Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2009
Sulla copertura

Protezione contro calcificazione, perdita dell'osso, Cancro e invecchiamento arteriosi!

Da William Faloon

Può la vitamina K essere utilizzata in quelle che prendono Coumadin®?

Può la vitamina K essere utilizzata in quelle che prendono Coumadin®?

I pazienti hanno prescritto i medicinali dell'anticoagulante come warfarin (Coumadin®) spesso si consigliano per evitare consumare gli alimenti che contengono la vitamina K. La teoria dietro questa è che la vitamina K dietetica può aggirare le proprietà dell'anticoagulante della droga. Il lato negativo orribile a questo deficit di vitamina K è la calcificazione arteriosa e valvolare con le ossa indebolite, come precedentemente descritto.

Il prolungamento della vita ha suggerito che i pazienti che prendono le droghe dell'anticoagulante come warfarin chiedessero ai loro medici se possono prendere una dose moderata della vitamina K2 non solo per fornire al corpo questa sostanza nutriente vitale, ma inoltre migliori stabilizzano gli effetti dell'anticoagulante della droga.

Gli studi pubblicati indicano che quando i pazienti warfarin-trattati prendono gli importi coerenti della vitamina K, indicatori del sangue di coagulazione (quali il rapporto o l'INR normalizzato internazionale) diventano più stabili, che è di importanza critica. La ragione per cui la consistenza è così importante è che un'INR che legge i posti troppo bassi il paziente a rischio di sviluppare un coagulo di sangue dentro un'arteria o una vena, mentre un rapporto dell'INR che è troppo alto predispone il paziente a sanguinamento anomalo (interno ed esterno).

Il mantenimento dell'INR all'interno di una gamma terapeutica stretta è una sfida per molti medici. Infatti, quando il livello elevato dell'INR di un paziente ottiene troppo, l'antidoto è un'iniezione della vitamina K per portarla rapidamente giù ad una gamma sicura.

Come la vitamina K protegge le nostre arterie

L'azione della vitamina K nel corpo è alle proteine del carbossilato. La carbossilazione può essere definita come aggiunta del gruppo carbossilico in un composto o in una molecola. Quando una proteina carboxylated, subisce una conversione chimica che cambia la sua funzione.

La vitamina K mantiene la coagulazione normale, conserva l'osso e protegge dalla calcificazione carboxylating le proteine specifiche nel corpo.61

Nelle arterie, la vitamina K è richiesta alla Gla-proteina della matrice del carbossilato. Se la Gla-proteina della matrice è sotto--carboxylated, quindi non può da realizzare la sua funzione normale in arterie proteggenti contro accumulazione in eccesso di calcio, o la calcificazione vascolare d'inibizione.

La Gla-proteina della matrice è un inibitore della calcificazione che richiede la vitamina K sufficiente di funzionare ottimamente. L'effetto della vitamina K in Gla-proteina carboxylating della matrice è come protegge dalla calcificazione arteriosa.50

In uno studio recente in individui in buona salute, Coumadin® è stato amministrato per elevare l'INR a 2,0, che è il doppio valore normale per gli adulti in buona salute. Un'più alta INR significa che il sangue può meno coagularsi. Ad una dose di 95 microgrammi di MK-7, l'INR è caduto da 2,0 a 1,7.56

Sulla base di cui ora conosciamo circa la vitamina K ed il warfarin, un medico potrebbe studiare la possibilità di aumentare la quantità di warfarin per portare l'INR nuovamente dentro la gamma desiderata, mentre permetteva ai sistemi vascolari e scheletrici del paziente di trarre giovamento dalla vitamina K.

Se state prendendo le droghe dell'anticoagulante, non inizi la vitamina K senza approvazione del vostro medico. Per i vostri livelli dell'INR è importante essere controllato con attenzione durante i primi due mesi di combinazione della vitamina K della moderato-dose con il warfarin.

Sappia prego che medici chiariti sempre più stanno esprimendo la preoccupazione circa gli effetti contrari dei deficit a lungo termine di vitamina K in pazienti warfarin-trattati.

EFFETTI DI PIÙ ALTA INGESTIONE DELLA VITAMINA K46

Riduzione della mortalità per tutte le cause 26%

Riduzione della coronaropatia 57%

Riduzione della calcificazione aortica severa 52%

La gente in buona salute deve preoccuparsi per la presa della troppa vitamina K?

