Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2009
Rapporti

Impedire malattia vascolare
combattendo ossidazione di LDL e le reazioni infiammatorie croniche

Da Julius Goepp, MD
Impedire malattia vascolare

Mentre gli scienziati dipanano i segreti della longevità, sempre più stanno mettendo a fuoco i loro studi sui centenari (la gente che ha vissuto per essere oltre 100 anni). Questo campo dell'indagine ha rivelato le comprensioni profonde nei fattori protettivi che permettono a questa popolazione crescente di vivere vite lunghe e sane.1

Una serie di studi rivela come gli esseri umani invecchianti inscatolano dinamico “per accendere„ i fattori protettivi che possono contribuire a promuovere la vita lunga e sana.

Le comprensioni notevoli da un gruppo di ricerca italiano, insieme alle notizie dirottura dai ricercatori medici negli Stati Uniti suggeriscono che un approccio mirato a a ridurre i fattori di rischio cardiovascolari dell'ottimizzazione e di infiammazione possa urtare drammaticamente la longevità umana.1-4

Superstiti di Inflammaging

Principale dal Dott. Claudio Franceschi, i ricercatori italiani che studiano i centenari hanno imparato che rappresentano, per alcuni versi, un biologico speciale gruppo-essi sembrano essere geneticamente più resistenti ad infiammazione ed alle sue conseguenze devastanti.5 abbiamo saputo per le decadi che l'infiammazione e l'ossidazione partecipano ad un'interazione indiretta e distruttiva che è alla base della maggior parte dei cambiamenti che lungamente sono stati probabilmente conseguenze inevitabili di invecchiamento.6,7 come conseguenza del suo il lavoro con gli esseri umani dell'età molto avanzata e della loro capacità unica sopprimere l'infiammazione, il Dott. Franceschi ha coniato il termine che inflammaging per riassumere l'epifania del suo gruppo: mentre invecchiamo, la nostra immunità acquisita cala, lasciandoci al rischio crescente per le infezioni ed i cancri, mentre la nostra immunità innata in gran parte è conservata, mettente ci al rischio costantemente aumentante per le devastazioni di infiammazione.1 secondo il Dott. Franceschi, “Inflammaging è considerato il terreno comunale e la maggior parte della forza motrice importante delle patologie relative all'età, quali il neurodegeneration, l'aterosclerosi, il diabete e il sarcopenia [perdita di massa del muscolo], tra l'altro, che dividono una causa infiammatoria.„

Superstiti di Inflammaging

Poiché 2003 seminali del Dott. Franceschi funzionano, i ricercatori intorno al mondo hanno abbracciato e spiegato il concetto inflammaging, portante lo sempre più all'attenzione di grande pubblico e perfino dei pensatori conservatori nella corrente principale medica.5,8-13 il punto di questo lavoro è stato pubblicato recentemente alla fine del 2008, quando New York Times ha spruzzato il titolo “beneficio di manifestazione delle droghe di Colesterolo-combattimento più ampio.„14 l'occasione erano la pubblicazione dei risultati drammatici di GIOVE, di uno studio di 17.802 uomini e donne con i livelli normali della lipoproteina a bassa densità (LDL) ma alti livelli apparentemente sani della proteina infiammatoria dell'indicatore chiamata proteina C-reattiva, o di CRP.4 questo studio hanno dimostrato che la gente senza profili anormali del lipido, ma con i segni di infiammazione aumentata ha avuta tassi notevolmente più bassi di eventi cardiovascolari quali attacco di cuore, il colpo e le loro conseguenze, quando hanno preso una rosuvastatina chiamata droga “di statina (Crestor®). la Rosuva-statina ha ridotto i livelli di LDL di 50% ed i livelli di CRP da 37%. In questo studio, la riduzione di infiammazione è sembrato essere critica ad evitare un evento cardiovascolare.

Infatti, gli effetti erano così potente positivo che lo studio è stato fermato dopo un periodo medio di seguito di appena al di sotto di due anni!4 che le scosse secondarie in comunità medica continuano a riverberare, poichè i medici stanno attaccando per capire questa prova potente dell'impatto di infiammazione sulla malattia cardiovascolare.

Mentre le statine fanno parte una parte importante di nostro armamentario contro la malattia cardiovascolare, a volte portano gli effetti contrari.15 fortunatamente, due sostanze nutrienti possono produrre i simili benefici senza preoccupazione degli effetti collaterali.

Per ridurre le reazioni infiammatorie distruttive, un estratto da tè nero chiamato teaflavine ha dimostrato gli effetti antiossidanti potenti e una capacità notevole di controllare l'infiammazione al level.3 genetico per contribuire a regolare i livelli di lipidi del sangue, l'uva spina indiana o il amla ha fornito i risultati emozionanti nei test clinici umani con il beneficio aggiunto di riduzione del danneggiamento ossidativo dei grassi che possono condurre ai cambiamenti aterosclerotici in anticipo.2

