Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista aprile 2011
Sulla copertura

Ampiamente usato in Europa… Sonno giovanile di restauri sedativi naturali

Da Robert Haas, ms
Ampiamente usato in Europa… Sonno giovanile di restauri sedativi naturali

Se vi scoprite che ordinariamente lotti per cadere addormentato-o restare addormentato-non siete soli. Un 30% di vacillamento degli Americani soffre da insonnia cronica,1 mentre circa 60 milione cadute di problemi di esperienza addormentate durante un anno dato.2

Oltre al suo impatto negativo sull'umore e sulla qualità della vita, l'insonnia cronica può aumentare il suo rischio per la maggior parte delle malattie degeneranti.3-10

Nella ricerca dei modi naturali combattere questa minaccia di salute, i ricercatori hanno isolato un insieme dei composti nutrizionali chiamati peptidi bioactive del latte che promuovono i modelli di sonno continuo e riposante mentre inducono uno stato di rilassamento.

Peptidi Bioactive del latte: Un sedativo naturale?

Per le generazioni, le madri hanno dato ai loro bambini un bicchiere di latte caldo prima del letto come un modo aiutarle per cadere addormentato. Fin da 1934, questo rimedio della casa ha guadagnato la convalida scientifica quando è stato osservato che la gente che ha mangiato il latte ed i fiocchi di granturco era più probabile godere di una notte completa di sonno ininterrotto.11

In 1997, i ricercatori pediatrici hanno aggiunto alla prova dimostrando che i neonati dati una formula infantile che contiene il latte sono caduto non solamente addormentato dovuto la cura e che è tenuto, ma dovendo specificamente a qualcosa in latte stesso.12

In 2000,13 ricercatori hanno identificato che cosa quel “qualcosa„ era. Risulta che le sostanze nutrienti trovate in peptidi bioactive chiamati del latte della mucca (catene degli aminoacidi) esercitano un effetto sedativo sul cervello ed inducono i modelli di sonno continui.

Questi peptidi bioactive del latte da allora sono stati indicati all'atto sui ricevitori del GABA-A del cervello,14 lo stesso meccanismo di azione che rende la classe dei sedativi conosciuti come le benzodiazepine così efficace.15 il vantaggio dei peptidi del latte, naturalmente, sono che inducono il rilassamento ed il sonno senza gli effetti collaterali connessi con uso a lungo termine della benzodiazepina.

Nei modelli preclinici, i peptidi 15,16del latte contrassegnato riducono l'ansia e migliorano il sonno in animali sottoposti allo sforzo cronico.17

Negli studi umani, un composto bioactive privato del peptide del latte utilizzato ampiamente in Europa è stato indicato efficacemente per indurre il rilassamento, conducente non solo al sonno più profondo e più ristoratore, ma anche ai miglioramenti sostanziali attraverso una vasta gamma di indicatori di sforzo.

Peptidi Bioactive del latte: Riducendo sforzo, ristabilente sonno

Una volta dato questi composto bioactive privato del peptide del latte, individui invecchianti che soffrono coerente dai sintomi in relazione con lo sforzo e riduzioni sostanziali della mostra cronica di insonnia di biomarcatori connessi con la risposta di sforzo. Questi biomarcatori di risposta di sforzo comprendono il cortisolo elevato, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, con i sintomi fisici e psicologici.

Peptidi Bioactive del latte: Riducendo sforzo, ristabilente sonno

In una serie di studi pubblicati particolarmente considerevoli, i miglioramenti in indicatori in relazione con lo sforzo rivelati essere sia significativo che sistema di ampiezza.

Per esempio, un gruppo oltre di 60 donne che soffrono da una costellazione dei problemi in relazione con lo sforzo è stato dato 150 mg al giorno di questo composto bioactive del peptide del latte.18 prima del trattamento, hanno sofferto da una vasta gamma di sintomi, compreso i disordini digestivi, cardiovascolari, polmonari, emozionali, conoscitivi e sociali.

