Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista dicembre 2009
Rapporti

State ottenendo la prevenzione ottimale di influenza?


Da Julius Goepp, MD
State ottenendo la prevenzione ottimale di influenza?

Mentre i numerosi sforzi del virus dell'influenza continuano a posare il pericolo micidiale alla salute-particolare pubblica fra gli individui-un di invecchiamento potenti, la difesa a basso costo è stata nascosta nella vista normale: vitamina D.

Il lavoro di parecchi esperti aprenti la strada suggerisce che ai livelli sufficienti, la sua capacità di sovralimentare il sistema immunitario possa virtualmente eliminare il rischio di infezione. I loro risultati inoltre sottolineano l'insufficienza straordinaria della dose “raccomandata„ corrente delle UI/die 400-800. per ottenere il beneficio d'amplificazione completo, circa dieci volte che l'importo può essere richiesto per raggiungere i livelli ematici ottimali di vitamina D nel suo intervento concreto .1

L'omissione persistente della medicina della corrente principale di riconoscere ed assicurare i livelli adeguati di D ha provocato la carenza epidemica87% degli adulti dalle stime recenti. La capacità di 2,3 virus stagionali dati di influenza senza fine di subire una mutazione ed il costo esorbitante al pubblico per ciascuno nuovo giro della vaccinazione, questa “svista„ persistente rasenta il criminale.

In questo articolo, troverete la prova coercitiva che la vitamina D fornisce il supporto incomparabile per il sistema immunitario innato: il fondamento della difesa del vostro corpo che duro è fissata per rispondere immediatamente all'invasione microbica.4

Inoltre scoprirete come potete convincere la prova sbagliata per determinare la vostra vitamina D stato-e i giusti punti per prendere per supporto immune massimo.

“Un esperimento accidentale„

Il lavoro recente di tre medici eccezionali illustra il potere preventivo notevolmente underreported di d della vitamina.

L'esperimento “accidentale„ del Dott. John Cannell con la vitamina D ha avuto luogo nel 2005.5 uno psichiatra basato ad una funzione bloccata nella California, Cannell si sono trovati confrontato con uno scoppio particolarmente severo di influenza stagionale che anno. Un numero considerevole di di ricoverati erano infettare-e la maggior parte dei reparti erano forzati in quarantena. Al contrario, non uno dei 32 pazienti nella cura del Dott. Cannell ha sviluppato i sintomi di influenza.

“Un esperimento accidentale„

La ragione presto è emerso. Contrariamente a quelli nel resto dell'ospedale, il Dott. ad alta dose incluso Cannell della vitamina D. di regime terapeutico dei suoi pazienti ha conosciuto il suo ruolo critico nel funzionamento ottimale dei sistemi multipli nel corpo. Era inoltre informato che i suoi pazienti erano improbabili da ottenere la quantità di luce solare tenuta per sostenere i livelli sani di vitamina D da sè.6 (la sintesi di vitamina D richiede l'esposizione a luce ultravioletta dal sole.)

Il tasso di 100% di protezione di influenza era inatteso ed ha spinto Cannell per realizzare ulteriore ricerca. Dopo l'esplorazione della letteratura scientifica ed avere consultato gli esperti, Cannell ed i suoi colleghi hanno sviluppato una teoria novella: l'influenza è stagionale a causa delle variazioni stagionali al sole, che causano le fluttuazioni naturali nei livelli di vitamina D.4,7

Quell'esplorazione iniziale ora ha condotto ad una ricchezza di supporto scientifico, compreso i dati coercitivi su esattamente come la vitamina D aumenta drammaticamente l'immunità a molte malattie infettive. Inoltre ha condotto altri medici a comprendere il completamento di D come componente del loro regime terapeutico standard.

Norris Glick, MD, è direttore dei servizi di riabilitazione al centro centrale di Wisconsin, una struttura di assistenza a lungo termine per la gente con le inabilità inerenti allo sviluppo, con 275 residenti e 800 personale. Come il Dott. Cannell, il Dott. Glick controlla la vitamina D dei suoi pazienti e li completa per mantenere i livelli adeguati. In una lettera pubblicata al Dott. Cannell, il Dott. Glick ha riferito che durante di maiali ") lo scoppio H1N1 (“ influenza del giugno 2009, solo due pazienti (0,7%) hanno sviluppato i sintomi del tipo di influenza.8 durante lo stesso periodo, 103 personale (7,5%) hanno sviluppato la differenza di 10 volte di malattie-un del tipo di influenza. Il Dott. Glick ha concluso che “il personale era suscettibile [all'infezione] mentre i nostri residenti erano protetti. „, Quando il Dott. Glick ha presentato questi risultati all'Agenzia di Stato incaricata “della protezione e della promozione della sanità e sicurezza della gente di Wisconsin„, 9 non poteva tristemente generare l'interesse nello studio loro più ulteriormente.8

