Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2009
Rapporti

Alleviando i sintomi della menopausa naturalmente

Dal vicolo Lenard, PHD
Alleviando i sintomi della menopausa naturalmente

Mentre le donne si avvicinano alla menopausa, diventano suscettibili di una miriade di reclami, variare a partire dalla notte suda e libido bassa ai disturbi dell'umore ed all'insonnia. Uno dei colpevoli principali nei disagi della menopausa sta diminuendo i livelli di estrogeno.

Da quando l'iniziativa della salute delle donne ha rivelato gli effetti collaterali potenzialmente pericolosi di estrogeno droga come Premarin®, donne sta cercando il comparativo ma i metodi più sicuri per alleviare le preoccupazioni della menopausa. a phytoestrogens basati a pianta sono fra la promessa di queste soluzioni naturali della menopausa che catturano i benefici di estrogeno senza suoi effetti collaterali.

Ora, gli scienziati hanno scoperto che la pianta di luppolo contiene il phytoestrogen più potente identificato mai. Gli studi umani indicano che questo potente composto-noto mentre 8-prenylnaringenin o 8-PN-effectively combatte i reclami della menopausa e mostra la promessa nella protezione contro perdita e la malattia cardiaca dell'osso. Per la protezione aggiunta, le proprietà estrogene di 8-PN possono anche essere complementate dal hydroxymatairesinol di phytoestrogen abete-derivato la Norvegia (HMR).

Insieme, questa combinazione di promesse dei phytonutrients ristabilisce a naturalmente e sicuro il benessere alle donne durante i loro anni della menopausa e di là.

Le sfide di menopausa

Le sfide di menopausa

Mentre le donne si avvicinano alla menopausa (solitamente intorno all'età 50), avvertono comunemente i sintomi, quali le vampate di calore (anche chiamate “vampate calde "), i disturbi dell'umore, l'irritabilità, la perdita di libido, l'insonnia, la depressione ed altri disagi.

Le vampate di calore cominciano tipicamente un anno o due prima delle donne raggiungono la menopausa (definita ufficialmente come 12 mesi consecutivi senza la mestruazione) e possono durare a partire appena da alcuni mesi fino a cinque anni o più lungamente. Per alcune donne fortunate, il calore e la sudorazione improvvisa ed intensa delle vampate di calore ed i suoi disagi collegati possono accadere appena alcune volte un la settimana, ma per altre, possono colpire parecchie volte un giorno, rendente la dura affinchè loro lavorino, passare il tempo con gli amici e la famiglia e perfino uscire in pubblico. Le vampate di calore che accadono durante la notte, conosciute come “la notte suda,„ possono renderla difficili ottenere il sonno di una buona notte.1

I meccanismi fisiologici che i sintomi della menopausa di controllo e di innesco completamente non sono capiti, ma una cosa è eminentemente chiari: derivano dall'arresto preprogrammato delle ovaie di una donna e dalla carenza risultante del prodotto ormonale di base delle ovaie, estrogeno.

La ricerca delle soluzioni

Dai periodi antichi, le donne hanno provato a facilitare il loro modo attraverso il passaggio della menopausa usando i vari ai rimedi basati a pianta, quali soia, il trifoglio, il seme di lino, il cohosh nero e la bacca dell'albero del pepe. Grazie a scienza moderna, ora sappiamo che molti degli effetti di queste medicine di erbe sono dovuto i loro costituenti conosciuti come i phytoestrogens, a sostanze del tipo di estrogeno basate a pianta.2 poiché i phytoestrogens somigliano all'estradiolo nella loro struttura chimica e funzione, possono aiutare il sostituto per l'estrogeno ovarico diminuente di una donna ed impedire così, o modulare almeno, molti sintomi della menopausa.

Per i parecchi decenni, la risposta dell'industria farmaceutica a menopausa è stata estrogeni derivati dall'urina del cavallo (Premarin®) e dai prodotti 100% di estradiolo, che hanno commercializzare-con enorme successo-come “la terapia ormonale sostitutiva„ della menopausa (terapia ormonale sostitutiva). Sebbene gli estrogeni altamente potenti in questi prodotti siano abbastanza capaci di inibizione le vampate di calore e degli alcuni altri sintomi, portano il rischio di salute avversa potenzialmente seria conseguenza-compreso i rischi aumentati di cancro al seno e cardiovascolare malattia-come confermati negli ultimi anni tramite i risultati dell'iniziativa della salute delle donne (WHI)3 ed altri test clinici importanti.

