Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista agosto 2010
Rapporti

Cibo compulsivo del bordo naturalmente
L'estratto novello della spezia mira alla neurochimica di appetito

Da Julius Goepp, MD

Il collegamento di depressione

Sulla base dei risultati del gruppo di Bourges, è stato proposto che gli estratti dello zafferano potrebbero inibire la ricaptazione della serotonina nelle sinapsi. La ricaptazione sinaptica d'inibizione della serotonina tiene più lungamente questo neurotrasmettitore d'elevamento nel cervello, migliorando i suoi effetti e combattendo la depressione. Questo meccanismo proposto è sostenuto dagli studi sugli animali recenti che dimostrano le proprietà antidepressive in estratti di parti multiple della pianta dello zafferano.27

Gli estratti dello zafferano inoltre hanno dimostrato l'efficacia nel controllo delicato per moderare la depressione e l'ansia in esseri umani 24,27-29— gli stessi disordini che determinano il cibo emozionale. Ciò permette un'alternativa novella alle droghe antidepressive.

Che cosa dovete conoscere: Estratto dello zafferano
  • Estratto dello zafferano
    I 2010 storici studiano dimostrato conclusivamente che i processi del neurochemical dietro il cibo compulsivo e la tossicodipendenza sono identici, suggerendo un intervento neurologico per controllo di appetito.
  • La droga non sicura e efficace esiste per alterare favorevole la neurochimica di appetito ed alcune, come “la palude-phen,„ sono risultato estremamente.
  • Un estratto privato di zafferano è stato indicato per ridurre gli impulsi dietro “il fra-pasto„ incontrollato che fa un spuntino sicuro e efficacemente.
  • Gli scienziati ritengono che funzioni soprattutto amplificando i livelli di serotonina, riducenti la depressione, ansia e che sollecitano la centrale al cibo compulsivo.
  • L'estratto dello zafferano è stato indicato per essere efficace quanto l'imipramina della droga di antidepressivo triciclic e la fluoxetina di SSRI (Prozac®) nel controllo depressione-con nessun effetti collaterali.
  • Mirando alla neurochimica alla radice di abittudine alimentara compulsiva, l'estratto dello zafferano serve da modo sicuro e naturale ridurre l'apporto calorico ed indurre la perdita di peso.

Gli estratti di zafferano sono stati superiore provato a placebo per gestione di delicato per moderare la depressione in una serie di test clinici controllati, producente coerente i migliori risultati sulla scala di valutazione standard della depressione di Hamilton.I 28,30 estratti dello zafferano inoltre hanno superato il placebo in uno studio relativo sulla sindrome premestruale.31 (la fase premestruale è accompagnata spesso dall'umore depresso e dal consumo eccessivo calorico.)32

Costringenti sono i dati comparativi sugli antidepressivi di prescrizione e dello zafferano. In uno studio, appena 30 mg di estratto standardizzato dello zafferano che consegna i costituenti attivi quali il safranal e la crocina hanno fornito i risultati simili a 100 mg dell'imipramina dell'antidepressivo triciclic.33 la stessa quantità di estratto dello zafferano hanno fornito i risultati identici alla fluoxetina selettiva popolare dell'inibitore di ricaptazione della serotonina (SSRI ) (Prozac®) nelle prove separate.Lo zafferano 34,35 non ha prodotto effetti collaterali, mentre gli antidepressivi hanno elaborato una lista esperta degli effetti contrari, compreso la bocca asciutta e la sedazione.32

Il cibo emozionale e compulsivo ha i legami ad ansia come pure depressione. Gli studi sugli animali indicano che il safranal possiede le proprietà ansiolitiche(dell'ansiolitico) senza colpire la coordinazione o l'attività motoria.24 un modello preclinico ha trovato che gli estratti dello zafferano erano efficaci quanto il diazepam (Valium®) a ridurre le manifestazioni di ansia.29

Un corpo complementare della ricerca indica un ruolo positivo per gli estratti dello zafferano che contengono il safranal come intervento ottimale per i fattori del ansia-centro e di sforzo nello sviluppo delle costrizioni del cibo.

