Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2011
Rapporto

Prenda il controllo dei vostri composti di Sugar Levels With Targeted Nutrient del sangue

Da Alonzo Brody
Prenda il controllo dei vostri composti di Sugar Levels With Targeted Nutrient del sangue

In cinquanta anni fa gli scienziati hanno stabilito conclusivamente che i bassi livelli di cromo direttamente contribuissero ad alta glicemia ed alle complicazioni pre-diabetiche.1

Eppure oggi, dovunque fra 25-50% della popolazione americana soffre dalla carenza del cromo.2 questo sono probabili il risultato dei metodi di conduzione commerciali moderni che hanno vuotato il suolo di trasformazione dei prodotti alimentari importante di industriale e del cromo che vuota il cromo naturale dagli interi alimenti. Il composto del pericolo è la realtà che la vostra capacità del corpo di assorbire i declini del cromo con l'età.

Questi fatti in modo allarmante evidenziano un diffuso, minaccia di azione furtiva che le carenze nutrizionali sfrenate possono insidiare anche i migliori sforzi per ottimizzare i livelli della glicemia.

Poichè i membri di Extension® di vita sono bene informati, il glucosio in eccesso non solo aumenta il rischio degenerante di malattia, ma inoltre avversamente urta i geni di longevità richiesti per la portata duratura.

Negli studi pubblicati, la carenza del cromo è stata indicata per indurre le complicazioni diabetiche della fase iniziale e per accelerare l'inizio del diabete completo.3-5

Le notizie incoraggianti sono che un insieme mirato a dei composti nutrizionali novelli è stato identificato che ottimizza la capacità del vostro corpo di tenere una redine ben fissata ai livelli del glucosio.

In questo articolo, imparerete di un complesso di avanguardia del cromo che migliora la capacità del vostro corpo di utilizzare il glucosio mentre invecchiate. Inoltre scoprirete il potere provato delle sostanze nutrienti supplementari di proteggere dal danno sistema di ampiezza inflitto dal glucosio in eccedenza.

Cromo: Il sangue matrice Sugar Regulator

Gli studi su cromo hanno dimostrato coerente il miglioramento nei livelli della glicemia, nella sensibilità dell'insulina e nei profili del lipido.6-9 la ricerca più recente rivela come funziona: il cromo modula favorevole la glicemia interna dei centri di comunicazione delle vostre cellule(sistemi di segnalazioneintracellulari) efficacemente più in basso.

Ogni cellula nel vostro corpo usa un sistema di comunicazione interno che deve funzionare correttamente per stabilire e mantenere l'assorbimento ed il metabolismo ottimali della glicemia. Tale segnalazione intracellulare è particolarmente critica alla capacità delle cellule di individuare e rispondere ai livelli elevati del glucosio nel sangue.

Quando le cellule individuano queste elevazioni, una matrice dei processi biomolecolari è fissata nel moto che determinerà come dirigeranno il carico aumentato dello zucchero. Il cromo ora è riconosciuto per essere vitale a questo trattato, permettendo alla comprensione ed alla ripartizione cellulari di sangue zucchero-e efficacemente abbassando i livelli del glucosio nel sangue.10,11

La letteratura clinica è ricca con la capacità singolare del cromo sostenente di dati di abbassare i livelli della glicemia e di aumentare la sensibilità dell'insulina.

Come il cromo abbassa il sangue Sugar Levels: GLUT4

Il cromo, come la maggior parte dei metalli nei nostri corpi, lega ad una molecola specifica “del trasportatore„ della proteina. Appena mentre la molecola dell'emoglobina in globuli rossi lega per rivestire di ferro, la molecola di chromodulin lega agli ioni del cromo.21

In presenza di insulina, la molecola di chromodulin deforma e posizione nella cellula, avviante l'attivazione di un trasportatore vitale GLUT4 chiamato molecola del glucosio.22,23 GLUT4 sono trovati il più abbondantemente in muscolo scheletrico ed in tessuto grasso, in cui la maggior parte del metabolismo del glucosio ha luogo nel corpo.24,25

Attivato una volta da cromo, GLUT4 sposta la sua posizione in profondità dentro dalla matrice interna delle cellule ad una posizione sulla membrana cellulare.22,26 GLUT4 poi permettono il glucosio entri dalle alte concentrazioni nel sangue le concentrazioni più basse nella cellula, permettendo che la cellula metabolizzi sicuro lo zucchero mentre abbassa lo zucchero livellano nel sangue allo stesso tempo.

