Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2009
Nelle notizie

Le vitamine di B possono avvantaggiare i bambini autistici

Un test clinico recente suggerisce che il completamento con il methylcobalamin e l'acido folinico delle vitamine di B possa avvantaggiare gli scienziati autistici di children.* credi che le anomalie metaboliche siano alla base di alcuni termini neurobehavioral quale autismo e che le sostanze nutrienti mirate a possono essere terapeutiche.

I ricercatori all'istituto di ricerca dell'ospedale pediatrico dell'Arkansas hanno curato 40 bambini autistici per tre mesi con il methylcobalamin (una forma di vitamina b12 che è attiva nel sistema nervoso centrale) e l'acido folinico, che ha attività della vitamina equivalente ad acido folico.

All'inizio dello studio, gli oggetti autistici hanno avuti livelli significativamente differenti di biomarcatori connessi con la capacità ossidativa di disintossicazione e di sforzo, rispetto agli oggetti in buona salute di controllo. Dopo il trattamento, questi biomarcatori sono migliorato significativamente, sebbene non al livello visto nei bambini inalterati di controllo. I livelli del glutatione inoltre sono aumentato significativamente fra gli oggetti autistici.

“I miglioramenti significativi… suggeriscono che l'intervento nutrizionale mirato a con il methylcobalamin e l'acido folinico possa essere del beneficio clinico in alcuni bambini che hanno autismo,„ ricercatori conclusivi.

— Dale Kiefer

Riferimento

* J Clin Nutr. 2009 gennaio; 89(1): 425-30.

Il magnesio può fare diminuire la pressione sanguigna

Il magnesio può fare diminuire la pressione sanguigna

Secondo uno studio dalla Corea del Sud, il completamento del magnesio fa diminuire la pressione sanguigna in adulti con hypertension.*

Gli studi sono stati intrapresi per determinare gli effetti di magnesio sulla sensibilità e sulla pressione sanguigna dell'insulina in adulti di peso eccessivo che non hanno avuti i livelli normali del magnesio e diabete. Complessivamente 155 partecipanti sono stati assegnati a caso per ricevere un placebo o 300 mg di magnesio al giorno per 12 settimane.

I risultati non hanno evidenziato differenze significative fra i gruppi globali nella sensibilità dell'insulina. Tuttavia, quando i gruppi sono stati suddivisi dal livello di pressione sanguigna alla linea di base, quelli con ipertensione che ha ricevuto magnesio hanno avuti diminuzioni significative nella pressione sanguigna sistolica e diastolica a 12 settimane, da una media di 5,6 e 2,0 mmHg, rispettivamente, in paragone a coloro che ha ricevuto il placebo. Il magnesio non ha avuto effetto evidente sui partecipanti con pressione sanguigna normale alla linea di base.

Gli autori hanno concluso che “il completamento del magnesio può contribuire ad impedire la progressione di ipertensione„ in adulti di peso eccessivo in buona salute.

— Laura J. Ninger, ELS

Riferimento

* Nutr Metab Cardiovasc DIS. 7 aprile 2009.

I livelli elevati folici hanno potuto contribuire ad impedire le reazioni allergiche ed a ridurre i sintomi

I livelli elevati folici hanno potuto contribuire ad impedire le reazioni allergiche ed a ridurre i sintomi

Un articolo pubblicato nel giornale dell'allergia e dell'immunologia clinica ha rivelato la scoperta di un ruolo per il folato della vitamina di B nell'allergia e nell'asma diminuenti symptoms.*

Il allergist pediatrico Elizabeth Matsui, il MD, il MHS ed i colleghi hanno esaminato le cartelle sanitarie di 8.083 individui invecchiati 2 - 85 per ottenere le informazioni sui livelli folici e sui sintomi di allergia e respiratori.

Confrontato agli oggetti di cui i livelli elevati folici erano, quelli di cui i livelli erano fra il più basso sono stati trovati per avere un rischio maggior 30% di avere quantità elevate degli indicatori del sistema immunitario conosciuti come gli anticorpi di IgE, che sono elevati nell'allergia. Gli oggetti con i bassi livelli folici erano inoltre più probabili riferire le allergie, ansare, o l'asma.

