Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista settembre 2009
Rapporti

Oltre la colonoscopia a protezione reale

Da Julius Goepp, MD

Alimenti che riforniscono la salute di combustibile dei due punti

Secondo le aspettative, una vasta gamma di sostanze nutrienti oltre i polifenoli hanno registri Cancro-preventivi eccezionali. Qui sono i brevi riassunti di alcune di loro. I loro principi attivi (come estratto standardizzato ad alta potenza) sono disponibili facilmente nella forma di supplemento.

Aglio

Sia gli studi sugli animali epidemiologici che hanno illustrato conclusivamente gli effetti Cancro-preventivi di molti dei composti trovati in aglio.47-49 ha invecchiato l'estratto dell'aglio in particolare agisce non solo come antiossidante potente, ma inoltre:

  • impedisce i cambiamenti cancerogeni del DNA
  • induce gli apoptosi (distruzione delle cellule)
  • aumenta l'attività degli enzimi dineutralizzazione
  • fa diminuire l'attività degli enzimi d'attivazione.50-52

L'estratto invecchiato dell'aglio inoltre amplifica l'immunità contro le cellule tumorali.53,54 queste attività combinate impediscono la formazione di fuochi aberranti precancerosi della cripta (ACF).55

Un gruppo di ricerca giapponese recentemente ha fornito i nuovi dati drammatici sul potere dell'estratto invecchiato dell'aglio di impedire il cancro colorettale in esseri umani in uno studio di 37 pazienti diagnosticati con i precursori colorettali degli adenomi- a cancro.56 pazienti attivi del gruppo hanno preso all'estratto invecchiato dell'aglio 2,4 ml al giorno (equivalente a circa 720 estratto alimentato mg57); i pazienti di referenza hanno ricevuto i 0,16 ml minuscolo al giorno; tutti i pazienti hanno fatti fare l'endoscopia all'inizio dello studio ed a 6 e 12 mesi.56 pazienti di referenza hanno visualizzato l'aumento constante previsto di numero e la dimensione di adenoma-ma nell'adenoma completato del gruppo sia il numero che nella dimensione era stato ridotto significativamente per la fine del periodo di 12 mesi. I ricercatori conclusivi, “hanno invecchiato l'estratto dell'aglio ha vie multiple per ridurre l'incidenza del cancro e per sopprimere la sue crescita e proliferazione.„

Fino a 7.200 mg/giorno della polvere invecchiata dell'aglio sono stati consumati per fino a sei mesi senza effetti collaterali celebri.58

Zenzero

Come aglio, lo zenzero è stato un sostegno di medicina tradizionale per più di 2.500 anni. E, come aglio, lo zenzero ora sta entrando in suoi propri secondo gli scienziati medici occidentali. I benefici chemopreventive multipli dello zenzero sono stati riferiti in una vasta gamma di modelli sperimentali.59 composti chiave in zenzero e suoi estratti limitano il danneggiamento ossidativo delle cellule causate dai radicali liberi. Inoltre livelli più bassi delle molecole di segnalazione hanno chiamato le citochine, specificamente quelle che provocano una risposta infiammatoria. Ciò effettuata in due modi di azione provoca la distruzione Cancro-distruggente aumentata delle cellule.60,61 alcuna componente dello zenzero inoltre aumenta l'attività degli enzimi vitali che disintossicano gli agenti cancerogeni presenti nel corpo.62,63

I ricercatori indiani hanno fornito la prova diretta del potere chemopreventive dello zenzero in ratti i tumori del colon chimicamente incitati in due studi recenti.64,65 dopo l'iniezione con un agente cancerogeno potente, gli animali sono stati completati con lo zenzero o le diete fatte di normale. In entrambi studi l'incidenza dei cancri e del numero di diversi tumori è stata ridotta significativamente nei gruppi completati. Il primo studio inoltre ha individuato i livelli più bassi degli agenti ossidativi ed i livelli elevati degli antiossidanti naturali in animali completati, mentre il secondo studio ulteriore ha mostrato una diminuzione nell'attività degli enzimi batterici che liberano le tossine intestinali e danneggiano lo strato mucoso protettivo naturale dei due punti.

