Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista aprile 2009
COME lo vediamo

Integratori alimentari nell'ambito dell'attacco

Da William Faloon

Una causa nascosta di attacco di cuore e del colpo

Anche quando tutti i fattori di rischio convenzionali sono controllati, il declino progressivo di ossido di azoto nella parete arteriosa (l'endotelio) conduce troppo spesso ad attacco di cuore ed al colpo coronari.68-75

Una causa nascosta di attacco di cuore e del colpo

Sette anni fa, i ricercatori del prolungamento della vita hanno identificato un composto critico (tetrahydrobiopterin) che è un cofattore essenziale per l'enzima che sintetizza l'ossido di azoto nell'endotelio.76 abbiamo speso diverse centinaia mille dollari che provano a sviluppare un modo accessibile fabbricare questo composto mentre ha offerto la promessa tremenda per lo sradicamento dell'aterosclerosi.

Non siamo riuscito a trovare un modo accessibile fare il tetrahydrobiopterin. Le buone notizie sono che sostanze nutrienti che sopprimono l'ossido di azoto endoteliale di aumento del peroxynitrite (come il tocoferolo ed il melograno di gamma) bloccando l'ossidazione di tetrahydrobiopterin.77,78

Effettivamente, gli studi clinici indicano che il tocoferolo supplementare di gamma migliora l'attività endoteliale della sintasi dell'ossido di azoto della piastrina.52,53 ancora, una dieta alta in di noci ricche di tocoferolo di gamma migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in quelle con ricco in colesterolo.63

Amministrando soltanto l'alfa tocoferolo come è stato fatto nello studio difettoso, si invitare il tocoferolo di gamma per essere soppresso, livelli del peroxynitrite per aumentare e il tetrahydrobiopterin prezioso da ossidare, così privando l'endotelio dell'ossido di azoto che deve proteggere da attacco di cuore e dal colpo. È della meraviglia che questo studio non è riuscito a mostrare a riduzione di malattia vascolare quelle soltanto l'alfa (ma non della gamma) tocoferolo dato?

Non riuscire a rappresentare tutti i fattori di rischio vascolari

I numerosi fattori di rischio indipendenti sono associati con lo sviluppo di aterosclerosi e del rischio successivo del colpo e di attacco di cuore. Un difetto importante in questo studio stava invitare la vitamina C a basse dosi e/o la E per sormontare in qualche modo tutte queste cause fondamentali della malattia dell'arteria.

Sappiamo che è impossibile per le vitamine C ed E sormontare questi molti fattori di rischio, ma questo non ha fermato i media dalla raccomandazione che gli Americani scartano i loro supplementi.

Ciò che segue rappresenta una lista succinta dei fattori di rischio documentati di malattia vascolare:

  1. Testosterone basso (in uomini)
  2. Fibrinogeno in eccesso
  3. HDL basso
  4. Eccesso LDL e colesterolo totale
  5. Glucosio in eccesso
  6. Proteina C-reattiva in eccesso
  7. Omocisteina in eccesso
  8. Ipertensione
  9. Sangue basso EPA/DHA
  10. Trigliceridi in eccesso
  11. Insulina in eccesso
  12. Estrogeno in eccesso (in uomini)
  13. LDL ossidato
  14. Attività in eccesso della piastrina
  15. Deficit dell'ossido di azoto (disfunzione endoteliale)
  16. Vitamina D insufficiente
  17. Vitamina insufficiente K2

La base per fare questo studio, come descritto dagli autori dello studio, era di usare le vitamine C e/o E:

  1. I radicali liberi organici della trappola… disattivano le molecole emozionanti dell'ossigeno… inibiscono l'ossidazione di LDL
  2. Modifichi la reattività vascolare… impediscono il danno di tessuto
  3. Modifichi l'attività della piastrina e così riduca il potenziale trombotico.

Poichè uno può vedere chiaramente alla pagina precedente, ci sono 17 fattori di rischio cardiovascolari documentati. Eppure soltanto tre di questi fattori di rischio sono che cosa formati la base per la conduzione questa vitamina C a basse dosi e/o del test clinico di E. I tre fattori di rischio più importanti gli autori dello studio difettoso preveduto per influenzare favorevole con le vitamine C ed E erano:

  1. Ossidazione di LDL
  2. Attività della piastrina e potenziale trombotico
  3. Reattività vascolare (un altro termine per disfunzione endoteliale).
Non riuscire a rappresentare tutti i fattori di rischio vascolari

Per l'ogni un meccanismo gli autori dello studio proposti potrebbe permettere alla vitamina C a basse dosi e/o la vitamina E del sintetico da lavorare, là è cinque fattori di rischio supplementari che non sarebbero corretti. Per esempio, le vitamine C ed E in queste dosi basse non stanno andando ridurre la proteina C-reattiva,86 omocisteina, il fibrinogeno, o il glucosio.87 vitamine C ed E in alcuna dose non stanno andando aumentare il testosterone, fare diminuire l'estrogeno, o fornire EPA/DHA cardioprotective e la vitamina D.

Al contrario, poichè già abbiamo indicato, dando il soltanto tocoferolo di gamma non ma alfa, si potrebbe prevedere l'ossidazione aumentata di LDL e la funzione endoteliale alterata. Quello è perché l'alfa tocoferolo sposta il tocoferolo di gamma nel corpo. Il tocoferolo di gamma sopprime il radicale del peroxynitrite che ossida sia la proteina di LDL che il tetrahydrobiopterin che è necessario produrre l'ossido di azoto endoteliale.

