Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista giugno 2009
Rapporti

Le nove colonne di riuscita perdita di peso

Da William Faloon
Colonna numero 7: Segnalazione sana di Adipocyte di restauro

Colonna numero 7: Segnalazione sana di Adipocyte di restauro

Il adipocyte (cellula grassa) è il sito primario per stoccaggio grasso. Adipocytes degli individui obesi si gonfia con i trigliceridi, che è la forma che il più grasso esiste nel corpo. Lo stoccaggio ed il rilascio grassi è regolato strettamente dai segnali di comando del adipocyte.

L'obesità accade quando i adipocytes (cellule grasse) ingrandicono con un gran numero di trigliceridi. Adipocytes accumula i trigliceridi in eccesso dovuto l'eccesso di cibo, le sottoalimentazioni, l'eccessivo sforzo ed altro cause. Questi fattori, tuttavia, non riescono ad indirizzare la ragione per la quale invecchiare gli individui ha messo sopra le libbre grasse malgrado mangiare di meno, prendente gli integratori alimentari e seguente altre pratiche che dovrebbero nella teoria condurre a perdita di peso.

Grasso e Cancro

Il grasso corporeo in eccesso non solo aumenta il rischio di malattia cardiovascolare, inoltre aumenta il rischio di cancri micidiali. In uno grande studio europeo, l'indice di massa corporea aumentante è stato associato con un importante crescita nel rischio di cancro per 10 su 17 tipi specifici esaminati.71 studio recente ha indicato un'associazione potente fra il contenuto del grasso corporeo e rene e cancri del fegato.72,73 ormai, dovrebbe non essere sorpresa per imparare quella perdita di peso, specificamente riduzione del grasso corporeo, può condurre ai rischi ridotti per i cancri appena come fa per altre circostanze devastanti.74,75 uno studio hanno stimato una riduzione di 45% del rischio di cancro al seno di donne che hanno perso più circa nove libbre.75

Il processo di invecchiamento colpisce avversamente la rete del segnale di comando del adipocyte, che gli aiuti spiegano la difficoltà che matura gli individui hanno nel controllo del loro peso.

Adipocytes regola la loro dimensione e numero secernendo i segnali di comando. I tre segnali di comando che regolano i adipocytes sono:

  • Leptina
  • Adiponectin
  • Deidrogenasi di Glycerol-3-phosphate.

Un alimento medicinale dell'Africa Occidentale chiamato irvingia gabonensis è stato indicato per colpire favorevole i tre centri di comando del adipocyte nei seguenti modi:

LEPTINA

Liberato dai adipocytes, la leptina viaggia al cervello per eseguire due funzioni critiche. In primo luogo segnala il cervello che abbastanza alimento è stato ingerito ed ha interrotto l'appetito. Poi vuota i adipocytes gonfiati promuovendo la combustione dei trigliceridi immagazzinati. La leptina è molto più abbondante nel sangue degli individui obesi, eppure nelle funzioni di leptina spegnere l'appetito mentre promuove la combustione dei trigliceridi che si gonfiano i nostri adipocytes. La ragione per la quale la gente obesa ha livelli ematici di leptina è che i recettori di leptina sulle membrane cellulari sono inattivati dai fattori infiammatori nel corpo. Gli aiuti di Irvingia sbloccano “la resistenza di leptina„.

ADIPONECTIN

Il secondo segnale di comando liberato dai adipocytes è adiponectin. I fattori di trascrizione connessi con aiuto di adiponectin determinano la quantità di trigliceridi immagazzinati nei adipocytes e nel numero dei adipocytes formati nel corpo. I livelli elevati del adiponectin migliorano la sensibilità dell'insulina, che è un metodo stabilito lungo per indurre la perdita di peso. I fattori trascrizionali del gene in questione con il adiponectin direttamente sono compresi nell'espressione sequenziale delle proteine adipocyte-specifiche. Il Irvingia sopprime i fattori trascrizionali in questione nella formazione di nuovi adipocytes, mentre migliora la sensibilità dell'insulina della membrana cellulare aumentando il adiponectin. I livelli elevati di circolazione del adiponectin sono stati indicati per proteggere dalla coronaropatia, mentre i bassi livelli di adiponectin sono osservati in individui di peso eccessivo.

