Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2010
Rapporti

Danno mitocondriale inverso
Stimolatori molecolari potenti per salute per tutta la vita


Da Julius Goepp, MD

Un coenzima complementare

L'acido lipoico è un composto naturale trovato in mitocondri. Come CoQ10, è un coenzima richiesto per la funzione adeguata della catena di energia mitocondriale.L'acido lipoico 4 direttamente aumenta la produzione di ATP in mitocondri.79 modelli clinici indicano che l'acido lipoico può servire da difesa prima linea per le malattie che comprendono l'utilizzazione alterata di energia, compreso il diabete ed il danno del nervo connesso con.80-82

l'acido R-alfa-lipoico è la forma più bioactive di lipoico acido-e di attivatore potente dei complessi mitocondriali di energia.83,84 studi negli animali di invecchiamento sostengono l'uso di acido R-alfa-lipoico migliorare la funzione mitocondriale, fanno diminuire il danno ossidativo ed aumentano il tasso metabolico, che sono altrimenti alterati con invecchiamento.4

Un coenzima complementare

l'acido R-alfa-lipoico è stato efficace provato nella riduzione dei sintomi della neuropatia diabetica, senza reazioni avverse significative.81,85 inoltre aumenta la velocità della conduzione del nervo nella gente con la neuropatia diabetica, cruciale alla segnalazione migliore del nervo.86 esperti attribuiscono questi effetti all'ossidazione grassa diminuita in membrane di cellule nervose ed ai miglioramenti nel rifornimento di sangue locale intorno ai nervi derivando dal funzionamento mitocondriale migliore.87,88

l'acido R-alfa-lipoico visualizza molti effetti protettivi. Inverte l'aumento relativo all'età nel danno delle cellule di fegato causato dalle tossine esogene, contribuenti a proteggere la funzione epatica.89 impedisce alle cellule cerebrali di essere vuotate del glutatione riduttore antiossidante naturale, un antiossidante intracellulare importante nel corpo. La carenza di glutatione riduttore può predisporre la gente ad insufficienza epatica, alla malattia del Parkinson e ad altre circostanze neurodegenerative.90,91 una dose terapeutica di 600 mg/giorno anche contribuiti per alleviare osservazione di tassi-un di attacco di emicrania che può sostenere la teoria che le emicranie possono parzialmente essere causate dalla funzione mitocondriale alterata.92

Poichè potreste prevedere di un ripetitore mitocondriale di energia, l'acido lipoico può anche svolgere un ruolo nel contribuire ad evitare la malattia cardiovascolare. Tre mesi del completamento acido lipoico hanno fornito il sollievo dal dolore ai pazienti la malattia vascolare periferica (PVD), estendente il tempo che potrebbero camminare prima che il dolore occurred.93 combinasse la terapia con rilassamento migliore acetile-L-carnitina del vaso sanguigno ed il flusso sanguigno, mentre riduce la pressione sanguigna, in pazienti con l'arteria coronaria disease.94 ed il completamento combinato fosse un'idea molto buona, poichè vederemo dopo.

Il vostro Grasso-bruciatore mitocondriale

la L-carnitina è una molecola richiesta per gli acidi grassi d'aiuto del trasporto nei mitocondri, in cui possono essere bruciati come combustibile. la Acetile-L-carnitina (ALC) è la forma di carnitina assorbente ottimamente con la consegna orale. Inoltre è stato indicato per amplificare la salute mitocondriale, facilitante la consegna del combustibile alla catena di trasporto dell'elettrone, in cui i supplementi come CoQ10, shilajit ed acido lipoico assumono la direzione di.

Il vostro Grasso-bruciatore mitocondriale

I livelli totali della carnitina diminuiscono con l'età, un declino che può anche essere accelerato dall'eccesso di cibo e dal diabete.95 come con altri ottimizzatori mitocondriali di energia, il completamento di ALC possiede i benefici distinti attraverso i numerosi sistemi fisiologici.96

Un esame degli studi clinici indica che ALC può rallentare il corso naturale del morbo di Alzheimer.97 ha aumentato sostanzialmente le risposte dei pazienti del morbo di Alzheimer a trattamento farmacologico, 38% - 50% in uno studio.98 ALC inoltre proteggono il tessuto cerebrale dagli effetti distruttivi di ipossia (ossigeno basso), sostenendo il metabolismo cellulare.99 ALC ed attività mitocondriale vuotata parzialmente ristabilita acida lipoica del cervello di completamento in ratti invecchiati a quella di giovani adulti.100

La combinazione di ALC con acido lipoico ha migliorato la funzione conoscitiva in un modello del topo del morbo di Alzheimer.101 ALC da solo ha esibito gli effetti potenti, ristabilenti il metabolismo energetico cardiaco degli animali di invecchiamento a quello di giovani adulti.102 congiuntamente ad acido lipoico, gli aiuti di ALC mantengono la funzione di muscolo del cuore negli animali di invecchiamento pure.103