Teaflavine e Nutrigenomics

La maggior parte della gente ormai è informata dei poteri sorprendenti di tè verde e delle sue componenti flavonoidi polifenoliche antiossidanti quale il gallato del epigallocatechin (EGCG).16 ora, una famiglia relativa dei composti trovati in tè nero, chiamato teaflavine, sta attirando l'attenzione per i suoi effetti di promessa riguardo ad invecchiamento ed alla longevità.17 le teaflavine sono alla prima linea del campo nuovo emozionante del nutrigenomics— lo studio delle molecole nutrizionali che possono direttamente influenzare l'espressione dei geni, cioè, come i diversi geni si commutano in funzione e a riposo per regolare i processi biologici di base.18-22 poiché i processi infiammatori sono controllati dai geni e dalle proteine che producono, la nostra capacità di controllare quei geni apre un vasto nuovo campo per gli efficaci interventi che controlleranno l'infiammazione e quindi le conseguenze infiammatorie di invecchiamento, o inflammaging. Le molecole ben note di nutrigenomics includono, per esempio, gli acidi grassi omega-3 che regolano i profili del lipido,23 risposte dell'insulina,24 e mediatori infiammatori,25 e la molecola spezia-derivata della curcumina che regola i fattori di trascrizione in questione nell'infiammazione e nell'induzione del cancro.26 queste componenti del tè nero (teaflavine) ora uniscono questo gruppo impressionante di molecole.

Teaflavine e Nutrigenomics
Tè nero sciolto.

Dato seguito d'abbassamento di bere le tazze multiple di tè al giorno secondo le indicazioni degli studi epidemiologici, i cardiologi all'università di Vanderbilt recentemente hanno studiato l'impatto di un estratto teaflavina-arricchito del tè verde sui profili del lipido degli oggetti con colesterolo delicato e moderatamente elevato.27 studiando 240 uomini e donne in Cina, i pazienti a caso assegnati dei ricercatori per ricevere placebo o un estratto teaflavina-arricchito del tè verde (che comprende 75 teaflavine di mg, 150 mg le catechine del tè verde e 150 mg altri polifenoli del tè) quotidiano per 12 settimane. Alla conclusione dello studio, i pazienti teaflavina-completati hanno sperimentato rispettivamente le diminuzioni in loro colesterolo totale e LDL da 11% e da 16%, mentre i destinatari del placebo non hanno avuti cambiamento affatto. Gli effetti contrari non significativi sono stati osservati ed i ricercatori hanno concluso che questa l'estratto teaflavina-arricchito era “un'efficace aggiunta ad una dieta grassa basso saturata.„

Ulteriore prova per tè nero è stata fornita dai cardiologi di Boston nel 2001, quando hanno studiato l'impatto del completamento su disfunzione endoteliale. I ricercatori hanno assegnato a caso 66 pazienti con la coronaropatia per consumare il tè nero o l'acqua; lo studio è stato progettato ad un modo “dell'incrocio„ in modo che tutti gli oggetti ottenessero sia il tè che l'acqua ai tempi differenti (questo permette i confronti presso gli individui come pure fra gli oggetti). I risultati erano drammatici: entrambe il consumo a breve e a lungo termine del tè ha migliorato significativamente il flusso sanguigno in arterie, come individuato tramite le misurazioni agli ultrasuoni; questo flusso è controllato dalle cellule endoteliali e tipicamente è diminuito in pazienti con le malattie cardiovascolari. I ricercatori hanno concluso che “il consumo a breve e a lungo termine del tè nero inverte la disfunzione vasomotore endoteliale in pazienti con la coronaropatia.„28

Amla
Frutta fresca e secca di amla (uva spina indiana).

Le caratteristiche antinfiammatorie novelle di teaflavina tè-derivata il nero sono state descritte in un articolo 2004.3 questi ricercatori erano specificamente interessati nel gene che produce la citochina infiammatoria interleukin-8 (IL-8), che è responsabile di gran parte dell'infiammazione acuta veduta nei termini quale asma, gomma malattia, malattie intestinali infiammatorie e forse anche cancro e malattia cardiovascolare.29-31 notevolmente, questi ricercatori hanno trovato che la teaflavina ha inibito la produzione IL-8. Più notevolmente, l'effetto è stato rintracciato alla capacità della teaflavina di inibire la trascrizione del IL-8 gene-in altre parole, teaflavina ha bloccato il gene realmente dall'espressione del suo prodotto, la citochina infiammatoria.3 questa accuratezza puntuale aprono la porta a molte applicazioni specifiche di teaflavina come agente nutrigenomic antinfiammatorio.

I ricercatori britannici hanno trovato che il consumo del tè nero riduce il tasso di aggregazione della piastrina.32 l'aggregazione delle piastrine contribuiscono al grumo la formazione, che può precipitare gli eventi cardiovascolari micidiali. Nel 2004 i ricercatori giapponesi potevano bloccare l'effetto d'agglomerazione della piastrina del tè nero ad un piccolo gruppo altamente di teaflavine concentrate attivo.33

L'antinfiammatorio potente, l'anticancro e longevità-indurre le qualità delle frazioni altamente attive della teaflavina hanno provocato la pubblicazione di parecchio dozzina ricerche di laboratorio, ogni fornire i dati dettagliati più ad alta definizione circa queste molecole.34-38

Che cosa dovete conoscere: Impedire malattia vascolare
Che cosa dovete conoscere: Impedire malattia vascolare

Inflammaging è il termine scientifico per il processo di infiammazione che quello conduce alla maggior parte delle circostanze età-collegate che contagiano l'umanità.

• Uno studio potente recente dimostrato come il controllo del processo infiammatorio taglia drammaticamente il rischio di malattia cardiovascolare e di morte.

