Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2010
Rapporti

Assorbimento del blocco dei carboidrati dell'uccisore


Da Julius Goepp, MD

Estratti dell'alga

Gli estratti da parecchie specie dell'alga (realmente le alghe complesse conosciute come fuco) sono inibitori potenti di amilasi e di un altro enzima digestivo chiamati alfa-glucosidasi. Sono risultato essere mezzi redditizi di impedire la progressione del diabete nei modelli preclinici.41 in particolare, gli estratti di fucus vesiculosus e l'ascophyllum nodosum sono conosciuti per aiutare la glicemia più bassa in animali normali e diabetici.42,43

Uno studio dettagliato recente sugli estratti contenenti composti di un'alga sia dal Fucus che dal Ascophyllum offre le comprensioni nei loro meccanismi e benefici. La combinazione è stata data ai ratti del laboratorio prima di un pasto con un alto indice glycemic.44 tali pasti producono tipicamente un aumento rapido sia nei livelli dell'insulina che del glucosio nel sangue, con una goccia ugualmente rapida in 60 minuti. La punta del glucosio contribuisce ad eccessiva formazione di prodotti finiti avanzati pericolosi di glycation (età). La punta dell'insulina contribuisce a glicemia paradossalmente bassa a circa 90 minuti, che possono creare una sensazione di fame, richiamanti il consumo alimentare in eccesso.

La combinazione dell'alga ha tagliato le punte postprandiali dello zucchero da 90% rispetto agli animali non trattati.44 che a loro volta ha ridotto la punta dell'insulina di 40%, che completamente ha eliminato il periodo di glicemia bassa che ha seguito il pasto in ratti non trattati.

In risposta a questa combinazione dell'alga, i profili postprandiali dell'insulina e del glucosio sono stati modificati ai livelli che somigliano ai pasti con un carico glycemic molto più basso. La glicemia è aumentato più lentamente, ha raggiunto un più breve e livello di punta più modesto e poi è diminuito gradualmente senza mai “basare fuori„ anormalmente ad un a basso livello.

Un test clinico umano recentemente completato ha fornito i risultati similmente di promessa. In questo randomizzato, l'incrocio, controllato con placebo, studi della prova alla cieca intrapresi a Laval University, 23 volontari sani ha consumato 500 mg di combinazione del Fucus-Ascophyllum con un pasto alto-glycemic di indice di pane bianco. La combinazione dell'alga ha prodotto un rapporto di riproduzione di 44% della risposta glycemic che segue normalmente l'ingestione di un tal pasto. La combinazione dell'alga inoltre ha prodotto un rapporto di riproduzione di 22% della produzione iniziale dell'insulina che segue il pasto e una riduzione globale 5,9% dell'area sotto la curva della risposta dell'insulina. I risultati di studio saranno presentati alla riunione sperimentale di biologia a Anaheim nell'aprile 2010.45

I risultati suggeriscono che in esseri umani, il composto del Fucus-Ascophyllum possa condurre a sazietà più iniziale, intervalli più lunghi fra i pasti, meno stimoli a fare un spuntino ed abbassi l'assunzione totale di caloria.

Estratto del tè verde

Sollevare il tasso metabolico basale è un altro efficace meccanismo per lo sfalsamento dell'assunzione in eccesso del carboidrato. L'estratto del tè verde amplifica il metabolismo “di riposo„ inibendo un enzima chiamato transferasi dei catecol-O-metile o COMT che ripartono la noradrenalina, un ormone del tipo di adrenalina che sostiene la produzione di energia.55 che i livelli elevati risultanti di attività metabolica contribuiscono a dissiparsi le calorie in eccesso.56

In un grande test clinico, un estratto phytosome brevettato del tè verde ha prodotto la perdita di peso eccezionale in individui obesi. Gli oggetti completati hanno perso quasi 31 libbra oltre 3 mesi, mentre i comandi hanno perso appena 11 libbra!57 entrambi i gruppi hanno seguito una dieta ipocalorica. Gli studi multipli degli adulti di peso eccessivo ed obesi indicano che gli estratti del tè verde possono ridurre il colesterolo grasso come pure totale addominale, LDL ed i livelli di digiuno del trigliceride.58,59

Il tè verde fornisce un altro beneficio nel contribuire ad alleviare il carico metabolico imposto da ingestione in eccesso di caloria. È stato indicato per inibire l'enzima digestivo della lipasi che riparte i grassi dietetici per assorbimento nel sangue.60

Riassunto

Approssimativamente 1 in 5 Americani è pre-diabetico, un risultato del consumo in eccesso di caloria e invecchiamento normale. La sucrasi, amilasi e la glucosidasi è enzimi digestivi che ripartono i carboidrati e lipasi è un enzima digestivo che riparte grasso, facilitante l'assorbimento delle calorie in eccesso nel sangue.

