Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2008
immagine

Livelli carenti di vitamina D connessi con il rischio aumentato di attacco di cuore

Livelli carenti di vitamina D connessi con il rischio aumentato di attacco di cuore

Gli uomini che hanno livelli carenti di vitamina D avere un maggior rischio di infarto miocardico (attacco di cuore) che gli uomini di cui i livelli ematici della vitamina sono sufficienti, ricercatori di Harvard hanno riferito negli archivi di medicina interna. *

Gli scienziati hanno esaminato i dati dagli uomini invecchiati 40 - 75 chi ha partecipato allo studio di approfondimento dei professionisti del settore medico-sanitario. I campioni di sangue raccolti dal 1993 al 1995 sono stati analizzati per la idrossilato-vitamina D del plasma 25 come pure i livelli del trigliceride e della lipoproteina e sono a dieta ed i fattori di stile di vita sono stati accertati di via i questionari.

Durante i 10 anni di seguito, 454 uomini hanno sofferto la coronaropatia mortale o l'attacco di cuore non fatale. Questi oggetti sono stati abbinati per l'età, lo stato di fumo ed il periodo della raccolta del sangue con 900 uomini senza malattia cardiaca.

L'analisi di regolato ha trovato che oggetti con i livelli di vitamina D del plasma di ng/ml ≤15 (37 nmol/L) hanno avuti un rischio maggior 2,42 volte di attacco di cuore rispetto a quelli di cui i livelli erano sufficienti ≥30 al ng/ml (75 nmol/L). Gli uomini con i livelli intermedi di vitamina D hanno fatti un maggior rispetto rischio 43-60% di attacco di cuore agli uomini che hanno avuti livelli sufficienti. Gli uomini con i bassi livelli di vitamina D erano più probabili vivere negli stati nordici e meno probabile essere bianchi o usare un supplemento del multivitaminico.

Gli autori hanno citato l'effetto della d della vitamina su proliferazione delle cellule di muscolo liscio, su infiammazione, sulla calcificazione vascolare e sulla pressione sanguigna come meccanismi protettivi possibili contro infarto miocardico.

“Questi risultati avanzano il supporto un ruolo importante per la vitamina D nel rischio di infarto miocardico,„ gli autori hanno scritto. “I risultati attuali aggiungono ulteriore supporto che i requisiti dietetici correnti della vitamina D devono essere aumentati per avere un effetto sul fare circolare 25 livelli di hydroxyvitamin D sostanzialmente abbastanza grandi per le indennità-malattia potenziali.„

— Dayna Dye

Riferimento

* Giovannucci E, Liu Y, Hollis BW, Rimm eb. 25 hydroxyvitamin D e rischio di infarto miocardico in uomini: uno studio prospettivo. Med dell'interno dell'arco. 9 giugno 2008; 168(11): 1174-80.

La vitamina D prolunga la sopravvivenza del cancro al seno

La vitamina D prolunga la sopravvivenza del cancro al seno

I pazienti di cancro al seno con i livelli ematici insufficienti di vitamina D possono avere la sopravvivenza e prognosi più difficili che quelle con i livelli adeguati “della vitamina del sole. „ *

In uno studio presentato ad un incontro recente della società americana dell'oncologia clinica, gli scienziati dall'università di Toronto hanno misurato i livelli ematici di vitamina D in 512 donne con un'età media di 50 anni che recentemente erano stati diagnosticati con cancro al seno ed hanno seguito il loro progresso per una mediana di 12 anni.

All'inizio dello studio, soltanto 24% delle donne ha avuto livelli ematici adeguati di vitamina D (ng/ml >29 o 72 nmol/L) mentre quasi 38% ha avuto livelli carenti (ng/ml <20 o 50 nmol/L). Per la fine dello studio,

le donne D-carenti della vitamina all'entrata di studio hanno fatte rispetto il rischio quasi doppio di loro malattia che progredisce e un rischio maggior 73% di morte alle donne che hanno avute livelli adeguati.

Gli autori di studio hanno notato questo è “la prima volta che la vitamina D è stata collegata alla progressione del cancro al seno.„ Hanno aggiunto che “la carenza di vitamina D è comune alla diagnosi del cancro al seno„ ed alle analisi del sangue sottolineate assicurare i livelli adeguati della vitamina, particolarmente in donne con cancro al seno.

— Bina Singh

Riferimento

* Disponibile a: http://www.asco.org/ASCO/ Abstracts+%26+Virtual+Meeting/Abstracts? &vmview=abst_detail_view&confID=55&abstractID=31397. 12 giugno 2008 raggiunto.