Confrontato ai comandi, dopo gli appena 30 giorni, i miglioramenti significativi sono stati osservati per il gruppo del peptide del latte nei sintomi relativi a digestione (un maggior miglioramento di 65,6% miglioramenti-21% che il gruppo del placebo), alla funzione conoscitiva (miglioramento-16,3% 62,5% sopra placebo), alla funzione cardiovascolare (48,9%— 9,9% sopra placebo) ed alla difficoltà sociale (40,2%— 9,7% maggiori del placebo).18

Interessante, per quelle donne che esibiscono i sintomi di più alta intensità all'inizio dello studio, i 30 miglioramenti del giorno erano drammatici:18

Come provato nella tavola qui sotto, confrontato al gruppo del placebo, queste donne hanno visto le loro circostanze in relazione con lo sforzo tagliate generale, con miglioramento quasi 30% più su in alcune categorie di sintomo.18 risultati similmente coercitivi sono stati osservati negli uomini.

Miglioramenti di percentuale in Conditions* in relazione con lo sforzo

Sintomo

Gruppo del placebo

Gruppo del peptide del latte

% di differenza

Digestivo 36.6 66.1 29.5
Cardiovascolare 35.5 48.0 12.5
Polmonare 43.1 68.9 25.8
Conoscitivo 36.7 64.8 28.1
Emozionale 23.5 43.8 20.3
Sociale 22.5 36.7 14.2

* Registrato in donne con le più alte intensità della manifestazione di sintomo.

Livelli del cortisolo tagliati nello studio umano

In uno studio di prova alla cieca che comprende oltre 40 soggetti di sesso maschile in buona salute,19 due gruppi sono stati sottoposti a prove psicologiche e fisiche di sforzo, con le concentrazioni nel cortisolo, la frequenza cardiaca ed i livelli di pressione sanguigna misurati ad intervalli specifici.

Ciascuno di questi indicatori di risposta di tre sforzi è stato abbassato sostanzialmente nel gruppo che prende il peptide bioactive privato del latte confrontato ai comandi.19

Il cortisolo livella nel placebo gruppo-misurato prima e dopo amministrazione della prova-sega di sforzo un cambiamento netto di soltanto -3,39%. Ciò significa che la punta nociva in cortisolo causato tipicamente dalle situazioni stressanti era quasi interamente inalterata nel gruppo che non ha ricevuto il trattamento. Tramite il confronto, il gruppo del peptide del latte ha avvertito una riduzione netta in cortisolo di -20,69%. Cioè il rilascio di cortisolo è stato controllato dai peptidi del latte, limitanti i suoi effetti nocivi.19

Che cosa dovete conoscere: Sonno giovanile di restauri sedativi naturali
  • Sonno giovanile di restauri sedativi naturali
    Più di 30% degli Americani soffra da insonnia cronica, mentre circa 60 milione cadute di problemi di esperienza addormentate durante un anno dato.
  • Le conseguenze terribili di salute del debito di sonno variano dai livelli cronicamente elevati di cortisolo (l'ormone di sforzo), di insulino-resistenza e di stoccaggio grasso aumentato al maggior rischio di mortalità da tutte le cause, compreso cancro e la malattia cardiovascolare.
  • Un insieme privato dei peptidi latte-derivati bioactive utilizzati ampiamente in Europa è stato identificato che funzionano lungo le stesse vie neurologiche di ansiolitiche droga-senza gli effetti collaterali.
  • Gli studi pubblicati mostrano che efficacemente combattono la risposta di sforzo, smussano le elevazioni di cortisolo ed alleviano l'ansia.
  • I peptidi del latte fanno diminuire il lasso di tempo che prende per cadere addormentato, migliorare l'efficienza del sonno ed aumentare la veglia di giorno.
  • Migliorando vari aspetti di sonno sano, i peptidi del latte possono offrire la protezione contro i molti problemi di salute connessi con la privazione di sonno.

Benefici cardiovascolari

Il gruppo del peptide del latte inoltre ha avvertito un aumento più basso di quasi 50% nella frequenza cardiaca una volta disposto nell'ambito dello sforzo che quelle nel gruppo del placebo.19

Gli stessi effetti benefici sono stati osservati nei valori di pressione sanguigna nel gruppo del peptide del latte dopo la disposizione nell'ambito dello sforzo sperimentale. A seguito della prova di stress mentale, per esempio, la pressione sanguigna sistolica ha aumentato 21,25% nel gruppo di controllo, ma soltanto 14,65% nel gruppo del peptide del latte. Similmente, i valori di pressione sanguigna diastolici hanno aumentato 21,24%, confrontato a 15,26% nel gruppo del peptide.19

Il peptide privato del latte ha reso i risultati positivi in quasi tutti gli indicatori misurati, per sia gli uomini che le donne.