DEIDROGENASI DI GLYCEROL-3-PHOSPHATE

Colonna numero 8: Inibizione dell'enzima della lipasi

Un enzima che facilita la conversione di glicemia nel grasso immagazzinato del trigliceride è deidrogenasi di glycerol-3-phosphate. La presenza di questo enzima nel corpo rivela perché le diete a basso contenuto di grassi da solo non riescono a raggiungere la perdita di peso continua, cioè il corpo prenderà ingerito i carboidrati e le convertono in grasso immagazzinato via il glicerolo - enzima del trigliceride della deidrogenasi 3-phosphate . Il Irvingia inibisce la deidrogenasi di glycerol-3-phosphate, così riducendo la quantità di zuccheri ingeriti che sono convertiti in grasso corporeo.

Gli studi clinici hanno dimostrato la perdita di peso grassa e totale significativa della pancia in risposta a prendere un estratto dell'irvingia gabonensis di mg 150 due volte al giorno. Un meccanismo per questa perdita di peso riferita da molti utenti di Irvingia è una riduzione dell'appetito con una diminuzione concomitante nel numero delle calorie ingerite.

Colonna numero 8: Inibizione dell'enzima della lipasi

Orlistat è un inibitore di lipasi pancreatica e gastrica. Fa diminuire l'assorbimento intestinale dei trigliceridi dietetici ingeriti da 30%. Riducendo la ripartizione e l'assorbimento di grasso dietetico, il orlistat migliora la perdita di peso e diminuisce l'insulino-resistenza.

Negli studi sugli oggetti obesi, il trattamento del orlistat migliora i livelli ematici del glucosio e dell'insulina mentre significativamente fa diminuire la proteina C-reattiva, un indicatore per infiammazione cronica. Il trattamento di Orlistat influenza favorevole altri indicatori del sangue (quali la leptina e il adiponectin) che sono compresi con l'obesità.

In una prova di un anno delle donne di peso eccessivo, un gruppo con la sindrome metabolica ha trattato con orlistat (120 mg tre volte un il giorno) e la modifica di stile di vita ha perso 20,5 libbre ha paragonato a soltanto 0,44 libbre di perdita di peso nel gruppo di controllo del placebo. Un gruppo di donne di peso eccessivo senza sindrome metabolica che prende la stessa dose di modifica di stile di vita + del orlistat ha perso 20,2 libbre più del gruppo di controllo con la sindrome metabolica.

Grasso e malattia cardiovascolare

L'alto grasso corporeo naturalmente è associato forte con cardiovascolare malattia-ma la relazione è più complicata e sottile che abbiamo usato per pensare. L'aterosclerosi è chiaramente il risultato del ciclo dell'ossidazione del lipido, dell'infiammazione e della lesione vascolare, come detto precedentemente, ma il tessuto grasso causa altri rischi che sono indipendenti dai livelli di lipidi del plasma. Fungendo da organo endocrino, il tessuto grasso può aumentare il flusso degli ormoni (conosciuti come i adipokines) in questione nel controllo di pressione sanguigna,26 potenzialmente che rappresentano direttamente alcuna dell'ipertensione che abbiamo usato per attribuire semplicemente “i vasi sanguigni rigidi„ e “la forza extra ha dovuto pompare il sangue.„65 ancora, sembra essere specificamente le accumulazioni di grasso addominale che producono questi effects.66 notevoli e micidiali ed ancora, è fortunata che la riduzione adeguata del contenuto del grasso corporeo con i cambiamenti, la dieta ed il completamento di stile di vita sia stata associata con il rischio in diminuzione per le catastrofi cardiovascolari, quali gli attacchi di cuore ed i colpi.67-70

Contenuto di controllo del grasso corporeo sicuro

Malgrado i pericoli ovvi dell'obesità e specificamente, il contenuto addominale elevato del grasso corporeo, la maggior parte dei Americani ha un peso perdente di difficoltà. Molti girano alle soluzioni “della soluzione rapida„ quale ambulatorio bariatric (“stomaco che cuce con punti metallici "), che realmente fornisce un certo beneficio in casi estremi,76 o verso “le pillole di dieta„ che sono solitamente inefficaci e spesso pericolose.77-81 i migliori e approcci più sicuri a perdita di peso continuano ad essere una riduzione modesta dell'apporto calorico accoppiato con un aumento attento nel dispendio energetico.