Mentre gli esseri umani invecchiano, l'impatto di sovraccarico calorico cronico permesso a da questi enzimi digestivi può condurre ad una matrice delle circostanze pericolose che variano dall'alte glicemia ed insulina al diabete di tipo 2, all'obesità ed alla sindrome metabolica.

I composti naturali sono stati indicati efficacemente per inibire questi enzimi digestivi e per impedire l'assorbimento del carboidrato in eccesso. l'L-arabinosio neutralizza la sucrasi, riducente l'assorbimento dello zucchero (come saccarosio) nel sangue. Gli estratti di fagiolo bianco, di irvingia gabonensis e di alghe sicure bloccano l'attività della glucosidasi e dell'amilasi, ulteriore riducendo il numero delle calorie ingerite del carboidrato che sono assorbite. L'estratto del tè verde o nero può contribuire a ridurre l'attività di lipasi, un enzima digestivo che gli aiuti ripartono il grasso nel tratto gastrointestinale.

Questi composti naturali sono stati indicati efficacemente più in basso ad assorbimento in eccesso di caloria mentre riducono le punte postprandiali della glicemia e della lipemia (del post-pasto) (trigliceride).

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/DM/PUBS/statistics/#youngpeople. 30 novembre 2009 raggiunto.

2. Bischoff H. Pharmacology di inibizione dell'alfa-glucosidasi. L'EUR J Clin investe. 1994 agosto; 24 supplementi 3:3-10.

3. Erkkola m., Kronberg-Kippila C, Kyttala P, et al. saccarosio nella dieta dei bambini finlandesi di 3 anni: fonti, fattori determinanti ed impatto su alimento e sull'assunzione degli elementi nutritivi. Br J Nutr. 2009 aprile; 101(8): 1209-17.

4. Ruottinen S, Niinikoski H, Lagstrom H, et al. alta assunzione del saccarosio è associato con qualità scadente della dieta e della crescita fra 13 mesi e 9 anni: il progetto speciale di intervento di fattore di rischio coronarico di Turku. Pediatrics.2008 giugno; 121(6): e1676-85.

5. Vorster HH, van Tonder E, Kotze JP, camminatore AR. Effetti delle aggiunte classificate del saccarosio sulla preferenza di gusto, sull'accettabilità, sull'indice glycemic e sulla risposta dell'insulina ai fagioli di Lima. J Clin Nutr. 1987 marzo; 45(3): 575-9.

6. Ludwig DS, Majzoub JA, Al-Zahrani A, Dallal GE, Blanco I, SB di Roberts. Alti alimenti glycemic, eccesso di cibo ed obesità di indice. Pediatrics.1999 marzo; 103(3): E26.

7. Van Wymelbeke V, Beridot-Therond ME, de La Gueronniere V, Fantino M. Influence di consumo ripetuto di bevande che contenente saccarosio o i dolcificanti intensi sull'ingestione di cibo. EUR J Clin Nutr. 2004 gennaio; 58(1): 154-61.

8. Il RH di Striegel-Moore, Thompson la D, SG di Affenito, et al. correla dell'assunzione della bevanda in ragazze adolescenti: il cuore, il polmone e la crescita dell'istituto del sangue e lo studio nazionali di salute. J Pediatr. 2006 febbraio; 148(2): 183-7.

9. Il JUNIOR di Palmer, Boggs DA, Krishnan la S, Hu il FB, Cantante la m., Rosenberg L. Zucchero-ha zuccherato le bevande e l'incidenza del diabete di tipo 2 mellito in donne afroamericane. Med dell'interno dell'arco. 28 luglio 2008; 168(14): 1487-92.

10. Selezionare KS, Neil ha, Gilbert m., Frayn KN. Gli effetti di basso a breve termine e del alto-carboidrato è a dieta su metabolismo postprandiale negli oggetti non-diabetico e diabetici. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2009 giugno; 19(5): 345-51.