Gli studi umani verificano l'efficacia di sonno

Gli studi recenti convalidano la capacità dei peptidi del latte di ristabilire i modelli di sonno più riposante mentre migliorano la prestazione e la cognizione di giorno.

In uno studio controllato con placebo di 165 adulti in buona salute con una storia di insonnia, i partecipanti sono stati dati 150 mg di peptidi o di placebo del latte ogni giorno per un mese.

I cambiamenti nella loro capacità di rilassarsi e cadere addormentato sono stati valutati facendo uso degli strumenti diagnostici stabiliti che misurano 27 diversi indicatori dei disturbi del sonno e dei problemi in relazione con l'insonnia (cognizione di giorno compresa e funzione globale).20

La chiave alla caduta addormentata: Cortisolo di combattimento e la risposta di sforzo
Cortisolo di combattimento e la risposta di sforzo

Al centro di questo composto privato del peptide del latte l'effetto sedativo è un potere dimostrato efficacemente di smussare la risposta di sforzo, una causa primaria nell'insonnia cronica.

Sforzo, ansia e caratteristica cruciale della parte una di privazione di sonno in comune:22 ciascuno richiami le vostre ghiandole surrenali per secernere cortisolo,23,24 l'ormone di sforzo. Poiché la maggior parte della gente ora incontra lo sforzo significativo nelle loro vite quotidiane, la sovresposizione cronica del cortisolo probabilmente rappresenta oggi in larga misura la prevalenza straordinaria di insonnia.

Poichè un adattamento evolutivo ai pericoli esterni temporanei, cortisolo migliora la vigilanza, solleva la vostra frequenza cardiaca ed aumenta la pressione sanguigna. Mobilita l'energia verso il trattamento della situazione provocatoria ed a partire da uno stato rilassato e disattento. Ciò può permettergli di dirigere una crisi improvvisa efficacemente, ma inoltre la rende difficile, se non impossibile, per cadere addormentato. In questo senso, il rilascio mutevole come un temporaneo, la misura di ripiego, ma la nostra fisiologia del cortisolo non è strutturato per resistere all'esposizione continua del cortisolo.

Il cortisolo inoltre amplifica i livelli dell'insulina.22 questo a loro volta creano un ambiente metabolico che predispone gli individui di invecchiamento a stoccaggio grasso. La privazione di sonno inoltre ci induce a consumare una media di 221 nuova caloria il giorno successivo che normalmente.25

Interessante, i ricercatori hanno scoperto che l'impatto metabolico avverso anche delle elevazioni a breve termine del cortisolo (glicemia aumentata e livelli elevati dell'insulina) è più pronunciato nella sera che di mattina.26

Insieme ad altri effetti similmente nocivi, i livelli cronicamente elevati del cortisolo possono mettere nel moto una cascata dei processi fisiologici patologici che accelera l'inizio di virtualmente tutte le malattie degeneranti. Ciò non è più un aspetto della congettura scientifica: durante le due decadi scorse, il sonno insufficiente o di cattiva qualità definitivo è stato collegato alla mortalità aumentata da tutte le cause.27-30

Il peptide privato del latte ha reso i risultati positivi in quasi tutti gli indicatori misurati, per sia gli uomini che le donne.La qualità di sonno 20, l'efficienza del sonno, i disturbi del sonno e la disfunzione di giorno tutta sono stati migliorati, particolarmente in individui che hanno sofferto dai sintomi moderati di ansia o della depressione.

Questi risultati sono stati confermati da ancora un altra analisi clinica dei peptidi bioactive del latte in adulti che soffrono dai disturbi del sonno pronunciati.

Trentadue uomini in buona salute e le donne che soffrono dall'insonnia durante i sei mesi precedenti hanno richiesto ad una capsula di mg 150 del peptide bioactive brevettato del latte un'ora prima ora di andare a letto-o placebo-per un mese.21

Benefici cardiovascolari

Dopo due settimane, il gruppo bioactive del peptide del latte ha avvertito un miglioramento di 50% nella qualità di sonno. A quattro settimane, hanno avuto bisogno di 30% meno tempo di cadere miglioramenti addormentati e con esperienza nella vigilanza e nella funzione di giorno.21

