaco. Fortunatamente, non è mai troppo recente per cominciare neutralizzare questa ripartizione circolatoria, che è spesso una parte del processo di invecchiamento.

Una ricchezza della ricerca ora indica parecchi polifenoli nutrizionali del cacao di suchas degli agenti, melograno e superossido dismutasi bioavailable (ZOLLA) che sono stati indicati per migliorare drammaticamente il flusso sanguigno arterioso, aiutando promuove la funzione endoteliale giovanile e protegge dai processi conosciuti per danneggiare le arterie di invecchiamento.

L'importanza di salute endoteliale

Molto pochi medici discutono l'importanza di salute endoteliale con i loro pazienti cardiaci. L'endotelio comprende lo strato sottile le cellule che allineano le superfici interne di intero apparato circolatorio compreso il cuore, i vasi sanguigni, il sistema linfatico e perfino i più piccoli capillari. Essenziale ai buona salute, l'endotelio mantiene la circolazione ininterrotta permettendo che il sangue scorra uniformemente ogni parte del corpo e partecipando al controllo di pressione sanguigna. Una delle sue funzioni più importanti è il rilascio di ossido di azoto, che segnala i muscoli lisci circostanti delle arterie per rilassarsi e dilatare, che aumenta il flusso sanguigno sano in tutto il corpo.1

L'importanza di salute endoteliale

Ma lo sforzo ossidativo nocivo, come quello che si presenta nell'ipertensione, ipercolesterolemia, il diabete, il tabagismo ed il processo stesso di invecchiamento inattiva l'ossido di azoto, quindi contribuente alla disfunzione endoteliale.2

Il danno accade quando l'integrità strutturale dell'endotelio è compromessa e non può più proteggere le pareti dell'arteria dall'infiltrazione di colesterolo, di trigliceridi e della lipoproteina a bassa densità (LDL). Quindi, la disfunzione endoteliale è uno dei primi punti nella creazione di accumulazione di aterosclerosi- di placca arteriosa che eleva il rischio per attacco di cuore, il colpo ed il guasto di scompenso cardiaco.3

Purtroppo, mentre invecchiamo, il nostro corpo perde continuamente la funzione endoteliale ottimale. Uno studio della ricerca ha pubblicato nella gerontologia del giornale che ha esaminato la gente in buona salute ha indicato che la funzione endoteliale diminuisce con l'aumento dell'età.4 ancora peggiore, una certa ricerca ha indicato che lo sviluppo di disfunzione endoteliale può cominciare fin dagli anni adolescenti.5 ricercatori cardiovascolari ritengono che l'endotelio abbia “un potenziale diagnostico e terapeutico enorme eppure in gran parte non sfruttato,„6 che è perché una migliore comprensione della disfunzione endoteliale può contribuire ad impedire o ritardare gli eventi cardiovascolari micidiali. Mentre gli scienziati continuano a dipanare le numerose cause della malattia cardiaca e dell'aterosclerosi, l'importanza di conservazione della salute endoteliale sta guadagnando l'apprezzamento.7

Fortunatamente, i ricercatori hanno identificato parecchi ingredienti nutrizionali innovatori che sembrano migliorare la salute endoteliale. Fra loro sono il cacao, il melograno e una formulazione bioavailable di superossido dismutasi (ZOLLA) GliSODin® chiamato. Negli studi pubblicati in pubblicazioni pari-esaminate, queste sostanze sono state indicate per avere proprietà che proteggono da disfunzione endoteliale, mentre indicatori clinici inversi d'aiuto di placca arteriosa.

Cacao: Un antiossidante naturale che conserva la salute cardiovascolare

Secoli prima che i confettieri europei trasformassero i fagioli della pianta di theobroma cacao per produrre una confezione che chiamiamo “il cioccolato,„ il cacao è stato utilizzato nel Messico e le zone di America Latina nella sua forma in polvere per gli scopi medicinali. Gli studi recenti in pubblicazioni mediche hanno trovato che il cacao può realmente essere cardioprotective e un nuovo studio lo ha mostrato che può anche potere invertire gli effetti di disfunzione endoteliale migliorando la dilatazione dei vasi sanguigni.8