• Due supplementi notevoli, migliaia di anni in origine e nuovissimo nella formulazione, direttamente indirizzano inflammaging ad un modo mirato a e complesso.

• Le teaflavine, gli estratti concentrati di tè nero, rappresentano la nuova area del nutrigenomics, catturante e controllante i meccanismi genetici che modulano l'infiammazione e direttamente riducente il suo impatto sull'invecchiamento e sui processi causa di malattie.

• Gli estratti concentrati di amla, l'uva spina indiana, contribuiscono a normalizzare i profili del lipido mentre riducono le misure dirette dell'ossidazione e dell'infiammazione del tessuto.

• Questi due supplementi, in tandem, forniscono la speranza per milioni di Americani che soffrono dai flagelli di inflammaging, lavorando di mode complementari per ridurre sia le cause che gli effetti micidiali di infiammazione su invecchiamento.

Una prova umana coercitiva determina a casa il potenziale incredibile degli estratti della teaflavina a montaggio nel modello inflammaging della malattia umana riducendo i processi infiammatori attraverso un'ampia gamma di azioni. In questo studio 2007 di 12 volontari umani, otto sono stati completati con l'estratto altamente purificato per una settimana, mentre quattro hanno ricevuto il placebo. Alla conclusione della settimana, gli oggetti hanno ricevuto le iniezioni di uno degli stimolatori più potenti di infiammazione conosciuti a scienza: una componente batterica della membrana cellulare ha chiamato il lipopolysaccharide (LPS). I LPS nelle dosi modeste possono indurre la scossa, il coma e perfino la morte, queste erano così naturalmente soltanto dosi minuscole e sicure, ma i volontari si sono pensati che chiaramente mostrassero una certa prova delle reazioni infiammatorie acute. Oltre a monitoraggio clinico, i ricercatori hanno cavato i campioni di sangue per controllare per i segni in anticipo di infiammazione, specialmente quelli che comprendono le citochine “viscoelastiche„ quale l'TNF-alfa, IL-6, IL-8 e CRP.39,40

Astonishingly, gli oggetti completati hanno avuti un rapporto di riproduzione di 56% dei livelli di queste citochine anche prima che ricevessero la sfida infiammatoria! Ugualmente d'importanza, gli oggetti completati hanno avvertito un aumento di 52% nei livelli della citochina protettiva e antinfiammatoria chiamata IL-10, che è compreso nella prevenzione delle infezioni respiratorie virali, per esempio.41 i pazienti completati inoltre hanno dimostrato i tassi di produzione più bassi del N-F-KB digenerazione di fattore di trascrizione (71%), dell'enzima digenerazione COX-2 (72%) e della molecola ICAM-1 di adesione.40

la proteina C-reattiva, o CRP, è aumentato drammaticamente come previsto nei destinatari del placebo che seguono la sfida infiammatoria. Notevolmente, sebbene, quell'elevazione sia 75% maggior nel gruppo del placebo che nel gruppo completato. Poiché conosciamo quello ridurre i livelli di CRP può essere salvavita,4 che questa è prova diretta dei benefici di questo preparato di concentrato la teaflavina!42,43

Amla

L'uva spina indiana (officinalis di Emblica) è stata nota ai professionisti della medicina di Ayurvedic (indigena in India) per più di 3.000 anni.44 A lungo trascurati dagli scienziati occidentali, l'uva spina indiana, anche conosciuta come il amla, appartengono ad un gruppo di preparazioni di erbe che, secondo i testi storici, “promuova la longevità ed induca l'alimentazione.„45 infine stiamo prendendo con il nostro passato mentre la prova si accumula che la bacca di amla funziona a vari livelli per tagliare i fattori di rischio cardiovascolari. Gli estratti puri di amla ora sono stati indicati all'atto nei modi precisi rompere il ciclo dell'ossidazione, dell'infiammazione e della formazione di placche.

Le proprietà antiossidanti potenti di Amla, in primo luogo riconosciute nei termini moderni nel 1936,46 sembrano essere alla base della maggior parte dei suoi effetti benefici (comunque sembra essere altri effetti pure). I ricercatori indiani nel 1999 hanno indicato che “i principi del tannoid„ di amla sono i composti antiossidanti principali nella frutta.I 47 estratti di Amla in effetti sono stati allineati dai ricercatori tedeschi fra la maggior parte dei agenti botanici attivi ad impedire la perossidazione lipidica, l'ossidazione di grassi che avvia la cascata di aterosclerosi e di molte altre circostanze relative all'età.48 ricercatori giapponesi hanno indicato che l'amministrazione dell'estratto di amla può invertire molti cambiamenti relativi all'età nei reni dei ratti, a 49 un'individuazione vitale perché la funzione del rene si deteriora tipicamente con l'età come conseguenza di accumulazione dei prodotti finiti avanzati di glycation (età) e dell'incrocio del collagene che si collega nelle cellule e nei tessuti.50,51

I ricercatori indiani che studiano gli effetti del amla sulla malattia cardiaca ischemica in ratti hanno trovato che potrebbero completamente evitare “la lesione di ischemia-riperfusione„ al muscolo del cuore che accade quando le cellule cardiache danneggiate sono rifornite con di sangue ricco d'ossigeno.52

Gran parte dell'eccitazione che è generata circa la cardioprotezione nei cerchi scientifici oggi53 è collegata con il fatto che gli estratti di amla non solo riducono l'ossidazione di molecole grasse in membrane cellulari e dentro sangue-realmente riducono i livelli di grassi pericolosi mentre aumentano i livelli di lipoproteina ad alta densità utile (HDL). Gli estratti di Amla inibiscono l'ossidazione di LDL (un primo punto critico nell'aterosclerosi) più potente del probucol antiossidante della droga!54 in un modello animale in cui i ratti sono stati alimentati le diete ricche in colesterolo, gli estratti di amla hanno abbassato significativamente il colesterolo totale ed i livelli di LDL. L'eccitazione dei ricercatori è evidente poichè concludono che “il amla può essere efficace per ipercolesterolemia [colesterolo totale elevato] e la prevenzione di aterosclerosi.„

I meccanismi dietro questi effetti sono simili a quelli dei farmaci da vendere su ricetta medica d'abbassamento moderni.55 per esempio, gli estratti di amla inibiscono il sistema degli enzimi chiamato riduttasi HMG-CoA, che è responsabile di produzione di colesterolo nel fegato,53 livelli di colesterolo nel siero quindi d'abbassamento. Amla inoltre migliora la degradazione e l'eliminazione di colesterolo nei modelli animali,53 come fanno droghe quali i fibrati (gembifrozil, clofibrate ed altri).56,57 per concludere, come dimostrato elegante dai ricercatori cinesi, gli estratti di amla colpiscono favorevolmente i rivestimenti endoteliali dei vasi sanguigni, impedicenti le cellule infiammatorie “attaccare„ a loro ai primi punti di aterosclerosi ed impedire la crescita eccessiva delle cellule di muscolo liscio che è il punto seguente nella produzione di malattia.58-60 in brevi, estratti concentrati di amla lavori in non uno ma almeno in tre distinti e nei modi complementari ridurre il rischio cardiovascolare.

Le prove umane con il amla sono niente a corto di notevole. Gli scienziati dell'alimento a Nuova Delhi hanno studiato un gruppo di uomini di 35-55 anni, con i livelli di colesterolo normali o elevati,61 che li completano con gli estratti di amla. Gli oggetti hanno ricevuto il supplemento per i 28 giorni consecutivi. Gli uomini con sia i livelli di colesterolo normali che elevati hanno mostrato una diminuzione nei livelli di colesterolo totali e la destra della rosa di entrambi i gruppi di nuovo quasi ai loro Livelli originali due settimane dopo la fermata del supplemento.

Uno studio più dettagliato è stato riferito dai fisiologi che lavorano a tutto l'istituto dell'India delle scienze mediche a Nuova Delhi nel 2001.2 questi ricercatori hanno utilizzato il amla sotto forma di ricchi indiani tradizionali di un supplemento “nel chyawanprash chiamato vitamina C.„ I dieci giovani in buona salute non hanno completato giornalmente le loro diete con chyawanprash o vitamina C da solo per otto settimane e poi supplemento per le otto settimane successive. I profili ed i test di tolleranza al glucosio del lipido sono stati effettuati prima del completamento ed a quattro, otto, 12 e 16 settimane. I risultati erano notevoli per così piccolo studio: rispetto al gruppo solo c della vitamina dopo otto settimane, il gruppo che riceve il supplemento amla-contenente ha avvertito un aumento di quasi 11% nei livelli di HDL, più di un calo di 16% nei livelli di LDL e un calo nel LDL: Il rapporto del colesterolo di HDL di più di 33%.2 questi numeri è realmente uguale a o misure migliore simili in uno studio recente sulla classe di fibrato di farmaci da vendere su ricetta medica, in cui inquietudini significative della sicurezza sono state suscitate!57 oggetti nel gruppo completato inoltre hanno avvertito una riduzione di quasi 14% in glicemia a digiuno ed altre misure di glucosio tolleranza-un altro effetto benefico per salute vascolare.

Ancora gli studi più recenti sono stati intrapresi altamente su una concentrata su e la forma purificata dei tannini e dei polifenoli più attivi dalla bacca di amla chiamata Amlamax.®62,63 non tutti di questi studi completamente è stata esaminata da un comitato di esperti (il processo “della revisione tra pari„), ma i risultati che riferiscono sono impressionanti e meritano la menzione.

Nello studio più recente e più coercitivo, 25 oggetti hanno preso la preparazione di amla (500 mg/giorno) per tre mesi, e nel frattempo 27 hanno preso il placebo. Dodici parametri vitali relativi a salute cardiovascolare sono stati misurati prima dello studio e poi mensile durante lo studio. Notevolmente, dieci di questi parametri hanno mostrato il miglioramento sostanziale nel gruppo completato! Qui è un riassunto dei risultati.63

Profili del lipido: Gli oggetti che hanno preso la preparazione concentrata di amla hanno avvertito un aumento significativo di 18% nei loro livelli di HDL rispetto ai destinatari del placebo. I livelli elevati di HDL sono associati forte con la protezione cardiovascolare positiva. Quello è perché HDL elimina il colesterolo dalla parete arteriosa (via il processo di trasporto inverso del colesterolo) e dai trasporti di nuovo al fegato per escrezione.64 ha completato gli oggetti anche tesi verso una riduzione dei livelli del lipido pericoloso del sangue conosciuto come la lipoproteina molto a bassa densità (VLDL).

I trigliceridi sono componenti grasse reali trovate nelle varie molecole della lipoproteina e contribuiscono indipendente al rischio cardiovascolare. Gli oggetti completati con il amla estraggono teso verso i livelli più bassi dei trigliceridi rispetto ai destinatari del placebo.63

Paraoxonase-1: Questo enzima, anche conosciuto come PON-1, è un antiossidante vitale che fa parte del complesso utile di HDL e contribuisce direttamente alla sua attività anti-aterosclerotica. La gente con i livelli elevati di PON-1 ha un più a basso rischio dei risultati cardiovascolari.65 l'enzima PON-1 agiscono riducendo l'ossidazione pericolosa di grassi-un di LDL dei punti iniziali nella malattia cardiovascolare. gli oggetti Amla-completati hanno avuti un aumento impressionante nella loro attività PON-1 rispetto ai destinatari del placebo.63

Profili del lipido
clic alla vista

TBARS: Questa sostanza (acido tiobarbiturico che riduce sostanza) è prodotta quando le molecole grasse subiscono il danno ossidativo, in modo da TBARS è una misura diretta di quanto danno ossidativo realmente ha avuto luogo.66 pazienti completati hanno avuti un rapporto di riproduzione enorme di 52% dei loro livelli di TBARS dopo tre mesi del trattamento, rispetto ai comandi! Ciò che trova è prova diretta sbalorditiva dell'effetto ossidazione-protettivo potente del concentrato speciale di amla.63

LDL ossidato: Le lipoproteine a bassa densità sono fra gli elementi più pericolosi quando si tratta dei profili del lipido, nella grande parte perché i grassi portati da questi complessi sono particolarmente vulnerabili all'ossidazione, che è fra gli inneschi principali del danno endoteliale che presagisce l'aterosclerosi.67 come TBARS, le misure di LDL ossidato sono indicatori diretti la del quanto ossidazione grassa reale sta avendo luogo e quindi danno una stima “in tempo reale„ del suo livello di rischio cardiovascolare.68 nello studio del completamento del amla-concentrato, i pazienti completati hanno avvertito un rapporto di riproduzione di 17% dei loro livelli ossidati di LDL, rispetto soltanto ad un rapporto di riproduzione di 8% della differenza significativa dei pazienti-un del placebo che fornisce ancora la prova diretta degli effetti cardioprotective di questa preparazione di amla.63

Acido sialico: Questa molecola, una componente onnipresenta delle molecole specializzate chiamate glicoproteine, recentemente è stata trovata per essere un preannunciatore sensibile del rischio cardiovascolare una volta misurata nel sangue.69,70 un calo molto drammatico e significativo nei livelli acidi sialici del siero sono stati indicati fra i pazienti amla-completati rispetto ai comandi.63

Riassunto

Una miriade degli studi pubblicati ha spinto il concetto di inflammaging anteriore e concentrare nella consapevolezza di comunità scientifica. Mentre i membri del prolungamento della vita tempo fa sono stati avvertiti circa i pericoli di infiammazione e dell'ossidazione croniche, i grandi e studi potenti documentano metodicamente il beneficio di trattamento del CRP elevato ed i livelli di lipidi anormali prima di attacco di cuore, del colpo e di altre malattie comuni sono manifestati clinicamente.4

La bacca di amla è stata indicata al rischio cardiovascolare più basso con i suoi effetti benefici sui profili del lipido ed interferendo con il modo le molecole grasse subiscono le reazioni micidiali dell'ossidazione che contribuiscono ad infiammazione cronica.

infiammazione cronica

Quando aggiungiamo gli effetti nutrigenomic notevoli delle teaflavine, che direttamente controllano i geni che modulano i processi infiammatori, troviamo “un uno-due„ potente nella sconfitta delle forze micidiali di inflammaging.

Il nostro scopo è di usare questi mirati a, supplementi scientifico convalidati per ricreare per ognuno la resistenza provata dei centenari al processo inflammaging. Il nostro scopo più a lungo termine è di spingere le frontiere di invecchiare umano finora che un centenario non è più un aspetto di curiosità, poichè tutti avvertiamo i buona salute estesi che l'uso intelligente della tecnologia assicurerà.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Franceschi C, Bonafe M. Centenarians come modello per invecchiamento sano. Transazione di biochimica Soc. 2003 aprile; 31(2): 457-61.

2. Manjunatha S, Jaryal AK, Bijlani RL, Sachdeva U, Gupta SK. Effetto di chyawanprash e di vitamina C su tolleranza al glucosio e sul profilo della lipoproteina. J indiano Physiol Pharmacol. 2001 gennaio; 45(1): 71-9.

3. Aneja R, Odoms K, Denenberg AG, ORA di Wong. La teaflavina, un estratto del tè nero, è un composto antinfiammatorio novello. Med di cura di Crit. 2004 ottobre; 32(10): 2097-103.

4. Ridker PM, Danielson E, Fonseca FA, et al. rosuvastatine per impedire gli eventi vascolari in uomini ed in donne con proteina C-reattiva elevata. Med di N Inghilterra J. 9 novembre 2008.

5. Franceschi C. Inflammaging come caratteristica importante della gente anziana: può essere impedito o curato? Rev. 2007 di Nutr dicembre; 65 (12 pinte 2): S173-6.

6. Il Mach F. Inflammation è una caratteristica cruciale di aterosclerosi e di un obiettivo potenziale per ridurre gli eventi cardiovascolari. Handb Exp Pharmacol. 2005;(170):697-722.

7. Vitalità conoscitiva di mantenimento di HM, di Butler Marina militare, di O'Connell aw, et al. raggiungere di Fillit e con invecchiamento. Mayo Clin Proc. 2002 luglio; 77(7): 681-96.

8. Mishto m., Santoro A, Bellavista E, et al. Immunoproteasomes e immunosenescence. Rev. 2003 di ricerca di invecchiamento ottobre; 2(4): 419-32.

9. Giunta S. È inflammaging un'immunità [innata] automatica la sindrome infraclinica? Invecchiamento di Immun. 2006;312.

10. Franceschi C, Capri m., Monti D, et al. Inflammaging ed anti--inflammaging: una prospettiva sistemica su invecchiamento e sulla longevità è emerso dagli studi in esseri umani. Sviluppatore invecchiante Mech. 2007 gennaio; 128(1): 92-105.

11. Florez H, BR di Troen. Grasso e inflammaging: un percorso doppio a disagio in anziani? Soc di J Geriatr. 2008 marzo; 56(3): 558-60.

12. GI di proprio forte, Cala C, Scola L, et al. ruolo di interazione di fattore ambientale e genetico nello sviluppo relativo all'età di malattia: il paradigma gastrico del cancro. Ricerca di ringiovanimento. 2008 aprile; 11(2): 509-12.

13. Mp di Katepalli, Adams aa, Lear TL, Horohov DW. L'effetto dell'età e della lunghezza del telomero sulla funzione immune nel cavallo. Comp. Immunol dello sviluppatore. 2008;32(12):1409-15.

14. Le droghe di Colesterolo-combattimento di Belluck P. mostrano il più ampio beneficio. New York Times. 10 novembre 2008; A1.

15. Escobar C, Echarri R, profili di sicurezza di V. Relative dei quartieri ispanici dei regimi di statina della dose elevata. Rischio sanitario Manag di Vasc. 2008;4(3):525-33.

16. LA di Beltz, Bayer dk, Moss AL, Simet IM. Meccanismi di prevenzione del cancro dai polifenoli del tè verde e nero. Agenti anticancro Med Chem. 2006 settembre; 6(5): 389-406.

17. Cameron AR, Anton S, Melville L, et al. polifenoli del tè nero imita l'insulina/crescita del tipo di insulina factor-1 che segnala al fattore FOXO1a di longevità. Cellula di invecchiamento. 2008 gennaio; 7(1): 69-77.

18. Fernandes G. Progress in immunologia nutrizionale. Ricerca di Immunol. 2008;40(3):244-61.

19. Kussmann m., Blum S. OMICS-ha derivato gli obiettivi per i disordini infiammatori dell'intestino: le opportunità per lo sviluppo di nutrizione hanno collegato i biomarcatori. Obiettivi immuni della droga di Endocr Metab Disord. 2007 dicembre; 7(4): 271-87.

20. Caramia G. Omega-3: dall'olio di fegato di merluzzo al nutrigenomics. Minerva Pediatr. 2008 agosto; 60(4): 443-55.

21. Crujeiras ab, Parra D, Milagro FI, et al. l'espressione differenziale dello sforzo ossidativo e l'infiammazione hanno collegato i geni in cellule mononucleari del sangue periferico in risposta ad una dieta ipocalorica: uno studio di nutrigenomics. OMICS. 7 agosto 2008.

22. Gillies PJ. Nutrizione di prelazione degli stati pro-infiammatori: un modello nutrigenomic. Rev. 2007 di Nutr dicembre; 65 (12 pinte 2): S217-20.

23. Lindi V, Schwab U, Louheranta A, et al. impatto del polimorfismo di Pro12Ala del gene PPAR-gamma2 sulla risposta del triacilglicerolo del siero al completamento dell'acido grasso n-3. Mol Genet Metab. 2003 maggio; 79(1): 52-60.

24. Palladio di Tsitouras, Gucciardo F, ANNUNCIO di Salbe, Heward C, Harman MP. L'alto consumo di grassi omega-3 migliora la sensibilità dell'insulina e riduce CRP e IL6, ma non colpisce altre asce endocrine in adulti più anziani in buona salute. Ricerca di Horm Metab. 2008 marzo; 40(3): 199-205.

25. Fattori nutritivi e non-nuitritive di Blazovics A, di Hagymasi K, di Pronai L. Cytokines, delle prostaglandine, nelle malattie intestinali infiammatorie. Orv Hetil. 12 dicembre 2004; 145(50): 2523-9.

26. Chen HW, Lee JY, Huang JY, et al. curcumina inibisce l'invasione e la metastasi della cellula tumorale del polmone tramite il soppressore HLJ1 del tumore. Ricerca del Cancro. 15 settembre 2008; 68(18): 7428-38.

27. Maron DJ, GP di LU, Cai NS, et al. Colesterolo-abbassante effetto di un estratto teaflavina-arricchito del tè verde: una prova controllata randomizzata. Med dell'interno dell'arco. 23 giugno 2003; 163(12): 1448-53.

28. Duffy SJ, Keaney JF, Jr., Holbrook m., et al. consumo a breve e a lungo termine del tè nero inverte la disfunzione endoteliale in pazienti con la coronaropatia. Circolazione. 10 luglio 2001; 104(2): 151-6.

29. Kebschull m., Demmer R, Behle JH, et al. proteina chemiotattica 2 (gcp-2/cxcl6) del granulocita complementa interleukin-8 nella malattia periodentale. Ricerca periodentale di J. 7 ottobre 2008.

30. Higashimoto Y, Yamagata Y, Taya S, et al. infiammazione sistemica in COPD ed asma: similarità e differenze. Nihon Kokyuki Gakkai Zasshi. 2008 giugno; 46(6): 443-7.

31. Aukrust P, Yndestad A, Smith C, Ueland T, Gullestad L, Damas JK. Chemokines nella previsione cardiovascolare di rischio. Thromb Haemost. 2007 maggio; 97(5): 748-54.

32. Steptoe A, EL di Gibson, Vuononvirta R, et al. Gli effetti dell'assunzione cronica del tè sull'attivazione e sull'infiammazione della piastrina: una prova controllata del placebo della prova alla cieca. Aterosclerosi. 2007 agosto; 193(2): 277-82.

33. Sugatani J, Fukazawa N, Ujihara K, et al. polifenoli del tè inibisce il acetile-CoA: 1-alkyl-sn-glycero-3-phosphocholine acetiltransferasi (un enzima chiave nella biosintesi d'attivazione di fattore) ed aggregazione indotta da fattore d'attivazione della piastrina. Allergia Immunol dell'arco di Int. 2004 maggio; 134(1): 17-28.

34. Il Cai F, CR di Li, Wu JL, et al. teaflavina migliora la lesione cerebrale di ischemia-riperfusione in ratti con il suoi effetto e modulazione antinfiammatori di STAT-1. Mediatori Inflamm. 2006;2006(5):30490.

35. Siddiqui IA, Adhami VM, Afaq F, Ahmad N, Mukhtar H. Modulation della chinasi chinasi-vie mitogene-attivate della proteina e di b di phosphatidylinositol-3-kinase/protein dai polifenoli del tè in cellule di carcinoma della prostata umane. Biochimica delle cellule di J. 1° febbraio 2004; 91(2): 232-42.

36. Siddiqui IA, Raisuddin S, effetti di Shukla Y. Protective dell'estratto del tè nero su testosterone ha indotto il danno ossidativo in prostata. Cancro Lett. 28 settembre 2005; 227(2): 125-32.

37. Siddiqui IA, Zaman N, Aziz MH, et al. inibizione di crescita del tumore CWR22Rnu1 e di secrezione di PSA in topi nudi athymic dai tè verdi e neri. Carcinogenesi. 2006 aprile; 27(4): 833-9.

38. TUM di Zykova, Zhang Y, Zhu F, Bode, reti di trasduzione del segnale di Dong Z. The richieste per fosforilazione di STAT1 a Ser727 in cellule epidermiche JB6 del topo nella risposta di UVB e meccanismi inibitori dei polifenoli del tè. Carcinogenesi. 2005 febbraio; 26(2): 331-42.

39. Disponibile a: http://www.medicalnewstoday.com/articles/67591.php. 23 ottobre 2008 raggiunto.

40. WG0401 protettivo contro infiammazione generalizzata in uno studio umano. Dati non pubblicati, WellGen, inc; 2007.

41. McGuirk P, Sc di Higgins, macina il KH. Cellule regolarici ed il controllo dell'infezione respiratoria. Rappresentante di asma di allergia di Curr. 2005 gennaio; 5(1): 51-5.

42. Dreger H, Lorenz m., Kehrer A, Baumann G, Stangl K, Stangl V. Characteristics della cardioprotezione teaflavina-mediata e della catechina. Med di biol di Exp (Maywood). 2008 aprile; 233(4): 427-33.

43. Jochmann N, Lorenz m., Krosigk A, et al. L'efficacia di tè nero nel miglioramento della funzione endoteliale è equivalente a quella di tè verde. Br J Nutr. 2008 aprile; 99(4): 863-8.

44. Scartezzini P, Speroni E. Review su alcune piante di medicina tradizionale indiana con attività antiossidante. J Ethnopharmacol. 2000 luglio; 71 (1-2): 23-43.

45. Satiavati GV. L'eredità del caraka (recensione). Scienza corrente. 2003;85:1087-90.

46. Damodaran m., Kr di Nair. Un tannino dall'uva spina indiana (emblica di Phyllanthus) con un'azione protettiva su acido ascorbico. Biochimica J. 1936 giugno; 30(6): 1014-20.

47. Bhattacharya A, Chatterjee A, Ghosal S, Bhattacharya SK. Attività antiossidante dei principi attivi del tannoid di officinalis di Emblica (amla). J indiano Exp Biol. 1999 luglio; 37(7): 676-80.

48. Kumar KS, piante medicinali del Muller K. dal Nepal; II. Valutazione come inibitori di perossidazione lipidica in membrane biologiche. J Ethnopharmacol. 1999 febbraio; 64(2): 135-9.

49. Yokozawa T, Kim HY, Kim HJ, et al. Amla (officinalis Gaertn di Emblica.) attenua la disfunzione renale relativa all'età dallo sforzo ossidativo. Alimento chim. di J Agric. 19 settembre 2007; 55(19): 7744-52.

50. Monnier VM, Mustata GT, Biemel chilolitro, et al. reticolazione della matrice extracellulare dalla reazione di Maillard nell'invecchiamento e diabete: un aggiornamento “su un puzzle che si avvicina alla risoluzione„. Ann NY Acad Sci. 2005 giugno; 1043:533-44.

51. Bailey AJ, Paul RG, Knott L. Mechanisms di maturazione e di invecchiamento del collagene. Sviluppatore invecchiante Mech. 1° dicembre 1998; 106 (1-2): 1-56.

52. Bhattacharya SK, Bhattacharya A, Sairam K, Ghosal S. Effect dei principi bioactive del tannoid di officinalis di Emblica dallo sullo sforzo ossidativo indotto da ischemia nel cuore del ratto. Phytomedicine. 2002 marzo; 9(2): 171-4.

53. Anila L, Vijayalakshmi NR. Effetti benefici dei flavonoidi dai officinalis di Emblica, di sesamum indicum e dal momordica charantia. Ricerca di Phytother. 2000 dicembre; 14(8): 592-5.

54. Kim HJ, Yokozawa T, Kim HY, et al. influenza del amla (officinalis Gaertn di Emblica.) su ipercolesterolemia e perossidazione lipidica nei ratti di colesterolo-federazione. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2005 dicembre; 51(6): 413-8.

55. Ali R, Alexander KP. Statine per la prevenzione primaria degli eventi cardiovascolari in adulti più anziani: una rassegna della prova. J Geriatr Pharmacother. 2007 marzo; 5(1): 52-63.

56. Ni di Doncheva, Nikolov chilovolt, DP di Vassileva. effetti dimodificazione e pleiotropici del gembifrozil, delle simvastatine e delle pravastatine in pazienti con la dislipidemia. Med dei Folia (Filippopoli). 2006;48(3-4):56-61.

57. Se di Nissen, Nicholls SJ, Wolski K, et al. effetti di un agonista potente e selettivo dell'PPAR-alfa in pazienti con la dislipidemia o l'ipercolesterolemia atherogenic: due hanno randomizzato le prove controllate. JAMA. 28 marzo 2007; 297(12): 1362-73.

58. Duan W, Yu Y, effetti di Zhang L. Antiatherogenic del emblica di phyllanthus si è associato con corilagin ed il suo analogo. Yakugaku Zasshi. 2005 luglio; 125(7): 587-91.

59. Cai X. Regulation delle cellule di muscolo liscio in via di sviluppo e la malattia vascolare: strategie terapeutiche correnti. Rev esperto Cardiovasc Ther. 2006 novembre; 4(6): 789-800.

60. Lembo G, Vecchione C, Morisco C, et al. ipertensione ed aterosclerosi arteriose: la loro epidemiologia e fisiopatologia. Ann Ital Med Int. 1995 ottobre; 10 (supplemento): 69S-72S.

61. Jacob A, Pandey m., Kapoor S, Saroja R. Effect dell'uva spina indiana (amla) sui livelli di colesterolo nel siero negli uomini ha invecchiato 35-55 anni. EUR J Clin Nutr. 1988 novembre; 42(11): 939-44.

62. Antony B, Benny m., Kaimal TNB. Uno studio clinico pilota per valutare l'effetto dell'estratto di officinalis di Emblica (Amlamax®) sugli indicatori di infiammazione sistemica e della dislipidemia. Biochimica indiana di J Clin. 2008; 23(4):378-81.

63. Laboratorio di R & S, estratti naturali srl PBNO 126 Alwaya Cohin Karala India di Arjuna. Studio non pubblicato su Amlamax®.

64. Trasporto ed aterosclerosi del colesterolo di Cucuianu m., della coca m., di Hancu N. Reverse. Una mini rassegna. Med dell'interno della ROM J. 2007;45(1):17-27.

65. Acqua piovana DL, Rutherford S, tintoriale TD, et al. fattori determinanti di variazione nell'attività umana di paraoxonase del siero. Eredità. 29 ottobre 2008.

66. Rajak S, Banerjee SK, Sood S, et al. officinalis di Emblica causa l'adattamento del miocardio e protegge dallo sforzo ossidativo nella lesione di ischemico-riperfusione in ratti. Ricerca di Phytother. 2004 gennaio; 18(1): 54-60.

67. Yoshida H, Ishikawa T, Hosoai H, et al. effetto inibitorio dei flavonoidi del tè sulla capacità delle cellule di ossidare la lipoproteina di densità bassa. Biochimica Pharmacol. 1° dicembre 1999; 58(11): 1695-703.

68. Holvoet P. Relations fra la sindrome metabolica, sforzo ed infiammazione ossidativa e malattia cardiovascolare. Verh K Acad Geneeskd Belg. 2008;70(3):193-219.

69. Acido di Lindberg G, di Rastam L, di Nilsson-Ehle P, et al. del siero e sialoglycoproteins sialici nell'aterosclerosi asintomatica dell'arteria carotica. ARIC Investigators. Rischio di aterosclerosi nelle Comunità. Aterosclerosi. 1999 settembre; 146(1): 65-9.

70. Moussa mA, Alsaeid m., Refai TM, et al. associazione dell'acido sialico del siero con i fattori di rischio metabolici cardiovascolari in bambini kuwaitiani ed adolescenti con il diabete di tipo 1. Metabolismo. 2004 maggio; 53(5): 638-43