Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2010
Nelle notizie

Obesità degli Stati Uniti che cresce ad un tasso in modo allarmante

Obesità degli Stati Uniti che cresce ad un tasso in modo allarmante

Poichè questa emissione di prolungamento della vita Magazine® stava preparanda andare in stampa, un nuovo rapporto era dichiarare pubblicato che l'obesità degli Stati Uniti sta sviluppandosi “più velocemente di chiunque immaginato. „ *

Una delle statistiche più vacillante rivelarici nel rapporto è che il numero degli stati in cui 30% della popolazione è obeso triplicato fra 2007 e 2009, andante da tre stati a nove. Il Dott. Thomas Frieden, la testa del centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha detto a reporter che “di meno che una decade fa, nel 2000, non un singolo stato ha avuto una prevalenza dell'obesità di 30% o più alto.„

Deludendo è che i funzionari della sanità recentemente avevano definito un obiettivo per tagliare il tasso dell'obesità da 15% o più. Piuttosto che raggiungendo quello scopo, l'opposto è accaduto e 2,4 milione adulti si sono aggiunti alla truppa del gonfiamento della popolazione obesa.

L'obesità, che è definita come avendo un indice di massa corporea oltre 30 (calcolato dividendo il peso di una persona nei chilogrammi dalla loro altezza in metri quadrati), mette la gente al maggior rischio per i problemi sanitari severi.

Inoltre, c'è un costo economico tremendo, poichè le spese mediche connesse con la circostanza sono stimate annualmente per essere intorno $147 miliardo.

Bill Dietz, direttore della divisione del CDC di nutrizione, attività fisica e l'obesità, ha detto in una conferenza stampa che “la disponibilità ed il consumo di alti alimenti di caloria con uno stile di vita più sedentario ha condotto all'epidemia.„

— Jon Finkel

Riferimento

* http://www.google.com/hostednews/afp/articleALeq5jvrH3EZViU3bxF_9Cvfkw-KIqK0A. 5 agosto 2010 raggiunto.

Il pannello sostiene il piano d'azione per evitare il Tsunami di invecchiamento

Il pannello sostiene il piano d'azione per evitare il Tsunami di invecchiamento

Un gruppo dei luminari nel campo di gerontologia si è riunito per sollecitare la traduzione di risultati nel campo di invecchiamento negli agenti terapeutici che possono avvantaggiare la popolazione crescente del mondo della gente più anziana. Il loro rapporto è stato pubblicato nella scienza Medicine.* di traduzione

Per impedire una crisi globale di invecchiamento causata da una maggior proporzione di individui più anziani e del risultato aumenta di costi medici e le sfide del sociale, il pannello sostiene la collaborazione di una serie di paesi in un'iniziativa per tradurre i risultati del laboratorio su invecchiamento in agenti che miglioreranno le vite delle donne e degli uomini più anziani.

“Nel caso di intervento di tardi-vita nella degenerazione relativa all'età umana, che cosa possiamo essere sicuri dell'oggi siamo che una politica di invecchiamento come di consueto condurrà ai costi sociali e finanziari enormi del filantropa,„ gli autori concludono. “Per realizzare tutta la possibilità di successo, l'azionamento affrontare l'invecchiamento biologico frontalmente deve ora cominciare.„

La nota del redattore: Il fondamento del prolungamento della vita sta sollecitando un tal sforzo dall'inizio degli anni 80.

— D. Tintura

Riferimento

* Med di Sci Transl. 2010 July14; 2(40): 40cm21.

Livelli riduttori di vitamina D collegati al declino conoscitivo

Uno studio pubblicato negli archivi di medicina interna ha trovato un maggior rischio di declino conoscitivo in individui più anziani con insufficienza di vitamina D rispetto a quelle a levels.* sufficiente

I ricercatori hanno analizzato i dati da più di 850 uomini e donne che hanno partecipato allo studio di InCHIANTI dal 1998 al 2006. Il gruppo ha trovato che gli oggetti che erano severamente carenti in vitamina D sopra l'iscrizione erano 60% più probabili avvertire il declino conoscitivo significativo come pure 31% più probabilmente per sviluppare le riduzioni della flessibilità mentale rispetto a quelle ai livelli sufficienti. “Questo è il primo studio per identificare un chiaro collegamento fra i bassi livelli di vitamina D ed il declino conoscitivo,„ Dott. annunciato David J. Llewellyn del ricercatore del cavo dell'università di Exeter. “La ricerca precedente è stata a sezione trasversale ma ora abbiamo potuti dimostrare un collegamento fra avere bassi livelli di vitamina D e continuare a sviluppare i problemi conoscitivi.„

La nota del redattore: Gli autori osservano che “i supplementi sono economici e cassaforte e già sono stati indicati per ridurre il rischio di cadute, di fratture e di morte.„

— D. Tintura

Riferimento

* Med dell'interno dell'arco. 2010;170(13):1135-41.