Per quanto l'attività della piastrina ed il potenziale trombotico (coagulazione anormale dentro un vaso sanguigno), il tocoferolo di gamma è sensibilmente più potente di alfa tocoferolo nell'aggregazione d'inibizione della piastrina che può condurre ad un attacco di cuore o ad un colpo.52,53 spostando il tocoferolo di gamma, l'alfa tocoferolo utilizzato da solo in questo studio può aumentare il rischio anormale dell'aggregazione della piastrina.

Da tutto che sapessimo oggi, questo studio è stato destinato a venire a mancare. Non solo non ha corregto le cause principali della malattia vascolare, ma può esacerbare alcune più pericolose di quelle.

Nessuno di cui ho scritto finora possono realmente importare

Avete imparato appena perché la vitamina C a basse dosi e/o il completamento di E non si penserebbero che riducessero il rischio del colpo e di attacco di cuore.

Ho conservato il più grande scandalo per l'ultimo. Risulta che un numero significativo degli oggetti di studio (chi erano tutti medici) che sono stati supposti prendere la vitamina C e/o i supplementi di E non ha preso le loro pillole. Eppure quando i calcoli per l'incidenza del colpo o di attacco di cuore sono stati effettuati, coloro che ha preso poco come 66% della loro vitamina C a basse dosi e/o i supplementi di E sono stati contati come essendo prendendo l'intera dose.

Alla conclusione dello studio, 28% dello studio sottopone ha ammesso che nemmeno avevano preso 66% della loro vitamina C a basse dosi e/o dei supplementi di E.

Disturbantesi è il metodo impiegato per seguire chi realmente stava prendendo i loro supplementi. I partecipanti sono stati chiesti di ricordare e seguire l'uso di supplemento per oltre otto anni senza alcuna verifica dei conteggi reali della pillola, conformità dall'analisi antiossidante del plasma, o indicatori in vivo sostitutivi dello sforzo ossidativo. Contando sulla memoria e sul ricordo dei partecipanti su un lungo periodo di tempo di molti anni è un modo piuttosto patetico di assicurazione dell'aderenza e rende la cosiddetta “analisi di sensibilità„ degli autori insignificante.

La mancanza di aderenza, cioè, il fatto che una percentuale significativa dei partecipanti di studio nemmeno stava prendendo le loro vitamine, può essere il difetto più significativo a questo studio. Nessuno nei media della corrente principale si è preoccupato di riferire questo, o c'è ne degli altri difetti che hanno saltato noi.

Invece, il messaggio del mezzo era non spreca i vostri soldi su vitamina C o sulle pillole di E. Molti completano gli utenti che stanno prendendo la giusta forma e la dose della loro vitamina C e le sostanze nutrienti di E possono credere la segnalazione influenzata del mezzo.

Carenze scioccanti della vitamina E

I media hanno usato questo studio orribile difettoso come base per dirigere gli Americani a partire da vitamina C e dai supplementi di E. È come se tutti studi pubblicati positivo precedente siano scomparso durante la notte.

Che cosa è stato omesso è il fatto che 92% degli uomini americani e 98% delle donne americane non consumano l'indennità dietetica raccomandata della vitamina E nella loro dieta. Il governo federale dice il bisogno degli Americani 15 milligrammi al giorno della vitamina E, eppure neppure questo importo minuscolo non è trovato nelle diete della vasta maggioranza della gente.88

Ciò significa che la maggior parte dei Americani richiedono un supplemento della vitamina E di evitare una carenza cronica, ma questo fatto importante è stato lasciato convenientemente dagli articoli.

La medicina convenzionale dice che la carenza severa della vitamina E provoca pricipalmente i sintomi neurologici quali equilibrio e coordinazione e la debolezza di muscolo alterati. Questi sintomi neurologici non si sviluppano per 10-20 anni, poichè prende i radicali di tempo gratis per infliggere il danno del nervo in assenza della vitamina sufficiente E. La realtà è quella carenza cronica della vitamina E avversamente urta virtualmente ogni cellula del corpo.89-94

Il denaro della droga influenza come le pubblicazioni mediche riferiscono sugli integratori alimentari?

Un gruppo di ricercatori statistici ha studiato la relazione fra la pubblicità e gli articoli farmaceutici per quanto riguarda gli integratori alimentari in pubblicazioni mediche.99 l'analisi hanno rivelato quello:

  1. Le pubblicazioni con gli annunci più farmaceutici hanno pubblicato significativamente meno articoli importanti sugli integratori alimentari per edizione che le pubblicazioni con i il minor n3umero degli annunci farmaceutici (P < 0,001).
  2. La percentuale degli articoli importanti che concludono che gli integratori alimentari erano pericolosi era 4% in pubblicazioni con i il minor n3umero degli annunci farmaceutici e 67% fra quelle con gli annunci più farmaceutici (P < 0,005).
  3. La percentuale degli articoli che concludono che gli integratori alimentari erano inefficaci era quasi due volte alta (50%) fra le pubblicazioni con gli annunci più farmaceutici che fra quelle con meno annunci farmaceutici (27%).