Riassunto

Le conseguenze terribili di salute della privazione di sonno variano dai livelli elevati di cortisolo (l'ormone di sforzo), di insulino-resistenza e di stoccaggio grasso aumentato al maggior rischio di mortalità da tutte le cause, compreso cancro e la malattia cardiovascolare. Sia negli studi dell'essere umano che dell'animale, un insieme privato dei peptidi latte-derivati bioactive utilizzati ampiamente in Europa è stato indicato efficacemente per combattere la risposta di sforzo, elevazioni smussate di cortisolo e sostanzialmente elimina i sintomi in relazione con lo sforzo attraverso i sistemi multipli del corpo. Il risultato è capacità migliore di rilassarsi e cadere addormentato. Facendo uso degli strumenti diagnostici stabiliti che misurano i disturbi del sonno ed i problemi in relazione con l'insonnia, questo peptide privato del latte ha reso i risultati positivi in quasi tutti gli indicatori misurati, per sia gli uomini che le donne.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Gli effetti micidiali di insonnia cronica: Una pandemia di spiegamento
Gli effetti micidiali di insonnia cronica: Una pandemia di spiegamento

Quando il vostro corpo cronicamente è privato di sonno, i livelli del cortisolo dell'ormone di sforzo tendono ad aumentare, specialmente a fine giornata.31 questo, a loro volta, sollevano i livelli dell'insulina. L'insulina promuove un ambiente metabolico che incoraggia lo stoccaggio di grasso. Lo sforzo, l'ansia e la depressione delicata sono la maggior parte delle cause comuni di insonnia cronica.32-37 insieme, questi fenomeni indesiderati colpiscono negativamente i ritmi circadiani e modificano sia la durata di sonno che dormono qualità.38

La gamma di dati pubblicati durante l'ultima decade rivela un'epidemia orribile e sempre crescente di insonnia in relazione con lo sforzo negli Stati Uniti.

Secondo uno scrutinio scientifico pubblicato 2001, 38% degli adulti americani ha riferito ottenere 8 ore di sonno; da ora al 2009, quel numero era diminuito a soltanto 28%.39

La gente che soffre dal debito cronico di sonno può pensare avvertire i cambiamenti fisiologici avversi nella pressione sanguigna, funzione endocrina, glucosio e metabolismo dei lipidi ed equilibrio di sistema nervoso comprensivo e parasimpatico. Al contrario, gli studi mostrano che dormire 7 - 8 ore ogni notte riduce la mortalità da tutte le cause,40 compreso gli incidenti di automobile dovuto sonnolenza (l'azionamento assonnato causa più di 100.000 arresti all'anno, con conseguente 40.000 lesioni e 1.550 morti).41

Oltre ai disordini dermatologici, gli studi di sonno hanno collegato l'insonnia cronica alle seguenti circostanze:

  • Ansia e depressione32,33,35
  • Cancro3,42,43
  • Funzione conoscitiva alterata (perdita di memoria e di concentrazione)4,44-46
  • Sindrome metabolica5,47
  • Malattia cardiovascolare48-51
  • Diabete6,7,52
  • Azione alterata 53,54dell'insulina
  • Controllo alterato 55,56del glucosio
  • Indice di massa corporea aumentato (BMI)8,57
  • Livelli C-reattivi elevati 9,58della proteina
  • Elevato uguagliando i Livelli 6,59del cortisolo
  • Ipertensione10,60
Riferimenti

1. Roth T. Insomnia: definizione, prevalenza, eziologia e conseguenze. Med di sonno di J Clin. 15 agosto 2007; 3 (5 supplementi): S7-10.

2. Disponibile a: http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=90638364. 14 gennaio 2011 raggiunto.

3. Arendt J. Shift-work: facendo fronte all'orologio biologico. Med di Occup (Lond). 2010 gennaio; 60(1): 10-20.

4. Thase ME. Componenti e conseguenze di insonnia cronica. Gen Hosp Psychiatry. 2005 marzo-aprile; 27(2): 100-12.

5. TUM di Violanti JM, di Burchfiel cm, di Hartley, et al. ore di lavoro atipiche e sindrome metabolica fra gli ufficiali di polizia. L'arco circonda la salute di Occup. Caduta 2009; 64(3): 194-201.

6. Gangwisch JE. Prova epidemiologica per i collegamenti fra sonno, ritmi circadiani e metabolismo. Rev. 2009 di Obes novembre; 10 2:37 del supplemento - 45.

7. Hayashino Y, Fukuhara S, Suzukamo Y, et al. relazione fra qualità di sonno e la quantità, qualità della vita e rischio di sviluppare diabete in lavoratori in buona salute nel Giappone: la strategia della popolazione ed ad alto rischio per lo studio di promozione di salute sul lavoro (HIPOP-OHP). Salute pubblica di BMC. 28 giugno 2007; 7:129.

8. Buscemi D, Kumar A, Nugent R, tempi di sonno di scarsità di Nugent K. predice l'obesità nei pazienti della clinica della medicina interna. Med di sonno di J Clin. 15 dicembre 2007; 3(7): 681-8.

9. Meier-Ewert HK, Ridker PM, Rifai N, et al. effetto di perdita di sonno su proteina C-reattiva, un indicatore infiammatorio del rischio cardiovascolare. J Coll Cardiol. 18 febbraio 2004; 43(4): 678-83.

10. Associazione Età-dipendente di Kim J, di Jo I. fra durata di sonno ed ipertensione nella popolazione coreana adulta. J Hypertens. 2010 dicembre; 23(12): 1286-91.

11. Laird DA, Drexel H. Experimenting con alimento e sonno. I. Effetti di variazione dei tipi di alimenti nello sfalsamento dei disturbi del sonno causati dalle fitte di fame ed emergenza-bambini ed adulti gastrici. Dieta Assoc di J. 1934;10:89-94.

12. EM di Blass. Quiets infantili di formula che gridano i neonati umani. Sviluppatore Behav Pediatr di J. 1997 giugno; 18(3): 162-5.

13. Clare DA, Swaisgood LUI. Peptidi Bioactive del latte: un prospetto. Latteria Sci di J. 2000 giugno; 83(6): 1187-95.

14. Delini-Stula A, strategie di Holsboer-Trachsler E. Treatment nei disturbi di ansia--un aggiornamento. Ther Umsch. 2009 giugno; 66(6): 425-31.

15. Miclo L, Perrin E, Driou A, et al. caratterizzazione dell'alfa-casozepine, un peptide trittico dall'alfa bovina (s1) - caseina con attività del tipo di benzodiazepina. FASEB J. 2001 15 agosto; 15(10): 1780-82.

16. Violle N, Messaoudi m., Lefranc-Millot C, et al. confronto etologico degli effetti di un idrolizzato trittico bovino dell'alfa s1-casein e diazepam sul comportamento dei ratti in due modelli di ansia. Biochimica Behav di Pharmacol. 2006 luglio; 84(3): 517-23.

17. Guesdon B, Messaoudi m., Lefranc-Millot C, Fromentin G, tomo D, anche PC. Un idrolizzato trittico dall'alfa del latte vaccino (S1) - caseina migliora il sonno in ratti sottoposti allo sforzo delicato cronico. Peptidi. 2006 giugno; 27(6):1476-82.

18. Kim JH, Desor D, Kim YT, et al. efficacia dell'idrolizzato di alphas1-casein sui sintomi in relazione con lo sforzo in donne. EUR J Clin Nutr. 2007 aprile; 61(4): 536-41.

19. Messaoudi m., Lefranc-Millot C, Desor D, Demagny B, bordone L. Effects di un idrolizzato trittico da latte vaccino alphaS1-casein sulle risposte emodinamiche in essere umano in buona salute si offre volontariamente affrontando le situazioni mentali e fisiche successive di sforzo. EUR J Nutr. 2005 marzo; 44(2): 128-32.

20. Così Ken Study: Effetto di Lactium® sui disturbi del sonno. Ottobre 2006.

21. de San-Hilaire Z, Messaoudi m., Desor D, Kobayashi T. Effects di un hydrosylate trittico bovino dell'alfa S1-casein (CTH) su disturbi del sonno in popolazione in genere giapponese. Il giornale aperto di sonno. 2009;2:26-32.

22. Spiegel K, Leproult R, Van Cauter E. Impact del debito di sonno sulla funzione metabolica ed endocrina. Lancetta. 23 ottobre 1999; 354(9188): 1435-9.

23. Weissman millimetro, Greenwald S, Niño-Murcia G, WC demente. La morbosità di insonnia semplice dai disturbi psichiatrici. Gen Hosp Psychiatry. 1997 luglio; 19(4): 245-50.