Mentre la vitamina K è richiesta per la coagulazione del sangue sana, prendere troppo non aumenta il rischio di grumo anormale. La ragione è che la vitamina K induce una conversione chimica completa (carbossilazione) delle proteine coagulazione-dipendenti nel corpo a metterle in un intervento concreto.

Una volta che queste proteine di coagulazione sono agite su dalla vitamina K, sono 100% carboxylated. Se prendete la vitamina K supplementare, niente accadrà perché tutte proteine di coagulazione che possono essere carboxylated già carboxylated. Non è possibile alle proteine di coagulazione del sovra-carbossilato perché sono già 100% carboxylated dalla vitamina K che avete preso.

I pazienti hanno predisposto ai coaguli di sangue anormali, come quelli con le valvole cardiache meccaniche, la fibrillazione atriale, o i fattori protrombotici nel sangue sono medicinali prescritti come warfarin che interferiscono con la carbossilazione delle proteine di coagulazione. È soltanto in pazienti che prendono queste droghe dell'anticoagulante che la dose della vitamina K e le droghe devono essere misurate molto attentamente per raggiungere la gamma terapeutica ottimale dell'INR (solitamente intorno 2,5 nella gente che prende il warfarin).

Per dimostrare la sicurezza della vitamina K2, la gente che vive nelle regioni giapponesi dove il natto è mangiato regolarmente ha maggiori livelli ematici molteplici di vitamina K2 (MK-7).36 l'effetto delle quantità elevate della vitamina K nel sangue sono meno osteoporosi, meno fratture e meno attacchi di cuore.23,30,36,46,63-65

Vitamina K e invecchiamento

Mentre invecchiamo, i giacimenti del calcio tendono a accumularsi in tessuti molli in tutto i nostri corpi.

Vitamina K e invecchiamento

Medici che realizzano le autopsie sugli anziani usati per commentare che è sembrato che i tessuti molli in questi enti una volta duttili si siano girati verso la pietra. Questi medici stavano riferendo alla calcificazione sistemica che accade virtualmente dappertutto eccetto lo scheletro.

La calcificazione sistemica significa che quel calcio che è supposto essere depositato nelle ossa invece sta alloggiando in tessuti molli in cui non appartiene. Molte malattie relative all'età possono essere collegate alla calcificazione compreso i calcoli renali, l'artrite, le cataratte, l'insufficienza della valvola cardiaca, le fratture, la pelle corrugata, i denti cilindrici dell'osso, la senilità e, naturalmente, l'aterosclerosi coronaria. Il ristabilimento dello stato ottimale di vitamina K può contribuire a proteggere da tutti questi disordini.

L'osteoporosi è una malattia relativa all'età classica. Un esame sistemico di 13 ha randomizzato le prove umane controllate che hanno dato la vitamina K1 degli adulti o o supplementi K2 per almeno sei mesi ha trovato che eccezione fatta per uno, la vitamina supplementare K1 o K2 ha ridotto la perdita di massa dell'osso. La vitamina K2 in particolare è stata associata con densità minerale ossea aumentata.66

In tutte le prove per valutare il rischio di frattura, la vitamina K2 era più efficace. Ha ridotto il rischio di fratture vertebrali di 60%, di fratture dell'anca da 77% e di tutte le fratture non vertebrali da un 81% sbalordente.66

Può essere visto sul grafico a questa pagina, più alta ingestione dei risultati di vitamina K in un rapporto di riproduzione di 26% della mortalità per tutte le cause.46

Sulla base dell'enormità degli studi scientifici pubblicati, lo stato ottimale di mantenimento di vitamina K sembrerebbe essere una componente essenziale di un programma antinvecchiamento globale.

Quale forma e che dose di vitamina K è ottimali?

Ci sono studi scientifici che documentano i benefici della vitamina K1, della vitamina K2 (nella forma MK-4) e della vitamina K2 (nella forma MK-7).

Sulla base di una valutazione attenta di varie forme di vitamina K e della vasta gamma della sicurezza di dosaggio e dei dati che sono state stabilite, per gli individui salute consapevoli di efficacia sembrerebbe ideale consumare tutti e tre le di queste forme di vitamina K.

Il MK-7 significativamente lungo-agente rende questa forma della vitamina K2 essenziale, mentre un'abbondanza di dati animali ed umani conferma le indennità-malattia significative della forma MK-4 di vitamina K2 come pure della vitamina K1.