Riassunto

La disfunzione mitocondriale è collegata a una vasta gamma di malattia degenerante, dal diabete e dai disturbi neurologici alla malattia cardiaca. I ricercatori hanno scoperto che quello mitocondriale relativo all'età disfunzione-che può infine condurre a danno ed alla cellula del DNA morte-può essere impedito e perfino essere invertito. La chiave si trova presto dentro ed interventi continui che sostengono la salute e la funzione mitocondriali ottimali. CoQ10 nella sua forma superiore come ubiquinol può ristabilire la funzione mitocondriale. Lo shilajit organico di adaptogen agisce nella sinergia con il ubiquinol, ulteriore funzione mitocondriale di miglioramento. l'acido e la acetile-L-carnitina R-alfa-lipoici sono stati indicati negli studi clinici per fornire il supporto mitocondriale supplementare.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Conley CE di KE, Amara, Jubrias SA, Marcinek DJ. Funzione, tipi della fibra ed invecchiamento mitocondriali: nuove comprensioni dal muscolo umano in vivo. Exp Physiol. 2007 marzo; 92(2): 333-9.

2. Lesnefsky EJ, Moghaddas S, Tandler B, Kerner J, CL di Hoppel. Disfunzione mitocondriale nella malattia cardiaca: ischemia-riperfusione, invecchiamento e infarto. J Mol Cell Cardiol. 2001 giugno; 33(6): 1065-89.

3. Disfunzione di Conley KE, di Marcinek DJ, di Villarin J. Mitochondrial ed età. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2007 novembre; 10(6): 688-92.

4. Hagen TM, Ingersoll RT, Lykkesfeldt J, et al. (R) - vecchi ratti integrati con acido alfa-lipoici ha migliorato la funzione mitocondriale, danno ossidativo in diminuzione ed ha aumentato il tasso metabolico. FASEB J. 1999 febbraio; 13(2): 411-8.

5. Shigenaga Mk, Hagen BN di TM, Ames. Danno ossidativo e decadimento mitocondriale nell'invecchiamento. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 8 novembre 1994; 91(23): 10771-8.

6. Genova ml, passo millimetro, Bernacchia A, et al. La produzione mitocondriale delle specie reattive dell'ossigeno relativamente ad invecchiamento ed a patologia. Ann N Y Acad Sci. 2004 aprile; 1011:86-100.

7. Sforzo di Sohal RS, di Weindruch R. Oxidative, restrizione calorica e invecchiamento. Scienza. 5 luglio 1996; 273(5271): 59-63.

8. Hagen TM, Yowe DL, Bartholomew JC, et al. decadimento mitocondriale in epatociti dai vecchi ratti: declini di potenziale di membrana, eterogeneità ed aumento degli ossidanti. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 1° aprile 1997; 94(7): 3064-9.

9. Sanz N, Diez-Fernandez C, Alvarez A, modifiche Età-dipendenti di Cascales M. in sistemi di difesa dell'antiossidante dell'epatocita del ratto. J Hepatol. 1997 settembre; 27(3): 525-34.

10. Erdincler DS, sette A, Inci F, Beger T, perossidazione lipidica di Candan G. e stato antiossidante in animali da esperimento: effetti di invecchiamento e della dieta ipercolesterolemica. Acta di Clin Chim. 8 settembre 1997; 265(1): 77-84.

11. DiMauro S, Tanji K, Bonilla E, Pallotti F, Schon ea. Anomalie mitocondriali in muscolo ed altre cellule di invecchiamento: classificazione, cause ed effetti. Nervo del muscolo. 2002 novembre; 26(5): 597-607.

12. PAGINA di Sullivan, sig. di Brown. Invecchiamento e disfunzione mitocondriali nel morbo di Alzheimer. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 2005 marzo; 29(3): 407-10.

13. Il KB di Choksi, Nuss JE, Boylston WH, Rabek JP, Papaconstantinou J. Age-related aumenta in proteine oxidatively nocive dei complessi mitocondriali della catena di trasporto dell'elettrone del rene del topo. Med libero di biol di Radic. 15 novembre 2007; 43(10): 1423-38.

14. Baines CP. La lesione mitocondriale del poro e di ischemia-riperfusione di transizione di permeabilità. Ricerca di base Cardiol. 2009 marzo; 104(2): 181-8.

15. Di Lisa F, Kaludercic N, carpi A, Menabo R, Giorgio M. Mitochondria e patologia vascolare. Rappresentante di Pharmacol. 2009 gennaio-febbraio; 61(1): 123-30.

16. Sohal RS, Forster MJ. Coenzima Q, sforzo ossidativo e invecchiamento. Mitocondrio. 2007 giugno; 7 supplementi: S103-11.

17. EL di Aberg F, di Appelkvist, Dallner G, Ernster L. Distribution e stato redox dei ubiquinones nei tessuti dell'essere umano e del ratto. Biochimica Biophys dell'arco. 1992 giugno; 295(2): 230-4.

