Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista settembre 2010
Come lo vediamo

I media dicono: Nessuna cura per la malattia cardiaca

Da William Faloon
Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.usatoday.com/news/health/2010-02-12-clinton-heart_N.htm?loc=interstitialskip. 14 giugno 2010 raggiunto.

2. Ornish D, Se di Brown, Scherwitz LW, et al. Possono i cambiamenti di stile di vita invertire la coronaropatia? La prova del cuore di stile di vita. Lancetta. 21 luglio 1990; 336(8708): 129-33.

3. Ornish D, Scherwitz LW, fatturazioni JH, et al. stile di vita intensivo cambia per l'inversione della coronaropatia. JAMA. 16 dicembre 1998; 280(23): 2001-7.

4. Junior dei CB di Esselstyn, SG di Ellis, Medendorp SV, Crowe TD. Una strategia per arrestare ed invertire coronaropatia: uno studio longitudinale di cinque anni sulla pratica di un singolo medico. J Fam Pract. 1995 dicembre; 41(6): 560-8.

5. Sdringola S, Nakagawa K, Nakagawa Y, et al. lo stile di vita intenso combinato ed il trattamento farmacologico del lipido più ulteriormente riducono gli eventi coronari e le anomalie del miocardio di aspersione rispetto alle droghe d'abbassamento di usuale-cura nella coronaropatia. J Coll Cardiol. 15 gennaio 2003; 41(2): 263-72.

6. Disponibile a: http://www.doctorzebra.com/prez/a_cheney.htm#cholesterol. 14 aprile 2010 raggiunto.

7. Agmon Y, Khandheria BK, Meissner I, et al. proteina C-reattiva ed aterosclerosi dell'aorta toracica: uno studio ecocardiografico transesophageal basato sulla popolazione. Med dell'interno dell'arco. 13 settembre 2004; 164(16): 1781-7.

8. Patrick L, malattia cardiovascolare di Uzick M.: proteina C-reattiva ed il paradigma di malattia infiammatoria: Inibitori della riduttasi HMG-CoA, alfa-tocoferolo, riso rosso del lievito e polifenoli dell'olio d'oliva. Una rassegna della letteratura. Altern Med Rev. 2001 giugno; 6(3): 248-71.

9. Dandona P. Effects degli agenti antidiabetici e antihyperlipidemic su proteina C-reattiva. Mayo Clin Proc. 2008 marzo; 83(3): 333-42.

10. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.

11. Montecucco F, Mach F. Nuove prove per i giacimenti C-reattivi della proteina (CRP) nel intima arterioso come fattore di rischio cardiovascolare. Invecchiamento di Clin Interv. 2008;3(2):341-9.

12 Ridker PM, Cushman m., Stampfer MJ, Tracy RP, Hennekens CH. Infiammazione, aspirin ed il rischio di malattia cardiovascolare in uomini apparentemente in buona salute. Med di N Inghilterra J. 3 aprile 1997; 336(14): 973-9.

13. Ridker PM, seppellente JE, Shih J, Matias m., Hennekens CH. Studio prospettivo di proteina C-reattiva ed il rischio di eventi cardiovascolari futuri fra le donne apparentemente in buona salute. Circolazione. 25 agosto 1998; 98(8): 731-3.

14. Il cm, Hoogeveen RC, il colpo H, et al. la fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2, la proteina C-reattiva della alto-sensibilità ed il rischio per il colpo ischemico di incidente in uomini ed in donne di mezza età nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studiano. Med dell'interno dell'arco. 28 novembre 2005; 165(21): 2479-84.

15. HM di Sattar N, di Preiss D, di Murray, et al. statine e rischio di diabete di incidente: una meta-analisi di collaborazione delle prove randomizzate di statina. Lancetta. 27 febbraio 2010; 375(9716): 735-42.

16. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2010/mar2010_How-Much-More-FDA-Abuse-Can-Americans-Tolerate_01.htm. 14 aprile 2010 raggiunto.

17. Ridker PM, Danielson E, Fonseca FA, et al. rosuvastatine per impedire gli eventi vascolari in uomini ed in donne con proteina C-reattiva elevata. Med di N Inghilterra J. 20 novembre 2008; 359(21): 2195-207.

18. Visser m., Bouter LM, GM di McQuillan, Wener MH, TB di Harris. La proteina C-reattiva elevata livella in adulti di peso eccessivo ed obesi. JAMA. 8 dicembre 1999; 282(22): 2131-5.

19. Blocchi il G, il CD di Jensen, la TB di Dalvi, et al. Colleen Fitzpatrick che il trattamento riduce la proteina C-reattiva elevata. Med libero di biol di Radic. 1° gennaio 2009; 46(1): 70-7.

20. Disponibile a: http://berkeley.edu/news/media/releases/2008/11/12_vitaminc.shtml. 15 giugno 2010 raggiunto.

21. Baillargeon J, DP di Rosa. Obesità, adipokines e carcinoma della prostata (rassegna). Int J Oncol. 2006 marzo; 28(3): 737-45.

22. Abu-Abid S, Szold A, Klausner J. Obesity e cancro. Med di J. 2002;33(1-4):73-86.

23. Morimoto LM, E bianca, Chen Z, et al. obesità, dimensione corporea e rischio di cancro al seno postmenopausale: l'iniziativa della salute delle donne. Il Cancro causa il controllo. 2002 ottobre; 13(8): 741-51.

24. Ridker PM. Biomarcatori e rischi infiammatori di infarto miocardico, di colpo, di diabete e di mortalità totale: implicazioni per la longevità. Rev. 2007 di Nutr dicembre; 65 (12 pinte 2): S253-9.

25. Bonora E. La sindrome e la malattia cardiovascolare metaboliche. Ann Med. 2006;38(1):64-80.

26. Semiz S, Rota S, Ozdemir O, Ozdemir A, Kaptanoglu B. Sono i fattori di rischio cardiovascolari reattivi della proteina e dell'omocisteina di c in bambini obesi e gli adolescenti? Pediatr Int. 2008 agosto; 50(4): 419-23.