Il cacao ha un'alta concentrazione di composti del polifenolo, specificamente classe A dei composti naturali chiamati flavonoidi. Gli scienziati hanno identificato parecchi flavanoli del cacao, compreso l'epicatechina e la catechina, che possono avvantaggiare la salute circolatoria. I flavanoli del cacao migliorano la funzione endoteliale migliorando la bioattività dell'ossido di azoto,9 il flusso sanguigno aumentante,9 che riducono la tendenza di formazione del coagulo di sangue,10 che riducono moderatamente l'ipertensione,11 e LDL d'aiuto resistono all'ossidazione, che può impedire l'accumulazione di placca aterosclerotica in pareti dell'arteria.12

Cacao: Un antiossidante naturale che conserva la salute cardiovascolare

Uno studio pubblicato nel giornale dell'istituto universitario americano della cardiologia8 ha trovato che quello dare del il cacao ricco di flavanolo ai pazienti diabetici ha migliorato la loro funzione vascolare. In un editoriale che accompagna il rapporto della ricerca, un altro gruppo degli scienziati ha notato che lo studio fornisce “la prova importante che i flavanoli del cacao hanno un effetto positivo sulla salute delle arterie.„13

Gli scienziati al dipartimento di nutrizione, università di California-Davis inoltre hanno trovato che il cacao ha avuto un effetto benefico su salute cardiovascolare. Il loro studio 2006 nel giornale di farmacologia cardiovascolare ha trovato che “il cacao ricco di flavanolo di consumo ed a prodotti basati a cacao possono migliorare la funzione endoteliale sia in compromesso in che individui altrimenti normali e in buona salute.„ Sei settimane del consumo del cacao hanno aumentato il flusso sanguigno hyperemic dell'arteria brachiale di fino a 76% rispetto ai valori basali. Ulteriormente, il consumo del cacao ha fatto diminuire i livelli di indicatore del sangue connesso con la formazione progressiva di lesioni aterosclerotiche, segnalante la protezione contro l'accumulazione di placca pericolosa.14

La ricerca importante dagli archivi della biochimica e della biofisica ha dimostrato un meccanismo biochimico possibile tramite cui il cacao può contribuire a conservare la salute vascolare. Facendo uso di una prova alla cieca, la progettazione di studio dell'incrocio, scienziati ha trovato che gli adulti che hanno consumato il cacao dimostrato hanno fatto diminuire l'attività enzimatica dell'arginasi. L'inibizione di arginasi è riferita per migliorare la vasodilatazione endoteliale-dipendente mettendo a disposizione più arginina. Così questo studio suggerisce che il cacao possa contribuire a promuovere la dilatazione sana del vaso sanguigno e la circolazione ottimale.15

Un test clinico recente ha esaminato gli effetti di cioccolato fondente compreso cacao liquido sulla funzione endoteliale e sulla pressione sanguigna in adulti di peso eccessivo. Il consumo di cioccolato fondente o di cacao del liquido ha migliorato la funzione endoteliale ed ha fatto diminuire la pressione sanguigna. Il cacao senza zucchero ha prodotto i maggiori miglioramenti nella funzione endoteliale, rispetto a cacao regolare che contenente lo zucchero. Ciò ha condotto gli autori di studio a concludere che lo zucchero può fare diminuire i benefici del cacao per salute endoteliale e pressione sanguigna e che le preparazioni senza zucchero del cacao possono offrire i benefici superiori.16

Questi risultati offrono il contributo potente al ruolo del cacao nel mantenimento della salute endoteliale ottimale.

Melograno: Una frutta antica che può invertire l'aterosclerosi

Una frutta esotica di cui il gusto e bei di semi colorati di rubino sono stati riveriti dai periodi antichi, il melograno (punica granatum) recentemente è stato universalmente stimata per le sue indennità-malattia cardiovascolari.

Melograno: Una frutta antica che può invertire l'aterosclerosi

Gli studi hanno trovato che il melograno ha proprietà antiossidanti potenti che sembrano proteggere il cuore ed i vasi sanguigni.Un succo di 17 melograni può avere proprietà anti-aterosclerotiche, rallentanti la progressione delle placche arteriose.18 promettenti possono essere i risultati dagli studi che indicano che il succo del melograno migliora l'ischemia indotta da stress in pazienti che già hanno avuti la malattia cardiovascolare ed aterosclerosi.19 manifestazioni del melograno anche si avvantaggia nella riduzione della pressione sanguigna sistolica.18 Punicalagins, tannini ed antociani sono le componenti principali in melograno che sono responsabili delle sue indennità-malattia antiossidanti e cardiovascolari.