18. Kalen A, EL di Appelkvist, Dallner G. Age-related cambia nelle composizioni lipidiche dei tessuti dell'essere umano e del ratto. Lipids.1989 luglio; 24(7): 579-84.

19. Bliznakov PER ESEMPIO. Senescenza immunologica in topi e la sua inversione dal coenzima Q10. Sviluppatore invecchiante Mech. 1978 marzo; 7(3): 189-97.

20. Rosenfeldt FL, Pepe S, Linnane A, et al. Gli effetti di invecchiamento sulla risposta ad ambulatorio cardiaco: strategie protettive per il miocardio di invecchiamento. Biogerontology. 2002;3(1-2):37-40.

21. Rosenfeldt FL, Pepe S, Linnane A, et al. coenzima Q10 protegge il cuore di invecchiamento dallo sforzo: studi in ratti, tessuti umani,

e pazienti. Ann N Y Acad Sci. 2002 aprile; 959:355-39; discussione 463-35.

22. Aejmelaeus R, Metsa-Ketela T, Laippala P, Solakivi T, Alho H. Ubiquinol-10 e capacità radicale dell'intrappolamento di peroxyl totale delle lipoproteine di LDL durante l'invecchiamento: gli effetti del completamento Q-10. Mol Aspects Med. 1997; 18 supplementi: S11320.

23. Quiles JL, Ochoa JJ, JUNIOR di Huertas, Mataix J. Coenzyme Q che il completamento protegge dal doppio filo relativo all'età del DNA rompe ed aumenta la durata della vita in ratti si è alimentato di una dieta ricca PUFA. Exp Gerontol. 2004 febbraio; 39(2): 189-94.

24. Ochoa JJ, Quiles JL, JUNIOR di Huertas, Mataix J. Coenzyme Q10 protegge dallo sforzo ossidativo in relazione con l'invecchiamento e migliora la funzione mitocondriale nel cuore dei ratti ha alimentato una dieta ricca grassa poli-insatura dell'acido (PUFA). J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2005 agosto; 60(8): 970-5.

25. Ochoa JJ, Quiles JL, Lopez-Frias m., JUNIOR di Huertas, Mataix J. Effect del completamento per tutta la vita del coenzima Q10 sullo sforzo ossidativo relativo all'età e della funzione mitocondriale in fegato e muscolo scheletrico di ratti si è alimentato una dieta ricca grassa poli-insatura dell'acido (PUFA). J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2007 novembre; 62(11): 1211-8.

26. Kaikkonen J, Tuomainen TP, Nyyssonen K, Salonen JT. Coenzima Q10: assorbimento, proprietà antiossidanti, fattori determinanti e livelli del plasma. Ricerca libera di Radic. 2002 aprile; 36(4): 389-97.

27. Hosoe K, Kitano m., Kishida H, Kubo H, Fujii K, Kitahara M. Study su sicurezza e su biodisponibilità del ubiquinol (Kaneka QH) dopo la singola e somministrazione orale multipla di quattro settimane ai volontari sani. Regul Toxicol Pharmacol. 2007 febbraio; 47(1): 19-28.

28. Shults CW, Flint Beal m., canzone D, prova pilota di Fontaine D. di alti dosaggi del coenzima Q10 in pazienti con la malattia del Parkinson. Exp Neurol. 2004 agosto; 188(2): 491-4.

29. Soukoulis V, Dihu JB, sogliola m., et al. carenze del micronutriente un bisogno insoddisfatto in infarto. J Coll Cardiol. 27 ottobre 2009; 54(18): 1660-73.

30. Langsjoen pH, Langsjoen. Ubiquinol supplementare in pazienti con guasto di scompenso cardiaco avanzato. Biofactors. 2008;32(1-4):119-28.

31. Disponibile a: http://www.abouthf.org/questions_stages.htm. 9 ottobre 2009 raggiunto.

32. Belardinelli R, Mucaj A, Lacalaprice F, et al. coenzima Q10 migliora la contrattilità del miocardio disfunzionale in infarto cronico. Biofactors. 2005;25(1-4):137-45.

33. Morisco C, Trimarco B, Condorelli M. Effect della terapia del coenzima Q10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: uno studio randomizzato studio multicentrico a lungo termine. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S134-6.

34. Jeejeebhoy F, Keith m., Freeman m., et al. il completamento nutrizionale con le sostanze nutrienti cardiache essenziali del miocita dei repletes di MyoVive e riduce la dimensione ventricolare sinistra in pazienti con disfunzione ventricolare sinistra. Cuore J. 2002 di giugno; 143(6): 1092-100.

35. RB di Singh, Neki NS, Kartikey K, et al. effetto del coenzima Q10 sul rischio di aterosclerosi in pazienti con infarto miocardico recente. Mol Cell Biochem. 2003 aprile; 246 (1-2): 75-82.