27. Haffner MP. Relazione dei fattori di rischio metabolici e sviluppo della malattia cardiovascolare e del diabete. Obesità (Silver Spring). 2006 giugno; 14 (supplemento 3): 121S-127S.

28. RA di Whitmer. L'epidemiologia di adiposità e di demenza. Ricerca di Curr Alzheimer. 2007 aprile; 4(2): 117-22.

29. Hamer m., Chida Y, Stamatakis E. Association di concentrazione C-reattiva molto altamente elevata nella proteina con gli eventi cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause. Clin chim. 2010 gennaio; 56(1): 132-5.

30. Petersson H, Lind L, Hulthe J, Elmgren A, Cederholm T, Riserus U. Relationships fra la composizione di in acidi grassi del siero e gli indicatori multipli di infiammazione e la funzione endoteliale in una popolazione anziana. Aterosclerosi. 2009 marzo; 203(1): 298-303.

31. Levitan eb, cuoco NR, Stampfer MJ, et al. indice glycemic dietetico, carico glycemic dietetico, lipidi del sangue e proteina C-reattiva. Metabolismo. 2008 marzo; 57(3): 437-43.

32. Pirro m., Schillaci G, Savarese G, et al. attenuazione di infiammazione con intervento dietetico a breve termine è associato con una riduzione di rigidezza arteriosa degli oggetti con ipercolesterolemia. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2004 dicembre; 11(6): 497-502.

33. Arpa JB. Orlistat per il trattamento a lungo termine di obesità. Droghe oggi (Barc). 1999 febbraio; 35(2): 139-45.

34. Oyama T, Saiki A, Endoh K, et al. effetto di acarbose, un inibitore dell'alfa-glucosidasi, sui livelli della massa della lipoproteina lipasi del siero e sullo spessore comune di intima-media dell'arteria carotica in mellito del diabete di tipo 2 trattato dalla sulfonilurea. J Atheroscler Thromb. 2008 giugno; 15(3): 154-9.

35. Hanefeld m., Chiasson JL, Koehler C, il Henkel E, Schaper F, Temelkova-Kurktschiev T. Acarbose rallenta la progressione di spessore di intima-media delle arterie carotiche negli oggetti con tolleranza al glucosio alterata. Colpo. 2004 maggio; 35(5): 1073-8.

36. Henness S, sidro di pere cm. Orlistat: una rassegna del suo uso in gestione di obesità. Droghe. 2006 66(12):1625-56.

37. Rössner S, Sjöström L, Noack R, Meinders EA, perdita di peso di Noseda G., manutenzione del peso e fattori di rischio cardiovascolari migliori dopo 2 anni di trattamento con orlistat per obesità. Gruppo di studio di obesità di Orlistat dell'europeo. Ricerca di Obes. 2000 gennaio; 8(1): 49-61.

38. Borges RL, Ribeiro-Filho FF, Carvalho chilometro, la TA di Zanella Impatto di perdita di peso sui adipocytokines, sulla proteina C-reattiva e sulla sensibilità dell'insulina in donne ipertese con obesità centrale. Reggiseni Cardiol di Arq. 2007 dicembre; 89(6): 409-14.

39. Bougoulia m., Triantos A, Koliakos G. Effect di perdita di peso con o senza il trattamento del orlistat sui adipocytokines, sull'infiammazione e sugli indicatori ossidativi in donne obese. Ormoni (Atene). 2006 ottobre-dicembre; 5(4): 259-69.

40. Lucas CP, MN di Boldrin, GM di Reaven. L'effetto di orlistat ha aggiunto alla dieta (30% delle calorie da grasso) sui lipidi, sul glucosio e sull'insulina del plasma in pazienti obesi con ipercolesterolemia. J Cardiol. 15 aprile 2003; 91(8): 961-4.

41. Tzotzas T, samara m., Constantinidis T, Tziomalos K, amministrazione di Krassas G. Short-term di orlistat ha ridotto il triglyceridemia di giorno in donne obese con la sindrome metabolica. Angiologia. 2007 febbraio-marzo; 58(1): 26-33.

42. Jenkins DJ, Kendall CW, Marchie A, et al. effetti di una cartella dietetica di colesterolo-abbassamento degli alimenti contro le lovastatine sui lipidi del siero e sulla proteina C-reattiva. JAMA. 23 luglio 2003; 290(4): 502-10.

43. Ajani uA, Ford es, Mokdad AH. Fibra dietetica e proteina C-reattiva: risultati dai dati nazionali di indagine dell'esame di nutrizione e di salute. J Nutr. 2004 maggio; 134(5): 1181-5.

44. Chainani-Wu N. Safety ed attività antinfiammatoria di curcumina: una componente di curcuma (curcuma longa). Med del complemento di J Altern. 2003 febbraio; 9(1): 161-8.

45. Zhang F, Altorki NK, JUNIOR di Mestre, Subbaramaiah K, Dannenberg AJ. La curcumina inibisce la trascrizione cyclooxygenase-2 in cellule epiteliali gastrointestinali umane estere-trattate phorbol dell'acido della bile e. Carcinogenesi. 1999 marzo; 20(3): 445-51.

46. Satoskar RR, scià SJ, SG di Shenoy. Valutazione della proprietà antinfiammatoria di curcumina (metano di diferuloyl) in pazienti con infiammazione postoperatoria. Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol. 1986 dicembre; 24(12): 651-4.

47. Ramsewak RS, DeWitt DL, Nair MG. Attività antiossidanti ed antinfiammatorie di citotossicità, dei curcumins I-III dal curcuma longa. Phytomedicine. 2000 luglio; 7(4): 303-8.

48. Pendurthi UR, Williams JT, Rao LV. Inibizione di attivazione del gene di fattore del tessuto in cellule endoteliali coltivate da curcumina. Soppressione dell'attivazione dei fattori di trascrizione Egr-1, AP-1 e N-F-kappa B. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 dicembre; 17(12): 3406-13.

