Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2010
Rapporti

È la soia sicura?
Rompere i miti di una centrale elettrica nutrizionale


Da Oscar Rodriguez

Forza per le ossa invecchianti

La relazione intima fra osteoporosi, che comprende la perdita di calcio dalle ossa di invecchiamento ed aterosclerosi, che comprende il deposito di calcio nei vasi sanguigni di invecchiamento, sta coltivando rapidamente il pulitore ed il collegamento comprende le molecole cellulari di segnalazione conosciute come i mediatori infiammatori.57

Poiché i prodotti della soia hanno provato il valore nella riduzione degli indicatori di infiammazione e nell'impedire l'aterosclerosi, segue che dovrebbero contribuire ad impedire l'osteoporosi. Per esempio, gli isoflavoni della soia hanno la capacità di interferire con produzione della citochina infiammatoria “per tutti gli usi„ interleukin-6 (IL-6).58 livelli IL-6 aumentano con l'età d'avanzamento, specialmente dopo menopausa e andropause, corrispondenti ad un calo nei livelli di ormone sessuale. Questo aumento in IL-6 è associato con molti degli stati cronici di invecchiamento, compreso l'osteoporosi.58

Gli studi sugli animali indicano che gli estratti della soia ed atto purificato di genisteina via i meccanismi differenti per modulare l'espressione genica nel tessuto dell'osso.

Bloccando la produzione IL-6, con numeroso altre vie, soia protegge da perdita relativa all'età dell'osso (riassorbimento).59 studi sugli animali indicano che gli estratti della soia ed atto purificato di genisteina via i meccanismi differenti per modulare l'espressione genica nel tessuto dell'osso, con conseguente cambiamenti tridimensionali utili in struttura dell'osso con attività riduttrice delle vie infiammatorie multiple.60,61

Proteina di soia ed isoflavoni: Prevenzione del cancro potente

In esseri umani, gli effetti sono niente di meno drammatici. Il completamento dell'isoflavone della soia fa diminuire il riassorbimento dell'osso in donne postmenopausali.62,63 un anno di completamento con la proteina di soia inoltre ha aumentato la formazione dell'osso.64 la combinazione di nuova formazione migliorata dell'osso e di riassorbimento riduttore dell'osso possono contribuire ai benefici nella conservazione della densità minerale ossea, l'indicatore principale del progresso di osteoporosi.65 considerevolmente, questo effetto non è limitato alle donne in post-menopausa: uno studio 2008 ha dimostrato un cambiamento positivo nella densità minerale ossea anche in più giovani donne, implicanti un effetto preventivo potente.66

Molti di questi effetti possono essere rintracciati alle qualità del tipo di estrogeno degli isoflavoni e si confermano nei grandi studi epidemiologici multipli come pure nei più piccoli test clinici e ricerca del laboratorio.16 contrario ai timori espressi da alcuni ricercatori in anticipo e critici vocali (vedi la BARRA LATERALE), isoflavoni della soia non produca i cambiamenti del tessuto del seno o non modifichi la densità del seno sulla mammografia. Infatti, possono realmente contribuire a ridurre la malattia fibrocystic del seno.67,68

La soia “controversia„: Separando mito dal fatto

Un gruppo relativamente piccolo di critici franchi ha rifornito il dibattito di combustibile sopra la sicurezza dei prodotti della soia, molti di chi hanno collegamenti alle industrie minacciate tramite l'accettazione diffusa della soia.3 qui in breve sono il loro speciosi reclamo-e perché non sostengono:

“La soia contiene “le anti-sostanze nutrienti. “„3 nella forma cruda e non trattata, questa sono vero per la soia. In effetti tutti i fagioli crudi e non trattati contengono vari enzimi ed altre biomolecole che possono interferire con digestione ed assorbimento di altre sostanze nutrienti. La soia è non differente. I coltivatori e le unità di elaborazione sono acutamente informati di questo poichè sviluppano le cultivar più nutrizionali di questa fonte universale dell'alimento.104-108 il modo intorno “al problema„ delle anti-sostanze nutrienti è semplice: non mangi la soia cruda e sia sicuro di mangiare una dieta con le fonti di proteine varie (buon buonsenso). Infatti, la proteina di soia è stata utilizzata con successo nel trattamento della malnutrizione proteico-energetica delicata e moderata in alcuni dei bambini più malati del mondo.109

“Disfunzione della tiroide di causa della soia.„ Del 1960 articolo basato che descrive l'avvenimento del gozzo (gonfiamento della tiroide) in un singolo infante su una dieta pura della soia, oppositori della soia estrapolare-e esagerato— questo rischio all'intera popolazione.3.110 molecole dell'isoflavone in soia inibiscono un enzima in questione nella sintesi dell'ormone tiroideo,111-114 ma quello non ha tradotto in funzione difficile in individui altrimenti in buona salute (quelle della tiroide senza tiroide preesistente e chi hanno assunzione adeguata dello iodio).114-117 ancora, la linea inferiore qui non è di ottenere tutta la vostra nutrizione dalla soia (o da qualunque altra singola fonte) e se avete un disordine conosciuto o sospettato della tiroide, ottiene le frequenti analisi funzionali della tiroide.

“Gli isoflavoni interrompono le ormoni sessuali.„ Phytoestrogens dalle loro ormoni sessuali stesse di influenza della natura, ma quelli in della soia ricevitori dell'estrogeno di influenza principalmente ER-beta, che sono stati indicati per inibire gli effetti nocivi si è associato con lo squilibrio ormonale.5 racconti spaventosi di pubertà accelerata in bambini causati da soia in gran parte sono basati su un singolo, piccolo studio 1986 che mostra una correlazione debole fra l'esposizione alla formula infantile della soia e lo sviluppo prematuro del seno in ragazze.118 che i propri autori dello studio hanno messo in discussione la validità della relazione e accademia americana dell'istituzione medica la propria della pediatria ha determinato là non è “prova concludente dall'animale, dall'essere umano adulto, o dalle popolazioni infantili che gli isoflavoni dietetici della soia possono colpire avversamente lo sviluppo umano, la riproduzione, o la funzione endocrina.„119

“La soia causa il cancro.„ Di nuovo, gli effetti degli isoflavoni sulla funzione ormonale sono chiari. Ha avuto significato scientifico nella fase iniziale sollevare il problema di se potrebbero colpire avversamente i cancri ormone-dipendenti. Una manciata di studi da della metà del 1990 s ha mostrato i cambiamenti cellulari del genere che può precedere Cancro-sebbene nessuno mostrassero un aumento o una produzione reale di nuovi cancri.120.121 da allora, la scoperta di ER-beta ricevitori dell'estrogeno, i loro effetti d'inibizione e l'influenza preferenziale degli isoflavoni su questi ricevitore-nell'aggiunta ad estesi epidemiologico umano e clinico studio-forniscono un profilo estremamente favorevole per gli isoflavoni della soia riguardo a cancro.5,75

Proteina di soia ed isoflavoni: Prevenzione del cancro potente

Malgrado le preoccupazioni iniziali ed isolate per quanto riguarda un collegamento possibile fra i prodotti della soia ed il cancro, ci ora è prova ben fondata che la soia fornisce la prevenzione del cancro potente . I modi multitargeted potenti degli isoflavoni di azione funzionano attraverso le numerose vie per combattere simultaneamente il cancro sulle parti anteriori multiple.69 questo permettono la riduzione del rischio di cancro ad ogni fase di sua progressione. La modulazione favorevole di espressione genica è particolarmente importante nel raggiungimento del questo effetto completo.Il lavoro recente emozionante 58,70 mostra quel equol, il metabolita intestinale degli isoflavoni della soia, ha effetti anticancro potenti pure.71

Cancro al seno

Gli studi iniziali dal Giappone hanno indicato che il frequente consumo di minestra di miso e di isoflavoni a base di soia è stato associato con un rischio riduttore di cancro al seno.72 uno studio prospettivo recente in 5.042 superstiti femminili del cancro al seno in Cina, che sono stati seguiti per una mediana di 3,9 anni, trovata che il consumo di di alimenti ricchi d'isoflavone della soia è stato associato significativamente con un 29% più a basso rischio della morte e un 32% più a basso rischio della ricorrenza del cancro.La prova supplementare 73 da epidemiologico, da animale, coltura cellulare e gli studi umani ha accumulato la rappresentazione che gli isoflavoni stanno promettendo ad agenti per il chemoprevention del cancro al seno.74,75 la daidzeina, un isoflavone della soia, aggiunge l'effetto protettivo al tamoxifene dell'agente della chemioterapia negli studi sugli animali di cancro mammario.76 alcuno di questo effetto possono essere spiegati dalla capacità della proteina di soia di alterare le vie di segnalazione che comprendono i recettori ormonali e da alcuna dalla sua capacità di inibire la crescita delle cellule.La genisteina 77,78 è unica fra i flavonoidi di interesse nella prevenzione del cancro in quanto ha sia effetti inibitori potenti della crescita che del tipo di estrogeno sulle cellule di cancro al seno.79

L'assunzione aumentata dell'isoflavone inoltre direttamente influenza le concentrazioni nell'ormone sessuale e la lunghezza del ciclo mestruale in donne, effetti con il potenziale per la riduzione del rischio di cancro al seno.80,81 e lavoro emozionante recente dimostra che la genisteina interagisce direttamente con il gene cancerogeno rinomato HER2, inibente la sua attivazione dal macchinario cellulare ed impedente la promozione del cancro.82

Carcinoma della prostata

Cancro al seno

Il carcinoma della prostata, come il seno ed il cancro uterino, può essere stimolato o peggiorato dalle ormoni sessuali. Gli isoflavoni della soia, con loro effetti inibitori stimolatori/parziali parziali, agiscono dalle vie multiple per ridurre il rischio di carcinoma della prostata.La genisteina 83,84 da soia si riduce segnalare fra le cellule di carcinoma della prostata in anticipo e gli aiuti impediscono la loro progressione.La genisteina 85 sensibilizza le cellule tumorali agli apoptosi indotti dalle droghe della chemioterapia e blocca l'attivazione del N-F-kappaB, che è responsabile del collegamento fra infiammazione e lo sviluppo del cancro.78,86 studi riferiti indicano che il completamento dell'isoflavone può fare diminuire il rischio di carcinoma della prostata sia riducendo l'attivazione N-F-kappaB che facendo diminuire i livelli di fili nocivi del DNA, un punto iniziale nello sviluppo del cancro.87 parecchie componenti proteiche della soia proteggono da da carcinoma della prostata indotto da chimica in ratti e gli isoflavoni specificamente inibiscono la sintesi delle prostaglandine infiammatorie in cellule di carcinoma della prostata umane ed in pazienti viventi.88-90

Un meccanismo interamente differente della genisteina nel carcinoma della prostata è il downregulation dei ricevitori dell'ormone sessuale nel tessuto della prostata, rendente le cellule meno rispondenti a stimolazione ed alla crescita cancerogena.Altri 91,92 sistemi di segnalazione cellulari inoltre sono interrotti dalla genisteina, ulteriore rischio di cancro riducentesi.93 e negli uomini già diagnosticati con carcinoma della prostata, i supplementi ad alta dose della soia hanno prodotto una diminuzione globale nell'antigene prostatico specifico del marcatore tumorale (PSA), che è aumentato in modo allarmante nei pazienti di referenza.94 similmente, la genisteina da solo è conosciuta per arrestare il ciclo cellulare e per indurre la morte delle cellule dagli apoptosi come pure impedire la diffusione metastatica dei carcinoma della prostata già-stabiliti.84

Tumore del colon

I derivati della soia riducono i fuochi aberranti della cripta, i cambiamenti anormali in anticipo in cellule allineanti intestinali che possono annunziare l'inizio di tumore del colon.95 e la combinazione di genisteina con indole-3-carbinol, derivata dalle verdure crocifere, ha migliorato drammaticamente la morte delle cellule dagli apoptosi in cellule di tumore del colon umane.96 uno studio prospettivo pubblicato nel 2009 hanno dimostrato che il consumo di alimenti della soia può ridurre il rischio di cancro colorettale in donne postmenopausali.97

Come con gli altri cancri, la prevenzione di tumore del colon da soia fa con le vie multiple. La genisteina, per esempio, inibisce la segnalazione intercellulare tramite la crescita del tipo di insulina factor-1 (IGF-1), con il risultato finale di proliferazione di cellula tumorale di didascalia e apoptosi dell'induzione.98

Rallentamento della menopausa con soia

Tumore del colon

La menopausa produce una miriade di cambiamenti nel corpo di una donna come suoi abbassare-cambiamenti naturali dei livelli dell'estrogeno che possono essere, almeno in parte, rallentato più sicuro dagli isoflavoni della soia che la terapia sostitutiva dell'estrogeno. Il declino nella funzione cardiovascolare che ha suo inizio a menopausa è un tale cambiamento. La proteina di soia e gli isoflavoni esercitano gli effetti favorevoli sulla funzione endoteliale in donne postmenopausali.99 una dieta basso glycemic di indice fortificata con la proteina e fitosteroli di soia sono stati indicati per ridurre il totale e colesterolo e trigliceridi di LDL e migliorano i rapporti di HDL, mentre tendono a normalizzare la pressione sanguigna, in un gruppo di donne postmenopausali.27

Cambiamenti della composizione corporea dopo che la menopausa comprende l'aumento in grasso sotto la pelle e nell'addome, come gli effetti normali di estrogeno si sbiadiscono. Questi cambiamenti sono stati impediti da un supplemento quotidiano della proteina di soia su un periodo di tre mesi in un gruppo di donne postmenopausali.100 un simile studio hanno indicato che sei mesi del completamento con la proteina di soia più gli isoflavoni hanno prodotto gli effetti favorevoli modesti su composizione corporea in donne postmenopausali.101 e molti degli effetti fisici scomodi di menopausa, quali le vampate calde, reagisca bene alle dosi quotidiane degli isoflavoni, specialmente genisteina.102

Riassunto

I derivati della soia, specialmente proteine di soia e gli isoflavoni, esercitano gli effetti potente benefici attraverso i sistemi multipli del corpo. Malgrado l'idea sbagliata popolare per mano di un gruppo vocale di detrattori, l'azione della proteina di soia sui ricevitori dell'estrogeno dà loro le capacità uniche non trovate in droghe o in altri composti naturali. Preferenziale agendo sopra i ricevitori dell'estrogeno connessi con soppressione del cancro, gli isoflavoni della soia possono ridurre il rischio di cancro. Gli isoflavoni della soia dimostrano le capacità notevoli di migliorare la funzione cardiovascolare con le vie multiple in tessuto cardiaco e nei rivestimenti del vaso sanguigno. Le proteine di soia e gli isoflavoni inoltre fungono da antiossidanti potenti103 che modulano la funzione cellulare con controllo delle vie di segnalazione delle cellule e di espressione genica. Questi effetti a loro volta li permettono di contribuire ad estiguere gli stimoli infiammatori che entrambi contribuiscono a e derivano dai flagelli moderni quali l'obesità, il diabete di tipo 2 e la sindrome metabolica.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Stein K. FDA approva il reclamo di salute che identifica per gli alimenti che contenente la proteina di soia. Dieta Assoc di J. 2000 marzo; 100(3): 292.

2. CR di Sirtori, sig. di Lovati. Proteine di soia e malattia cardiovascolare. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2001 gennaio; 3(1): 47-53.

3. Fallon S, Enig M. Soy Alert - tragedia e campagna pubblicitaria. Rivista di nesso. 2000 aprile-maggio; 7(3).

4. Tham dm, CD di Gardner, Haskell WL. Rassegna clinica 97: Indennità-malattia potenziali dei phytoestrogens dietetici: una rassegna della prova clinica, epidemiologica e meccanicistica. J Clin Endocrinol Metab. 1998 luglio; 83(7): 2223-35.

5. McCarty MF. Isoflavoni resi semplici - l'attività dell'agonista della genisteina per il ricevitore beta tipo dell'estrogeno media le loro indennità-malattia. Med Hypotheses. 2006;66(6):1093-114.

6. SI di Hayashi, Eguchi H, Tanimoto K, et al. L'espressione e la funzione dell'alfa del ricevitore dell'estrogeno e beta nel cancro al seno umano e nella sua applicazione clinica. Cancro di Endocr Relat. 2003 giugno; 10(2): 193-202.

7. Darb-Esfahani S, RM di Wirtz, Sinn BV, et al. ricevitore 1 mRNA dell'estrogeno è un fattore prognostico nel carcinoma ovarico: determinazione dalla PCR cinetica in tessuto paraffina-incastonato formalina-fisso. Cancro di Endocr Relat. 2009 dicembre; 16(4): 1229-39.

8. Fujimoto J, implicazione di Sato E. Clinical dell'espressione in relazione con l'estrogeno del ricevitore (ERRI) nei cancri dell'endometrio uterini. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2009 agosto; 116 (1-2): 71-5.

9. Nussler NC, Reinbacher K, Shanny N, et al. differenze Sesso-specifiche nei livelli di espressione di sottotipi del ricevitore dell'estrogeno nel cancro colorettale. Med di Gend. 2008 settembre; 5(3): 209-17.

10. Hartman J, Strom A, Gustafsson JA. Ricevitore dell'estrogeno beta nelle implicazioni Cancro-diagnostiche e terapeutiche del seno. Steroidi. 2009 agosto; 74(8): 635-41.

11. MANN GE, Rowlands DJ, Li FY, de Winter P, Siow RC. Attivazione della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto dagli isoflavoni dietetici: ruolo di NO nell'espressione genica dell'antiossidante di Nrf2-mediated. Ricerca di Cardiovasc. 15 luglio 2007; 75(2): 261-74.

12. Larkin T, prezzo NOI, Astheimer L. L'importanza capitale di biodisponibilità dell'isoflavone della soia alle indennità-malattia di comprensione. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2008 giugno; 48(6): 538-52.

13. Mateos-Aparicio I, Redondo Cuenca A, Villanueva-Suarez MJ, Zapata-Revilla mA. Soia, una fonte di promessa di salute. Nutr Hosp. 2008 luglio-agosto; 23(4): 305-12.

14. Xiao CW. Effetti sulla salute della proteina di soia e degli isoflavoni in esseri umani. J Nutr. 2008 giugno; 138(6): 1244S-9S.

15. CR di Cederroth, Nef S. Soy, phytoestrogens e metabolismo: Una rassegna. Mol Cell Endocrinol. 25 maggio 2009; 304 (1-2): 30-42.

16. Isoflavoni di Ishimi Y. Soybean nella salute dell'osso. Forum Nutr. 2009;61:104-16.

17. KA di Jackman, Woodman OL, Sobey CG. Isoflavoni, equol e malattia cardiovascolare: comprensioni farmacologiche e terapeutiche. Curr Med Chem. 2007;14(26):2824-30.

18. MANN GE, Bonacasa B, Ishii T, Siow RC. Ottimizzazione della via sensibile redox della difesa Nrf2-Keap1 nella malattia cardiovascolare: protezione accordata dagli isoflavoni dietetici. Curr Opin Pharmacol. 2009 aprile; 9(2): 139-45.

19. Rimbach G, Boesch-Saadatmandi C, J franco, et al. isoflavoni dietetici nella prevenzione della prospettiva molecolare di malattia-un cardiovascolare. Alimento Chem Toxicol. 2008 aprile; 46(4): 1308-19.

20. Messina M. Investigating le assunzioni ottimali della proteina e dell'isoflavone di soia per le donne: una prospettiva. La salute delle donne (Lond Inghilterra). 2008 luglio; 4(4): 337-56.

21. Baum JA, Teng H, Erdman JW, Jr., et al. assunzione a lungo termine della proteina di soia migliora il lipido del sangue profila ed aumenta il RNA messaggero mononucleare del ricevitore della basso densità lipoproteina delle cellule in donne ipercolesterolemiche e postmenopausali. J Clin Nutr. 1998 settembre; 68(3): 545-51.

22. Zhuo XG, Melby Mk, assunzione dell'isoflavone di Watanabe S. Soy abbassa il colesterolo del siero LDL: una meta-analisi di 8 ha randomizzato le prove controllate in esseri umani. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2395-400.

23. Zhan S, Sc noioso Meta-analisi degli effetti degli isoflavoni contenenti proteine della soia sul profilo del lipido. J Clin Nutr. 2005 febbraio; 81(2): 397-408.

24. Jenkins DJ, Kendall CW, Garsetti m., et al. effetto degli alimenti della proteina di soia su attività del ricevitore di ossidazione e ex vivo dell'ormone sessuale della lipoproteina a bassa densità--una prova controllata dell'incrocio. Metabolismo. 2000 aprile; 49(4): 537-43.

25. CC di Cavallini, Abdalla DS, Vendramini RC, et al. effetti del yogurt isoflavone-completato della soia sui parametri del lipido e sullo sviluppo di aterosclerosi in conigli ipercolesterolemici: uno studio di prova alla cieca randomizzato. Salute DIS dei lipidi. 2009;8:40.

26. Hanson LN, HM di Engelman, Alekel DL, Schalinske chilolitro, Kohut ml, MB di Reddy. Effetti degli isoflavoni e del fitato della soia su omocisteina, su proteina C-reattiva e su stato del ferro in donne postmenopausali. J Clin Nutr. 2006 ottobre; 84(4): 774-80.

27. RH di Lukaczer D, di Liska DJ, di Lerman, et al. effetto di una dieta glycemic bassa di indice con la proteina di soia e fitosteroli sui fattori di rischio di CVD in donne postmenopausali. Nutrizione. 2006 febbraio; 22(2): 104-13.

28. Nagarajan S. Mechanisms delle funzioni anti-aterosclerotiche delle diete a base di soia. Biochimica di J Nutr. 2010 aprile; 21(4): 255-60.

29. Xu SZ, Zhong W, Ghavideldarestani m., Saurabh R, interruttore di Lindow, Atkin SL. Meccanismi multipli degli isoflavoni della soia contro la lesione indotta da stress ossidativa dell'endotelio. Med libero di biol di Radic. 15 luglio 2009; 47(2): 167-75.

30. Xiao CW, Mei J, legno cm. Effetto delle proteine di soia e degli isoflavoni sul metabolismo dei lipidi e sull'espressione genica implicata. Front Biosci. 2008;13:2660-73.

31. Reynolds K, Chin A, KA di Lees, Nguyen A, Bujnowski D, lui J. Una meta-analisi dell'effetto del completamento della proteina di soia sui lipidi del siero. J Cardiol. 1° settembre 2006; 98(5): 633-40.

32. Atteritano m., Marini H, Minutoli L, et al. effetti della genisteina di phytoestrogen su alcuni preannunciatori del rischio cardiovascolare in donne osteopenic e postmenopausali: un randomizzato biennale, prova alla cieca, studio controllato con placebo. J Clin Endocrinol Metab. 2007 agosto; 92(8): 3068-75.

33. Welty FK, Lee KS, Lew NS, JUNIOR di Zhou. Effetto dei dadi della soia su pressione sanguigna e sui livelli di lipidi in donne postmenopausali ipertese, prehypertensive e normotese. Med dell'interno dell'arco. 28 maggio 2007; 167(10): 1060-7.

34. Orgaard A, effetti di Jensen L. The degli isoflavoni della soia su obesità. Med di biol di Exp (Maywood). 2008 settembre; 233(9): 1066-80.

35. Azadbakht L, Kimiagar m., Mehrabi Y, Esmaillzadeh A, Hu FB, WC di Willett. Consumo della soia, indicatori di infiammazione e funzione endoteliale: uno studio dell'incrocio in donne postmenopausali con la sindrome metabolica. Cura del diabete. 2007 aprile; 30(4): 967-73.

36. Azadbakht L, Kimiagar m., Mehrabi Y, et al. inclusione della soia nella dieta migliora le caratteristiche della sindrome metabolica: uno studio randomizzato dell'incrocio in donne postmenopausali. J Clin Nutr. 2007 marzo; 85(3): 735-41.

37. Shidfar F, Ehramphosh E, Heydari I, Haghighi L, Hosseini S, Shidfar S. Effects del fagiolo della soia sul paraoxonase del siero 1 attività e lipoproteina in donne postmenopausali iperlipidiche. Alimento Sci Nutr di Int J. 2009 maggio; 60(3): 195-205.

38. Wang J, Zhang R, Xu Y, Zhou H, Wang B, Li S. Genistein inibisce lo sviluppo di aterosclerosi via l'inibizione dell'espressione N-F-kappaB e VCAM-1 nei topi di knock-out di LDLR. Può J Physiol Pharmacol. 2008 novembre; 86(11): 777-84.

39. Garrido A, De la Maza MP, Hirsch S, isoflavoni di Valladares L. Soy colpisce la densità del ricevitore del trombossano A2 della piastrina ma non i lipidi del plasma in donne della menopausa. Maturitas. 20 giugno 2006; 54(3): 270-6.

40. De Leo F, Panarese S, Gallerani R, Ceci LR. Peptidi inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE): produzione e implementazione di alimento funzionale. DES di Curr Pharm. 2009;15(31):3622-43.

41. Speroni F, Rebolledo A, Salemme S, et al. effetti di genisteina su Ca2+ che tratta nell'arteria ombelicale umana: inibizione del rilascio del reticolo sarcoplasmico Ca2+ e di canali tensione-azionati di Ca2+. Biochimica di J Physiol. 2009 giugno; 65(2): 113-24.

42. Ghosh D, azione di Scheepens A. Vascular dei polifenoli. Mol Nutr Food Res. 2009 marzo; 53(3): 322-31.

43. Paulo m., Salvador millimetro, DOS Anjos Neto Filho m., MB di Montes, Franceschini SA, sig. di Toloi. Effetto degli estratti dell'isoflavone dal glycine max su danno endoteliale umano delle cellule e su produzione dell'ossido di azoto. Menopausa. 2009 maggio-giugno; 16(3): 539-44.

44. La TA di Velasquez, Bhathena SJ. Ruolo della proteina di soia dietetica nell'obesità. Int J Med Sci. 2007;4(2):72-82.

45. Wong JM, Kendall CW, de Souza R, et al. L'effetto sul profilo del lipido del sangue degli alimenti della soia si è combinato con un prebiotic: una prova controllata randomizzata. Metabolismo. 21 gennaio 2010.

46. Azadbakht L, Shakerhosseini R, Atabak S, Jamshidian m., Mehrabi Y, effetto di Esmaill-Zadeh A. Beneficiary della proteina di soia dietetica sull'abbassamento dei livelli del plasma di lipido e sul miglioramento della funzione del rene in diabete di tipo II con nefropatia. EUR J Clin Nutr. 2003 ottobre; 57(10): 1292-4.

47. Lo SR di Teixeira, il KA di Tappenden, Carson L, et al. consumo di proteine isolato della soia riduce l'escrezione urinaria dell'albumina e migliora il profilo del lipido del siero negli uomini con il diabete di tipo 2 mellito e la nefropatia. J Nutr. 2004 agosto; 134(8): 1874-80.

48. Azadbakht L, Atabak S, assunzione della proteina di soia di Esmaillzadeh A., indici cardiorenal e proteina C-reattiva in diabete di tipo 2 con nefropatia: un test clinico randomizzato longitudinale. Cura del diabete. 2008 aprile; 31(4): 648-54.

49. Gonzalez S, Jayagopal V, Kilpatrick es, Chapman T, Atkin SL. Effetti del completamento dietetico dell'isoflavone sui fattori di rischio cardiovascolari in diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2007 luglio; 30(7): 1871-3.

50. Tubo ea, Gobert CP, Se dei capi, Darlington GA, Lampe JW, Duncan. La proteina di soia riduce il colesterolo del siero LDL ed il colesterolo di LDL: Colesterolo di HDL e apolipoproteina B: rapporti di A-I dell'apolipoproteina in adulti con il diabete di tipo 2. J Nutr. 2009 settembre; 139(9): 1700-6.

51. Vaisman N, Lansink m., Rouws CH, et al. alimentazione di metropolitana con un'alimentazione diabete-specifica per 12 settimane migliora il controllo glicemico nei pazienti del diabete di tipo 2. Clin Nutr. 2009 ottobre; 28(5): 549-55.

52. Li Z, Hong K, Saltsman P, et al. efficacia a lungo termine delle sostituzioni a base di soia del pasto contro un piano individualizzato di dieta nel tipo obeso pazienti di II DM: effetti relativi su perdita di peso, sui parametri metabolici e sulla proteina C-reattiva. EUR J Clin Nutr. 2005 marzo; 59(3): 411-8.

53. Chilowatt di Cho, Lee OH, Banz WJ, Moustaid-Moussa N, Shay N-F, Kim YC. La daidzeina ed il metabolita di daidzeina, equol, migliorano la differenziazione del adipocyte e l'attività trascrizionale di PPARgamma. Biochimica di J Nutr. 21 settembre 2009.

54. Deibert P, Konig D, Schmidt-Trucksaess A, et al. perdita di peso senza massa perdente del muscolo negli oggetti pre-obesi ed obesi indotti da una dieta della alto-soia-proteina. Int J Obes Relat Metab Disord. 2004 ottobre; 28(10): 1349-52.

55. DB di Allison, Gadbury G, Schwartz LG, et al. Una formula a base di soia novella della sostituzione del pasto per perdita di peso fra gli individui obesi: un test clinico controllato randomizzato. EUR J Clin Nutr. 2003 aprile; 57(4): 514-22.

56. Le assunzioni del prodotto di Nanri A, di Mizoue T, di Takahashi Y, et al. della soia e dell'isoflavone sono associate con un più a basso rischio del diabete di tipo 2 in donne giapponesi di peso eccessivo. J Nutr. 2010 marzo; 140(3): 580-6.

57. Demer LL, Tintut Y. Mechanisms che collega osteoporosi con la calcificazione cardiovascolare. Rappresentante di Curr Osteoporos. 2009 luglio; 7(2): 42-6.

58. Dijsselbloem N, Vanden Berghe W, De Naeyer A, fito-prodotti farmaceutici dell'isoflavone di Haegeman G. Soy negli affetti interleukin-6. Nutraceuticals multiuso alla strada trasversale della terapia anticancro ed antinfiammatoria della sostituzione dell'ormone. Biochimica Pharmacol. 15 settembre 2004; 68(6): 1171-85.

59. Gallo D, Zannoni GF, Apollonio P, et al. caratterizzazione del profilo farmacologico di un estratto standardizzato della soia nel modello ovariectomizzato del ratto di menopausa: effetti sull'osso, sull'utero e sul profilo del lipido. Menopausa. 2005 settembre-ottobre; 12(5): 589-600.

60. Zhang Y, Li Q, HY pallido, GRUPPO DI LAVORO di Helferich, sig.ra di Wong. La genisteina e un estratto della soia differenziale colpiscono i parametri tridimensionali dell'osso e l'espressione genica osso-specifica in topi ovariectomizzati. J Nutr. 2009 dicembre; 139(12): 2230-6.

61. Byun JS, Lee ss. Effetto della soia e delle canavalie ensiformi sul metabolismo dell'osso in un modello del ratto di osteoporosi. Ann Nutr Metab. 2010;56(2):106-12.

62. Harkness LS, Fiedler K, Sehgal AR, Oravec D, riassorbimento dell'osso di Lerner E. Decreased con il completamento dell'isoflavone della soia in donne postmenopausali. La salute delle donne di J (Larchmt). 2004 novembre; 13(9): 1000-7.

63. Il YE YB, Tang DI X-Y, Verbruggen mA, Unione Sovietica YX. Gli isoflavoni della soia attenuano la perdita dell'osso in donne cinesi postmenopausali in anticipo: una prova randomizzata e controllata con placebo a singolo-cieco. EUR J Nutr. 2006 settembre; 45(6): 327-34.

64. Arjmandi BH, Lucas ea, Khalil DA, et al. L'un completamento della proteina di soia di anno ha gli effetti positivi sugli indicatori di formazione dell'osso ma non densità ossea in donne postmenopausali. Nutr J. 2005; 4: 8.

65. Proteina di Newton chilometro, di LaCroix AZ, di imposizione L, et al. di soia e densità minerale ossea in uomini più anziani ed in donne: una prova randomizzata. Maturitas. 20 ottobre 2006; 55(3): 270-7.

66. La canzone Y, Paik HY, Joung H. Soybean e assunzione dell'isoflavone della soia indica un cambiamento positivo nella densità minerale ossea per 2 anni in giovani donne coreane. Ricerca di Nutr. 2008 gennaio; 28(1): 25-30.

67. Maskarinec G, Verheus m., Steinberg FM, et al. varie dosi degli isoflavoni della soia non modifica la densità mamografica in donne postmenopausali. J Nutr. 2009 maggio; 139(5): 981-6.

68. RM di Fleming. Che effetto, all'occorrenza, la proteina di soia ha sul tessuto del seno? Cancro Ther di Integr. 2003 settembre; 2(3): 225-8.

69. Luna YJ, Wang X, Morris ME. Flavonoidi dietetici: effetti su metabolismo xenobiotico e carcinogeno. Toxicol in vitro. 2006 marzo; 20(2): 187-210.

70. Banerjee S, Li Y, Wang Z, Sarkar FH. terapia Multi-mirata a di cancro dalla genisteina. Cancro Lett. 8 ottobre 2008; 269(2): 226-42.

71. Kang NJ, chilowatt di Lee, Rogozin ea, et al. Equol, un metabolita della daidzeina dell'isoflavone della soia, inibisce la trasformazione delle cellule neoplastici mirando alla via di MEK/ERK/p90RSK/activator protein-1. Biol chim. di J. 9 novembre 2007; 282(45): 32856-66.

72. Yamamoto S, Sobue T, Kobayashi m., Sasaki S, Tsugane S. Soy, isoflavoni e rischio di cancro al seno nel Giappone. Cancro nazionale Inst di J. 18 giugno 2003; 95(12): 906-13.

73. Ingestione di cibo di Shu XO, di Zheng Y, di Cai H, et al. della soia e sopravvivenza del cancro al seno. JAMA. 2009; 302(22): 2437-43.

74. Kumar N, Allen K, Riccardi D, Kazi A, Heine J. Isoflavones in chemoprevention del cancro al seno: dove andiamo di qui? Front Biosci. 1° settembre 2004; 9:2927-34.

75. Trock BJ, Hilakivi-Clarke L, Clarke R. Meta-analysis dell'assunzione della soia e del rischio di cancro al seno. Cancro nazionale Inst di J. 5 aprile 2006; 98(7): 459-71.

76. Constantinou AI, bianco È, Tonetti D, et al. La daidzeina dell'isoflavone della soia migliora la capacità del tamoxifene di impedire i tumori mammari. Cancro di EUR J. 2005 marzo; 41(4): 647-54.

77. Simmen RC, Eason RR, fino a SR, et al. inibizione da di tumorigenesis mammario indotto NMU da soia dietetica. Cancro Lett. 16 giugno 2005; 224(1): 45-52.

78. Ruolo di Sarkar FH, di Adsule S, di Padhye S, di Kulkarni S, di Li Y. The della genisteina e derivati del sintetico dell'isoflavone nella prevenzione del cancro e nella terapia. Mini Rev Med Chem. 2006 aprile; 6(4): 401-7.

79. Distacco di Zava, Duwe G. Estrogenic e proprietà antiproliferative della genisteina e di altri flavonoidi in cellule di cancro al seno umane in vitro. Cancro di Nutr. 1997;27(1):31-40.

80. Kumar N.B.:, maestro del coro A, Allen K, Riccardi D, CE di Cox. Il ruolo specifico degli isoflavoni sul metabolismo dell'estrogeno in donne premenopausa. Cancro. 15 febbraio 2002; 94(4): 1166-74.

81. Sig.ra di Kurzer. Effetti ormonali di soia in donne premenopausa ed in uomini. J Nutr. 2002 marzo; 132(3): 570S-73S.

82. Ms di Sakla, Shenouda NS, Ansell PJ, Macdonald RS, DB di Lubahn. La genisteina colpisce la concentrazione nella proteina HER2, l'attivazione ed il regolamento del promotore in cellule di cancro al seno umane BT-474. Ghiandola endocrina. 2007 agosto; 32(1): 69-78.

83. Holzbeierlein JM, McIntosh J, Thrasher JB. Il ruolo dei phytoestrogens della soia nel carcinoma della prostata. Curr Opin Urol. 2005 gennaio; 15(1): 17-22.

84. Bektic J, Guggenberger R, IE di Eder, et al. effetti molecolari della genisteina del isoflavonoid nel carcinoma della prostata. Carcinoma della prostata di Clin. 2005 settembre; 4(2): 124-9.

85. Wang J, IE di Eltoum, Lamartiniere CA. La genisteina altera la segnalazione di fattore di crescita nel modello transgenico della prostata (BARBONE). Mol Cell Endocrinol. 30 aprile 2004; 219 (1-2): 171-80.

86. EM di Araldi, Dell'aica I, Sogno I, Lorusso G, Garbisa S, Albini A. Natural ed agenti sintetici che mirano all'infiammazione ed all'angiogenesi per il chemoprevention di carcinoma della prostata. Obiettivi della droga di Cancro di Curr. 2008 marzo; 8(2): 146-55.

87. Davis JN, Kucuk O, Djuric Z, Sarkar FH. Il completamento dell'isoflavone della soia in uomini in buona salute impedisce l'attivazione della N-F-kappa B dall'TNF-alfa nei linfociti del sangue. Med libero di biol di Radic. 1° giugno 2001; 30(11): 1293-302.

88. Swami S, Krishnan avoirdupois, Moreno J, et al. inibizione di sintesi della prostaglandina ed azioni dalla genisteina in cellule di carcinoma della prostata umane e dagli isoflavoni della soia nei pazienti di carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 1° maggio 2009; 124(9): 2050-9.

89. McCormick DL, Johnson WD, Bosland MC, RA di Lubet, Steele VE. Chemoprevention di carcinogenesi della prostata del ratto dagli isoflavoni della soia e dall'inibitore dell'arciere-Birk. Cancro di Nutr. 2007;57(2):184-93.

90. Wang J, IE di Eltoum, Lamartiniere CA. Chemoprevention di genisteina di carcinoma della prostata nei topi del BARBONE. J Carcinog. 2007;6:3.

91. Fritz WA, Wang J, IE di Eltoum, Lamartiniere CA. La genisteina dietetica giù-regola l'espressione del ricevitore dell'estrogeno e dell'androgeno nella prostata del ratto. Mol Cell Endocrinol. 15 gennaio 2002; 186(1): 89-99.

92. Hamilton-Reeves JM, Rebello SA, Thomas W, Slaton JW, sig.ra di Kurzer. di isolato ricco d'isoflavone della proteina di soia sopprime l'espressione del ricevitore dell'androgeno senza alterare la ricevitore-beta espressione dell'estrogeno o i profili ormonali del siero negli uomini ad ad alto rischio di carcinoma della prostata. J Nutr. 2007 luglio; 137(7): 1769-75.

93. Wang X, Clubbs ea, Bomser JA. La genisteina modula la proliferazione delle cellule epiteliali della prostata via le vie chinasi-dipendenti segnale-regolate extracellulari e dell'estrogeno. Biochimica di J Nutr. 2006 marzo; 17(3): 204-10.

94. Dalais FS, Meliala A, Wattanapenpaiboon N, et al. effetti dei ricchi di una dieta nei phytoestrogens sull'antigene prostatico specifico e ormoni sessuali in uomini diagnosticati con carcinoma della prostata. Urologia. 2004 settembre; 64(3): 510-5.

95. Murillo G, Choi JK, pentola O, Constantinou AI, Mehta RG. Efficacia della farina di soia e del cece nella soppressione dei fuochi aberranti della cripta nei due punti dei topi CF-1. Ricerca anticancro. 2004 settembre-ottobre; 24 (5A): 3049-55.

96. Nakamura Y, Yogosawa S, Izutani Y, Watanabe H, Otsuji E, Sakai T. Una combinazione di indol-3-carbinol e di genisteina induce sinergico gli apoptosi in cellule umane del tumore del colon HT-29 inibendo la fosforilazione di Akt e la progressione di autophagy. Mol Cancer. 2009;8:100.

97. Yang G, Shu XO, Li H, et al. studio di gruppo futuro sull'ingestione di cibo della soia e rischio di cancro colorettale in donne. J Clin Nutr. 2009 febbraio; 89(2): 577-83.

98. Kim EJ, Shin HK, parco JH. La genisteina inibisce la segnalazione del tipo di insulina del ricevitore di fattore-Io della crescita in cellule di tumore del colon umane HT-29: un meccanismo possibile dell'effetto inibitorio di crescita della genisteina. J Med Food. Inverno 2005; 8(4): 431-8.

99. Steinberg FM, Guthrie CA di nl, Villablanca, Kumar K, Murray MJ. La proteina di soia con gli isoflavoni ha effetti favorevoli sulla funzione endoteliale che sono indipendenti dal lipido e dagli effetti antiossidanti in donne postmenopausali in buona salute. J Clin Nutr. 2003 luglio; 78(1): 123-30.

100. Siti CK, bottaio BC, Toth MJ, Gastaldelli A, Arabshahi A, Barnes S. Effect di un supplemento quotidiano della proteina di soia sulla secrezione dell'insulina e della composizione corporea in donne postmenopausali. Fertil Steril. 2007 dicembre; 88(6): 1609-17.

101. Liu ZM, Sc noioso, Chen YM, YP noioso. Un effetto favorevole delicato della proteina di soia con gli isoflavoni su composizione corporea--una prova alla cieca di 6 mesi ha randomizzato la prova controllata con placebo fra le donne postmenopausali cinesi. Int J Obes (Lond). 2010 febbraio; 34(2): 309-18.

102. Phytoestrogens dell'estratto di Ferrari A. Soy con la dose elevata degli isoflavoni per i sintomi della menopausa. Ricerca di J Obstet Gynaecol. 2009 dicembre; 35(6): 1083-90.

103. Siefker K, RA di DiSilvestro. Sicurezza ed effetti antiossidanti di un intervento modesto della proteina di soia nei pazienti di emodialisi. J Med Food. Caduta 2006; 9(3): 368-72.

104. Gilani GS, KA di Cockell, Sepehr E. Effects dei fattori antinutrizionali su digeribilità della proteina e su disponibilità dell'aminoacido in alimenti. J l'aoac Int. 2005 maggio-giugno; 88(3): 967-87.

105. RA di Palacios MF, di Pasqua, Soltwedel KT, et al. effetto di varietà e di elaborazione della soia sulla prestazione di crescita di giovani pulcini e maiali. J Anim Sci. 2004 aprile; 82(4): 1108-14.

106. Fasina YO, HL di Classen, Garlich JD, Swaisgood LUI, Clare DA. Lo studio della possibilità del lectin del monitoraggio livella nelle farine di soia commerciali destinate all'alimentazione di del pollame facendo uso della farina di soia riscaldata a vapore come modello. Pollo giovane Sci. 2003 aprile; 82(4): 648-56.

107. Vasconcelos IM, maia aa, Siebra ea, et al. uno studio nutrizionale di due cultivar brasiliane della soia (glycine max) che differiscono nel contenuto delle proteine antinutrizionali e tossiche. Biochimica di J Nutr. 2001 gennaio; 12(1): 55-62.

108. IE di Liener. Implicazioni delle componenti antinutrizionali in alimenti della soia. Rev Food Sci Nutr di Crit. 1994;34(1):31-67.

109. Solomons nanowatt, malnutrizione di Torun B. Infantile nei tropici. Annuncio di Pediatr. 1982 dicembre; 11(12): 991-1002.

110. Hydovitz JD. Avvenimento del gozzo in un infante su una dieta della soia. Med di N Inghilterra J. 18 febbraio 1960; 262:351-3.

111. Divi RL, Dott. di Doerge. Inibizione di perossidasi della tiroide dai flavonoidi dietetici. Ricerca Toxicol di Chem. 1996 gennaio-febbraio; 9(1): 16-23.

112. Divi RL, Chang HC, Dott. di Doerge. Isoflavoni di antitiroide dalla soia: isolamento, caratterizzazione e meccanismi di azione. Biochimica Pharmacol. 15 novembre 1997; 54(10): 1087-96.

113. Dott di Doerge, Chang HC. Inattivazione della perossidasi della tiroide dagli isoflavoni della soia, in vitro e in vivo. Vita Sci di J Chromatogr B Analyt Technol Biomed. 25 settembre 2002; 777 (1-2): 269-79.

114. Dott di Doerge, Sheehan dm. Attività gozzogena e estrogena degli isoflavoni della soia. Circondi la salute Perspect. 2002 giugno; 110 supplementi 3:349-53.

115. Chang HC, Dott. di Doerge. La genisteina dietetica inattiva la perossidasi della tiroide del ratto in vivo senza un effetto ipotiroideo evidente. Toxicol Appl Pharmacol. 2000 1° novembre; 168(3): 244-52.

116. Bruce B, Messina m., Spiller GA. I supplementi dell'isoflavone non colpiscono la funzione della tiroide in donne postmenopausali iodio-piene. J Med Food. Inverno 2003; 6(4): 309-16.

117. Dillingham BL, McVeigh BL, Lampe JW, Duncan. Gli isolati della proteina di soia del contenuto vario dell'isoflavone non influenzano gli ormoni tiroidei del siero nei giovani in buona salute. Tiroide. 2007 febbraio; 17(2): 131-7.

118. Freni-Titulaer LW, Cordero JF, eglefino L, Lebron G, Martinez R, macina JL. Thelarche prematuro nel Porto Rico. Una ricerca dei fattori ambientali. Bambino di J DIS. 1986 dicembre; 140(12): 1263-7.

119. Bhatia J, Greer F. Use delle formule a base di proteine della soia nell'alimentazione infantile. Pediatria. 2008 maggio; 121(5): 1062-8.

120. Dees C, JS adottivo, Ahamed S, estrogeni di Wimalasena J. Dietary stimola le cellule umane del seno per entrare nel ciclo cellulare. Circondi la salute Perspect. 1997 aprile; 105 supplementi 3:633-6.

121. Petrakis nl, Barnes S, re EB, et al. influenza stimolatore dell'isolato della proteina di soia sulla secrezione del seno in donne pre- e postmenopausali. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 1996 ottobre; 5(10): 785-94.