36. Makhija N, Sendasgupta C, Kiran U, et al. Il ruolo del coenzima orale Q10 in pazienti che subiscono la chirurgia dell'innesto del bypass coronarico. J Cardiothorac Vasc Anesth. 2008 dicembre; 22(6): 832-9.

37. Kuettner A, Pieper A, Koch J, Enzmann F, Schroeder S. Influence del coenzima Q (10) e cerivastatine sulla vasodilatazione flusso-mediata dell'arteria brachiale: risultati dello studio di ENDOTACT. Int J Cardiol. 28 febbraio 2005; 98(3): 413-9.

38. Graham D, Huynh NN, Hamilton CA, et al. MitoQ10 antiossidante Mitocondrio-mirato a migliora la funzione endoteliale ed attenua l'ipertrofia cardiaca. Ipertensione. Agosto 2009; 54(2): 322-8.

39. Tiano L, Belardinelli R, Carnevali P, Principe F, Seddaiu G, GP di Littarru. Effetto dell'amministrazione del coenzima Q10 sulla funzione endoteliale e del superossido dismutasi extracellulare in pazienti con la cardiopatia ischemica: una prova alla cieca, studio controllato randomizzato. Cuore J. 2007 di EUR settembre; 28(18): 2249-55.

40. Beckman JA, Creager mA, Libby P. Diabetes ed aterosclerosi: epidemiologia, patofisiologia e gestione. JAMA. 15 maggio 2002; 287(19): 2570-81.

41. Watt di GF, Playford DA, piccola fattoria KD, reparto NC, TUM di Mori, Burke V. Coenzyme Q (10) migliora la disfunzione endoteliale dell'arteria brachiale in diabete di tipo II mellito. Diabetologia. 2002 marzo; 45(3): 420-6.

42. Marcoff L, palladio di Thompson. Il ruolo del coenzima Q10 nella miopatia statina-collegata: una rassegna sistematica. J Coll Cardiol. 12 giugno 2007; 49(23): 2231-7.

43. Hamilton SJ, masticazione GT, watt di GF. Il coenzima Q10 migliora la disfunzione endoteliale nel tipo statina-trattato - 2 pazienti diabetici. Cura del diabete. 2009 maggio; 32(5): 810-2.

44. Di Meo S, Venditti P. Mitochondria nello sforzo ossidativo indotto dall'esercizio. La biol segnala Recept. 2001 gennaio-aprile; 10 (1-2): 125-40.

45. Poteri SK, Jackson MJ. Sforzo ossidativo indotto dall'esercizio: meccanismi ed impatto cellulari su produzione di forza del muscolo. Rev. 2008 di Physiol ottobre; 88(4): 1243-76.

46. Il GG di Yegutkin, lo PS di Samburski ss, di Mortensen, Jalkanen S, Gonzalez-Alonso J. Intravascular ADP e le nucleotidasi solubili contribuiscono allo stato protrombotico acuto durante l'esercizio vigoroso in esseri umani. J Physiol. 1° marzo 2007; 579 (pinta 2): 553-64.

47. Hellsten Y, Nielsen JJ, Lykkesfeldt J, et al. il completamento antiossidante migliora l'aumento indotto dall'esercizio in proteina disgiungente mitocondriale 3 ed il contenuto endoteliale del mRNA della sintasi dell'ossido di azoto in muscolo scheletrico umano. Med libero di biol di Radic. 1° agosto 2007; 43(3): 353-61.

48. Cooke m., Iosia m., Buford T, et al. effetti del completamento di giorno 14 ed acuto del coenzima Q10 sulla prestazione di esercizio sia in individui formati che non addestrati. Sport Nutr.2008 di J Int Soc; 5: 8.

49. Kon m., Tanabe K, Akimoto T, et al. riducente lesione muscolare indotta dall'esercizio negli atleti di kendo con il completamento del coenzima Q10. Br J Nutr. 2008 ottobre; 100(4): 903-9.

50. Gokbel H, Gul I, Belviranl m., Okudan N. Gli effetti del completamento del coenzima Q10 sulla prestazione durante i periodi ripetuti dell'esercizio di Supramaximal in uomini sedentari. Ricerca di Cond di forza di J. 28 luglio 2009.

51. Mizuno K, Tanaka m., Nozaki S, et al. effetti Antifatigue del coenzima Q10 durante l'affaticamento fisico. Nutrizione. 2008 aprile; 24(4): 293-9.

52. Langsjoen pH, JO di Langsjoen, Langsjoen, LA di Lucas. Il trattamento degli effetti contrari di statina con il coenzima supplementare Q10 e la statina drogano la sospensione. Biofactors. 2005;25(1-4):147-52.

53. Kidd PM. Neurodegeneration da insufficienza mitocondriale: sostanze nutrienti, cellule staminali, fattori di crescita e prospettive per il cervello che ricostruisce facendo uso della gestione integrante. Altern Med Rev. 2005 dicembre; 10(4): 268-93.