L'individuazione aggiunge la prova a quelle degli studi precedenti che sostengono un effetto di regolamento per la vitamina su infiammazione, il fenomeno che produce i sintomi di allergia.

— Dayna Dye

Riferimento

* Allergia Clin Immunol di J. 29 aprile 2009.

Livelli moderati di estradiolo legati a vivere più lungamente

Livelli moderati di estradiolo legati a vivere più lungamente

Livelli di estradiolo che sono rischio troppo basso o troppo alto della mortalità di aumento negli uomini con infarto cronico, secondo un nuovo studio pubblicato nel giornale influente del Association.* medico americano

Più di 500 oggetti sono stati seguiti per tre anni mentre i ricercatori hanno esaminato la relazione fra i livelli del siero di estradiolo ed il rischio di morte fra gli uomini con infarto cronico sistolico

Sulla base dei livelli di estradiolo, gli oggetti sono stati assegnati ad una di cinque categorie. L'analisi statistica ha rivelato che gli uomini con i più bassi e livelli elevati dell'estradiolo erano al rischio aumentato di morte. I livelli moderati di estradiolo (21.8-30.1 pg/mL) sono stati correlati con vivere più lungamente.

Questi risultati evidenziano l'importanza dei livelli di ormone ottimali nell'inseguimento della longevità.

— Dale Kiefer

Riferimento

* JAMA. 13 maggio 2009; 301(18): 1892-901.

Ginger Reduces Nausea in malati di cancro

Ginger Reduces Nausea in malati di cancro

Lo zenzero quotidiano completa la nausea alleviata fra i malati di cancro che subiscono la chemioterapia, secondo uno studio presentato alla riunione annuale 2009 della società americana della nausea di Oncology.* e dell'influenza cliniche di vomito circa 70% dei pazienti durante la chemioterapia.

I malati di cancro sono stati iscritti se già avessero avvertito la nausea durante la chemioterapia e sono stati preveduti subire ulteriori trattamenti. Quattro gruppi sono stati assegnati a caso per prendere un placebo o lo zenzero alle varie dosi (0,5, g/giorno 1,0, o 1,5), oltre alle droghe standard di anti-vomito, comincianti prima del ciclo seguente della chemioterapia. Pazienti stimati il loro livello di nausea su una scala sette punti durante i giorni 1-4 di seguente ciclo.

Complessivamente 644 pazienti erano inclusi, pricipalmente donne (90%) con cancro al seno (66%). La nausea è stata diminuita significativamente di giorno 1 in tutti gruppi dello zenzero, particolarmente alle dosi del g/giorno 0,5 e 1,0. I punteggi di nausea sono rimanere contrassegnato più alti nel gruppo del placebo.

— Laura J. Ninger, ELS

Riferimento

* J Clin Oncol. 2009; 27 (supplemento): 15s. Estratto 9511.

Danneggiamento diabetico del nervo legato dei livelli elevati del trigliceride

Danneggiamento diabetico del nervo legato dei livelli elevati del trigliceride

La nuova prova suggerisce che la progressione della neuropatia diabetica sia legata molto attentamente ai livelli elevati del trigliceride fra diabetics.* caratterizzato da dolore, dal formicolio e dalla perdita possibile di funzione nelle estremità colpite, la neuropatia diabetica è una complicazione comune del diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno condotto due prove controllate identiche in pazienti che soffrono dalla neuropatia diabetica. Hanno esaminato i nervi specifici nella gamba più bassa, misurante i parametri quali densità della fibra e velocità myelinated della conduzione del nervo. Questi parametri sono stati rivalutati un anno più successivamente. Gli oggetti che esibiscono ulteriore deterioramento nella funzione di nervo sono stati diagnosticati con la malattia progressiva. Paragonando i parametri di salute della linea di base alla progressione di malattia, i ricercatori hanno concluso che soltanto i livelli del trigliceride della linea di base erano premonitori della neuropatia diabetica progressiva.

“Questi dati sostengono il concetto evolventesi che [gli alti livelli di lipidi del sangue sono] strumentale nella progressione della neuropatia diabetica,„ i ricercatori hanno concluso.

— Dale Kiefer

Riferimento

* Diabete. 1° maggio 2009.