49. Oben JE, Ngondi JL, Blum K. Inhibition dell'estratto del seme dell'irvingia gabonensis (OB131) sul adipogenesis come mediato via giù il regolamento dei geni di leptina e di PPARgamma ed il su-regolamento del gene di adiponectin. Salute DIS dei lipidi. 2008;744.

50. Disponibile a: http://stanford.wellsphere.com/healthy-eating-article/more-information-on-irvingia/544189. 11 marzo 2010 raggiunto.

51. Ngondi JL, Oben JE, SR di Minka. L'effetto dei semi dell'irvingia gabonensis sul peso corporeo e dei lipidi del sangue degli oggetti obesi nel Camerun. Salute DIS dei lipidi. 25 maggio 2005; 412.

52. Karitè Mk, cabina SL, Massaro JM, et al. vitamina K e stato di vitamina D: le associazioni con gli indicatori infiammatori nella prole di Framingham studiano. J Epidemiol. 1° febbraio 2008; 167(3): 313-20.

53. Reddi K, Henderson B, Meghji S, et al. produzione di interleuchina 6 dai fibroblasti umani lipopolysaccharide-stimolati potente è inibito dal naphthoquinone (composti della vitamina K). Citochina. 1995 aprile; 7(3): 287-90.

54. Ozaki I, Zhang H, Mizuta T, et al. Menatetrenone, un analogo della vitamina K2, inibisce la crescita epatocellulare delle cellule di carcinoma sopprimendo l'espressione di cyclin D1 con inibizione di attivazione nucleare del kappaB di fattore. Ricerca del Cancro di Clin. 1° aprile 2007; 13(7): 2236-45.

55. Ueda H, Yamazaki C, Yamazaki M. Luteolin come costituente antinfiammatorio ed antiallergico del perilla frutescens. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1197-202.

56. Il Das m., Ram A, Ghosh B. Luteolin allevia la broncocostrizione e l'iperreattività della via aerea in topi sensibilizzati ovoalbumina. Ricerca di Inflamm. 2003 marzo; 52(3): 101-6.

57. Xagorari A, Papapetropoulos A, Mauromatis A, et al. luteolina inibisce una cascata endotossina-stimolata di fosforilazione e una produzione proinflammatory di citochina in macrofagi. J Pharmacol Exp Ther. 2001 gennaio; 296(1): 181-7.

58. Wu D, SN di Han, Meydani m., SN di Meydani. Effetto di consumo concomitante di olio di pesce e di vitamina E su produzione delle citochine infiammatorie in esseri umani anziani in buona salute. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1031:422-4.

59. Lo CJ, Chiu KC, Fu m., Lo R, olio di pesce di Helton S. fa diminuire la trascrizione genica di fattore di necrosi tumorale del macrofago alterando l'attività della kappa B di N-F. Ricerca di J Surg. 1999 aprile; 82(2): 216-21.

60. Caughey GE, Mantzioris E, Gibson RA, Cleland LG, James MJ. L'effetto sull'alfa e sull'interleuchina umane di fattore di necrosi tumorale 1 beta produzione delle diete arricchite in acidi grassi n-3 da olio vegetale o dall'olio di pesce. J Clin Nutr. 1996 gennaio; 63(1): 116-22.

61. Kremer JM. supplementi dell'acido grasso n-3 nell'artrite reumatoide. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 349S-51S.

62. CA allegro, Muthukumar A, Avula il CP, Troyer la D, durata di Fernandes G. è prolungato (NZB x NZW) nella F autoimmune-incline alimento-limitata (1) i topi hanno alimentato una dieta arricchita con (n-3) gli acidi grassi. J Nutr. 2001 ottobre; 131(10): 2753-60.

63. Se di Pischon T, di Hankinson, Hotamisligil GS, et al. ingestione dietetica abituale di n-3 ed acidi grassi n-6 relativamente agli indicatori infiammatori fra gli uomini e le donne degli Stati Uniti. Circolazione. 15 luglio 2003; 108(2): 155-60.

64. Madsen T, Skou ha, Hansen VE, et al. proteina C-reattiva, acidi grassi dietetici n-3 e le dimensioni della coronaropatia. J Cardiol. 15 novembre 2001; 88(10): 1139-42.

65. Kast CON RIFERIMENTO A. La riduzione dell'olio di borragine di attività di artrite reumatoide può essere mediata dal campo aumentato che sopprime l'fattore-alfa di necrosi del tumore. Int Immunopharmacol. 2001 novembre; 1(12): 2197-9.

66. Rothman D, DeLuca P, RB di Zurier. Lipidi botanici: effetti su infiammazione, sulle risposte immunitarie e sull'artrite reumatoide. Rheum di artrite di Semin. 1995 ottobre; 25(2): 87-96.

67. Izgut-Uysal VN, Agac A, Derin N. Effect di L-carnitina da su infiammazione indotta da carrageenano in ratti invecchiati. Gerontologia. 2003 settembre; 49(5): 287-92.

68. Bellinghieri G, Santoro D, Calvani m., Savica V. Role di carnitina nella sintesi delle proteine di modulazione di acuto-fase nei pazienti di emodialisi. J Ren Nutr. 2005 gennaio; 15(1): 13-7.

69. Savica V, Calvani m., Benatti P, et al. sistema della carnitina in pazienti uremici: aspetti molecolari e clinici. Semin Nephrol. 2004 settembre; 24(5): 464-8.

70. Calabrese V, Cornelius C, Mancuso C, et al. Vitagenes, antiossidanti dietetici e neuroprotection nelle malattie neurodegenerative. Front Biosci. 1° gennaio 2009; 14:376-97.

71. Calabrese V, Giuffrida Stella, Calvani m., Butterfield DA. Acetilcarnitina e risposta cellulare di sforzo: ruoli nell'omeostasi e nel regolamento redox nutrizionali dei geni di longevità. Biochimica di J Nutr. 2006 febbraio; 17(2): 73-88.

