Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista agosto 2010
Rapporti

Combattimento dell'epidemia “di Diabesity„

Da Julius Goepp, MD

La curcumina assicura la protezione del fegato e del rene

La curcumina assicura la protezione del fegato e del rene

Il diabete provoca la distruzione sugli organi vitali, specialmente quelli con gli alti flussi sanguigni quale il rene e su fegato. La malattia renale di stadio finale (ESRD) è una causa tremenda di sofferenza e della morte fra i diabetici; mentre analcolico lo steatohepatitis (anche chiamato “affezione epatica grassa ") comincia i suoi effetti offensivi anche nell'insulino-resistenza della fase iniziale.46 nessuna droga esistono efficacemente per impedire la progressione di queste complicazioni diabetiche, ma le capacità multi-mirate a della curcumina offrono la protezione distinta.

La curcumina dietetica completa le lesioni significativamente ridutrici del rene in animali da laboratorio diabetici e nella progressione rallentata della malattia.Il trattamento 47 con curcumina ha ridotto significativamente sia la disfunzione del rene che lo sforzo ossidativo in ratti diabetici.48,49 uno studio 2009 hanno rivelato uno dei modi che funziona: l'antinfiammatori potenti della curcumina, attività dimodulazione del gene stavano bloccando la produzione dei fattori di crescita e di altre proteine che conducono al tessuto nocivo del rene.50

La curcumina impedisce dal il fegato grasso indotto da dietetica, impedisce l'attivazione delle cellule infiammatorie del fegato che producono la circostanza e può anche migliorare il fegato grasso causato da ingestione di alcol in ratti diabetici.46 in una ricerca di laboratorio, i ratti diabetici hanno visualizzato i test di funzionalità epatica anormali. Il completamento della curcumina per i 45 giorni ha invertito queste anomalie a quasi normale.49 questo suggeriscono che la curcumina possa essere utile per la gente con il diabete, che ha un'più alta incidenza delle anomalie del test di funzionalità epatica che la gente che non ha diabete.51 nel 2009, è stato indicato che la curcumina raggiunge questi effetti sopprimendo i geni ditrattamento distruttivi, stimolanti simultaneamente l'attività di PPAR-gamma per migliorare l'utilizzazione dell'energia delle cellule di fegato.52

La curcumina protegge il nervo e Brain Cells

La curcumina protegge il nervo e Brain Cells

Il nervo ed il tessuto cerebrale rientrano nell'attacco diretto dai livelli elevati dello zucchero in pazienti diabetici, con conseguente dolore severo chiamato la neuropatia diabetica e nelle perturbazioni conoscitive che variano dalla perdita di memoria all'encefalopatia ed alla demenza diabetiche severe. La curcumina ha provato efficace nell'impedire o nell'attenuazione delle entrambe.

Il dolore neuropatico è riconosciuto come uno dei più difficili trattare e frustra i pazienti ed i medici egualmente. I ricercatori indiani hanno indotto sperimentalmente il termine in ratti diabetici, quindi li hanno completati con curcumina.53 il trattamento hanno attenuato significativamente l'eccessiva risposta dolorosa agli stimoli delicati (iperalgia). Gli effetti erano ancor più pronunciati quando il completamento si è combinato con insulina.54

L'encefalopatia diabetica è un complesso ed il processo capito male di invecchiamento accelerato del cervello e del declino conoscitivo ha collegato entrambi agli alti livelli del glucosio e carenza dell'insulina in tessuto cerebrale.Il trattamento cronico 55,56 con curcumina ha invertito il danno e l'infiammazione estremi dell'ossidante nei cervelli dei ratti diabetici e contrassegnato ha migliorato la loro prestazione sulle mansioni della memoria e della cognizione.56

La carnitina migliora la glicemia ed i lipidi in diabete

La carnitina è una piccola molecola acido-derivata amminica usata dalle cellule per muovere i grassi avanti e indietro nei mitocondri, in cui sono bruciati per energia.Un tessuto di 57,58 diabetici, particolarmente muscolo cardiaco, può accumulare i lipidi che alterano la funzione.59,60 sia invecchiamento che l'obesità riducono i livelli della carnitina, contribuendo all'invecchiamento ed alla perdita mitocondriali di controllo metabolico.61 che rende a carnitina un supplemento molto supplichevole affinchè la sua capacità promuova l'utilizzazione mitocondriale di salute e del grasso/zucchero prima che i problemi sorgano.58,62

Un grammo di L-carnitina tre volte quotidiane oltre 12 settimane ha abbassato oralmente significativamente la glicemia a digiuno in adulti di mezza età con il diabete di tipo 2.

Gli studi umani della carnitina in diabete sono coercitivi. Dato per via endovenosa ai diabetici insulina-resistenti, la L-carnitina o la acetile-L-carnitina ha migliorato la sensibilità dell'insulina, l'assorbimento del glucosio e l'efficace utilizzazione dalla circolazione sanguigna, mentre miglioravano l'efficienza di utilizzazione di energia.58,63 un grammo di L-carnitina tre volte quotidiane oltre 12 settimane ha abbassato oralmente significativamente la glicemia a digiuno in adulti di mezza età con il diabete di tipo 2.64

La curcumina direttamente blocca l'obesità, conseguenze
La curcumina direttamente blocca l'obesità, conseguenze

La curcumina offre una miriade di benefici multi-mirati a che combattono sia il diabete che le componenti dell'obesità del diabesity.  Tardi-rompendosi le scoperte ora mostrano come la curcumina può realmente impedire l'obesità in primo luogo e bloccano le sue conseguenze anche prima che sorgano.