I ricercatori hanno concluso che la pubblicità farmaceutica aumentata è associata con la pubblicazione di meno articoli sugli integratori alimentari e di più articoli con le conclusioni che gli integratori alimentari sono pericolosi.99

Una ragione principale perché molti medici convenzionali sono polarizzati contro gli integratori alimentari è che le pubblicazioni che leggono raramente pubblica gli studi favorevoli. Gli integratori alimentari fanno concorrenza direttamente contro i farmaci da vendere su ricetta medica in molte categorie di malattia. Quando gli integratori alimentari sono usati correttamente per impedire la malattia, la domanda degli agenti farmaceutici costosi è diminuita. È così nell'interesse finanziario delle ditte farmaceutiche ad incoraggiare gli studi negativi ad essere pubblicato in pubblicazioni mediche influenti.

Sembra più di una coincidenza che le pubblicazioni mediche della corrente principale pubblichino gli editoriali negativi contro gli integratori alimentari all'epoca di anno che raccolgono la maggior parte della copertura mediatica. Il prolungamento della vita lungamente ha sostenuto che miliardi di dollari di pubblicità spesi dalle ditte farmaceutiche influenza la polarizzazione di media contro gli integratori alimentari. Ciò ultimo studio rivela che il denaro della droga può anche corrompere le pubblicazioni mediche che hanno un impatto significativo sul professionista e sull'opinione pubblica.

Un colpo di media per le ditte farmaceutiche

Il momento ottimale dell'anno per ottenere il vostro messaggio alle masse è la seconda settimana di novembre. Ciò è feste medie di un momento, quando l'inverno sta mettendo dentro e poca gente è sulla vacanza. Le reti televisive considerano questa la loro “settimana di spazzate„ più importante mentre fornisce la misura più accurata delle loro valutazioni.

I media inoltre attaccano la vitamina D

La sincronizzazione del rilascio di questa vitamina C horrendously difettosa e dello studio di E non potrebbe essere più perfetta per gli interessi farmaceutici. È uscito meno di una settimana dopo le elezioni di novembre, quando i media sono stati innescati per sensationalize tutta la storia che avrebbe attirato gli spettatori per la loro “settimana importante di spazzate.„

Molto lo stesso giorno i media hanno lanciato il suo attacco alle vitamine C e la E, le stesse fonti di notizie ha riferito che le dosi elevate molto della statina drogano i tassi d'attacco di attacco di cuore riduttori Crestor® da 54% in gente in buona salute che ha avuta livelli elevati C-reattivi della proteina.95 pensi appena, i consumatori non istruiti leggono lo stesso giorno che le vitamine C ed E sono senza valore e una droga costosa di statina esegue i miracoli.

Gli analisti finanziari predicono che un bene inaspettato per i creatori di Crestor® ha basato su questo rapporto ampiamente distribuito. Nello sguardo retrospettivo, intraprendere gli studi soltanto sulla gente con alta proteina C-reattiva (ma non specialmente alto LDL) era una strategia di marketing brillante. Ha avuto un'alta probabilità di un risultato di successo e se lo studio venuto a mancare, Crestor® non fosse approvato mai per abbassare la proteina C-reattiva o per essere utilizzato in questo gruppo della popolazione, in modo dalla ditta farmaceutica non ha avuto niente perdere.

A prolungamento della vita lungamente abbiamo avvertito circa i pericoli vascolari di proteina C-reattiva elevata e perfino delle droghe raccomandate di statina se gli approcci naturali non riescono a ridurre la proteina C-reattiva. Non crediamo che la maggior parte della gente debba acquistare le droghe costose di marca commerciale come Crestor®, poichè le simvastatine generiche (marca di nome Zocor®) o le pravastatine (marca di nome Pravachol®) possono fornire il simile beneficio ad una frazione del prezzo.

I media inoltre attaccano la vitamina D

Non soddisfaccia per colpire soltanto le vitamine C e la E, i media il giorno successivo stesso nel novembre 2008 ha eseguito una storia del titolo che dichiara che “i supplementi non riducono il rischio di cancro al seno.„ Questa storia è stata basata su uno studio delle donne che hanno ricevuto soltanto 400 IU un il giorno della vitamina supplementare il D.96

Non sia una vittima di questa propaganda difettosa

Come è stato riferito per anni in questo ed altre pubblicazioni di salute, 400 IU un il giorno della vitamina D sono chiaramente insufficienti.97 per ridurre il rischio di cancro al seno vicino intorno 50%, una dose quotidiana di 1.000 IU e più su è richiesta. Il difetto principale in questo studio è che ai partecipanti al gruppo del placebo e dell'attivo sono stati permessi prendere la vitamina D fuori dello studio, che ha reso i risultati insignificanti anche se la dose adeguata era stata data.

Il fatto che i media resi a questi notizie di titolo di studio sono spiacevoli perché soltanto circa 20% della popolazione di studio ha raggiunto un risultato del sangue di 25-hydroxyvitamin D al livello minimo richiesto per impedire il cancro al seno (circa 30 ng/ml o più alti). Cioè la maggior parte dei partecipanti al gruppo del placebo o dell'attivo non sono riuscito a raggiungere neppure le concentrazioni nel sangue minime di vitamina D che l'altro documento di studi è necessario proteggere da cancro al seno.98 così tutto questo studio hanno fatto erano aiuto confermano che cosa gli esperti in vitamina D ora stanno dicendo per oltre cinque anni, cioè, un minimo di 800 IU - 1.000 IU della vitamina D che un il giorno è richiesto… non i 400 IU ha utilizzato in questo studio.

