Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista settembre 2010
Rapporti

Guarisca naturalmente le lesioni cutanee traumatiche e degeneranti

Da Gary Goldfaden, dal MD e da Robert Goldfaden
Guarisca naturalmente le lesioni cutanee traumatiche e degeneranti

Una delle frustrazioni espresse qualche gente di invecchiamento è che sviluppano le lesioni cutanee degeneranti (quali le ulcere sul piede e sulle estremità inferiori) che non guariscono prontamente. In altre istanze, il trauma secondario, l'insufficienza venosa, o le reazioni infiammatorie creano una ferita aperta che indugia lontano troppo lungamente.

La ragione che questi problemi sono così ingombranti è quella nella gioventù questi generi di problemi di pelle risolti stessi in alcuni giorni. Eppure ora sviluppiamo le lesioni cutanee che sembrano mai non completamente andare via.

La vita Extension® ha chiesto al dermatologo Gary Goldfaden di esaminare questo problema seccante per vedere che cosa può essere fatto a questo proposito. Questo articolo descrive perché le lesioni dolorose e sgradevoli si sviluppano nella pelle di invecchiamento e che cosa può essere usato per accelerare una risoluzione.

La degradazione di pelle e del tessuto vascolare che viene con invecchiamento produce gli effetti sgradevoli e spesso dolorosi. Per fare un esempio, le vene varicose ora colpiscono la metà di tutta la gente invecchiata 50 o più vecchio.1

La lista dei difetti cosmetici e delle anomalie relativi all'età è lunga. Sangue riunito dai capillari rotti; l'ammaccatura cronica quella richiede i mesi per guarire; raccolta dei liquidi e gonfiare sotto la pelle; vene infiammate e dilatate del ragno e aree di scoloramento. Potete vedere questi o altre deformità relative all'età della pelle in individui anziani. Potete soffrire da alcune di loro voi stessi.

Mentre gli interventi medici (iniezioni, chirurgia, artificiale screma ed unguenti) possono essere dolorosi, costosi ed inaffidabili, un corpo di prova clinica sta emergendo che supporti a basso costo, soluzioni naturali a questi ed altri sfregi relativi all'età della pelle.

Le proprietà uniche della vitamina K attuale-applicata, gli estratti dell'arnica Montana del wildflower e l'avena, con la vitamina D possono accelerare la pelle guarente e combattere la degradazione relativa all'età. Intrapreso insieme, il loro effetto sinergico offre un approccio multitargeted che protegge la vostra pelle ed assicura il suo aspetto giovanile e sano malgrado l'età d'avanzamento.

Colpevoli comuni dello sfregio della pelle

Oltre alle lesioni di sport subite durante i vostri più giovani anni, molte procedure cosmetiche causano l'ammaccatura ed il gonfiore. Se attraverso chirurgia, un'iniezione di un riempitore o di un Botox® cutaneo, un trattamento vascolare del laser, o la liposuzione, il trauma risultante possono condurre a perdita del sangue dalle arterie e dalle vene rotte e ad una riunione dei liquidi. Questo sangue infine si raccoglie e si asciuga in un deposito dei globuli rossi di disintegrazione (chiamati emosiderina), lasciante uno scoloramento visibile che cambia la tonalità mentre il sangue subisce le varie reazioni chimiche. Altri liquidi che si accumulano al sito arrotolato inoltre causano il gonfiamento che può aumentare la visibilità della contusione.

Colpevoli comuni dello sfregio della pelle

Oltre ai tagli, raschia e le contusioni, il passo del tempo infligge una serie di alterazioni fisiche distruttive sulla vostra pelle. Molte delle imperfezioni di superficie vedute in più vecchia pelle sono realmente il risultato di danneggiamento progressivo del sistema vascolare della pelle. Mentre invecchiate, lo strato esterno della vostra pelle comincia a soffrire da una perdita di cicli capillari verticali che forniscono l'ossigeno e le sostanze nutrienti tanto necessari alla pelle. Si assottiglia gradualmente, rendendo i vasi sanguigni di fondo molto più suscettibili della lesione. In molta gente più anziana una circostanza conosciuta come i senilis della porpora si sviluppa, in cui l'ammaccatura estrema sulle mani, sui braccia e sulle gambe può accadere dal contatto minimo e può richiedere molti mesi per guarire.