L'insulina inalata aumenta Lung Cancer Risk

L'insulina inalata aumenta Lung Cancer Risk

Una relazione approfondita del Dott. T.R. Shantha nell'emissione del settembre 2007 di prolungamento della vita ha avvertito che l'insulina inalata potrebbe aumentare il rischio di cancro.1 due mesi più successivamente, prodotti farmaceutici di Pfizer, il più grande creatore di insulina inalata, vendite bruscamente fermate del suo prodotto Exubera®.2 

Un nuovo studio può rivelare perché. Un esame dei dati di test clinico mostra un aumento drammatico nell'incidenza del cancro polmonare fra gli utenti di insulina inalata.3

L'insulina è un fattore di crescita debole che può promuovere la crescita aberrante delle cellule.1 la quantità di insulina utilizzata in prodotti inalati è tre - dieci volte maggior dell'uso dei diabetici di quantità per l'iniezione sottocutanea, poiché poco più di 10% di insulina inalata raggiunge gli alveoli dei polmoni per assorbimento sistemico.4,5

Il Dott. Shantha lungamente ha ritenuto che l'insulina inalata potesse fungere da agente dipromozione per incoraggiare la crescita del cancro nei rivestimenti della bocca, la gola, la lingua, le guance, le gomme, le tonsille, la trachea, l'albero bronchiale, le corde vocali, la laringe, il naso ed i seni nasali dell'aria, la mucosa olfattiva ed i polmoni. Più ulteriormente, il Dott. Shantha ritiene che l'insulina inalata migliori gli effetti cancerogeni dei prodotti del tabacco e che il suo uso molto diffuso aumenterà drammaticamente l'incidenza del cancro.

Il prolungamento della vita estende i suoi complimenti al Dott. Shantha, che ha avvertito circa i pericoli potenziali di insulina inalata da quando è stato in sviluppo dalle varie ditte farmaceutiche. Quando l'approvato dalla FDA l'uso di insulina inalata, il Dott. Shantha ha scritto un articolo che riferisce i suoi sospetti dei pericoli della droga per mettere lo sviluppatore e FDA del prodotto sull'avviso. Non ha avuto potere, tuttavia, di fermare l'approvazione della droga da FDA e la sua vendita al pubblico.

Il Dott. Shantha ha ringraziato personalmente il prolungamento della vita per avere il coraggio pubblicare i suoi risultati in un momento in cui FDA e le ditte farmaceutiche principali hanno assicurato che l'insulina inalata era sicura. “Tre anni che ho avvertito circa questi rischi di cancro e nessuno ha ascoltato me eccetto il fondamento del prolungamento della vita,„ ha dichiarato.

L'insulina inalata può aggiungersi così alla lista lunga delle droghe che FDA approva come “cassaforte,„ ma poi è rimossa dal mercato a causa dei rischi di effetto collaterale.

— Alan Rosen

Riferimento

1. Shantha TR. Rischi sanitari sconosciuti di insulina inalata. Prolungamento della vita. 2007 settembre; 13(9): 79-82.
2. Impermeabile GS. Scarichi Exubera di Pfizer. Nat Biotechnol. 2007 dicembre; 25(12): 1331-2.
3. Disponibile a: http://www.medscape.com/viewarticle/572779. 27 giugno 2008 raggiunto.
4. Agu RU, Ugwoke MI, Armand m., Kinget R, Verbeke N. Il polmone come itinerario per la consegna sistemica delle proteine e dei peptidi terapeutici. Ricerca di Respir. 2001;2(4):198-209.
5. Disponibile a: http://formularyjournal.mediwire.com/main/Default.aspx?P=Content&ArticleID=282691. 2 luglio 2008 raggiunto.

Gli estratti di Apple impediscono il danno dello stomaco dovuto Aspirin

Gli estratti di Apple impediscono il danno dello stomaco dovuto Aspirin

Il polifenolo di Apple estrae i ratti protetti da danno dello stomaco dovuto aspirin in uno study.* italiano Aspirin, un anti-infiammatorio non steroideo (NSAID), può causare i problemi gastrointestinali quali emorragia e le ulcere, anche alle dosi basse date per salute cardiovascolare.

In questo studio, 45 ratti non hanno subito il pretrattamento con gli estratti del polifenolo della mela o pretrattamento, seguito dall'amministrazione di aspirin per produrre la lesione dello stomaco. Il pretrattamento del polifenolo di Apple ha ridotto la lesione microscopica e macroscopica dello stomaco di 40-45% rispetto ai ratti non trattati ed ha impedito gli aumenti in cyclo-oxygenase-2 ed in altre sostanze offensive. La protezione è stata osservata dopo sia la lesione acuta che cronica di aspirin. I polifenoli di Apple non hanno interferito con la secrezione acida gastrica o i livelli ematici terapeutici di aspirin.

Il dosaggio dell'estratto del polifenolo della mela dato ai ratti era equivalente a circa due mele al giorno per un essere umano. Facendo uso di un prodotto alimentare naturale con gli effetti antiossidanti può provare più sicuro e più economico dei farmaci che inibiscono la secrezione acida gastrica, quali gli inibitori della pompa del protone.