Quale forma e che dose di vitamina K è ottimali?

Fortunatamente, tutte queste forme di vitamina K sono relativamente a basso costo e possono inserire prontamente nel bilancio del supplemento la maggior parte dei consumatori.

Secondo il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti, ha usato per sembrare che gli Americani consumassero molte volte il requisito quotidiano raccomandato della vitamina K nelle loro diete. Ma i metodi analitici migliori indicano che la vitamina K non è abbondante nella dieta come una volta ha pensato.

Il RDA per la vitamina K1 e K2 combinati è di 65 microgrammi al giorno per le femmine adulte e di 80 microgrammi al giorno per i maschi adulti. Mentre questi importi possono essere abbastanza per permettere al sangue di coagularsi correttamente, scendono modo sotto i livelli trovati negli studi pubblicati stati necessari per proteggere dalle malattie relative all'età.

Una ragione per la confusione sopra l'assunzione ottimale di vitamina K è che soltanto una piccola quantità è necessaria affinchè il sangue si coaguli correttamente, mentre i livelli elevati molto sono necessari proteggere da osteoporosi e dalla calcificazione dei tessuti molli (arterie comprese).

Il consumo dei 100 microgrammi della forma MK-7 di vitamina K2 può in sé fornire la saturazione sistemica ottimale di vitamina K, eppure si non può trascurare i benefici documentati di consumo delle quantità elevate della vitamina K1 e la forma MK-4 di vitamina K2.

Con la disponibilità di MK-7 redditizio, le potenze totali di vitamina K state necessarie per essere ingerito possono drasticamente essere ridotte. Ricordi quello rispetto ad altre forme di vitamina K, la forma MK-7 di vitamina K2 rimane nella circolazione sanguigna più lungamente e raggiunge i Livelli sette ad più alto ottuplo.57

Ciò significa che appena 100 microgrammi di MK-7 possono fornire i più notevoli benefici che le potenze ben più alte di altre forme di vitamina K1 e K2.

Riassunto

La vitamina K è stata scoperta nel 1929 ed inizialmente è stato pensato per essere richiesto soltanto per la coagulazione del sangue sana. In questi ultimi 10 anni, un grande corpo della ricerca ha messo a fuoco sulle nuove aree del metabolismo di vitamina K, che comprendono i suoi effetti critici sull'osso e sulla salute vascolare; crescita, regolamento, migrazione, proliferazione e apoptosi delle cellule; supporto immune; e soppressione dei fattori infiammatori cronici.

La maggior parte dei medici convenzionali sguazzano in uno stato enorme dell'ignoranza per quanto riguarda la vitamina K e non hanno idea di sua importanza critica ai loro pazienti di invecchiamento.

Fortunatamente, la gente che non prende le droghe dell'anticoagulante può prendere sicuro le dosi della vitamina K che superano i livelli minuscoli il governo dice che abbiamo bisogno di.

Le nuove forme di vitamina K permettono agli individui salute consapevoli di prendere questa sostanza nutriente appena una volta al giorno e di godere dei benefici di 24 ore continui.

Quando il prolungamento della vita ha introdotto i suoi membri alla vitamina K quasi una decade fa, era difficile da sapere che sarebbe risultato essere efficace come gli studi recenti hanno dimostrato.

È piacevole sapere che la maggior parte dei membri del prolungamento della vita hanno ottenuto la protezione dell'ampio spettro di questa sostanza nutriente troppo spesso trascurata. Sul flipside, sembra essere un'epidemia dei disordini relativi all'età nella popolazione in genere relativa ad assunzione meno ottimale della vitamina K.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Adcock dm, Fink LM, RA di Marlar, et al. Il sistema e la malignità emostatici. Mieloma di linfoma di Clin. 2008 agosto; 8(4): 230-6.

2. Kasai K, Kuroda H, terapia di Suzuki K. Adjuvant dopo il trattamento di carcinoma epatocellulare. Il Giappone Shokakibyo Gakkai Zasshi. 2008 giugno; 105(6): 787-94.

3. Matzno S, Yamaguchi Y, Akiyoshi T, Nakabayashi T, Matsuyama K. Un tentativo di valutare l'effetto della vitamina K3 facendo uso come di rinforzatore degli agenti anticancro. Toro di biol Pharm. 2008 giugno; 31(6): 1270-3.