Verdure crocifere e germogli

La gente che mangia i ricchi di una dieta in cosiddette verdure crocifere (famiglia il cavolo/broccoli/cavolini di Bruxelles) è conosciuta per avere tassi più bassi di colon e di altri cancri.66,67 queste verdure ed i loro germogli contengono i composti chiave e la ripartizione sottoprodotto-compreso sulforaphane e indole-3-carbinol (I3C)— che esercitano gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti nel corpo. Inoltre specificamente mirano e neutralizzano agli enzimi che attiverebbero normalmente gli agenti cancerogeni dietetici. Cioè tengono simultaneamente il cancro dallo sviluppo e distruggono i tumori emergenti nelle fasi iniziali della malattia con la morte di cellula tumorale.68-73

Una serie di studi sugli animali dimostrano che il completamento con gli estratti vegetali crociferi blocca i cambiamenti cancerogeni nei due punti del ratto dopo che gli animali già sono stati esposti agli agenti cancerogeni pericolosi e potenti.67,73,74

La ricerca sugli esseri umani è appena come promettendo. Parecchi anni fa, un gruppo di ricercatori in Gran-Bretagna ha intrapreso gli studi dell'innovazione con le implicazioni enormi per la chemo-prevenzione umana del tumore del colon facendo uso delle verdure crocifere. Hanno esaminato 20 volontari sani ad agenti cancerogeni che possono derivare da una dieta su in carne rossa. La prova ha avuto luogo alla conclusione di tre 12 fasi distinte del giorno.

Nella prima fase, gli oggetti di studio non hanno mangiato verdure crocifere affatto. Nella seconda fase, hanno mangiato 250 grammi di broccoli e di cavoletti di Bruxelles un il giorno. Nel terzo e nella fase finale, ancora una volta non hanno mangiato verdure crocifere, per “lavano fuori„ alcun effetto anticarcinogenic potenziale.75

La prova ha rivelato che alla conclusione del seconda fase-durante cui avevano mangiato i broccoli ed i cavoletti di Bruxelles i livelli di ogni oggetti del giorno- di enzimi di disintossicazione era aumentato drammaticamente, mentre gli esami delle urine hanno provato una spinta proporzionata in molecole cancerogene disintossicate. Cioè i broccoli ed i cavoletti di Bruxelles efficacemente hanno neutralizzato gli agenti cancerogeni dietetici nel corpo, rendente li inoffensivi.

Uno studio notevole 2008 dall'Inghilterra ha rivelato che il composto I3C della verdura crocifera intensifica l'effetto dell'oxaliplatino della droga della chemioterapia del tumore del colon.76 I3C d'aggiunta hanno aiutato i ricercatori ad uccidere fuori le cellule tumorali ad un più alto tasso sestuplo confrontato alla droga della chemioterapia da solo.

Ciò è notizie più incoraggianti. Come i resveratroli, I3C possono le dosi di aiuto giorno di limite dei medici delle droghe tossiche della chemioterapia come l'oxaliplatino e 5 fluorouracile-e sfalsare gli effetti collaterali che dolorosi e debilitanti infliggono sui malati di cancro.

Otto sostanze nutrienti comuni di Cancro-combattimento

Le vitamine ed i minerali della traccia fungono da antiossidanti potenti, rendenti loro i candidati utili per il chemoprevention del tumore del colon. I numerosi studi epidemiologici su grande scala indicano le vitamine E e D, più calcio, come combattenti potenti del tumore del colon.77-79 i dati sulla vitamina D, per esempio, sono eccellenti. La vitamina D riduce la proliferazione di cellula tumorale al primo punto necessario dei due punti-un nello sviluppo del cancro.80

Interessante, uno studio recente ha indicato che la vitamina E può rendere le cellule di tumore del colon più vulnerabili all'azione letale di exisulind— un composto conosciuto alla morte programmata iniziato della cellula tumorale.81 folico e vitamine B6 e B12 sia inoltre dai candidati eccellenti di chemoprevention di consenso esperto, a causa del ruolo che critico ciascuno svolge nella protezione del DNA sano.82

Il selenio è un minerale essenziale della traccia con le proprietà antiossidanti notevoli. È inoltre una delle sostanze nutrienti Cancro-preventive primarie della natura.

Il selenio attiva una serie di enzimi chiave nel corpo che tengono il cancro dallo sviluppo.83 studi preliminari hanno indicato che la gente con i livelli elevati del selenio è al rischio in diminuzione di cancro.84 uno studio dagli istituti della sanità nazionali hanno indicato che l'alto selenio ha ridotto il rischio di adenomi colorettali avanzati, un precursore del cancro, da quasi 25%! Ha permesso ancora la maggior protezione nei gruppi ad alto rischio, compreso i fumatori.85

Per contro, la gente con tumore del colon ha livelli significativamente più bassi del selenio del sangue.Il completamento del selenio 86 non solo amplifica fortunatamente i livelli del selenio del siero, ma inoltre si arrampica l'attività dei sistemi antiossidanti cellulari vitali che l'aiuto impedisce il cancro formarsi.87 c'è inoltre prova coercitiva che il selenio massimizza l'effetto anticancro di sulforaphane, il composto trovato in verdure crocifere, rendenti ai due una combinazione potente per salute dell'intestino.83

Un corpo crescente di prova epidemiologica, clinica e sperimentale suggerisce che l'acido eicosapentanoico degli acidi grassi omega-3 (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) — abbondante in pesce con acqua fredda ed in pesce petrolio-può anche ridurre il rischio di cancro colorettale.88