— Laura J. Ninger, ELS

Riferimento

* D'Argenio G, Mazzone G, Tuccillo C, et al. gli estratti del polifenolo di Apple previene danni da indottoindotto da aspirin to la mucosa gastrica del ratto. Br J Nutr. 16 maggio 2008: 1-9.

Il fondamento di ricerca antinvecchiamento riceve lo stato caritatevole

La lacuna fra la ricerca antinvecchiamento e le sue applicazioni mediche si è mossa recentemente più vicino dall'assegnazione di uno stato caritatevole nuovo per il fondamento di ricerca di Biogerontology (BGRF) nel UK.*

Il fondamento, che è stato iniziato con l'aiuto di alcuni degli scienziati più prominenti e degli uomini d'affari del mondo, attivamente persegue i progetti di ricerca che mirano alle cause della malattia relativa all'età piuttosto che appena i suoi sintomi. Sviluppando gli interventi biotecnologici per impedire o il remediate i deficit molecolari e cellulari che si accumulano con invecchiamento, il fondamento indirizza il danno di invecchiamento al suo livello più fondamentale.

Facendo uso dell'intero campo di azione di biotecnologia moderna, il fondamento rappresenta un'opportunità importante di produrre gli efficaci e trattamenti durevoli per le malattie e le inabilità di invecchiamento. Per ulteriori informazioni sul BGRF e come potete donare al fondamento, contatti prego il Dott. Alex Zhavoronkov ad alex.zhavoronkov@bg-rf.org.uk.

— Bina Singh

Riferimento

* Disponibile a: http://www.prlog.org/10078538-biogerontology-research-foundation-receives-charitable-status-from-the-charity-commission.html. 12 giugno 2008 raggiunto.

La luteina, DHA può impedire la degenerazione maculare senile

La luteina, DHA può impedire la degenerazione maculare senile

Il completamento con luteina, un antiossidante e un acido docosaesaenoico (DHA), un acido grasso omega-3, promuove rispettivamente i cambiamenti utili nell'occhio che può contribuire ad impedire la luteina maculare relativa all'età di degeneration.* e DHA sono componenti importanti del pigmento e della retina maculari.

I partecipanti erano 49 donne invecchiate 60 - 80 anni che sono stati assegnati a caso per prendere DHA (800 mg/giorno), la luteina (12 mg/giorno), DHA + la luteina, o placebo. Gli scienziati hanno scelto questa popolazione perché il rischio di degenerazione maculare aumenta con l'età. Il risultato di studio era densità ottica del pigmento maculare misurata nell'occhio dopo quattro mesi del completamento.

Il completamento della luteina ha aumentato la densità maculare del pigmento nella maggior parte dei oggetti. DHA inoltre ha migliorato la densità maculare del pigmento, sebbene in altre regioni dell'occhio. DHA può esercitare i suoi effetti in parte amplificando i livelli ematici di lipoproteina ad alta densità utile (HDL), che facilita l'assorbimento di luteina nell'occhio.

— Laura J. Ninger, ELS

Riferimento

* Johnson EJ, Chung HY, Caldarella MP, Snodderly dm. L'influenza di luteina e di acido docosaesaenoico supplementari sul siero, sulle lipoproteine e sulla pigmentazione maculare. J Clin Nutr. 2008 maggio; 87(5): 1521-9.

L'estratto di Pygeum Africanum impedisce il carcinoma della prostata

L'estratto di Pygeum Africanum impedisce il carcinoma della prostata

La nuova ricerca aggiunge ulteriore credito alla nozione che può essere possibile impedire l'avvenimento di carcinoma della prostata con l'uso regolare di extracts.* botanico

Gli scienziati all'università di Missouri-Colombia hanno indicato che un estratto di africanum di Pygeum è capace di inibizione della crescita e dell'induzione del suicidio cellulare in due linee cellulari umane standard del carcinoma della prostata nella cultura del tessuto. Ancora, l'estratto è stato indicato per ridurre acutamente l'incidenza di carcinoma della prostata nei topi del laboratorio geneticamente costruito per sviluppare la malattia.

Gli estratti della corteccia del africanum di Pygeum, o la prugna africana, albero sono stati utilizzati più recentemente per il controllo dell'iperplasia prostatica benigna (BPH) in Europa per una serie di anni e, per la promozione di salute generale della prostata e la prevenzione di carcinoma della prostata negli Stati Uniti.

Il africanum di Pygeum… ha un ruolo significativo nel regolamento di carcinoma della prostata… e quindi può essere un supplemento utile per la gente ad ad alto rischio per carcinoma della prostata di sviluppo,„ ricercatori conclusivi.

— Dale Kiefer

Riferimento

* Shenouda NS, ms di Sakla, Newton LG, et al. africanum di Pygeum del fitosterolo regola il carcinoma della prostata in vitro e in vivo. Ghiandola endocrina. 2007 febbraio; 31(1): 72-81.

Continuato alla pagina 2 di 2