Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista marzo 2010
Sulla copertura

Come gli esseri umani invecchianti possono rallentare ed invertire l'aterosclerosi


Da Richard Hathaway

Gli scienziati tempo fa hanno documentato la capacità di HDL (lipoproteina ad alta densità) di eliminare il colesterolo affigguto alle pareti arteriose e di trasportarlo al fegato per disposizione sicura.

Come gli esseri umani invecchianti possono rallentare ed invertire l'aterosclerosi

Ecco perché è così importante mantenere i livelli di HDL superiore a 50 mg/dL di sangue e seguire la vita Extension® di punti ha descritto per assicurare il trasporto inverso ottimale del colesterolo dei lipidi a partire dalla parete arteriosa.

HDL fa più appena pulisce le pareti arteriose di placca. Inoltre protegge LDL dall'ossidazione, mentre inibisce l'infiammazione cronica, le molecole vascolari di adesione e l'attivazione della piastrina— fattori che possono tutti condurre ad aterosclerosi.

Affinchè HDL esegua le sue funzioni vitali, un enzima chiamato paraoxonase-1 (PON-1) è attaccato alla sua superficie.

Mentre gli esseri umani invecchiano, i livelli PON-1 contrassegnato diminuiscono, quindi riducendo la capacità di HDL di proteggere da attacco di cuore e dal colpo. Questo fenomeno contribuisce a spiegare l'inizio di aterosclerosi accelerata; dove durante un periodo soltanto di alcuni anni, le arterie sane di una persona di invecchiamento rapidamente occludono con placca.

La riduzione relativa all'età di PON-1 può anche spiegare gli studi che indicano che le droghe di statina perdono il loro beneficio nelle popolazioni di invecchiamento sicure, poiché gli effetti delle statine non sono più sufficienti da proteggere dai fattori multipli in questione nello sviluppo di aterosclerosi negli anziani.1-3

La perossidazione lipidica è una reazione radicale libera che danneggia severamente le membrane cellulari ed è implicata in una miriade di malattie degeneranti. PON-1 blocca le reazioni distruttive di perossidazione lipidica,4-7 gli che prepara un enzima cruciale affinchè gli esseri umani invecchianti mantenga.

PON-1 è ancorato alla superficie di HDL e sta emergendo come difesa ardua contro aterosclerosi, il diabete, il colpo, l'artrite e determinate forme di cancro.

Le ditte farmaceutiche pagherebbero un riscatto di re una droga che eleva i livelli PON-1 nel corpo. Fortunatamente, gli scienziati hanno scoperto i metodi naturali a basso costo per elevare PON-1 e liberare il suo potere antiossidante ed antinfiammatorio completo.

Questo articolo scopre la ricerca che convalida gli effetti antinvecchiamento di PON-1-and come sostanze nutrienti che la maggior parte dei membri del prolungamento della vita già prendono ad attività di spinta PON-1 per il massimo beneficio.

Riduca i vostri fattori di rischio cardiaci

L'aterosclerosi è una causa della morte principale nel mondo occidentale.8 un corpo crescente di prova clinica suggeriscono che PON-1 (paraoxonase-1) possa servire molto bene da una delle difese primarie del corpo contro di.

Riduca i vostri fattori di rischio cardiaci

PON-1 è un enzima prodotto nel fegato e scaricato nel sangue, in cui attacca esclusivamente alla molecola di HDL.9 come motore enzimatico che sostiene l'azione utile di HDL, PON-1 è stato indicato per inibire l'accumulazione dei lipoperoxides nel processo del colesterolo- di LDL che provoca l'accumulazione di LDL ossidato sulle pareti arteriose, conducente estremamente all'indurimento delle arterie.5,6,10

perdela sua capacità di impedire l'ossidazione di LDL più del tempo e è provato che un calo relativo all'età nei livelli del siero PON-1 può fa parte della ragione.11 conservando l'integrità di HDL, l'attività e l'efficacia, PON-1 gli aiuti HDL proteggono la salute arteriosa.

PON-1 riparte selettivamente i grassi ossidati, fungenti da sistema “di pulizia„ per impedire le molecole ossidate l'avviamento delle cellule infiammatorie nel sangue5,6,12 (uno dei meccanismi di azione dietro il beneficio cuore-protettivo di HDL).13 aumenti nell'attività PON-1 dopo che il consumo del vino rosso ha fornito alcuni dei primi indizi a perché il vino rosso e specificamente il suo componente attivo, resveratrolo, sono protettivi contro le malattie cardiovascolari.14-16

In topi geneticamente costruiti per mancare del gene PON-1, gli scienziati hanno trovato un aumento drammatico nello sforzo ossidativo sui macrofagi, cellule immuni che possono essere caricate con i lipidi ossidati e contribuire ad una cascata pro--atherogenic di infiammazione in pareti della nave.4

Similmente, gli esseri umani con i bassi livelli PON-1 sono al rischio sostanzialmente aumentato per gli eventi cardiovascolari rispetto a coloro che ha livelli normali.17 esseri umani in buona salute dotati davanti la maggior parte della espressione genetica attiva di PON-1 inoltre visualizzano le risposte protettive migliorate agli antiossidanti naturali.10,18 nuovi metodi di misurazione dell'attività PON-1 nella manifestazione del sangue che è correlata al rischio della coronaropatia, indipendentemente dai profili del lipido o dalla terapia di riduzione dei lipidi.19

PON-1 è più strettamente connesso al rischio cardiovascolare in individui già ad ad alto rischio per aterosclerosi. La gente con la malattia renale cronica su emodialisi, per esempio, ha 30% meno attività PON-1 che il normale, che produce una diminuzione facente sussultare di 127% nella funzione antiossidante del loro HDL.20 livelli PON-1, infatti, sono un preannunciatore accurato della mortalità cardiovascolare nei pazienti di emodialisi del rene. I livelli più basso medii PON-1 erano non solo premonitori della mortalità cardiovascolare, ma anche della mortalità per tutte le cause.7

Un'arma potente contro le malattie di invecchiamento

Oltre alla sua capacità di proteggere HDL dall'ossidazione, PON-1 inoltre è stato indicato per idrolizzare (separare) i tiolactoni dell'omocisteina,21 quale sono responsabili di danneggiamento dei vasi sanguigni. Così PON-1 da sè è un protettore del vaso sanguigno.