Non sia una vittima di questa propaganda difettosa

È negli interessi economici delle compagnie farmaceutiche a dirigere gli Americani a partire dagli stili di vita e dagli integratori alimentari più sani. Mentre più Americani si ammalano alla malattia degenerante, i profitti delle compagnie farmaceutiche aumentano esponenzialmente.

Gli importi enormi dei dollari farmaceutici sono spesi che influenzano il congresso, FDA ed altri enti federali. Il risultato è la promulgazione delle politiche che inducono gli Americani ad essere private di efficaci, mezzi a basso costo di protezione contro la malattia relativa all'età.

Come membro del fondamento del prolungamento della vita, accedete ad informazione scientifica che è interpretata nel contesto di cui la gente salute consapevole realmente sta facendo per proteggersi dalle malattie relative all'età. Inoltre imparate come questi informazioni sono distorte mediante il governo, le compagnie farmaceutiche ed i media per scoraggiare il pubblico dai seguenti stili di vita più sani.

Riferimenti

1. Gey KF, Puska P, Giordania P, Moser Regno Unito. Correlazione inversa fra la vitamina E del plasma e la mortalità dalla malattia cardiaca ischemica in epidemiologia interculturale. J Clin Nutr. 1991 gennaio; 53 (1 supplemento): 326S-34S.

2. Gey KF, Moser Regno Unito, Giordania P, et al. rischio aumentato della malattia cardiovascolare alle concentrazioni suboptimali nel plasma degli antiossidanti essenziali: un aggiornamento epidemiologico con un'attenzione speciale per carotene e vitamina C. J Clin Nutr. 1993 maggio; 57 (5 supplementi): 787S-97S.

3. Knekt P, Reunanen A, Jarvinen R, et al. assunzione antiossidante della vitamina e mortalità coronaria in uno studio di popolazione longitudinale. J Epidemiol. 15 giugno 1994; 139(12): 1180-9.

4. Losonczy chilogrammo, TB di Harris, Havlik RJ. Vitamina E ed uso di supplemento della vitamina C e rischio di mortalità della coronaropatia e per tutte le cause in persone più anziane: le popolazioni stabilite per gli studi epidemiologici degli anziani. J Clin Nutr. 1996 agosto; 64(2): 190-6.

5. Nyyssonen K, la TA di Parviainen, Salonen R, Tuomilehto J, Salonen JT. Carenza di Colleen Fitzpatrick e rischio di infarto miocardico: studio di popolazione futuro degli uomini dalla Finlandia orientale. BMJ. 1° marzo 1997; 314(7081): 634-8.

6. LH di Kushi, Folsom AR, Prineas RJ, et al. vitamine antiossidanti dietetiche e morte dalla coronaropatia in donne postmenopausali. Med di N Inghilterra J. 2 maggio 1996; 334(18): 1156-62.

7. Enstrom JE, Kanim LE, Klein mA. Assunzione e mortalità di Colleen Fitzpatrick in un campione della popolazione degli Stati Uniti. Epidemiologia. 1992 maggio; 3(3): 194-202.

8. Sesso HD, seppellente JE, battezza il GRUPPO DI LAVORO, et al. le vitamine E e la C nella prevenzione della malattia cardiovascolare negli uomini: lo studio II della salute dei medici ha randomizzato la prova controllata. JAMA. 12 novembre 2008; 300(18): 2123-33.

9. Gorelik S, Lapidot T, Shaham I, et al. perossidazione lipidica ed ossidazione coppia della vitamina in liquido gastrico simulato ed umano inibito dai polifenoli dietetici: implicazioni di salute. Alimento chim. di J Agric. 4 maggio 2005; 53(9): 3397-402.

10. Kanner J, Lapidot T. Lo stomaco come bioreattore: perossidazione lipidica dietetica nel fluido gastrico e gli effetti degli antiossidanti pianta-derivati. Med libero di biol di Radic. 1° dicembre 2001; 31(11): 1388-95.

11. Devaraj S, Tang R, Adams-Huet B, et al. effetto del completamento ad alta dose dell'alfa-tocoferolo sui biomarcatori di aterosclerosi ossidativa di sforzo e di infiammazione e di carotide in pazienti con la coronaropatia. J Clin Nutr. 2007 novembre; 86(5): 1392-8.

12. Kiyose C, Muramatsu R, Kameyama Y, Ueda T, Igarashi O. Biodiscrimination degli stereoisomeri dell'alfa-tocoferolo in esseri umani dopo la somministrazione orale. J Clin Nutr. 1997 marzo; 65(3): 785-9.

13. Wilburn EE, CC di Mahan, collina DA, nave TE, valutazione di Yang H. An (della fortificazione naturale (acetato di RRR-alfa-tocoferil) e sintetica della vitamina E dell'acetato di tutto rac alfa tocoferil) nella dieta o nell'acqua potabile dei maiali appena svezzati. J Anim Sci. 2008 marzo; 86(3): 584-91.

14. Hayton MP, Kriss A, guada A, DP del Muller. Gli effetti dei livelli differenti di acetato di RRR-alfa-tocoferil e tutto-rac (vitamina E) sulla funzione visiva in ratti. Clin Neurophysiol. 2003 novembre; 114(11): 2124-31.