Uno dei meccanismi chiave del melograno per l'appoggio della salute cardiovascolare è la sua capacità di modulare l'attività dell'ossido di azoto. In cellule endoteliali, il melograno migliora la bioattività della sintasi dell'ossido di azoto, un enzima che genera l'ossido di azoto.I 17 effetti antiossidanti del melograno inoltre contribuiscono a proteggere l'ossido di azoto dalla distruzione ossidativa, così assicurando la sua disponibilità per le funzioni nave-protettive essenziali.20,21

Metodi naturali per l'inversione dell'aterosclerosi

Un piccolo, nello studio controllato pubblicato in nutrizione clinica del giornale, in 10 pazienti con aterosclerosi e nella stenosi dell'arteria carotica (stringimento delle arterie principali nel collo che forniscono il sangue al cervello) potevano invertire gli effetti di aterosclerosi carotica completando la loro dieta con il succo del melograno ogni giorno per un anno. L'aterosclerosi dell'arteria carotica (misurata come spessore carotico di intima-media) è diminuito da un 30% notevole in coloro che ha consumato il quotidiano del succo del melograno, mentre è aumentato di 9% in pazienti che non hanno consumato il succo del melograno. In coloro che ha consumato il melograno, lo stato antiossidante di totale è stato aumentato di 130%, mentre i livelli del siero del sangue di stato ossidativo basale di LDL e di suscettibilità di LDL all'ossidazione erano entrambi ridotti significativamente, di 90% e di 59%, rispettivamente. La pressione sanguigna sistolica è stata ridotta di 12% dopo un anno di consumo del succo del melograno, ma non era più ancora riduttrice dopo due anni supplementari di consumo del succo del melograno. I ricercatori hanno suggerito che il miglioramento nella salute cardiovascolare dei pazienti “potrebbe essere collegato con le caratteristiche antiossidanti potenti dei polifenoli del succo del melograno.„18

Che cosa dovete conoscere: Metodi naturali per l'inversione dell'aterosclerosi
  • Molti cardiologi non riescono ad indirizzare una delle cause fondamentali chiave di disfunzione aterosclerosi-endoteliale.

  • La disfunzione endoteliale accade quando la struttura e la funzione delle cellule che allineano i vasi sanguigni sono alterate, flusso sanguigno sano di diminuzione e condurre all'accumulazione di placca aterosclerotica.

  • Ipertensione, fumare e l'aumento di processo stesso di invecchiamento il rischio per disfunzione endoteliale, che a sua volta aumenta il rischio per attacco di cuore, il colpo e l'infarto.

  • I polifenoli del cacao migliorano la funzione endoteliale, migliorano il flusso sanguigno, migliorano la resistenza di LDL all'ossidazione e modulano la pressione sanguigna. Il cacao senza zucchero sembra offrire i benefici superiori alle preparazioni che includono lo zucchero.

  • Gli aiuti del melograno migliorano la salute cardiovascolare sostenendo l'attività dell'ossido di azoto, invertendo l'accumulazione aterosclerotica della placca e migliorando la pressione sanguigna.

  • I livelli diminuiti della ZOLLA antiossidante degli enzimi sono stati collegati con la malattia cardiovascolare. Una formulazione bioavailable ha chiamato la spinta di aiuti di GliSODin® i livelli del corpo di ZOLLA mentre invertiva l'accumulazione di placca aterosclerotica.

Uno studio riferito nel giornale americano prestigioso della cardiologia inoltre ha dimostrato i benefici del succo del melograno nella gente con aterosclerosi. In un randomizzato, controllato con placebo, lo studio di prova alla cieca, 45 pazienti con la coronaropatia stabile che ha sofferto da ischemia indotta da stress (fornitura di sangue riduttrice al muscolo del cuore causato da aterosclerosi delle arterie coronarie) è stato assegnato a caso al succo del melograno della bevanda (quotidiano otto once) o ad un placebo ogni giorno. I partecipanti hanno subito parecchi test diagnostici cardiaci all'inizio ed alla conclusione della prova. Dopo tre mesi, le dimensioni misurabili di ischemia indotta da stress sono diminuito nel gruppo del melograno, ma sono aumentato di gruppo di controllo. Questo beneficio è stato osservato senza cambiamenti in farmaci, in glicemia, in emoglobina A1c, o nel peso cardiaca. I ricercatori hanno concluso che il consumo quotidiano di succo del melograno può migliorare l'ischemia del miocardio indotta da stress in pazienti con la coronaropatia.19

Questi studi dimostrano che il melograno offre le indennità-malattia cardiovascolari importanti per i pazienti che già soffrono da aterosclerosi e da disfunzione endoteliale e suggerisce che il melograno possa contribuire similmente a conservare il benessere cardiovascolare in gente in buona salute.