Il Dott. Ellie Campbell, un professionista integrante della medicina di famiglia nella Georgia, in cui gli scoppi diffusi H1N1 sono stati riferiti, ha descritto i simili risultati nel settembre 2009.Le 8 misure di Campbell e riempie la vitamina D nei suoi pazienti, mentre il medico di famiglia che divide il suo ufficio non fa. Durante lo scoppio 2009, stava vedendo fino a 10 casi alla settimana della malattia del tipo di influenza, mentre Campbell aveva visto appena uno durante lo stesso periodo.

Campbell attribuisce questo contrasto notevole nei gradi di infezione a stato della vitamina D dei suoi pazienti. “Sono un medico di prevenzione e non ho uno strumento nel mio corredo più potente di vitamina D,„ dice. “Esamino virtualmente tutti i miei pazienti ogni tre - sei mesi a stato di vitamina D,„ Campbell continua, “e tendo “sufficienza„ ad una vitamina D livellata del ng/ml 50-80.„ Come molti medici D-informati della vitamina, Campbell considera i livelli inferiore al ng/ml 30-40 come insufficienti.10-13

DRS. Cannell, Glick e Campbell hanno raggiunto questi risultati superiori con la loro conoscenza dell'impatto potente della d della vitamina sul sistema immunitario innato.

Sostegno delle difese fondamentali del corpo

Il sistema immunitario innato è il ramo del sistema immunitario che risponde immediatamente ai microbi pericolosi.4 non appena un'invasione è individuata, il sistema immunitario innato libera i composti di virus-uccisione chiamati peptidi antimicrobici (amp).14-17 i tessuti che allineano i nostri passaggi di aria sono particolarmente ricchi in cellule producenti amp, in cui forniscono una difesa di prima linea contro influenza.16-20

In questi ultimi anni abbia soltanto scienziati ha scoperto che queste cellule richiedono la vitamina D di funzionare efficacemente.4,20-23 la vitamina D agisce modulando l'espressione genica— attivando i geni che governano la produzione di AMP.15,18-25 le cellule delle vie respiratorie convertono la vitamina D in suo attivo cheriflette la relazione intima fra la vitamina D e le difese ospite.18

Sostegno delle difese fondamentali del corpo

La vitamina D inoltre sopprime le citochine infiammatorie.4,25-27 le citochine sono parzialmente responsabili del dolore, della febbre e della congestione che viene con l'infezione di influenza; le tempeste complete di citochina sono di incolpare di in alcuni casi mortali di influenza.4,28 vitamine D non solo migliora la nostra capacità di produrre le molecole di AMP, inoltre simultaneamente inumidisce l'infiammazione acuta che cause più della nostra miseria sintomatica durante il periodo di influenza.4

Mentre i meccanismi di fondo dietro l'azione immune-sostenente della d della vitamina recentemente sono emerso soltanto, gli scienziati lungamente hanno sospettato che la vitamina D protegge da influenza e da altre infezioni respiratorie. L'influenza è, naturalmente, avvenimento altamente stagionale durante i mesi di oscurità relativa in entrambi gli emisferi (entrambi tramite meno ore diurne e maggior annuvolamento). Poiché la vitamina D richiede la luce solare per l'attivazione, i ricercatori hanno sospettato un collegamento.7,29,30

Uno studio iniziale ha dimostrato che i topi con i bassi livelli di vitamina D erano all'elevato rischio per influenza di maiali sperimentale.31 numeroso studio ha indicato che gli infanti, i bambini e gli adulti sono al rischio aumentato per influenza ed altre infezioni respiratorie più basse serie quando i loro livelli di vitamina D diminuiscono.32-36 uno studio 2009 hanno trovato che il rischio era 36% maggior per la gente in buona salute con i livelli di vitamina D inferiore a 30 ng/ml e 126 - 467% maggiori per quelli con la malattia polmonare ostruttiva cronica o l'asma, rispettivamente!37