Uno degli eventi più iniziali nell'inizio del diabete di tipo 2 ora è conosciuto per essere inibizione di trasporto del glucosio dagli scienziati complessi-così GLUT4 è acutamente interessato negli approcci novelli a riattivare la capacità di GLUT4 di trasportare il glucosio efficacemente.27-29

Il cromo direttamente aumenta la produzione delle molecole del trasportatore GLUT4 stesse, aggiungente un secondo meccanismo importante di azione che è indipendente da insulina (un effetto vitale in tessuto insulina-resistente). Il cromo regola i geni per parecchie molecole intracellulari di segnalazione, compreso GLUT4.22,30,31 che effettua gli aumenti la quantità di GLUT4 disponibile per muovere il glucosio dalla circolazione. Gli studi recenti emozionanti rivelano che il cromo inoltre attiva un sistema di segnalazione interamente differente chiamato p38 MAPK che contribuisce all'indipendente aumentato di assorbimento del glucosio dal sistema GLUT4.32

In uno studio 2009, i pazienti diabetici dati il cromo hanno avvertito le riduzioni dei loro requisiti totali dell'insulina, con le riduzioni dei livelli del glucosio di pomeriggio e di digiuno.12 studi recenti indicano che il completamento con cromo e biotina può migliorare il controllo glycemic nel sovrappeso ai pazienti diabetici obesi una volta preso con il loro farmaco regolare.13

Il cromo inoltre esercita selettivamente i suoi effetti positivi su glicemia— che il mezzo non induce i livelli pericolosamente bassi della glicemia come alcune droghe, ma piuttosto dà dei calci a nell'ingranaggio soltanto quando i livelli elevati della glicemia diventano troppo.14,15

Gli scienziati riconoscono che il controllo di glicemia nel periodo immediato che segue un pasto (il periodo postprandiale) è forse più importante di in qualsiasi altro momento. Ciò è l'intervallo quando la glicemia può chiodare pericolosamente nel corpo, infliggente col passare del tempo il danneggiamento a basso livello e cumulativo dei sistemi fisiologici multipli. Il cromo è stato indicato per ridurre drammaticamente l'esposizione totale a glucosio durante il periodo postprandiale nella maggior parte dei oggetti.16

Le azioni multitargeted del cromo non solo tengono i livelli dello zucchero bassi, inoltre impediscono la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation, o le età.5,12,17,18 specialmente, gli aiuti del cromo portano giù i livelli di emoglobina A1c, il prodotto finale avanzato di glycation connesso con l'esposizione a lungo termine alle concentrazioni elevate nello zucchero.18

Questi benefici sono accompagnati dalle riduzioni sane dei livelli di lipidi anormali e dagli aumenti nella arteria-pulizia della lipoproteina ad alta densità (HDL) nel sangue.9 la combinazione di cromo e di biotina inoltre sono stati indicati per colpire favorevole un biomarcatore chiamato l'indice atherogenic: il rapporto dei trigliceridi a HDL che è associato con il rischio cardiovascolare aumentato.19

Il miglioramento nella segnalazione dell'insulina dal cromo inoltre è associato con produzione in diminuzione delle citochine pro-infiammatorie specifiche. Questi molecole di cellula-segnalazione svolgono un ruolo reciprocamente rinforzante nel prolungamento e nel peggioramento del controllo alterato del glucosio.11,20

Sangue organico potente Sugar Stabilizers: Amla e Shilajit

Il cromo è uno ione altamente reattivo del metallo, richiedente l'equilibrio attraverso i materiali organici supplementari per stabilizzare e migliorare i suoi effetti. Due rimedi tradizionali all'obesità e le sue conseguenze più recentemente sono stati indicati per migliorare sinergico l'azione utile del cromo.

Il amla dell'erba (uva spina indiana) direttamente urta una miriade di processi biochimici e diregolamenti che influenzano positivamente i fattori relativi ad alta glicemia ed alla sindrome metabolica. Le preparazioni tradizionali che contengono il amla lungamente sono state conosciute per abbassare la glicemia in animali ed in esseri umani diabetici, ma fino ad oggi i meccanismi erano poco chiari.33,34

Ora sappiamo che gli estratti di amla sono antiossidanti potenti.35,36 inibiscono gli enzimi digestivi che convertirebbero altrimenti l'amido in zucchero, contribuenti a ridurre i carichi della glicemia che seguono un pasto.35 nei modelli preclinici, una combinazione di erbe che contiene il amla riduce la perossidazione lipidica, il danneggiamento del radicale libero delle membrane cellulari che gioca un ruolo critico nell'aterosclerosi e lo sviluppo di insulino-resistenza.37

L'estratto di Amla inoltre protegge i tessuti da danno inflitto da glucosio in eccesso ai livelli multipli ed impedisce la produzione dei polialcol che provocano la distruzione sulle strutture oculari vulnerabili (dell'occhio) e su altri tessuti in diabetici.I 38,39 estratti di Amla stanno mostrando la promessa supplementare nell'impedire la sindrome metabolica nei modelli animali.40

