Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista marzo 2010
Rapporti

Riduca la pressione-Naturale del sangue
Che Americani possono imparare dalle culture tradizionali circa ipertensione in carico


Da William Davis, MD

Estratto marittimo francese della corteccia

I numerosi studi indicano l'efficacia di un composto antiossidante novello delle proantocianidine e dei bioflavonoidi isolati dalla corteccia del pino marittimo francese che si sviluppa lungo la costa del sud della Francia.

Il pericolo dietetico di ogni giorno

Uno studio dell'università dell'Arizona ha documentato 50% l'esigenza riduttrice del farmaco di pressione sanguigna in partecipanti diabetici che prendono 125 mg di questo composto al giorno.57 interessante, c'era un calo di 23,7 mg/dL in glicemia e in 0,8% riduzioni in emoglobina A1c (una misura di controllo a lungo termine della glicemia). Un altro studio dimostrato ha ridotto l'esigenza del farmaco dello stampo di calcio in partecipanti dati 100 mg al giorno.58

L'estratto marittimo francese della corteccia esercita i suoi effetti antipertensivi bloccando l'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) — simile al meccanismo del enalapril e del lisinoprin degli ACE-inibitore di prescrizione— migliorando (risposta endoteliale del rivestimento della nave) e didascalia gli effetti di adrenalina (epinefrina).59

Antociani

Gli antociani sono classe A di flavonoidi della pianta che confer il colore rosso, porpora e blu ai mirtilli rossi, mirtilli, melanzana, uva, vino rosso, melograno ed altre frutta e verdure similmente colorate. Gli antociani stanno risultando essere persone fuori dal comune potenti per gli effetti sulla salute fra molte migliaia di flavonoidi e di polifenoli identificati fin qui.

Uno studio finlandese su 72 oggetti di mezza età ha esaminato gli effetti di consumo dei due servizi delle bacche giornalmente (un programma alternante di 100 interi mirtilli di g e dei 50 g ha schiacciato il nettare del lingonberry; o passato della fragola o del ribes nero e chokeberry pressato a freddo e succo di lampone) confrontati ad una non bacca che contenente controllo caloria-abbinato. Gli antociani hanno rappresentato il flavonoide dominante a 275 mg dei polifenoli totali di 837 mg al giorno. Il gruppo della bacca ha avvertito una riduzione di una pressione sanguigna sistolica di 7,3 mmHg, con aumento 5,2% in uno studio di HDL.60 A su 50 ml (quasi 2 once) di pressione sanguigna riduttrice di succo ricco d'antociano del melograno da circa 12%, oltre a ridurre lo spessore carotico di intima-media.61

Come l'estratto marittimo francese e la vitamina D della corteccia, gli antociani sono inibitori naturali dell'enzima di conversione dell'angiotensina che aumenta la pressione sanguigna.62 la produzione dell'agente dirilassamento naturale e potente, ossido di azoto, inoltre sono aumentati dagli antociani.63

Alcune delle fonti più ricche di antociani sono bacche di sambuco, chokeberries e mirtilli, che sono difficili da trovare negli Stati Uniti, ma possono essere ottenute come i supplementi ed estratti nutrizionali.

Il pericolo dietetico di ogni giorno

Che alimento può causare la distruzione intestinale infiammatoria devastante che, se non riconosciuta, può condurre all'inabilità ed alla morte?18

Aumenti la glicemia più su e più velocemente dello zucchero di tavola?30

Infiammazione autoimmune di innesco nella tiroide?31

Crei il rigonfiamento intestinale, crampi e diarrea e costipazione alternanti, spesso identificate sindrome di intestino irritabile?32

Indebolisca l'uscita dell'alimento di controllo di muscolo dall'esofago allo stomaco, con conseguente esofagite di riflusso (bruciore di stomaco)?33

Peggiori la schizofrenia in individui suscettibili?34

Contribuisca agli scoppi comportamentistici in bambini con autismo?35,36

Aumenti il rischio di o peggiori le varie malattie infiammatorie quali l'artrite reumatoide, la colite ulcerosa, le dermatiti erpetiformi, il lupus sistemico, la pancreatite e le misure di aumento di infiammazione? 37-42

Causi l'anemia , le oscillazioni di umore, l'affaticamento, la fibromialgia, l'eczema e l'osteoporosi non spiegati?38,43-45

Quell'alimento è grano. Sì, il grano onnipresente siamo invitati a mangiare sempre più dall'usda, dall'associazione americana del cuore, dall'associazione dietetica americana e dall'associazione americana del diabete. Il grano è fra gli ingredienti più distruttivi nella dieta moderna, peggio che lo zucchero, peggio che lo sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio, peggio che affatto il grasso. Che cosa l'altro alimento comune può provocare così estesa lista delle malattie, anche morte?