Che cosa dovete conoscere: Prevenzione ottimale di influenza
  • L'influenza stagionale epidemica colpisce ogni anno, mentre l'influenza recente “dei maiali H1N1„ si è sparsa con velocità in modo allarmante.
  • Le immunizzazioni possono aiutare, ma non possono realmente ridurre i tassi di mortalità dall'influenza.
  • La vitamina D ha proprietà d'amplificazione potenti, aumentare i geni per i peptidi antimicrobici vitali che possono uccidere i virus dell'influenza non appena atterrano nelle nostre vie aeree.
  • Per ottimizzare gli effetti dimiglioramento della d della vitamina, la maggior parte dei individui devono prendere le dosi ben più alte di supplemento che sono raccomandati solitamente.
  • I clinici di pratica hanno raggiunto l'efficacia con i supplementi quotidiani di vitamina D di 5.000 IU o di più alte-virtuale infezioni d'eliminazione di influenza anche fra le popolazioni vulnerabili.
  • Inizi oggi il completamento di vitamina D. Ottenga i vostri livelli controllati due volte all'anno per essere sicuro che state raggiungendo i livelli ottimali per sostenere il vostro sistema immunitario.

Studio un 2005 controllati con placebo ha rivelato un legame diretto fra il completamento di vitamina D e la prevenzione di influenza.38 ricercatori che studiano un gruppo di donne postmenopausali a rischio dell'osteoporosi hanno amministrato i 800 IU raccomandati al giorno del vitamina D3 per i due anni, poi 2.000 IU al giorno durante il terzo anno, contro placebo. Mentre 26 destinatari del placebo hanno riferito avere il raffreddore o la malattia del tipo di influenza durante lo studio, solo 7 che prendono il supplemento di 800 IU hanno avuti tale malattia-e soltanto uno tale malattia è stata riferita durante il periodo di 2.000 IU. Più inatteso, il supplemento completamente ha annullato fuori la stagionalità dell'infezione-là era “punta di influenza„ non grande nell'inverno fra i pazienti completati.11

Questi risultati forniscono la prova importante che il sistema immunitario richiede la vitamina D in quantità relativamente alta di assicurare la protezione adeguata contro l'influenza (influenza di maiali compresa H1N1). Il problema è che anche se prendete i supplementi di vitamina D, potete però non ottenere abbastanza.

Perché non state ottenendo abbastanza vitamina D

La quantità quotidiana “raccomandata„ corrente di 400-800 IU è stata stabilita più di 30 anni fa— ed è stata tesa puramente a stabilire il minimo richiesto per evitare l'osteoporosi.39 questi importi sono troppo minimo lontano per fornire la vitamina D ai livelli immune-sostenenti.40 il corpo possono produrre i livelli ematici di vitamina D attivata nelle quantità elevate ben che ingeriamo normalmente.11 per generare tutto il beneficio significativo, i ricercatori hanno dovuto dare 6.400 IU della vitamina D agli adulti in buona salute per massimizzare la produzione dell'intervento concreto .10 come Dott. Cannell riferito, “questo implica che ognuno abbia una carenza cronica di vitamina D, almeno nell'inverno,„ quando l'influenza è al suo peggio.11

Perché non state ottenendo abbastanza vitamina D

Gli studi recenti sostengono l'osservazione di Cannell, dimostrante che altrettanto poichè 87% degli adulti sono vitamina D carente da tardi inverno-e 61% rimangono carenti persino durante i mesi soleggiati dell'estate.2,3 molti fattori contribuiscono a questi bassi livelli. L'età fa diminuire la capacità di pelle umana di attivare l'inquinamento della vitaminaD. 41 ed i cieli nuvolosi riducono la quantità di luce solare disponibile per l'attivazione naturale di vitamina D, come fa vivendo nelle zone temperate dove i livelli di luce solare di totale sono soltanto moderati.42,43

Secondo l'esperto nutrizionale Reinhold Vieth, “la biologia umana probabilmente è stata ottimizzata con la selezione naturale per di un ambiente ricco di Sun che ha mantenuto la vitamina D del siero più superiore 40 ng/ml. Questi livelli ora sono soltanto prevalenti nella gente che spende un lasso di tempo superiore alla media all'aperto, con il sole alto nel cielo.„44 Vieth continuano, “l'effetto combinato delle linee guida correnti di nutrizione e del consiglio corrente dell'Sun-evitare è di assicurarsi che gli adulti che seguono queste raccomandazioni abbiano concentrazioni di circolazione di vitamina D in basso di 30 ng/ml.„

Esperti che hanno votato le loro vite allo studio della vitamina D concludere che il più inferiore del RDA corrente è troppo minimo lontano.5,13,45 studi indicano che avete bisogno giornalmente almeno del totale di vitamina D di 2.200 IU e probabilmente di molto più, per venire dovunque vicino a stato d'ottimizzazione di vitamina D per supporto immune reale.46 eppure la maggior parte dei medici non stanno raccomandando il completamento maggiori di 800 IU!11

Continuato alla pagina 2 di 2