Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Vendita eccellente 2010/2011 della rivista del prolungamento della vita
Rapporti

Visione di avanguardia di Berry Extract For Improved Night

Da Kirk Stokel

In termini di sicurezza personale, arrivare dopo la ruota di un'automobile può essere uno sforzo rischioso. Ma condurre un'automobile alla notte è ancora più rischioso.

Quasi la metà di tutti gli incidenti stradali mortali negli Stati Uniti si presenta alla notte.1 quasi metà di tutti gli infortuni mortali di aviazione inoltre ha luogo alla notte, anche se soltanto 7% di tutti i voli sono voli di notte.2

La ragione è semplice. Gli esseri umani non hanno evoluto la capacità di vedere bene nelle circostanze male accese. Mentre invecchiamo, la nostra abilità di visione notturna si precipita.

Per esempio, le cadute sono la causa di numero uno delle lesioni gravi in gente più anziana, rappresentante 70% delle morti accidentali.L'oscurità 3 è spesso il colpevole.

Fortunatamente, i ricercatori di avanguardia hanno identificato una sostanza nutriente che non solo migliora visione-ma ha il potere di rigenerare le molecole nei vostri occhi che vi aiutano a vedere nell'oscurità.

Questa sostanza nutriente di prossima generazione, chiamata cyanidin-3-glucoside o C3G, è trovata nelle alte concentrazioni in bacche sicure indigene ad Europa.

In uno studio clinico sugli effetti di un estratto concentrato della bacca che contiene C3G, un gruppo di individui di invecchiamento che prendono appena 50 mg ha avvertito il miglioramento nella loro capacità di vedere nell'oscurità dopo appena 30 minuti!4

In questo articolo, imparerete come questa a sostanza nutriente basata a pianta novella agisce nei modi multipli migliorare la vista e nutrire le strutture che dovete vedere negli stati della tenue-luce. Inoltre scoprirete come un gruppo di ricerca internazionale recentemente ha stabilito il potere farmacologico di C3G di migliorare la vista alla notte.

Una scoperta di innovazione: Rigenerazione di visione

Una scoperta di innovazione: Rigenerazione di visione

Mentre invecchiamo, la nostra capacità di vedere nello scuro è alterata. La ragione è che un composto nei nostri occhi ha chiamato il rhodopsin (che assorbe la luce in nostra retina) drammaticamente diminuisce col passare del tempo.

L'invecchiamento direttamente è associato con una riduzione della capacità del rhodopsin di rigenerare, con conseguente perdita progressiva di visione scura.5

I ricercatori hanno scoperto una soluzione novella al problema di diminuzione del C3G chiamato visione notturna, che è breve modo di dire cyanidin-3-glucoside.

C3G è un pigmento porpora nella famiglia dell'antociano delle molecole flavonoidi. È trovato nelle più alte concentrazioni in frutti scuri come le more ed il ribes nero.6,7 come la maggior parte dei flavonoidi, è un antiossidante potente8— un fattore protettivo critico nell'ambiente ad alta energia della retina, in cui gli elettroni ed i fotoni continuamente scorrenti producono gli impulsi offensivi del radicale libero.9

C3G è un pigmento porpora nella famiglia dell'antociano delle molecole flavonoidi. È trovato nelle più alte concentrazioni in frutti scuri come le more ed il ribes nero.

Studi scientifici su C3G e sull'occhio

Già del 2003, i ricercatori giapponesi hanno scoperto che C3G ha stimolato la rigenerazione di rhodopsin in cellule retiniche animali.10 questi risultati sono stati estesi con due carte del punto di riferimento nel 2009. In primo luogo indicato che C3G lega direttamente al rhodopsin sia nei suoi stati luminoso adattato che di buio.11

Il secondo studio ha indicato che il grippaggio di C3G crea un cambiamento utile nella struttura molecolare del rhodopsin.12 ricordi che il rhodopsin è il complesso in vostra retina che assorbe la luce.

Aprendo la sede del legame per un pigmento conosciuto come retinico, C3G accelera la rigenerazione del rhodopsin. È quella rigenerazione rapida del rhodopsin che fa C3G così che eccita agli scienziati della visione affinchè il suo potenziale migliori la visione notturna.