24. Leproult R, Copinschi G, Buxton O, perdita di sonno di Van Cauter E. provoca un'elevazione dei livelli del cortisolo la sera prossima. Sonno. 1997 ottobre; 20(10): 865-70.

25. Nedeltcheva avoirdupois, Kilkus JM, J imperiale, Kasza K, Schoeller DA, palladio di Penev. L'abbreviazione di sonno è accompagnata da assunzione aumentata delle calorie dagli spuntini. J Clin Nutr. 2009 gennaio; 89(1): 126-33.

26. Plat la L, Leproult la R, L'Hermite-Baleriaux m., et al. Gli effetti metabolici delle elevazioni a breve termine del cortisolo del plasma sono più pronunciati nella sera che di mattina. J Clin Endocrinol Metab. 1999 settembre; 84(9): 3082-92.

27. Grandner mA, L sana, Moore m., Patel NP. Mortalità connessa con durata di sonno di scarsità: La prova, i meccanismi possibili ed il futuro. Sonno Med Rev. 2010 giugno; 14(3): 191-203.

28. Wingard DL, Berkman LF. Il rischio della mortalità si è associato con i modelli di sonno fra gli adulti. Sonno. 1983;6(2):102-7.

29. Lavie P, Herer P, Peled R, et al. mortalità nei pazienti dell'apnea nel sonno: un'analisi di più variabili dei fattori di rischio. Sonno. 1995 aprile; 18(3): 149-57.

30. Nanometro punjabi, Caffo BS, Goodwin JL, et al. respirazione e mortalità Sonno-disordinate: uno studio di gruppo futuro. Med di PLoS. 2009 agosto; 6(8): e1000132.

31. Leproult R, Copinschi G, Buxton O, perdita di sonno di Van Cauter E. provoca un'elevazione dei livelli del cortisolo la sera prossima. Sonno. 1997 ottobre; 20(10): 865-70.

32. Perlis ml, Giles DE, WB di Mendelson, Bootzin RR, Wyatt JK. Insonnia psicofisiologica: il modello comportamentistico e una prospettiva neurocognitiva. Ricerca di sonno di J. 1997 settembre; 6(3): 179-88.

33. Sukegawa T, Itoga m., Seno H, et al. disturbi del sonno e depressione negli anziani nel Giappone. Psichiatria Clin Neurosci. 2003 giugno; 57(3): 265-70.

34. Palladio di Corridoio m., di Buysse DJ, di Nowell, et al. sintomi dello sforzo e depressione come componenti di sonno nell'insonnia primaria. Med di Psychosom. 2000 marzo-aprile; 62(2): 227-30.

35. RM di Benca. Disturbi dell'umore. In: Kryger MH, Roth T, WC demente, eds. Principi e pratica di medicina di sonno. terzo ed. Filadelfia, PA: WB Saunders; 2000:1140-57.

36. de Saint Hilaire Z, Straub J, Pelissolo A. Temperament e carattere nell'insonnia primaria. Psichiatria di EUR. 2005 marzo; 20(2): 188-92.

37. Vollrath m., Wicki W, angoscia J. Lo studio di Zurigo. VIII. Insonnia: associazione con la depressione, l'ansia, le sindromi somatiche ed il corso di insonnia. Psichiatria Neurol Sci dell'arco di EUR. 1989;239(2):113-24.

38. Cofano MH, Arand DL. Hyperarousal ed insonnia. Sonno Med Rev. 1997 dicembre; 1(2): 97-108.

39. Fondamento nazionale di sonno. Sonno 2009 in America Poll™. Washington, DC

40. Cappuccio FP, D'Elia L, Strazzullo P, Miller mA. Durata di sonno e mortalità per tutte le cause: una rassegna e una meta-analisi sistematiche degli studi prospettivi. Sonno. 1° maggio 2010; 33(5): 585-92.

41. Disponibile a: www.nhtsa.gov/Driving+Safety/Distracted+Driving/Research+on+Drowsy+Driving. 2 gennaio 2011 raggiunto.

42. Rosa Neto JC, Lira FS, DP di Venancio, et al. la privazione di sonno colpisce l'espressione infiammatoria dell'indicatore in tessuto adiposo. Salute DIS dei lipidi. 30 ottobre 2010; 9:125.

43. Kloog I, SEDERE di Portnov, Rennert HS, Haim A. Does la posa urbanizzata moderna dell'habitat di sonno un rischio di cancro al seno? Chronobiol Int. 2011 febbraio; 28(1): 76-80.