15. Hoppe pp, Krennrich G. Bioavailability e potenza della naturale-fonte e dell'alfa-tocoferolo tutto racemico nell'essere umano: una disputa. EUR J Nutr. 2000 ottobre; 39(5): 183-93.

16. Casetta JK. Biodisponibilità della vitamina E in esseri umani. Pianta Physiol di J. 2005 luglio; 162(7): 790-6.

17. Burton GW, Traber MG, Acuff rv, et al. concentrazioni umane nell'alfa-tocoferolo del tessuto e del plasma in risposta al completamento con la vitamina naturale e sintetica deuterata E. Am J Clin Nutr. 1998 aprile; 67(4): 669-84.

18. Traber MG. Utilizzazione della vitamina E. Biofactors. 1999;10(2-3):115-20.

19. DH di Blatt, interruttore di Leonard, Traber MG. Cinetica della vitamina E e la funzione delle proteine regolarici del tocoferolo. Nutrizione. 2001 ottobre; 17(10): 799-805.

20. Rigotti A. Absorption, trasporto e consegna del tessuto della vitamina E. Mol Aspects Med. 2007 ottobre; 28 (5-6): 423-36.

21. DH di Blatt, Pryor WA, Mata JE, Rodriguez-Proteau R. Re-evaluation della potenza relativa dell'alfa-tocoferolo sintetico e naturale: osservazioni sperimentali e cliniche. Biochimica di J Nutr. 2004 luglio; 15(7): 380-95.

22. Mustacich DJ, Bruno RS, Traber MG. Vitamina E. Vitam Horm. 2007;76:1-21.

23. Proprietà terriera D, proteina di trasferimento dell'alfa-tocoferolo di Morley S. The. Vitam Horm. 2007;76:45-65.

24. Morley S, Cecchini m., Zhang W, et al. meccanismi del trasferimento del legante dal tocoferolo epatico trasferisce la proteina. Biol chim. di J. 27 giugno 2008; 283(26): 17797-804.

25. Traber MG. Meccanismi regolatori della vitamina E. Annu Rev Nutr. 2007;27:347-62.

26. Nappo F, De RN, Marfella R, et al. danno delle funzioni endoteliali dall'iperomocisteinemia acuta ed inversione dalle vitamine antiossidanti. JAMA. 9 giugno 1999; 281(22): 2113-8.

27. Valkonen millimetro, Kuusi T. Colleen Fitzpatrick impedisce gli effetti atherogenic acuti di fumo passivo. Med libero di biol di Radic. 2000 1° febbraio; 28(3): 428-36.

28. Jeserich m., Schindler T, Olschewski m., et al. Colleen Fitzpatrick migliora la funzione endoteliale delle arterie coronarie dell'epicardio in pazienti con ipercolesterolemia o ipertensione essenziale--valutato da prova pressoria fredda. Cuore J. 1999 di EUR novembre; 20(22): 1676-80.

29. Wilkinson IB, Megson IL, MacCallum H, et al. vitamina C orale riduce l'aggregazione arteriosa della piastrina e di rigidezza in esseri umani. J Cardiovasc Pharmacol. 1999 novembre; 34(5): 690-3.

30. Jablonski chilolitro, Dott delle guarnizioni, Eskurza I, Monahan KD, Donato AJ. L'infusione ad alta dose dell'acido ascorbico abolisce la vasocostrizione cronica ed i restauri che riposano il flusso sanguigno della gamba in uomini più anziani in buona salute. J Appl Physiol. 2007 novembre; 103(5): 1715-21.

31. Hernandez-Guerra m., JC Garcia-pagano, Turnes J, et al. acido ascorbico migliora la disfunzione endoteliale intraepatica dei pazienti con la cirrosi e l'ipertensione portale. Epatologia. 2006 marzo; 43(3): 485-91.

32. Knekt P, Ritz J, Pereira mA, et al. vitamine antiossidanti e rischio della coronaropatia: un'analisi riunita di 9 gruppi. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80(6): 1508-20.

33. Rath m., prova di Pauling L. Immunological per l'accumulazione della lipoproteina (a) nella lesione aterosclerotica della cavia hypoascorbemic. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. Del 1990 dicembre; 87(23): 9388-90.

34. Pauling L. È il livelli di assunzione raccomandati di nutrienti per vitamina C adeguato? Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1974 novembre; 71(11): 4442-6.

35. Krumdieck C, CE di Butterworth, ascorbato del Jr. --colesterolo--interazioni della lecitina: fattori di importanza potenziale nella patogenesi di aterosclerosi. J Clin Nutr. 1974 agosto; 27(8): 866-76.

36. Ginter E. Cholesterol: la vitamina C controlla la sua trasformazione agli acidi biliari. Scienza. 16 febbraio 1973; 179(74): 702-4.

37. Antiossidanti di Ferroni F, di Maccaglia A, di Pietraforte D, di Turco L, di Minetti M. Phenolic e la protezione della lipoproteina di densità bassa dalle ossidazioni peroxynitrite-mediate alla CO2 fisiologica. Alimento chim. di J Agric. 19 maggio 2004; 52(10): 2866-74

38. Helzlsouer kJ, Huang HY, Alberg AJ, et al. associazione fra l'alfa-tocoferolo, gamma-tocoferolo, selenio e carcinoma della prostata successivo. Cancro nazionale Inst di J. 2000 20 dicembre; 92(24): 2018-23.