La ricerca delle soluzioni

Alla luce di questa marea in aumento dei dati negativi, molte donne stanno girando di nuovo ai rimedi di erbe tradizionali. Mentre questi phytoestrogens possono soddisfare le esigenze di alcune donne della menopausa, altri trovano che non offrono il sollievo sufficiente dai disagi della menopausa.2 essi lungamente per uno che è abbastanza sicuro da non causare loro le preoccupazioni di salute, eppure ancora abbastanza forte sopprimere attendibilmente le loro vampate di calore ed altri disagi e reclami comuni.

Ora, quel phytoestrogen può infine essere attuale. È stato identificato come un estratto del fiore femminile della pianta di luppolo (humulus lupulus L.). Sì, quella è destra, il luppolo, molto la stessa pianta usata poiché i medio evo per aiutare la birra di sapore e di processo, è stato trovato per contenere un costituente cioè indiscutibilmente, il phytoestrogen più potente provato mai.4 così efficace è questo salta l'estratto-ora conosciuto come 8-prenylnaringenin (8-PN) — che la ricerca clinica controllata ha indicato che la maggior parte delle donne della menopausa che le prendono l'esperienza una riduzione rapida e significativa delle vampate di calore e di altri disagi.5 e questo può appena essere l'inizio delle sue indennità-malattia. Può anche essere utile contro osteoporosi e cuore malattia-con nessun segno dei rischi del tipo di terapia ormonale sostitutiva.6-8

Inoltre, una teoria coercitiva suggerisce che l'azione istantanea anti-calda 8-PN's come pure le sue altre indennità-malattia, possano essere ingrandette quando si combina con un altro tipo di phytoestrogen comune da un lignan, cioè, 7-hydroxymatairesinol (HMR), estratto dagli alberi dell'abete rosso.9,10 per le donne che si avvicinano alla menopausa o per quelli già afflitti dai suoi sintomi, le azioni combinate di 8-PN e HMR possono essere le migliori notizie nei secoli.

Gli effetti estrogeni del luppolo

Gli effetti estrogeni del luppolo

Sebbene l'utilizzazione principale del luppolo sia stata sempre nel fare la birra, è stato creduto poiché periodi antichi avere determinate proprietà medicinali, specialmente come un sedativo ed ipnotico (cheinducono agente).4,11

La ricerca dai ricercatori tedeschi che cominciano negli anni 50 ha trovato che il grezzo salta gli estratti ha posseduto l'attività estrogena. Infatti, questa attività, come provata negli studi sugli animali, era molte volte più forte di quella trovata in tutte le altre piante phytoestrogenic.4 phytoestrogenic in comune piantano, come i fagioli della soia, il trifoglio ed i legumi, l'attività estrogena lungamente è stato collegato alla presenza di alte concentrazioni di prodotti chimici conosciuti come gli isoflavoni, particolarmente la daidzeina e la genisteina. In dadi e semi oleiferi (per esempio, seme di lino) come pure determinati cereali, frutta e verdure conosciute per avere proprietà estrogene, una classe differente di prodotti chimici, conosciuta come i lignani , sono stati ritenuti responsabili.

Gli scienziati moderni dal Giappone, da 12,13 Belgio, da 4 e dal UK14 hanno trovato che il composto il più estrogenically potente nel luppolo cono-e conseguentemente, il phytoestrogen più potente isolare-era mai un prenylnaringenin di 8 ‑ (8 ‑ PN), un membro di una classe precedentemente sconosciuta di phytoestrogens non steroidei conosciuti come i prenylflavonoids. Le ricerche di laboratorio hanno indicato che le azioni estrogene di 8-PN sono parecchie volte più potenti della daidzeina e della genisteina, ma ancora significativamente meno estrogeno che l'estradiolo14— in altre parole, la miscela ideale vicina di potere e la sicurezza che le donne della menopausa stanno avendo bisogno.