ZOLLA: Il proprio antiossidante del corpo

Uno degli enzimi più importanti nel corpo, superossido dismutasi (ZOLLA) è stato identificato dagli scienziati soltanto 40 anni fa.la ZOLLA 22 è l'enzima antiossidante principale che fornisce il primo punto enzimatico del corpo nel sistema di difesa contro lo sforzo ossidativo. Come agente antiossidante ed antinfiammatorio naturale, la ZOLLA mantiene la salute cellulare dalla riparazione cellulare d'attivazione. Per di più, la ZOLLA svolge un ruolo fondamentale in tessuti proteggenti da danno dallo sforzo dell'ossidante rimuovendo o neutralizzando il radicale del superossido che è stato implicato in molti stati di malattia compreso le malattie cardiovascolari e neurodegenerative infiammatorie di malattie, ed il cancro.23

Uno studio pubblicato nella circolazione del giornale nel 2002 ha trovato che in pazienti con infarto cronico, ad attività diretta a endoteliale della ZOLLA è stata ridotta sostanzialmente. I livelli diminuiti della ZOLLA sono stati collegati molto attentamente con lo sforzo ossidativo vascolare aumentato, che contribuisce a disfunzione endoteliale in infarto cronico.24

La ZOLLA inoltre ha qualità antinvecchiamento importanti. I topi che mancano di una forma di ZOLLA muoiono dallo sforzo ossidativo entro i giorni dalla nascita25 e quelli sono cresciuto senza un secondo tipo di ZOLLA sono altamente suscettibili dei problemi relativi all'età come le cataratte.26 purtroppo, i livelli della ZOLLA diminuiscono come noi cheriduciamo la nostra difesa contro i radicali liberi appena nel momento in cui l'attività del radicale libero del corpo è aumentata.27

Di conseguenza ha significato affinchè gli scienziati cerchi un modo aumentare i livelli della ZOLLA nel corpo per potere da trarre giovamento da questo antiossidante importante.28 scienziati dell'alimento hanno trovato che determinate specie di melone hanno contenuto naturalmente gli alti livelli di ZOLLA. Completando con questo estratto del melone, tuttavia, non è riuscito ad amplificare i livelli della ZOLLA nel corpo perché gli acidi e gli enzimi nell'apparato digerente hanno ripartito la ZOLLA prima che potrebbe essere assimilata nel corpo. Dopo molte approssimazioni successive, gli scienziati ZOLLA combinata con la proteina della gliadina dall'estratto del grano per creare un delivery system oralmente efficace hanno chiamato GliSODin® che è capace di aumento dei livelli del corpo di ZOLLA protettiva. Questa nuova forma bioavailable di ZOLLA attraversa lo stomaco intatto, quindi continua agli intestini, in cui è assorbita nella circolazione sanguigna.

ZOLLA: Il proprio antiossidante del corpo

Uno studio clinico conferma la capacità di GliSODin® di assicurare la protezione antiossidante al corpo. Per i 28 giorni, gli scienziati hanno completato gli animali con la ZOLLA standardizzata del melone o con l'estratto standardizzato della ZOLLA del melone combinato con gliadina (GliSODin®). I due gruppi sono stati valutati per vari biomarcatori dello sforzo ossidativo. Gli animali completati con GliSODin® hanno mostrato un'elevazione significativa nel fare circolare l'attività enzimatica antiossidante, correlata con una resistenza aumentata dei globuli rossi ad emolisi indotta da stress ossidativa (rottura). Al contrario, gli animali completati con il melone SI COPRONO DI ZOLLE da solo non hanno mostrato cambiamento nel loro livello di protezione antiossidante.29

Un altro studio potente ha dimostrato gli effetti protettivi di GliSODin® sull'apparato cardiovascolare. Un gruppo di medici ad una società della medicina preventiva a Parigi ha amministrato GliSODin® agli adulti invecchiati 30-60 anni a rischio della malattia cardiovascolare basata sui fattori genetici, sull'ematochimica, sulla pressione sanguigna, sull'indice di massa corporea (BMI) e su una storia del tabagismo. Notevolmente, i medici hanno trovato che due anni di completamento con GliSODin® realmente hanno invertito l'accumulazione di placca aterosclerotica nelle arterie carotiche, come determinato tramite le misurazioni agli ultrasuoni di spessore carotico di intima-media. Ulteriormente, il completamento di GliSODin® ha aumentato la capacità antiossidante negli oggetti.28

Insieme, questi risultati suggeriscono che GliSODin® possa offrire una strategia pratica per il mantenimento dei livelli giovanili di ZOLLA protettiva mentre invecchiamo, che possono contribuire per impedire e perfino disfunzione ed aterosclerosi endoteliali inverse.