Con l'età d'avanzamento c'è inoltre una profonda diminuzione nel numero delle cellule “di velo„, cellule del tipo di fibroblasto che circondano le piccole navi nel derma della pelle. Sono responsabili del deposito dei materiali della membrana basale intorno ai vasi sanguigni in risposta a danno vascolare. L'esposizione cumulativa a luce ultravioletta può anche degradare il collagene di fondo che sostiene i vasi sanguigni, creare un ambiente in cui questi capillari minuscoli sono allungati e permanentemente dilatati dalla pressione dalle più grandi vene. Questa dilatazione anormale indebolisce gradualmente le pareti capillari, causando i punti rossi sgradevoli e le vene molto sottili (conosciuti come il telangiectasia) che possono comparire spesso sul naso e sulle guance. Le pareti capillari indebolite sono al la rottura più incline, che può indurre il sangue a perdere e scorrere lungo le vie fatte dai capillari circostanti. Il sangue sfuggito a dai capillari facciali intorno agli occhi può anche comparire sulla superficie come cerchi scuri.

Fortunatamente, tutti questi termini, dal trauma accidentale a pelle relativa all'età diserta, possono efficacemente essere trattati con vari interventi attuali clinicamente provati e naturali.

Emorragia sottocutanea di fermata con la vitamina K

La vitamina K1 è una vitamina liposolubile che attiva le proteine in questione in coagulazione del sangue (coagulazione), che impedisce l'emorragia incontrollata o hemorrhaging in tutto il corpo. È un cofattore essenziale nella sintesi almeno di 6 delle 13 proteine state necessarie per coagulazione. A causa della sue natura ed importanza solubili nel grasso in coagulazione del sangue sana, la vitamina K1 è ideale come trattamento attuale per tutti i disordini in seguito alla lesione vascolare. Una volta applicata attuale, la vitamina K1 penetra prontamente i pori della pelle ed è trasportata in profondità nel derma in cui efficacemente mira ai capillari nocivi. La vitamina K1 funziona naturalmente per supportare il processo di coagulazione del sangue e l'infiltrazione di conclusione, finalmente permettenti il tessuto della pelle di guarirsi. I benefici a ricupero impressionanti della vitamina K1 lungamente sono stati riconosciuti dai chirurghi plastici, che hanno usato la vitamina K scremano per molti anni per minimizzare l'ammaccatura post-procedurale e lo sfregio.2,3

In uno studio clinico sul potere curativo della vitamina K1, i pazienti che soffrono dai disordini del vaso sanguigno e della pelle causati dal trauma, dalla chirurgia, o dal danno del sole sono stati curati facendo uso di una crema della vitamina K1. Alla conclusione di 6 settimane, 3 su 5 pazienti hanno mostrato una diminuzione significativa nell'aspetto dei vasi sanguigni dopo l'applicazione della crema della vitamina K1.4

In un altro studio, 12 pazienti che soffrono dall'ammaccatura facile sulle mani ed i braccia hanno applicato un quotidiano della crema della vitamina K1 per 4 settimane. Alla conclusione di questo periodo, tutti i partecipanti hanno mostrato una diminuzione nel tempo richiesto per la guarigione dal lato composto attivo confrontato al lato opposto (del placebo) come pure un aspetto in diminuzione delle lesioni dopo il trauma. Nessun effetto contrario è stato riferito. Due pazienti anche hanno notato una diminuzione nell'aspetto dei punti di fegato dal lato attivo contro il lato del placebo.4