I risultati importanti dallo studio della salute dei medici suggeriscono che il pesce e gli oli di pesce di consumo possano proteggere da cancro colorettale. In questo studio prospettivo a lungo termine dei medici maschii, la maggior assunzione del pesce e gli acidi grassi omega-3 sono stati associati con un rischio riduttore di colon e di cancri rettali.89

Gli studi sperimentali suggeriscono che questi acidi grassi omega-3 possano esercitare i numerosi effetti anticancro, compresi proliferazione di regolamento delle cellule e metastasi di combattimento come pure degli apoptosi angiogenesi e. Ulteriormente, alcuni scienziati hanno suggerito che gli acidi omega-3 potessero sensibilizzare i tumori del colon alle droghe che sopprimono la crescita del tessuto anormale.90 insieme, questi risultati indicano un ruolo importante degli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce nel tumore del colon evitante.

Riassunto

Il tumore del colon rimane ogni anno una grave minaccia a milioni di uomini e di donne e le terapie mediche e chirurgiche standard per trattare la malattia sono lontano da adeguato. Poiché i cancri si sviluppano nel colon mentre un risultato diretto della sua esposizione costante ai prodotti chimici ed ai sottoprodotti tossici di digestione, ad un approccio naturale e basato a sostanza alla prevenzione ha il buon senso. La scienza medica sta cominciando appena a guadagnare un apprezzamento completo di come le sostanze nutrienti possono contribuire ad evitare questa malattia micidiale. Come rinomato il chirurgo italiano ed il Dott. esperto Duilio Divisi di nutrizione ha scritto: “È stato stimato che 30-40% di tutti i tipi di cancro potesse essere impedito con uno stile di vita sano e le misure dietetiche.„91 il Dott. Divisi ha rilevato che oltre al ruolo dei polifenoli descritti precedentemente, “gli elementi protettivi in una dieta Cancro-preventiva includono il selenio, l'acido folico, il vitamina b12, la vitamina D, la clorofilla [abbondante in ortaggi freschi] e gli antiossidanti… Una dieta elaborata secondo le linee guida proposte ha potuto fare diminuire l'incidenza del seno, due punti-rettale, della prostata e del cancro broncogenico.„91

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute del prolungamento della vita a 1-800-226-2370.

Riferimenti

1. Med di N Inghilterra J. 1993;329:1977-81.

2. Ann Intern Med. 6 gennaio 2009; 150(1): 1-8.

3. Chirurgia: Scienza di base e prova clinica. Seconda edizione. Springer; 2008:1047.

4. Nord di Gastroenterol Clin. 2008 marzo; 37(1): 253-67.

5. Gastroenterologia. 2008 maggio; 134(5): 1296-310.

6. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2005;166:177-211.

7. Cancro Lett. 8 ottobre 2007; 255(2): 170-81.

8. J Clin Nutr. 2005 gennaio; 81 (1 supplemento): 284S-91S.

9. JUNIOR di Jamison. Guida clinica a nutrizione e integratori alimentari in gestione di malattia. Filadelfia: Churchill Livingstone; 2003.

10. Carcinogenesi. 2000 maggio; 21(5): 921-7.

11. Carcinogenesi. 2005 agosto; 26(8): 1450-6.

12. Cellula Mol Life Sci. 2008 giugno; 65(11): 1631-52.

13. Mol Nutr Food Res. 2008 settembre; 52(9): 1040-61.

14. Ricerca di J Surg. 2000 aprile; 89(2): 169-75.

15. Ricerca del Cancro. 1° febbraio 1999; 59(3): 597-601.

16. Exp Mol Pathol. 2008 giugno; 84(3): 230-3.

17. Intestino. 2008 novembre; 57(11): 1509-17.

18. Proc Sci nazionale Counc Repub Cina B. 2001 aprile; 25(2): 59-66.

19. Ricerca del Cancro di Clin. 15 settembre 2005; 11(18): 6738-44.

20. Digestione. 2006;74(3-4):140-4.

21. Mol Cancer Ther. 2007 aprile; 6(4): 1276-82.

22. Ricerca del Cancro di Clin. 2001 luglio; 7(7): 1894-900.

23. Ricerca del Cancro di Clin. 15 ottobre 2004; 10(20): 6847-54.

24. Ricerca anticancro. 2001 luglio-agosto; 21 (4B): 2895-900.

25. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 gennaio; 14(1): 120-5.

26. Clin Gastroenterol Hepatol. 2006 agosto; 4(8): 1035-8.

27. Vita di IUBMB. 2008 maggio; 60(5): 323-32.

28. Segnale di redox di Antioxid. 2008 marzo; 10(3): 475-510.

29. Biol Ther del Cancro. 2007 dicembre; 6(12): 1833-6.

30. Int J Mol Med. 2002 dicembre; 10(6): 755-60.

31. Alimento chim. di J Agric. 25 giugno 2008; 56(12): 4813-8.

32. Rappresentante di Oncol. 2008 giugno; 19(6): 1621-6.

33. Mol Nutr Food Res. 2008 giugno; 52 supplementi 1S52-S61.

34. Biol Ther del Cancro. 2008 agosto; 7(8): 1305-12.

35. Cancro Lett. 8 ottobre 2008; 269(2): 315-25.

36. Carcinogenesi. 2007 maggio; 28(5): 1021-31.

37. Proteomics. 2008 gennaio; 8(1): 45-61.

38. Cancro di Nutr. 2002;43(2):193-201.

39. Gastroenterologia. 2008 giugno; 134(7): 1972-80.

40. Histol Histopathol. 2008 aprile; 23(4): 487-96.

41. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2007 giugno; 16(6): 1219-23.

42. Carcinogenesi. 2008 gennaio; 29(1): 113-9.

43. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 1999 agosto; 8(8): 709-13

44. Med di salute di Altern Ther. 2008 maggio; 14(3): 30-3.

45. Med orale di J Pathol. 2007 novembre; 36(10): 588-93.

46. Mondo J Gastroenterol. 14 aprile 2008; 14(14): 2187-93.

47. Hiroshima J Med Sci. 2004 dicembre; 53 (3-4): 39-45.

48. J Nutr. 2001 marzo; 131 (3s): 1032S-40S.

49. J Nutr. 2007 ottobre; 137(10): 2264-9.

50. Circondi la salute Perspect. 2001 settembre; 109(9): 893-902.

51. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2004;44(6):479-88.

52. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2008; 17 supplementi 1:249-52.

53. J Nutr. 2006 marzo; 136 (3 supplementi): 816S-20S.

54. J Nutr. 2001 marzo; 131 (3s): 1067S-70S.

55. J Nutr. 2006 marzo; 136 (3 supplementi): 852S-4S.

56. J Nutr. 2006 marzo; 136 (3 supplementi): 821S-6S.

57. J Nutr. 2006 marzo; 136 (3 supplementi): 741S-4S.

58. http://www.kyolic.ca/faq.html

59. Alimento Chem Toxicol. 2007 maggio; 45(5): 683-90.

60. Carcinogenesi. 2002 maggio; 23(5): 795-802.

61. Mol Nutr Food Res. 2008 maggio; 52(5): 527-37.

62. FEBS Lett. 13 agosto 2004; 572 (1-3): 245-50.

63. Ricerca di Phytother. 2007 marzo; 21(3): 239-44.

64. Acta di Clin Chim. 2005 agosto; 358 (1-2): 60-7.

65. Cancro Prev di EUR J. 2006 ottobre; 15(5): 377-83.

66. Ricerca di Pharmacol. 2007 marzo; 55(3): 224-36.

67. Ricerca di Mutat. 2003 febbraio; 523-524: 99-107.

68. Soc di Proc Nutr. 2006 febbraio; 65(1): 135-44.

69. Ricerca del Cancro. 15 agosto 2001; 61(16): 6120-30.

70. J Nutr. 2007 gennaio; 137(1): 31-6.

71. Obiettivi di Opin Ther dell'esperto. 2008 giugno; 12(6): 729-38.

72. Ricerca di Mutat. 25 luglio 2006; 599 (1-2): 76-87.

73. Carcinogenesi. 2006 febbraio; 27(2): 287-92.

74. Carcinogenesi. 2003 febbraio; 24(2): 255-61.

75. Carcinogenesi. 2004 settembre; 25(9): 1659-69.

76. Biochimica Pharmacol. 1° maggio 2008; 75(9): 1774-82.

77. Cancro Prev di EUR J. 1999 dicembre; 8 supplementi 1S49-S52.

78. Il Cancro causa il controllo. 1998 agosto; 9(4): 357-67.

79. Cancro di Nutr. 2009;61(1):70-5.

80. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2002 gennaio; 11(1): 113-9.

81. Apoptosi. 2007 febbraio; 12(2): 423-31.

82. Cancro di Nutr. 2006;56(1):11-21.

83. Ricerca libera di Radic. 2006 agosto; 40(8): 775-87.

84. Cancro di Nutr. 2008;60(2):155-63.

85. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 febbraio; 15(2): 315-20.

86. Zhonghua Wai Ke Za Zhi. 1996 gennaio; 34(1): 50-3.

87. Cancro di Nutr. 2003;46(2):125-30.

88. Lipidi di Chem Phys. 2008 maggio; 153(1): 14-23.

89. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2008 maggio; 17(5): 1136-43.

90. Curr Med Chem. 2007;14(29):3059-69.

91. Acta Biomed. 2006 agosto; 77(2): 118-23.