54. Matthews RT, Yang L, Browne S, Baik m., Beal MF. L'amministrazione del coenzima Q10 aumenta le concentrazioni mitocondriali del cervello ed esercita gli effetti neuroprotective. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 21 luglio 1998; 95(15): 8892-7.

55. Ayaz m., Tuncer S, Okudan N, Gokbel H. Coenzyme Q (10) e completamento acido alfa-lipoico in ratti diabetici: distribuzioni di velocità di conduzione. Ritrovamento Exp Clin Pharmacol di metodi. 2008 giugno; 30(5): 367-74.

56. Russo R, Cavaliere F, Rombola L, et al. base razionale per lo sviluppo del coenzima Q10 come agente neurotherapeutic per protezione retinica. Prog Brain Res. 2008;173:575-82.

57. Feher J, Papale A, Mannino G, Gualdi L, composti di Balacco Gabrieli C. Mitotropic per il trattamento di degenerazione maculare senile. L'approccio metabolico e uno studio pilota. Ophthalmologica. 2003 settembre-ottobre; 217(5): 351-7.

58. Qu J, Kaufman Y, Washington I. Coenzyme Q10 nella retina umana. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2009 aprile; 50(4): 1814-8.

59. Feher J, Kovacs B, Kovacs I, et al. il miglioramento delle funzioni visive e le alterazioni del fondo nella degenerazione maculare senile iniziale hanno trattato con una combinazione di acetile-L-carnitina, di acidi grassi n-3 e di coenzima Q10. Ophthalmologica. 2005 maggio-giugno; 219(3): 154-66.

60. Prahl S, Kueper T, Biernoth T, et al. pelle invecchiante è dal punto di vista funzionale anaerobico: importanza del coenzima Q10 per cura di pelle antinvecchiamento. Biofactors. 2008;32(1-4):245-55.

61. Inui m., Ooe m., Fujii K, Matsunaka H, Yoshida m., Ichihashi M. Mechanisms degli effetti inibitori di CoQ10 da su formazione indotta UVB della grinza in vitro e in vivo. Biofactors. 2008;32(1-4):237-43.

62. Hoppe U, Bergemann J, Diembeck W, et al. coenzima Q10, un antiossidante cutaneo e stimolatore. Biofactors. 1999;9(2-4):371-8.

63. Blatt T, Lenz H, Koop U, et al. stimolazione del metabolismo energetico della pelle fornisce i benefici multipli per pelle umana matura. Biofactors. 2005;25(1-4):179-85.

64. Passi S, De Pità O, Grandinetti m., Simotti C, GP di Littarru. L'uso combinato degli antiossidanti lipofilici orali ed attuali aumenta i loro livelli sia in corneum dello strato che del sebo. Biofactors. 2003;18(1-4):289-97.

65. Schepetkin IA, Xie G, Jutila mA, la TA di Quinn attività della Complemento-riparazione di acido fulvico da Shilajit e da altre fonti naturali. Ricerca di Phytother. 2009 marzo; 23(3): 373-84.

66. Goel RK, Banerjee RS, SB di Acharya. Antiulcerogenic e studi antinfiammatori con shilajit. J Ethnopharmacol. Del 1990 aprile; 29(1): 95-103.

67. PS di Agarwal, Khanna R, Karmarkar R, Anwer Mk, Khar RK. Shilajit: una rassegna. Ricerca di Phytother. 2007 maggio; 21(5): 401-5.

68. Bhattacharyya S, amico D, Gupta AK, Ganguly P, Majumder Regno Unito, effetto di Ghosal S. Beneficial di shilajit elaborato sull'esercizio di nuoto indotto ha alterato lo stato di energia dei topi. Pharmacologyonline. 2009;1:817-25.

69. Piotrowska D, Dlugosz A, Witkiewicz K, Pajak J. La ricerca sulle proprietà antiossidanti della preparazione della torba di TOLPA e delle sue frazioni. Acta Pol Pharm. 2000 novembre; 57 supplementi: 127-9.

70. Ghosal S. Shilajit nella prospettiva. Oxford, Regno Unito: Casa editrice di Narosa; 2006.

71. Visser SA. Effetto delle sostanze umiche su respirazione mitocondriale e su fosforilazione ossidativa. Il totale di Sci circonda. 1987 aprile; 62:347-54.

72. Royer RA, Burgos WD, Fisher COME, Unz rf, SEDERE di Dempsey. Potenziamento di riduzione biologica di ematite muoversi dell'elettrone e dal Fe (II) complessazione. Circondi Sci Technol. 1° maggio 2002; 36(9): 1939-46.

73. Kang SH, degradazione di Choi W. Oxidative dei composti organici facendo uso di ferro zero-valent in presenza del servizio naturale della materia organica come navetta dell'elettrone. Circondi Sci Technol. 1° febbraio 2009; 43(3): 878-83.

74. L'Islam A, Ghosh R, Banerjee D, Nath P, Mazumder U, Ghosal S. Biotransformation del hydroxydibenzo-pirone 3 nel dihydroxydibenzo-pirone 3,8 e nel aminoacyl coniuga dall'aspergillus niger isolato “da shilajit indigeno.„ Periodico elettronico di biotecnologia. 15 luglio 2008; 11(3): 2-10.

75. Bhattacharyya S, amico D, Banerjee D, et al. dibenzo-pironi di Shilajit: I mitocondri hanno mirato agli antiossidanti. Pharmacologyonline. 2009; 2:690-8.

76. Amico D, Bhattacharya S. Pilot Study sul miglioramento della prestazione umana con ReVitalETTM come ripetitore di energia: Parziale-IV. 2006. Dati sull'archivio. Natreon, Inc.

77. Studio clinico per la valutazione di sicurezza di utilizzo nello shilajit purificato e standardizzato in volontari normali. J.B. Roy State Ayurvedic Medical College ed ospedale, Calcutta. 2007. Dati sull'archivio. Natreon, Inc.

78. Studio clinico per la valutazione di capacità antiossidante del plasma e la sicurezza di utilizzo di Shilajit purificato e standardizzato (ReVitalET) in volontari normali. J.B. Roy State Ayurvedic Medical College ed ospedale, Calcutta. 2007. Dati sull'archivio. Natreon, Inc.

79. Zimmer G, Mainka L, acido di Kruger E. Dihydrolipoic attiva ai i gruppi tioalcool oligomycin sensibili ed aumenta la sintesi di ATP in mitocondri. Biochimica Biophys dell'arco. 1° agosto 1991; 288(2): 609-13.

80. Jacob S, Henriksen EJ, AL di Schiemann, et al. potenziamento di disposizione del glucosio in pazienti con il diabete di tipo 2 da acido alfa-lipoico. Arzneimittelforschung. 1995 agosto; 45(8): 872-4.

81. Ziegler D, Hanefeld m., Ruhnau kJ, et al. trattamento di neuropatia periferica diabetica sintomatica con l'acido alfa-lipoico antiossidante. Una prova controllata randomizzata dello studio multicentrico di tre settimane (ALADIN Study). Diabetologia. 1995 dicembre; 38(12): 1425-33.

82. Sachse G, Willms B. Efficacy di acido tioctico nella terapia di neuropatia diabetica periferica. Supplemento di ricerca di Horm Metab. 1980;9:105-7.

83. Loffelhardt S, Bonaventura C, Locher m., Borbe UFF, Bisswanger H. Interaction degli enanziomeri e degli omologhi acidi alfa-lipoici con le componenti degli enzimi del complesso mammifero del piruvato deidrogenasi. Biochimica Pharmacol. 25 agosto 1995; 50(5): 637-46.

84. Carlson DA, Smith AR, Fischer SJ, giovane chilolitro, imballatore L. Le farmacocinesi del plasma dell'acido lipoico della r (+) - amministrato come r del sodio (+) - lipoate ai soggetti umani in buona salute. Altern Med Rev. 2007 dicembre; 12(4): 343-51.

85. Tankova T, Koev D, acido Alfa-lipoico di Dakovska L. nel trattamento di neuropatia diabetica autonoma (studio controllato, randomizzato, dell'aperto etichetta). Med dell'interno della ROM J. 2004;42(2):457-64.

86. Negrisanu G, Rosu m., Bolte B, Lefter D, Dabelea D. Effects del trattamento di tre mesi con l'acido alfa-lipoico antiossidante in neuropatia periferica diabetica. Med dell'interno della ROM J. 1999 luglio-settembre; 37(3): 297-306.

87. Androne L, Na di Gavan, Veresiu IA, effetto di Orasan R. In-vivo di acido lipoico su perossidazione lipidica in pazienti con neuropatia diabetica. In vivo. 2000 marzo-aprile; 14(2): 327-30.

88. Haak E, Usadel KH, Kusterer K, et al. effetti di acido alfa-lipoico su microcircolazione in pazienti con neuropatia diabetica periferica. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2000;108(3):168-74.

89. Hagen TM, Vinarsky V, Wehr cm, BN di Ames. (R) - acido alfa-lipoico inverte l'aumento età-collegato nella suscettibilità degli epatociti al tert-butylhydroperoxide sia in vitro che in vivo. Segnale di redox di Antioxid. 2000 cadute; 2(3): 473-83.

90. Bharat S, Cochran BC, Hsu m., Liu J, BN di Ames, Andersen JK. Il pretrattamento con acido R-lipoico allevia gli effetti di svuotamento di GSH in cellule PC12: implicazioni per la terapia della malattia del Parkinson. Neurotoxicology. 2002 ottobre; 23 (4-5): 479-86.