4. Ingestione dietetica di Nimptsch K, di Rohrmann S, di Linseisen J. della vitamina K e rischio di carcinoma della prostata nel gruppo di Heidelberg dell'indagine futura europea su Cancro e su nutrizione (Epico-Heidelberg). J Clin Nutr. 2008 aprile; 87(4): 985-92.

5. Tareen B, estati JL, Jamison JM, et al. 12 una settimana, etichetta aperta, studio di fase I/IIa facendo uso del apatone per il trattamento dei pazienti di carcinoma della prostata che hanno venuto a mancare la terapia standard. Int J Med Sci. 2008;5(2):62-7.

6. Sakagami H, Hashimoto K, Suzuki F, et al. Tumore-specificità e tipo di morte delle cellule indotti dai derivati e dai prenylalcohols della vitamina K2. Ricerca anticancro. 2008 gennaio; 28 (1A): 151-8.

7. Osada S, Tomita H, Tanaka Y, et al. L'utilità della vitamina K3 (menadione) contro cancro del pancreas. Ricerca anticancro. 2008 gennaio; 28 (1A): 45-50.

8. Yokoyama T, Miyazawa K, Naito m., et al. vitamina K2 induce simultaneamente autophagy e gli apoptosi in cellule di leucemia. Autophagy. 1° luglio 2008; 4(5): 629-40.

9. Carcinoma di Mizuta T, di Ozaki I. Hepatocellular e vitamina K. Vitam Horm. 2008;78:435-42.

10. Shibayama-Imazu T, Aiuchi T, apoptosi di Nakaya K. Vitamin K2-mediated in cellule tumorali: ruolo di potenziale mitocondriale del transmembrane. Vitam Horm. 2008;78:211-26.

11. Bellido-Martin L, de Frutos PG. Azioni K-dipendenti della vitamina di Gas6. Vitam Horm. 2008;78:185-209.

12. Osada S, Sakashita F, Hosono Y, et al. fosforilazione segnale-regolata extracellulare della chinasi dovuto dall'l'arilazione indotta da menadione media l'inibizione della crescita di cellule tumorali del pancreas. Cancro Chemother Pharmacol. 2008 luglio; 62(2): 315-20.

13. Sasaki R, Suzuki Y, Yonezawa Y, et al. inibizione di gamma della DNA polimerasi dalla vitamina K3 induce la citotossicità mitocondrio-mediata in cellule tumorali umane. Cancro Sci. 2008 maggio; 99(5): 1040-8.

14. Kaneda m., Zhang D, Bhattacharjee R, et al. vitamina K2 sopprime la malignità delle cellule del tumore epatico HuH7 via inibizione di connexin 43. Cancro Lett. 8 maggio 2008; 263(1): 53-60.

15. Sibayama-Imazu T, Fujisawa Y, Masuda Y, et al. induzione degli apoptosi in cellule tumorali ovariche PA-1 dalla vitamina K2 è associato con un aumento nel livello di TR3/Nur77 e la sua accumulazione in mitocondri e nei nuclei. Ricerca Clin Oncol del Cancro di J. 2008 luglio; 134(7): 803-12.

16. Giachelli cm, Speer MIO, Li X, RM di Rajachar, Yang H. Regulation di calcificazione vascolare: ruoli di fosfato e dell'osteopontina. Circ Res. 15 aprile 2005; 96(7): 717-22.

17. Jono S, Shioi A, Ikari Y, calcificazione di Nishizawa Y. Vascular nella malattia renale cronica. Minatore Metab dell'osso di J. 2006;24(2):176-81.

18. Shao JS, Cai J, Towler DA. Meccanismi molecolari di calcificazione vascolare: lezioni istruite dall'aorta. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 luglio; 26(7): 1423-30.

19. Hsu HH, Culley NC. Gli effetti di calcio dietetico su aterosclerosi, sulla calcificazione aortica e sull'ittero in conigli hanno alimentato una dieta supplementare del colesterolo. Salute DIS dei lipidi. 2006;516.

20. Sabbiatrici S, Debuse M. Endocrine e sistemi riproduttivi. secondo ed. Scienze di salute di Elsevier; 2003:89-90.

21. BF del calibro, birmano-Deych E, Radford MJ, Nilasena DS, raccoglitore E-F. Rischio di frattura osteoporotica in pazienti anziani che prendono warfarin: risultati dalla registrazione nazionale del Med dell'interno dell'arco di fibrillazione atriale 2. 23 gennaio 2006; 166(2): 241-6.