11. Seri K, Sanai K, Matsuo N, Kawakubo K, Xue C, L-arabinosio di Inoue S. inibisce selettivamente la sucrasi intestinale in un modo non competitivo e sopprime la risposta glycemic dopo ingestione del saccarosio in animali. Metabolismo. 1996 novembre; 45(11): 1368-74.

12. Osaki S, Kimura T, Sugimoto T, Hizukuri S, alimentazione dell'L-arabinosio di Iritani N. impedisce gli aumenti dovuto saccarosio dietetico in enzimi lipogenic ed i livelli del triacilglicerolo in ratti. J Nutr. 2001 marzo; 131(3): 796-9.

13. HG di Preuss, Echard B, Bagchi D, Stohs S. Inhibition dalle sostanze dietetiche naturali di assorbimento gastrointestinale di amido e di saccarosio in ratti ed in maiali: 1. Studi acuti. Int J Med Sci. 2007;4(4):196-202.

14. HG di Preuss, Echard B, Bagchi D, Stohs S. Inhibition dalle sostanze dietetiche naturali di assorbimento gastrointestinale di amido e di saccarosio in ratti 2. studi subcronici. Int J Med Sci. 2007;4(4):209-15.

15. Terpilowska S, Zaporowska H. Il ruolo di cromo nella biologia cellulare e nella medicina. Lek di Przegl. 2004; 61 3:51 del supplemento - 4.

16. Il CL di Broadhurst, Domenico P. Clinical studia sul completamento del picolinate del cromo nell'esame mellito-un del diabete. Diabete Technol Ther. Dicembre 2006 dicembre; 8(6): 677-87.

17. EM dell'ostacolo, Tatsioni A, Lichtenstein AH, Lau J, Pittas AG. Effetto del completamento del cromo sul metabolismo e sui lipidi del glucosio: una rassegna sistematica delle prove controllate randomizzate. Cura del diabete. 2007 agosto; 30(8): 2154-63.

18. Mosca m., Boniglia C, Carratu B, Giammarioli S, Nera V, Sanzini E. Determination di attività dell'inibitore dell'alfa amilasi del phaseolamin dal fagiolo nano (phaseolus vulgaris) negli integratori alimentari da HPAEC-PAD. Acta anale di Chim. 9 giugno 2008; 617 (1-2): 192-5.

19. WC di Obiro, Zhang T, ruolo nutraceutical di Jiang B. The dell'inibitore dell'alfa amilasi del phaseolus vulgaris. Br J Nutr. 2008 luglio; 100(1): 1-12.

20. Strato P, Zinsmeister AR, PE di DiMagno. Effetti di fare diminuire attività di amilasi intraluminale su digestione dell'amido e funzione gastrointestinale postprandiale in esseri umani. Gastroenterology.1986 luglio; 91(1): 41-8.

21. Santoro LG, Grant G, Pusztai A. Effects di alimentazione a breve termine dei ratti con una preparazione altamente purificata di phaseolina. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 1997;51(1):61-70.

22. Pusztai A, Grant G, WC di Buchan, Bardocz S, de Carvalho AF, interruttore di Ewen. L'accumulazione del lipido nei ratti obesi di Zucker è ridotta tramite l'inclusione del fagiolo nano crudo (phaseolus vulgaris) nella dieta.

Br J Nutr. 1998 febbraio; 79(2): 213-21.

23. Tormo mA, Gil-Exojo I, Romero de Tejada A, Campillo JE. L'inibitore dell'amilasi del fagiolo bianco amministrato oralmente riduce la glicemia nel tipo - 2 ratti diabetici. Br J Nutr. 2006 settembre; 96(3): 539-44.

24. Fantini N, Cabras C, Lobina C, et al. riducente effetto di un estratto secco del phaseolus vulgaris sull'ingestione di cibo, il peso corporeo e glycemia in ratti. Alimento chim. di J Agric. 14 ottobre 2009; 57(19): 9316-23.

25. Udani JK, BB di Singh, Barrett ml, HG di Preuss. Abbassando l'indice glycemic di pane bianco facendo uso di un estratto del fagiolo bianco. Nutr J. 2009; 8:52.

26. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: un test clinico facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

27. Celleno L, Tolaini sistemi MV, D'Amore A, Perricone NV, HG di Preuss. Un integratore alimentare che contiene l'estratto standardizzato del phaseolus vulgaris influenza la composizione corporea degli uomini e delle donne di peso eccessivo. Int J Med Sci. 2007;4(1):45-52.

28. Udani J, BB di Singh. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: un test clinico facendo uso di un proprietario ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Med di salute di Altern Ther. 2007 luglio-agosto; 13(4): 32-7.

29. Studi sulla tossicità di Chokshi D. di Blockal, un integratore alimentare che contiene il neutralizzatore dell'amido di fase 2 (fase 2), un estratto standardizzato del fagiolo nano bianco comune (phaseolus vulgaris). Int J Toxicol. 2006 settembre-ottobre; 25(5): 361-71.

30. Deglaire A, Moughan PJ, Bos C, l'estratto del phaseolus vulgaris di D. Commercial del tomo (tappo dell'amido) aumenta le perdite della proteina grezza e dell'aminoacido endogeno ileale nel ratto crescente. Alimento chim. di J Agric. 12 luglio 2006; 54(14): 5197-202.

31. Omoruyi F, Adamson I. Digestive e gli enzimi epatici da in ratti diabetici indotti streptozotocin hanno alimentato i supplementi di dikanut (irvingia gabonensis) e di cellulosa. Ann Nutr Metab. 1993;37(1):14-23.

32. Adamson I, Okafor C, atpasi della membrana di Abu-Bakare A. Erythrocyte in diabete: effetto di dikanut (irvingia gabonensis). Enzima. 1986;36(3):212-5.

33. Adamson I, Okafor C, Abu-Bakare A. Un supplemento di Dikanut (gabonesis di Irvingia) migliora il trattamento di tipo diabetici di II. Med ad ovest di Afr J. 1990 aprile-giugno; 9(2): 108-15.

34. Ngondi JL, Oben JE, SR di Minka. L'effetto dei semi dell'irvingia gabonensis sul peso corporeo e dei lipidi del sangue degli oggetti obesi nel Camerun. Salute DIS dei lipidi. 2005;4:12.

35. Oben JE, Ngondi JL, CN di Momo, Agbor GA, CS di Sobgui. L'uso dei quadrangularis di un Cissus/combinazione dell'irvingia gabonensis in gestione di perdita di peso: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 2008;7:12.

36. Ngondi JL, Etoundi BC, CB di Nyangono, Mbofung cm, Oben JE. IGOB131, un estratto novello del seme dell'irvingia gabonensis dell'Africa Occidentale della pianta, riduce significativamente il peso corporeo e migliora i parametri metabolici in esseri umani di peso eccessivo in una ricerca controllata placebo randomizzato della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 2009;8:7.

37. Oben JE, Ngondi JL, Blum K. Inhibition dell'estratto del seme dell'irvingia gabonensis (OB131) sul adipogenesis come mediato via giù il regolamento dei geni di leptina e di PPARgamma ed il su-regolamento del gene di adiponectin. Salute DIS dei lipidi. 2008;7:44.

38. Cetinalp-Demircan P, Bekpinar S, Gurdol F, Orhan Y. Adiponectin è un collegamento fra infiammazione, insulino-resistenza ed il colesterolo della lipoproteina ad alta densità ma non è associato con attività di paraoxonase in donne premenopausa. J Clin Hypertens (Greenwich). 2009 novembre; 11(11): 672-7.

39. Fontana L, Klein S, JO di Holloszy. Gli effetti della restrizione e della resistenza a lungo termine di caloria si esercitano su tolleranza al glucosio, su azione dell'insulina e su produzione di adipokine. Età (Dordr). 11 novembre 2009.

40. Stenholm S, Koster A, vicolo DE, et al. Adipocytokines e la sindrome metabolica fra le persone più anziane con e senza obesità - lo studio di InCHIANTI. Clin Endocrinol (Oxf). 31 ottobre 2009.

41. Iwai K. Antidiabetic ed effetti antiossidanti dei polifenoli in stolonifera di Ecklonia dell'alga bruna in KK-A geneticamente diabetico (y) topi. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 2008 dicembre; 63(4): 163-9.

42. Lamela m., Anca J, Villar R, Otero J, Calleja JM. Attività ipoglicemica di parecchi estratti dell'alga. J Ethnopharmacol. 1989 novembre; 27 (1-2): 35-43.