44. Conseguenze di Roth T, di Ancoli-Israele S. Daytime e componenti di insonnia negli Stati Uniti: risultati dell'indagine nazionale del fondamento di sonno 1991. II. Sonno. 1° maggio 1999; 22 (supplemento 2): S354-S8.

45. Effetti di Verstraeten E. Neurocognitive della sindrome ostruttiva dell'apnea nel sonno. Rappresentante di Curr Neurol Neurosci. 2007 marzo; 7(2): 161-6.

46. Ferrara m., De Gennaro L, privazione di sonno di Casagrande m., di Bertini M. Selective lento-Wave ed effetti di del tempo de notte sulla prestazione conoscitiva svegliandosi. Psicofisiologia. 2000 luglio; 37(4): 440-6.

47. Corridoio MH, Muldoon MF, JUNIOR di Jennings, Buysse DJ, Flory JD, SB di Manuck. la durata Auto-riferita di sonno è associata con gli adulti in- di metà della vita di sindrome metabolica. Sonno. 1° maggio 2008; 31(5): 635-43.

48. Mullington JM, Haack m., Toth m., Serrador JM, Meier-Ewert HK. Conseguenze cardiovascolari, infiammatorie e metaboliche di privazione di sonno. Prog Cardiovasc DIS. 2009 gennaio-febbraio; 51(4): 294-302.

49. GG di Alvarez, Ayas NT. L'impatto di durata quotidiana di sonno su salute: una rassegna della letteratura. Prog Cardiovasc Nurs. Primavera 2004; 19(2): 56-9.

50. Durata di Sabanayagam C, di Shankar A. Sleep e malattia cardiovascolare: risultati dall'intervista nazionale di salute. Sonno. 1° agosto 2010; 33(8): 1037-42.

51. Ikehara S, iso H, data C, et al. associazione di durata di sonno con mortalità dalla malattia cardiovascolare ed altre cause per gli uomini e le donne giapponesi: lo studio di JACC. Sonno. 1° marzo 2009; 32(3): 295-301.

52. Spigola J, Takahashi JS. Integrazione circadiana di metabolismo e di energetica. Scienza. 3 dicembre 2010; 330(6009): 1349-54.

53. González-Ortiz m., Martínez-Abundis E, BR di Balcázar-Muñoz, Pascoe-González S. Effect di privazione di sonno sulla sensibilità dell'insulina e di concentrazione nel cortisolo negli individui sani. Diabete Nutr Metab. 2000 aprile; 13(2): 80-3.

54. Buxton OM, Pavlova m., Reid EW, Wang W, CC di Simonson, Adler GK. La restrizione di sonno per 1 settimana riduce la sensibilità dell'insulina in uomini in buona salute. Diabete. 2010 settembre; 59(9): 2126-33.

55. Chaput JP, Tremblay A. La teoria glucostatic di controllo di appetito ed il rischio di obesità e di diabete. Int J Obes (Lond). 2009 gennaio; 33(1): 46-53.

56. Scheen AJ, Byrne millimetro, Plat la L, Leproult R, Van Cauter E. Relationships fra qualità di sonno ed il regolamento del glucosio in esseri umani normali. J Physiol. 1996 agosto; 271 (2 pinte 1): E261-70.

57. Se del parco, HM di Kim, DH di Kim, Kim J, Cha BS, Kim DJ. L'associazione fra durata di sonno ed obesità generale ed addominale in Coreani: dati a partire dall'indagine nazionale coreana dell'esame di nutrizione e di salute, da 2001 e da 2005. Obesità (Silver Spring). 2009 aprile; 17(4): 767-71.

58. SR di Patel, Zhu durata di X, di Storfer-Isser A, et al. di sonno e biomarcatori di infiammazione. Sonno. 2009;32(2):200-4.

59. Scheen AJ. Studio clinico sul mese. La privazione cronica di sonno predispone alla sindrome metabolica? Rev Med Liege. 1999 novembre; 54(11): 898-900.

60. Rööst m., disturbi del sonno di Nilsson P. --un problema sanitario di salute pubblica. Fattore di rischio potenziale nello sviluppo del diabete di tipo 2, dell'ipertensione, della dislipidemia e dell'invecchiamento prematuro. Lakartidningen. 17 gennaio 2002; 99(3): 154-7.