In una prova di tre mesi dell'aperto etichetta dei pazienti di peso eccessivo senza diabete di tipo 2 trattato con orlistat (120 mg tre volte un giorno), gli uomini hanno perso 17,4 libbre e le donne hanno perso 12,3 libbre. In pazienti di peso eccessivo con il diabete di tipo 2 mellito, gli uomini hanno perso 18,7 libbre e le donne hanno perso 12,5 libbre. In questo studio, i livelli di leptina sono diminuito da 51% negli uomini con il diabete di tipo 2 e da 25% in donne con il diabete di tipo 2 mellito. I livelli di leptina sono caduto da 48% in uomini di peso eccessivo e da 23% in donne di peso eccessivo senza diabete di tipo 2 mellito. Una riduzione dei livelli ematici di leptina è considerata una risposta favorevole mentre indica una riduzione “del fenomeno della resistenza di leptina„ che preclude così spesso la riuscita perdita di peso.

Colonna numero 9: Mangi per vivere una vita lunga e sana

Non tutti gli studi dimostrano questa molta perdita di peso in risposta a orlistat. La conformità difficile è sempre un fattore nella variabilità che esiste fra gli studi dello stesso composto. Un'altra ragione per queste discrepanze è che gli utenti del orlistat sono avvertiti di evitare l'ingestione in eccesso dei grassi dietetici ed è probabile commutare a consumare i carboidrati più semplici. Gli individui di peso eccessivo soffrono spesso le perturbazioni metaboliche, significanti che gli zuccheri ingeriti convertono più prontamente in grassi immagazzinati (del trigliceride) sul corpo. Ecco perché prendere gli agenti di carboidrato-didascalia (inibitori dell'amilasi e dell'alfa-glucosidasi) insieme con il orlistat per i primi 60 giorni di un programma di perdita di peso può essere necessaria da indurre una certa riduzione immediata delle libbre grasse che gli individui di peso eccessivo ed obesi prevedono.

Orlistat è disponibile dalla prescrizione in 120 capsule di mg come Xenical®, o non quotato in borsa nell'ambito del alli® di denominazione commerciale in 60 capsule di mg. La dose suggerita per il periodo di inizio dei 60 giorni è 120 mg prima di ogni pasto (tre volte un il giorno). Assicuri prendere le sostanze nutrienti solubili nel grasso quali l'olio di pesce omega-3, vitamine D, E e K e carotenoidi (come luteina e zeaxantina) ai tempi del giorno più eliminati dall'ultima dose del orlistat come i suoi effetti di grasso-didascalia possono interferire con assorbimento di queste sostanze nutrienti critiche nel sangue.

Colonna numero 9: Mangi per vivere una vita lunga e sana

Nessuno dovrebbe intraprendere un programma di perdita di peso provando a seguire una dieta di moda che non può essere aderita a nel lungo termine. Allo stesso tempo, gli individui invecchianti devono operare le scelte quanto a che cosa è più importante, cioè, alimenti di ingestione che sono conosciuti per promuovere l'obesità (e causare le malattie orrende) o la selezione degli alimenti più sani che facilitano la perdita di peso e proteggono dalla malattia.

Conclusione

Sei anni fa, la vita Extension® ha pubblicato un articolo sui pericoli del cibo degli alimenti cucinati alle temperature elevate (oltre 250 gradi). Gli alimenti cotti troppo danneggiano le proteine del nostro corpo, mentre gli alimenti cucinati alle temperature più insufficienti sono stati indicati per facilitare la perdita di peso. Così appena cambiare come i vostri alimenti sono preparati potrebbe aiutarvi a spargere il grasso corporeo e, allo stesso tempo, per proteggere dalla malattia relativa all'età (vedi che “mangiare l'alimento cucinato a temperatura elevata accelera l'invecchiamento,„ il prolungamento della vita, maggio 2003).

La prova scientifica solida indica che l'ingestione in eccesso di caloria accelera l'inizio della malattia degenerante ed il processo di invecchiamento stesso-nell'aggiunta a promuovere l'accumulazione sgradevole di grasso corporeo. Con l'aiuto di vari elementi descritti in questo nove colonne di riuscita perdita di peso, la riduzione in grasso corporeo uno possono vedere dovrebbero fornire una forte base motivazionale per iniziare i modelli più ragionevoli dell'ingestione di cibo.