Gli studi sugli animali confermano l'effetto estrogeno

I livelli diminuenti di estrogeno con menopausa possono provocare l'atrofia dell'epitelio vaginale, che è associato con i sintomi quale siccità, itching e bruciante. La ricerca in ratti ovariectomizzati (ovaie rimosse chirurgicamente) indica che 8-PN produce le funzioni del tipo di estrogeno delicate in tessuti epiteliali vaginali ed uterini.15 dopo tre mesi del trattamento con l'estradiolo o 8-PN, sia nelle dosi elevate basse che, l'esame degli uteri degli animali e le vagine hanno indicato che dosi di minimo e massime dell'estradiolo e la dose elevata di 8-PN, causata la crescita in relazione con l'estrogeno tipica nel tessuto epiteliale di questi organi. Questi risultati indicano che 8-PN divide molte delle funzioni estrogene tipiche dell'estradiolo, ma 8-PN è generalmente meno potente e può così essere più sicuro.

La prima indicazione chiara che 8-PN potrebbe essere utile per l'aiuto sopprime le vampate di calore è venuto da uno studio britannico dei ratti ovariectomizzati. Appena poichè eliminare l'estrogeno ovarico è un modo infallibile avviare le vampate di calore in donne, ovariectomia in ratti induce la loro temperatura della pelle della coda ad aumentare. Facendo uso di un dispositivo telemetrico per misurare la temperatura della pelle della coda degli animali, i ricercatori hanno alimentato ad un gruppo di ratti una dieta che estradiolo incluso e un secondo gruppo una dieta che contiene 8 ‑ PN. Un terzo gruppo di controllo ha consumato una dieta senza estrogeno normale. I risultati hanno indicato che, rispetto alle loro linee di base di pretrattamento, sia l'estradiolo che 8 ‑ PN hanno abbassato significativamente la temperatura della pelle media della coda dei ratti.16 phytoestrogens dietetici, quali gli isoflavoni della soia, inoltre sono stati indicati per sopprimere i livelli di temperatura della pelle elevati della coda in ratti ovariectomizzati, sebbene quegli effetti fossero meno intensi che quelli prodotti da 8-PN.17

Che cosa dovete conoscere: Alleviando i sintomi della menopausa naturalmente
  • Le vampate di calore ed altri sintomi della menopausa sono una conseguenza dell'arresto preprogrammato delle ovaie ed il declino successivo in loro ormone primario, estrogeno.

  • Le terapie ormonali sostitutive quali i prodotti farmaceutici di terapia ormonale sostitutiva fatti dagli estrogeni del cavallo o dall'estradiolo 100% come pure i rimedi naturali fatti dai phytoestrogens (per esempio, isoflavoni) sono destinati per fornire al corpo i sostituti dell'estrogeno che impediscono idealmente i sintomi della menopausa. Purtroppo, i prodotti farmaceutici di terapia ormonale sostitutiva possono essere potenzialmente pericolosi, mentre i rimedi naturali possono essere troppo delicati per produrre gli effetti desiderati in alcune donne.

  • Recentemente, un estratto del cono di luppolo è stato trovato per contenere una classe precedentemente sconosciuta di phytoestrogens non steroidei (prenylflavonoids), di cui 8-PN è il più potente. Le ricerche di laboratorio mostrano 8-PN per essere sensibilmente più potenti della daidzeina e della genisteina degli isoflavoni, ma significativamente meno estrogene che l'estradiolo, così portando ad un equilibrio ideale vicino della potenza e della sicurezza.

  • Gli studi clinici in donne postmenopausali indicano che le dosi quotidiane di 8-PN sopprimono significativamente le vampate di calore, mentre però riducendo insonnia, irritabilità e le palpitazioni cardiache collegate. Le ricerche di laboratorio suggeriscono che 8-PN possa l'un giorno assicurare la protezione importante per le donne della menopausa contro osteoporosi, la malattia cardiaca ed il cancro al seno.

  • La ricerca suggerisce che il phytoestrogen lignan HMR riduca significativamente le vampate di calore di circa 50%. Da 8-PN e da HMR sembra lavorare via i meccanismi differenti di azione, la combinazione sia di phytoestrogens promesse nelle donne della menopausa di singole di un prodotto la possibilità del sollievo naturale più potente che più completo disponibile.

