Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2010
Nelle notizie

Il tè verde ha potuto aiutare le malattie di combattimento dell'occhio

Le catechine del tè verde possono penetrare il tessuto dell'occhio, che può contribuire a proteggere dal glaucoma e da altre malattie dell'occhio, secondo i ricercatori di Hong Kong.

Il "chi" Pui Pang dell'università cinese di Hong Kong e di colleghi ha amministrato oralmente un estratto del tè verde ai ratti ed ha misurato la catechina e 8 livelli del epi-isoprostane (un indicatore dello sforzo ossidativo) nei tessuti dell'occhio degli animali agli intervalli di tempo varianti fino a 20 ore più successivamente. Il gruppo ha trovato la distribuzione variante delle catechine in tutto la cornea degli animali, la lente, la retina, lo coroidico-sclera, l'umore vitroso e l'umore acquoso. Una riduzione significativa del epi-isoprostane 8 rapidamente ha seguito l'amministrazione del tè verde e bene è stata mantenuta in tutti i tessuto e liquido esaminati ad eccezione dello coroidico-sclera, dimostrante l'attività antiossidante delle catechine assorbenti da questi areas.*

“I nostri risultati indicano che il consumo del tè verde potrebbe avvantaggiare l'occhio contro lo sforzo ossidativo,„ gli autori concludono.

— Dayna Dye

Riferimento

* Alimento chim. di J Agric. 10 febbraio 2010; 58(3): 1523-34.
La nota del redattore: La consegna delle sostanze nutrienti oralmente consumate all'occhio può essere più di meno di ottimale. Questo studio rassicura coloro che consuma il tè verde ed i supplementi del tè verde che le catechine del tè penetrano il tessuto dell'occhio per esercitare i loro benefici antiossidanti.

Mangiando più cioccolato connesso con meno eventi cardiovascolari

Mangiando più cioccolato connesso con meno eventi cardiovascolari

Un articolo pubblicato nel giornale europeo del cuore rivela più buone notizie per gli amanti del cioccolato: il consumo del così piccolo come quadrato di cioccolato al giorno ha potuto contribuire a ridurre il rischio di ipertensione e di cuore disease.*

Il Dott. Brian Buijsee dell'istituto tedesco dell'alimentazione umana e dei suoi colleghi ha analizzato i dati da 19.357 partecipanti al braccio di Potsdam della ricerca futura europea su Cancro, che ha iscritto 27.548 uomini e donne invecchiati mezzo fra 1994 e 1998. Gli oggetti sono stati seguiti per una media di 8 anni.

I partecipanti di cui l'assunzione del cioccolato era fra il più alto 25% ad una media di 7,5 grammi al giorno hanno avuti la pressione sanguigna più bassa e un 39% più a basso rischio di avvertire l'attacco di cuore o il colpo hanno confrontato agli oggetti di cui l'assunzione era più bassa a 1,7 grammi al giorno.

I ricercatori attribuiscono i benefici osservati in questo studio al contenuto del flavanolo del cioccolato.

— Dayna Dye

Riferimento

* EUR cuore J. 2010 31 marzo.
La nota del redattore: I membri del prolungamento della vita ottengono i polifenoli concentrati del cacao (da cioccolato fondente) in molti dei supplementi che prendono.

Il completamento di Multinutrient riduce il grasso corporeo ed i lipidi in donne obese

Un articolo ha pubblicato nel giornale internazionale dei rapporti dell'obesità un effetto positivo su perdita grassa e la riduzione dei lipidi in donne obese che hanno consumato un supplement.* multinutrient quotidiano

C.H. Sun ed i soci all'università medica di Harbin hanno randomizzato 96 donne per ricevere un placebo quotidiano, una compressa del calcio, o un supplemento minerale e del multivitaminico. Dopo 26 settimane, le donne che hanno ricevuto il supplemento multinutrient hanno avute il peso corporeo significativamente più basso, l'indice di massa corporea, la massa del grasso, il quoziente respiratorio ed il totale e colesterolo di LDL; ed il dispendio energetico più elevato di riposo ed i livelli di HDL hanno paragonato ai livelli della linea di base e del placebo. I partecipanti che hanno ricevuto il calcio da solo hanno avuti LDL più basso e livelli elevati di HDL che il gruppo del placebo alla conclusione della prova.