22. Schurgers LJ, Aebert H, Vermeer C, Bultmann B, trattamento dell'anticoagulante di Janzen J. Oral: amico o nemico nella malattia cardiovascolare? Sangue. 15 novembre 2004; 104(10): 3231-2.

23. Vitamina K di Bugel S. e salute dell'osso in esseri umani adulti. Vitam Horm. 2008;78:393-416.

24. Kaneki m., Hosoi T, Ouchi Y, azioni di Orimo H. Pleiotropic della vitamina K: protettore di salute dell'osso e di là? Nutrizione. 2006 luglio; 22 (7-8): 845-52.

25. Jie chilogrammo, Bots ml, Vermeer C, Witteman JC, Grobbee DE. Lo stato e l'osso di vitamina K si ammassano in donne con e senza aterosclerosi aortica: uno studio basato sulla popolazione. Tessuto Int di Calcif. 1996 novembre; 59(5): 352-6.

26. PE di Schurgers LJ, di Dissel, HM di Spronk, et al. ruolo della vitamina K e proteine K-dipendenti della vitamina nella calcificazione vascolare. Z Kardiol. 2001; 90 (supplemento): 357-63.

27. Zieman SJ, Melenovsky V, Kass DA. Meccanismi, patofisiologia e terapia di rigidezza arteriosa. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2005 maggio; 25(5): 932-43.

28. Doherty TM, Asotra K, LA di Fitzpatrick, et al. calcificazione nell'aterosclerosi: disossi la biologia e l'infiammazione cronica alle strade trasversali arteriose. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 30 settembre 2003; 100(20): 11201-6.

29. Patofisiologia di Mallika V, di Goswami B, di Rajappa M. Atherosclerosis ed il ruolo dei fattori di rischio novelli: una prospettiva clinicobiochemical. Angiologia. 2007 ottobre; 58(5): 513-22.

30. Bellasi A, C Lacey, Taylor AJ, et al. confronto di utilità prognostica del calcio dell'arteria coronaria in uomini contro le donne (risultati da un meta e un'analisi riunita che stimano morte per tutte le cause della coronaropatia e di mortalità o infarto miocardico). J Cardiol. 1° agosto 2007; 100(3): 409-14.

31. Beulens JW, Bots ml, Atsma F, et al. alta assunzione dietetica di menaquinone è associato con la calcificazione coronaria riduttrice. Aterosclerosi. 19 luglio 2008.

32. Il HM di Spronk, le SEDERE di Soute, Schurgers LJ, Thijssen HH, De Mey JG, utilizzazione Tessuto-specifica di Vermeer C. di menaquinone-4 provoca la prevenzione della calcificazione arteriosa in ratti warfarin-trattati. Ricerca di J Vasc. 2003 novembre-dicembre; 40(6): 531-7.

33. Turesson C, LT di Jacobsson, Matteson ELETTRICO. Co-morbidità cardiovascolare nelle malattie reumatiche. Rischio sanitario Manag di Vasc. 2008;4(3):605-14.

34. Vitamina K di Okamoto H. ed artrite reumatoide. Vita di IUBMB. 2008 giugno; 60(6): 355-61.

35. Morishita m., Nagashima m., Wauke K, Takahashi H, effetti inibitori di Takenouchi K. Osteoclast della vitamina K2 da solo o congiuntamente a etidronate o a risedronate in pazienti con l'artrite reumatoide: risultati di due anni. J Rheumatol. 2008 marzo; 35(3): 407-13.

36. Kaneki m., Hodges SJ, Hosoi T, et al. giapponese ha fermentato l'alimento della soia come il determinante principale di grande differenza geografica nei livelli di circolazione di vitamina K2: implicazioni possibili per il rischio di anca-frattura. Nutrizione. 2001 aprile; 17(4): 315-21.

37. Karitè Mk, Dallal GE, Dawson-Hughes B, et al. vitamina K, citochine di circolazione e densità minerale ossea in uomini più anziani ed in donne. J Clin Nutr. 2008 agosto; 88(2): 356-63.