Fare un spuntino abituale: Un effetto pericoloso “del movimento alternato„
Fare un spuntino abituale: Un effetto pericoloso “del movimento alternato„
Fare un spuntino non è necessariamente pericoloso. . . ma può essere. Dipende dallo spuntino. Ogni volta che ingerite i ricchi di uno spuntino in zucchero, state sottoponendo unknowingly il vostro corpo a cui i clinici chiamano “un test di tolleranza al glucosio orale.„ State disponendo una richiesta stressante sul vostro corpo per produrre gli eccessivi importi di insulina per guidare giù la punta brusca in glicemia causata dallo spuntino che avete ingerito appena. Questa punta dell'insulina poi causa un declino improvviso in glicemia livello-e negli inneschi di quel declino ancora un altro episodio di fame. Il risultato è “un movimento alternato„ reciprocamente di rinforzo degli impulsi che possono culminare in un ciclo pericoloso del cibo incontrollato. Molti mangiatori compulsivi mettono a fuoco sulla gestione del peso senza riconoscere la centralità di questo processo fisiologico estremamente nocivo alla loro sofferenza. La riduzione della vostra esposizione a queste fluttuazioni senza fine in glicemia è la chiave a prendere il controllo della vostra costrizione per mangiare. La modulazione dei fattori del neurochemical dietro fare un spuntino abituale può aiutare.

Controllo naturale di sforzo e di ansia

Trattando l'ansia con le benzodiazepine come Valium® (diazepam) può essere temporaneamente efficace, ma produce gli effetti collaterali significativi, fra loro ha alterato la memoria.36 al contrario, gli estratti dello zafferano non solo riducono la depressione e l'ansia che può condurrle ad emozionale mangiare- impedisce il danno di memoria.37 infatti, gli estratti dello zafferano sono stati indicati per migliorare la memoria.38

Controllo naturale di sforzo e di ansia

Gli scienziati hanno sviluppato una comprensione di lavoro di come lo zafferano produce questi effetti nel cervello. Gli estratti attivi di zafferano aumentano il cosiddetto potenziamento a lungo termine, l'apprendimento stante alla base e la memoria del meccanismo elettrochimico al livello cellulare.39 questo effetto si sono rivelati abbastanza potente proteggere i cervelli degli animali da esperimento da da perdita di memoria indotta da alcool.40,41 da un insieme dei meccanismi interamente differente, gli estratti dello zafferano inoltre proteggono le cellule cerebrali nella cultura da danno infiammatorio e nella morte indotta dalle citochine quale l'TNF-alfa.42

Riassunto

Interessante, gli avanzamenti nella nostra comprensione dello sforzo e l'ansia rivelano che sono accompagnati dallo sforzo ossidativo aumentato in cellule cerebrali.43 all'inizio di quest'anno, la prova scientifica è emerso indicando che lo sforzo ossidativo nel cervello è inoltre un indicatore positivo per comportamento compulsivo.44 di conseguenza, è provato che la capacità dello zafferano di limitare il cibo emozionale può essere collegata con la sua capacità antiossidante.45,46

Riassunto

I 2010 storici studiano dimostrato conclusivamente che i processi del neurochemical dietro il cibo compulsivo e la tossicodipendenza identico-stanno suggerendo un intervento neurologico novello per controllo di appetito. Mentre non sicura, la droga efficace esiste per alterare favorevole la neurochimica di appetito, un estratto privato dello zafferano è stata indicata per ridurre “il fra-pasto„ incontrollato che fa un spuntino senza effetti collaterali.

Un corpo complementare della ricerca indica un ruolo positivo per gli estratti dello zafferano che contengono il safranal come intervento ottimale per i fattori del ansia-centro e di sforzo nello sviluppo delle costrizioni del cibo.

Al centro di zafferano il potere è una capacità scientifico convalidata di amplificare i livelli di serotonina, riducenti la depressione, ansia e sollecita la centrale al cibo compulsivo. Questi effetti, stimati nella medicina persiana tradizionale e confermati da un gruppo di esplorazione dei ricercatori francesi, sono stati indicati per essere uguali nella potenza all'imipramina triciclica ed alla fluoxetina di SSRI (Prozac®) nella depressione in carico. Mirando alla neurochimica alla radice di abittudine alimentara compulsiva, l'estratto dello zafferano serve da modo sicuro e naturale ridurre l'apporto calorico ed indurre la perdita di peso.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Johnson PM, Kenny, PJ. Ricevitori della dopamina D2 nella disfunzione del tipo di dipendenza della ricompensa e nel cibo compulsivo nei ratti obesi. Nat Neurosci. 2010 maggio; 13(5): 635-41.