La scoperta più notevole è che la curcumina funge da antagonista ai ricevitori dipromozione dell'essere umano.101 legando a quei recettori, la curcumina impedisce le molecole naturali appetito attaccante e di stimolazione. I ricercatori hanno riconosciuto la loro innovazione, suggerente che la curcumina “potrebbe essere sviluppata come romanzo,… terapeutica non tossica per l'obesità.„101

C'è abbondanza di prova circa come la curcumina impedisce l'obesità e le sue conseguenze infiammatorie negli studi sugli animali. La curcumina ha normalizzato i profili del lipido e la sensibilità dell'insulina in criceti non-diabetico su una dieta ad alta percentuale di grassi e si è arrampicata l'attività di grasso-combustione del fegato. La curcumina 102 inoltre direttamente inibisce la crescita delle cellule grasse riducendo il loro rifornimento di sangue, con conseguente obesità riduttrice e grasso corporeo nei modelli dell'animale vivo. 

Agendo quasi come un agente benigno della chemioterapia, curcumina inoltre blocca la crescita e la maturazione delle cellule grasse e perfino induce gli apoptosi, il programma naturale di cellula-morte.103,104

Con le scoperte supplementari circa come la curcumina modula favorevole le molecole di grasso-segnalazione quale il adiponectin e la leptina che controllano il metabolismo e la distribuzione di grasso corporeo,6.105 e riducono l'infiammazione comunicata per cellule grassa,6,19,37 che non è meraviglia che gli esperti stanno grandinando la curcumina come innovazione nella prevenzione dell'obesità.103

A causa del suo impatto unico su utilizzazione grassa, la carnitina è inoltre altamente efficace a migliorare i profili anormali del lipido dei diabetici, da solo o congiuntamente ad una droga di statina come le simvastatine (Zocor®).65-67 che è buone notizie per i diabetici, che devono ottimizzare i loro profili del lipido per evitare devastare le conseguenze cardiovascolari.

la Acetile-L-carnitina completa (quotidiano 2 grammi) l'ipertensione arteriosa sicuro riduttrice, l'insulino-resistenza e la tolleranza al glucosio alterata, mentre amplifica i livelli del adiponectin grasso-prodotto protettivo di citochina in pazienti non-diabetico a rischio del diabete di sviluppo.Il completamento quotidiano 68 con 2 grammi di L-carnitina ha ridotto i livelli di lipoproteina pericolosa (a) ed ha ossidato LDL in pazienti con il diabete di tipo 2.69,70

Gli effetti d'amplificazione della carnitina sono particolarmente importanti nel tessuto del cuore. Il completamento orale a lungo termine con acetile-L-carnitina ha conservato la funzione di nervo cardiaca vitale in pazienti diabetici, mentre gli oggetti placebo-trattati hanno sofferto la perdita significativa di funzione.la Propionyl-L-carnitina 71 ha migliorato la funzione cardiovascolare in diabetici che subiscono la chirurgia del bypass coronarico.72

I diabetici soffrono frequentemente la malattia vascolare periferica dolorosa, lo stringimento e l'indurimento dei vasi sanguigni nelle estremità che rende la camminata difficile e dolorosa. Il completamento con 2-3 grammi/giorno di propionyl-L-carnitina migliora i sintomi e la prestazione, distanza di camminata media aumentante, le misure di aspersione del sangue e punteggi di dolore.73,74 uno studio anche hanno indicato che i pazienti completati con la propionyl-L-carnitina di mg 1.200 ogni giorno potrebbero anche ridurre per via endovenosa le dosi dei loro farmaci d'abbassamento di prescrizione.La disfunzione erettile 75 è una forma molto specifica di malattia vascolare periferica comune in diabetici e la propionyl-L-carnitina aggiunta a trattamento farmacologico ha migliorato la prestazione negli uomini insensibili a trattamento farmacologico da solo.76-78

Con prova supplementare che 1-2 grammi della acetile-L-carnitina di quotidiano del completamento possono attenuare la neuropatia diabetica dolorosa, è chiaro che la carnitina appartiene in un regime antidiabetico responsabile di supplemento.79,80

La vitamina E ed il magnesio riducono l'infiammazione, migliorano la sensibilità dell'insulina

Gli aiuti coerenti del completamento della vitamina E (mg 500-600 quotidiano) migliorano la funzione vascolare ed aumenta i livelli del magnesio dentro le cellule nel tipo - 2 pazienti diabetici mentre riducono gli indicatori ossidativi elevati di sforzo.Il completamento di 81,82 vitamine E con il gamma-tocoferolo inoltre estigue i biomarcatori dell'ossidazione e dell'infiammazione in pazienti con la sindrome metabolica, potenzialmente impedicenti la progressione al diabete completo.83

Le vitamine E e C hanno abbassato insieme l'infiammazione ed hanno migliorato l'azione dell'insulina in pazienti pre-diabetici.84 più drammaticamente, i ricchi antiossidanti di una combinazione della vitamina in vitamina la E (beta-carotene di mg 800 vitamina E di mg, 500 vitamina C di mg, 10) hanno migliorato la sensibilità dell'insulina, le molecole endoteliali pericolose ridutrici di adesione ed i livelli protettivi aumentati di adiponectin in giovani adulti obesi.85 questi notizie dirottura sono prova impressionante che possiamo rompere il ciclo del diabesity.