72. Wei DZ, Yang JY, Liu JW, tenaglie WY. Inibizione di proliferazione e di migrazione delle cellule di cancro del fegato tramite una combinazione di (-) - epigallocatechin-3-gallate ed acido ascorbico. J Chemother. 2003 dicembre; 15(6): 591-5.

73. Sanchez-Moreno C, mp di Cano, de AB, et al. consumo Alto-pressurizzato del succo d'arancia colpisce la vitamina C del plasma, lo stato antiossidante e gli indicatori infiammatori in esseri umani in buona salute. J Nutr. 2003 luglio; 133(7): 2204-9.

74. Kaul D, babza MI. Effetto genomica della vitamina “C„ e delle statine all'interno delle cellule mononucleari umane in questione nel processo atherogenic. EUR J Clin Nutr. 2005 agosto; 59(8): 978-81.

75. Korantzopoulos P, Kolettis TM, Kountouris E, et al. amministrazione orale della vitamina C riduce i tassi iniziali di ricorrenza dopo cardioversione elettrica della fibrillazione atriale persistente ed attenua l'infiammazione collegata. Int J Cardiol. 10 luglio 2005; 102(2): 321-6.

76. Majewicz J, Rimbach G, Proteggente AR, et al. vitamina C dietetica giù-regola l'espressione genica infiammatoria in fumatori apoE4. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 16 dicembre 2005; 338(2): 951-5.

77. Aneja R, Odoms K, Denenberg AG, ORA di Wong. La teaflavina, un estratto del tè nero, è un composto antinfiammatorio novello. Med di cura di Crit. 2004 ottobre; 32(10): 2097-103.

78. Pentola MH, Lin-Shiau SY, CT noioso, Lin JH, Lin JK. Soppressione di attività nucleare lipopolysaccharide indotta di fattore-kappaB da theaflavin-3,3'-digallate da tè nero e da altri polifenoli con il giù-regolamento di attività della chinasi di IkappaB in macrofagi. Biochimica Pharmacol. 2000 15 febbraio; 59(4): 357-67.

79. CC di Liang YC, di Tsai, Lin-Shiau SY, et al. inibizione di attività infiammatoria della decarbossilasi dell'edema e dell'ornitina della pelle 12-O-tetradecanoylphorbol-13-acetate-induced da theaflavin-3,3'-digallate in topo. Cancro di Nutr. 2002;42(2):217-23.

80. Lin JK. Chemoprevention del Cancro dai polifenoli del tè con le vie di modulazione di trasduzione del segnale. Ricerca di Pharm dell'arco. 2002 ottobre; 25(5): 561-71.

81. Il Cai F, CR di Li, Wu JL, et al. teaflavina migliora la lesione cerebrale di ischemia-riperfusione in ratti con il suoi effetto e modulazione antinfiammatori di STAT-1. Mediatori Inflamm. 2006;2006(5):30490.

82. Siddiqui IA, Adhami VM, Afaq F, Ahmad N, Mukhtar H. Modulation della chinasi chinasi-vie mitogene-attivate della proteina e di b di phosphatidylinositol-3-kinase/protein dai polifenoli del tè in cellule di carcinoma della prostata umane. Biochimica delle cellule di J. 1° febbraio 2004; 91(2): 232-42.

83. JUNIOR di mA Y, di Hebert, Li W, et al. associazione fra fibra dietetica ed indicatori di infiammazione sistemica nello studio d'osservazione di iniziativa della salute delle donne. Nutrizione. 2008 ottobre; 24(10): 941-9.

84. Jacobs LR. Relazione fra fibra e cancro dietetici: meccanismi metabolici, fisiologici e cellulari. Med di biol di Proc Soc Exp. 1986 dicembre; 183(3): 299-310.

85. Galvez J, Rodriguez-Cabezas ME, Zarzuelo A. Effects di fibra dietetica sulle malattie intestinali infiammatorie. Mol Nutr Food Res. 2005 giugno; 49(6): 601-8.

86. Qi L, van Dam RM, Liu S, et al. intero, crusca e assunzioni della fibra del cereale ed indicatori di infiammazione sistemica in donne diabetiche. Cura del diabete. 2006 febbraio; 29(2): 207-11.

87. Wang XL, acqua piovana DL, Mahaney MC, Stocker R. Cosupplementation con la vitamina E e coenzima Q10 si riduce fare circolare gli indicatori di infiammazione in babbuini. J Clin Nutr. 2004 settembre; 80(3): 649-55.

88. Kunitomo m., Yamaguchi Y, Kagota S, effetto di Otsubo K. Beneficial del coenzima Q10 sullo sforzo aumentato e sull'infiammazione ossidativa e nitrative e sulle diverse componenti metaboliche che si sviluppano in un modello del ratto della sindrome metabolica. J Pharmacol Sci. 2008 giugno; 107(2): 128-37.

89. Chan YH, Lau KK, Yiu KH, et al. riduzione di proteina C-reattiva con il supplemento dell'isoflavone inverte la disfunzione endoteliale in pazienti con il colpo ischemico. Cuore J. 2008 di EUR novembre; 29(22): 2800-7.

90. Livello del testosterone di Tang YJ, di Lee WJ, di Chen YT, et al. del siero e fattori metabolici riferiti in uomini oltre 70 anni. J Endocrinol investe. 2007 giugno; 30(6): 451-8.

91. Nakhai versa l'ora, Grobbee DE, Muller m., Van der Schouw YT. L'associazione dell'ormone sessuale endogena con proteina C-reattiva livella in uomini di mezza età ed anziani. Clin Endocrinol (Oxf). 2007 marzo; 66(3): 394-8.

92. Choi BG, McLaughlin mA. Perché i cuori degli uomini si rompono: effetti cardiovascolari degli steroidi del sesso. Nord di Endocrinol Metab Clin. 2007 giugno; 36(2): 365-77.

