Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Vendita eccellente 2010/2011 della rivista del prolungamento della vita
Rapporti

Protegga il vostro corpo da un uccisore silenzioso

Da Mike Fillon

Poichè imparerete nell'emissione seguente di prolungamento della vita Magazine®, anche i livelli leggermente elevati della glicemia posano una grave minaccia alla vostra salute!

Quando diciamo “leggermente ha elevato,„ non stiamo parlando delle gamme che del glucosio l'istituzione medica accetti come “normale.„

Invece stiamo riferendo ai risultati scientifici facenti sussultare che provano che i livelli di digiuno del glucosio superiore a 80-85 mg/dL creano molti degli stessi problemi sofferti dai diabetici, soltanto ad un tasso più lento.

Cioè i livelli elevati del glucosio che odierni medici considerano come sicuri sono in realtà pericolosamente e silenziosamente stanno uccidendo i numeri innumerevoli degli Americani.

Riconoscendo che la maggior parte della gente di invecchiamento soffre dalle patologie in relazione con il glucosio, il prolungamento della vita ha reso a raccomandazioni radicali questo anno sopprimere la glicemia, come suggerimento che i membri chiedono ai loro medici di studiare la possibilità di prescrivere la metformina della droga antidiabetica— se o non sono diabetici.

La formula della gestione del peso di controllo di caloria è stata introdotta tre mesi fa per permettere ai membri di ridurre il carico del glucosio resistito a dall'ente di invecchiamento dopo il cibo.

In risposta alle sfide che i membri possono ancora confrontare nel raggiungimento delle letture ottimali del glucosio (intorno 80 mg/dL), ingredienti naturali novelli sono stati identificati che permettono alla gente di utilizzare più efficientemente il glucosio assorbente, così rapidamente riducendo il suo livello tossico nel sangue.

Glucosio-abbassamento del potere dell'estratto novello della cannella

Glucosio-abbassamento del potere dell'estratto novello della cannella

Non sentirete questo da FDA o dalle compagnie farmaceutiche, ma il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti (usda) sta studiando l'effetto di cannella su glicemia per più una decade.1,2 scienziati di usda hanno identificato i composti unici nella corteccia di cannella che aumentano il metabolismo in vitro “20-folddello zucchero.„ Secondo un esperto governativo, “questi polimeri polifenolici trovati in cannella possono funzionare come antiossidanti, rafforzano l'azione dell'insulina e possono essere utili nel controllo di intolleranza al glucosio e del diabete.„3

La cannella è ricca di composti bioactive che contribuiscono a regolare i livelli della glicemia. Ciò non è la cannella che abbiate usato per condire il vostro cappuccino, a proposito. È specie relative chiamate cinnamomum cassia— e gli scienziati intorno al mondo ora stanno scoprendo il suo potere d'abbassamento.4-7

L'estratto di questa forma di cannella avvia le proteine di segnalazione delle cellule dentro il pancreas, introducendo la secrezione ed il regolamento dei livelli dell'insulina nel maggior equilibrio. Ciò contribuisce a ristabilire la capacità naturale del vostro corpo di controllare la glicemia mentre invecchiate.

La cannella funge da sensibilizzatore dell'insulina, avviante le proteine quell'insulino-resistenza più basso al livello cellulare.7 inoltre è stato indicato per contrastare i prodotti finiti avanzati di glycation (età) quale sono implicati nelle complicazioni, nell'aterosclerosi e nel morbo di Alzheimer diabetici.8,9 in vivo uno studio recente ha trovato che la cannella compire questo effetto anti--glycation in parte con le sue capacità antiossidanti di lavaggio.9

Usi soltanto l'estratto standardizzato della cannella

La cannella inoltre avvia i geni in muscolo e tessuto adiposo che trasferiscono il glucosio dalla circolazione sanguigna e nelle cellule di produttore d'energia, efficacemente abbassanti la glicemia. Ciò estigue l'ossidante altamente reattivo e l'inferno infiammatorio nel vostro corpo rifornito da sovresposizione cronica del glucosio.

Un'abbondanza di studi sugli animali pubblicati in 201010-13 conferma che i polifenoli della cannella possono ridurre significativamente i livelli di digiuno del glucosio, migliorare la funzione pancreatica e migliorare l'insulina sensibilità-uguale nei modelli diabetici.

In uno studio recente, i ricercatori hanno esaminato l'effetto dell'estratto della cannella sui topi che sono stati divisi in un gruppo diabetico di controllo e la cannella estratto-ha trattato il gruppo.13 per 12 settimane, i ricercatori hanno misurato la glicemia ed altri indicatori del diabete. Hanno trovato che la glicemia a digiuno ed i livelli postprandiali di due ore della glicemia (del dopo-pasto) nel gruppo cannella-trattato erano significativamente più bassi di quelle nel gruppo di controllo. Questi risultati hanno condotto i ricercatori a concludere:

“I nostri risultati indicano che l'estratto della cannella aumenta significativamente la sensibilità dell'insulina, riduce il siero ed i lipidi epatici e migliora l'iperglicemia e l'iperlipidemia.„13

In esseri umani, la letteratura è similmente ricca con i dati che sottolineano la cannella potente, effetti multimodali. I ricercatori hanno documentato i risultati coercitivi per quelli afflitti con la sindrome metabolica, il diabete di tipo 2 e la sindrome policistica dell'ovaia (una causa conosciuta in insulino-resistenza, obesità e diabete in donne).14

Negli studi umani controllati in queste popolazioni, gli estratti della cannella sono stati indicati per indurre profondo utile, effetti dell'ampio spettro sugli indicatori di tolleranza al glucosio generale.14 migliorano i livelli della glicemia, la sensibilità dell'insulina, colesterolo e stato antiossidante, pressione sanguigna, massa magra del corpo e svuotamento gastrico.14 clinici che esaminano il potenziale terapeutico della cannella in individui diabetici hanno riferito i declini in glicemia a digiuno dovunque fra 10-29%.15,16

Usi soltanto l'estratto standardizzato della cannella

Il nuovo complesso del cromo ottimizza la ripartizione del glucosio

Il problema con uso a lungo termine della cannella è la presenza di composti altamente reattivi dell'aldeide. Questi composti solubili nel grasso tossici si accumulano col passare del tempo nel corpo. Le buone notizie sono che un estratto acquoso novello di cannella è stato identificato e con un processo brevettato, consegnano le sostanze nutrienti solubili in acqua utili della cannella mentre eliminano le tossine solubili nel grasso deleterie.

In una prova alla cieca recente, la prova controllata con placebo,17 un gruppo di individui (età media 61) con alta glicemia che prende 500 mg al giorno di questa forma di estratto della cannella ha avvertito un declino medio di 12 mg/dL in glicemia a digiuno dopo appena due mesi. Inoltre ha prodotto una diminuzione significativa nelle punte postprandiali del glucosio (da una media di 32 mg/dL) dopo un'ingestione di 75 g dei carboidrati.

Questi dati clinici precedenti di sostegno di risultati sui simili estratti acquosi della cannella, in cui i pazienti diabetici hanno visto il loro glucosio a digiuno cadere una media di 10,3% dopo quattro mesi.16

Per di più, nessun effetto contrario è stato osservato in qualsiasi studio.

“I nostri risultati indicano che l'estratto della cannella aumenta significativamente la sensibilità dell'insulina, riduce il siero ed i lipidi epatici e migliora l'iperglicemia e l'iperlipidemia.„

Cui questi risultati traducono in

Un rapporto in una delle proprie pubblicazioni dell'associazione americana del diabete ha trovato che che digiuna il glucosio i livelli superiore a 85 mg/dL “in uomini di mezza età apparentemente in buona salute nondiabetic„ era un preannunciatore primario della morte cardiovascolare. Ciò era egualmente vera indipendentemente dai livelli di colesterolo e di esercizio, in fumatori ed in non-fumatori.18

Gli individui non-diabetico invecchianti hanno tipicamente letture di digiuno del glucosio lontano oltre 90 mg/dL. Usando questo estratto novello della cannella da solo, uno può potere ridurre il loro glucosio a digiuno alle gamme più sicure di intorno 80 mg/dL. Imparerete più successivamente in questo articolo sull'importanza di riduzione delle punte (postprandiali) del glucosio del dopo-pasto, qualcosa che la cannella è abbastanza efficace nel fare.