Conclusione

La conservazione della funzione endoteliale ottimale è essenziale al mantenimento del flusso di sangue regolare attraverso le arterie e ad impedire l'accumulazione di placca aterosclerotica che può contribuire ad attacco di cuore, al colpo e ad altre malattie cardiovascolari. Le fonti antiossidanti potenti e naturali come cacao ed il melograno sono stati indicati per migliorare la salute cardiovascolare. In alcuni studi, il melograno ed il cacao sono stati indicati per limitare o invertire l'aterosclerosi, ipertensione più bassa e migliorano la funzione endoteliale nella gente con i problemi arteriosi più seri, compreso la malattia cardiaca ed il diabete. Gli scienziati continuano a ricercare il superossido dismutasi, il proprio antiossidante potente del corpo. Ora che è bioavailable come GliSODin® completare il corpo che diminuisce naturalmente i livelli, c'è un'altra strategia antinvecchiamento potente per mantenere la funzione endoteliale sana e da contribuire ad impedire o invertire l'aterosclerosi.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800- 226-2370.

Riferimenti

1. Nitenberg A. Hypertension, disfunzione endoteliale e rischio cardiovascolare. Arco Mal Coeur Vaiss. 2006 ottobre; 99(10): 915-21.

2. Cai H, DG di Harrison. Disfunzione endoteliale nelle malattie cardiovascolari: il ruolo dello sforzo dell'ossidante. Circ Res. 2000 10 novembre; 87(10): 840-4.

3. Brocq ml, Leslie SJ, Milliken P, Megson IL. Disfunzione endoteliale: dai meccanismi molecolari alla misura, alle implicazioni cliniche ed alle opportunità terapeutiche. Segnale di redox di Antioxid. 2008 settembre; 10(9): 1631-74.

4. Il BB di Yavuz, Yavuz la B, DD di Sener, et al. l'età avanzata è associato con disfunzione endoteliale negli oggetti anziani in buona salute. Gerontologia. 2008;54(3):153-6.

5. Aggoun Y, Farpour-Lambert NJ, Marchand LM, Golay E, Maggio ab, Beghetti M. le funzionalità del muscolo endoteliali e regolari di Impaired e rigidezza arteriosa compare prima di pubertà in bambini obesi ed è associato con pressione sanguigna ambulatoria elevata. Cuore J. 2008 di EUR marzo; 29(6): 792-9.

6. WC di Aird. Eterogeneità fenotipica dell'endotelio: I. Struttura, funzione e meccanismi. Circ Res. 2 febbraio 2007; 100(2): 158-73.

7. Münzel T, C Sinning, posta F, Warnholtz A, Schulz E. Pathophysiology, diagnosi ed implicazioni prognostiche di disfunzione endoteliale. Ann Med. 2008;40(3):180-96.

8. Balzer J, Rassaf T, Heiss C, et al. benefici continui nella funzione vascolare attraverso cacao flavanolo-contenente in pazienti diabetici medicati una prova doppio mascherata, randomizzata, controllata. J Coll Cardiol. 3 giugno 2008; 51(22): 2141-9.

9. Heiss C, Dejam A, Kleinbongard P, et al. effetti vascolari dei ricchi del cacao in flavan-3-ols. JAMA. 27 agosto 2003; 290(8): 1030-1.

10. Holt RR, DD di Schramm, CL entusiasta, Lazzaro SA, Schmitz HH. Consumo del cioccolato e funzione della piastrina. JAMA. 1° maggio 2002; 287(17): 2212-3.

11. Grassi D, Necozione S, Lippi C, et al. cacao riduce la pressione sanguigna e l'insulino-resistenza e migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in hypertensives. Ipertensione. 2005 agosto; 46(2): 398-405.

12. Il babza S, Natsume m., Yasuda A, et al. plasma LDL e colesterolo di HDL e concentrazioni ossidate di LDL è alterato negli esseri umani ipercolesterolemici e del normo- dopo assunzione dei livelli differenti di cacao in polvere. J Nutr. 2007 giugno; 137(6): 1436-41.