93. Joyal S. Guard le vostre proteine preziose contro invecchiamento prematuro. Prolungamento della vita. 2008 aprile; 14(3): 37-43.

94. Vlassara H, Cai W, Crandall J, et al. mediatori infiammatori è indotto dai glycotoxins dietetici, un fattore di rischio importante per angiopatia diabetica. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 26 novembre 2002; 99(24): 15596-601.

95. DG del tintoriale, Blackledge JA, BM di Katz, et al. La reazione di Maillard in vivo. Z Ernahrungswiss. 1991 febbraio; 30(1): 29-45.

96. Baynes JW, SR di Thorpe. Glycoxidation e lipoxidation nel atherogenesis. Med libero di biol di Radic. 2000 15 giugno; 28(12): 1708-16.

97. MD di Sumner, Elliott-Eller m., Weidner G, et al. effetti del consumo del succo del melograno su aspersione del miocardio in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 settembre 2005; 96(6): 810-4.

98. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

99. de Nigris F, Balestrieri ml, Williams-Ignarro S, et al. L'influenza dell'estratto della frutta del melograno rispetto al succo del melograno ed olio di semi regolare su ossido di azoto e funzione arteriosa nei ratti obesi di Zucker. Ossido di azoto. 2007 agosto; 17(1): 50-4.

100. Borek C. Garlic riduce il rischio della malattia cardiaca e di demenza. J Nutr. 2006 marzo; 136 (3 supplementi): 810S-812S.

101. Campbell JH, Efendy JL, Smith NJ, Campbell gr. Base molecolare da cui l'aglio sopprime l'aterosclerosi. J Nutr. 2001 marzo; 131 (3s): 1006S-9S.

102. Efendy JL, Simmons DL, Campbell GR, Campbell JH. L'effetto dell'estratto invecchiato dell'aglio, “Kyolic„, sullo sviluppo di aterosclerosi sperimentale. Aterosclerosi. 11 luglio 1997; 132(1): 37-42.

103. Cloarec m., Caillard P, prevosto JC, et al. GliSODin, una ZOLLA vegetale con gliadina, come agente preventivo contro aterosclerosi, come confermato con rappresentazione carotica di ultrasuono-b. Allerg Immunol (Parigi). 2007 febbraio; 39(2): 45-50.

104. Landmesser U, Spiekermann S, Dikalov S, et al. sforzo ossidativo vascolare e disfunzione endoteliale in pazienti con infarto cronico: ruolo della xantina ossidasi e del superossido dismutasi extracellulare. Circolazione. 10 dicembre 2002; 106(24): 3073-8.

105. Acidi grassi di Schmidt eb, di Skou ha, di Christensen JH, di Dyerberg J.N-3 dal pesce e coronaropatia: implicazioni per la salute pubblica. Salute pubblica Nutr. 2000 marzo; 3(1): 91-8.

106. de Mello VD, Erkkilä A, Schwab Stati Uniti, et al. L'effetto dell'assunzione grassa o magra del pesce su espressione genica infiammatoria in cellule mononucleari del sangue periferico dei pazienti con la coronaropatia. EUR J Nutr. 2009 dicembre; 48(8): 447-55.

107. Goodfellow J, Bellamy MF, Ramsey Mw, Jones CJ, Lewis MJ. Il completamento dietetico con gli acidi grassi marini omega-3 migliora la funzione endoteliale della grande arteria sistemica negli oggetti con ipercolesterolemia. J Coll Cardiol. 2000 febbraio; 35(2): 265-70.

108. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, Theisen K, Mudra H. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Ann Intern Med. 6 aprile 1999; 130(7): 554-62.

109. Heiss C, Kleinbongard P, Dejam A, et al. consumo acuto di di cacao ricco di flavanolo e l'inversione di disfunzione endoteliale in fumatori. J Coll Cardiol. 4 ottobre 2005; 46(7): 1276-83.

110. Heiss C, Dejam A, Kleinbongard P, Schewe T, Sies H, effetti di Kelm M. Vascular dei ricchi del cacao in flavan-3-ols. JAMA. 27 agosto 2003; 290(8): 1030-1.

111. Holt RR, DD di Schramm, CL entusiasta, Lazzaro SA, Schmitz HH. Consumo del cioccolato e funzione della piastrina. JAMA. 1° maggio 2002; 287(17): 2212-3.

112. Grassi D, Necozione S, Lippi C, et al. cacao riduce la pressione sanguigna e l'insulino-resistenza e migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in hypertensives. Ipertensione. 2005 agosto; 46(2): 398-405.

113. Il babza S, Natsume m., Yasuda A, et al. plasma LDL e colesterolo di HDL e concentrazioni ossidate di LDL è alterato negli esseri umani ipercolesterolemici e del normo- dopo assunzione dei livelli differenti di cacao in polvere. J Nutr. 2007 giugno; 137(6): 1436-41.

114. Taubert D, Roesen R, Lehmann C, Jung N, Schömig E. Effects dell'assunzione abituale bassa del cacao su pressione sanguigna e su ossido di azoto bioactive: una prova controllata randomizzata. JAMA. 4 luglio 2007; 298(1): 49-60.

115. Marchioli R, Levantesi G, Silletta MG, et al. effetto degli acidi grassi polinsaturi n-3 e delle rosuvastatine in pazienti con infarto: risultati della prova di GISSI-HF. Rev esperto Cardiovasc Ther. 2009 luglio; 7(7): 735-48.

116. SEDERE del grifone. L'effetto degli acidi grassi n-3 sui subfractions della lipoproteina di densità bassa. Lipidi. 2001; 36 supplementi: S91-7.

117. RA di Siddiqui, KA di Harvey, GP di Zaloga. Modulazione delle attività enzimatiche dagli acidi grassi polinsaturi n-3 per sostenere salute cardiovascolare. Biochimica di J Nutr. 2008 luglio; 19(7): 417-37.