Uno studio complementare che fa partecipare un gruppo di volontari sani ha trovato che appena 50 mg di concentrato dell'estratto della bacca che contiene C3G hanno contribuito ad invecchiare gli individui per vedere meglio nell'oscurità dopo 30 minuti.4

Studi scientifici su come C3G avvantaggia altri tessuti

Studi scientifici su come C3G avvantaggia altri tessuti

Interessante, C3G, che è altamente bioavailable, migliora altre funzioni nel corpo.13-15 le sue proprietà antiossidanti potenti proteggono i tessuti da danno del DNA, spesso il primo punto nella formazione del cancro e invecchiamento di tessuti.16,17

C3G protegge le cellule endoteliali da da disfunzione endoteliale indotta peroxynitrite e da guasto vascolare.18 inoltre, C3G combatte l'infiammazione inibendo la sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto (iNOS), riducente l'infiammazione vascolare.19 allo stesso tempo C3G aumentano l'attività della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto (eNOS), che gli aiuti mantengono la funzione vascolare normale.20 questi effetti sui vasi sanguigni sono particolarmente importanti nella retina, in cui le cellule nervose delicate dipendono dalla singola arteria oftalmica per il loro sostentamento.

Nei modelli animali, C3G impedisce l'obesità e migliora le elevazioni della glicemia.21 un modo che fa questo sono aumentando l'espressione genica del adiponectin in relazione con grassa utile di citochina.22 mentre sappiamo bene, i diabetici sono predisposti ai problemi severi dell'occhio compreso cecità dai livelli elevati della glicemia.

C3G contribuisce ad indurre gli apoptosi (morte programmata delle cellule) in una serie di linee del cancro dell'essere umano, un punto importante nella prevenzione del cancro.23,24 in modo simile (ma via un meccanismo differente), C3G stimola le cellule tumorali umane rapidamente di proliferazione differenziarsi in modo che somiglino più molto attentamente al tessuto normale.25

Per concludere, all'inizio del 2010, è stato scoperto che C3G è neuroprotective, contribuendo ad impedire gli effetti disastrosi dell'amiloide Alzheimer's in relazione con della proteina beta sulle cellule cerebrali.26

C3G agisce agli obiettivi multipli in tutto il corpo per proteggere la visione. Per raggiungere la protezione degli occhi massima, C3G funziona di concerto con altre sostanze nutrienti che custodicono gli occhi dalle molte minacce relative all'età contro la visione.

Protezione della macula

Fino al medio evo, le nostre retine sono protette dall'assalto violento di gravi danni da luce solare intensa. Dobbiamo la protezione della luce naturale in nostre retine giovanili ad un gruppo di molecole pianta-derivate chiamate xantofille del carotenoide. La retina contiene 3 generi di carotenoidi, di cui due, luteina e zeaxantina, predominano.27

Con l'aggiunta di meso-zeaxantina (che in giovani occhi è formata da luteina), questi carotenoidi rappresentano “il punto giallo„ alla macula.28,29

Protezione della macula

La macula è la parte della retina su cui la maggior parte della luce cade ed è quindi più vulnerabile a danno indotto dalla luce.29 non è coincidenza che i carotenoidi sono concentrati nella macula: il loro pigmento giallo è una funzione della loro struttura molecolare, che li permette di assorbire avido la luce blu che è la più distruttiva alle cellule retiniche.30,31 che questi pigmenti inoltre hanno proprietà antiossidanti potenti, aiutante li rapidamente estiguono i radicali senza ossigeno prodotti dal tessuto retinico notevole dei fotoni.29,32

Ma i pigmenti maculari diminuiscono con l'età, lasciante la retina sempre più unshielded da radiazione dura. Infatti, poichè il pigmento livella la goccia, l'incidenza di degenerazione maculare senile aumenta.

La degenerazione maculare è la causa principale di cecità negli anziani.31 Poiché distrugge la visione nel centro del campo visivo, la degenerazione maculare ha un impatto tremendo sulla sua capacità di riconoscere i fronti, di guidare e di leggere, contribuenti all'isolamento crescente che è così devastante agli anziani.33

Tristemente, l'assunzione media dei pigmenti del carotenoide negli Stati Uniti è sotto i livelli conosciuti per permettere la protezione dalla malattia dell'occhio.34 c'è prova coercitiva che le carenze dietetiche in queste sostanze nutrienti contribuiscono alle malattie dell'occhio quali degenerazione maculare e le cataratte.35,36 fortunatamente, c'è prova ugualmente inequivocabile che il completamento offre la protezione.36 prendiamo uno sguardo.

È stato conosciuto per anni che le più alte ingestioni dietetiche di luteina e di zeaxantina sono state associate con probabilità in diminuzione di degenerazione maculare senile.37 più recentemente, i livelli ematici di carotenoidi sono stati trovati per essere associati con impedire le cataratte pure.38,39 ma semplicemente aumentare la sua assunzione della frutta e delle verdure ricche in questi pigmenti, mentre utile per la salute globale, non è riuscito a colpire la concentrazione di carotenoidi nella retina.40 per fare quello, il completamento è richiesto.

Protezione della macula
Clicchi qui per osservare

La prova antiossidante del completamento della grande luteina (ULTIMA) è stata destinata per determinare gli effetti del completamento su densità dei pigmenti maculari nella gente con degenerazione maculare senile.41 oggetto ha ricevuto la luteina di mg 10 da solo; luteina con le vitamine, i minerali e gli antiossidanti; o un placebo. La densità del pigmento maculare è aumentato di entrambi i gruppi completati ed è diminuito significativamente nei destinatari del placebo. Il più estremamente, questo studio ha stabilito quella gente con la densità del pigmento più bassa (e quindi nel più grande bisogno del completamento), ottenuta il più notevole beneficio dal completamento. Gli autori hanno concluso quello “se una carenza nella densità ottica del pigmento maculare è diagnosticata esattamente, efficaci interventi dovrebbero potere ristabilire questa barriera profilattica.„41

Uno studio dagli oftalmologi italiani ha avanzato la nostra conoscenza da un ulteriore passo.42 genti di studio con degenerazione maculare senile iniziale, hanno dimostrato un aumento notevole nella risposta elettrica a luce delle retine degli oggetti dopo il completamento con mg della luteina 10, mg della zeaxantina 1 e mg dell'astaxantina 4, con le vitamine ed i minerali antiossidanti. Ciò era il primo studio per indicare che i supplementi migliorano la funzione retinica.

Protezione della macula

Numeroso altri studi hanno confermato e approfondito questi risultati. La luteina congiuntamente ad acido docosaesaenoico (DHA dall'olio di pesce) ha fornito anche un aumento nella densità del pigmento in tutto la retina.43 una prova 2010 dimostrata hanno aumentato la pigmentazione maculare, particolarmente nella parte centrale cruciale della retina, dopo appena 2 settimane del completamento con luteina, zeaxantina e meso-zeaxantina.44 la combinazione di luteina più zeaxantina forniscono la migliore copertura del pigmento sia nelle aree centrali che periferiche della retina.Il completamento 45 con luteina, zeaxantina e l'estratto del ribes nero inoltre è stato indicato per ridurre i sintomi di affaticamento visivo, un problema comune con l'età d'avanzamento.46

Le cataratte sono un'altra causa principale di perdita della visione in adulti più anziani ed uno che ora conosciamo può essere evitabile con il completamento. La gente con le più alte assunzioni di luteina e di zeaxantina è al rischio in diminuzione per le cataratte.39,47,48 ricerche di laboratorio hanno dimostrato che la luteina inibisce i cambiamenti che contribuiscono alle cataratte sia nel normale che negli occhi del diabetico.49,50 per concludere, la luteina completa la funzione visiva migliore nella gente con le cataratte relative all'età.51

Meccanismi unici di Meso-zeaxantina e di astaxantina

Mentre la luteina e la zeaxantina sono le xantofille principali nella retina, la luteina inoltre è trasformata in meso-zeaxantina nella retina stessa.la Meso-zeaxantina 31 è trovata soltanto in alcuni alimenti, quali le coperture del gamberetto e le fonti supplichevoli della pelle-duro del pesce per questa sostanza nutriente importante.27 fortunatamente, la meso-zeaxantina è assorbita prontamente nel sangue che segue il completamento orale e contribuisce significativamente a migliorare la densità maculare del pigmento una volta usata come supplemento.

La luce non solo vuota la retina dei pigmenti protettivi, inoltre induce l'ossidante potente sollecita quel risultato nelle risposte infiammatorie in sia retina che lente. Un'altra xantofilla, l'astaxantina rossa del pigmento, assicura la protezione completa contro queste minacce.52,53 infatti, l'astaxantina congiuntamente a luteina e la cartina per obiettivi umana protetta della zeaxantina da luce ultravioletta danneggiano meglio della vitamina il E.54

Le cataratte sono un'altra causa principale di perdita della visione in adulti più anziani ed uno che ora conosciamo può essere evitabile con il completamento.

I cambiamenti infiammatori nella retina contribuiscono a danno retinico a lungo termine, principalmente con il loro impatto sulla salute dei vasi sanguigni minuscoli all'interno dell'occhio. L'astaxantina riduce l'infiammazione nell'occhio dai seguenti meccanismi:

  • Sopprime la sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto dei segnali pro-infiammatori (iNOS), la prostaglandina E2 e l'TNF-alfa.55
  • Downregulates la via vitale di segnalazione controllata dal fattore-kappaB nucleare, che controlla le risposte cellulari ad infiammazione.56
  • Protegge il DNA da danno indotto dalle specie reattive dell'azoto pure.57

Gli effetti antinfiammatori dell'astaxantina inoltre proteggono il tessuto retinico da cosiddetto “hanno bagnato„ la degenerazione maculare senile riducendo la formazione di nuovi vasi sanguigni veduti nella malattia avanzata.58 per concludere, l'astaxantina protegge le cellule retiniche dalla morte come risultato della pressione aumentata all'interno dell'occhio che caratterizza il glaucoma, un'altra causa tragica di cecità negli anziani.59

Riassunto

Quasi la metà di tutti gli infortuni mortali di aviazione e dell'automobile si presenta alla notte. gli stati di Tenue-illuminazione sono un fattore principale nelle cadute, la causa di morte accidentale principale in persone più anziane. Questo numero di vittime orribile stacca soprattutto dal fatto che gli esseri umani non hanno evoluto la capacità di vedere bene nell'oscurità.

I ricercatori recentemente hanno scoperto il potere dei composti flavonoidi della bacca quali cyanidin-3-glucoside o C3G di ottimizzare la vista e migliorare la visione notturna. Colpisce favorevole i processi molecolari che accelerano il ripristino del rhodopsin del pigmento di occhio— il catalizzatore primario per visione notturna ottimizzata. (Vedi la barra laterale qui sotto per i dettagli.)

La luteina, la zeaxantina e l'aiuto della meso-zeaxantina proteggono retinico e la cartina per obiettivi da danno leggero, contribuendo ad impedire la degenerazione maculare e le cataratte. L'astaxantina assicura la protezione supplementare contro i cambiamenti infiammatori che possono peggiorare la degenerazione maculare come pure contro pressione elevata dal glaucoma.

Queste sostanze nutrienti forniscono i benefici alle cellule in tutto il corpo.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Rhodopsin e l'innovazione di C3G: Come funziona
Meccanismi unici di Meso-zeaxantina e di astaxantina

Il meccanismo d'ottimizzazione di C3G di azione sulla notte visione-prima individuata da un gruppo dei ricercatori giapponesi nel 2003 infine “è emerso nel 2009„, quando potevano infine descrivere dettagliatamente come C3G funziona.

Nelle circostanze visive normali, percepiamo la luce quando i fotoni (particelle leggere) attraversano le lenti dell'occhio e cadono sulla retina. L'occhio si è evoluto per ricevere ed il processo attacca le immagini attraverso due tipi di strutture nella retina chiamata coni retinicie coni dei fotoricettori, specificamente. I coni percepiscono leggero, mentre i coni retinici sono altamente sensibili ad oscurità.

Rhodopsin è il complesso della proteina responsabile di visione notturna. Ha usato specificamente dai coni retinici scuro-rispondenti.60 quando una molecola del rhodopsin assorbe un fotone, taglia in molecola retinica (11-trans-retinal) e molecola di opsin.61 questa ripartizione molecolare del rhodopsin iniziano una reazione biochimico--elettrica che invia i segnali al centro d'elaborazione visivo del vostro cervello, permettendo che distinguiate le immagini nello scuro.62 retinico e opsin poi ricombini nel rhodopsin.

Sebbene la scissione del rhodopsin in retinico e nel opsin sia virtualmente istantanea, può richiedere i dieci dei minuti per il opsin e retinico per ricostituire e ristabilire il rhodopsin ai livelli ottimali.63

Durante quell'intervallo, la vostra capacità di vedere nello scuro è alterata (pensi a che cosa accade quando fate un passo in una stanza scura dopo essere stato fuori dentro luce solare diretta). L'invecchiamento direttamente è associato con una riduzione della capacità del rhodopsin di rigenerare, con conseguente perdita progressiva di visione scura.5

C3G accelera la ricombinazione di retinico e del opsin nel rhodopsin, permettendo ai coni retinici responsabili di visione notturna di riprendere funzionare molto più velocemente. Il risultato? Minuti extra preziosi da vedere nelle circostanze scure, se state guidando sulla strada alla notte o state andando su un volo delle scale tenue acceso.

L'evoluzione delle macchine fotografiche digitali è una buona analogia. I modelli più in anticipo hanno richiesto molto tempo rinfrescare la loro memoria prima che potreste prendere un altro colpo. Ciò era frustrare-voi ha dovuto aspettare per prendere un'altra immagine, mancante altre opportunità della foto mentre avete aspettato. Ma mentre le loro unità di elaborazione hanno ottenuto più velocemente, le macchine fotografiche digitali hanno avanzato al punto in cui potreste prendere ad immagini multiple i video istantaneo-uguali di short del tiro.

C3G agisce similmente sulla retina. Riciclando il rhodopsin più velocemente, C3G funziona come un acceleratore grafico per l'occhio, permettendo che più informazioni siano elaborate più velocemente tramite la retina nell'oscurità. Ciò invia un maggior numero “delle istantanee„ visive al cervello nelle situazione-istantanee della tenue-luce che possono fare la differenza fra la sicurezza ed il disastro.

Riferimenti

1. Disponibile a: www.forbes.com/2009/01/21/car-accident-times-forbeslife-cx_he_0121driving.html. 13 agosto 2010 raggiunto.

2. Disponibile a: http://4vfr.com/?goto=view_article&section=articles&article_key=300. 10 agosto 2010 raggiunto.

3. Disponibile a: http://www.aafp.org/afp/20000401/2159.html. 10 agosto 2010 raggiunto.

4. Nakaishi H, Matsumoto H, Tominaga S, Hirayama M. Effects dell'assunzione di anthocyanoside del ribes nero su adattamento all'oscurità e dall'sull'alterazione rifrangente transitoria indotta da lavoro di VDT in esseri umani in buona salute. Alt Med Rev. 2000 dicembre; 5(6): 553-62.

5. Jackson GR, Owsley C, invecchiamento del Jr. di McGwin G ed adattamento all'oscurità. Ricerca di visione. 1999 novembre; 39(23): 3975-82.

6. Guerra MC, Galvano F, Bonsi L, et al. Cyanidin-3-O-beta-glucopyranoside, un organismo saprofago libero radicale naturale contro aflatossina B1- e da danno indotto da una delle cellule dell'ocratossina in una linea cellulare umana del tumore epatico (G2 Hep) ed in una linea cellulare colica umana dell'adenocarcinoma (CaCo-2). Br J Nutr. 2005 agosto; 94(2): 211-20.

7. PAGINA di Kapasakalidis, RA di Rastall, Gordon MH. Estrazione dei polifenoli dai residui elaborati del ribes nero (ribes nigrum L.). Alimento chim. di J Agric. 31 maggio 2006; 54(11): 4016-21.

8. Amorini, Fazzina G, Lazzarino G, et al. attività e meccanismo delle proprietà antiossidanti di cyanidin-3-O-beta-glucopyranoside. Ricerca libera di Radic. 2001 dicembre; 35(6): 953-66.

9. Wu J, Seregard S, Algvere PV. Danno fotochimico della retina. Surv Ophthalmol. 2006 settembre-ottobre; 51(5): 461-81.

10. Matsumoto H, Nakamura Y, Tachibanaki S, Kawamura S, effetto di Hirayama M. Stimulatory di cianidina 3 glicosidi sulla rigenerazione del rhodopsin. Alimento chim. di J Agric. 4 giugno 2003; 51(12): 3560-3.

11. Yanamala N, Tirupula KC, Balem F, interazione dipendente dal pH di Klein-Seetharaman J. del rhodopsin con cyanidin-3-glucoside. 1. Aspetti strutturali. Photochem Photobiol. 2009 marzo-aprile; 85(2): 454-62.

12. Tirupula KC, Balem F, Yanamala N, interazione dipendente dal pH di Klein-Seetharaman J. del rhodopsin con cyanidin-3-glucoside. 2. Aspetti funzionali. Photochem Photobiol. 2009 marzo-aprile; 85(2): 463-70.

13. Miyazawa T, Nakagawa K, Kudo m., Muraishi K, assorbimento intestinale di Someya K. Direct degli antociani rossi della frutta, cyanidin-3-glucoside e cyanidin-3,5-diglucoside, nei ratti e negli esseri umani. Alimento chim. di J Agric. 1999 marzo; 47(3): 1083-91.

14. Tsuda T, Horio F, Osawa T. Absorption e metabolismo di cianidina 3-O-beta-D-glucoside in ratti. FEBS Lett. 23 aprile 1999; 449 (2-3): 179-82.

15. Il rutinoside della delfinidina amministrato Orally 3 di Matsumoto H, di Inaba H, di Kishi m., di Tominaga S, di Hirayama m., di Tsuda T. ed il rutinoside della cianidina 3 direttamente sono assorbiti in ratti ed in esseri umani e compaiono nel sangue come le forme intatte. Alimento chim. di J Agric. 2001 marzo; 49(3): 1546-51.

16. Acquaviva R, Russo A, Galvano F, et al. cianidina e cianidina 3-O-beta-D - glucoside come i protettori ed antiossidanti di fenditura del DNA. Biol Toxicol delle cellule. 2003 agosto; 19(4): 243-52.

17. Riso P, Visioli F, Gardana C, et al. gli effetti dell'assunzione del succo dell'arancia sanguinella sulla biodisponibilità antiossidante e sugli indicatori differenti si sono riferiti allo sforzo ossidativo. Alimento chim. di J Agric. 23 febbraio 2005; 53(4): 941-7.

18. Serraino I, Dugo L, Dugo P, et al. effetti protettivi di cyanidin-3-O-glucoside dall'estratto della mora contro da disfunzione endoteliale indotta peroxynitrite e guasto vascolare. Vita Sci. 18 luglio 2003; 73(9): 1097-114.

19. Pergola C, Rossi A, Dugo P, Cuzzocrea S, Sautebin L. Inhibition della biosintesi dell'ossido di azoto dalla frazione dell'antociano dell'estratto della mora. Ossido di azoto. 2006 agosto; 15(1): 30-9.

20. Xu JW, Ikeda K, Yamori Y. Cyanidin-3-glucoside regola la fosforilazione della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto. FEBS Lett. 10 settembre 2004; 574 (1-3): 176-80.

21. Tsuda T, Horio F, Uchida K, Aoki H, colore di cereale porpora della cianidina 3-O-beta-D-glucoside-rich di Osawa T. Dietary impedisce l'obesità e migliora l'iperglicemia in topi. J Nutr. 2003 luglio; 133(7): 2125-30.

22. Tsuda T, Ueno Y, Aoki H, et al. antociano migliora la secrezione di adipocytokine e l'espressione genica adipocyte-specifica nei adipocytes isolati del ratto. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 26 marzo 2004; 316(1): 149-57.

23. Fimognari C, Berti F, Nusse m., Cantelli-Forti G, Hrelia P. Induction degli apoptosi in due linee cellulari come pure differenziazioni umane di leucemia in cellule promyelocytic umane da cyanidin-3-O-beta-glucopyranoside. Biochimica Pharmacol. 1° giugno 2004; 67(11): 2047-56.

24. Chen PN, Sc di CHU, HL di Chiou, CL di Chiang, Yang SF, Hsieh YS. Il glucoside della cianidina 3 ed il glucoside della peonidina 3 inibiscono la crescita delle cellule del tumore ed inducono gli apoptosi in vitro e sopprimono la crescita del tumore in vivo. Cancro di Nutr. 2005;53(2):232-43.

25. Serafino A, Sinibaldi-Vallebona P, Lazzarino G, et al. differenziazione delle cellule umane del melanoma indotte da cyanidin-3-O-beta-glucopyranoside. FASEB J. 2004 dicembre; 18(15): 1940-2.

26. Tarozzi A, Morroni F, Merlicco A, et al. effetti Neuro-protettivi di cianidina 3-O-glucopyranoside su beta (25-35) da tossicità indotta da oligomero dell'amiloide. Neurosci Lett. 5 aprile 2010; 473(2): 72-6.

27. DI di Thurnham. Zeaxantine maculari e luteina--una rassegna delle fonti e della biodisponibilità dietetiche ed alcune relazioni con densità ottica del pigmento maculare e la malattia maculare relativa all'età. Rev. 2007 di ricerca di Nutr dicembre; 20(2): 163-79.

28. Nolan JM, Kenny R, O'Regan C, et al. densità ottica del pigmento maculare in una popolazione irlandese di invecchiamento: Lo studio longitudinale irlandese su invecchiamento. Ricerca oftalmica. 2 giugno 2010; 44(2): 131-9.

29. Settimana di Subczynski, Wisniewska A, Widomska J. Location delle xantofille maculari nelle regioni più vulnerabili di membrane di esterno-segmento del fotoricettore. Biochimica Biophys dell'arco. 27 maggio 2010.

30. Moukarzel aa, RA di Bejjani, va F-N. Xantofille e salute dell'occhio degli infanti e degli adulti. J Med Liban. 2009 ottobre-dicembre; 57(4): 261-7.

31. Ni di Krinsky, Landrum JT, RA dell'osso. Meccanismi biologici del ruolo protettivo di luteina e di zeaxantina nell'occhio. Annu Rev Nutr. 2003;23:171-201.

32. Li SY, CA di Lo. La luteina protegge le cellule RGC-5 da ipossia e dallo sforzo ossidativo. Int J Mol Sci. 2010;11(5):2109-17.

33. Bernstein PS. Interventi nutrizionali contro degenerazione maculare senile. Acta Hortic. 31 agosto 2009; 841:103-12.

34. Renzi LM, Johnson EJ. Luteina e disordini oculari relativi all'età nell'adulto più anziano: una rassegna. Anziano di J Nutr. 2007;26(3-4):139-57.

35. Pigmento maculare e visione sana. Optometria. 2009 ottobre; 80(10): 592-8.

36. MA L, Lin XM. Effetti di luteina e di zeaxantina sugli aspetti di salute dell'occhio. Alimento Agric di J Sci. 15 gennaio 2010; 90(1): 2-12.

37. Gruppo di ricerca relativo all'età di studio di malattia dell'occhio, SanGiovanni JP, masticazione EY, et al. La relazione di carotenoide e di vitamina A dietetica, dell'assunzione di C e di E con degenerazione maculare senile in uno studio di caso-control: No. 22 di rapporto di AREDS. Arco Ophthalmol. 2007 settembre; 125(9): 1225-32.

38. Dherani m., Murthy GV, Gupta SK, et al. i livelli ematici di vitamina C, i carotenoidi ed il retinolo sono associati inversamente con la cataratta in una popolazione indiana del nord. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2008 agosto; 49(8): 3328-35.

39. Moeller MP, Voland R, lo stagnaio L, et al. le associazioni fra la cataratta nucleare relativa all'età e la luteina e la zeaxantina nella dieta ed il siero nei carotenoidi nella malattia dell'occhio relativa all'età studiano, uno studio dipendente sull'iniziativa della salute delle donne. Arco Ophthalmol. 2008 marzo; 126(3): 354-64.

40. Moeller MP, Voland R, Sarto GE, Gobel VL, Streicher SL, giumente JA. L'intervento di dieta di iniziativa della salute delle donne non ha aumentato la densità ottica del pigmento maculare in uno studio dipendente di un sottocampione dell'iniziativa della salute delle donne. J Nutr. 2009 settembre; 139(9): 1692-9.

41. S più ricca, Devenport J, Lang JC. ULTIMO II: Risposte temporali differenziali di densità ottica del pigmento maculare in pazienti con degenerazione maculare senile atrofica al completamento dietetico con le xantofille. Optometria. 2007 maggio; 78(5): 213-9.

42. Parisi V, Tedeschi m., Gallinaro G, et al. carotenoidi ed antiossidanti nello studio italiano di maculopatia relativa all'età: modifiche multifocali dell'elettroretinogramma dopo 1 anno. Oftalmologia. 2008 febbraio; 115(2): 324-33.e2.

43. Johnson EJ, Chung HY, Caldarella MP, Snodderly dm. L'influenza di luteina e di acido docosaesaenoico supplementari sul siero, sulle lipoproteine e sulla pigmentazione maculare. J Clin Nutr. 2008 maggio; 87(5): 1521-9.

44. Connolly EE, Beatty S, DI di Thurnham, et al. aumento del pigmento maculare dopo il completamento con tutti e tre i carotenoidi maculari: uno studio esplorativo. Ricerca dell'occhio di Curr. 2010 aprile; 35(4): 335-51.

45. Schalch W, Cohn W, accumulazione di Barker FM, et al. della xantofilla nella retina umana durante il completamento con luteina o zeaxantina - lo studio di LUXEA (accumulazione dell'occhio della xantofilla della luteina). Biochimica Biophys dell'arco. 15 febbraio 2007; 458(2): 128-35.

46. Yagi A, Fujimoto K, Michihiro K, Goh B, Tsi D, Nagai H. L'effetto del completamento della luteina su affaticamento visivo: un'analisi psicofisiologica. Appl Ergon. 2009 novembre; 40(6): 1047-54.

47. Rodriguez-Rodriguez E, RM di Ortega, Lopez-Sobaler, Aparicio A, Bermejo LM, Marin-arie LI. La relazione fra assunzione e le cataratte nutrienti antiossidanti in gente più anziana. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2006 novembre; 76(6): 359-66.

48. Battezzi il GRUPPO DI LAVORO, Liu la S, Glynn RJ, Gaziano JM, seppellente JE. Carotenoidi, vitamine C ed E e rischio dietetici di cataratta in donne: uno studio prospettivo. Arco Ophthalmol. 2008 gennaio; 126(1): 102-9.

49. Hu Y, Xu Z. Effects di luteina sulla crescita e sulla migrazione delle cellule epiteliali della lente bovina in vitro. J Huazhong Univ Sci Technolog Med Sci. 2008 giugno; 28(3): 360-3.

50. Arnal E, Miranda m., Almansa I, et al. luteina impedisce lo sviluppo e la progressione della cataratta in ratti diabetici. Arco Clin Exp Ophthalmol di Graefes. 2009 gennaio; 247(1): 115-20.

51. Olmedilla B, Granado F, Blanco I, Vaquero M. Lutein, ma non alfa-tocoferolo, il completamento migliora la funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età: una prova alla cieca di 2 y, studio pilota controllato con placebo. Nutrizione. 2003 gennaio; 19(1): 21-4.

52. Malattie di Ishida S. Lifestyle-related ed oftalmologia antinvecchiamento: soppressione delle patologie retiniche e coroidiche inibendo sistema renina-angiotensina ed infiammazione. Il Giappone Ganka Gakkai Zasshi. 2009 marzo; 113(3): 403-22; discussione 23.

53. Nakajima Y, Inokuchi Y, Shimazawa m., Otsubo K, Ishibashi T, Hara H. Astaxanthin, un carotenoide dietetico, protegge le cellule retiniche dallo sforzo ossidativo in vitro ed in topi in vivo. J Pharm Pharmacol. 2008 ottobre; 60(10): 1365-74.

54. Chitchumroonchokchai C, Bomser JA, Glamm JE, Failla ml. Le xantofille e l'alfa-tocoferolo fanno diminuire dalla la perossidazione lipidica indotta UVB e sollecitano la segnalazione in cellule epiteliali della lente umana. J Nutr. 2004 dicembre; 134(12): 3225-32.

55. Ohgami K, Shiratori K, Kotake S, et al. effetti di astaxantina su infiammazione lipopolysaccharide indotta in vitro e in vivo. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2003 giugno; 44(6): 2694-701.

56. Suzuki Y, Ohgami K, Shiratori K, et al. effetti soppressivi di astaxantina contro da uveite indotta da endotossina del ratto inibendo la via di segnalazione N-F-kappaB. Ricerca dell'occhio di Exp. 2006 febbraio; 82(2): 275-81.

57. Santocono m., Zurria m., Berrettini m., Fedeli D, Falcioni G. Lutein, la zeaxantina e l'astaxantina proteggono da danno del DNA in cellule umane di neuroblastoma di SK-N-SH indotte dalle specie reattive dell'azoto. J Photochem Photobiol B. 2007 27 luglio; 88(1): 1-10.

58. Izumi-Nagai K, Nagai N, Ohgami K, et al. inibizione della neovascolarizzazione coroidica con un'astaxantina antinfiammatoria del carotenoide. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2008 aprile; 49(4): 1679-85.

59. Cort A, Ozturk N, Akpinar D, et al. effetto soppressivo di astaxantina sulla lesione retinica indotta da pressione intraoculare elevata. Regul Toxicol Pharmacol. 8 maggio 2010.

60. Alpern m., Fulton ab, BN del panettiere. “Auto-selezione„ del rhodopsin nei segmenti esterni della barretta. Ricerca di visione. 1987;27(9):1459-70.

61. Baylor DA, mi brucia. Controllo di attività di rhodopsin nella visione. Occhio (Lond). 1998; 12 (pinta 3b): 521-5.

62. Garriga P, Manyosa J. Il rhodopsin della proteina del fotoricettore dell'occhio. Implicazioni strutturali per la malattia retinica. FEBS Lett. 25 settembre 2002; 528 (1-3): 17-22.

63. Figli l'adattamento all'oscurità del Jr. dell'en di Pugh, del TD ed il ciclo di retinoide della visione. Ricerca dell'occhio di Prog Retin. 2004 maggio; 23(3): 307-80.