38. Hirao m., Hashimoto J, Ando W, Ono T, Yoshikawa H. Response del siero carboxylated e undercarboxylated il osteocalcin a monoterapia di alendronati ed ha combinato la terapia con la vitamina K2 in donne postmenopausali. Minatore Metab dell'osso di J. 2008;26(3):260-4.

39. L'associazione di Gigante A, di Torcianti m., di Boldrini E, et al. di vitamina K e di D stimola la differenziazione in vitro del osteoblast delle cellule staminali mesenchimali umane derivate sito di frattura. Agenti di biol Regul Homeost di J. 2008 gennaio; 22(1): 35-44.

40. Tsujioka T, Miura Y, Otsuki T, et al. I meccanismi degli apoptosi della vitamina K2-induced delle cellule di mieloma. Haematologica. 2006 maggio; 91(5): 613-9.

41. Habu D, Shiomi S, Tamori A, et al. ruolo della vitamina K2 nello sviluppo di carcinoma epatocellulare in donne con cirrosi virale del fegato. JAMA. 21 luglio 2004; 292(3): 358-61.

42. Mizuta T, Ozaki I, Eguchi Y, et al. L'effetto del menatetrenone, di un analogo della vitamina K2, sulla ricorrenza di malattia e sulla sopravvivenza in pazienti con carcinoma epatocellulare dopo il trattamento curativo: uno studio pilota. Cancro. 15 febbraio 2006; 106(4): 867-72.

43. Ozaki I, Zhang H, Mizuta T, et al. Menatetrenone, un analogo della vitamina K2, inibisce la crescita epatocellulare delle cellule di carcinoma sopprimendo l'espressione di cyclin D1 con inibizione di attivazione nucleare del kappaB di fattore. Ricerca del Cancro di Clin. 1° aprile 2007; 13(7): 2236-45.

44. Maeda m., Murakami m., Takegami T, Ota T. Promotion o soppressione della metastasi sperimentale delle cellule del melanoma B16 dopo la somministrazione orale del lapachol. Toxicol Appl Pharmacol. 1° giugno 2008; 229(2): 232-8.

45. Harrington DJ, H occidentale, Seton-Jones C, et al. Uno studio sulla prevalenza di carenza in K della vitamina in pazienti con cancro si è riferito ad un gruppo palliativo di cura dell'ospedale ed alla sua associazione con l'emostasi anormale. J Clin Pathol. 2008 aprile; 61(4): 537-40.

46. Geleijnse JM, Vermeer C, Grobbee DE, et al. ingestione dietetica del menaquinone è associato con un rischio riduttore di coronaropatia: lo studio di Rotterdam. J Nutr. 2004 novembre; 134(11): 3100-5.

47. Gijsbers BL, Jie KS, Vermeer C. Effect della composizione degli alimenti su assorbimento di vitamina K in volontari umani. Br J Nutr. 1996 agosto; 76(2): 223-9.

48. Studio di Nagata C. Ecological sull'associazione fra l'assunzione del prodotto della soia e la mortalità da cancro e la malattia cardiaca nel Giappone. Int J Epidemiol. 2000 ottobre; 29(5): 832-6.

49. Schurgers LJ, HM di Spronk, SEDERE di Soute, Schiffers PM, DeMey JG, Vermeer C. Regressione dal del elastocalcinosis mediale indotto da warfarin da alta assunzione della vitamina K in ratti. Sangue. 1° aprile 2007; 109(7): 2823-31.

50. Schurgers LJ, HM di Spronk, Skepper JN, et al. modifiche Post-di traduzione regola la funzione della proteina di Gla della matrice: importanza per inibizione di calcificazione vascolare delle cellule di muscolo liscio. J Thromb Haemost. 2007 dicembre; 5(12): 2503-11.

51. Komai m., metabolismo di vitamina K di Shirakawa H. Formazione Menaquinone-4 (MK-4) a partire dagli analoghi ingeriti di VK e sua dalla relazione potente per disossare funzione. Calcio di Clin. 2007 novembre; 17(11): 1663-72.

52. Sakakima Y, Hayakawa A, Nagasaka T, Nakao A. Prevention del hepatocarcinogenesis con la fosfatidilcolina e menaquinone-4: in vitro e in vivo esperimenti. J Hepatol. 2007 luglio; 47(1): 83-92.

53. Miki T, Nakatsuka K, Naka H, et al. vitamina K (2) (menaquinone 4) riduce il livello di osteocalcin undercarboxylated siero fin da 2 settimane in donne anziane con osteoporosi stabilita. Minatore Metab dell'osso di J. 2003;21(3):161-5.