“I risultati di questo studio sostengono la nozione che oltre a calcio, gli individui obesi hanno bisogno di altri vitamine e minerali per il metabolismo energetico d'equilibratura, peso corporeo di controllo e per il miglioramento dei profili del lipido,„ la nota degli autori.

— Dayna Dye

Riferimento

* Int J Obes. 9 febbraio 2010.
La nota del redattore: Un supplemento multinutrient non solo assicura l'assunzione adeguata del minerale e della vitamina mentre è a dieta, ma, secondo questo studio, può assistere nella perdita di peso.

DHA distrugge le cellule di neuroblastoma

DHA distrugge le cellule di neuroblastoma

Un'edizione recente del giornale di FASEB riferisce la scoperta degli scienziati all'istituto di Karolinska dell'abilità di acido docosaesaenoico, o DHA, alle cellule di neuroblastoma di uccisione in vitro. *

Helena Gleissman, il PhD ed i suoi colleghi hanno verificato l'effetto di DHA sulle cellule coltivate di neuroblastoma e le hanno analizzate per i sottoprodotti metabolici di DHA. Hanno trovato che mentre DHA stesso ha distrutto le cellule tumorali, i derivati dell'acido grasso erano ancor più efficaci ad uccidere queste cellule.

Lo studio corrente e la ricerca precedente indicano che mentre DHA è stato dimostrato per contribuire a proteggere le cellule neurali dagli apoptosi indotti da stress (morte programmata delle cellule), inoltre inducono gli apoptosi in cellule di neuroblastoma. “Speriamo che questo studio possa fornire una comprensione più profonda delle azioni degli acidi grassi omega-3 e dei loro prodotti in cellule tumorali e perché possono essere di tale alta importanza nel trattamento della malattia,„ il Dott. Gleissman ha commentato.

— Dayna Dye

Riferimento

* FASEB J. 2010 marzo; 24(3): 906-15.
La nota del redattore: Gli autori notano che l'individuazione può avere implicazioni per altri cancri pure.

La fibra solubile migliora la funzione immune

La fibra solubile migliora la funzione immune

Un articolo nei rapporti del cervello, di comportamento e di immunità l'individuazione dei ricercatori all'università dell'Illinois che la fibra solubile riduce l'infiammazione e rinforza function.* immune

Gregory Freund ed i colleghi hanno fatto a topi le diete a basso contenuto di grassi che contengono la fibra insolubile o la fibra solubile dalla pectina dell'agrume per 6 settimane, dopo di che gli animali hanno ricevuto un'iniezione del lipopolysaccharide, che suscita gli effetti dell'infezione batterica. “Due ore dopo l'iniezione del lipopolysaccharide, i topi hanno alimentato la fibra solubile erano come l'altro gruppo ed essi hanno recuperato 50% più presto,„ co-author che malato soltanto mezzo Christina Sherry ha riferito. “E le differenze fra i gruppi hanno continuato ad essere pronunciate tutta l'uscita a 24 ore. In soltanto sei settimane, questi animali hanno avuti profondo, positivo cambia in loro sistemi immunitari.„

“La fibra solubile cambia la personalità di immune cellula-essi va da essere cellule pro-infiammatorie e arrabbiate alle cellule antinfiammatorie e curative che ci aiutano a recuperare più velocemente dall'infezione,„ il Dott. Freund ha dichiarato.

— Dayna Dye

Riferimento

* Cervello, Behav, Immun. 2010 maggio.
La nota del redattore: La fibra solubile può essere ottenuta consumando l'avena, le mele, l'orzo, i dadi, i semi, gli agrumi, le fragole, le lenticchie e le carote, o usando i supplementi in polvere.

Diete alte nel rischio grasso di aumento di degenerazione maculare

Il consumo in diminuzione di grasso nella sua dieta può contribuire a proteggere dallo sviluppo di degenerazione maculare senile (AMD), secondo i risultati dei carotenoidi nello studio relativo all'età di malattia dell'occhio.

Per la loro ricerca, i ricercatori hanno seguito quasi 2.000 donne invecchiate 50 - 79 come componente dello studio d'osservazione di iniziativa della salute delle più grandi donne. Via l'uso dei questionari e della fotografia retinica, hanno concluso che le donne che hanno consumato i livelli elevati dei grassi polinsaturi dietetici erano approssimativamente due volte probabili avere AMD una volta confrontate a quelle donne che hanno consumato i minimo. Tuttavia, gli acidi grassi monounsatured sono stati associati con un più a basso rischio di AMD.*

“Questa ricerca aggiunge al grande corpo di prova da altri studi per suggerire che l'assunzione ad alta percentuale di grassi sia associata con avere AMD, ma estende la prova per comprendere le fasi precedenti di AMD,„ il ricercatore Niyati Parekh, PhD dell'università di New York, ha detto il prolungamento della vita.

Più ancora di Dott. Parekh spiegato che malgrado i loro risultati, non suggeriscono di distinguere fra i tipi differenti di grassi, come altri fattori possono essere implicati. “Il livello totale di consumo di grassi è stato associato con le più alte probabilità per AMD, senza distinzione circa “tipo„ di grasso,„ ha detto il Dott. Parekh. “In questo campione, i grassi monoinsaturi sono venuto in gran parte da carne e da latte piuttosto di quanto il grasso aggiunto. Di conseguenza, speculiamo che le vitamine ed i minerali che hanno accompagnato questi grassi in alimento possono spiegare più a basso rischio per AMD in alcune donne.„

— Marc Ellman, MD

Riferimento

* Arco Ophthalmol. 2009 novembre; 127(11): 1483-93.

Soia protettiva contro Lung Cancer

Soia protettiva contro Lung Cancer

Il consumo della soia può contribuire ad impedire il cancro polmonare, in base ai risultati di grande studio prospettivo svolto nel Giappone. Per il loro studio, i ricercatori hanno seguito più di 75.000 uomini e donne sopra una media di 11 anno ed hanno trovato che coloro che ha consumato le più alte quantità di isoflavoni, che sono ottenuti soprattutto dai prodotti della soia, hanno avuti la probabilità più bassa del cancro polmonare di sviluppo durante lo studio period.*

Interessante, i ricercatori hanno trovato che l'associazione fra soia aumentata ed il cancro polmonare in diminuzione ha sostenuto soltanto per gli uomini che non hanno fumato mai, ma non in fumatori correnti o precedenti. I risultati erano simili in donne, sebbene meno significativi. Hanno misurato il consumo della soia via un questionario che domandano circa dei i prodotti ricchi di soia compreso la minestra di miso, il latte di soia, la soia fermentata e le varie forme di tofu. Ammettono che non specificamente domandare circa l'uso di supplemento dell'isoflavone era una limitazione del loro studio.

— Marc Ellman, MD

Riferimento

* J Clin Nutr. 2010 marzo; 91(3): 722-8.

Colleen Fitzpatrick può proteggere dal glaucoma

Colleen Fitzpatrick può proteggere dal glaucoma

Colleen Fitzpatrick può essere protettivo contro il glaucoma di normale-tensione, secondo uno studio giapponese. il glaucoma di Normale-tensione è una forma di glaucoma dove il danno del nervo ottico continua malgrado le pressioni intraoculari relativamente basse (rispetto a glaucoma tradizionale dove la pressione intraoculare è elevata). I ricercatori hanno supposto che la vitamina C potesse svolgere un ruolo nel glaucoma dovuto le sue proprietà antiossidanti ed il fatto che la sua concentrazione è 15 volte più su nel liquido acquoso dell'occhio che è nel sangue.

Per il loro studio, i ricercatori alla clinica di subspecialty del glaucoma dell'ospedale universitario di Keio hanno misurato i livelli ematici di vitamine A, di acido folico, di C, di E e di acido urico in 47 pazienti con il glaucoma neo-diagnosticato di normale-tensione. Hanno trovato che i livelli della vitamina C erano significativamente più bassi nei pazienti del glaucoma di normale-tensione che nei comandi sani senza glaucoma (4,6 µg/ml contro 6,3 µg/ml). Inoltre hanno trovato che i livelli elevati dell'acido urico erano nei pazienti del glaucoma. I ricercatori non hanno trovato una differenza statistica nei livelli di vitamine A, di acido folico, o di E.*

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori suggeriscono ulteriore studio nei trattamenti alternativi per il glaucoma. “Il completamento di Colleen Fitzpatrick può essere una terapia alternativa per il glaucoma di normale-tensione,„ il ricercatore Kenya Yuki, MD del cavo, ha detto il prolungamento della vita.

— Marc Ellman, MD

Riferimento

* Arco Clin Exp Ophthalmol di Graefes. 2010 febbraio; 248(2): 243-8.

Continuato alla pagina 2 di 2