13. Campia U, Panza JA. di cacao ricco di flavanolo un intervento dietetico nuovo di promessa per ridurre rischio cardiovascolare in diabete di tipo 2? J Coll Cardiol. 3 giugno 2008; 51(22): 2150-2.

14. Wang-Polagruto JF, CA di Villablanca, Polagruto JA, et al. consumo cronico di di cacao ricco di flavanolo migliora la funzione endoteliale e fa diminuire la molecola di adesione cellulare vascolare in donne postmenopausali ipercolesterolemiche. J Cardiovasc Pharmacol. 2006; 47 supplementi 2S177-86.

15. Schnorr O, Brossette T, mamma TY, et al. flavanoli del cacao abbassa l'attività vascolare dell'arginasi in cellule endoteliali umane in vitro ed in eritrociti in vivo. Biochimica Biophys dell'arco. 6 marzo 2008.

16. Faridi Z, Njike VY, Dutta S, Ali A, Katz DL. Ingestione acuta del cacao e del cioccolato fondente e funzione endoteliale: una prova controllata randomizzata dell'incrocio. J Clin Nutr. 2008 luglio; 88(1): 58-63.

17. de Nigris F, Williams-Ignarro S, Botti C, Sica V, Ignarro LJ, succo di Napoli C. Pomegranate riduce il downregulation ossidato della lipoproteina a bassa densità della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto in cellule endoteliali coronarie umane. Ossido di azoto. 2006 novembre; 15(3): 259-63.

18. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

19. MD di Sumner, Elliott-Eller m., Weidner G, et al. effetti del consumo del succo del melograno su aspersione del miocardio in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 settembre 2005; 96(6): 810-4.

20. Ignarro LJ, Byrns CON RIFERIMENTO A, Sumi D, de Nigris F, succo di Napoli C. Pomegranate protegge l'ossido di azoto dalla distruzione ossidativa e migliora le azioni biologiche di ossido di azoto. Ossido di azoto. 2006 settembre; 15(2): 93-102.

21. de Nigris F, Williams-Ignarro S, Sica V, et al. effetti di una frutta del melograno estrae i ricchi nel punicalagin ai sui geni ossidazione sensibili e nell'attività del eNOS ai siti della resistenza di taglio e del atherogenesis perturbati. Ricerca di Cardiovasc. 15 gennaio 2007; 73(2): 414-23.

22. McCord JM, superossido dismutasi di Fridovich I. Una funzione enzimatica per erythrocuprein (hemocuprein). Biol chim. di J. 25 novembre 1969; 244(22): 6049-55.

23. McCord JM, Edeas mA. ZOLLA, sforzo ossidativo e patologie umane: una breve storia e una visione futura. Biomed Pharmacother. 2005 maggio; 59(4): 139-42.

24. Landmesser U, Spiekermann S, Dikalov S, et al. sforzo ossidativo vascolare e disfunzione endoteliale in pazienti con infarto cronico: ruolo della xantina ossidasi e del superossido dismutasi extracellulare. Circolazione. 10 dicembre 2002; 106(24): 3073-8.

25. Sforzo ossidativo di Melov S. Mitochondrial. Conseguenze e potenziale fisiologici per un ruolo nell'invecchiamento. Ann N Y Acad Sci. 2000 giugno; 908:219-25.

26. Behndig A, Karlsson K, Reaume AG, Sentman ml, Marklund SL. Cataratta fotochimica in vitro in topi che mancano del superossido dismutasi dello rame-zinco. Med libero di biol di Radic. 15 settembre 2001; 31(6): 738-44.

27. Pansarasa O, Castagna L, Colombi B, Vecchiet J, Felzani G, Marzatico F. Age e differenze del sesso in muscolo scheletrico umano: ruolo delle specie reattive dell'ossigeno. Ricerca libera di Radic. 2000 settembre; 33(3): 287-93.

28. Cloarec m., Caillard P, prevosto JC, et al. GliSODin, una zolla vegetale con gliadina, come agente preventivo contro aterosclerosi, come confermato con rappresentazione carotica di ultrasuono-b. EUR Ann Allergy Clin Immunol. 2007 febbraio; 39(2): 45-50.

29. Vouldoukis I, Conti m., Krauss P, et al. il completamento con l'estratto gliadina-combinato del superossido dismutasi della pianta promuove le difese antiossidanti e protegge dallo sforzo ossidativo. Ricerca di Phytother. 2004 dicembre; 18(12): 957-62.