Non è mai troppo recente per cambiare il suo stile di vita in un modo che promuove la migliore salute mentre fonde il grasso corporeo in eccesso assente.

Conclusione

I cambiamenti di stile di vita sono chiaramente critici a perdita sicura e responsabile di peso e di grasso corporeo e forniscono la qualità della vita supplementare si avvantaggia che superano notevolmente la riduzione semplice del rischio di malattia. I clinici ed i pazienti che vero sono commessi a raggiungere una vita lunga e felice comprenderanno sempre i programmi responsabili di esercizio del moderato e di dieta nei loro piani a lungo termine.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.lef.org.magazine/mag96/aug_new_therapies.html. 2 gennaio 2008 raggiunto.

2. Yamasa T, Ikeda S, Koga S, et al. valutazione di tolleranza al glucosio, iperglicemia postprandiale e hyperinsulinemia che influenzano l'incidenza della coronaropatia. Med dell'interno. 2007;46(9):543-6.

3. Rodriguez-Moran m., il completamento del magnesio del Guerrero-Romero F. Oral migliora la sensibilità dell'insulina ed il controllo metabolico nel tipo - 2 oggetti diabetici: una prova controllata della prova alla cieca randomizzata. Cura del diabete. 2003 aprile; 26(4): 1147-52.

4. Yasmin T, Shara m., Bagchi m., HG di Preuss, valutazione di Bagchi D. Toxicological ad un di un cromo diretto a niacina novello, conosciuta per migliorare i sintomi delle sindromi metaboliche. J Amer College Nutr. quarantacinquesimo Riunione annuale, ABS 77. (Long Beach, California.) 2004 ottobre; 76(2): 272-5.

5. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, et al. assunzioni elevate di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.

6. Grassi D, Necozione S, Lippi C, et al. cacao riduce la pressione sanguigna e l'insulino-resistenza e migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in hypertensives. Ipertensione. 2005 agosto; 46(2): 398-405.

7. Ebbesson COSÌ, Risica PM, Ebbesson LO, Kennish JM, Tejero ME. Gli acidi grassi Omega-3 migliorano la tolleranza al glucosio e le componenti della sindrome metabolica in eschimesi d'Alasca: il progetto dell'Alaska Siberia. Salute polare di Int J. 2005 settembre; 64(4): 396-408.

8. Wilkins C, RC lungo, Jr., Waldron m., CC di Ferguson, Hoenig M. Assessment dell'influenza degli acidi grassi sugli indici della sensibilità dell'insulina e del contenuto lipidico myocellular per mezzo della spettroscopia a risonanza magnetica in gatti. Ricerca del veterinario di J. 2004 agosto; 65(8): 1090-9.

9. Emral R, Koseoglulari O, Tonyukuk V, et al. L'effetto del regolamento glycemic a breve termine con il gliclazide e la metformina sul lipemia postprandiale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2005 febbraio; 113(2): 80-4.

10. Deutsch JC, CR di Santhosh-Kumar, Kolhouse JF. Efficacia di metformina in diabete mellito non insulino-dipendente. Med di N Inghilterra J. 25 gennaio 1996; 334(4): 269-70.

11. Charles mA, Eschwege E. Prevention del diabete di tipo 2: ruolo di metformina. Droghe. 1999; 58 1:71 del supplemento - 3.

12. Paolisso G, Amato L, Eccellente R, et al. effetto di metformina sull'ingestione di cibo negli oggetti obesi. L'EUR J Clin investe. 1998 giugno; 28(6): 441-6.

13. Henry RR, TUM di Wiest-Risonanza, Scheaffer L, Kolterman OG, Olefsky JM. Conseguenze metaboliche di terapia dietetica di molto-basso-caloria negli oggetti diabetici e nondiabetic non insulino dipendenti obesi. Diabete. 1986 febbraio; 35(2): 155-64.

14. Larson-Meyer DE, Heilbronn LK, Redman LM, et al. effetto della restrizione di caloria con o senza l'esercizio sulla sensibilità dell'insulina, funzione delle cellule, dimensione delle cellule grasse e lipido ectopico negli oggetti di peso eccessivo. Cura del diabete. 2006 giugno; 29(6): 1337-44.

15. Bodkin nl, Ortmeyer HK, Hansen BC. Restrizione dietetica a lungo termine in resi vecchio-vecchi: effetti su insulino-resistenza. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 1995 maggio; 50(3): B142-7.