Pochi alimenti occupano la posizione elevata che il grano ha guadagnato, guadagnante oltre 20.000 pubblicazioni della ricerca nella letteratura medica in questi ultimi 30 anni, molti studi dettaglianti la natura distruttiva ed a volte mortale di questo prodotto dietetico comune. La malattia celiaca da solo colpisce più di 2 milione Americans.46 la letteratura medica sono riempiti spesso di rapporti di caso delle morti da questa malattia, 47 dopo gli anni di lotta con rendare incapace la disfunzione e l'encefalopatia intestinali (infiammazione del cervello).

Che cosa accade quando rimuovete il grano dalla dieta? L'esperienza alla nostra clinica ha indicato che la maggior parte della gente ha sparso rapidamente 20-30 libbre nelle settimane primissime, perse selettivamente dall'addome (che cosa chiamo “pancia del grano "); precipitari della glicemia; i trigliceridi cadono fino a diverse centinaia milligrammi, aumenti di HDL, gocce di LDL (sì, l'eliminazione del grano è mezzi di raggiungimento della riduzione profonda di varietà malattia-causante particolarmente piccola e del cuore di LDL,); e precipitari C-reattivi della proteina. Inoltre, i reclami intestinali gradiscono il dolore, si intossicano ed il rigonfiamento migliora o scompare; il riflusso gastroesofageo scompare spesso; le eruzioni migliorano; i termini infiammatori come l'artrite reumatoide migliorano; il diabete (adulto o tipo - 2) è controllato più facilmente; ed i disordini comportamentistici e l'umore migliorano.

Nella gente che ha malattia celiaca, l'evitare meticoloso il glutine di grano e glutine da altre fonti, compreso segale, compitata ed in orzo, sia necessario. Ma ci sono milioni di Americani che stanno soffrendo l'grano-intolleranza in certa forma, dalle chiazze cutanee all'artrite alla depressione, che sono grano sensibili ma rimangono ignari.

Guardi da degli sforzi dell'industria alimentare per sfruttare l'intolleranza del grano con i prodotti conosciuti liberamente come “il glutine.„ Questi sono generalmente alimenti che non avviano la risposta infiammatoria di grano, ma ancora causano l'alta glicemia, l'obesità ed altre anomalie.

Magnesio

Oltre alla capacità del magnesio di contribuire a dirigere gli attacchi di asma, le emicranie, l'eclampsia e l'pre-eclampsia della gravidanza, i disordini di ritmo cardiaco e la funzione del rene della prerogativa, il completamento del magnesio 64,65 è stata indicata conclusivamente per ridurre la pressione sanguigna.La carenza di magnesio 66 contribuisce un effetto pressione-aumentante del sangue ancora più grande nella regolazione di una dieta americana moderna carente in magnesio ed in ricchi nella situazione del fruttosio-un che aumenta l'infiammazione ed il potenziale per la sindrome metabolica.67

Acidi grassi Omega-3

In uno studio recente, il completamento del magnesio ha ridotto la pressione sanguigna sistolica da 5,6 mmHg e la pressione sanguigna diastolica da 2,8 mmHg.68 persone con la malattia cardiaca possono derivare ancora i maggiori effetti. Uno studio di 50 partecipanti con la malattia cardiaca avanzata ha dimostrato una caduta di 9,0 mmHg della pressione sistolica con il completamento elementare del magnesio di mg 500, malgrado i livelli del magnesio del siero nella gamma normale.69

Gli effetti di riduzione della pressione del sangue del completamento del magnesio possono essere segnati particolarmente in quelli con i bassi livelli del magnesio del siero. Uno studio sul completamento in partecipanti diabetici che cominciano con i bassi livelli del magnesio del siero ha dimostrato una caduta sbalordente di 20,4 mmHg della pressione sanguigna sistolica e una caduta di 8,7 mmHg della pressione diastolica con 450 mg di quotidiano elementare del magnesio.70