I bassi livelli di vitamina D possono predire la malattia del Parkinson

I bassi livelli di vitamina D possono predire la malattia del Parkinson

Un'emissione recente degli archivi della neurologia ha riferito l'individuazione di una correlazione fra i livelli ematici riduttori di vitamina D e un rischio aumentato di sviluppare il disease.* di Parkinson

Lo studio ha incluso 3.173 partecipanti nell'indagine di salute della Mini-Finlandia che erano esenti dalla malattia del Parkinson fra 1978 e 1980. Durante il periodo di seguito di 29 anni, 50 oggetti sono stati diagnosticati con la malattia del Parkinson. Quelli di cui la vitamina D del siero livella erano fra il 25% principale degli oggetti hanno avuti un terzo del rischio di regolato di sviluppare la malattia del Parkinson che quello degli oggetti di cui i livelli di vitamina D erano fra il quarto più basso.

La ricerca è il primo studio longitudinale per dimostrare un'associazione fra i livelli insufficienti di vitamina D e lo sviluppo successivo di malattia del Parkinson.

“Nelle prove di intervento che mettono a fuoco sugli effetti dei supplementi di vitamina D, l'incidenza dei meriti del morbo di parkinson continua,„ gli autori conclude.

La nota del redattore: Sebbene i meccanismi esatti da cui la vitamina D contribuisce a proteggere dalla malattia del Parkinson non siano capiti, la vitamina ha indicato gli effetti neuroprotective via i meccanismi antiossidanti, l'immunomodulazione, la conduzione migliorata del nervo ed altri mezzi.

— D. Tintura

Riferimento

* Arco Neurol. 2010;67(7):808-11.

Molti rischi connessi con i farmaci disoppressione

Gli inibitori della pompa di Proton (PPIs), un tipo comune di farmaco che sopprime l'acido nello stomaco, sono stati collegati a parecchi rischi negli studi pubblicati negli archivi di Medicine.* interno gli studi e gli editoriali di accompagnamento, fa parte della nuova serie del giornale, “di meno è più,„ che evidenziano le aree dove le misure di salute sono peggiori quando i pazienti ricevono più servizi sanitari.

Negli studi, i ricercatori hanno trovato che PPIs era associato a un aumentato rischio delle fratture in donne postmenopausali e di un aumento nell'infezione di clostridium difficile (una causa di diarrea severa). Inoltre hanno trovato che PPIs ad alta dose non sembra essere associato con i tassi riduttori di emorragia supplementare, di intervento chirurgico o di morte in pazienti con le ulcere dell'emorragia in paragone alla terapia regolare di PPI.

“Che cosa è importante è che 60-70% delle persone che prendono gli inibitori della pompa del protone non ha bisogno di questi farmaci,„ Mitchell Katz, il MD, direttore di salute per il San Francisco Department della salute pubblica ha detto il prolungamento della vita. “Era un'emissione di costo da solo, non sarebbe così serio un problema. Ma gli articoli pubblicati negli archivi di medicina interna dimostrano quello oltre ad un rischio aumentato di polmonite, un effetto collaterale ben noto di PPIs, questi farmaci inoltre sono associati con gli effetti secondari di altro lato compreso le fratture e la diarrea difficile del C. Mentre è vero che tutti i farmaci hanno effetti collaterali, non c'è livello di effetti collaterali che è accettabile quando realmente non avete bisogno del farmaco.„

— Marc Ellman, MD

Riferimento

* Med dell'interno dell'arco. 10 maggio 2010; 170 [9]: 747-48, 765-71, 751-58, 772-78, 784-90, 779-83, 749-50.

Continuato alla pagina 2 di 2