91. Suh JH, Wang H, RM di Liu, Liu J, Hagen TM. (R) - acido alfa-lipoico inverte la perdita relativa all'età nello stato redox di GSH in tessuti post-mitotici: prova per il requisito aumentato della cisteina della sintesi di GSH. Biochimica Biophys dell'arco. 1° marzo 2004; 423(1): 126-35.

92. Magis D, Ambrosini A, Sandor P, Jacquy J, Laloux P, Schoenen J. Una prova controllata con placebo della prova alla cieca randomizzata di acido tioctico nella profilassi di emicrania. Emicrania. 2007 gennaio; 47(1): 52-7.

93. Vincent HK, Bourguignon cm, Kr di Vincent, Taylor AG. Effetti del completamento acido alfa-lipoico nella malattia arteriosa periferica: uno studio pilota. Med del complemento di J Altern. 2007 giugno; 13(5): 577-84.

94. McMackin CJ, Widlansky ME, Amburgo nanometro, et al. effetto del trattamento combinato con acido alfa-lipoico ed acetile-L-carnitina sulla funzione e sulla pressione sanguigna vascolari in pazienti con la coronaropatia. J Clin Hypertens (Greenwich). 2007 aprile; 9(4): 249-55.

95. Se di Noland RC, di Koves TR, di Seiler, et al. insufficienza della carnitina causati tramite la prestazione mitocondriale di compromessi di sovranutrizione ed invecchiare ed il controllo metabolico. Biol chim. di J. 21 agosto 2009; 284(34): 22840-52.

96. Rosca MG, Lemieux H, CL di Hoppel. Mitocondri negli anziani: È l'acetilcarnitina un rejuvenator? Rev. 2009 il 29 agosto di Deliv della droga di adv.

97. Carta A, Acetile-L-carnitina di Calvani M.: una droga capace di rallentare il progresso del morbo di Alzheimer? Ann N Y Acad Sci. 1991;640:228-32.

98. Bianchetti A, Rozzini R, Trabucchi M. Effects di acetile-L-carnitina nei pazienti del morbo di Alzheimer insensibili agli inibitori dell'acetilcolinesterasi. Curr Med Res Opin. 2003;19(4):350-3.

99. GG di Corbucci, Melis A, Piga m., Marchionni A, Calvani M. Influence dell'acetilcarnitina su alcune attività enzimatiche mitocondriali nel tessuto cerebrale umano negli stati di ipossia acuta. Il tessuto di Int J reagisce. 1992;14(4):183-94.

100. J lungo, Gao F, tenaglie L, Cotman CW, BN di Ames, decadimento di Liu J. Mitochondrial nei cervelli di vecchi ratti: miglioramento dell'effetto di acido e di acetile-L-carnitina alfa-lipoici. Ricerca di Neurochem. Aprile 2009 aprile; 34(4): 755-63.

101. Shenk JC, Liu J, Fischbach K, et al. L'effetto di acetile-L-carnitina e del trattamento acido R-alfa-lipoico in topo ApoE4 come modello del morbo di Alzheimer umano. J Neurol Sci. 15 agosto 2009; 283 (1-2): 199-206.

102. Lesnefsky EJ, lui D, Moghaddas S, CL di Hoppel. Inversione dei difetti mitocondriali prima che l'ischemia protegga il cuore invecchiato. FASEB J. 2006 luglio; 20(9): 1543-5.

103. Hagen TM, Moreau R, Suh JH, decadimento di Visioli F. Mitochondrial nel cuore del ratto di invecchiamento: prova per miglioramento dal completamento dietetico con acetile-L-carnitina e/o acido lipoico. Ann N Y Acad Sci. 2002 aprile; 959:491-507.

104. Inibitori di Rahbar S. Novel del glycation e della formazione di ETÀ. Biochimica Biophys delle cellule. 2007;48(2-3):147-57.

105. Adeghate E. Molecular e base cellulare dell'eziologia e della gestione di cardiomiopatia diabetica: una breve rassegna. Mol Cell Biochem. 2004 giugno; 261 (1-2): 187-91.

106. Sforzo di Schleicher E, di Friess U. Oxidative, ETÀ ed aterosclerosi. Supplemento di Int del rene. 2007 agosto; (106): S17-26.

107. Tan AL, Forbes JM, bottaio ME. ETÀ, COLLERA e ROS in nefropatia diabetica. Semin Nephrol. 2007 marzo; 27(2): 130-43.

108. Gasser A, Forbes JM. Glycation avanzato: implicazioni nel danno e nella malattia di tessuto. Proteina Pept Lett. 2008;15(4):385-91.

109. Peppa m., Uribarri J, Vlassara H. Aging e sforzo glycoxidant. Ormoni (Atene). 2008 aprile-giugno; 7(2): 123-32.

110. VP di Reddy, SIG. di Garrett, sidro di pere G, Smith mA. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

111. Hipkiss AR. Il carnosine o un aiuto carnivoro di dieta sopprimerebbe l'invecchiamento e le patologie collegate? Ann N Y Acad Sci. 2006 maggio; 1067:369-74.