54. Yamamoto R, Komai m., Kojima K, Furukawa Y, accumulazione di Kimura S. Menaquinone-4 in vari tessuti dopo una somministrazione orale di fillochinone nei ratti di Wistar. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 1997 febbraio; 43(1): 133-43.

55. Sakamoto N, Kimura m., Hiraike H, Itokawa Y. Changes di fillochinone e concentrazioni menaquinone-4 in fegato del ratto dopo amministrazione orale, endovenosa ed intraperitoneale. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1996;66(4):322-8.

56. Sakamoto N, Kimura m., Hiraike H, Itokawa Y. Changes delle vitamine di K in plasma venoso portale e femorale dei ratti dopo la somministrazione orale di fillochinone e di menaquinone-4. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1995;65(2):105-10.

57. Schurgers LJ, Teunissen kJ, Hamulyak K, et al. integratori alimentari K-contenenti della vitamina: confronto della vitamina sintetica K1 e menaquinone-7 natto-derivato. Sangue. 15 aprile 2007; 109(8): 3279-83.

58. Deviazione standard di Gundberg cm, di Nieman, Abrams S, stato di vitamina K di Rosen H. e salute dell'osso: un'analisi dei metodi per determinazione del osteocalcin undercarboxylated. J Clin Endocrinol Metab. 1998 settembre; 83(9): 3258-66.

59. Ikeda Y, Iki m., Morita A, et al. assunzione della soia fermentata, natto, è associato con perdita riduttrice dell'osso in donne postmenopausali: Studio basato sulla popolazione giapponese di osteoporosi (JPOS). J Nutr. 2006 maggio; 136(5): 1323-8.

60. Tsukamoto Y. Studies su azione di menaquinone-7 nel regolamento del metabolismo dell'osso e nel suo ruolo preventivo di osteoporosi. Biofactors. 2004;22(1-4):5-19.

61. Tsukamoto Y, Ichise H, Kakuda H, Yamaguchi M. Intake della soia fermentata (natto) aumenta la vitamina di circolazione K2 (menaquinone-7) e la concentrazione di osteocalcin di gamma-carboxylated in individui normali. Minatore Metab dell'osso di J. 2000;18(4):216-22.

62. Il meccanismo di Yamaguchi M. Regulatory di alimento scompone nel metabolismo dell'osso e nella prevenzione di osteoporosi. Yakugaku Zasshi. 2006 novembre; 126(11): 1117-37.

63. Cabina SL, Broe KE, Peterson JW, et al. associazioni fra le misure biochimiche di vitamina K e densità minerale ossea in uomini ed in donne. J Clin Endocrinol Metab. 2004 ottobre; 89(10): 4904-9.

64. Tsugawa N, Shiraki m., Suhara Y, et al. stato di vitamina K delle donne giapponesi in buona salute: requisito relativo all'età di vitamina K di gamma-carbossilazione del osteocalcin. J Clin Nutr. 2006 febbraio; 83(2): 380-6.

65. CE di Cranenburg, Vermeer C, Koos R, et al. La forma inattiva di circolazione di proteina di Gla della matrice (ucMGP) come biomarcatore per calcificazione cardiovascolare. Ricerca di J Vasc. 2008;45(5):427-36.

66. Cockayne S, Adamson J, Lanham-nuova S, et al. vitamina K e la prevenzione delle fratture: rassegna e meta-analisi sistematiche delle prove controllate randomizzate. Med dell'interno dell'arco. 26 giugno 2006; 166(12): 1256-61.

67. Fratture del WC di Feskanich D, di Weber P, di Willett, et al. dell'assunzione di vitamina K e dell'anca in donne: uno studio prospettivo. J Clin Nutr. 1999 gennaio; 69(1): 74-9.

68. La cabina SL, Tucker chilolitro, Chen H, et al. assunzioni dietetiche di vitamina K è associata con la frattura dell'anca ma non con densità minerale ossea in uomini ed in donne anziani. J Clin Nutr. 2000 maggio; 71(5): 1201-8.

69. Trattamento di Iwamoto J, di Takeda T, di Ichimura S. Combined con la vitamina k2 e bifosfonato in donne postmenopausali con osteoporosi. Yonsei Med J. 2003 30 ottobre; 44(5): 751-6.