8-PN sopprime i disagi della menopausa in donne

8-PN sopprime i disagi della menopausa in donne

In primo luogo nel randomizzato in, la prova alla cieca, studio controllato con placebo dei suoi ricercatori gentili e belgi ha valutato gli effetti di un estratto di luppolo arricchito in 8-PN per il sollievo delle vampate di calore e di altri disagi della menopausa in 67 (ovaie rimosse non chirurgicamente) donne naturalmente della menopausa, invecchiate 45 - 60 anni.5 prima del trattamento, le 67 donne partecipanti interamente hanno riferito avvertire i disagi della menopausa delicato--severi, compreso due - cinque vampate di calore al giorno. Sono stati divisi a caso in tre gruppi: 1) 8-PN 100 mcg/giorno; 2) 8 mcg/giorno del ‑ PN 250; e 3) placebo. Ad intervalli di sei e 12 settimane, i ricercatori hanno valutato la frequenza delle donne delle vampate di calore con i loro altri disagi e reclami della menopausa.

I risultati (nella figura 1 qui sotto) indicano che entrambe le dosi di 8-PN erano circa ugualmente efficaci significativamente nella riduzione della frequenza media delle vampate di calore dopo sei e 12 settimane del trattamento, rispetto a placebo. Oltre le vampate di calore, 8-PN era inoltre superiore a placebo nel miglioramento il punteggio della menopausa totale di disagio, che ha compreso non solo le vampate di calore, ma anche l'insonnia, l'irritabilità e delle palpitazioni cardiache come valutato dalle donne stesse.5

Protezione di osteoporosi da 8-PN

Benefici di protezione del Cancro di 8-PN
La figura 1. 8-PN alle dosi di 100 mcg/giorno e di 250 mcg/di frequenza calda cantly riduttrice della cenere di Florida signifi del giorno segna dopo sei settimane del trattamento, rispetto a placebo.5

8-PN ha potuto anche aiutare le donne a tenere le loro ossa forti dopo menopausa. Poiché gli aiuti ovarici dell'estrogeno mantengono la forza dell'osso, è comune affinchè le donne sviluppi l'osteoporosi d'assottigliamento di malattia poichè i loro livelli dell'estrogeno diminuiscono dopo menopausa. Facendo uso di un modello animale stabilito di osteoporosi ormone-dipendente umana, un gruppo dei ricercatori europei ha valutato la forza dell'osso misurando la densità minerale ossea in ratti ovariectomizzati.8 hanno trovato che le iniezioni quotidiane di 8-PN hanno inibito la perdita successiva dell'osso rispetto alle iniezioni di controllo senza 8-PN; più alta la dose di 8-PN, migliore l'osso era protetta. Infatti, la dose elevata di 8-PN (18 mg/kg/giorno) completamente ha impedito la perdita dell'osso. Un altro studio ha indicato che i benefici di osso-salute 8-PN's possono essere raggiunti con il completamento orale.

Quando i ratti ovariectomizzati hanno ricevuto il cibo che contiene 8-PN, hanno dimostrato la densità minerale ossea come pure i miglioramenti aumentati nelle proprietà biomeccaniche dell'osso. il cibo Genisteina-completato ha prodotto i più piccoli benefici per la forza biomeccanica dell'osso degli animali.18

Questi risultati sono molto emozionanti su parecchie parti anteriori. In primo luogo, questo phytoestrogen è stato indicato per fornire un beneficio anti-osteoporotico significativo. In secondo luogo, se una dose dell'estradiolo fosse estrapolata per assicurare una quantità comparabile di protezione dell'osso in donne poichè 8-PN fornito in questi ratti, quasi certamente inoltre stimolerebbe la crescita in eccesso nell'endometrio (il rivestimento dell'utero), così sollevando il rischio di cancro dell'endometrio. Tuttavia, la dose 8-PN che completamente ha impedito l'osteoporosi in ratti ha stimolato la crescita uterina ad un tasso almeno 10 volte più in basso della dose comparabile dell'estradiolo, un segno di rassicurazione di sicurezza 8-PN's. I ricercatori ritengono che una tal estrapolazione di selettività del tessuto 8-PN's dai ratti agli esseri umani sia valida, perché i parametri farmacocinetici più importanti (assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione) per 8 ‑ PN sono in gran parte gli stessi per entrambe le specie.19 chiaramente, sebbene, le prove a lungo termine in donne postmenopausali siano necessarie confermare tali benefici osso-protettivi di 8-PN.

Benefici di protezione del Cancro di 8-PN

I numerosi studi hanno indicato che alcuni isoflavoni e lignani possono avere capacità significative di Cancro-combattimento, particolarmente nei due punti, l'endometrio (utero) e seno, siti importanti di attività dell'estrogeno.20-25 ora la ricerca in vitro suggerisce che 8-PN possa anche aggiungersi a questa lista degli inibitori naturali possibili del cancro al seno. Facendo uso delle cellule umane MCF-7, un modello estesamente studiato per cancro al seno, ricercatori italiani ha trovato che le alte concentrazioni di 8-PN hanno rallentato la crescita alle delle cellule estrogeno sensibili MCF-7 inibendo la loro proliferazione ed inducendo la loro morte programmata (apoptosi).7 questa individuazione di promessa di preliminare suggeriscono che 8-PN potrebbe le applicazioni di ritrovamento giorno nelle strategie di gestione del cancro al seno. Fino a fare gli studi umani, le donne con cancro al seno preesistente possono volere evitare usando anche questo phytoestrogen naturale (8-PN).

8-PN e salute cardiovascolare

I dati dallo studio di fama mondiale del cuore di Framingham hanno indicato che più alto consumo dietetico phytoestrogens-primarily di isoflavoni e lignani-possono modulare favorevole i fattori di rischio cardiovascolari, che possono ridurre il rischio delle donne di sofferenza un attacco di cuore o del colpo.26

Uno studio recente in ratti ovariectomizzati suggerisce che 8 il ‑ PN possa anche avere benefici cardiovascolari e, infatti, possa essere superiore all'estradiolo naturale nella normalizzazione dei fattori di rischio cardiovascolari. Mentre sia l'estradiolo che 8-PN hanno abbassato il colesterolo e la lipoproteina a bassa densità (LDL), l'estradiolo ha prodotto gli effetti indesiderati di aumento dei trigliceridi e di abbassamento della lipoproteina ad alta densità (HDL). Al contrario, 8-PN non ha alterato i trigliceridi e 8-PN a basse dosi ha aumentato i livelli di HDL utile.6 ha notato gli autori, “preso insieme, le esposizioni 8-PN un profilo anti-aterosclerotico che sembra essere ancor più utile che quello visualizzato vicino [estradiolo] e potrebbe dimostrare così un potenziale notevole per la prevenzione [malattia cardiovascolare] del connesso di con la carenza dell'estrogeno.„

HMR amplifica i benefici postmenopausali

Hydroxymatairesinol (HMR) è un phytoestrogen della classe lignan della pianta che è estratta dai nodi degli alberi dell'abete rosso (picea abies).27

HMR amplifica i benefici postmenopausali

I lignani della pianta (per esempio, quelli dal seme di lino, dai semi di sesamo, dalla segale, dal grano, dall'avena, dall'orzo, dai semi di zucca, dalla soia, dai broccoli, dai fagioli e da alcune bacche) sono stati studiati la maggior parte per il loro potenziale anticancro, compreso i cancri del seno, dell'endometrio, del colon e della prostata.21-25,28 la prova indica che i lignani della pianta accedono alle loro proprietà anticancro solo dopo che essendo ingerendo e convertito dai batteri intestinali in lignani, specialmente in enterolactone e in enterodiol mammiferi.29

In uno studio dalla Finlandia, HMR è stato alimentato ai ratti pretrattati con un prodotto chimico che induce i tumori mammari. Dopo il 51 giorno del trattamento di HMR, i ricercatori trovati hanno fatto diminuire i numeri dei tumori crescenti e di una proporzione aumentata di regressione ed hanno stabilizzato i tumori.9 uno studio clinico finlandese hanno trovato un'associazione significativa fra il enterolactone umano dell'più alto siero livello-attribuita ad ingestione dietetica della pianta lignani-e più a basso rischio di cancro al seno fra sia le donne pre- che postmenopausali.30

Un nuovo studio di HMR in donne postmenopausali ha trovato che otto settimane del trattamento con le dosi quotidiane di 50 mg erano molto efficaci, riducendo la frequenza delle vampate di calore di 53% rispetto alla linea di base. Da una media di circa quattro vampate di calore al giorno prima del trattamento, HMR ha ridotto il tasso a circa due al giorno.10

Insieme, questi risultati suggeriscono che HMR possa offrire il sollievo dai disagi di menopausa mentre fornisca una fonte ricca di lignani Cancro-preventivi.

Riassunto

L'estratto 8-PN di luppolo recentemente è stato identificato come phytoestrogen potente per l'alleviazione della miseria delle vampate di calore e di altri sintomi relativi al declino della menopausa nei livelli dell'estrogeno. 8-PN è sensibilmente più potente degli isoflavoni della soia, i phytoestrogens più comuni usati per l'alleviazione dei sintomi della menopausa naturalmente, eppure è significativamente meno estrogeno che l'estradiolo, così portando ad un equilibrio ideale vicino della potenza ed alla sicurezza per un phytoestrogen naturale. Sia gli studi animali che clinici confermano che 8-PN allevia i sintomi della menopausa comuni e le ricerche di laboratorio preliminari suggeriscono che 8-PN possa assicurare la protezione per le donne postmenopausali contro osteoporosi, cancro al seno e la malattia cardiovascolare. Combinando 8-PN con il HMR lignan può ingrandire questi benefici ancor più. Da HMR e da 8-PN sembra alleviare oggi i sintomi della menopausa via i meccanismi differenti, la combinazione di queste donne della menopausa di offerte di due phytoestrogens la possibilità di sollievo naturale disponibile.

Nota: Le donne postmenopausali che cercano di ottimizzare l'equilibrio dell'ormone dovrebbero anche studiare la possibilità di usando una crema naturale del progesterone (non una progestina sintetica) per mantenere i livelli giovanili del progesterone.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Shanafelt TD, Barton DL, Adjei aa, CL di Loprinzi. Patofisiologia e trattamento delle vampate di calore. Mayo Clin Proc. 2002 novembre; 77(11): 1207-18.

2. Lethaby EA, Brown J, Marjoribanks J, Kronenberg F, Roberts H, Eden J. Phytoestrogens per i sintomi della menopausa vasomotori. Rev. 2007 il 17 ottobre del sistema della base di dati di Cochrane; (4): CD001395.

3. Rossouw JE, Anderson GL, Prentice RL, et al. rischi e benefici di estrogeno più la progestina in donne postmenopausali in buona salute: il principale deriva dalla prova controllata randomizzata iniziativa della salute delle donne. JAMA. 17 luglio 2002; 288(3): 321-33.

4. De Keukeleire D, De Cooman L, Rong H, Heyerick A, Kalita J, SR di Milligan. Proprietà funzionali dei polifenoli del luppolo. Vita di base Sci. 1999;66:739-60.

5. Heyerick A, Vervarcke S, Depypere H, Bracke m., De KD. Un primo futuro, randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo sull'uso di un estratto standardizzato del luppolo alleviare i disagi della menopausa. Maturitas. 20 maggio 2006; 54(2): 164-75.

6. Bottner m., Christoffel J, Wuttke W. Effects del trattamento a lungo termine con prenylnaringenin 8 e l'estradiolo orale sull'asse GH-IGF-1 e del metabolismo dei lipidi in ratti. J Endocrinol. 2008 agosto; 198(2): 395-401.

7. Brunelli E, Minassi A, Appendino G, Moro L. 8-Prenylnaringenin, inibisce la crescita mediata ricevitore-alfa delle cellule dell'estrogeno ed induce gli apoptosi in cellule di cancro al seno MCF-7. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2007 novembre; 107 (3-5): 140-8.

8. Humpel m., Isaksson P, Schaefer O, et al. una specificità del tessuto di prenylnaringenin 8: la protezione dall'ovariectomia ha indotto la perdita dell'osso con gli effetti trofici minimi sull'utero. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 novembre; 97(3): 299-305.

9. Saarinen nanometro, Warri A, SI di Makela, et al. Hydroxymatairesinol, un precursore novello di enterolactone con le proprietà antitumorali dalla conifera (picea abies). Cancro di Nutr. 2000;36(2):207-16.

10. Disponibile a: http://www.hmrlignan.com/images/HotFlash.pdf. 18 novembre 2008 raggiunto.

11. Nessun autori elencati. Lupus di humulus. Monografia. Altern Med Rev. 2003 maggio; 8(2): 190-2.

12. De KD, De CL, Rong H, et al. proprietà funzionali dei polifenoli del luppolo. Vita di base Sci. 1999;66:739-60.

13. Kitaoka m., Kadokawa H, Sugano m., et al. Prenylflavonoids: una nuova classe di phytoestrogen non steroideo (parte 1). Un isolamento di isopentenylnaringenin 8 e uno studio iniziale sulla sua relazione fra struttura e attività. Med di Planta. 1998 agosto; 64(6): 511-5.

14. Miyamoto m., Matsushita Y, Kiyokawa A, et al. Prenylflavonoids: una nuova classe di phytoestrogen non steroideo (parte 2). Gli effetti estrogeni di isopentenylnaringenin 8 sul metabolismo dell'osso. Med di Planta. 1998 agosto; 64(6): 516-9.

15. Cambiamenti di Rimoldi G, di Christoffel J, di Wuttke W. Morphologic indotti dal trattamento a lungo termine orale con prenylnaringenin 8 nell'utero, vagina e ghiandola mammaria dei ratti castrati. Menopausa. 2006 luglio; 13(4): 669-77.

16. Bowe J, Li XF, Kinsey-Jones J, et al. Il phytoestrogen del luppolo, 8 prenylnaringenin, inversi dall'l'aumento indotto da ovariectomia nella temperatura della pelle in un modello animale delle vampate calde della menopausa. J Endocrinol. 2006 novembre; 191(2): 399-405.

17. Pentola Y, ms di Anthony, Binns m., TB di Clarkson. Un confronto dell'estradiolo micronizzato orale con gli effetti di phytoestrogen della soia sulle temperature della pelle della coda dei ratti ovariectomizzati. Menopausa. 2001 maggio-giugno; 8(3): 171-4.

18. Sehmisch S, martello F, Christoffel J, et al. confronto della genisteina delle ormoni vegetali, resveratrolo e prenylnaringenin 8 come agenti per impedire osteoporosi. Med di Planta. 2008 giugno; 74(8): 794-801.

19. Rad m., Humpel m., Schaefer O, et al. farmacocinesi ed effetti endocrini sistemici del prenylnaringenin dell'fito-estrogeno 8 dopo le singole dosi orali alle donne postmenopausali. Br J Clin Pharmacol. 2006 settembre; 62(3): 288-96.

20. Branca F, effetti sulla salute di Lorenzetti S. dei phytoestrogens. Forum Nutr. 2005;(57):100-11.

21. Horn-Ross PL, EM di John, Canchola AJ, Stewart SL, Lee millimetro. Assunzione di Phytoestrogen e rischio di cancro dell'endometrio. Cancro nazionale Inst di J. 6 agosto 2003; 95(15): 1158-64.

22. Jenab m., Thompson LU. L'influenza del seme di lino e dei lignani su carcinogenesi dei due punti e su beta-glucuronidase attività. Carcinogenesi. 1996 giugno; 17(6): 1343-8.

23. Se di McCann, Muti P, Vito D, et al. assunzioni e rischio lignan dietetici di cancro al seno pre- e postmenopausale. Cancro di Int J. 1° settembre 2004; 111(3): 440-3.

24. Serraino m., Thompson LU. Completamento del seme di lino ed indicatori in anticipo di carcinogenesi dei due punti. Cancro Lett. 15 aprile 1992; 63(2): 159-65.

25. Mk cantato, Lautens m., Thompson LU. I lignani mammiferi inibiscono la crescita delle cellule umane del tumore dei due punti dell'estrogeno-indipendente. Ricerca anticancro. 1998 maggio; 18 (3A): 1405-8.

26. de Kleijn MJ, van der Schouw YT, Wilson PW, Grobbee DE, Jacques PF. L'ingestione dietetica dei phytoestrogens è associata con un profilo di rischio cardiovascolare metabolico favorevole in U.S.women postmenopausale: lo studio di Framingham. J Nutr. 2002 febbraio; 132(2): 276-82.

27. Cosentino m., Marino F, Ferrari m., et al. un'attività estrogena dell'acetato del potassio di hydroxymatairesinol 7 (HMR/lignan) dai nodi dell'abete rosso (picea abies) e del suo enterolactone attivo del metabolita in cellule MCF-7. Ricerca di Pharmacol. 2007 agosto; 56(2): 140-7.

28. Bylund A, Saarinen N, Zhang JX, et al. effetti anticancro di un hydroxymatairesinol lignan 7 della pianta su un modello del carcinoma della prostata in vivo. Med di biol di Exp (Maywood). 2005 marzo; 230(3): 217-23.

29. PS di Borriello, Setchell KD, Axelson m., Lawson. Produzione e metabolismo dei lignani dalla flora fecale umana. J Appl Bacteriol. 1985 gennaio; 58(1): 37-43.

30. Enterolactone di Pietinen P, di Stumpf K, di Mannisto S, et al. del siero e rischio di cancro al seno: uno studio di caso-control in Finlandia orientale. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2001 aprile; 10(4): 339-44.