I supplementi orali del magnesio migliorano la sensibilità dell'insulina ed abbassano i livelli dell'emoglobina A1c nel tipo - 2 diabetici ed in adulti non-diabetico.86,87 un grande esame degli studi precedenti nel 2006 hanno stabilito che il completamento orale del magnesio (360 mg/giorno) potesse ridurre i livelli di digiuno del glucosio ed alzare HDL utile nel tipo - 2 pazienti diabetici.88 e uno studio 2009 ha indicato che il completamento orale quotidiano del magnesio (450 mg) ha abbassato significativamente sia la pressione sanguigna sistolica che diastolica nel tipo iperteso - 2 diabetici che inoltre stavano prendendo il captopril dell'ACE-inibitore.89

Il completamento a lungo termine del magnesio (300 mg/giorno) ha rallentato lo sviluppo della neuropatia periferica nei diabetici di tipo 1.90 uno studio clinicamente importante nel 2008 hanno rivelato che i pazienti diabetici anziani depressi con i bassi livelli del magnesio hanno reagito bene ai supplementi orali del magnesio (450 mg/giorno) come hanno fatto all'imipramina potente dell'antidepressivo di prescrizione.91

Un supplemento quotidiano di combinazione compreso magnesio la vitamina E di mg 100-150 e di mg 200 con vitamina C e zinco ha aumentato significativamente HDL in un gruppo di tipo - 2 diabetici.92,93 e molto recentemente abbiamo imparato che la combinazione di vitamina E e di magnesio inoltre funziona insieme per fare diminuire la viscosità dei lipidi e del sangue del plasma (spessore) in ratti diabetici, annunzianti ancora i più notevoli benefici cardiovascolari di queste sostanze nutrienti essenziali.94

Le vitamine ed i minerali antiossidanti quali la vitamina E ed il magnesio sono vuotati in diabete,95,96 mentre entrambe le sostanze nutrienti sono state indicate per migliorare l'azione dell'insulina.97,98 allo stesso tempo, le droghe comuni di riduzione dei lipidi usate dai diabetici più ulteriormente vuotano i livelli del magnesio.99 esperti quindi profondamente si interessano a queste sostanze nutrienti come supplementi utili per i diabetici ed i pre-diabetici obesi.100

Riassunto

Diabesity

La combinazione di diabete e “di diabesity„ definito l'obesità-ora da alcuno esperto-è la più grande epidemia in storia dell'umanità, stimata per intensificare 380 milione vittime universalmente da ora al 2025. I presagi del diabesity possono andare inosservati per anni, come fuochi convenzionali della medicina sulle gamme di riferimenti antiquate del sangue mentre trascurando il fattore chiave che collega l'obesità ed il diabete: infiammazione.

La curcumina è stata indicata per imporre un blocco antinfiammatorio attraverso i sistemi multipli devastati “dal diabesity.„ La curcumina aumenta il metabolismo del glucosio nel fegato, mentre simultaneamente riduce l'espressione dei geni producenti glucosio. Interviene in quasi ogni fase nel corso di progresso diabetico, migliorante la funzione dell'multi-organo e endoteliale, fornente la difesa cardiaca ottimale ed amplificante i livelli di antiossidanti primari mentre sopprime le citochine pro-infiammatorie generate dal tessuto adiposo.

Gli aiuti della carnitina promuovono la glicemia sana ed i livelli di lipidi del sangue, mentre la vitamina E ed il magnesio migliorano la sensibilità dell'insulina, riducono lo sforzo ossidativo e sostengono la pressione sanguigna sana. Insieme, queste sostanze nutrienti potenziano per fornire la difesa potente contro l'epidemia del diabesity.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Zimmet P. Diabesity – la più grande epidemia in storia dell'umanità. MedGenMed. 2007;9(3):39.

2. La S selvaggia, Roglic G, si inverdisce A, Sicree la R, prevalenza di re H. Global del diabete: preventivi per l'anno 2000 e proiezioni per 2030. Cura del diabete. 2004 maggio; 27(5): 1047-53.

3. Astrup A, diabete di tipo 2 più fine di N. Redefining: Diabete mellito dipendente di obesità “o„ “di Diabesity„? Rev. 2000 di Obes; (1): 57-9.

4. Gerstein HC, Miller ME, Byington RP, et al. azione per controllare rischio cardiovascolare nel gruppo di studio del diabete. Effetti di glucosio intensivo che si abbassano in diabete di tipo 2. Med di N Inghilterra J. 2008. 12 giugno; 358(24): 2545-59.

5. Schmidt MI, BB di Duncan. Diabesity: uno stato metabolico infiammatorio. Med del laboratorio di Clin Chem. 2003 settembre; 41(9): 1120-30.

6. PS di Weisberg, Leibel R, Tortoriello DV. La curcumina dietetica migliora significativamente l'infiammazione ed il diabete obesità-collegati nei modelli del topo del diabesity. Endocrinologia. 2008 luglio; 149(7): 3549-58.

7. I potenziali d'ossido-riduzione di Leiter, il PC di Reifsnyder, Xiao Q, Mistry J. Adipokine ed i profili dell'insulina distinguono le obesità diabetogenic e non diabetogenic in topi. Obesità (Silver Spring). 2007 agosto; 15(8): 1961-8.

8. Disfunzione di Gastaldi G, di Ruiz J. Metabolic e sforzo cronico: una nuova vista a pandemia “di diabesity„. Rev Med Suisse. 3 giugno 2009; 5(206): 1273-7.