112. Hipkiss AR. Ha potuto il carnosine o le strutture relative sopprimere il morbo di Alzheimer? J Alzheimers DIS. 2007 maggio; 11(2): 229-40.

113. Kotanidou A, Xagorari A, Bagli E, et al. luteolina riduce la tossicità e l'espressione letali lipopolysaccharide indotte delle molecole proinflammatory in topi. Med di cura di J Respir Crit. 15 marzo 2002; 165(6): 818-23.

114. Kim JS, Jobin C. La luteolina flavonoide impedisce la segnalazione lipopolysaccharide indotta e l'espressione genica di N-F-kappaB bloccando l'attività della chinasi di IkappaB in cellule epiteliali intestinali e cellule dentritiche derivate midollo osseo. Immunologia. 2005 luglio; 115(3): 375-87.

115. Wu CH, GASCROMATOGRAFIA di Yen. Effetto inibitorio dei flavonoidi naturali sulla formazione di prodotti finiti avanzati di glycation. Alimento chim. di J Agric. 20 aprile 2005; 53(8): 3167-73.

116. Psotova J, Chlopcikova S, Miketova P, Hrbac J, effetto di Simanek V. Chemoprotective dei composti fenolici della pianta contro da tossicità indotta da antraciclina sui cardiomyocytes del ratto. Parte III. Apigenina, baicalelin, kaempherol, luteolina e quercetina. Ricerca di Phytother. 2004 luglio; 18(7): 516-21.

117. Wu CH, CF di Wu, Huang HW, Jao YC, GASCROMATOGRAFIA di Yen. I flavonoidi naturali attenuano l'alta dall'espressione indotta da glucosio delle citochine proinflammatory in cellule monocytic umane THP-1. Mol Nutr Food Res. 2009 agosto; 53(8): 984-95.

118. Volvert ml, Seyen S, Piette m., et al. Benfotiamine, un derivato sintetico della tiamina dell'S-acile, ha meccanismi differenti di azione e di un profilo farmacologico differente che i derivati lipido-solubili del bisolfuro della tiamina. BMC Pharmacol. 2008;8:10.

119. Du X, Edelstein D, benfotiamine di Brownlee M. Oral più acido alfa-lipoico normalizza complicazione-causare le vie in diabete di tipo 1. Diabetologia. 2008 ottobre; 51(10): 1930-2.

120. Stirban A, Negrean m., Stratmann B, et al. Benfotiamine impedisce la macro e disfunzione endoteliale microvascolare e lo sforzo ossidativo ricchi seguenti di un pasto in prodotti finiti avanzati di glycation in individui con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 settembre; 29(9): 2064-71.

121. Pomero F, min A, selva m., Allione A, GM di Molinatti, Porta M. Benfotiamine di Molinar della La è simile a tiamina nella correzione dei difetti endoteliali delle cellule indotti da alto glucosio. Acta Diabetol. 2001;38(3):135-8.

122. Marchetti V, Menghini R, Rizza S, et al. Benfotiamine neutralizza gli effetti della tossicità del glucosio su differenziazione cellulare endoteliale del progenitore via la segnalazione di Akt/FoxO. Diabete. 2006 agosto; 55(8): 2231-7.

123. Hammes HP, Du X, Edelstein D, et al. Benfotiamine blocca tre vie importanti di danno hyperglycemic ed impedisce la retinopatia diabetica sperimentale. Nat Med. 2003 marzo; 9(3): 294-9.

124. Khatami m., Suldan Z, David I, Li W, Rockey JH. Effetti inibitori del fosfato, dell'ascorbato e del aminoguanidine del piradossale sulla glicosilazione non enzimatica. Vita Sci.1988; 43(21): 1725-31.

125. Glycation di Higuchi O, di Nakagawa K, di Tsuzuki T, di Suzuki T, di Oikawa S, di Miyazawa T. Aminophospholipid ed il suo sistema di screening dell'inibitore: un nuovo ruolo del piradossale 5' - fosfato come l'inibitore. Ricerca del lipido di J. 2006 maggio; 47(5): 964-74.

126. Il fosfato di Nakamura S, di Niwa T. Pyridoxal ed il fattore di crescita dell'epatocita impediscono dal il danno peritoneale indotto da dializzato. J Soc Nephrol. 2005 gennaio; 16(1): 144-50.

127. Nakamura S, Li H, Adijiang A, Pischetsrieder m., fosfato di Niwa T. Pyridoxal impedisce la progressione della nefropatia diabetica. Trapianto del quadrante di Nephrol. 2007Aug; 22(8): 2165-74.

128. Mehta R, Shangari N, O'Brien PJ. Impedendo morte delle cellule indotta dallo sforzo del carbonilico, dallo sforzo ossidativo o dalle tossine mitocondriali con gli agenti di anti-ETÀ della vitamina B. Mol Nutr Food Res. 2008 marzo; 52(3): 379-85.