118. Hu FB, Bronner L, WC di Willett, Stampfer MJ, Rexrode chilometro, Albert cm, cacciatore D, Manson JE. Assunzione dell'acido grasso omega-3 e del pesce e rischio di coronaropatia in donne. JAMA. 10 aprile 2002; 287(14): 1815-21.

119. Marchioli R, Barzi F, Bomba E, et al. protezione iniziale contro morte improvvisa dagli acidi grassi polinsaturi n-3 dopo infarto miocardico: analisi di del tempo corso dei risultati del Gruppo Italiano per nell'Infarto Miocardico (GISSI) - Prevenzione di Sopravvivenza di della dello studio dello. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1897-903.

120. NG di Bazan. Neuroprotectin D1-mediated antinfiammatorio e segnalazione di sopravvivenza nel colpo, nelle degenerazioni retiniche e nel morbo di Alzheimer. Ricerca del lipido di J. 2009 aprile; 50 supplementi: S400-5.

121. Fradet V, Cheng I, Casey G, Witte JS. Acidi grassi dietetici omega-3, variazione genetica cyclooxygenase-2 e rischio di carcinoma della prostata aggressivo. Ricerca del Cancro di Clin. 1° aprile 2009; 15(7): 2559-66.

122. Wu m., KA di Harvey, Ruzmetov N, et al. acidi grassi polinsaturi Omega-3 attenua la crescita del cancro al seno con l'attivazione di una via sphingomyelinase-mediata neutrale. Cancro di Int J. 10 novembre 2005; 117(3): 340-8.

123. Mazza m., Pomponi m., Janiri L, Bria P, acidi grassi ed antiossidanti di Mazza S. Omega-3 nelle malattie neurologiche e psichiatriche: una panoramica. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 30 gennaio 2007; 31(1): 12-26.

124. Willerson JT, Ridker PM. Infiammazione come fattore di rischio cardiovascolare. Circolazione. 1° giugno 2004; 109 (21 supplemento 1): II2-10.

125. Il HM di Chiu, Lin il JT, il TH di Chen, et al. elevazione del livello C-reattivo della proteina è associato con il neoplasma colorettale sincrono ed avanzato negli uomini. J Gastroenterol. 2008 settembre; 103(9): 2317-25.

126. Interleuchina 6 (IL-6) di Groblewska m., di Mroczko B, di Wereszczynska-Siemiatkowska U, et al. del siero e livelli C-reattivi della proteina (CRP) in adenoma ed in malati di cancro colorettali. Med del laboratorio di Clin Chem. 2008;46(10):1423-8.

127. Caruso C, Lio D, Cavallone L, Franceschi C. Aging, longevità, infiammazione e cancro. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1028:1-13.

128. Paganelli R, Di IA, Patricelli L, et al. citochine di Proinflammatory in sieri dei pazienti anziani con demenza: i livelli nella lesione vascolare sono superiori a quelli dei pazienti del morbo di Alzheimer del delicato-moderato. Exp Gerontol. 2002 gennaio; 37 (2-3): 257-63.

129. Profilo di citochine di Zuliani G, di Ranzini m., di Guerra G, et al. del plasma nei più vecchi oggetti con il morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva o demenza vascolare. Ricerca di J Psychiatr. 2007 ottobre; 41(8): 686-93.

130. Yaffe K, Kanaya A, Lindquist K, et al. La sindrome, l'infiammazione ed il rischio metabolici di declino conoscitivo. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2237-42.

131. Di Napoli m., papà F, proteina C-reattiva di Bocola V. nel colpo ischemico: un fattore prognostico indipendente. Colpo. 2001 aprile; 32(4): 917-24.

132. Shantikumar S, Grant PJ, Catto AJ, Bamford JM, Carter. Proteina C-reattiva elevata e mortalità a lungo termine dopo il colpo ischemico. Relazione con gli indicatori dell'attivazione endoteliale della piastrina e delle cellule. Colpo. 22 gennaio 2009.

133. Il ms di Sabatine, Morrow DA, KA di Jablonski, et al. significato prognostico dei centri per la proteina C-reattiva alto-sensibilità americana di associazione del cuore/del controllo delle malattie ha tagliato i punti per risultati cardiovascolari ed altri in pazienti con la coronaropatia stabile. Circolazione. 27 marzo 2007; 115(12): 1528-36.

134. Boekhoorn ss, JUNIOR di Vingerling, Witteman JC, Hofman A, de Jong PT. livello della proteina e rischio C-reattivi di disordine della macula di invecchiamento: Lo studio di Rotterdam. Arco Ophthalmol. 2007 ottobre; 125(10): 1396-401.

135. Seddon JM, Gensler G, Milton RC, Klein ml, Rifai N. Association fra proteina C-reattiva e degenerazione maculare senile. JAMA. 11 febbraio 2004; 291(6): 704-10.

136. LA di Joosten, Netea MG, Kim SH, et al. IL-32, una citochina proinflammatory nell'artrite reumatoide. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 28 febbraio 2006; 103(9): 3298-303.

137. Mosaad YM, Metwally ss, Auf FA, et al. citochine di Proinflammatory (IL-12 e IL-18) nelle malattie reumatiche immuni: relazione con attività di malattia e produzione degli autoanticorpo. L'Egitto J Immunol. 2003;10(2):19-26.

138. Kiecolt-Glaser JK, predicatore kJ, MacCallum RC, et al. sforzo cronico ed aumenti relativi all'età nella citochina proinflammatory IL-6. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 22 luglio 2003; 100(15): 9090-5.

139. Antoniades CG, PA della bacca, Wendon JA, Vergani D. L'importanza di disfunzione immune nella determinazione del risultato in insufficienza epatica acuta. J Hepatol. 2008 novembre; 49(5): 845-61.

140. Mani AR, Montagnese S, CD di Jackson, et al. la variabilità in diminuzione di frequenza cardiaca in pazienti con la cirrosi riferisce alla presenza ed al grado di encefalopatia epatica. Fegato Physiol di J Physiol Gastrointest. 2009 febbraio; 296(2): G330-8.

141. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.