Che cosa dovete conoscere: Crema curativa
  • Gli incidenti secondari, le lesioni di sport, le procedure chirurgiche e l'altro trauma possono provocare il danneggiamento durevole di pelle invecchiante.
  • La degradazione di pelle e del tessuto vascolare che viene con invecchiare anche produce i difetti cosmetici sgradevoli e spesso dolorosi.
  • Le intervento-iniezioni mediche, chirurgia, artificiale screma e unguento-possono essere dolorose, costose ed inaffidabili.
  • Un corpo di prova clinica sta emergendo che supporti una serie di soluzioni sicure, a basso costo, naturali a questi ed altri sfregi relativi all'età della pelle.
  • L'estratto di Montana di arnica, di vitamina K, l'avena e la vitamina D sono stati indicati per contribuire ad accelerare il tempo di recupero per le contusioni, ad accelerare la guarigione arrotolata, a ridurrsi gonfiare ed infiammazione, a combattere l'infezione ed ad alleviare il dolore.

Arnica Montana: L'agente curativo preferito della natura

L'arnica Montana, conosciuto più comunemente come il veleno del tabacco o del leopardo della montagna, è un wildflower che si sviluppa nelle montagne di Europa e di Nord America. Un membro della famiglia del girasole, ha fiori gialli luminosi che si sviluppano sui gambi circa 1 - 2 piedi dell'altezza.

Arnica Montana: L'agente curativo preferito della natura

L'arnica ha una storia documentata di uso medicinale che ritorna a 1500s. In Nord America, i nativi americani quale la Catawba hanno usato il fiore dell'arnica, si piantano e gli estratti di piante intere per le centinaia di anni mentre i rimedi naturali per alleviare l'ammaccatura, leniscono i dolori del muscolo, riducono l'infiammazione e guariscono le lesioni. Alcuni dei costituenti utili trovati in arnica sono flavonoidi, polisaccaridied i lattoni del sesquiterpene.

I lattoni del sesquiterpene sono classe A di composti della pianta che include oltre 3.000 sostanze naturali, rendente uno di più grandi gruppi di polifenoli biologicamente attivi noto a scienza moderna. Helenalin, il lattone principale del sesquiterpene trovato in estratti di fiori dell'arnica, aiuti dell'alcool combatte l'infiammazione dolorosa inibendo l'attività del fattore-kappaB nucleare, o il N-F-KB.5 questa citochina infiammatoria (molecola di segnalazione delle cellule) forniscono il nucleo e “i commutatori delle cellule„ sui geni specifici che attivano una risposta immunitaria infiammatoria o.6

Le proprietà antinfiammatorie ben documentate dell'arnica le rendono l'ideale per la riduzione il puffiness e dell'infiammazione della pelle. In uno studio clinico, gli oggetti con modesto a puffiness severo di area dell'occhio hanno applicato due volte al giorno un'emulsione semplice con l'estratto dell'arnica alla loro area di sotto dell'occhio da un lato del loro fronte per 4 settimane. Il Puffiness è stato valutato su una scala 1-10 basata su una combinazione di osservazione visiva, di palpazione dell'area campione, di indentometry (un metodo per misurare fermezza della pelle) e della fotografia. È stato trovato che l'estratto dell'arnica ha ridotto il puffiness di 24% confrontato al controllo.7

I nativi americani hanno usato gli estratti della pianta dell'arnica per le centinaia di anni mentre i rimedi naturali per alleviare l'ammaccatura, leniscono i dolori del muscolo, riducono l'infiammazione e guariscono le lesioni.

In un altro studio, un irritante si è applicato alla pelle dei partecipanti, che poi è stata trattata con un estratto dell'arnica. La riduzione dell'irritazione cutanea è stata confrontata ad un sito non trattato di controllo su un periodo di due ore della prova. L'estratto dell'arnica ha prodotto una diminuzione 64,6% nel rossore e nell'irritazione della pelle.7

Oltre ai lattoni del sesquiterpene, l'arnica inoltre caratterizza un altro olio utile dell'ingrediente-un attivo chiamato timolo. Questo olio essenziale, concentrato nelle radici della pianta, è stato indicato clinicamente per iniziare la contrazione spontanea dei muscoli lisci in pareti del vaso sanguigno, il flusso sanguigno quindi di modulazione 8. Migliorando la circolazione, il timolo aiuta lo smembramento e facilita il trasporto di sangue bloccato e di accumulazioni fluide, rendente lo altamente efficace nel trattamento di scoloramento e di gonfiore della contusione.

Il timolo è un organismo saprofago 9 del radicalelibero che ha dimostrato i benefici antinfiammatori significativi pure.La ricerca emergente 10 suggerisce che il timolo possa possedere gli effetti analgesici via la sua capacità di interagire con i ricevitori specifici delle cellule nervose.11 inoltre, il timolo esibisce l'attività antibatterica significativa.10 come olio essenziale, il timolo può anche contribuire a massimizzare l'assorbimento della vitamina K1 attraverso la barriera di pelle.

Infiammazione di combattimento con l'avena

L'uso attuale delle preparazioni della farina d'avena per cura di pelle naturale può essere rintracciato fin da Roma antica. I testi medici da Plinio ed altri raccomandano la farina della farina d'avena come cura per varie circostanze dermatologiche.12 nel corso degli anni, la virtù curativa potente dell'avena è stata una graffetta di medicina tradizionale.13 tuttavia, non aveva luogo fino agli anni 30 che la capacità della farina d'avena di alleviare il prurito e funzionare come pelle protectant in maschere ed oli da bagno facciali è stata documentata scientifico.14

Vitamina D: Recuperatore antimicrobico e naturale

I benefici terapeutici dell'avena a terra sono pricipalmente dovuto la coincidenza felice che i composti essenziali per lo sviluppo naturale dell'avena sono inoltre utili agli esseri umani. L'avena è considerata generalmente di avere un contenuto ad alta percentuale proteica e contenuto lipidico di tutto il chicco di grano come pure elevato dell'acido grasso.14,15 sono ricchi in antiossidanti fenolici, compreso classe A di combattenti ultra-potenti del radicale libero chiamati avenanthramides.

I composti fenolici sono considerati poichè i più forti antiossidanti in natura, eppure all'interno di questo gruppo, c'è un'ampia variazione delle caratteristiche e dell'attività antiossidante. Documenti di Avenanthramides 10 - 30 volte l'attività antiossidante di altri fenoli in avena.15

Oltre al loro potere antiossidante arduo, i avenanthramides sono agenti antinfiammatori potenti. Uno studio recente ha indicato che avenanthramides alle concentrazioni basse come 1 parte per miliardo poteva efficacemente inibire il rilascio del N-F-KB nei keratinocytes. Le cellule trattate con i avenanthramides dell'avena inoltre hanno mostrato una riduzione significativa del rilascio della citochina pro-infiammatoria interleukin-8 (IL-8). È stato dimostrato che un'applicazione topica dei avenanthramides dall'avena ha paragonato favorevole ad un preparato di attuale 1% l'idrocortisone nella riduzione l'ipersensibilità, l'infiammazione ed itching del contatto nei soggetti.16

Vitamina D: Recuperatore antimicrobico e naturale

La ricerca ha indicato che un'altra vitamina, vitamina D, è un partecipante assolutamente essenziale al processo di guarigione arrotolato normale. L'importanza dell'intervento concreto della vitamina D nella guarigione si trova nella sua capacità di iniziare la produzione della vostra pelle di un peptide antimicrobico vitale chiamato cathelicidin.17

Infiammazione di combattimento con l'avena

Quando una lesione alla vostra pelle accade, i keratinocytes immediatamente si precipitano per circondare la ferita.17 che i vostri keratinocytes possono non solo fotosintetizzare il vitamina D3 direttamente da luce solare, essi inoltre hanno tutta l'attrezzatura biologica necessaria per fabbricare l'intervento concreto della vitamina D che il vostro corpo usa, calcitriol.18 mentre i vostri keratinocytes si riuniscono, la vitamina D sempre più attiva è prodotta fino a raggiungere una quantità sufficiente che può attivare i vostri ricevitori di vitamina D. Questi, a loro volta, avviano l'espressione dei geni quali CD14 e TLR2 che codificano per le proteine che contribuiscono ad individuare i microbi.17,19,20 una volta che la presenza di agente patogeno è individuata, la produzione di cathelicidin comincia.

Cathelicidin funziona interrompendo l'integrità delle membrane cellulari batteriche e gli studi la hanno indicata per essere un uccisore molto efficiente dei microbi offendenti, anche alle concentrazioni molto basse.21,22 oltre al suo potere di germe-uccisione, il cathelicidin inoltre promuove lo sviluppo dei vasi sanguigni e gli aiuti incoraggiano la nuova crescita delle cellule, due fattori vitali che sono inoltre essenziali per la guarigione arrotolata adeguata.I 23,24 ruoli cruciali della d della vitamina come un agente ed istigatore antimicrobici della riparazione della ferita di normale lo rendono altamente desiderabile come ingrediente curativo.

Riassunto

Oltre agli incidenti secondari, le lesioni di sport, o le procedure chirurgiche, la degradazione inevitabile di pelle ed il tessuto vascolare che viene con invecchiamento produce gli effetti sgradevoli e spesso dolorosi. Le vene varicose ora colpiscono la metà di tutta la gente invecchiata 50 o più vecchio.

Mentre gli interventi medici (iniezioni, chirurgia, artificiale screma ed unguenti) possono essere dolorosi, costosi ed inaffidabili, un corpo di prova clinica sta emergendo che supporti una serie di soluzioni sicure, a basso costo , naturali a questi ed altri sfregi relativi all'età della pelle. L'estratto di Montana di arnica, di vitamina K, l'avena e la vitamina D sono stati indicati per contribuire ad accelerare il tempo di recupero per le contusioni, ad accelerare la guarigione arrotolata, a ridurrsi gonfiare ed infiammazione, a combattere l'infezione ed ad alleviare il dolore. Le forme specifiche di vitamina K e l'arnica anche sono state indicate per contribuire a rimediare alle imperfezioni relative all'età della pelle, quali le macchie rosse, le vene del ragno, i cerchi scuri e le grinze.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.womenshealth.gov/faq/varicose-spider-veins.cfm#A. 17 giugno 2010 raggiunto.

2. Scià NS, Lazzaro MC, Bugdodel R, et al. Gli effetti della vitamina K attuale sull'ammaccatura dopo il trattamento del laser. J Acad Dermatol. 2002 agosto; 47(2): 241-4.

3. Lou WW, Quintana A, Geronemus RG, Grossman MC. Effetti della vitamina K e del retinolo attuali su porpora indotta da laser sulla pelle di nonlesional. Dermatol Surg. 1999 dicembre; 25(12): 942-4.

4. Disponibile a: Acceduto a a http://www.freepatentsonline.com/5510391.html. 22 giugno 2010 raggiunto.

5. Lyss G, Schmidt TJ, Merfort I, HL di Pahl. Helenalin, un lattone antinfiammatorio del sesquiterpene da arnica, inibisce selettivamente il fattore di trascrizione N-F-kappaB. Biol chim. 1997 settembre; 378(9): 951-61.

6. Ahn KS, BB di Aggarwal. Fattore di trascrizione N-F \{kappa} B: Un sensore per i segnali di sforzo e del fumo. Ann NY Acad Sci. 2005 novembre; 1056:218-33.

7. Disponibile a http://www.oskiaskincare.com/ABOUT-OSKIA/OUR-KEY-INGREDIENTS/NAB-ARNICA-ALGAE/. 23 giugno 2010 raggiunto.

8. Birra, Lukanov J, Sagorchev P. Effect del timolo sull'attività contrattile spontanea dei muscoli lisci. Phytomedicine. 2007 gennaio; 14(1): 65-9.

9. Shen AY, Huang MH, Liao LF, ST di Wang. Analoghi del timolo con attività inibitoria corrente del calcio antiossidante e L tipo. Ricerca dello sviluppatore della droga. 21 luglio 2005; 64(4): 195-202.

10. PC di Braga, Dal Sasso m., Culici m., Bianchi T, Bordoni L, attività di Marabani L. Anti-inflammatory del timolo: Effetto inibitorio sul rilascio dell'elastasi umana del neutrofilo. Farmacologia. 2006; 77(3):130-6.

11. Priestley cm, EM di Williamson, KA di Wafford, DB di Sattelle. Il timolo, un costituente dell'olio essenziale del timo, è un modulatore allosteric positivo dei ricevitori umani di GABA (A) e di un ricevitore omo-oligomerico di GABA dal drosophila melanogaster. Br J Pharmacol. 2003 dicembre; 140(8): 1363-72.

12. Kurtz es, farina d'avena di Wallo W. Colloidal: storia, chimica e proprietà cliniche. J droga Dermatol. 2007 febbraio; 6(2): 167-70.

13. Scricciolo RC. Il nuovo Cyclopaedia del vasaio delle droghe e delle preparazioni botaniche. Londra, Inghilterra: C.W. Daniel Company Ltd. ; 1988.

14. Webster FH. Utilizzazione dell'avena: dopo, presente e futuro. In: Webster FH, ed. Avena: Chimica e tecnologia. St Paul, MN: Associazione americana dei chimici del cereale, inc; 1986:413-30.

15. LH di Dimberg, Theander O, Lingert H. Avenanthramides – un gruppo di antiossidanti fenolici in avena. Chimica cerealicola. 1993;70:637-41.

16. Sur R, Nigam A, Grote D, Liebel F, MD di Southall. Avenanthramides, polifenoli dall'avena, esibisce l'attività di anti-prurito ed antinfiammatoria. Ricerca di Dermatol dell'arco. 2008 novembre; 300(10): 569-74.

17. Schauber J, RA di Dorschner, coda ab, et al. lesione migliora la funzione TLR2 e l'espressione antimicrobica del peptide attraverso un meccanismo D-dipendente della vitamina. J Clin investe. 2007 marzo; 117(3): 803-11.

18. Hösl m., vitamina D di Berneburg M. e la pelle. Hautarzt. 2008 settembre; 59(9): 737-42; quiz 743.

19. Liu pinta, Stenger S, Li H, et al. l'avviamento del tipo di tributo del ricevitore di una vitamina D-ha mediato la risposta antimicrobica umana. Scienza. 24 marzo 2006; 311(5768): 1770-3.

20. Weber G, Heilborn JD, ci di Chamorro Jimenez, Hammarsjo A, Törmä H, vitamina D di Stahle M. induce la proteina antimicrobica hCAP18 in pelle umana. J investe Dermatol. 2005 maggio; 124(5): 1080-2.

21. JH bianco. Vitamina D come induttore dell'espressione antimicrobica del peptide del cathelicidin: Dopo, presente e futuro. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 17 marzo 2010.

22. Gombart AF. La via D-antimicrobica del peptide della vitamina ed il suo ruolo nella protezione contro l'infezione. Microbiologia di futuro. 2009 novembre; 4:1151-65.

23. Zasloff M. Sunlight, vitamina D e le difese immuni innate della pelle umana. J investe Dermatol. 2005 novembre; 125(5): xvi-xvii.

24. Peric m., Koglin S, Ruzicka T, Schauber J. Cathelicidins: molecole multifunzionali della difesa della pelle. Dtsch Med Wochenschr. 2009 gennaio; 134 (1-2): 35-8.