43. Zhang J, cultivatore C, Shen J, et al. proprietà antidiabetiche delle frazioni polifenolico-arricchito e del polisaccaride dall'ascophyllum nodosum dell'alga bruna. Può J Physiol Pharmacol. 2007 novembre; 85(11): 1116-23.

44. Dati di InnoVactiv, Inc. sull'archivio.

45. Disponibile a: http://www.naturalproductsinsider.com/news/2009/12/insea2-reduces-glycemic-response.aspx#. 2 dicembre 2009 raggiunto.

46. Stulc T, trattamento di Cecka R. Lipid-lowering nella sindrome metabolica. Lek di Vnitr. 2009 luglio-agosto; 55 (7-8): 626-30.

47. Andel m., Polák J, Kraml P, Dlouhý P, infiammazione delicata di Stich V. Chronic collega l'obesità, la sindrome metabolica, l'aterosclerosi ed il diabete. Lek di Vnitr. 2009 luglio-agosto; 55 (7-8): 659-65.

48. Hano T, Nishio I. Treatment di ipertensione nei pazienti con obesità. Il Giappone Rinsho. 2001 maggio; 59(5): 973-7.

49. Sensibilità di Kopf D, di Muhlen I, di Kroning G, di Sendzik I, di Huschke B, di Lehnert H. Insulin ed escrezione del sodio nella molla fuori normotesa ed in pazienti ipertesi. Metabolismo. 2001 agosto; 50(8): 929-35.

50. Noda m., Matsuo T, Nagano-Tsuge H, et al. partecipazione di angiotensina II nella progressione della lesione renale in ratti con i diabeti melliti non insulino-dipendenti genetici (ratti grassi di Wistar). Jpn J Pharmacol. 2001 aprile; 85(4): 416-22.

51. RA di Hegele. Aterosclerosi prematura connessa con insulino-resistenza monogenic. Circolazione. 8 maggio 2001; 103(18): 2225-9.

52. Katz COME, CC di Goff, SR di Feldman. Acanthosis nigricans in pazienti obesi: Presentazioni ed implicazioni per la prevenzione della malattia vascolare aterosclerotica. Dermatol J. online 2000 settembre; 6(1): 1.

53. Insulina di Kaaks R. Plasma, IGF-I e cancro al seno. Gynecol Obstet Fertil. 2001 marzo; 29(3): 185-91.

54. TI di Nilsen, Vatten LJ. Studio prospettivo del rischio e attività fisica di cancro colorettale, diabete, glicemia e BMI: esplorazione dell'ipotesi di iperinsulinemia. Cancro del Br J. 2 febbraio 2001; 84(3): 417-22.

55. Dulloo AG, Seydoux J, Girardier L, Chantre P, tè verde di Vandermander J. e termogenesi: interazioni fra i catechina-polifenoli, la caffeina e l'attività comprensiva. Int J Obes Relat Metab Disord. 2000 febbraio; 24(2): 252-8.

56. Diepvens K, Westerterp K R, sig.ra di Westerterp-Plantenga. L'obesità e la termogenesi si sono riferite al consumo di caffeina, di efedrina, di capsaicina e di tè verde. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2007 gennaio; 292(1): R77-85.

57. Di Pierro F, Menghi ab, Barreca A, Lucarelli m., Calandrelli A. Greenselect Phytosome come aggiunta ad una dieta ipocalorica per il trattamento di obesità: un test clinico. Altern Med Rev. 2009 giugno; 14(2): 154-60.

58. Maki KC, ms di Reeves, agricoltore m., et al. consumo della catechina del tè verde migliora la perdita grassa addominale indotta dall'esercizio in adulti di peso eccessivo ed obesi. J Nutr. 2009 febbraio; 139(2): 264-70.

59. Tsai CH, WC di Chiu, Yang NC, Ouyang cm, Yen YH. Una formula novella della sostituzione del pasto del tè verde per perdita di peso fra gli individui obesi: una biochimica controllata randomizzata di clinica J Nutr. 2000 gennaio; 11(1): 45-51.

60. Juhel C, Armand m., Pafumi Y, C più ottimistica, Vandermander J, l'estratto del tè verde di Lairon D. (AR25) inibisce la lipolisi dei trigliceridi in in vitro medio gastrico e duodenale. Alimento Sci Nutr di Int J. 7 settembre 2009: 1-9.