Che cosa dovete conoscere: Controllo nutrizionalmente mirato a del glucosio
  • Indiano Goosebery
    Indiano Goosebery
    Fino a 50% della popolazione americana è carente in cromo, una delle sostanze nutrienti che principali il corpo deve controllare i livelli della glicemia.
  • Un complesso novello del cromo è stato identificato che ottimizza la capacità del vostro corpo di ripartire e convertire la glicemia in energia al livello cellulare.
  • Il amla dei composti organici (uva spina indiana) e lavoro dello shilajit sinergico per migliorare gli effetti d'abbassamento del cromo.
  • Amla protegge le cellule da danno inflitto da alta glicemia, mentre lo shilajit amplifica il metabolismo cellulare efficiente di glucosio.
  • I polifenoli della cannella attivano i sistemi di rilevamento del glucosio delle cellule, permettendo loro di agire più rapidamente per ricambiare l'alta glicemia.
  • La cannella inoltre induce la sensibilità dell'essere piena (sazietà) impedire il consumo eccessivo e le punte del dopo-pasto in glicemia ed insulina che risultano.
  • Gli estratti di aiuto dell'alga bruna impediscono le elevazioni del glucosio bloccando gli enzimi digestivi e limitando l'assorbimento del glucosio l'intestino.

L'equilibrio supplementare è fornito da shilajit, una miscela complessa dei composti organici ed inorganici ricchi in acido fulvico. Gli studi hanno indicato che lo shilajit ha effetti notevoli sui modi in cui i nostri mitocondri utilizzano l'energia proveniente dallo zucchero e dai grassi.41

L'acido fulvico funge da “chaperon molecolare,„ muovendo gli elettroni avanti e indietro efficientemente lungo le loro vie all'interno dei mitocondri.42-44 questo migliora l'efficienza di respirazione mitocondriale ed accelera il metabolismo della glicemia.45

Il composto di cromo più il amla e lo shilajit così agisce per ottimizzare il modo che il vostro corpo prende e distribuisce il glucosio fra ed all'interno delle cellule, assicuranti la rimozione rapida del glucosio dalla circolazione sanguigna e l'utilizzazione efficiente del glucosio all'interno delle cellule.

Ripartizione del carboidrato di didascalia con gli estratti dell'alga

Ripartizione del carboidrato di didascalia con gli estratti dell'alga

Una strategia complementare nella battaglia contro glucosio elevato è di limitare la quantità di glucosio che il corpo deve trasformare. Molti medici consigliano i loro pazienti ridurre la loro assunzione totale del carboidrato, ma questa strategia assicura soltanto la protezione parziale per la maggior parte della gente. Un altro approccio è di smussare la conversione degli amidi nei loro zuccheri componenti nel tratto gastrointestinale. Ciò può essere compiuta sicuro e efficacemente presentando gli inibitori di enzimi naturali che fermano il metabolismo dei carboidrati nell'intestino. Gli obiettivi più attraenti sono gli enzimi produttori di zucchero dell'alfa-glucosidasi e dell'alfa amilasi.

Gli estratti da varie alghe hanno effetti inibitori su questi enzimi.46-49 gli studi sugli animali hanno rivelato che inibire questi enzimi abbassa i livelli della glicemia.50,51 non solo sono i polifenoli trovati in questi strumenti potenti delle alghe nella riduzione del glucosio elevato, essi sono inoltre antiossidanti potenti.52,53

Questi estratti dell'alga stimolano la differenziazione delle cellule grasse, impedirle la replica e la riduzione del rilascio delle citochine in relazione con grassa nocive.54,55 raggiungono questo effetto in parte con il loro upregulation del sistema di percezione metabolico importante di PPAR ed anche con l'espressione aumentata del trasportatore del glucosio GLUT4.54,55

Cannella: Un combattente clinicamente documentato del glucosio

Gli usi tradizionali della cannella sono stati collegati con l'obesità ed alle circostanze ora riconosciamo come il diabete e la sindrome metabolica. I polifenoli in estratti solubili in acqua della cannella agiscono sugli obiettivi multipli per migliorare la sensibilità dell'insulina, la glicemia più bassa ed il danno di limite dai prodotti finiti avanzati di glycation.56,57 collettivamente, questi effetti contribuiscono a riduzione dei rischi per la sindrome metabolica.58

I polifenoli della cannella sono antiossidanti potenti che esercitano gli effetti protettivi diretti sulle cellule e sui tessuti.59 negli ultimi anni, abbiamo imparato che la cannella inoltre potente aumenta il numero e l'attività dei complessi del trasporto del glucosio che permettono alle cellule di prendere il glucosio in presenza di insulina.60,61

La cannella inoltre aumenta la produzione dei sensori metabolici conosciuti come PPARs, che stanno studiandi dalle ditte farmaceutiche come fonti per lo sviluppo della droga antidiabetica.62 PPARs rappresentano un altro meccanismo da cui le cellule riconoscono le concentrazioni aumentate nel glucosio ed agiscono per abbassarle. L'attività aumentata di PPAR contribuisce alla sensibilità migliore dell'insulina.

Negli studi umani, il completamento della cannella abbassa la glicemia ed aumenta la sensibilità dell'insulina.63 smussa la punta nei livelli del glucosio dopo ingestione di un di un pasto ricco di zucchero ed allo stesso tempo abbassa le punte dell'insulina.64,65

La cannella inoltre contribuisce ad aumentare la sazietà, la sensibilità dell'essere piena che ci impedisce di mangiare più di noi dovrebbe.66

La cannella inoltre è stata indicata a pressione sanguigna più bassa, migliorante i suoi effetti anti-metabolici di sindrome.67 la combinazione di glicemia riduttrice, di pressione sanguigna riduttrice e di composizione corporea migliore promettono le indennità-malattia tremende in adulti con la sindrome metabolica iniziale ma senza segni del diabete.68

Cannella: Un combattente clinicamente documentato del glucosio
Cannella

Questi effetti potente abbassano l'esposizione totale del corpo a glucosio in eccesso. Ma la cannella inoltre agisce per impedire dal il danno di tessuto indotto da glucosio, riducente il glycation della proteina ed impedente gli effetti cumulativi delle età.69 supplementi della cannella hanno indicato che la promessa, la lesione per esempio, nella riduzione della neuropatia diabetica, dolorosa e debilitante del nervo quella deriva dal glycation delle proteine neurali.70 ed i polifenoli della cannella hanno antinfiammatorio, antimicrobico, antitumorale, l'colesterolo-abbassamento e gli effetti immunomodulatori che contribuiscono alla nostra riduzione globale di rischio di malattia.71 specificamente, gli estratti della cannella sono stati indicati per ridurre i livelli delle citochine infiammatorie tessuto-derivate grasso che aumentano il nostro rischio di malattia cardiovascolare.72

Riassunto

Fino a 50% della popolazione americana è carente in cromo, una delle sostanze nutrienti che principali il corpo deve controllare i livelli della glicemia. Un complesso novello del cromo è stato identificato che ottimizza la capacità del vostro corpo di ripartire e convertire la glicemia in energia al livello cellulare.

Il amla dei composti organici (uva spina indiana) e lavoro dello shilajit sinergico per migliorare gli effetti d'abbassamento del cromo. Amla protegge le cellule da danno inflitto da alta glicemia, mentre lo shilajit amplifica il metabolismo cellulare efficiente di glucosio.

Negli studi umani, il completamento della cannella abbassa la glicemia ed aumenta la sensibilità dell'insulina.

I polifenoli della cannella attivano i sistemi di rilevamento del glucosio delle cellule, permettendo loro di agire più rapidamente per ricambiare l'alta glicemia. La cannella inoltre induce la sensibilità dell'essere piena (sazietà) impedire il consumo eccessivo e le punte del dopo-pasto in glicemia ed insulina che risultano. Gli estratti di aiuto dell'alga bruna impediscono le elevazioni del glucosio bloccando gli enzimi digestivi e limitando l'assorbimento del glucosio l'intestino.

Prese insieme, queste sostanze nutrienti forniscono agli individui di invecchiamento i meccanismi naturali potenti per sopprimere i livelli della glicemia a digiuno alle gamme ottimali (inferiore a 86 mg/dL) mentre punte pericolose di smussamento del glucosio del dopo-pasto.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Mertz W, Angino EE, HL del cannone, Hambidge chilometro, Voors aw. Cromo. In: Comitato nazionale degli Stati Uniti per geochimica. Sottocomitato sull'ambiente geochimico. Geochimica e l'ambiente. Volume I. La relazione di Trace Elements selezionato a salute ed alla malattia. Washington, DC: Accademia nazionale delle scienze; 1974:29-35.

2. Disponibile a http://www.drweil.com/drw/u/ART02868/chromium.html. 20 novembre 2010 raggiunto.

3. Striffler JS, Polansky m., Anderson RA. Sovrapproduzione di insulina nel ratto cromo-carente. Metabolismo. 1999;48(8):1063-8.

4. Vincent JB. Meccanismi di azione del cromo: sostanza cromo-legante a basso peso molecolare. J Coll Nutr. 1999 febbraio; 18(1): 6-12.

5. Terpilowska S, Zaporowska H. Il ruolo di cromo nella biologia cellulare e nella medicina. Lek di Przegl. 2004; 61 3:51 del supplemento - 4.

6. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, Polansky millimetro, "chi" J, assunzioni di Feng J. Elevated di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.

7. LA di Linday. Cromo trivalente ed il programma di prevenzione del diabete. Med Hypotheses. 1997 luglio; 49(1): 47-9.

8. Bahijiri MP, Mira SA, muftì, Ajabnoor mA. Gli effetti di cromo inorganico e completamento da birra del lievito su tolleranza al glucosio, lipidi del siero e dosaggio della droga in individui con il diabete di tipo 2. Med J. 2000 della saudita settembre; 21(9): 831-7.

9. Bahijri MP. Effetto del completamento del cromo su tolleranza al glucosio e sul profilo del lipido. Med J. 2000 della saudita gennaio; 21(1): 45-50.

10. Vincent JB. Ricerchi il meccanismo molecolare di azione del cromo e della sua relazione al diabete. Rev. 2000 di Nutr marzo; 58 (3 pinte 1): 67-72.

11. Chen WY, Chen CJ, Liu CH, Mao FC. Il completamento del cromo migliora l'insulina che segnala in muscolo scheletrico dei topi obesi del diabetico di KK/HlJ. Diabete Obes Metab. 2009 aprile; 11(4): 293-303.

12. Pohl m., Mayr P, Mertl-Roetzer m., et al. controllo Glycemic in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito con una formula enterale specifica di malattia: fase II di una prova multicentrata randomizzata e controllata. JPEN J Parenter Nutr enterale. 2009 gennaio-febbraio; 33(1): 37-49.

13. Albarracin CA, Fuqua BC, Evans JL, identificazione di Goldfine Il picolinate del cromo e la combinazione della biotina migliora il metabolismo del glucosio nel sovrappeso trattato e incontrollato ai pazienti obesi con il diabete di tipo 2. Rev. 2008 di ricerca di Metab del diabete gennaio-febbraio; 24(1): 41-51.

14. Ryan GJ, Wanko NS, Redman AR, CB del cuoco. Cromo come trattamento aggiuntiva per il diabete di tipo 2. Ann Pharmacother. 2003 giugno; 37(6): 876-85.

15. PESO di Cefalu, rood J, Pinsonat P, et al. caratterizzazione della risposta metabolica e fisiologica al completamento del cromo negli oggetti con il diabete di tipo 2 mellito. Metabolismo. 2010 maggio; 59(5): 755-62.

16. La TA di Frauchiger, Wenk C, PC di Colombani. Effetti del completamento acuto del cromo su metabolismo postprandiale in giovani in buona salute. J Coll Nutr. 2004 agosto; 23(4): 351-7.

17. La SK Jain, Patel la P, cromo di Rogier K. Trivalent inibisce la glicosilazione e la perossidazione lipidica della proteina in eritrociti glucosio-trattati livello. Segnale di redox di Antioxid. 2006 gennaio-febbraio; 8 (1-2): 238-41.

18. Keszthelyi Z, dopo T, Koltai K, Szabo L, ione di Mozsik G. Chromium (III) - migliora l'utilizzazione di glucosio in diabete di tipo 2 mellito. Orv Hetil. 19 ottobre 2003; 144(42): 2073-6.

19. Geohas J, Daly A, Juturu V, fringillide m., JUNIOR di Komorowski. Il picolinate del cromo e la combinazione della biotina riduce l'indice atherogenic di plasma in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito: un test clinico controllato con placebo, doppio accecato, randomizzato. J Med Sci. 2007 marzo; 333(3): 145-53.

20. La SK Jain, pioggie JL, Croad JL. Alti aumenti della chetosi e del glucosio (acetoacetato) e diminuzioni del niacinate del cromo, secrezione IL-6, IL-8 e MCP-1 e sforzo ossidativo in monociti U937. Segnale di redox di Antioxid. 2007 ottobre; 9(10): 1581-90.

21. Clodfelder BJ, Emamaullee J, DD di Hepburn, Ne di Chakov, irritare'il HS, Vincent JB. La traccia di cromo (III) in vivo dal sangue all'urina: i ruoli di transferrina e del chromodulin. Biol Inorg chim. di J. 2001 giugno; 6 (5-6): 608-17.

22. Chen G, Liu P, Pattar GR, et al. cromo attiva il trasportatore 4 del glucosio trafficante e migliora il trasporto insulina-stimolato del glucosio nei adipocytes 3T3-L1 via un meccanismo colesterolo-dipendente. Mol Endocrinol. 2006 aprile; 20(4): 857-70.

23. Lund S, Holman GD, Schmitz O, Pedersen O. Contraction stimola lo spostamento del trasportatore GLUT4 del glucosio in muscolo scheletrico attraverso un meccanismo distinto da quello di insulina. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 20 giugno 1995; 92(13): 5817-21.

24 James DE, Brown R, Navarro J, Pilch PF. I tessuti dell'insulina-regulatable esprimono ad una proteina di trasporto insulina sensibile unica del glucosio. Natura. 12 maggio 1988; 333(6169): 183-5.

25. Clonazione molecolare di James DE, di Strube m., di Mueckler M. e caratterizzazione di un trasportatore del glucosio dell'insulina-regulatable. Natura. 2 marzo 1989; 338(6210): 83-7.

26. Pattar GR, Tackett L, Liu P, Elmendorf JS. Il picolinate del cromo influenza positivamente il sistema del trasportatore del glucosio via colpire l'omeostasi del colesterolo nei adipocytes coltivati nelle circostanze diabetiche hyperglycemic. Ricerca di Mutat. 7 novembre 2006; 610 (1-2): 93-100.

27. Eyster CA, AL di Olson Compartimentalizzazione e regolamento di insulina che segnalano a GLUT4 dal citoscheletro. Vitam Horm. 2009;80:193-215.

28. Lauritzen HP. In vivo rappresentazione di spostamento GLUT4. Appl Physiol Nutr Metab. 2009 giugno; 34(3): 420-3.

29. Se di Leney, Tavare JM. La base molecolare dell'assorbimento insulina-stimolato del glucosio: segnalando, trafficando ed obiettivi potenziali della droga. J Endocrinol. 2009 ottobre; 203(1): 1-18.

30. Wu YT, Sun Z, PS di Che, Wang X, Wang Y, Guo G. Regulation di cromo su espressione genica dei muscoli scheletrici in ratti diabetici. Wei Sheng Yan Jiu. 2005 marzo; 34(2): 184-7.

31. Qiao W, Peng Z, Wang Z, Wei J, Zhou A. Chromium migliora l'assorbimento del glucosio ed il metabolismo through aumentando i livelli del mRNA di IR, di GLUT4, di GS e di UCP3 in cellule di muscolo scheletrico. Biol Trace Elem Res. 2009 novembre; 131(2): 133-42.

32. Wang YQ, Yao MH. Gli effetti del picolinate del cromo sull'assorbimento del glucosio nei adipocytes insulina-resistenti 3T3-L1 comprendono l'attivazione di p38 MAPK. Biochimica di J Nutr. 2009 dicembre; 20(12): 982-91.

33. Manjunatha S, Jaryal AK, Bijlani RL, Sachdeva U, Gupta SK. Effetto di Chyawanprash e di vitamina C su tolleranza al glucosio e sul profilo della lipoproteina. J indiano Physiol Pharmacol. 2001 gennaio; 45(1): 71-9.

34. Babu PS, principe P. Antihyperglycaemic di Stanely Mainzen ed effetto antiossidante di hyponidd, una formulazione herbomineral ayurvedic da in ratti diabetici indotti streptozotocin. J Pharm Pharmacol. 2004 novembre; 56(11): 1435-42.

35. Il potenziale antiossidante ed inibitorio di Nampoothiri SV, di Prathapan A, di Cherian OL, di Raghu chilogrammo, di Venugopalan VV, di Sundaresan A. in vitro dei frutti di bellerica di Terminalia e di officinalis di Emblica contro gli enzimi dell'ossidazione e di chiave di LDL si è collegato al diabete di tipo 2. Alimento Chem Toxicol. 14 ottobre 2010.

36. Rao TP, Sakaguchi N, Juneja LR, Wada E, gli estratti di Yokozawa T. Amla (officinalis Gaertn di Emblica.) riduce lo sforzo ossidativo da in ratti diabetici indotti streptozotocin. J Med Food. Caduta 2005; 8(3): 362-8.

37. Patel ss, scià RS, Goyal RK. Gli effetti Antihyperglycemic, antihyperlipidemic ed antiossidanti di Dihar, una formulazione ayurvedic polyherbal in streptozotocin hanno indotto i ratti diabetici. J indiano Exp Biol. 2009 luglio; 47(7): 564-70.

38. Suryanarayana P, PA di Kumar, Saraswat m., Petrash JM, Reddy GB. Inibizione di riduttasi dell'aldoso dai principi del tannoid di officinalis di Emblica: implicazioni per la prevenzione della cataratta dello zucchero. Mol Vis. 12 marzo 2004; 10:148-54.

39. Suryanarayana P, Saraswat m., Petrash JM, Reddy GB. I officinalis di Emblica ed i suoi tannoids arricchiti ritardano dalla la cataratta diabetica indotta streptozotocin in ratti. Mol Vis. 2007;13:1291-7.

40. Kim HY, Okubo T, Juneja LR, Yokozawa T. Il ruolo protettivo del amla (officinalis Gaertn di Emblica.) contro dalla la sindrome metabolica indotta da fruttosio in un modello del ratto. Br J Nutr. 2010 febbraio; 103(4): 502-12.

41. Meena H, Pandey HK, Arya MC, Ahmed Z. Shilajit: Una panacea per i problemi ad alta altitudine. Ricerca di Int J Ayurveda. 2010 gennaio; 1(1): 37-40.

42. Klapper L, McKnight dm, JUNIOR di Fulton, et al. rilevazione acida fulvica dello stato di ossidazione facendo uso della spettroscopia di fluorescenza. Circondi Sci Technol. 15 luglio 2002; 36(14): 3170-5.

43. Royer RA, Burgos WD, Fisher COME, Unz rf, SEDERE di Dempsey. Potenziamento di riduzione biologica di ematite muoversi dell'elettrone e dal Fe (II) complessazione. Circondi Sci Technol. 1° maggio 2002; 36(9): 1939-46.

44. Kang SH, degradazione di Choi W. Oxidative dei composti organici facendo uso di ferro zero-valent in presenza del servizio naturale della materia organica come navetta dell'elettrone. Circondi Sci Technol. 1° febbraio 2009; 43(3): 878-83.

45. Visser SA. Effetto delle sostanze umiche su respirazione mitocondriale e su fosforilazione ossidativa. Il totale di Sci circonda. 1987 aprile; 62:347-54.

46. Kim KY, TH di Nguyen, Kurihara H, Kim MP. Attività inibitoria dell'alfa-glucosidasi di bromofenolo purificata dal lancifolia di Polyopes dell'alga rossa. Alimento Sci di J. 2010 giugno; 75(5): H145-50.

47. Apostolidis E, Lee cm. Potenziale in vitro di inibizione antiossidante-mediata fenolica dell'alfa-glucosidasi e dell'alfa amilasi di ascophyllum nodosum. Alimento Sci di J. 2010 aprile; 75(3): H97-102.

48. Kim KY, KA di Nam, Kurihara H, Kim MP. Inibitori potenti dell'alfa-glucosidasi purificati dal elliptica di Grateloupia dell'alga rossa. Fitochimica. 2008 novembre; 69(16): 2820-5.

49. Zhang J, cultivatore C, Shen J, et al. proprietà antidiabetiche delle frazioni polifenolico-arricchito e del polisaccaride dall'ascophyllum nodosum dell'alga bruna. Può J Physiol Pharmacol. 2007 novembre; 85(11): 1116-23.

50. Heo SJ, Hwang JY, Choi JI, Han JS, Kim HJ, Jeon YJ. Diphlorethohydroxycarmalol ha isolato dai okamurae di Ishige, alghe brune, un alfa-glucosidasi potente e l'inibitore dell'alfa amilasi, allevia l'iperglicemia postprandiale in topi diabetici. EUR J Pharmacol. 1° agosto 2009; 615 (1-3): 252-6.

51. Lamela m., Anca J, Villar R, Otero J, Calleja JM. Attività ipoglicemica di parecchi estratti dell'alga. J Ethnopharmacol. 1989 novembre; 27 (1-2): 35-43.

52. Iwai K. Antidiabetic ed effetti antiossidanti dei polifenoli in stolonifera di Ecklonia dell'alga bruna in KK-A geneticamente diabetico (y) topi. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 2008 dicembre; 63(4): 163-9.

53. Ruperez P, Ahrazem O, JA Leal. Capacità antiossidante potenziale dei polisaccaridi solfonati dal fucus vesiculosus marino commestibile dell'alga bruna. Alimento chim. di J Agric. 13 febbraio 2002; 50(4): 840-5.

54. SN di Kim, Choi HY, Lee W, GM del parco, Shin WS, Kim YK. L'acido di Sargaquinoic e l'acido sargahydroquinoic dal yezoense di Sargassum stimolano la differenziazione del adipocyte con PPARalpha/attivazione di gamma in cellule 3T3-L1. FEBS Lett. 15 ottobre 2008; 582 (23-24): 3465-72.

55. Il SI di Kang, Jin YJ, Ko HC, et al. Petalonia migliora l'omeostasi del glucosio da in topi diabetici indotti streptozotocin. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 22 agosto 2008; 373(2): 265-9.

56. Cao H, Polansky millimetro, Anderson RA. L'estratto ed i polifenoli della cannella colpiscono l'espressione del tristetraprolin, del ricevitore dell'insulina e del trasportatore 4 del glucosio nei adipocytes del topo 3T3-L1. Biochimica Biophys dell'arco. 15 marzo 2007; 459(2): 214-22.

57. LU Z, Jia Q, Wang R, et al. attività ipoglicemiche di estratti ricchi d'oligomero del procyanidin di tipo B e di A dalle cortecce di cannella differenti. Phytomedicine. 17 settembre 2010.

58. Qin B, Panickar KS, Anderson RA. Cannella: ruolo potenziale nella prevenzione di insulino-resistenza, della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2. Diabete Sci Technol di J. 2010 maggio; 4(3): 685-93.

59. Roussel, Hininger I, Benaraba R, Ziegenfuss TN, Anderson RA. Effetti antiossidanti di un estratto della cannella nella gente con glucosio a digiuno alterato che è di peso eccessivo o obesa. J Coll Nutr. 2009 febbraio; 28(1): 16-21.

60. Kim W, Khil LY, Clark R, et al. derivato di acido dihydroxyhydrocinnamic, una componente dell'estere di Naphthalenemethyl di cannella, aumenta la disposizione del glucosio migliorando lo spostamento del trasportatore 4. Diabetologia del glucosio. 2006 ottobre; 49(10): 2437-48.

61. Kim W, Khil LY, Clark R, et al. derivato di acido dihydroxyhydrocinnamic, una componente dell'estere di Naphthalenemethyl di cannella, aumenta la disposizione del glucosio migliorando lo spostamento del trasportatore 4. Diabetologia del glucosio. 2006 ottobre; 49(10): 2437-48.

62. Sheng X, Zhang Y, gong Z, Huang C, Zang YQ. L'insulino-resistenza ed il metabolismo dei lipidi migliori dall'estratto della cannella con l'attivazione di Peroxisome Proliferatore-hanno attivato i ricevitori. Ricerca di PPAR. 2008;2008:581348.

63. Solomon TP, Blannin AK. Effetti di ingestione a breve termine della cannella in vivo su tolleranza al glucosio. Diabete Obes Metab. 2007 novembre; 9(6): 895-901.

64. Hlebowicz J, Hlebowicz A, Lindstedt S, et al. gli effetti della cannella di 3 e di 1 g sullo svuotamento gastrico, sazietà e glicemia postprandiale, insulina, polipeptide insulinotropic glucosio-dipendente, peptide del tipo di glucagone 1 e concentrazioni di ghrelin negli individui sani. J Clin Nutr. 2009 marzo; 89(3): 815-21.

65. Solomon TP, Blannin AK. Cambiamenti nella tolleranza al glucosio e nella sensibilità dell'insulina che seguono 2 settimane di ingestione quotidiana della cannella in esseri umani in buona salute. EUR J Appl Physiol. 2009 aprile; 105(6): 969-76.

66. Mettler S, Schwarz I, PC di Colombani. Effetto d'attenuazione e dimiglioramento del sangue postprandiale additivo di cannella e di acido acetico. Ricerca di Nutr. 2009 ottobre; 29(10): 723-7.

67. Emoglobina di Akilen R, di Tsiami A, di Devendra D, di Robinson N. Glycated ed effetto d'abbassamento del sangue di cannella nel tipo multi-etnico - 2 pazienti diabetici nel Regno Unito: un randomizzato, controllato con placebo, test clinico della prova alla cieca. Med di Diabet. 2010 ottobre; 27(10): 1159-67.

68. Ziegenfuss TN, Hofheins JE, Mendel RW, Landis J, Anderson RA. Effetti di un estratto solubile in acqua della cannella su composizione corporea e caratteristiche della sindrome metabolica in uomini ed in donne pre-diabetici. Sport Nutr di J Int Soc. 2006;3:45-53.

69. Peng X, mA J, Chao J, et al. effetti benefici delle proantocianidine della cannella sulla formazione di prodotti finiti avanzati specifici di glycation e da danno indotto methylglyoxal sul consumo del glucosio. Alimento chim. di J Agric. 9 giugno 2010; 58(11): 6692-6.

70. Bahceci S, Aluclu MU, Canoruc N, et al. valutazione ultrastrutturale degli effetti di cannella sul ischiadicus di nervus in ratti diabetici. Neuroscienze (Riyad). 2009 ottobre; 14(4): 338-42.

71. Gruenwald J, Freder J, Armbruester N. Cinnamon e salute. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2010 ottobre; 50(9): 822-34.

72. Qin B, Polansky millimetro, