Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2010
Rapporti

State mangiando più calorie che pensate
E che cosa potete fare per proteggere voi stessi


Da Julius Goepp, MD

Nuova prova coercitiva per CR stabilito Mimetics

Resveratroli

Il resveratrolo, il più ampiamente conosciuto del mimetics del CR, è un polifenolo trovato il abbondantemente nelle pelli dell'uva del vino rosso come pure in molti altri frutti scuro colorati, rappresentanti in parte i loro effetti dipromozione conosciuti.59 la sua capacità di attivare i sirtuins sono stati documentati completamente nella letteratura scientifica.26,59-64

Nuova prova coercitiva per CR stabilito Mimetics

Mentre un attivatore e un antiossidante potenti del sirtuin per diritto proprio, resveratroli inoltre mobilita una serie di processi dell'antiossidante interni alle cellule.59,65-69 questi effetti combinati sono responsabili della capacità del resveratrolo di impedire il danno ossidativo dopo attacco di cuore o il colpo, dirigendosi fuori da molte delle sue conseguenze micidiali.70 similmente, la funzione antiossidante del resveratrolo è accreditata la prevenzione del danno di un neurone osservato in Alzheimer ed in altre malattie neurodegenerative.63,68,71,72

Il resveratrolo inoltre inibisce i prodotti finiti avanzati di glycation (età) che risultano dall'esposizione per tutta la vita a glucosio in sangue-entrambi effetti e cause del diabete di tipo 2. Il resveratrolo inibisce dalla la crescita eccessiva indotta da età delle cellule di muscolo liscio in pareti del vaso sanguigno.73 protegge gli animali da laboratorio da danno del rene in diabete della fase iniziale inserendosi un sistema protettivo degli enzimi chiamato chinasi treonina/della serina monofosfato-attivata adenosina (AMPK).74

Il resveratrolo migliora la sensibilità dell'insulina e regola l'espressione genetica dei adipokines pericolosi, citochine prodotte dal tessuto grasso, che sono associate con lo sviluppo del diabete e le conseguenze della sindrome metabolica.75 all'inizio del 2010 è stato scoperto che il resveratrolo riduce il peso corporeo ed il contenuto di grassi in animali obesi con i suoi effetti su espressione genica e su attività enzimatiche.76

Pterostilbene

Pterostilbene è un polifenolo strettamente connesso ai resveratroli, ma con gli attributi unici, compreso le capacità potenti di riduzione dei lipidi e di Cancro-impedimento.77,78 ha capacità antiossidanti potenti, pulenti i radicali liberi distruttivi ed inibenti dalla la perdita indotta da ossidante dell'elettrolito dalle cellule.79 animali diabetici completati con pterostilbene dimostrano i miglioramenti notevoli nei loro sistemi antiossidanti cellulari nocivi.80 ha completato l'inversione notevole di esperienza dei ratti dei deficit conoscitivi relativi all'età.81 Astonishingly, il pterostilbene inserisce i geni che governano la produzione degli enzimi antiossidanti intracellulari quale superossido dismutasi (ZOLLA).82

Pterostilbene è stato indicato direttamente più in basso a glicemia, che può contribuire ad impedire la formazione di età. Notevolmente, la capacità dei pterostilbene di abbassare il glucosio era comparabile a quella di metformina, un farmaceutico utilizzato nella gestione del diabete.83

Pterostilbene

Pterostilbene visualizza gli effetti d'impedimento potenti relativi alla sua capacità di impedire o riparare il danno del DNA, uno dei primi punti nell'inizio del cancro. Inibisce lo sviluppo delle lesioni precancerose nei modelli del topo di cancro al seno, similmente ai resveratroli.79 e pterostilbene può impedire l'espressione dei geni che promuovono altrimenti la metastasi del cancro; inoltre è stato indicato per inibire la crescita metastatica del melanoma maligno e per estendere la sopravvivenza ospite.84

Come i suoi resveratroli del parente prossimo, il pterostilbene è forse più noto per i suoi effetti d'estinzione potenti, che raggiunge, come di consueto, da parecchi meccanismi complementari. Pterostilbene inibisce l'enzima onnipresente COX-2 responsabile della produzione delle prostaglandine infiammatorie, che inoltre sono comprese nel creare la sensazione di dolore.85 Pterostilbene inoltre mirano alle cellule infiammatorie chiamate macrofagi, riducenti la loro capacità di moltiplicarsi; ciò ha applicazione enorme ad aterosclerosi, che richiede i macrofagi attivati di iniziare le placche infiammatorie micidiali.86,87

Estratto del seme dell'uva

Gli estratti di semi dell'uva (GSE) influenzano favorevole l'espressione dei geni in questione nell'invecchiamento cellulare, dante loro una vasta matrice dei benefici multitargeted.88,89

GSE è stato indicato per migliorare lo stato antiossidante e per fare diminuire dall'l'ossidazione indotta da radicale libera della proteina nei cervelli dei ratti di invecchiamento.90 uno studio 2009 su tipo - 2 diabetici ad ad alto rischio della malattia cardiovascolare hanno indicato che GSE ha migliorato significativamente gli indicatori di infiammazione, dello sforzo ossidativo e della glicemia su un periodo di quattro settimane.91

Le indennità-malattia cardiovascolari notevoli di GSE inoltre derivano dalla loro capacità di combattere i prodotti finiti avanzati di glycation (età) in tessuto endoteliale.92,93

GSE efficacemente combatte le risposte infiammatorie in tutto il corpo modificando l'espressione genica. Uno studio iniziale ha trovato le alterazioni utili in un'espressione di 13 proteine in tessuto cerebrale sole.88 GSE hanno inibito facilmente le risposte infiammatorie della piastrina alle dosi raggiungibili in esseri umani, dimostranti un effetto protettivo vascolare supplementare.94 e GSE ha commutato fuori “dal N-F-KB infiammatorio della molecola matrice„ in topi esposti a radiazione UV, contribuente ad attenuare dall'l'infiammazione indotta da ossidante.95

Quercetina

Estratto del seme dell'uva

La quercetina del polifenolo protegge il tessuto endoteliale da danno ossidativo impedendo l'ossidazione di colesterolo di LDL, uno degli offensori principali nella cascata di aterosclerosi.96,97 inoltre riduce la nuova produzione dei grassi dalle cellule di fegato.La capacità antiossidante di 98 quercetine impedisce l'ingrossamento del cuore causato da sovraccarico di pressione sanguigna in animali da laboratorio.99 da un meccanismo differente, la quercetina impedisce la migrazione e la proliferazione delle cellule di muscolo della parete della nave in risposta allo sforzo ossidativo ed alle piastrine attivate.100

La quercetina riduce acutamente l'espressione genetica delle citochine infiammatorie importanti, suggerente il suo uso per il trattamento di circostanze allergiche ed altre infiammatorie.L'infiammazione 101.102 svolge un ruolo vitale nello sviluppo e nella malattia cardiovascolare del cancro pure e gli effetti antinfiammatori della quercetina conducono ad invasività riduttrice dei cancri al seno sicuri ed a produzione riduttrice delle molecole di adesione in endothelia vascolare.103,104

Tè nero

Il consumo di tè nero ampiamente è conosciuto per migliorare lo stato antiossidante di circolazione in esseri umani.I 105.106 altri costituenti del tè nero polifenoli e sono particolarmente notevoli per i loro effetti protettivi cardiovascolari.107 questi sorgono tramite un ospite di collegamento dei meccanismi antiossidante-mediati compreso l'aggregazione riduttrice della piastrina, la funzione endoteliale migliore e l'infiammazione vascolare riduttrice.108-110

Le componenti di tè nero sono inibitori potenti del glycation e possono impedire le cataratte diabetiche, ulteriori provando le loro credenziali mimetiche della restrizione di caloria.111 a differenza della maggior parte delle altre sostanze nutrienti che abbiamo discusso, i polifenoli del tè nero direttamente non riduca la produzione dei prodotti finiti avanzati di glycation (età); piuttosto, li intrappolano mentre sono prodotti, riducenti le loro concentrazioni in tessuti.112,113

Attivi i vostri geni di longevità senza fame

Gli scienziati stimano che 30 milione Americani affrontino i rischi letali di eccessivo apporto energetico, anche se sembrano sottili ed in buona salute.

Quercetina

Questi risultati in modo allarmante sottolineano la sfida enorme di prevenzione l'apporto energetico in eccesso e degli ostacoli di impresa del regime calorico della restrizione.

Fortunatamente, la ricerca all'avanguardia ha portato alla luce una manciata di sostanze nutrienti che possono simulare sicuro molti degli effetti della restrizione calorica. Ciascuno funziona ad un modo multitargeted e complementare. Queste sostanze nutrienti sono state indicate all'ossidazione di limite, riducono il glycation, limitano o persino riparano il danno del DNA, acquietano l'infiammazione, sostengono la salute mitocondriale e migliorano la funzione delle unità secondarie cellulari chiamate proteasomes e lisosomi.

Oltre al prolungamento della vita naturale di mimetics del CR cinque esaminato all'inizio di quest'anno, un sixth è stato identificato ha chiamato il fisetin. Ottimizza i livelli del glutatione antiossidante endogeno in cellule, fattori degli obiettivi implicati nell'invecchiamento del cervello e può anche migliorare l'azione dei resveratroli.

Per leggere un rapporto scientifico approfondito che descrive tutti benefici documentati delle sostanze nutrienti mimetiche della restrizione di caloria, colleghi a www.LifeExtension.com/Calorie-Restriction

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Romero-recinto per bestiame A, Somers VK, Sierra-Johnson J, et al. obesità normale del peso: un fattore di rischio per i disturbi della fisioregolazione cardiometabolic e la mortalità cardiovascolare. Cuore J. 2010 di EUR marzo; 31(6): 737-46.

2. Winslow R. “le scale può trovarsi. Grasso nascosto: Il nuovo studio discute anche la gente sottile può affrontare i rischi sanitari da grasso; È “l'obesità normale„„ Wall Street Journal del peso. Sezione del battito cardiaco. 26 gennaio 2010.

3. Ardigo D, Valtuena S, Zavaroni I, Baroni MC, complicazioni di Delsignore R. Pulmonary in diabeti melliti: il ruolo di controllo glycemic. La droga di Curr mira all'allergia di Inflamm. 2004 dicembre; 3(4): 455-8

4. Sc di Chang, Ziegler RG, Dunn B, et al. associazione di apporto energetico e del bilancio energetico con cancro al seno postmenopausale nella prostata, nel polmone, nel colorettali e prova ovarica dello screening dei tumori. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 febbraio; 15(2): 334-41.

5. Fujita A, Hashimoto Y, Nakahara K, Tanaka T, Okuda T, Koda M. Effects di una dieta ipocalorica del vegano su attività di malattia e delle condizioni generali in pazienti con l'artrite reumatoide. Rinsho Byori. 1999 giugno; 47(6): 554-60.

6. Andersson COSÌ, Wolk A, Bergström R, et al. energia, assunzione nutriente e rischio di carcinoma della prostata: uno studio basato sulla popolazione di caso-control in Svezia. Cancro di Int J. 11 dicembre 1996; 68(6): 716-22.

7. Filtri SY, l'interruttore di DesMeules m., di Morrison H, di Wen, et al. l'obesità, l'assunzione dell'alta energia, la mancanza di attività fisica ed il rischio di cancro del rene. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 dicembre; 15(12): 2453-60.

8. Dahl A, Hassing libbra, Fransson E, et al. Essendo metà della vita in- di peso eccessivo è associato con abilità conoscitiva più bassa ed il declino conoscitivo più ripido nella vita tarda. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2010 gennaio; 65(1): 57-62.

9. Colman RJ, RM di Anderson, Sc di Johnson, et al. la restrizione calorica ritarda l'inizio e la mortalità di malattia in resi. Scienza. 10 luglio 2009; 325(5937): 201-4.

10. Froy O, Miskin R. Effect di alimentazione dei regimi sui ritmi circadiani: implicazioni per invecchiare e la longevità. Invecchiare (Albany NY). 11 dicembre 2010; 2(1): 7-27.

11. Lefevre m., Redman LM, Heilbronn LK, et al. la restrizione calorica da solo e con l'esercizio migliora il rischio di CVD in individui non obesi in buona salute. Aterosclerosi. 2009 marzo; 203(1): 206-13.

12. Witte avoirdupois, Fobker m., Gellner R, Knecht S, la restrizione di Flöel A. Caloric migliora la memoria in esseri umani anziani. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 27 gennaio 2009; 106(4): 1255-60.

13. Wang ZQ, Floyd ZE, Qin J, et al. modulazione della segnalazione dell'insulina del muscolo scheletrico con la restrizione calorica cronica in cynomolgus monkeys. Diabete. 2009 luglio; 58(7): 1488-98.

14. Kr della ONG, Sims AH, Harvie m., et al. biomarcatori della restrizione di energia dietetica in donne al rischio aumentato di cancro al seno. Ricerca di Prev del Cancro (Phila Pa). 2009 agosto; 2(8): 720-31.

15. Assunzione di Kimira m., di Arai Y, di Shimoi K, di Watanabe S. Japanese dei flavonoidi e isoflavonoids dagli alimenti. J Epidemiol. 1998 agosto; 8(3): 168-75.

16. Il legno JG, Rogina B, Lavu S, et al. attivatori di Sirtuin imita la restrizione calorica e ritarda invecchiare nei metazoans. Natura. 5 agosto 2004; 430(7000): 686-9.

17. Maher P. Modulation delle vie multiple in questione nel mantenimento della funzione di un neurone durante l'invecchiamento dal fisetin. Geni Nutr. 10 settembre 2009.

18. Maher P, Akaishi T, fisetin di Abe K. Flavonoid promuove il potenziamento a lungo termine ERK-dipendente e migliora la memoria. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 31 ottobre 2006; 103(44): 16568-73.

19. Maher P, Salgado KF, Zivin JA, PA di Lapchak. Un approccio novello alla schermatura per i composti neuroprotective nuovi per il trattamento del colpo. Brain Res. 10 ottobre 2007; 1173:117-25.

20. De Santi C, Pietrabissa A, Spisni R, Mosca F, GM di Pacifici. Sulphation dei resveratroli, di un composto naturale presente in vino e della sua inibizione dai flavonoidi naturali. Xenobiotica. 2000 settembre; 30(9): 857-66.

21. McCay cm, Crowel MF. Prolungamento della durata. Il mensile scientifico. 1934 novembre; 39(5): 405-14.

22. McCay cm, Crowell MF, LA di Maynard. L'effetto di crescita ritardata sopra la lunghezza della durata e sopra l'ultima dimensione corporea. Nutrizione. 1935;5:155-71.

23. Filogenesi Sirtuin/Sir2 di Greiss S, di Gartner A., considerazioni evolutive e conservazione strutturale. Mol Cells. 2009 novembre; 28(5): 407-15.

24. Kang H, Jung JW, Kim Mk, Chung JH. CK2 è il regolatore di affinità substrato-legante SIRT1, di attività di deacetylase e della risposta cellulare aDNA-danno. PLoS uno. 14 agosto 2009; 4(8): e6611.

25. Yamagata K, Kitabayashi I. Sirt1 interagisce fisicamente con Tip60 e negativamente regola l'acetilazione di Tip60-mediated di H2AX. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 25 dicembre 2009; 390(4): 1355-60.

26. Allard JS, Perez E, Zou S, attivatori dietetici di de Cabo R. di Sirt1. Mol Cell Endocrinol. 5 febbraio 2009; 299(1): 58-63.

27. Chen IY, Lypowy J, dolore J, et al. istone H2A.z è essenziale per l'ipertrofia cardiaca del miocita ma si oppone a dal regolatore silenzioso 2alpha di informazioni. Biol chim. di J. 14 luglio 2006; 281(28): 19369-77.

28. M. Inflammaging di avanzamento (infiammazione + invecchiamento): Una forza motrice per invecchiamento umano basato su una teoria evolutionarily antagonistica di pleiotropia? Tendenze di Biosci. 2008 dicembre; 2(6): 218-30.

29. Ms di Goligorsky, Chen J, senescenza prematura di Patschan S. Stress-induced delle cellule endoteliali: uno stato pericoloso fra il recupero ed il punto di non ritorno. Curr Opin Hematol. 2009 maggio; 16(3): 215-9.

30. W, Wang Y, Zhang MZ, et al. attivazione Sirt1 protegge il midollo renale del topo dalla lesione ossidativa. J Clin investe. 2010 aprile; 120(4): 1056-68.

31. Kim HS, Patel K, Muldoon-Jacobs K, et al. SIRT3 è un soppressore mitocondrio-localizzato del tumore richiesto per mantenimento di integrità mitocondriale e metabolismo durante lo sforzo. Cellula tumorale. 19 gennaio 2010; 17(1): 41-52.

32. Kume S, Uzu T, Horiike K, et al. la restrizione di caloria migliora l'adattamento delle cellule ad ipossia con autophagy mitocondriale di Sirt1-dependent in rene invecchiato topo. J Clin investe. 2010 aprile; 120(4): 1043-55.

33. Shi T, fan GQ, deviazione standard di Xiao. SIRT3 riduce l'accumulazione del lipido via l'attivazione di AMPK in cellule epatiche umane. J Dig Dis. 2010 febbraio; 11(1): 55-62.

34. Yang Y, Cimen H, Han MJ, et al. deacetylase SIRT3 di NAD+-dependent regola la sintesi delle proteine mitocondriale dal deacetylation della proteina ribosomiale MRPL10. Biol chim. di J. 5 marzo 2010; 285(10): 7417-29.

35. Yoshizaki T, Schenk S, Imamura T, et al. SIRT1 inibisce le vie infiammatorie in macrofagi e modula la sensibilità dell'insulina. J Physiol Endocrinol Metab. 2010 marzo; 298(3): E419-28.

36. Fontana L. Neuroendocrine scompone nel regolamento di infiammazione: eccessiva restrizione di caloria e di adiposità. Exp Gerontol. 2009 gennaio-febbraio; 44 (1-2): 41-5.

37. Kassi E, Papavassiliou AG. Ha potuto il glucosio essere un fattore proaging? Cellula Mol Med di J. 2008 agosto; 12(4): 1194-8.

38. Vlassara H, Uribarri J, Ferrucci L, et al. identificante i prodotti finiti avanzati di glycation come fonte importante di ossidanti nell'invecchiamento: implicazioni per la gestione e/o la prevenzione della funzione renale riduttrice in persone anziane. Semin Nephrol. 2009 novembre; 29(6): 594-603.

39. Selsby JT, giudice AR, Yimlamai T, Leeuwenburgh C, Dodd SL. La restrizione lunga di caloria di vita aumenta le proteine del colpo di calore e l'attività proteasome in muscoli soleo dei ratti di Fisher 344. Exp Gerontol. 2005 gennaio-febbraio; 40 (1-2): 37-42.

40. Opalach K, Rangaraju S, Madorsky I, Leeuwenburgh C, la restrizione di caloria di Notterpek L. Lifelong allevia il danno ossidativo relativo all'età in nervi periferici. Ricerca di ringiovanimento. 2010 febbraio; 13(1): 65-74.

41. Firuzi O, Lacanna A, Petrucci R, Marrosu G, Saso L. Evaluation dell'attività antiossidante dei flavonoidi “dall'analisi di potere antiossidante riducentesi ferrico„ e dalla voltammetria ciclica. Acta di Biochim Biophys. 18 gennaio 2005; 1721 (1-3): 174-84.

42. Hou DX, Fukuda m., Johnson JA, Miyamori K, Ushikai m., Fujii M. Fisetin induce la trascrizione di NADPH: gene dell'ossidoriduttasi del chinone con un'attivazione elemento-implicata rispondente antiossidante. Int J Oncol. 2001 giugno; 18(6): 1175-9.

43. Kampkotter A, Gombitang Nkwonkam C, Zurawski rf, et al. effetti del kempferolo e del fisetin dei flavonoidi sul thermotolerance, sforzo ossidativo e fattore di trascrizione DAF-16 di FoxO nel caenorhabditis elegans di modello dell'organismo. Arco Toxicol. 2007 dicembre; 81(12): 849-58.

44. Cohen HY, Miller C, Bitterman kJ, et al. la restrizione di caloria promuove la sopravvivenza della cellula di mammiferi inducendo il deacetylase SIRT1. Scienza. 16 luglio 2004; 305(5682): 390-2.

45. Masternak millimetro, Bartke A. PPARs nella caloria ha limitato e topi geneticamente longevi. Ricerca di PPAR. 2007;2007:28436.

46. Luo GR, Le WD. I ruoli collettivi dei chaperon molecolari nelle vie di degradazione della proteina si sono associati con le malattie neurodegenerative. Curr Pharm Biotechnol. 1° febbraio 2010; 11(2): 180-7.

47. Sengupta B, Swenson J. Properties di emoglobina umana normale e glicata in presenza ed assenza di antiossidante. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 2 settembre 2005; 334(3): 954-9.

48. Sengupta B, Banerjee A, Sengupta PK. Interazioni del fisetin flavonoide della pianta con gli obiettivi macromolecolari: comprensioni dagli studi spettroscopici di fluorescenza. J Photochem Photobiol B. 2005 1° agosto; 80(2): 79-86.

49. S Roriz-Filno J, Sa-Roriz TM, Rosset I, et al. (pre) diabete, invecchiamento del cervello e cognizione. Acta di Biochim Biophys. 2009 maggio; 1792(5): 432-43.

50. Maczurek A, Shanmugam K, mastica G. Inflammation ed alla la via redox sensibile di AGE-RAGE come obiettivo terapeutico nel morbo di Alzheimer. Ann N Y Acad Sci. 2008 aprile; 1126:147-51.

51. Wilson JS, Mruthinti S, Buccafusco JJ, et al. la Anti-COLLERA ed i livelli dell'immunoglobulina di Abeta sono collegati con il livello di demenza e la prestazione conoscitiva. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2009 febbraio; 64(2): 264-71.

52. Devasagayam TP, Subramanian m., BB di Singh, Ramanathan R, Das NP. Protezione del DNA del plasmide pBR322 dai flavonoidi contro le rotture unico incagliate indotte dall'ossigeno molecolare della maglietta giro collo. J Photochem Photobiol B. 1995 ottobre; 30 (2-3): 97-103.

53. Watjen W, Michels G, Steffan B, et al. concentrazioni basse di flavonoidi è protettivo in cellule del ratto H4IIE mentre le alte concentrazioni causano il danno e gli apoptosi del DNA. J Nutr. 2005 marzo; 135(3): 525-31.

54. Higa S, Hirano T, Kotani m., et al. Fisetin, un flavonolo, inibisce la produzione di citochina di TH2-type dalle cellule basofile umane attivate. Allergia Clin Immunol di J. 2003 giugno; 111(6): 1299-306.

55. Kaneko m., Koike H, Saito R, Kitamura Y, Okuma Y, Nomura Y. Loss di degradazione della proteina di HRD1-mediated causa l'accumulazione della proteina del precursore dell'amiloide e generazione dell'amiloide \{la beta}. J Neurosci. 17 marzo 2010; 30(11): 3924-32.

56. B cantata, Pandey Mk, BB di Aggarwal. Fisetin, un inibitore della chinasi cyclin-dipendente 6, giù-regola i prodotti antiapoptotic e metastatici fattore-kappaB-regolati nucleari di proliferazione delle cellule, del gene con la soppressione di TAK-1 e dell'attivazione proteina-regolata d'interazione della chinasi di IkappaBalpha. Mol Pharmacol. 2007 giugno; 71(6): 1703-14.

57. CS di Chien, Shen KH, Huang JS, Sc di Ko, Shih YW. Il potenziale di Antimetastatic del fisetin comprende l'inattivazione delle vie di segnalazione di JNK e di PI3K/Akt con il downregulation delle espressioni MMP-2/9 in cellule del carcinoma della prostata PC-3. Mol Cell Biochem. 2010 gennaio; 333 (1-2): 169-80.

58. Il fisetin flavonoide di Maher P. The promuove la sopravvivenza delle cellule nervose da ritiro trofico di fattore dal potenziamento di attività proteasome. Biochimica Biophys dell'arco. 15 agosto 2008; 476(2): 139-44.

59. Trans-resveratroli di Orallo F.: un elisir magico della gioventù eterna? Curr Med Chem. 2008;15(19):1887-98.

60. Alcain FJ, Villalba JM. Attivatori di Sirtuin. Brevetto di Opin Ther dell'esperto. 2009 aprile; 19(4): 403-14.

61. Zhang J. Resveratrol inibisce le risposte dell'insulina in una via di SirT1-independent. Biochimica J. 2006 1° agosto; 397(3): 519-27.

62. Dasgupta B, Milbrandt J. Resveratrol stimola l'attività della chinasi di AMP in neuroni. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 24 aprile 2007; 104(17): 7217-22.

63. Karuppagounder ss, pinto JT, Xu H, HL di Chen, Beal MF, Gibson GE. Il completamento dietetico con i resveratroli riduce la patologia della placca in un modello transgenico del morbo di Alzheimer. Neurochem Int. 2009 febbraio; 54(2): 111-8.

64. Sadruddin S, Arora R. Resveratrol: implicazioni biologiche e terapeutiche. J Cardiometab Syndr. Primavera 2009; 4(2): 102-6.

65. La LA di Stivala, Savio la m., Carafoli F, et al. fattori determinanti strutturali specifici è responsabile dell'attività antiossidante e degli effetti del ciclo cellulare dei resveratroli. Biol chim. di J. 22 giugno 2001; 276(25): 22586-94.

66. Effetti antiossidanti di I. Different di Ozgova S, di Hermanek J, dell'intestino dei polifenoli su perossidazione lipidica e radicali ossidrili nel NADPH-, nell'Fe-ascorbato e nei sistemi Fe-microsomici. Biochimica Pharmacol. 1° ottobre 2003; 66(7): 1127-37.

67. Subbaramaiah K, Chung WJ, Michaluart P, et al. resveratrolo inibisce la trascrizione cyclooxygenase-2 e l'attività in cellule epiteliali mammarie umane estere-trattate phorbol. Biol chim. di J. 21 agosto 1998; 273(34): 21875-82.

68. Pallas m., Casadesus G, Smith mA, et al. resveratroli e malattie neurodegenerative: attivazione di SIRT1 come la via potenziale verso il neuroprotection. Ricerca di Curr Neurovasc. 2009 febbraio; 6(1): 70-81.

69. Khan millimetro, Ahmad A, Ishrat T, et al. resveratrolo attenua dallo lo svuotamento ossidativo indotto da idrossidopamina di danno 6 e della dopamina nel modello del ratto della malattia del Parkinson. Brain Res. 30 aprile 2010; 1328:139-51.

70. Raval AP, Kr di Dave, Perez-Pinzon mA. Il resveratrolo imita il presupposto ischemico nel cervello. Flusso sanguigno Metab di J Cereb. 2006 settembre; 26(9): 1141-7.

71. ST di Anekonda. Resveratroli--un vantaggio per il trattamento del morbo di Alzheimer? Brain Res Rev. 2006 settembre; 52(2): 316-26.

72. ST di Anekonda, Reddy pH. Protezione di un neurone dai sirtuins nel morbo di Alzheimer. J Neurochem. 2006 gennaio; 96(2): 305-13.

73. Mizutani K, Ikeda K, Yamori Y. Resveratrol inibisce spontaneamente dall'l'attività indotta da età della sintesi del collagene e di proliferazione in cellule di muscolo liscio vascolari dai ratti ipertesi colpo-inclini. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 2000 21 luglio; 274(1): 61-7.

74. Ding il DF, N, Wu XM, et al. resveratrolo attenuate l'ipertrofia renale in diabete della fase iniziale da AMPK d'attivazione. J Nephrol. 20 marzo 2010; 31(4): 363-74.

75. Kang L, Heng W, yuan A, Baolin L, Fang H. Resveratrol modula l'espressione di adipokine e migliora la sensibilità dell'insulina nei adipocytes: Riguardante inibizione di risposte infiammatorie. Biochimie. 25 febbraio 2010.

76. Szkudelska K, Szkudelski T. Resveratrol, obesità e diabete. EUR J Pharmacol. 19 marzo 2010.

77. Rimando, Kalt W, Magee JB, Dewey J, JUNIOR di Ballington. Resveratroli, pterostilbene e piceatannol nelle bacche del vaccinio. Alimento chim. di J Agric. 28 luglio 2004; 52(15): 4713-9.

78. Rimando, Nagmani R, Dott del Feller, Yokoyama W. Pterostilbene, un nuovo agonista per l'alfa-isoforma proliferatore-attivata peroxisome del ricevitore, abbassa le lipoproteine del plasma ed il colesterolo in criceti ipercolesterolemici. Alimento chim. di J Agric. 4 maggio 2005; 53(9): 3403-7.