39. Battezzi la S, Woodall l'aa, Shigenaga il Mk, et al. elettrofili mutageni delle trappole del gamma-tocoferolo come NESSUN (X) e complementa l'alfa-tocoferolo: implicazioni fisiologiche. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° aprile 1997; 94(7): 3217-22.

40. Devaraj S, Leonard S, Traber MG, il completamento del Gamma-tocoferolo di Jialal I. da solo e congiuntamente all'alfa-tocoferolo altera i biomarcatori dello sforzo e dell'infiammazione ossidativi negli oggetti con la sindrome metabolica. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2008; 44(6): 1203-8.

41. Reiter E, Jiang Q, battezza le proprietà di S. Anti-inflammatory dell'alfa e del gamma-tocoferolo. Mol Aspects Med. 2007 ottobre; 28 (5-6): 668-91.

42. Jiang Q, Elson-Schwab I, Courtemanche C, BN di Ames. il gamma-tocoferolo ed il suo metabolita principale, contrariamente all'alfa-tocoferolo, inibiscono l'attività del ciclo-ossigenasi in macrofagi e cellule epiteliali. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 2000 10 ottobre; 97(21): 11494-9.

43. Handelman GJ, Machlin LJ, Fitch K, Weiter JJ, Dratz ea. I supplementi orali dell'alfa-tocoferolo fanno diminuire i livelli del gamma-tocoferolo del plasma in esseri umani. J Nutr. 1985 giugno; 115(6): 807-13.

44. Wolf G. Gamma-Tocopherol: un protettore efficiente dei lipidi contro danno peroxidative ossido-iniziato nitrico. Rev. 1997 di Nutr ottobre; 55(10): 376-8.

45. Botti H, Batthyány C, Trostchansky A, Radi R, SEDERE di Freeman, Rubbo H. Peroxynitrite-ha mediato l'ossidazione dell'alfa-tocoferolo in lipoproteina a bassa densità: un approccio meccanicistico. Med libero di biol di Radic. 15 gennaio 2004; 36(2): 152-62.

46. Yla-Herttuala S, Palinski W, Rosenfeld ME, et al. prova per la presenza di lipoproteina oxidatively modificata di densità bassa in lesioni aterosclerotiche di coniglio ed uomo. J Clin investe. 1989 ottobre; 84(4): 1086-95.

47. Steinberg D, Carew TE, C di sistemazione, et al. lipoproteine e la patogenesi di aterosclerosi. Circolazione. 1989 settembre; 80(3): 719-23.

48. Torres-Rasgado E, Fouret G, Carbonneau mA, CL di Leger. La nitrazione delicata di Peroxynitrite del complesso dell'LDL-albumina e dell'albumina naturalmente presente in tasso-albumina di nitrazione della tirosina e del plasma altera la nitrazione di LDL. Ricerca libera di Radic. 2007 marzo; 41(3): 367-75.

49. ONU m., Kitazato KT, Suzue A, Itabe H, Hao L, Nagahiro S. Contribution di uno squilibrio fra i sistemi ossidante-antiossidanti a vulnerabilità della placca in pazienti con stenosi dell'arteria carotica. J Neurosurg. 2005 settembre; 103(3): 518-25.

50. Botti H, Trostchansky A, Batthyány C, Rubbo H. Reactivity di peroxynitrite e di ossido di azoto con LDL. Vita di IUBMB. 2005 giugno; 57(6): 407-12.

51. Rubbo H, Batthyany C, interazioni dei radicali dell'ossido-ossigeno di Radi R. Nitric nell'aterosclerosi. Ricerca di biol. 2000;33(2):167-75.

52. Li D, Saldeen T, Romeo F, Mehta JL. Effetti relativi dell'alfa e del gamma-tocoferolo su attività della sintasi di ossidazione e del superossido dismutasi e dell'ossido di azoto della lipoproteina a bassa densità e sull'espressione della proteina in ratti. J Cardiovasc Pharmacol Ther. 1999 ottobre; 4(4): 219-26.

53. Saldeen T, Li D, Mehta JL. Effetti differenziali dell'alfa e del gamma-tocoferolo su ossidazione della lipoproteina a bassa densità, su attività del superossido, su aggregazione della piastrina e su trombogenesi arteriosa. J Coll Cardiol. 1999 ottobre; 34(4): 1208-15.

54. Mikunis RI, Serkova VK, TUM di Shirkova. Proprietà del metabolismo dei lipidi e di ossidazione/riduzione di sangue in pazienti con il myocardiosclerosis arteriosclerotico durante il trattamento con acido lipoico. Vrach Delo. 1976 marzo; (3): 39-42.

55. Nickander KK, BR di McPhee, PA basso, acido Alfa-lipoico di Tritschler H.: potenza antiossidante contro perossidazione lipidica dei tessuti neurali in vitro e delle implicazioni per neuropatia diabetica. Med libero di biol di Radic. 1996;21(5):631-9.

56. Imballatore L, Tritschler HJ, Wessel K. Neuroprotection dall'acido alfa-lipoico antiossidante metabolico. Med libero di biol di Radic. 1997;22(1-2):359-78.

57. Arivazhagan P, Shila S, Kumaran S, Panneerselvam C. Effect di acido DL-alfa-lipoico sullo stato di perossidazione lipidica e degli enzimi antiossidanti in varie regioni del cervello di ratti invecchiati. Exp Gerontol. 2002 giugno; 37(6): 803-11.

58. Arivazhagan P, Thilakavathy T, Ramanathan K, Kumaran S, Panneerselvam C. Effect di acido DL-alfa-lipoico sullo stato di perossidazione lipidica e di ossidazione della proteina in varie regioni del cervello di ratti invecchiati. Biochimica di J Nutr. 2002 ottobre; 13(10): 619-24.

59. Effetti antiossidanti di I. Different di Ozgova S, di Hermanek J, dell'intestino dei polifenoli su perossidazione lipidica e radicali ossidrili nel NADPH-, nell'Fe-ascorbato e nei sistemi Fe-microsomici. Biochimica Pharmacol. 1° ottobre 2003; 66(7): 1127-37.

60. Thirunavukkarasu V, cv di Anuradha. Influenza di acido alfa-lipoico su perossidazione lipidica e sul sistema di difesa antiossidante nel sangue dei ratti insulina-resistenti. Diabete Obes Metab. 2004 maggio; 6(3): 200-7.

61. Thirunavukkarasu V, Anitha Nandhini A, cv di Anuradha. Lipidi cardiaci e stato antiossidante nei ratti dell'isoglucosio e l'effetto di acido alfa-lipoico. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2004 dicembre; 14(6): 351-7.

62. Singh I, Turner AH, Sinclair AJ, Li D, Hawley JA. Effetti del completamento del gamma-tocoferolo sui fattori di rischio trombotici. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(3):422-8.

63. ROS E, Nunez I, Perez-Heras A, et al. Una dieta della noce migliora la funzione endoteliale negli oggetti ipercolesterolemici: una prova randomizzata dell'incrocio. Circolazione. 6 aprile 2004; 109(13): 1609-14.

64. Dietrich m., Traber MG, Jacques PF, gioco trasversale del gamma-tocoferolo di G. Does del CE, di Hu Y, del blocco un ruolo nella prevenzione primaria della malattia cardiaca e cancro? Una rassegna. J Coll Nutr. 2006 agosto; 25(4): 292-9.

65. McLaughlin PJ, Weihrauch JL. Contenuto nella vitamina E degli alimenti. Dieta Assoc di J. 1979 dicembre; 75(6): 647-65.

66. Tanaka Y, LA di legno, Cooney rv. Il potenziamento del gamma-tocoferolo intracellulare livella nei fibroblasti citochina-stimolati di C3H 10T1/2: relazione a NESSUN sintesi, formazione del isoprostane ed ossidazione del tocoferolo. BMC Chem Biol. 2007;72.

67. Gao R, WL di pietra, Huang T, papà, Qui M. L'assorbimento dei tocoferoli dai 264,7 macrofagi CRUDI. Nutr J. 2002 15 ottobre; 12.

68. Giannotti G, disfunzione di Landmesser U. Endothelial come segno in anticipo di aterosclerosi. Herz. 2007 ottobre; 32(7): 568-72.

69. Pesic S, Radenkovic m., disfunzione di Grbovic L. Endothelial: meccanismi di sviluppo e di opzioni terapeutiche. Med Pregl. 2006 luglio-agosto; 59 (7-8): 335-41.

70. Halcox JP, Schenke WH, Zalos G, et al. valore prognostico di disfunzione endoteliale vascolare coronaria. Circolazione. 6 agosto 2002; 106(6): 653-8.

71. Targonski PV, Bonetti PO, GM del Pumper, et al. disfunzione endoteliale coronaria è associato con un rischio aumentato di eventi cerebrovascolari. Circolazione. 10 giugno 2003; 107(22): 2805-9.

72. von Mering GO, CB di Arant, Wessel TR, et al. vasomotion coronario anormale come indicatore prognostico degli eventi cardiovascolari in donne: i risultati dal cuore, dal polmone e dal sangue nazionali Istituto-hanno patrocinato la valutazione di sindrome dell'ischemia delle donne (SAGGIA). Circolazione. 17 febbraio 2004; 109(6): 722-5.

73. Disfunzione di Heitzer T, di Schlinzig T, di Krohn K, di Meinertz T, di Munzel T. Endothelial, sforzo ossidativo e rischio di eventi cardiovascolari in pazienti con la coronaropatia. Circolazione. 27 novembre 2001; 104(22): 2673-8.

74. Chan SY, Mancini GB, Kuramoto L, et al. L'importanza prognostica del carico endoteliale dell'ateroma di carotide e di disfunzione in pazienti con la coronaropatia. J Coll Cardiol. 17 settembre 2003; 42(6): 1037-43.

75. Disfunzione di Brevetti G, di Silvestro A, di Schiano V, di Chiariello M. Endothelial e previsione cardiovascolare di rischio nella malattia arteriosa periferica: valore additivo di dilatazione flusso-mediata all'indice di pressione caviglia-brachiale. Circolazione. 28 ottobre 2003; 108(17): 2093-8.

76. Ali ZA, Bursill CA, Douglas G, et al. effetti antinfiammatori di CCR2-mediated del tetrahydrobiopterin endoteliale inibisce dall'l'aterosclerosi accelerata indotta da lesione vascolare. Circolazione. 30 settembre 2008; 118 (14 supplementi): S71-7.

77. McCarty MF. il Gamma-tocoferolo può non promuovere efficace funzione della sintasi proteggendo il tetrahydrobiopterin dal peroxynitrite. Med Hypotheses. 2007;69(6):1367-70.