Il nuovo complesso del cromo ottimizza la ripartizione del glucosio

Il cromo lungamente è stato conosciuto per svolgere un ruolo centrale nel metabolismo sano del glucosio al livello cellulare.19-23 sensibilizza le cellule ad insulina ed aumenta il numero dei ricevitori dell'insulina in cellule. Gli studi definitivo collegheranno i bassi livelli del cromo con glicemia, trigliceridi e colesterolo aumentati, aumentando la possibilità del diabete e della malattia cardiaca.24,25

Come con tutta la strategia per abbassare i fattori di rischio cardiaci, le analisi del sangue regolari possono verificare se gli approcci che scegliete stiano funzionando per voi.

Il cromo funziona interagendo con i ricevitori di cellula-segnalazione che migliorano la risposta del corpo ad insulina. In presenza di cromo le cellule richiedono meno insulina di essere attivata, con conseguente maggior sensibilità globale dell'insulina e controllo migliorato del glucosio.

Gli aiuti del cromo inoltre nel trasferimento di glucosio dal sangue nelle cellule attivando al il glucosio insulina sensibile trasportano le molecole. Il suo ruolo centrale in glucosio di regolamento è sottolineato dai segni dell'marchio di garanzia della carenza del cromo che manifesto come livelli ematici di digiuno elevati dell'insulina e del glucosio.

Impedisca Sugar Absorption

Alcuni pazienti cromo-carenti anche hanno sviluppato il diabete che non potrebbe essere invertito attraverso le iniezioni dell'insulina, ma si sono abbassati una volta completati con cromo.26

Il corpo assorbe male il cromo dietetico, evidenziando l'esigenza del completamento.27

Le notizie emozionanti sono un composto di avanguardia del cromo sono emerso che i rifornimenti cromo-hanno complementato dall'estratto standardizzato dell'uva spina indiana e del adaptogen conosciuti come shilajit.

L'uva spina indiana (officinalis di Emblica) è stata indicata nei test clinici umani per migliorare la funzione endoteliale28,29 ed i profili del lipido,30-33 compreso i trigliceridi costituiti da glucosio in eccesso nel sangue.

Gli aiuti di Shilajit ottimizzano i livelli della glicemia.34,35 inoltre sostiene la produzione di energia, che è compromessa in individui che soffrono dal danno del glucosio.35

I composti fenolici e gli acidi organici in shilajit ed uva spina indiana inoltre agiscono per proteggere il cromo dalla distruzione ossidativa nel corpo, stabilizzante la sua struttura e migliorante la biodisponibilità.36

In un test clinico randomizzato di 150 individui con il diabete di tipo 2,36 200 mcg al giorno di questo composto novello del cromo oltre al farmaco standard hanno indotto due volte una maggior riduzione in glicemia a digiuno che il placebo (14,6% in media) ed hanno abbassato la glicemia postprandiale (14,2%) dopo appena due mesi.36

Cui questi risultati traducono in

Per qualcuno con un livello di digiuno del glucosio di 100 mg/dL, l'uso di questo solo complesso del nuovo cromo può ridurre i livelli ad intorno 86— una gamma ben più sicura. Combinando questo complesso del cromo con l'estratto solubile in acqua della cannella ha potuto tagliare il glucosio a digiuno inferiore a 80.

Impedisca Sugar Absorption

Il glucosio è formato soprattutto dai carboidrati che mangiate. Che inibisce il carboidrato gli enzimi digestivi è un metodo provato per ridurre i livelli della glicemia.

alga e bladderwrack

Gli estratti di alga bruna e di bladderwrack sono conosciuti per inibire l'azione di amilasi e di glucosidasi, enzimi digestivi che facilitano la scomposizione degli amidi negli zuccheri per assorbimento in circolazione sanguigna.37,38 una volta dato agli animali, un composto privato di questi estratti ha ridotto il glucosio postprandiale di 90%.39

In una prova alla cieca recente, il test clinico controllato con placebo, un d'una sola dose di 500 mg al giorno di questo stesso composto ha aumentato significativamente la sensibilità dell'insulina mentre indurre un declino 48,3% in glucosio postprandiale (del dopo-pasto) livella in individui in buona salute.40

Lavorando alle vie multiple, facendo uso delle sostanze naturali innovarici, gli individui possono contribuire ad attenuare i fattori dell'insensibilità dell'insulina quei spesso deriva da invecchiamento.

Cui questi risultati traducono in

Il controllo ottimale del glucosio comprende sia continuare il glucosio a digiuno intorno a 80 che non permettere che il glucosio postprandiale (del dopo-pasto ) vada punta affatto più superiore 40. Ciò significa che se il vostro glucosio a digiuno è 82, non dovrebbe andare affatto più superiore 122 (che possono essere misurati da una prova del dito del vostro sangue in due ore del cibo).

Prendendo l'alga bruna e l'estratto del bladderwrack prima dei pasti, una punta postprandiale che andrebbe normalmente a 160 può essere ridotta a soltanto 122.

Riassunto

Anche il glucosio a digiuno modestamente elevato (superiore a 85 mg/dL) è stato indicato per essere un preannunciatore indipendente della morte cardiaca. Ciò sottolinea l'esigenza dell'invecchiamento degli esseri umani per perseguire le strategie sicure, efficaci , naturali per sottoporre la glicemia a controllo.

I ricercatori di avanguardia hanno scoperto gli interventi novelli sotto forma di estratto unico e solubile in acqua di cannella, di composto brevettato del cromo e di sostanze nutrienti purificate ottenute da alga e da bladderwrack. Sono stati indicati alla sensibilità dell'insulina di aumento, amplificano la capacità delle vostre cellule di convertire il glucosio in energia e bloccano lo zucchero assorbimento-per controllo per tutta la vita del glucosio.

Quelli con glucosio a digiuno superiore a 80-85 mg/dL dovrebbero prendere queste sostanze nutrienti prima di ogni pasto, particolarmente quel livello in carboidrati. Come con tutta la strategia per abbassare i fattori di rischio cardiaci, le analisi del sangue regolari possono verificare se gli approcci che scegliete stiano funzionando per voi.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Broadhurst L, Polansky millimetro, Anderson, RA. attività biologica del tipo di insulina degli estratti acquosi della pianta culinaria e medicinale in vitro. Alimento chim. di J Agric. 2000 marzo; 48(3):849–52.

2. Cao H, tombe DJ, Anderson RA. L'estratto della cannella regola il trasportatore del glucosio e l'espressione genica di insulina-segnalazione nei adipocytes del topo. Phytomedicine. 27 maggio 2010.

3. Anderson RA, CL di Broadhurst, Polansky millimetro, et al. isolamento e caratterizzazione del tipo-Un polimeri del polifenolo da cannella con attività biologica del tipo di insulina. Alimento chim. di J Agric. 14 gennaio 2004; 52(1): 65-70

4. Yu YB, Dosanjh L, laotiano L, Tan m., spessore BS, corteccia di cassia di Luo Y. Cinnamomum in due formule di erbe aumenta la durata in caenorhabditis elegans via le vie di risposta di segnalazione e di sforzo dell'insulina. PLoS uno. 22 febbraio 2010; 5(2): e9339

5. Imparl-Radosevich J, Deas S, Polansky millimetro, et al. regolamento di PTP-1 e chinasi del ricevitore dell'insulina dalle frazioni da cannella: implicazioni per il regolamento della cannella della segnalazione dell'insulina. Ricerca di Horm. 1998 settembre; 50(3): 177-82.

6. Qin B, Nagasaki m., Ren m., Bajotto G, Oshida Y, l'estratto di Sato Y. Cinnamon (erba tradizionale) rafforza l'utilizzazione in vivo insulina-regolata del glucosio via il miglioramento della segnalazione dell'insulina nei ratti. Ricerca Clin Pract del diabete. 2003 dicembre; 62(3): 139-48.

7. Qin B, Nagasaki m., Ren m., Bajotto G, Oshida Y, l'estratto di Sato Y. Cinnamon impedisce l'insulino-resistenza indotto da una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Horm Metab. 2004 febbraio; 36(2): 119-25.

8. Dearlove RP, Greenspan P, Hartle dk, RB di Swanson, Harbrove JL. Inibizione di glycation della proteina dagli estratti di erbe e di spezie culinarie. J Med Food. 2008 giugno; 11(2): 275-81.

9. Peng X, Chao J, Sun Z, et al. effetti benefici delle proantocianidine della cannella sulla formazione di prodotti finiti avanzati specifici di glycation e da danno indotto methylglyoxal sul consumo del glucosio. Alimento chim. di J Agric. 9 giugno 2010; 58(11): 6692-6.

10. Faccia un rumore metallico la H, Zhang il G, effetti di Ren G. Antidiabetic dell'olio di cannella nei topi diabetici di KK-Ay. Alimento Chem Toxicol. 2010 agosto-settembre; 48 (8-9): 2344-9.

11. Cao H, tombe DJ, Anderson RA. L'estratto della cannella regola il trasportatore del glucosio e l'espressione genica di insulina-segnalazione nei adipocytes del topo. Phytomedicine. 27 maggio 2010.

12. Effetto di Anand P, di Murali KY, di Tandon V, di Murthy PS, di Chandra R. Insulinotropic di cinnamaldeide sul regolamento trascrizionale del piruvato chinasi, carbossichinasi del fosfoenolpiruvato e spostamento GLUT4 in ratti diabetici sperimentali. Le bioe di Chem interagiscono. 7 giugno 2010; 186(1): 72-81.

13. Kim SH, Choung SY. Azione Antihyperglycemic e antihyperlipidemic dell'estratto di Cinnamomi Cassiae (corteccia di cannella) nei topi di C57BL/Ks db/db. Ricerca di Pharm dell'arco. 2010 febbraio; 33(2): 325-33.

14. Qin B, Panickar KS, Anderson RA. Cannella: ruolo potenziale nella prevenzione di insulino-resistenza, della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2. Diabete Sci Technol di J. 1° maggio 2010; 4(3): 685-93.

15. Kirkham S, Akilen R, Sharma S, Tsiami A. Il potenziale di cannella di ridurre i livelli della glicemia in pazienti con il diabete di tipo 2 e l'insulino-resistenza. Diabete Obes Metab. 2009 dicembre; 11(12): 1100-13.

16. Mang B, Wolters m., Schmitt B, et al. gli effetti di un estratto della cannella sul glucosio del plasma, HbA ed i lipidi del siero in diabeti melliti scrivono - 2 a macchina. L'EUR J Clin investe. 2006 maggio; 36(5): 340-4.

17. Stoecker BJ, Zhan Z, Luo R, et al. l'estratto della cannella abbassa la glicemia negli oggetti hyperglycemic. FASEB J. 2010; 24:722.1.

18. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.

19. Wilson È, Gondy A. Effects del completamento del cromo sui livelli dell'insulina e sui parametri di digiuno del lipido giovani negli oggetti in buona salute e non obesi. Ricerca Clin Pract del diabete. 1995 giugno; 28(3): 179-84.

20. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, et al. assunzioni elevate di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.

21. Kleefstra N, Bilo HJ, Bakker SJ, st di Houweling Cromo e insulino-resistenza. Ned Tijdschr Geneeskd. 31 gennaio 2004; 148(5): 217-20.

22. Lamson DW, plaza MP. La sicurezza e l'efficacia di cromo ad alta dose. Altern Med Rev. 2002 giugno; 7(3): 218-35.

23. Bahijri MP. Effetto del completamento del cromo su tolleranza al glucosio e sul profilo del lipido. Med J. 2000 della saudita gennaio; 21(1): 45-50.

24. MB di Rabinowitz, Gonick HC, SR di Levin, MB di Davidson. Effetti dei supplementi del lievito e del cromo sul carboidrato e sul metabolismo dei lipidi in uomini diabetici. Cura del diabete. 1983 luglio-agosto; 6(4): 319-27.

25. PESO di Cefalu, Hu FB. Ruolo di cromo nelle sanità ed in diabete. Cura del diabete. 2004 novembre; 27(11): 2741-51.

26. Wang ZQ, PESI di Cefalu. Concetti correnti circa il completamento del cromo nel diabete di tipo 2 e nell'insulino-resistenza. Rappresentante di Curr Diab. 2010 aprile; 10(2): 145-51.

27. Garcia E, Cabrera C, Lorenzo ml, Lopez MC, Sanchez J. Estimation di biodisponibilità del cromo dalla dieta con un metodo in vitro. Alimento Addit Contam. 2001 luglio; 18(7): 601-6.

28. Yokozawa T, Kim HY, Kim HJ, Okubo T, CC di CHU, Juneja LR. Amla (officinalis Gaertn di Emblica.) impedisce la dislipidemia e lo sforzo ossidativo nel processo di invecchiamento. Br J Nutr. 2007 giugno; 97(6): 1187-95.

29. Duan W, Yu Y, effetti di Zhang L. Antiatherogenic del emblica di phyllanthus si è associato con corilagin ed il suo analogo. Yakugaku Zasshi. 2005 luglio; 125(7): 587-91.

30. Anila L, Vijayalakshmi NR. Flavonoidi dai officinalis di Emblica e dall'indica-efficacia del Mangifera per la dislipidemia. J Ethnopharmacol. 2002 gennaio; 79(1): 81-7.

31. Kim HJ, Yokozawa T, Kim HY, Tohda C, Rao TP, Juneja LR. Influenza del amla (officinalis Gaertn di Emblica.) su ipercolesterolemia e perossidazione lipidica nei ratti di colesterolo-federazione. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2005 dicembre; 51(6): 413-8.

32. Saravanan S, Srikumar R, Manikandan S, Jeya Parthasarathy N, effetto di Sheela Devi R. Hypolipidemic del triphala in ratti hypercholesteremic sperimentalmente indotti. Yakugaku Zasshi. 2007 febbraio; 127(2): 385-8.

33. Augusti KT, Arathy SL, Asha R, et al. Uno studio comparativo sugli effetti benefici di aglio (allium sativum Linn), del amla (Emblica Officinalis Gaertn) e della cipolla (allium cepa Linn) sull'iperlipidemia indotta dal grasso di materia e dal grasso del manzo in ratti. J indiano Exp Biol. 2001 agosto; 39(8): 760-6.

34. Bhattacharya SK, Satyan KS, Chakrabarti A. Effect di Trasina, una formulazione di erbe di Ayurvedic, su attività del superossido dismutasi dell'isolotto pancreatico in ratti hyperglycaemic. J indiano Exp Biol. 1997 marzo; 35(3): 297-9.

35. PS di Agarwal, Khanna R, Karmarkar R, Anwer Mk, Khar RK. Shilajit: una rassegna. Ricerca di Phytother. 2007 maggio; 21(5): 401-5.

36. Bhattacharyya S, amico D, Ghosal S, et al. effetti della terapia dell'aggiunta di un supplemento privato del herbo-cromo in diabete di tipo 2: Un test clinico randomizzato. Sviluppatore Ctries di Int J Diab. 2010 luglio-settembre; 30(3): 153-61.

37. Lamela m., Anca J, Villar R, Otero J, Calleja JM. Attività ipoglicemica di parecchi estratti dell'alga. J Ethnopharmacol. 1989 novembre; 27 (1-2): 35-43.

38. Zhang J, cultivatore C, Shen J, et al. proprietà antidiabetiche delle frazioni polifenolico-arricchito e del polisaccaride dall'ascophyllum nodosum dell'alga bruna. Può J Physiol Pharmacol. 2007 novembre; 85(11): 1116-23.

39. Dati di InnoVactiv, Inc. sull'archivio.

40. Paradis ME, alte mode P, Lamarche B. Study sull'impatto acuto dei polifenoli dalle alghe brune sulle concentrazioni nel glucosio di sfida della posta in uomini ed in donne in buona salute. J Metab. Presentato per la pubblicazione.