79. Rimando, Cuendet m., Desmarchelier C, Mehta RG, Pezzuto JM, duca SO. Attività chemopreventive ed antiossidanti di pterostilbene, un analogo naturale del Cancro dei resveratroli. Alimento chim. di J Agric. 5 giugno 2002; 50(12): 3453-7.

80. Amarnath Satheesh m., Pari L. Il ruolo antiossidante di pterostilbene in da diabete di tipo 2 indotto streptozotocin nicotinammide mellito nei ratti di Wistar. J Pharm Pharmacol. 2006 novembre; 58(11): 1483-90.

81. Dott di Joseph JA, di Fisher, Cheng V, Rimando, B. Cellular Shukitt-sano ed effetti comportamentistici degli analoghi di resveratroli dello stilbene: implicazioni per la riduzione degli effetti deleteri di invecchiamento. Alimento chim. di J Agric. 26 novembre 2008; 56(22): 10544-51.

82. Priego S, Feddi F, Ferrer P, et al. polifenoli naturali facilita l'eliminazione degli xenotrapianti colorettali del cancro HT-29 da chemoradiotherapy: un meccanismo 2 del dipendente del superossido dismutasi e di Bcl-2-. Mol Cancer Ther. 2008 ottobre; 7(10): 3330-42.

83. Manickam m., Ramanathan m., Jahromi mA, Chansouria JP, Ray ab. Attività Antihyperglycemic dei composti fenolici dal pterocarpus marsupium. J Nat Prod. 1997 giugno; 60(6): 609-10.

84. Ferrer P, Asensi m., Segarra R, et al. l'associazione fra pterostilbene e la quercetina inibisce l'attività metastatica del melanoma B16. Neoplasia. 2005 gennaio; 7(1): 37-47.

85. Hougee S, Faber J, sabbiatrici A, et al. inibizione selettiva COX-2 da un estratto di pterocarpus marsupium caratterizzato da pterostilbene e la sua attività in volontari umani in buona salute. Med di Planta. 2005 maggio; 71(5): 387-92.

86. Billack B, Radkar V, valutazione in vitro di Adiabouah C. delle proprietà citotossiche ed antiproliferative dei resveratroli e di varie dei suoi analoghi. Cellula Mol Biol Lett. 2008;13(4):553-69.

87. Boyle JJ. Attivazione del macrofago nell'aterosclerosi: patogenesi e farmacologia della rottura della placca. Curr Vasc Pharmacol. 2005 gennaio; 3(1): 63-8.

88. Deshane J, Chaves L, Sarikonda chilovolt, et al. analisi di Proteomics delle modulazioni della proteina del cervello del ratto dall'estratto del seme dell'uva. Alimento chim. di J Agric. 29 dicembre 2004; 52(26): 7872-83.

89. Salas A, Subirada F, Perez-Enciso m., et al. assunzione del polifenolo della pianta altera l'espressione genica in leucociti canini. J Nutrigenet Nutrigenomics. 2009;2(1):43-52.

90. Balu m., Sangeetha P, Murali G, proteina ossidativa di Panneerselvam C. Age-related danneggia in sistema nervoso centrale dei ratti: ruolo modulatory dell'estratto del seme dell'uva. Sviluppatore Neurosci di Int J. 2005 ottobre; 23(6): 501-7.

91. Kar P, Laight D, Rooprai HK, Shaw chilometro, Cummings M. Effects dell'estratto del seme dell'uva nel tipo - 2 oggetti diabetici all'alto rischio cardiovascolare: un doppio placebo randomizzato cieco ha controllato la prova che esamina gli indicatori metabolici, il tono vascolare, l'infiammazione, lo sforzo ossidativo e la sensibilità dell'insulina. Med di Diabet. 2009 maggio; 26(5): 526-31.

92. Adisakwattana S, Jiphimai P, Prutanopajai P, Chanathong B, Sapwarobol S, Ariyapitipan T. Evaluation delle attività inibitorie di glycation dell'alfa-glucosidasi, dell'alfa amilasi e della proteina delle piante commestibili. Alimento Sci Nutr di Int J. 29 gennaio 2010.

93. Farrar JL, Hartle dk, Hargrove JL, Greenspan P. Inhibition del glycation della proteina dalle pelli e dai semi dell'uva del moscato. Biofactors. 2007;30(3):193-200.

94. Vitseva O, Varghese S, Chakrabarti S, Folts JD, Freedman JE. Gli estratti del seme e della pelle dell'uva inibiscono la funzione della piastrina ed il rilascio dei mediatori reattivi dell'ossigeno. J Cardiovasc Pharmacol. 2005 ottobre; 46(4): 445-51.

95. Cheah KY, Howarth GS, Yazbeck R, et al. l'estratto del seme dell'uva protegge le cellule IEC-6 da da citotossicità indotta da chemioterapia e migliora i parametri di piccola mucosite intestinale in ratti con dalla la mucosite indotta da sperimentale. Biol Ther del Cancro. 2009 febbraio; 8(4): 382-90.

96. Reiterer G, Toborek m., Hennig B. Quercetin protegge da da disfunzione endoteliale porcina indotta da acido linoleica delle cellule. J Nutr. 2004 aprile; 134(4): 771-5.

97. Cirico TL, st di Omaye Effetti additivi o sinergici dei composti fenolici su ossidazione umana della lipoproteina di densità bassa. Alimento Chem Toxicol. 2006 aprile; 44(4): 510-6.

98. Gnoni GV, Paglialonga G, Siculella L. Quercetin inibisce la sintesi del triacilglicerolo e dell'acido grasso in cellule del ratto-fegato. L'EUR J Clin investe. 2009 settembre; 39(9): 761-8.

99. Han JJ, Hao J, Kim CH, Hong JS, Ahn HY, Lee YS. La quercetina impedisce l'ipertrofia cardiaca indotta da sovraccarico di pressione in ratti. Veterinario Med Sci di J. 2009 giugno; 71(6): 737-43.

100. Ishizawa K, Izawa-Ishizawa Y, Ohnishi S, et al. glucuronide della quercetina inibisce la migrazione e la proliferazione delle cellule dal fattore di crescita piastrina-derivato in cellule di muscolo liscio vascolari. J Pharmacol Sci. 2009 febbraio; 109(2): 257-64.

101. Il min iarda, Choi CH, corteccia H, et al. quercetina inibisce l'espressione delle citochine infiammatorie con attenuazione del N-F-kappaB e di p38 MAPK nella linea cellulare umana dell'albero HMC-1. Ricerca di Inflamm. 2007 maggio; 56(5): 210-5.

102. Il PA di Ruiz, Braune A, Holzlwimmer G, Quintanilla-para la L, Haller D. Quercetin inibisce dall'l'assunzione indotta TNF di fattore di trascrizione N-F-kappaB ai promotori proinflammatory del gene in cellule epiteliali intestinali murine. J Nutr. 2007 maggio; 137(5): 1208-15.

103. Lin CW, WC di Hou, Sc di Shen, et al. inibizione della quercetina dell'invasione del tumore via la soppressione dell'attivazione della matrice metalloproteinase-9 di PKC delta/ERK/AP-1-dependent in cellule di carcinoma del seno. Carcinogenesi. 2008 settembre; 29(9): 1807-15.

104. Ying B, Yang T, canzone X, et al. quercetina inibisce dall'l'espressione indotta da beta IL-1 ICAM-1 nella linea cellulare epiteliale polmonare A549 con le vie di MAPK. Mol Biol Rep. 2009 settembre; 36(7): 1825-32.

105. Sc di Langley-Evans Il consumo di tè nero suscita un aumento nel potenziale antiossidante del plasma in esseri umani. Alimento Sci Nutr di Int J. 2000 settembre; 51(5): 309-15.

106. Duffy SJ, Keaney JF, Jr., Holbrook m., et al. consumo a breve e a lungo termine del tè nero inverte la disfunzione endoteliale in pazienti con la coronaropatia. Circolazione. 10 luglio 2001; 104(2): 151-6.

107. Stangl V, Lorenz m., Stangl K. Il ruolo di tè e dei flavonoidi del tè nella salute cardiovascolare. Mol Nutr Food Res. 2006 febbraio; 50(2): 218-28.

108. Hodgson JM, Puddey IB, Burke V, watt di GF, Beilin LJ. L'ingestione regolare di tè nero migliora la funzione del vasodilatatore dell'arteria brachiale. Clin Sci (Lond). 2002 febbraio; 102(2): 195-201.

109. Widlansky ME, Duffy SJ, Amburgo nanometro, et al. effetti del consumo del tè nero sulle catechine del plasma e sugli indicatori dello sforzo ossidativo e dell'infiammazione in pazienti con la coronaropatia. Med libero di biol di Radic. 15 febbraio 2005; 38(4): 499-506.

110. Steptoe A, EL di Gibson, Vuononvirta R, et al. Gli effetti dell'assunzione cronica del tè sull'attivazione e sull'infiammazione della piastrina: una prova controllata del placebo della prova alla cieca. Aterosclerosi. 2007 agosto; 193(2): 277-82.

111. Vinson JA, Zhang J. Black ed i tè verdi inibiscono ugualmente le cataratte diabetiche da un in un modello indotto streptozotocin del ratto del diabete. Alimento chim. di J Agric. 4 maggio 2005; 53(9): 3710-3.

112. Lo CY, Li S, Tan D, pentola MH, ha cantato la S, CT noioso. Reazioni dell'intrappolamento delle specie reattive del carbonilico con i polifenoli del tè nelle circostanze fisiologiche simulate. Mol Nutr Food Res. 2006 dicembre; 50(12): 1118-28.

113. Tan D, Wang Y, Lo CY, CT noioso. Methylglyoxal: i suoi organismi saprofagi di potenziale e di presenza. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2008; 17 supplementi 1:261-4.