La prova dalla ricerca animale su PON-1 indica uniformemente che PON-1 è protettivo contro aterosclerosi. Tuttavia, non è stato possibile definitivo determinare se l'attività in diminuzione PON-1 è la causa degli eventi cardiovascolari, o una riflessione degli eventi stesse.6 studi prospettivi sono necessari fare questa determinazione. Finora, c'è stato soltanto uno tale studio ed ha indicato chiaramente che PON-1 basso nel sangue era un fattore di rischio indipendente per gli eventi coronari negli uomini con la coronaropatia preesistente.22

Tuttavia, la conferma sempre più convincente della relazione fra PON-1 e una vasta gamma di fattori di rischio cardiaci ha spinto i ricercatori a ritenere questo enzima “un giocatore nella medicina cardiovascolare„23 e “un obiettivo importante per gli agenti farmacologici futuri puntati su facendo diminuire il rischio cardiovascolare.„9

Un'arma potente contro le malattie di invecchiamento

Con l'asta nell'interesse scientifico in PON-1 durante le due decadi scorse,23 che la gamma documentata di suoi modi di funzionamento di malattia-combattimento nel corpo continua a estendersi. Come l'autorevole ricercatore Janice E. Chambers dell'università di Stato del Mississippi lo mette, PON-1 è emerso come “proteina a funzioni multiple.„24

Un ruolo crescente delle circostanze croniche e relative all'età è stato associato con i livelli pericolosamente bassi PON-1. Inoltre sembrano essere associati con i livelli significativamente elevati di perossidazione lipidica. Ciò a sua volta aumenta la quantità di PON-1 che il corpo di invecchiamento deve compensare l'assalto violento di danneggiamento ossidativo delle cellule sane.

Per fare un esempio, i ricercatori recentemente hanno scoperto che gli individui di peso eccessivo e quelli che soffrono dalla sindrome metabolica visualizzano una diminuzione dimostrabile nell'attività PON-1, rendente li ancora più vulnerabili alla malattia cardiovascolare.25,26

PON-1 svolge una serie di ruoli essenziali nell'impedire il diabete e le sue conseguenze, specialmente nel controllo delle punte postprandiali (del dopo-pasto) in glicemia che producono i prodotti finiti estremamente avanzati di glycation (età). Quando i livelli della glicemia aumentano, la produzione del fegato di PON-1 aumenta pure, possibilmente per compensare l'indotto da stress ossidativo da glucosio.27

Ciò sembra essere la ragione per la quale i livelli PON-1 aumentano quanto segue un pasto in gente non-diabetico, impedente l'ossidazione livella in tessuto sano dall'aumento.28 ma in diabetici e nella gente con tolleranza al glucosio alterata (pre-diabetici), i prodotti dell'ossidazione aumentano rapidamente dopo il cibo. I diabetici realmente hanno una diminuzione significativa nelle concentrazioni postprandiali PON-1, ulteriori amplificando il loro rischio per la malattia cardiovascolare.28

Helicobacter pylori— un batterio connesso molto attentamente con le ulcere ed il cancro dello stomaco-anche soffrono dallo sforzo ossidativo elevato, dai più bassi livelli PON-1 e dal rischio aumentato di aterosclerosi.29 persone con alta omocisteina possono avere molecole disfunzionali di HDL caratterizzate da attività riduttrice PON-1, che sembra rappresentare in parte il loro più alto rischio cardiovascolare.30

Anche quelli con le malattie apparentemente indipendenti invecchiamento-compreso dell'osteoartrite e della degenerazione maculare senile (AMD) — esibisca l'attività diminuita PON-1.31,32 alti LDL ed i bassi livelli del colesterolo di HDL si presentano comunemente in individui con AMD, ulteriore suscettibilità aumentante a perossidazione lipidica ed alla malattia cardiovascolare.

Che cosa dovete conoscere: Rallentando ed invertendo aterosclerosi
  • L'assalto violento continuo di perossidazione- del lipido di danneggiamento del radicale libero della cellula membrana-è un fattore di invecchiamento primario implicato in una miriade di malattie degeneranti.
  • Un enzima poco noto chiamato PON-1 ha fruttato l'interesse scientifico aumentante a causa della sua capacità dimostrata di bloccare la perossidazione lipidica.
  • Gli individui che soffrono dall'obesità, dalla sindrome metabolica, dal diabete, dall'omocisteina elevata e da altre circostanze infiammatorie sono stati indicati per avere bassi livelli PON-1.
  • Una correlazione è stata dimostrata fra i livelli PON-1 ed il rischio della malattia cardiovascolare.
  • Il melograno ed i suoi estratti sono stati indicati potente ai livelli ed all'attività di aumento PON-1 nel sangue.
  • Questo effetto è raggiunto con il upregulation dei geni PON-1, la stabilizzazione dei livelli PON-1 e la protezione da danno ossidativo.
  • La forte prova scientifica indica gli effetti del PON-1-boosting del melograno come ragione chiave per il suo effetto cardioprotective.
  • I resveratroli e la quercetina inoltre stanno emergendo come ripetitori potenziali PON-1.

Continuato alla pagina 2 di 2