Acidi grassi Omega-3

Oltre agli effetti di evento-riduzione cardiovascolari e del trigliceride degli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce, questi oli affascinanti inoltre riducono modestamente la pressione sanguigna. Un'assunzione quotidiana di mg 1,000-3,000 omega-3 degli acidi grassi EPA e DHA riduce la pressione sanguigna sistolica da circa 2,1 mmHg e da pressione diastolica da circa 1,6 mmHg.71 questi effetti di riduzione della pressione del sangue fanno via il blocco del sistema dell'angiotensina, promuovente il rilassamento arterioso (normalizzazione di disfunzione endoteliale), la produzione riduttrice dei mediatori infiammatori e la produzione riduttrice dell'arteria che restringe i fattori.72

Resveratroli

Il vino rosso in quantità modesta è stato dimostrato per ridurre il rischio per la malattia cardiovascolare.73 che molta attenzione ha messo a fuoco sui resveratroli del polifenolo, provenendo dal vino rosso e dall'uva come fonte principale di benefici, compreso gli effetti d'estensione di potenziale dovuto l'attivazione dei geni del sirtuin.74

Resveratroli

Il resveratrolo è stato indicato per inibire l'enzima di conversione dell'angiotensina come mezzi per ridurre modestamente la pressione sanguigna,75 ed inoltre ristabilisce la produzione dell'agente arteria-dilatante naturale, ossido di azoto.76,77

Acetile-L-carnitina

In uno studio preliminare, questo aminoacido ha ridotto la pressione sanguigna sistolica 9 mmHg negli oggetti che prendono due volte 1.000 mg al giorno.78 inoltre, la acetile-L-carnitina ha migliorato le risposte dell'insulina ed ha ridotto la glicemia.

Melatonina

Poiché l'ipertensione notturna è stata associata a un aumentato rischio per gli eventi cardiovascolari,79 l'effetto di melatonina su ipertensione di notte sono stati studiati.

Oltre ai suoi effetti dimiglioramento, melatonina presa a o prima che l'ora di andare a letto riduca la pressione sanguigna durante il sonno. Uno studio ha esaminato gli effetti di notte di un dosaggio di 2,5 mg in 16 uomini; la melatonina ha ridotto la pressione sanguigna sistolica e diastolica durante il sonno da 6 e 4 mmHg, rispettivamente.80 un altro studio di 38 uomini hanno dimostrato che 2 mg di preparato di a rilascio controllato la melatonina hanno ridotto la pressione sistolica da 6 mmHg e la pressione diastolica da 3 mmHg durante il sonno.81

Riassunto

L'assenza virtuale di ipertensione nelle culture tradizionali suggerisce che l'ipertensione sia, per la maggior parte di noi, una situazione che creiamo con la dieta e lo stile di vita moderni. Ritornando di nuovo agli alimenti di base, particolarmente riducendo o eliminando i grani del grano, l'amido di mais e gli zuccheri, possono ridurre sostanzialmente la pressione sanguigna. Selezioni le sostanze nutrienti, molte di cui ristabiliscono le sostanze nutrienti che sono state ottenute più prontamente dalle abitudini alimentari tradizionali ma stanno mancando di nella dieta moderna del giorno, può anche ridurre la pressione sanguigna. Mentre non ognuno che inizia un tal programma durante l'età adulta può sperare interamente di evitare l'ipertensione, questi punti potrebbero contribuire a minimizzare il potenziale di sviluppare questo stato pericoloso.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Il Dott. William Davis fa una campagna per la causa dell'inversione della malattia cardiaca. Pratica la cardiologia a Milwaukee, Wisconsin ed è autore del libro, segue la vostra placca (iUniverse, inc, 2004). Il Dott. Davis può essere contattato con www.trackyourplaque.com.

La nota del redattore

In questo articolo, il Dott. Davis ci ha fornito un'abbondanza di metodi naturali per abbassare la pressione sanguigna.

Come Dott. Davis celebre nell'introduzione, anche i valori di pressione sanguigna modesti superiore a 115/75 aumentano acutamente il rischio della malattia cardiovascolare. Eppure medici convenzionali stanno permettendo la pressione sanguigna del loro paziente di invecchiamento raggiungere i livelli pericolosi di 140/90 prima dell'inizio della terapia dell'ipotensivo.

Infatti, il Home Page di un sito Web della ditta farmaceutica (www.diovan.com) definisce l'ipertensione come 140/90 o più alto.

Questi compagnie farmaceutiche stanno agendo contro il suo proprio interesse economico limitando il numero di persone che è candidati per la sua droga ipotensiva, mentre diffondendo informazioni letali erronee al pubblico.

Invitiamo la maggior parte dei membri del prolungamento della vita a mantenere la loro pressione sanguigna a 115/75 (o abbassarsi) facendo uso dei metodi naturali in primo luogo. Se la pressione sanguigna rimane testardo alta, suggeriamo che una classe sicura ed efficace di droghe ipotensive sia usata abbia chiamato gli antagonisti del ricevitore dell'angiotensina II. Una di queste droghe che abbiamo raccomandato per più una decade è chiamata Cozaar® e dovrebbe essere presa due volte al giorno per mantenere il controllo di 24 ore sopra pressione sanguigna. Un'altra droga in questa classe ha chiamato i reclami di Benicar® controllo di pressione sanguigna di 24 ore con una volta al giorno il dosaggio.

Non dovreste fidarti di alcun farmaco per fornire il controllo di pressione sanguigna di 24 ore. Se siete Benicar® prescritto o qualunque altro ipotensivo, utilizzi un dispositivo casalingo del monitoraggio di pressione sanguigna per assicurarsi che la droga stia fornendo tutto il giorno il controllo di pressione sanguigna alla gamma ottimale di 115/75 o più basso. Un errore importante nel usando le droghe ipotensive è che logorano nel corso della giornata permettere la pressione sanguigna chiodare pericolosamente agli alti livelli.

Potete ottenere i monitor casalinghi affidabili di pressione sanguigna alla vostra farmacia locale, o potete ordinare uno dal telefono chiamando 1-800-544-4440.

Riferimenti

1. Carvalho JJ, Baruzzi RG, Howard PF, et al. pressione sanguigna in quattro popolazioni a distanza nello studio di INTERSALT. Ipertensione. 1989 settembre; 14(3): 238-46.

2. Ahmed MI, Pisoni R, Calhoun DA. Opzioni correnti per il trattamento di ipertensione resistente. Rev esperto Cardiovasc Ther. 2009 novembre; 7(11): 1385-93.

3. Geleijnse JM, Witteman JC, Bak aa, tana Breeijen JH, Grobbee DE. Riduzione della pressione sanguigna con un sodio basso, alto potassio, alto sale del magnesio nei più vecchi oggetti con delicato moderare ipertensione. BMJ. 13 agosto 1994; 309(6952): 436-40.

4. Il settimo rapporto del comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione. JAMA. 21 maggio 2003; 289(1): 2560-75.

5. Appel L J, Moore T J, Obarzanek E, et al. Un test clinico degli effetti dei modelli dietetici su pressione sanguigna. Gruppo di ricerca di collaborazione del UN POCO. Med di N Inghilterra J. 17 aprile 1997; 336(16): 1117-24.

6. Szinnai G, Schachinger H, Arnaud MJ, Linder L, effetto di Keller U di privazione dell'acqua sulla prestazione del conoscitivo-motore in uomini in buona salute e donne. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integ. 2005 luglio; 289(1): R275-80.

7. Colussi G, De Ferrari ME, prevenzione di Brunati C, di Civati G. Medical e trattamento dei calcoli urinarii. J Nephrol. 2000 novembre-dicembre; 13 supplementi 3: S65-70.

8. Pastorova VE, distacco di Esartiia. Stato dei sistemi dell'anticoagulante e del coagulante del sangue nella disidratazione intestinale acuta sperimentale del corpo. Med di biol di Biull Eksp. 1981 settembre; 92(9): 287-9.

9. Bagdade JD, Buchanan WF, Pollare T, Lithell H. Effects di idroclorotiazide e di captopril sulla composizione lipidica della lipoproteina in pazienti con ipertensione essenziale. EUR J Clin Pharmacol. 1996;49(5):355-9.

10. Nandeesha H, Pavithran P, Madanmohan T. Effect della terapia antipertensiva sui lipidi del siero in uomini ipertesi essenziali recentemente diagnosticati. Angiologia. 2009 aprile-maggio; 60(2): 217-20.

11. Haffner MP. Il problema prediabetic: sviluppo del diabete mellito non insulino-dipendente e delle anomalie relative. Complicazioni del diabete di J. 1997 marzo-aprile; 11(2): 69-76.

12. Reungjui S, Pratipanawatr T, Johnson RJ, Nakagawa T. Le tiazidi peggiorano la sindrome metabolica e la malattia renale? I ruoli fondamentali per iperuricemia e ipokalemia. Curr Opin Nephrol Hypertens. 2008 settembre; 17(5): 470-6.

13. Zillich AJ, Garg J, Basu S, et al. diuretico tiazidico, potassio e lo sviluppo di diabete: una rassegna quantitativa. Ipertensione. 2006 agosto; 48(2): 219-24.

14. I risultati clinico neri di ora, di Davis B, di Barzilay J, et al. metabolico ed in individui nondiabetic con la sindrome metabolica hanno assegnato al chlorthalidone, all'amlodipina, o al lisinoprin come trattamento iniziale per ipertensione: un rapporto dal trattamento di riduzione dei lipidi e dell'ipotensivo per impedire prova di attacco di cuore (ALLHAT). Cura del diabete. 2008 febbraio; 31(2): 353-60.

15. Hu FB, Manson JE, WC di Willett. Tipi di grassi dietetici e rischio di coronaropatia: una recensione. J Coll Nutr. 2001 febbraio; 20(1): 5-19.

16. Elliott ss, Keim nl, JS severo, tef K, Havel PJ. Fruttosio, obesità e la sindrome di insulino-resistenza. J Clin Nutr. 2002 novembre; 76(5): 911-22.

17. Matía Martín P, Lecumberri Pascual E, Calle Pascual AL. Nutrizione e sindrome metabolica. Rev Esp Salud Publica. 2007 settembre-ottobre; 81(5): 489-505.

18. La TA di Bardella, Fredella C, Prampolini, L et al. composizione corporea ed ingestioni dietetiche nei pazienti adulti di malattia celiaca che consumano una dieta senza glutine rigorosa. J Clin Nutr. 2000 ottobre; 72(4): 937-39.

19. Cheng J, Brar PS, Lee AR, pH verde. Indice di massa corporea nella malattia celiaca: effetto benefico di una dieta senza glutine. J Clin Gastroenterol 2009 23 settembre.

20. Capristo E, Malandrino N, Farnetti S, et al. concentrazione ad alta densità aumentata nel lipoproteina-colesterolo del siero nella malattia celiaca dopo che il trattamento dietetico senza glutine correla con i depositi del grasso corporeo. J Clin Gastroenterol. 2009 novembre-dicembre; 43(10): 946-9.

21. Rizek RL, amico B, pagina L. Fat nell'odierno livello del  dell'approvvigionamento di generi alimentari di uso e fonti. Soc di Chem dell'olio di J. 1974;51:244-50.

22. Transizione di Astrup A, di Dyerberg J, di Selleck m., di Stender S. Nutrition e la sua relazione allo sviluppo di obesità e delle malattie croniche relative. Rev. 2008 di Obes marzo; 9 1:48 del supplemento - 52.

23. Chavarro JE, Stampfer MJ, Campos H, Kurth T, WC di Willett, mA J. Uno studio prospettivo dei livelli acidi trans-grassi nel sangue e rischio di carcinoma della prostata. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2008 gennaio; 17(1): 95-101.

24. Rohr-Udilova NV, Stolze K, Sagmeister S, Nohl H, Schulte-Hermann R, perossidi d'idrogeno di Grasl-Kraupp B. Lipid dagli oli dietetici elaborati migliora la crescita delle cellule dell'epatocarcinoma. Mol Nutr Food Res. 2008 marzo; 52(3): 352-9.

25. Adam SK, Das S, Soelaiman DENTRO, Na di Umar, Jaarin K. Consumption dell'olio ripetutamente riscaldato della soia aumenta i parametri del siero relativi ad aterosclerosi in ratti ovariectomizzati. Med di Tohoku J Exp. 2008 luglio; 215(3): 219-26.

26. Soriquer F, Rojo-Martínez G, Dobarganes MC, et al. ipertensione è collegato con la degradazione degli oli per friggere dietetici. J Clin Nutr. 2003 dicembre; 78(6): 1092-97.

27. Composizione chimica di Bozan B, di Temelli F. e stabilità ossidativa di lino, del seme di papavero e del cartamo e degli oli di semi. Bioresour Technol. 2008 settembre; 99(14): 6354-9.

28. Brenes m., García A, Dobarganes MC, Velasco J, Romero C. Influence dei trattamenti termici che simula i processi di cottura sul contenuto del polifenolo in olio d'oliva vergine. Alimento chim. di J Agric. 9 ottobre 2002; 50(21): 5962-7.

29. Dieta di Babio N, di Bulló m., di Salas-Salvadó J. il Mediterranean e sindrome metabolica: la prova. Salute pubblica Nutr. 2009 settembre; 12 (9A): 1607-17.

30. Disponibile a: http://lpi.oregonstate.edu/infocenter/foods/grains/gigl.html. 9 dicembre 2009 raggiunto.

31. Rousset H. Un grande imitatore per il allergologist: intolleranza a glutine. EUR Ann Allergy Clin Immunol. 2004 marzo; 36(3): 96-100.

32. Verdu E-F, Armstrong D, Murray JA, et al. Fra la malattia celiaca e la sindrome di intestino irritabile: “l'uomo del NO- - terra„ della sensibilità di glutine. J Gastroenterol. 2009 giugno; 104(6): 1587-94.

33. Cuomo A, romano m., Rocco A, et al. esofagite di riflusso nella celiachia adulta: l'effetto benefico di un glutine libera la dieta. Intestino. 2003 aprile; 52(4): 514-17.

34. Kalaydjian EA, Eaton W, Cascella N, Fasano A. Il collegamento del glutine: l'associazione fra schizofrenia e la malattia celiaca. Acta Psychiatr Scand. 2006 febbraio; 113(2): 82-90.

35. Vojdani A, O'Bryan T, risposta immunitaria verde di JA et al. alle proteine dietetiche, gliadina e peptidi cerebellari in bambini con autismo. Nutr Neurosci. 2004 giugno; 7(3): 151-61.

36. L'anziano JH, Shankar m., Shuster J, Theriaque D, brucia la S, Sherrill L. The senza glutine, dieta senza caseina nell'autismo: risultati di doppio test clinico cieco preliminare. Sviluppatore Disord di autismo di J. 2006 aprile; 36(3): 413-20.

37. Collin P, Reunala T, Pukkala E, et al. celiachia--disordini e sopravvivenza collegati. Intestino. 1994 settembre; 35(9): 1215-18.

38. Hernandez L, pH verde. Manifestazioni di Extraintestinal della malattia celiaca. Rappresentante di Curr Gastroenterol. 2006 ottobre; 8(5): 383-89.

39. Il Volta U, De Angelis GL, Granito A, et al. artrite enteropathy e reumatoide autoimmune: una nuova associazione nel campo di autoimmunità. Dig Liver Dis. 2006 dicembre; 38(12): 926-9.

40. Freeman HJ. La malattia celiaca adulta ha seguito dall'inizio del lupus eritematoso sistemico. J Clin Gastroenterol. 2008 marzo; 42(3): 252-5.

41. Rodrigo L, Alvarez N, Riestra S, et al. ricadente la pancreatite acuta si è associato con glutine enteropathy. Clinico, laboratorio e caratteristiche evolutive in trentaquattro pazienti. Rev Esp Enferm Dig. 2008 dicembre; 100(12): 746-51.

42. Festen ea, Szperl, Weersma RK, Wijmenga C, Wapenaar MC. Malattie intestinali infiammatorie e malattia celiaca: sovrapposizioni nella patologia e nella genetica ed i loro obiettivi potenziali della droga. Obiettivi immuni della droga di Endocr Metab Disord. 2009 giugno; 9(2): 199-218.

43. McGough N, Cummings JH. Celiachia: una diversa sindrome clinica causata da intolleranza di grano, di orzo e di segale. Soc di Proc Nutr. 2005 novembre; 64(4): 434-50.

44. Wallace DJ, Hallegua DS. Fibromialgia: il collegamento gastrointestinale. Rappresentante di emicrania di dolore di Curr. 2004 ottobre; 8(5): 364-8.

45. Prigent F, Civatte J. Atopy e malattie collegate. Ann Dermatol Venereol. 1982;109(4):341-53.

46. Disponibile a: http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/celiac/. 9 dicembre 2009 raggiunto.

47. EL di Rubio-Tapia A, di Kyle RA, di Kaplan, et al. prevalenza e mortalità aumentate nella malattia celiaca non diagnosticata. Gastroenterologia. 2009 luglio; 137(1): 88-93.

48. Lind L, Hanni A, Lithell H, et al. vitamina D è collegato con pressione sanguigna ed altri fattori di rischio cardiovascolari in uomini di mezza età. J Hypertens. 1995 settembre; 8(9): 894-901.

49. Forman JP, GASCROMATOGRAFIA di Curhan, en di Taylor. Plasma 25 livelli di hydroxyvitamin D e rischio di ipertensione di incidente fra le giovani donne. Ipertensione. 2008 novembre; 52(5): 828-32.

50. Pfeifer m., Begerow B, Minne HW, et al. effetti di un vitamina D3 a breve termine e completamento del calcio ai livelli dell'ormone del paratiroide e di pressione sanguigna in donne anziane. J Clin Endcrinol Metab. 2001;86:1633–37.

51. MD di Witham, nadir mA, ANNUNCIO di Struthers. Effetto della vitamina D su pressione sanguigna: una rassegna e una meta-analisi sistematiche. J Hypertens. 2009 ottobre; 27(10): 1948-54.

52. Vitamina D e malattia cardiovascolare di Giovannucci E. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2009 novembre; 11(6): 456-61.

53. Rosenfeldt FL, Haas SJ, Krum H, et al. coenzima Q10 nel trattamento di ipertensione: una meta-analisi dei test clinici. Ronzio Hypertens di J. 2007 aprile; 21(4): 297-306.

54. RB di Devereux, Wachtell K, Gerdts E, et al. significato prognostico di cambiamento di massa ventricolare sinistro durante il trattamento di ipertensione. JAMA. 2004; 292:2350-56.

55. Langsjoen pH, Folkers. Disfunzione diastolica isolata del miocardio e della sua risposta al trattamento CoQ10. Clin Investig. 1993; 71: S140-44.

56. Langsjoen P, Willis R, Folkers K. Treatment di ipertensione essenziale con il coenzima Q10. Mol Aspects Med. 1994; 15: S265-72.

57. Zibadi S, Rohdewald PJ, parco D, Watson RR. Riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari degli oggetti con il diabete di tipo 2 dal completamento di pycnogenol. Ricerca di Nutr. 2008 maggio; 28(5): 315-20.

58. Liu X, Wei J, Tan F, Zhou S, Würthwein G, Rohdewald P. Pycnogenol, l'estratto marittimo francese della corteccia del pino, migliora la funzione endoteliale dei pazienti ipertesi. Vita Sci. 2 gennaio 2004; 74(7): 855-62.

59. Rohdewald P. Una rassegna dell'estratto marittimo francese della corteccia del pino (pycnogenol), un farmaco di erbe con una diversa farmacologia clinica. Int J Clin Pharmacol Ther. 2002 aprile; 40(4): 158-68.

60. Erlund I Koli R, Alfthan G, et al. effetti favorevoli del consumo della bacca sulla piastrina funziona, pressione sanguigna e colesterolo di HDL. J Clin Nutr. 2008;87:323-31.

61. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

62. Ojeda D, Jiménez-Ferrer E, Zamilpa A, et al. inibizione di attività dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) dalla delfinidina degli antociani e cyanidin-3-O-sambubiosides dal hibiscus sabdariffa. J Ethnopharmacol. 4 ottobre 2009.

63. Xu JW, Ikeda K, Yamori Y. Upregulation della sintasi endoteliale da cyanidin-3-glucoside, un pigmento tipico dell'ossido di azoto dell'antociano. Ipertensione. 2004 agosto; 44(2): 217-22.

64. Mp di Guerrera, Volpe SL, Mao JJ. Usi terapeutici di magnesio. Medico di Fam. 15 luglio 2009; 80(2): 157-62.

65. PC di Pham, Pham PM, Pham pinta, et al. Il collegamento fra il magnesio più basso del siero e la funzione del rene in pazienti con il tipo di diabete mellito - 2 meritano uno sguardo più attento. Clin Nephrol. 2009 aprile; 71(4): 375-9.

66. Kawano Y, Matsuoka H, Takishita S, Omae T. Effects del completamento del magnesio in pazienti ipertesi: valutazione dall'ufficio, dalla casa e dalle pressioni sanguigne ambulatorie. Ipertensione. 1998 agosto; 32(2): 260-5.

67. Rayssiguier Y, Gueux E, consumo dell'isoglucosio di Nowacki W et al. combinato con l'assunzione dietetica bassa del magnesio può aumentare l'incidenza della sindrome metabolica inducendo l'infiammazione. Ricerca di Magnes. 2006 dicembre; 19(4): 237-43.

68. Hatzistavri LS, PA di Sarafidis, Georgianos pi, et al. il completamento orale del magnesio riduce la pressione sanguigna ambulatoria in pazienti con ipertensione delicata. J Hypertens. 2009 ottobre; 22(10): 1070-5.

69. Panettiere WL, Kluger J, cm bianco, et al. effetto del L-lattato del magnesio su pressione sanguigna in pazienti con un defibrillatore impiantabile del cardioverter. Ann Pharmacother. 2009 aprile; 43(4): 569-76.

70. Il Guerrero-Romero F, Rodríguez-Morán M. L'effetto di abbassamento della pressione sanguigna dal completamento del magnesio in adulti ipertesi diabetici con il magnesio basso del siero livella: un randomizzato, prova alla cieca, test clinico controllato con placebo. Ronzio Hypertens di J. 2009 aprile; 23(4): 245-51.

71. Geleijnse JM, Giltay EJ, Grobbee DE, et al. risposta di pressione sanguigna al completamento dell'olio di pesce: analisi di metaregression delle prove randomizzate. J Hypertens. 2002 agosto; 20(8): 1493-9.

72. Cicerone AF, Ertek S, acidi grassi polinsaturi di Borghi C. Omega-3: il loro ruolo potenziale in prevenzione e gestione di pressione sanguigna. Curr Vasc Pharmacol. 2009 luglio; 7(3): 330-7.

73. il da Luz PL, SR di Coimbra. Vino, alcool ed aterosclerosi: prove e meccanismi clinici. Braz J Med Biol Res. 2004 settembre; 37(9): 1275-95.

74. Guarente L. Sirtuins nell'invecchiamento e nella malattia. Quantità fredda Biol. di Harb Symp della primavera. 2007;72:483-8.

75. Inanaga K, Ichiki T, resveratrolo di Matsuura H et al. attenua dall'l'espressione indotta Ii interleukin-6 dell'angiotensina e la fibrosi perivascolare. Ricerca di Hypertens. 2009 giugno; 32(6): 466-71.

76. Labinskyy N, Csiszar A, Veress G, et al. disfunzione vascolare nell'invecchiamento: effetti potenziali dei resveratroli, un phytoestrogen antinfiammatorio. Curr Med Chem. 2006;13(9):989-96.

77. Takahashi S, Uchiyama T, effetto di Toda K. Differential dei resveratroli su produzione dell'ossido di azoto in cellule endoteliali F2. Toro di biol Pharm. 2009 novembre; 32(11): 1840-3.

78. Ruggenenti P, Cattaneo D, Loriga G, et al. migliorando ipertensione e insulino-resistenza negli oggetti al rischio cardiovascolare aumentato: effetti della terapia della acetile-L-carnitina. Ipertensione. 2009 settembre; 54(3): 567-74.

79. Brotman DJ, MB di Davidson, Boumitri m., DG di Vidt. Variazione di pressione sanguigna giornaliera alterata e mortalità per tutte le cause. J Hypertens. 2008 gennaio; 21(1): 92-7.

80. Scheer FA, Van Montfrans GA, van Someren EJ, et al. melatonina quotidiana di notte riduce la pressione sanguigna in pazienti maschii con ipertensione essenziale. Ipertensione. 2004 febbraio; 43(2): 192-7.

81. Grossman E, Laudon m., Yalcin R, et al. melatonina riduce la pressione sanguigna di notte in pazienti con ipertensione notturna. Med di J. 2006 ottobre; 119(10): 898-902.