78. de Nigris F, Balestrieri ml, Williams-Ignarro S, et al. L'influenza dell'estratto della frutta del melograno rispetto al succo del melograno ed olio di semi regolare su ossido di azoto e funzione arteriosa nei ratti obesi di Zucker. Ossido di azoto. 2007 agosto; 17(1): 50-4.

79. Stocker R, VW di Bowry, Frei B. Ubiquinol-10 protegge efficientemente la lipoproteina umana di densità bassa da perossidazione lipidica dell'alfa-tocoferolo. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° marzo 1991; 88(5): 1646-50.

80. Frei B, Kim MC, BN di Ames. Ubiquinol-10 è un efficace antiossidante lipido-solubile alle concentrazioni fisiologiche. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. Del 1990 giugno; 87(12): 4879-83.

81. SR di Thomas, Neuzil J, Stocker R. Inhibition di ossidazione di LDL da ubiquinol-10. Un meccanismo protettivo per il coenzima Q nel atherogenesis? Mol Aspects Med. 1997; 18 (supplemento): S85-103.

82. Mohr D, VW di Bowry, il completamento di Stocker R. Dietary con il coenzima Q10 provoca i livelli aumentati di ubiquinol-10 all'interno delle lipoproteine di circolazione e la resistenza aumentata della lipoproteina a bassa densità umana all'inizio di perossidazione lipidica. Acta di Biochim Biophys. 26 giugno 1992; 1126(3): 247-54.

83. Kontush A, Hubner C, Finckh B, Kohlschutter A, attività di Beisiegel U. Antioxidative di ubiquinol-10 alle concentrazioni fisiologiche in lipoproteina umana di densità bassa. Acta di Biochim Biophys. 14 settembre 1995; 1258(2): 177-87.

84. VW di Bowry, Mohr D, Cleary J, Stocker R. Prevention di perossidazione tocoferolo-mediata in lipoproteina umana di densità bassa di ubiquinol-10-free. Biol chim. di J. 17 marzo 1995; 270(11): 5756-63.

85. Tribble DL, van den Berg JJ, PA di Motchnik, et al. suscettibilità ossidativa dei subfractions della lipoproteina di densità bassa è collegato con il loro contenuto dell'alfa-tocoferolo e di ubiquinol-10. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° febbraio 1994; 91(3): 1183-7.

86. Blocchi il G, il CD di Jensen, la TB di Dalvi, et al. Colleen Fitzpatrick che il trattamento riduce la proteina C-reattiva elevata. Med libero di biol di Radic. 1° gennaio 2009; 46(1): 70-7.

87. Afkhami-Ardekani m., Shojaoddiny-Ardekani A. Effect di vitamina C su glicemia, sui lipidi del siero & sull'insulina del siero nei pazienti del diabete di tipo 2. J indiano Med Res. 2007 novembre; 126(5): 471-4.

88. Maras JE, Bermudez OI, Qiao N, et al. assunzione dell'alfa-tocoferolo è limitato fra gli adulti degli Stati Uniti. Dieta Assoc di J. 2004 aprile; 104(4): 567-75.

89. Puri V, Chaudhry N, Tatke m., carenza della vitamina E di Prakash V. Isolated con neuropatia demielinizzante. Nervo del muscolo. 2005 agosto; 32(2): 230-5.

90. Schuelke m., Finckh B, Sistermans ea, et al. atassia con la carenza della vitamina E: effetti biochimici del malcompliance con la terapia della vitamina E. Neurologia. 2000 28 novembre; 55(10): 1584-6.

91. Tanyel MC, Mancano LD. Risultati neurologici nella carenza della vitamina E. Medico di Fam. 1997 gennaio; 55(1): 197-201.

92. Sokol RJ. Carenza della vitamina E e malattia neurologica. Annu Rev Nutr. 1988;8:351-73.

93. Satya-Murti S, Howard L, Krohel G, spettro di Wolf B. The di disordine neurologico dalla carenza della vitamina E. Neurologia. 1986 luglio; 36(7): 917-21.

94. Laplante P, Vanasse m., Michaud J, Geoffroy G, Brochu P. Una sindrome neurologica progressiva si è associata con una carenza isolata della vitamina E. Può J Neurol Sci. 1984 novembre; 11 (4 supplementi): 561-4.

95. Disponibile a: http://www.medpagetoday.com/MeetingCoverage/AHA/11684. 20 gennaio 2009 raggiunto.

96. Chlebowski RT, Johnson KC, Kooperberg C, et al. calcio più il completamento di vitamina D ed il rischio di cancro al seno. Cancro nazionale Inst di J. 19 novembre 2008; 100(22): 1581-91.

97. CF della ghirlanda, ghirlanda FC, Gorham ED, et al. Il ruolo della vitamina D nella prevenzione del cancro. Salute pubblica di J. 2006 febbraio; 96(2): 252-61.

98. Neuhouser ml, Sorensen B, Hollis BW, et al. insufficienza di vitamina D in un gruppo multietnico dei superstiti del cancro al seno. J Clin Nutr. 2008 luglio; 88(1): 133-9.

99. Kemper kJ, cappuccio chilolitro. La pubblicità farmaceutica colpisce la pubblicazione del giornale circa gli integratori alimentari? Med di Altern del complemento di BMC. 2008;811.