142. Jialal I, Devaraj S. Inflammation ed aterosclerosi: il valore dell'analisi C-reattiva della proteina di alto-sensibilità come indicatore di rischio. J Clin Pathol. 2001 dicembre; 116 (supplemento): S108-15.

143. Kuch B, von Scheidt W, Kling B, et al. impatto differenziale della proteina C-reattiva di ammissione livella sul rischio della mortalità dei 28 giorni in pazienti con l'St-elevazione contro l'non ST elevazione del miocardio. J Cardiol. 1° novembre 2008; 102(9): 1125-30.

144. Jeppesen J, Hansen TW, Olsen MH, et al. proteina C-reattiva, insulino-resistenza e rischio di malattia cardiovascolare: uno studio basato sulla popolazione. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2008 ottobre; 15(5): 594-8.

145. Il Mach F. Inflammation è una caratteristica cruciale di aterosclerosi e di un obiettivo potenziale per ridurre gli eventi cardiovascolari. Handb Exp Pharmacol. 2005;(170):697-722.

146. Proteina C-reattiva di Kanda T. (CRP) nell'apparato cardiovascolare. Rinsho Byori. 2001 aprile; 49(4): 395-401.

147. Ramsewak RS, DeWitt DL, Nair MG. Attività antiossidanti ed antinfiammatorie di citotossicità, dei curcumins I-III dal curcuma longa. Phytomedicine. 2000 luglio; 7(4): 303-8.

148. Karitè Mk, cabina SL, Massaro JM, et al. vitamina K e stato di vitamina D: le associazioni con gli indicatori infiammatori nella prole di Framingham studiano. J Epidemiol. 1° febbraio 2008; 167(3): 313-20.

149. Ueda H, Yamazaki C, Yamazaki M. Luteolin come costituente antinfiammatorio ed antiallergico del perilla frutescens. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1197-202.

150. Wu D, SN di Han, Meydani m., SN di Meydani. Effetto di consumo concomitante di olio di pesce e di vitamina E su produzione delle citochine infiammatorie in esseri umani anziani in buona salute. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1031:422-4.

151. Kremer JM. supplementi dell'acido grasso n-3 nell'artrite reumatoide. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 349S-51S.

152. CA allegro, Muthukumar A, Avula il CP, Troyer la D, durata di Fernandes G. è prolungato (NZB x NZW) nella F autoimmune-incline alimento-limitata (1) i topi hanno alimentato una dieta arricchita con (n-3) gli acidi grassi. J Nutr. 2001 ottobre; 131(10): 2753-60.

153. Se di Pischon T, di Hankinson, Hotamisligil GS, et al. ingestione dietetica abituale di n-3 ed acidi grassi n-6 relativamente agli indicatori infiammatori fra gli uomini e le donne degli Stati Uniti. Circolazione. 15 luglio 2003; 108(2): 155-60.

154. Kast CON RIFERIMENTO A. La riduzione dell'olio di borragine di attività di artrite reumatoide può essere mediata dal campo aumentato che sopprime l'fattore-alfa di necrosi del tumore. Int Immunopharmacol. 2001 novembre; 1(12): 2197-9.

155. Rothman D, DeLuca P, RB di Zurier. Lipidi botanici: effetti su infiammazione, sulle risposte immunitarie e sull'artrite reumatoide. Rheum di artrite di Semin. 1995 ottobre; 25(2): 87-96.

156. Izgut-Uysal VN, Agac A, Derin N. Effect di L-carnitina da su infiammazione indotta da carrageenano in ratti invecchiati. Gerontologia. 2003 settembre; 49(5): 287-92.

157. Calabrese V, Giuffrida Stella, Calvani m., Butterfield DA. Acetilcarnitina e risposta cellulare di sforzo: ruoli nell'omeostasi e nel regolamento redox nutrizionali dei geni di longevità. Biochimica di J Nutr. 2006 febbraio; 17(2): 73-88.

158. Korantzopoulos P, Kolettis TM, Kountouris E, et al. amministrazione orale della vitamina C riduce i tassi iniziali di ricorrenza dopo cardioversione elettrica della fibrillazione atriale persistente ed attenua l'infiammazione collegata. Int J Cardiol. 10 luglio 2005; 102(2): 321-6.

159. Majewicz J, Rimbach G, Proteggente AR, et al. vitamina C dietetica giù-regola l'espressione genica infiammatoria in fumatori apoE4. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 16 dicembre 2005; 338(2): 951-5.

160. Aneja R, Odoms K, Denenberg AG, ORA di Wong. La teaflavina, un estratto del tè nero, è un composto antinfiammatorio novello. Med di cura di Crit. 2004 ottobre; 32(10): 2097-103.

161. Il Cai F, CR di Li, Wu JL, et al. teaflavina migliora la lesione cerebrale di ischemia-riperfusione in ratti con il suoi effetto e modulazione antinfiammatori di STAT-1. Mediatori Inflamm. 2006;2006(5):30490.

162. JUNIOR di mA Y, di Hebert, Li W, et al. associazione fra fibra dietetica ed indicatori di infiammazione sistemica nello studio d'osservazione di iniziativa della salute delle donne. Nutrizione. 2008 ottobre; 24(10): 941-9.

163. Qi L, van Dam RM, Liu S, et al. intero, crusca e assunzioni della fibra del cereale ed indicatori di infiammazione sistemica in donne diabetiche. Cura del diabete. 2006 febbraio; 29(2): 207-11.

164. Wang XL, acqua piovana DL, Mahaney MC, Stocker R. Cosupplementation con la vitamina E e coenzima Q10 si riduce fare circolare gli indicatori di infiammazione in babbuini. J Clin Nutr. 2004 settembre; 80(3): 649-55.

165. Ikonomidis I, Andreotti F, Economou E, et al. citochine proinflammatory aumentate in pazienti con angina stabile cronica e la loro riduzione da aspirin. Circolazione. 24 agosto 1999; 100(8): 793-8.

166. Arena R, Arrowood JA, Dy di Fei, timone S, KA di Kraft. La relazione fra proteina C-reattiva ed altri fattori di rischio cardiovascolari in uomini e le donne. J Cardiopulm Rehabil. 2006 settembre-ottobre; 26(5): 323-7; quiz 328-9.

167. Sampietro T, Bigazzi F, PB del dal, et al. ha aumentato la proteina C-reattiva del plasma in hypoalphalipoproteinemia familiare: uno stato proinflammatory? Circolazione. 1° gennaio 2002; 105(1): 11-4.

168. Malkin CJ, Pugh PJ, Jones RD, TH di Jones, Channer KS. Testosterone come fattore protettivo contro aterosclerosi--immunomodulazione ed influenza sopra sviluppo e stabilità della placca. J Endocrinol. 2003 settembre; 178(3): 373-80.

169. Nakhai versa l'ora, Grobbee DE, Muller m., van der Schouw YT. L'associazione dell'ormone sessuale endogena con proteina C-reattiva livella in uomini di mezza età ed anziani. Clin Endocrinol (Oxf). 2007 marzo; 66(3): 394-8.

170. L'associazione di Shankar A, di Li J. Positive fra il livello C-reattivo della proteina della alto-sensibilità ed i diabeti melliti fra il non latino-americano degli Stati Uniti anneriscono gli adulti. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2008 agosto; 116(8): 455-60.

171. Aronson D, Avizohar O, imposizione Y, Bartha P, Jacob G, analisi fattoriale di Markiewicz W. delle variabili di rischio si è associato con infiammazione di qualità inferiore. Aterosclerosi. 2008 settembre; 200(1): 206-12.

172. KB di Holven, Aukrust P, Retterstol K, et al. livelli aumentati di proteina C-reattiva e interleukin-6 negli oggetti hyperhomocysteinemic. Il laboratorio di Scand J Clin investe. 2006; 66(1):45-54.

173. Herman WA, Seńko A, Korczowska I, Lacka K. Assessment degli indicatori infiammatori selezionati del siero della risposta di fase acuta e delle loro correlazioni con gli androgeni adrenali e della sindrome metabolica in una popolazione degli uomini sopra l'età di 40. Pol Arch Med Wewn. 2009 novembre; 119(11): 704-11.

174. Ridker PM, Cushman m., Stampfer MJ, Tracy RP, Hennekens CH. Concentrazione nel plasma di proteina C-reattiva e rischio di sviluppare malattia vascolare periferica. Circolazione. 10 febbraio 1998; 97(5): 425-8.

175. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4648. 30 aprile 2010 raggiunto.

176. Ridker PM. Pagina del paziente di cardiologia. proteina C-reattiva: una prova semplice da contribuire a predire rischio di attacco di cuore e di colpo. Circolazione. 23 settembre 2003; 108(12): e81-5.

177. Niu K, Hozawa A, Guo H, et al. proteina C-reattiva del siero anche (mg/l <1.0) a concentrazione molto bassa è associato con la prestazione fisica in una popolazione anziana a livello comunitario di 70 anni e più. Gerontologia. 2008;54(5):260-7.

178. Rifai N, Ridker PM. Indicatori e coronaropatia infiammatori. Curr Opin Lipidol. 2002 agosto; 13(4): 383-9.

179. Albert cm, mA J, Rifai N, Stampfer MJ, Ridker PM. Studio prospettivo di proteina, di omocisteina e dei livelli di lipidi C-reattivi del plasma come preannunciatori della morte cardiaca improvvisa. Circolazione. 4 giugno 2002; 105(22): 2595-9.

180. Bermudez ea, Ridker PM. proteina C-reattiva, statine e la prevenzione primaria della malattia cardiovascolare aterosclerotica. Prev Cardiol. 2002; 5(1):42-6.

181. Ballantyne cm, Hoogeveen RC, il colpo H, et al. la fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2, la proteina C-reattiva della alto-sensibilità ed il rischio per il colpo ischemico di incidente in uomini ed in donne di mezza età nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studiano. Med dell'interno dell'arco. 28 novembre 2005; 165(21): 2479-84.

182. L'influenza dei Di Napoli m., del papà F, di Bocola V. Prognostic di proteina C-reattiva aumentata ed il fibrinogeno livella nel colpo ischemico. Colpo. 2001 gennaio; 32(1): 133-8.

183. Caruso C, Lio D, Cavallone L, Franceschi C. Aging, longevità, infiammazione e cancro. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1028:1-13.

184. Nilsson K, Gustafson L, proteina C-reattiva di Hultberg B.: indicatore vascolare di rischio in pazienti anziani con la malattia mentale. Geriatr demente Cogn Disord. 2008;26(3):251-6.

185. TUM di Komulainen P, di Lakka, proteina C-reattiva di alta sensibilità di Kivipelto m., et al. del siero e funzione conoscitiva in donne anziane. Invecchiamento di età. 2007 luglio; 36(4): 443-8.

186. Ms di Maugeri D, di Russo, Franze C, et al. correlazioni fra proteina C-reattiva, interleukin-6, fattore-alfa di necrosi del tumore e indice di massa corporea durante l'osteoporosi senile. Arco Gerontol Geriatr. 1998 settembre; 27(2): 159-63.

187. Boden NOI, RA di O'Rourke, Teo KK, et al. terapia medica ottimale con o senza il PCI per la malattia coronarica stabile. Med di N Inghilterra J. 12 aprile 2007; 356(15): 1503-16.

188. Declinando la m., Bleie O, Ueland PM, et al. la mortalità e gli eventi cardiovascolari in pazienti hanno trattato con le vitamine d'abbassamento di B dopo angiografia coronaria: una prova controllata randomizzata. JAMA. 20 agosto 2008; 300(7): 795-804.

189. Proteina di Jarosz A, di Nowicka G. ed omocisteina C-reattive come fattori di rischio di aterosclerosi. Lek di Przegl. 2008;65(6):268-72.