16. Gumbs aa, Modlin IM, Ballantyne GH. Cambiamenti nell'insulino-resistenza che segue ambulatorio bariatric: ruolo della restrizione e della perdita di peso caloriche. Obes Surg. 2005 aprile; 15(4): 462-73.

17. Nakai Y, Taniguchi A, Fukushima m., et al. sensibilità dell'insulina durante le diete di molto-basso-caloria valutate dalla modellistica minima. J Clin Nutr. 1992 luglio; 56 (1 supplemento): 179S-81S.

18. Riduca la N, Haffner il MP, Garg A, il RM di Peshock, Grundy MP. Ormoni steroidei del sesso, obesità dell'ente superiore e insulino-resistenza. J Clin Endocrinol Metab. 2002 ottobre; 87(10): 4522-7.

19. Vermeulen A, Kaufman JM, Goemaere S, estradiolo di van Pottelberg I. in uomini anziani. Maschio di invecchiamento. 2002 giugno; 5(2): 98-102.

20. Marin P, Krotkiewski m., trattamento di Bjorntorp P. Androgen degli uomini di mezza età e obesi: effetti su metabolismo, sul muscolo e sui tessuti adiposi. Med di EUR J. 1992 ottobre; 1(6): 329-36.

21. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

22. Mayes JS, Watson GH. Effetti diretti delle ormoni steroidei del sesso sui tessuti adiposi e sull'obesità. Rev. 2004 di Obes novembre; 5(4): 197-216.

23. Björntorp, P. Il regolamento di distribuzione tissutale adiposa in esseri umani. Int J Obes Relat Metab Disord. 1996 aprile; 20(4): 291-302.

24. Haffner MP. Adiposità addominale e rischio cardiometabolic: abbiamo tutte le risposte? Med di J. 2007 settembre; 120 (9 supplementi 1): S10-6.

25. Obesità di Despres JP, di Lemieux I. Abdominal e sindrome metabolica. Natura. 14 dicembre 2006; 444(7121): 881-7.

26. Bergman Marina militare, PS di Kim, Hsu IR, et al. obesità addominale: ruolo in patofisiologia della malattia metabolica e del rischio cardiovascolare. Med di J. 2007 febbraio; 120 (2 supplementi 1): S3-S8.

27. RA di Whitmer. L'epidemiologia di adiposità e di demenza. Ricerca di Curr Alzheimer. 2007 aprile; 4(2): 117-22.

28. CD di Lee, Dott Jr di Jacobs, obesità di Schreiner PJ, di Iribarren C, di Hankinson A. Abdominal e calcificazione dell'arteria coronaria in giovani adulti: lo sviluppo di rischio dell'arteria coronaria nel giovane studio degli adulti (CARDIAS). J Clin Nutr. 2007 luglio; 86(1): 48-54.

29. Fondo J, Heude B, Kettaneh A, et al. livelli di fattore di rischio cardiovascolari e le loro relazioni con distribuzione di peso eccessivo e grassa in bambini: lo studio di Fleurbaix Laventie Ville Santé II. Metabolismo. 2007 maggio; 56(5): 614-22.

30. Connelly PW, Hanley AJ, SB di Harris, RA di Hegele, Zinman B. Relation della circonferenza della vita e dello stato glycemic a proteina C-reattiva in Sandy Lake Oji-Cree. Int.J Obes Relat Metab Disord. 2003 marzo; 27(3): 347-54.

31. Arslan U, Türkoğlu S, Balcioğlu S, Tavil Y, Karakan T, Cengel A. Association fra l'affezione epatica grassa e la coronaropatia analcoliche. Arteria DIS di Coron. 2007 settembre; 18(6): 433-6.

32. CE di Ruhl, Everhart JE. Fattori determinanti dell'associazione di sovrappeso con attività elevata dell'alanina aminotransferasi del siero negli Stati Uniti. Gastroenterologia. 2003 gennaio; 124(1): 71-9.

33. Vozarova B, Stefan N, Lindsay RS, et al. alta alanina aminotransferasi è associato con la sensibilità epatica in diminuzione dell'insulina e predice lo sviluppo del diabete di tipo 2. Diabete. 2002 giugno; 51(6): 1889-95.

34. McCarty MF. Glucomannan minimizza l'impulso postprandiale dell'insulina: un adiuvante potenziale per la terapia hepatothermic. Med Hypotheses. 2002 giugno; 58(6): 487-90.

35. Disponibile a: http://www.ars.usda.gov/research/publications/publications.htm?SEQ_NO_115=181996. 9 gennaio 2008 raggiunto.

36. WC di Liu S, di Willett, Manson JE, et al. relazione fra i cambiamenti nelle assunzioni di fibra e prodotti e cambiamenti dietetici del grano nel peso e nello sviluppo di obesità fra le donne di mezza età. J Clin Nutr. 2003 novembre; 78(5): 920-7.

37. Appleby PN, Thorogood m., MANN JI, TJ chiave. Indice di massa corporea basso in mangiatori senza carne: i ruoli possibili di grasso animale, di fibra dietetica e di alcool. Obesità Relat Metab Disord di Int J. 1998 maggio; 22(5): 454-60.

38. Ludwig DS, Pereira mA, Kroenke CH, et al. fibra dietetica, obesità e fattori di rischio della malattia cardiovascolare in giovani adulti. JAMA. 27 ottobre 1999; 282(16): 1539-46.

39. Kromhout D, Bloemberg B, Seidell JC, Nissinen A, l'attività fisica di Menotti A. e la fibra dietetica determinano i livelli del grasso corporeo della popolazione: lo studio di sette paesi. Int J ObeS Relat Metab Disord. 2001 marzo; 25(3): 301-6.

40. Reyna-Villasmil N, Bermudez-Pirela V, Mengual-Moreno E, et al. beta-glucano Avena-derivato migliora significativamente il HDLC e diminuisce LDLC ed il colesterolo non-HDL in individui di peso eccessivo con ipercolesterolemia delicata. J Ther. 2007 marzo; 14(2): 203-12.

41. Deviazione standard di Poppitt, van Drunen JD, McGill A, TB di Mulvey, Fe di Leahy. Il completamento di una prima colazione del alto-carboidrato con il beta-glucano dell'orzo migliora la risposta glicemica postprandiale per i pasti ma non le bevande. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(1):16-24.

42. Luo W, il cao J, Li J, carenza tessuto-specifica di W. Adipose PPARgamma aumenta la resistenza allo sforzo ossidativo. Exp Gerontol. 21 novembre 2007.

43. Ziccardi P, Nappo F, Giugliano G, et al. riduzione delle concentrazioni infiammatorie di citochina e miglioramento delle funzioni endoteliali in donne obese dopo perdita di peso in un anno. Circolazione. 19 febbraio 2002; 105(7): 804-9.

44. Hawley JA, Lessard SJ. Da miglioramenti indotti da addestramento di esercizio nell'azione dell'insulina. Acta Physiol (Oxf). 2008 gennaio; 192(1): 127-35.

45. Bodary PF, HB di Iglay, distacco di Eitzman. Le strategie per ridurre il rischio vascolare si sono associate con l'obesità. Curr Vasc Pharmacol. 2007 ottobre; 5(4): 249-58.

46. Williams MJ, Williams MP, Milne BJ, Hancox RJ, Poulton R. Association fra proteina C-reattiva, i fattori di rischio cardiovascolari metabolici, l'obesità e l'uso del contraccettivo orale in giovani adulti. Int J Obes Relat Metab Disord. 2004 agosto; 28(8): 998-1003.

47. Kim YJ, Shin YO, Bae JS, et al. effetti benefici di riabilitazione e dell'esercizio cardiaci dopo intervento coronario percutaneo su hsCRP e citochine infiammatorie nei pazienti di cad. Pflugers Arch. 29 settembre 2007.

48. Milani rv, Lavie CJ, sig. di Mehra. Riduzione in proteina C-reattiva con addestramento cardiaco di esercizio e di riabilitazione. J Coll Cardiol. 17 marzo 2004; 43(6): 1056-61.

49. Lee m., Aronne LJ. Gestione del peso per il diabete di tipo 2 mellito: riduzione cardiovascolare globale di rischio. J Cardiol. 19 febbraio 2007; 99 (4A): 68B-79B.

50. Leigh C. Serotonin e la biologia di Bingeing. Disordini alimentari: Un riferimento Sourcebook. In: Lemberg R. Ed., stampa dell'orice; 1998:51.

51. Breum L, Rasmussen MH, Hilsted J, Fernstrom JD. Le concentrazioni ed i rapporti nel triptofano del plasma di ventiquattro ore sono sotto il normale negli oggetti obesi e non sono normalizzati tramite perdita di peso sostanziale. J Clin Nutr. 2003 maggio; 77(5): 1112-8.

52. Brandacher G, Hoeller E, Fuchs D, HG di Weiss. L'attivazione immune cronica è alla base dell'obesità morbosa: è IDO un attore chiave? Droga Metab di Curr. 2007 aprile; 8(3): 289-95.

53. Xu H, Barnes GT, Yang Q, et al. infiammazione cronica in grasso svolge un ruolo cruciale nello sviluppo di insulino-resistenza in relazione con l'obesità. J Clin investe. 2003 dicembre; 112(12): 1821-30.

54. Cavaliere H, Medeiros-Neto G. L'effetto anoressico di aumento delle dosi di L-triptofano in pazienti obesi. Mangi il peso Disord. 1997 dicembre; 2(4): 211-5.

55. Heraief E, Burckhardt P, Wurtman JJ, Wurtman RJ. L'amministrazione del triptofano può migliorare la perdita di peso da alcuni pazienti moderatamente obesi su una dieta veloce modificata proteina-con parsimonia (PSMF). Cibo Disord di Int J. 1985:4(3):281-92.

56. Abidov m., Roshen S. Effect di Fucoxanthin e di Xanthigen™, un phytomedicine che contiene fucoxanthin e l'olio di semi del melograno, sul tasso di dispendio energetico nei volontari femminili non-diabetico obesi con l'affezione epatica grassa analcolica: una prova randomizzato e controllato con placebo della prova alla cieca. Presentato per la pubblicazione. Obesità di Int J. 2008.

57. Abidov m., Siefulla R, Ramazanov Z. L'effetto di Xanthigen™, un phytomedicine che contiene l'olio di semi del melograno e del fucoxanthin, sul grasso del peso corporeo e del fegato, trigliceridi di siero, proteina C-reattiva e aminotransferasi del plasma nella femmina non-diabetico obesa si offre volontariamente: una prova randomizzato e controllato con placebo della prova alla cieca. Presentato per la pubblicazione. Obesità di Int J. 2008.

58. Dulloo AG, Duret C, Rohrer D, et al. efficacia dei ricchi di un estratto del tè verde in polifenoli della catechina e caffeina nell'aumento 24 dispendi energetici di h e dell'ossidazione grassa in esseri umani. J Clin Nutr. 1999 dicembre; 70(6): 1040-5.

59. Dulloo AG, Seydoux J, Girardier L, Chantre P, tè verde di Vandermander J. e termogenesi: interazioni fra i catechina-polifenoli, la caffeina e l'attività comprensiva. Int J Obes Relat Metab Disord. 2000 febbraio; 24(2): 252-8.

60. Effetti di Anti-obesità di Li JJ, di Huang CJ, di Xie D. di acido linoleico coniugato, acido docosaesaenoico e acido eicosapentanoico. Mol Nutr Food Res. 2008 giugno; 52(6): 631-45.

61. Wang YW, Jones PJ. Controllo coniugato di obesità e dell'acido linoleico: efficacia e meccanismi. Int J Obes Relat Metab Disord. 2004 agosto; 28(8): 941-55.

62. Matsumoto T, Miyawaki C, Ue H, Yuasa T, Miyatsuji A, Moritani T. Effects di capsaicina-contenere la salsa di curry gialla su attività di sistema nervoso simpatico e da su termogenesi indotta da dieta nelle giovani donne magre ed obese. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2000 dicembre; 46(6): 309-15.

63. Dolce di Ohnuki K, di Niwa S, di Maeda S, di Inoue N, di Yazawa S, di Fushiki T.CH-19, una cultivar non pungente di peperone, temperatura corporea aumentata e consumo di ossigeno in esseri umani. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2001 settembre; 65(9): 2033-6.

64. Eldershaw TP, Colquhoun EQ, KA di Dora, Peng ZC, Clark MG. I principi pungenti di zenzero (zingiber officinale) sono termogenici nel hindlimb irrorato del ratto. Int J Obes Relat Metab Disord. 1992 ottobre; 16(10): 755-63.

65. Safar ME, Czernichow S, Blacher J. Obesity, rigidezza arteriosa e rischio cardiovascolare. J Soc Nephrol. 2006 aprile; 17 (4 supplementi 2): S109-11.

66. CE di Rosa, la TA di Zanella, Ribeiro ab, JO di Kohlmann. Obesità viscerale, ipertensione e rischio cardio-renale: una rassegna. Reggiseni Endocrinol Metabol di Arq. 2005 aprile; 49(2): 196-204.

67. CE di attività, Chandu V, plancia LD. La riduzione dei fattori addominali della malattia cronica e del grasso dallo stile di vita cambia durante i più vecchi di 50 anni degli indiani asiatici migratori. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(4):671-6.

68. MB di Rokling-Andersen MH, di Reseland JE, di Veierod, et al. effetti di intervento a lungo termine di dieta e di esercizio sulle concentrazioni di adipokine del plasma. J Clin Nutr. 2007 novembre; 86(5): 1293-301.

69. Nagao T, Hase T, Tokimitsu I. Un estratto del tè verde alto in catechine riduce il grasso corporeo ed i rischi cardiovascolari in esseri umani. Obesità (Silver Spring). 2007 giugno; 15(6): 1473-83.

70. Slentz CA, Aiken libbra, Houmard JA, et al. inattività, esercizio e grasso viscerale. STRRIDE: uno studio su intensità di esercizio e un importo randomizzati e controllati. J Appl Physiol. 2005 ottobre; 99(4): 1613-8.

71. L'incidenza di Reeves GK, di Pirie K, di Beral V, et al. del Cancro e la mortalità relativamente all'indice di massa corporea nelle milione donne studiano: studio di gruppo. BMJ. 1° dicembre 2007; 335(7630): 1134.

72. Il VW di Setiawan, Stram FA, Nomura l', Kolonel LN, Henderson È. Fattori di rischio per il cancro renale delle cellule: il gruppo multietnico. J Epidemiol. 15 ottobre 2007; 166(8): 932-40.

73. Ahrens W, Timmer A, Vyberg m., et al. fattori di rischio per carcinoma biliare extraepatico del tratto in uomini: condizioni mediche e stile di vita: risultati da uno studio multicentrato europeo di caso-control. EUR J Gastroenterol Hepatol. 2007 agosto; 19(8): 623-30.

74. Campbell chilolitro, McTiernan A. Exercise e biomarcatori per gli studi di prevenzione del cancro. J Nutr. 2007 gennaio; 137 (1 supplemento): 161S-9.

75. Schapira DV, Kumar N.B.:, Lyman GH. Stima di riduzione di rischio di cancro al seno con perdita di peso. Cancro. 15 maggio 1991; 67(10): 2622-5.

76. Khaitan L, CD di Smith. Obesità negli Stati Uniti: c'è una soluzione rapida? Pro - e - contro di ambulatorio bariatric dalla prospettiva adulta. Rappresentante di Curr Gastroenterol. 2005 dicembre; 7(6): 451-4.

77. Ci di Celio, Luce KH, interruttore di Bryson, et al. Uso delle pillole di dieta e di altri aiuti stanti a dieta in una popolazione dell'istituto universitario con le preoccupazioni di forma e dell'alto peso. Il Int J mangia Disord. 2006 settembre; 39(6): 492-7.

78. PA di Cohen, McCormick D, Casey C, Dawson GF, KA del pirata informatico. Uso composto importato della pillola di dieta fra gli immigrati brasiliani delle donne negli Stati Uniti. Salute del minore di J Immigr. 2007 9 dicembre [Epub davanti alla stampa].

79. RM di Fleming. L'effetto di efedra e di essere a dieta ad alta percentuale di grassi: una fonte di preoccupazioni! Un rapporto di caso. Angiologia. 2007 febbraio-marzo; 58(1): 102-5.

80. Rakovec P, Kozak m., tachicardia di Sebestjen M. Ventricular indotta tramite abuso di efedrina in una giovane donna in buona salute. Wien Klin Wochenschr. 2006 settembre; 118 (17-18): 558-61.

81. HM di Blanck, Serdula Mk, Gillespie C, et al. L'uso degli integratori alimentari senza ricetta medica per perdita di peso è comune fra gli Americani. Dieta Assoc di J. 2007 marzo; 107(3): 441-7.