Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2010
Nelle notizie

Il fenomeno di settembre

Il fenomeno di settembre

Un rapporto pubblicato nel giornale medico canadese di associazione ha rivelato i risultati degli studi intrapresi dai ricercatori in Grecia che ha trovato una riduzione significativa della mortalità in parecchi paesi durante i mesi della fine dell'estate di agosto e settembre rispetto al resto del year.*

I ricercatori all'istituto dell'alfa delle scienze biomediche hanno esaminato le statistiche della mortalità per 11 paese per fino a 57 anni. Per i cinque paesi Mediterranei inclusi nello studio, settembre ha avuto la mortalità quotidiana di media più bassa. Augusto emergente come il mese con la mortalità più bassa per la Svezia, il Canada e gli Stati Uniti. Sebbene soltanto due anni di dati siano disponibili per il Giappone, la mortalità era a luglio più bassa. Per l'Australia e la Nuova Zelanda, la mortalità media era a marzo e febbraio più bassa (mesi di estate nell'emisfero australe).

“La maggior esposizione a luce solare conduce alla sintesi aumentata della vitamina D, che può avere effetti benefici per la malattia cardiovascolare, l'insufficienza renale, determinate malattie maligne, disordini autoimmuni e le infezioni, compreso influenza,„ essi scrivono.

— Dayna Dye

Riferimento

* Può Med Assoc J. 2009 13 ottobre; 181(8).

Livelli elevati di vitamina D connessi con la sopravvivenza aumentata fra le donne su un periodo di sei anni

Livelli elevati di vitamina D connessi con la sopravvivenza aumentata fra le donne su un periodo di sei anni

I ricercatori dalla scuola di medicina dell'università John Hopkins ed altri centri riferiscono nella ricerca in nutrizione del giornale l'individuazione di un più a basso rischio della morte oltre 72 mesi di seguito per le donne più anziane con i livelli elevati di vitamina D del siero.

Richard D. Semba ed i suoi soci hanno analizzato i dati dai partecipanti alla salute delle donne e l'invecchiamento studia la I ed II. Per il loro studio, i ricercatori hanno selezionato 714 donne nei loro anni settanta che hanno avuti loro livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 misurati sopra l'iscrizione.

Soltanto 8% delle donne nel quartile superiore di stato del siero di vitamina D è morto confrontato a 19,2% nel quartile più basso. Dichiarati diversamente, quelle con i livelli elevati del siero di vitamina D erano quasi 2,5 volte meno probabilmente morire sopra lo studio di sei anni period.*

I risultati confermano quelli delle due analisi pubblicate l'anno scorso negli archivi di medicina interna.

— Dayna Dye

Riferimento

* Ricerca di Nutr. 2009 agosto; 29(8): 525-608.

Come Colleen Fitzpatrick protegge la pelle

Come Colleen Fitzpatrick protegge la pelle

Ricerchi condotto all'università di Leicester in Inghilterra contribuisce alla comprensione dei meccanismi in questione nella capacità della vitamina C di contribuire a guarire e proteggere lo skin.* la vitamina è un cofattore per la sintesi di collagene, la proteina predominante in pelle.

Tiago Duarte ed i suoi soci precedentemente hanno riferito la scoperta del upregulation della riparazione del DNA negli utenti di supplemento della vitamina C. La ricerca corrente ha esaminato l'espressione genica e danno e la riparazione del DNA in cellule epiteliali umane conosciute come i fibroblasti cutanei (che svolgono un ruolo nella guarigione arrotolata) che è stato esposto ad un derivato di vitamina C.

Oltre alla capacità della vitamina C di pulire i radicali liberi, il gruppo del Dott. Duarte ha scoperto i meccanismi supplementari per la vitamina nella riparazione della pelle e nella protezione da danno ulteriore. “I risultati hanno dimostrato che la vitamina C può migliorare la guarigione arrotolata stimolando i fibroblasti tranquilli dividersi e promuovendo la loro migrazione nell'area ferita,„ il Dott. Duarte hanno spiegato.

— Dayna Dye

Riferimento

* Med libero di biol di Radic. 1° gennaio 2009; 46(1): 78-87.

I livelli premenopausa riduttori di vitamina D predicono l'ipertensione

I livelli premenopausa riduttori di vitamina D predicono l'ipertensione

La conferenza della ricerca dell'ipertensione dell'associazione americana sessantatreesima del cuore era il sito di una presentazione riguardo a trovare che i bassi livelli di vitamina D prima di menopausa sono associati con un rischio aumentato di pressione sanguigna sistolica elevata 15 anni di later.*

Per la loro ricerca, Flojaune C. Griffin, il MPH ed i colleghi hanno valutato i dati da 559 donne iscritte allo studio di salute e del metabolismo dell'osso del Michigan. Mentre appena 6% dei partecipanti ha avuto ipertensione sistolica all'inizio dello studio, 19% era stato diagnosticato da ora al 2007 e un 6% supplementare ha avuto ipertensione sistolica non diagnosticata. Le donne che hanno avute nel 1993 livelli carenti di vitamina D hanno avute un rischio maggior tre volte di sviluppare l'ipertensione sistolica da ora al 2007 che le donne con i livelli normali.

“Questo studio differisce da altri perché stiamo guardando nel corso di 15 anni, seguito più lungo che molti studi,„ grifone indicato.

— Dayna Dye

Riferimento

* Conferenza di ricerca dell'ipertensione dell'associazione americana sessantatreesima del cuore.

Punti di analisi fattoriale di fattore di rischio di morte prematura ad infiammazione

Punti di analisi fattoriale di fattore di rischio di morte prematura ad infiammazione

Un articolo ha pubblicato nel giornale di gerontologia: Le scienze mediche hanno riferito che i risultati di uno studio degli uomini e delle donne hanno invecchiato 65 ed il più vecchio che hanno rivelato i fattori di rischio connessi con la morte sopra una media period.* di 13 anni

I ricercatori hanno valutato i dati da 5.888 partecipanti al gruppo cardiovascolare di studio di salute. Il tempo di sopravvivenza mediano aveva luogo in 80 anni per i partecipanti maschii e in 87 anni per le donne. Invecchi, fumando lo stato, funzione polmonare, il peso, la funzione conoscitiva, la storia dell'infarto, la storia della malattia cardiaca, auto-ha riferito lo stato di salute, l'allele del apoE E4 e la maggior parte delle misure cardiovascolari sono state associate con la mortalità per tutte le cause sopra seguito. All'infuori dell'età, il fattore di rischio il più coerente collegato con la morte attraverso tutte le cause era interleukin-6, un indicatore dei disturbi della fisioregolazione immuni di funzione che sono elevati durante l'infiammazione cronica. “In termini di prevenzione, questo studio suggerisce che approccio quella malattia cardiovascolare dell'obiettivo e l'infiammazione abbia il più grande potenziale di aumentare la longevità,„ gli autori conclude.

— Dayna Dye

Riferimento

* J Gerontol: Med Sci. 1° settembre 2009.

Le catechine del tè promuovono la perdita grassa in individui di peso eccessivo

Le catechine del tè promuovono la perdita grassa in individui di peso eccessivo

Un articolo che è publicato nell'obesità del giornale ha riferito i risultati dei ricercatori cinesi dei miglioramenti nel peso e della composizione corporea negli uomini ed in donne che hanno consumato il tè verde che ha contenuto le quantità elevate di catechins.*

I ricercatori all'università di Fudan in Cina hanno diviso 182 uomini e donne cinesi moderatamente di peso eccessivo per ricevere le bevande che contenente gli importi variabili di catechine per i 90 giorni. Per la fine dello studio, la percentuale dal corpo intero del grasso corporeo e del grasso era più bassa nel gruppo che ha ricevuto la quantità elevata delle catechine confrontate al gruppo di controllo. Nell'più alto gruppo della catechina, l'area ed il peso grassi intra-addominali erano più bassi e la circonferenza della vita ha stato in media 1,9 centimetri più di meno di coloro che ha ricevuto la bevanda di controllo.

“In questa l'ultima ricerca, tè verde che fornisce i livelli significativi della catechina contribuiti per promuovere la perdita di peso e la forma positivamente colpita del corpo,„ il Dott. Niels Boon del ricercatore del cavo ha concluso.

— Dayna Dye

Riferimento

* Obesità. 13 agosto 2009.

Continuato alla pagina 2 di 2