9. Kuroda m., Mimaki Y, Nishiyama T, et al. effetti ipoglicemici di curcuma (rizome di curcuma longa L.) sui topi geneticamente diabetici di KK-Ay. Toro di biol Pharm. 2005 maggio; 28(5): 937-9.

10. Murugan P, Pari L, Rao CA. Effetto del tetrahydrocurcumin su stato del ricevitore dell'insulina nel tipo - 2 ratti diabetici: studi su insulina che lega agli eritrociti. J Biosci. 2008 marzo; 33(1): 63-72.

11. La SK Jain, le pioggie J, Croad J, Larson la B, il completamento di Jones K. Curcumin abbassa l'TNF-alfa, la secrezione IL-6, IL-8 e MCP-1 in monociti e nei livelli ematici coltivati glucosio-trattati livello di TNF-alfa, di IL-6, di MCP-1, di glucosio e di emoglobina glicosilata in ratti diabetici. Segnale di redox di Antioxid. 2009 febbraio; 11(2): 241-9.

12. Mahesh T, Sri Balasubashini millimetro, VP di Menon. completamento Foto-irradiato della curcumina da in ratti diabetici indotti streptozotocin: effetto su perossidazione lipidica. Therapie. 2004 novembre-dicembre; 59(6): 639-44.

13. Majithiya JB, Balaraman R, Giridhar R, sig. di Yadav. Effetto del complesso di oxovanadium della Banca dei Regolamenti Internazionali [curcumino] dai sui ratti diabetici non-diabetico ed indotti streptozotocin. J Trace Elem Med Biol. 2005;18(3):211-7.

14. Nishiyama T, Mae T, Kishida H, et al. Curcuminoids ed i sesquiterpenoidi in curcuma (curcuma longa L.) sopprimono un aumento nel livello della glicemia nel tipo - 2 topi diabetici di KK-Ay. Alimento chim. di J Agric. 23 febbraio 2005; 53(4): 959-63.

15. Pari L, Murugan P. Effect del tetrahydrocurcumin su glicemia, sull'insulina del plasma e sugli enzimi chiave epatici in streptozotocin ha indotto i ratti diabetici. J Clin di base Physiol Pharmacol. 2005;16(4):257-74.

16. Fujiwara H, Hosokawa m., Zhou X, et al. curcumina inibisce la produzione del glucosio negli epatociti isolati dei topi. Ricerca Clin Pract del diabete. 2008 maggio; 80(2): 185-91.

17. Kim T, Davis J, Zhang AJ, lui X, st di Mathews La curcumina attiva AMPK e sopprime l'espressione genica gluconeogenic in cellule del tumore epatico. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 16 ottobre 2009; 388(2): 377-82.

18. Sajithlal GB, Chithra P, Chandrakasan G. Effect di curcumina sul glycation e sulla reticolazione avanzati di collagene in ratti diabetici. Biochimica Pharmacol. 15 dicembre 1998; 56(12): 1607-14.

19. Corteggi il HM, Kang JH, Kawada T, Yoo H, cantato il Mk, le componenti spezia-derivate Active di Yu R. possono inibire le risposte infiammatorie del tessuto adiposo nell'obesità sopprimendo le azioni infiammatorie dei macrofagi ed il rilascio di monocito protein-1 chemoattractant dai adipocytes. Vita Sci. 13 febbraio 2007; 80(10): 926-31.

20. La SK Jain, le pioggie J, Jones K. Effect di curcumina sulla glicosilazione della proteina, sulla perossidazione lipidica e sulla generazione radicale dell'ossigeno in globuli rossi umani ha esposto ai livelli elevati del glucosio. Med libero di biol di Radic. 1° luglio 2006; 41(1): 92-6.

21. Suryanarayana P, Satyanarayana A, Balakrishna N, unità di elaborazione di Kumar, Reddy GB. Effetto di curcuma e di curcumina sullo sforzo ossidativo ed enzimi antiossidanti da in ratto diabetico indotto streptozotocin. Med Sci Monit. 2007 dicembre; 13(12): BR286-92.

22. Rema m., retinopatia di Pradeepa R. Diabetic: una prospettiva indiana. J indiano Med Res. 2007 marzo; 125(3): 297-310.

23. Okamoto T, Yamagishi S, Inagaki Y, et al. angiogenesi indotta dai prodotti finiti avanzati di glycation e la sua prevenzione dalle cerivastatine. FASEB J. 2002 dicembre; 16(14): 1928-30.

24. RA di Kowluru, Kanwar M. Effects di curcumina sullo sforzo e sull'infiammazione ossidativi retinici in diabete. Nutr Metab (Lond). 2007;4:8.

25. Sameermahmood Z, Balasubramanyam m., Saravanan T, Rema M. Curcumin modula la migrazione di SDF-1alpha/CXCR4-induced delle cellule endoteliali retiniche umane (HRECs). Investa Ophthalmol Vis Sci. 2008 agosto; 49(8): 3305-11.

26. Premanand C, Rema m., Sameer MZ, Sujatha m., Balasubramanyam M. Effect di curcumina su proliferazione delle cellule endoteliali retiniche umane nelle circostanze in vitro. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2006 maggio; 47(5): 2179-84.

27. Mrudula T, Suryanarayana P, Srinivas PN, Reddy GB. Effetto di curcumina dall'sull'espressione di fattore endoteliale vascolare indotta iperglicemia di crescita in da retina diabetica indotta streptozotocin del ratto. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 21 settembre 2007; 361(2): 528-32.

28. Osawa T, ruolo di Kato Y. Protective di alimento antiossidante scompone nello sforzo ossidativo causato dall'iperglicemia. Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1043:440-51.

29. Suryanarayana P, Saraswat m., Mrudula T, Krishna TP, Krishnaswamy K, Reddy GB. La curcumina e la curcuma ritardano dalla la cataratta diabetica indotta streptozotocin in ratti. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2005 giugno; 46(6): 2092-9.

30. Murugan P, Pari L. Effect del tetrahydrocurcumin sugli antiossidanti del plasma in diabete sperimentale della streptozotocin-nicotinammide. J Clin di base Physiol Pharmacol. 2006;17(4):231-44.

31. Murugan P, Pari L. Influence del tetrahydrocurcumin sugli enzimi rilegati della membrana dell'eritrocito e dello stato antiossidante nel tipo sperimentale - 2 ratti diabetici. J Ethnopharmacol. 25 settembre 2007; 113(3): 479-86.

32. Il ms di Seo KI, di Choi, Jung UJ, et al. l'effetto del completamento della curcumina su glicemia, l'insulina del plasma e l'omeostasi del glucosio hanno riferito le attività enzimatiche nei topi diabetici di db/db. Mol Nutr Food Res. 2008 settembre; 52(9): 995-1004.

33. Murugan P, Pari L. Effect del tetrahydrocurcumin su perossidazione lipidica e dei lipidi da in ratti diabetici indotti streptozotocin nicotinammide. Clin di base Pharmacol Toxicol. 2006 agosto; 99(2): 122-7.

34. Pari L, Murugan P. Influence del tetrahydrocurcumin sui contenuti del collagene del tendine della coda e sulle sue proprietà in ratti con dal il diabete di tipo 2 indotto streptozotocin nicotinammide. Fundam Clin Pharmacol. 2007 dicembre; 21(6): 665-71.

35. Pari L, Murugan P. Tetrahydrocurcumin impedisce la perossidazione lipidica del cervello da in ratti diabetici indotti streptozotocin. J Med Food. 2007 giugno; 10(2): 323-29.

36. Rastogi m., Ojha RP, Rajamanickam GV, Agrawal A, Aggarwal A, GP di Dubey. Curcuminoids modula il danno ossidativo e la disfunzione mitocondriale nel cervello diabetico del ratto. Ricerca libera di Radic. 2008 novembre; 42 (11-12): 999-1005.

37. Gonzales, Orlando RA. La curcumina ed i resveratroli inibiscono l'espressione fattore-kappaB-mediata nucleare di citochina nei adipocytes. Nutr Metab (Lond). 2008;5:17.

38. Li L, Sawamura T, Renier G. Glucose migliora l'espressione umana del macrofago LOX-1: ruolo per LOX-1 dalla nella formazione indotta da glucosio delle cellule della schiuma del macrofago. Circ Res. 16 aprile 2004; 94(7): 892-901.

39. Wongcharoen W, Phrommintikul A. Il ruolo protettivo di curcumina nelle malattie cardiovascolari. Int J Cardiol. 3 aprile 2009; 133(2): 145-51.

40. Effetto di Pari L, di Murugan P. Antihyperlipidemic di curcumina e tetrahydrocurcumin nel tipo sperimentale - 2 ratti diabetici. Ren Fail. 2007;29(7):881-9.

41. HM di Arafa. La curcumina attenua dall'l'ipercolesterolemia indotta da dieta in ratti. Med Sci Monit. 2005 luglio; 11(7): BR228-34.

42. I cambiamenti di Majithiya JB, di Balaraman R. Time-dependent in enzimi antiossidanti e la reattività vascolare dell'aorta da in ratti diabetici indotti streptozotocin hanno trattato con curcumina. J Cardiovasc Pharmacol. 2005 novembre; 46(5): 697-705.

43. Farhangkhoee H, Khan ZA, Chen S, effetti di Chakrabarti S. Differential di curcumina sui fattori vasoattivi nel cuore diabetico del ratto. Nutr Metab (Lond). 2006;3:27.

44. RH di Raghavendra, KA di Naidu. Principi attivi della spezia come gli inibitori di aggregazione della piastrina e della biosintesi umane del trombossano. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2009 luglio; 81(1): 73-8.

45. Usharani P, Mateen aa, Naidu MU, Raju YS, Chandra N. Effect di NCB-02, atorvastatine e placebo sulla funzione endoteliale, sforzo ossidativo ed indicatori infiammatori in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito: uno studio randomizzato, a gruppi paralleli, controllato con placebo, di otto settimane. Droghe R D. 2008; 9(4): 243-50.

46. Shapiro H, potenziale di Bruck R. Therapeutic di curcumina in steatohepatitis analcolico. Rev. 2005 di ricerca di Nutr dicembre; 18(2): 212-21.

47. Suresh Babu P, Srinivasan K. Amelioration delle lesioni renali si è associato con il diabete da curcumina dietetica nei ratti del diabetico di streptozotocin. Mol Cell Biochem. 1998 aprile; 181 (1-2): 87-96.

48. Sharma S, Kulkarni SK, Chopra K. Curcumin, il principio attivo di curcuma (curcuma longa), migliora la nefropatia diabetica in ratti. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2006 ottobre; 33(10): 940-5.

49. Murugan P, Pari L. Influence del tetrahydrocurcumin agli indicatori ed ai livelli funzionali epatici e renali nel tipo sperimentale - 2 ratti diabetici della proteina. Clin di base Pharmacol Toxicol. 2007 ottobre; 101(4): 241-5.

50. Chiu J, Khan ZA, Farhangkhoee H, Chakrabarti S. Curcumin impedisce le anomalie diabete-collegate nei reni inibendo p300 ed il fattore-kappaB nucleare. Nutrizione. 2009 settembre; 25(9): 964-72.

51. Potenziale d'ossido-riduzione di Harris. Test di funzionalità epatica elevati in diabete di tipo 2. Diabete di Clin. 2005 luglio; 23(3): 115-9.

52. Kang Q, Chen A. Curcumin elimina i ruoli ossidati di LDL nell'attivazione delle cellule stellari epatiche sopprimendo l'espressione genica di LDL ossidato lectin del tipo di receptor-1. Il laboratorio investe. 2009 novembre; 89(11): 1275-90.

53. Sharma S, Kulkarni SK, Agrewala JN, Chopra K. Curcumin attenua la iperalgia termica in un modello diabetico del topo di dolore neuropatico. EUR J Pharmacol. 1° maggio 2006; 536(3): 256-61.

54. Sharma S, Chopra K, Kulkarni SK. Effetto di insulina e della sua combinazione con i resveratroli o la curcumina nell'attenuazione di dolore neuropatico diabetico: partecipazione di ossido di azoto e dell'TNF-alfa. Ricerca di Phytother. 2007 marzo; 21(3): 278-83.

55. Gispen WH, Biessels GJ. Cognizione e plasticità sinaptica in diabete mellito. Tendenze Neurosci. 2000 novembre; 23(11): 542-9.

56. Kuhad A, Chopra K. Curcumin attenua l'encefalopatia diabetica in ratti: prove comportamentistiche e biochimiche. EUR J Pharmacol. 8 dicembre 2007; 576 (1-3): 34-42.

57. Calvani m., Reda E, Arrigoni-Martelli E. Regulation da carnitina di acido grasso e di metabolismo dei carboidrati del miocardio nelle circostanze normali e patologiche. Ricerca di base Cardiol. 2000 aprile; 95(2): 75-83.

58. Mingrone G, Greco avoirdupois, Capristo E, et al. L-carnitina migliora la disposizione del glucosio nel tipo - 2 pazienti diabetici. J Coll Nutr. 1999 febbraio; 18(1): 77-82.

59. Ruolo di Dhalla NS, di Elimban V, di Rupp H. Paradoxical del metabolismo dei lipidi nella funzione del cuore e disfunzione. Mol Cell Biochem. 21 ottobre 1992; 116 (1-2): 3-9.

60. Bandyopadhyay GK, Yu JG, Ofrecio J, Olefsky JM. Livelli aumentati malonyl-CoA in muscolo da obeso e da tipo - 2 oggetti diabetici conducono all'ossidazione in diminuzione dell'acido grasso ed alla lipogenesi aumentata; il trattamento di tiazolidinedione inverte questi difetti. Diabete. 2006 agosto; 55(8): 2277-85.

61. Se di Noland RC, di Koves TR, di Seiler, et al. insufficienza della carnitina causati tramite la prestazione mitocondriale di compromessi di sovranutrizione ed invecchiare ed il controllo metabolico. Biol chim. di J. 21 agosto 2009; 284(34): 22840-52.

62. Perdomo G, SR di Commerford, Richard, et al. l'beta-ossidazione aumentata in cellule di muscolo migliora il metabolismo insulina-stimolato del glucosio e protegge da da insulino-resistenza indotto da acido grasso malgrado accumulazione intramyocellular del lipido. Biol chim. di J. 25 giugno 2004; 279(26): 27177-86.

63. Giancaterini A, De Gaetano A, Mingrone G, et al. infusione della Acetile-L-carnitina aumenta la disposizione del glucosio nel tipo - 2 pazienti diabetici. Metabolismo. 2000 giugno; 49(6): 704-8.

64. Rahbar AR, Shakerhosseini R, Saadat N, Taleban F, Pordal A, Gollestan B. Effect di L-carnitina sul profilo glycemic e lipidemic del plasma in pazienti con il diabete di tipo II mellito. EUR J Clin Nutr. 2005 aprile; 59(4): 592-6.

65. Galvano F, Li Volti G, Malaguarnera m., Avitabile T, T antico, Vacante M. Effects delle simvastatine e della carnitina contro le simvastatine sulla lipoproteina (a) e sull'apoproteina (a) in diabete di tipo 2 mellito. Esperto Opin Pharmacother. 2009 agosto; 10(12): 1875-82.

66. Malaguarnera m., Vacante m., Motta m., Li Volti G, Galvano F. Effect di l-carnitina sulla dimensione delle particelle della lipoproteina a bassa densità nei pazienti melliti del diabete di tipo 2 ha trattato con le simvastatine. Metabolismo. 13 luglio 2009.

67. Solfrizzi V, Capurso C, Colacicco, et al. l'efficacia e la tollerabilità del trattamento combinato con L-carnitina e delle simvastatine nell'abbassamento del siero della lipoproteina (a) livella in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Aterosclerosi. 2006 ottobre; 188(2): 455-61.

68. Ruggenenti P, Cattaneo D, Loriga G, et al. migliorando ipertensione e insulino-resistenza negli oggetti al rischio cardiovascolare aumentato: effetti della terapia della acetile-L-carnitina. Ipertensione. 2009 settembre; 54(3): 567-74.

69. Derosa G, Cicerone AF, Gaddi A, Mugellini A, Ciccarelli L, Fogari R. L'effetto di L-carnitina sulla lipoproteina del plasma (a) livella in pazienti ipercolesterolemici con il diabete di tipo 2 mellito. Clin Ther. 2003 maggio; 25(5): 1429-39.

70. Malaguarnera m., Vacante m., Avitabile T, Cammalleri L, il completamento di Motta M.L-Carnitina riduce il colesterolo ossidato di LDL in pazienti con il diabete. J Clin Nutr. 2009 gennaio; 89(1): 71-6.

71. Turpeinen AK, Kuikka JT, Vanninen E, Yang J, Uusitupa MI. Effetto a lungo termine di acetile-L-carnitina sull'assorbimento del miocardio 123I-MIBG in pazienti con diabete. Ricerca di Clin Auton. 2000 febbraio; 10(1): 13-6.

72. Lango R, Smolenski RT, Rogowski J, et al. Propionyl-L-carnitina migliora l'emodinamica e gli indicatori metabolici di aspersione cardiaca durante l'ambulatorio coronario in pazienti diabetici. Cardiovasc droga Ther. 2005 agosto; 19(4): 267-75.

73. Greco avoirdupois, Mingrone G, Bianchi m., Ghirlanda G. Effect di propionyl-L-carnitina nel trattamento di angiopatia diabetica: studio in doppio cieco controllato contro placebo. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 1992;18(2):69-80.

74. DP di Santo ss, di Sergio N, di Luigi, et al. effetto dello SpA sui parametri funzionali e profilo ossidativo nel tipo - CUSCINETTO diabete-collegato 2. Ricerca Clin Pract del diabete. 2006 giugno; 72(3): 231-7.

75. Ragozzino G, Mattera E, Madrid E, et al. effetti di propionyl-carnitina in pazienti con il diabete di tipo 2 e malattia vascolare periferica: risultati di una prova pilota. Droghe R D. 2004; 5(4): 185-90.

76. Gentile V, Vicini P, Prigiotti G, Koverech A, osservazioni di Silverio F. Preliminary dei Di sull'uso di propionyl-L-carnitina congiuntamente a sildenafil in pazienti con disfunzione erettile e diabete. Curr Med Res Opin. 2004 settembre; 20(9): 1377-84.

77. Gentile V, Antonini G, Antonella Bertozzi m., et al. effetto di propionyl-L-carnitina, L-arginina ed acido nicotinico sull'efficacia del verdenafil nel trattamento di disfunzione erettile in diabete. Curr Med Res Opin. 2009 settembre; 25(9): 2223-8.

78. Morano S, Mandosi E, Fallarino m., et al. il trattamento antiossidante connesso con sildenafil riduce l'attivazione del monocito e gli indicatori di danno endoteliale in pazienti con disfunzione erettile diabetica: una prova alla cieca, studio controllato con placebo. EUR Urol. 2007 dicembre; 52(6): 1768-74.

79. De Grandis D, Acetile-L-carnitina di Minardi C. (levacecarnine) nel trattamento di neuropatia diabetica. Un a lungo termine, randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo. Droghe R D. 2002; 3(4): 223-31.

80. Sima aa, Calvani m., Mehra m., Amato A, acetile LCSG. la Acetile-L-carnitina migliora il dolore, la rigenerazione del nervo e la percezione vibratoria in pazienti con la neuropatia diabetica cronica: un'analisi di due ha randomizzato le prove controllate con placebo. Cura del diabete. 2005 gennaio; 28(1): 89-94.

81. Paolisso G, il SIG. di Tagliamonte, Barbieri m., et al. e-government cronico della vitamina migliora la reattività brachiale ed aumenta la concentrazione intracellulare nel magnesio nel tipo pazienti diabetici di II. J Clin Endocrinol Metab. 2000 gennaio; 85(1): 109-15.

82. Wu JH, reparto NC, Indrawan AP, et al. effetti dell'alfa-tocoferolo e completamento misto del tocoferolo sugli indicatori dello sforzo e dell'infiammazione ossidativi in diabete di tipo 2. Clin chim. 2007 marzo; 53(3): 511-9.

83. Devaraj S, Leonard S, Traber MG, il completamento del Gamma-tocoferolo di Jialal I. da solo e congiuntamente all'alfa-tocoferolo altera i biomarcatori dello sforzo e dell'infiammazione ossidativi negli oggetti con la sindrome metabolica. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2008; 44(6): 1203-8.

84. SIG. di Rizzo, Abbatecola, Barbieri m., et al. prova per gli effetti antinfiammatori dell'amministrazione combinata della vitamina E e C in persone più anziane con glucosio a digiuno alterato: impatto su azione dell'insulina. J Coll Nutr. 2008 agosto; 27(4): 505-11.

85. AL di Vincent HK, del Bourguignon cm, di Weltman, et al. effetti del completamento antiossidante sulla sensibilità dell'insulina, molecole endoteliali di adesione e sforzo ossidativo nel normale-peso ed in giovani adulti di peso eccessivo. Metabolismo. 2009 febbraio; 58(2): 254-62.

86. Rodriguez-Moran m., il completamento del magnesio del Guerrero-Romero F. Oral migliora la sensibilità dell'insulina ed il controllo metabolico nel tipo - 2 oggetti diabetici: una prova controllata della prova alla cieca randomizzata. Cura del diabete. 2003 aprile; 26(4): 1147-52.

87. Il Guerrero-Romero la F, Tamez-Perez, Gonzalez-Gonzalez G, et al. il completamento orale del magnesio migliora la sensibilità dell'insulina negli oggetti non-diabetico con insulino-resistenza. Una prova randomizzata controllata con placebo della prova alla cieca. Diabete Metab. 2004 giugno; 30(3): 253-8.

88. Canzone Y, lui K, Levitan eb, Manson JE, Liu S. Effects del completamento orale del magnesio su controllo glicemico in diabete di tipo 2: una meta-analisi delle prove controllate della prova alla cieca randomizzata. Med di Diabet. 2006 ottobre; 23(10): 1050-6.

89. Il Guerrero-Romero F, effetto di Rodriguez-Moran M. The di abbassamento della pressione sanguigna dal completamento del magnesio in adulti ipertesi diabetici con il magnesio basso del siero livella: un randomizzato, prova alla cieca, test clinico controllato con placebo. Ronzio Hypertens di J. 2009 aprile; 23(4): 245-51.

90. De Leeuw I, Engelen W, De il Block C, il completamento del magnesio di Van Gaal L. Long-term influenza favorevolmente l'evoluzione naturale della neuropatia nei pazienti diabetici MG-vuotati di tipo 1 (T1dm). Ricerca di Magnes. 2004 giugno; 17(2): 109-14.

91. Barragan-Rodriguez L, Rodriguez-Moran m., il Guerrero-Romero F. Efficacy e sicurezza del completamento orale del magnesio nel trattamento della depressione negli anziani con il diabete di tipo 2: una prova randomizzata e equivalente. Ricerca di Magnes. 2008 dicembre; 21(4): 218-23.

92. Ms di Farvid, Siassi F, Jalali m., Hosseini m., Saadat N. L'impatto del completamento del minerale e/o della vitamina sui profili del lipido in diabete di tipo 2. Ricerca Clin Pract del diabete. 2004 luglio; 65(1): 21-8.

93. Ms di Farvid, Jalali m., Siassi F, Hosseini M. Comparison degli effetti delle vitamine e/o del completamento minerale su disfunzione glomerulare e tubolare in diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2005 ottobre; 28(10): 2458-64.

94. Dou m., mA AG, Wang QZ, et al. il completamento con magnesio e vitamina E era più efficace del magnesio da solo fare diminuire la viscosità dei lipidi e del sangue del plasma in ratti diabetici. Ricerca di Nutr. 2009 luglio; 29(7): 519-24.

95. Bonnefont-Rousselot D. Il ruolo dei micronutrienti antiossidanti nella prevenzione delle complicazioni diabetiche. Ossequio Endocrinol. 2004;3(1):41-52.

96. Vendite CH, Pedrosa Lde F. Magnesium e diabete mellito: la loro relazione. Clin Nutr. 2006 agosto; 25(4): 554-62.

97. SIG. di Barbagallo m., di Dominguez LJ, di Tagliamonte, Resnick LM, Paolisso G. Effects della vitamina E e glutatione sul metabolismo del glucosio: ruolo di magnesio. Ipertensione. 1999 ottobre; 34 (4 pinte 2): 1002-6.

98. Il Guerrero-Romero F, Rodríguez-Morán M. Pioglitazone aumenta i livelli del magnesio del siero negli oggetti glucosio-intolleranti. Una prova randomizzata e controllata. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2003 aprile; 111(2): 91-6.

99. Haenni A, Ohrvall m., stato del magnesio di Lithell H. Serum durante il trattamento farmacologico di riduzione dei lipidi in pazienti diabetici non insulino dipendenti. Metabolismo. 2001 ottobre; 50(10): 1147-51.

100. Vinayagamoorthi R, Bobby Z, Sridhar MG. L'equilibrio redox della prerogativa degli antiossidanti ed inibisce la via della chinasi del c-Giugno-N-terminale mentre migliorando segnalazione dell'insulina nei ratti di grasso-federazione: prova per il ruolo dello sforzo ossidativo su fosforilazione e su insulino-resistenza della serina IRS-1. J Endocrinol. 2008 maggio; 197(2): 287-96.

101. KA di Seely, ms di Levi, Prather PL. I trans-resveratroli e la curcumina dietetici dei polifenoli legano selettivamente i ricevitori umani di cannabinoido CB1 con le affinità e la funzione nanomolar come gli antagonisti/agonisti inversi. J Pharmacol Exp Ther. 2009 luglio; 330(1): 31-9.

102. EM di Jang, ms di Choi, Jung UJ, et al. effetti benefici di curcumina su iperlipidemia e insulino-resistenza nei criceti di alto-grasso-federazione. Metabolismo. 2008 novembre; 57(11): 1576-83.

103. Ejaz A, Wu D, Kwan P, Meydani M. Curcumin inibisce il adipogenesis nei adipocytes 3T3-L1 e nell'angiogenesi e l'obesità nei topi di C57/BL. J Nutr. 2009 maggio; 139(5): 919-25.

104. Lee YK, Lee WS, Hwang JT, Dy di Kwon, Surh YJ, parco OJ. La curcumina esercita l'effetto di antidifferentiation con AMPKalpha-PPAR-gamma nei adipocytes 3T3-L1 e l'effetto antiproliferatory con AMPKalpha-COX-2 in cellule tumorali. Alimento chim. di J Agric. 14 gennaio 2009; 57(1): 305-10.

105. Ohara K, Uchida A, Nagasaka R, Ushio H, Ohshima T. Gli effetti dei derivati acidi idrossicinnamici sulla secrezione di adiponectin. Phytomedicine. 2009 marzo; 16 (2-3): 130-7.