2. Disponibile a: http://www.sciencedaily.com/releases/2010/03/100328170243.htm. 18 maggio 2010 raggiunto.

3. Rodgers RJ, Holch P, Tallett AJ. Sequenza comportamentistica di sazietà (BSS): Separando grano dalla pula in farmacologia comportamentistica di appetito. Biochimica Behav di Pharmacol. 7 marzo 2010.

4. HM di Connolly, Crary JL, MD di McGoon, DD di Hensrud, Edwards BS, Edwards WD, alta tensione di Schaff. Valvulopatia connessa con la fenfluramine-fentermina. Med di N Inghilterra J. 28 agosto 1997; 337(9): 581-8.

5. Adamson Mw. Alimento nei periodi medievali. Pubblicazione di bosco verde e frondoso; 2004.

6. Kafi millimetro, Koocheki A, Rashed MH (eds). Produzione ed elaborazione dello zafferano (crocus sativus). Editori di scienza; 2006.

7. Fetissov COSÌ, Meguid millimetro. La consegna della serotonina nel nucleo ventromedial dell'ipotalamo colpisce il modello ed il peso corporeo diversamente d'alimentazione nei ratti obesi e magri di Zucker. Appetito. 2010 aprile; 54(2): 346-53.

8. Przegalinski E, Gołda A, Filip M. Effects dei leganti del ricevitore della serotonina (5-HT) (1B) su comportamento alla ricerca di cocaina in ratti. Rappresentante di Pharmacol. 2008 novembre-dicembre; 60(6): 798-810.

9. Breum L, Rasmussen MH, Hilsted J, Fernstrom JD. Le concentrazioni ed i rapporti nel triptofano del plasma di ventiquattro ore sono sotto il normale negli oggetti obesi e non sono normalizzati tramite perdita di peso sostanziale. J Clin Nutr. 2003 maggio; 77(5): 1112-8.

10. KA di Gendall, Joyce PR. da cambiamenti indotti da pasto in triptofano: Rapporto di LNAA: effetti sul bisogno e sul cibo di baldoria. Mangi Behav. 2000 settembre; 1(1): 53-62.

11. L'abittudine alimentara di Cangiano C, di Ceci F, di Cascino A, et al. e l'aderenza alle prescrizioni dietetiche negli oggetti adulti obesi hanno trattato con il hydroxytryptophan 5. J Clin Nutr.1992 novembre; 56(5): 863-7.

12. Cangiano C, Laviano A, Del Ben m., et al. effetti di idrossilato-triptofano orale 5 su apporto energetico e selezione macronutrient nei pazienti diabetici dipendenti dell'non insulina. Int J Obes Relat Metab Disord.1998 luglio; 22(7): 648-54.

13. Alger S, Seagle H, ingestione di cibo di Ravussin E. e dispendio energetico in bingers femminili obesi e non-bingers. Int J Obes Relat Metab Disord. 1995 gennaio; 19(1): 11-6.

14. Elfhag K, Morey LC. Tratti di personalità ed abittudine alimentara nell'obeso: autocontrollo carente nei beni di esterno ed emozionali di cibo ma di personalità nel cibo represso. Mangi Behav. 2008 agosto; 9(3): 285-93.

15. Alger S, Seagle H, ingestione di cibo di Ravussin E. e dispendio energetico in bingers femminili obesi e non-bingers. Int J Obes Relat Metab Disord. 1995 gennaio; 19(1): 11-6.

16. Konttinen H, Mannisto S, Sarlio-Lahteenkorva S, Silventoinen K, Haukkala A. Emotional che mangia, sintomi depressivi e consumo alimentare auto-riferito. Uno studio basato sulla popolazione. Appetito. 4 febbraio 2010.

17. van Strien T, van der Zwaluw CS, Engels RC. Cibo emozionale negli adolescenti: Un gene (SLC6A4/5-HTT) - analisi d'interazione depressiva di sensibilità. Ricerca di J Psychiatr. 21 aprile 2010.

18. Clarke H, silice J, Attwood COME, sig. di Munafo. Associazione dei 5 - genotipo di HTTLPR e depressione unipolare: una meta-analisi. Med di Psychol. 12 aprile 2010: 1-12.

19. Furman DJ, Hamilton JP, Joormann J, Gotlib IH. Sincronizzazione Altered dell'attivazione dell'amigdala durante l'elaborazione triste di umore in funzione di 5-HTTLPR. Influenza Neurosci del Soc Cogn. 1° aprile 2010.

20. Brocke B, Armbruster D, Muller J, et al. la variazione del gene del trasportatore della serotonina urta l'elaborazione innata di timore: Acustico faccia sussultare la risposta ed emozionale faccia sussultare. Mol Psychiatry. 2006 dicembre; 11(12): 1106-12.

21. Hemels ME, Koren G, Einarson TR. Uso aumentato degli antidepressivi nel Canada: 1981-2000. Ann Pharmacother. 2002 settembre; 36(9): 1375-9.

22. Zimmerman m., Galione JN, Attiullah N, et al. Underrecognition degli effetti collaterali clinicamente significativi in pazienti esterni depressi. Psichiatria di J Clin. 2010 aprile; 71(4): 484-90.

23. Lee KU, Lee YM, Nam JM, et al. da disfunzione sessuale indotta da antidepressivo fra i più nuovi antidepressivi in una regolazione naturalistica. Psichiatria Investig. 2010 marzo; 7(1): 55-9.

24. Hosseinzadeh H, Noraei N.B.:. Ansiolitico ed effetto ipnotico dell'estratto acquoso di crocus sativus e dei suoi costituenti, crocina e safranal, in topi. Ricerca di Phytother. 2009 giugno; 23(6): 768-74.

25. Noury J, di Bourges C. Enquête del sur dell'impact du complément del alimentaire SATIEREAL del chez del DES dei femmes del une di tendance del à del l'hyperphagie del réflexe pathologique ayant non: Nutraveris; 2006.

26. Gotta B, Bourges C. Efficacy e sicurezza di un completamento orale di otto settimane con un estratto del marchio di infamia di crocus sativus su perdita di peso, sazietà e riduzione fare un spuntino: un futuro, randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo in donne in buona salute con sovrappeso moderato. In stampa. 2010.

27. Wang Y, Han T, Zhu Y, et al. proprietà antidepressive delle frazioni bioactive dall'estratto di crocus sativus L.J Nat Med. 2010 gennaio; 64(1): 24-30.

28. Moshiri E, Basti aa, Noorbala aa, Jamshidi AH, Hesameddin Abbasi S, crocus sativus L. (petalo) di Akhondzadeh S. nel trattamento della depressione del delicato--moderato: una prova randomizzato e controllato con placebo della prova alla cieca. Phytomedicine. 2006 novembre; 13 (9-10): 607-11.

29. Pitsikas N, Boultadakis A, Georgiadou G, PA di Tarantilis, Sakellaridis N. Effects dei costituenti attivi del crocus sativus L., crocine, in un modello animale di ansia. Phytomedicine. 2008 dicembre; 15(12): 1135-9.

30. Akhondzadeh S, Tahmacebi-versa la N, Noorbala aa, et al. crocus sativus L. nel trattamento di delicato per moderare la depressione: una prova randomizzato e controllato con placebo della prova alla cieca. Ricerca di Phytother. 2005 febbraio; 19(2): 148-51.

31. Agha-Hosseini m., Kashani L, Aleyaseen A, et al. crocus sativus L. (zafferano) nel trattamento della sindrome premestruale: una prova ripartita con scelta casuale e controllata con placebo della prova alla cieca. BJOG. 2008 marzo; 115(4): 515-9.

32. Tintura L, Blundell JE. Controllo di appetito e del ciclo mestruale: implicazioni per il regolamento del peso. Ronzio Reprod. 1997 giugno; 12(6): 1142-51.

33. Akhondzadeh S, Fallah-versa la H, Afkham K, Jamshidi AH, Khalighi-Cigaroudi F. Comparison del crocus sativus L. e l'imipramina nel trattamento di delicato per moderare la depressione: una prova randomizzata della prova alla cieca pilota [ISRCTN45683816]. Med di Altern del complemento di BMC. 2 settembre 2004; 4:12.

34. Noorbala aa, Akhondzadeh S, Tahmacebi-versa la N, Jamshidi AH. Estratto idroalcolico di crocus sativus L. contro fluoxetina nel trattamento di delicato per moderare depressione: una prova alla cieca, prova pilota randomizzata. J Ethnopharmacol. 28 febbraio 2005; 97(2): 281-4.

35. Akhondzadeh Basti A, Moshiri E, Noorbala aa, Jamshidi AH, Abbasi SH, Akhondzadeh S. Comparison del petalo del crocus sativus L. e fluoxetina nel trattamento dei pazienti esterni depressi: una prova randomizzata della prova alla cieca pilota. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 30 marzo 2007; 31(2): 439-42.

36. Uzun S, Kozumplik O, Jakovljevic m., effetti collaterali di Sedic B. del trattamento con le benzodiazepine. Psychiatr Danub. 2010 marzo; 22(1): 90-3.

37. Pitsikas N, gli estratti di crocus sativus L. di Sakellaridis N. si contrappone ai danni di memoria nelle mansioni comportamentistiche differenti nel ratto. Behav Brain Res. 2 ottobre 2006; 173(1): 112-5.

38. PA di Pitsikas N, di Zisopoulou S, di Tarantilis, CD di Kanakis, Polissiou MG, Sakellaridis N. Effects dei costituenti attivi del crocus sativus L., crocine su riconoscimento e la memoria dei ratti spaziali. Behav Brain Res. 2 novembre 2007; 183(2): 141-6.

39. Lui WB, Zhang JL, Xue W, Hu JF, DH di Wu, Chen NH. Confronto dell'azione dell'estratto del metanolo e del isolichenin di zafferano su potenziamento a lungo termine in circonvoluzione dentata hippocampal in vivo. Yao Xue Xue Bao. 2009 agosto; 44(8): 858-62.

40. Abe K, Saito H. Effects dell'estratto dello zafferano e della sua crocina costituente su comportamento di apprendimento e su potenziamento a lungo termine. Ricerca di Phytother. 2000 maggio; 14(3): 149-52.

41. Zhang Y, Shoyama Y, Sugiura m., Saito H. Effects del crocus sativus L. dal sul danno indotto da etanolo delle prestazioni passive di evitare in topi. Toro di biol Pharm. 1994 febbraio; 17(2): 217-21.

42. Soeda S, Ochiai T, Paopong L, Tanaka H, Shoyama Y, Shimeno H. Crocin sopprime dalla la morte indotta da fattore delle cellule di necrosi del tumore delle cellule neuronally differenziate PC-12. Vita Sci. 2 novembre 2001; 69(24): 2887-98.

43. Sforzo di Bouayed J, di Rammal H, di Soulimani R. Oxidative ed ansia: Relazione e vie cellulari. Oxid Med Cell Longev. 2009 aprile; 2(2): 63-7.

44. Behl A, swami G, Sircar ss, ms di Bhatia, Banerjee BD. Relazione tra gli indicatori biochimici in relazione con lo sforzo possibili e stato ossidativo/antiossidante nel disordine ossessivo. Neuropsychobiology. 2010;61(4):210-4.

45. Premkumar K, Abraham SK, st di Santhiya, effetti di Ramesh A. Protective di zafferano (crocus sativus Linn.) dallo sullo sforzo ossidativo indotto genotoxins nei topi svizzeri dell'albino. Ricerca di Phytother. 2003 giugno; 17(6): 614-7.

46. Ochiai T, Ohno S, Soeda S, Tanaka H, Shoyama Y, Shimeno H. Crocin impedisce la morte delle cellule di pheochromyctoma del ratto (PC-12) dai suoi effetti antiossidanti più forti di quelli dell'alfa-tocoferolo. Neurosci Lett. 13 maggio 2004; 362(1): 61-4.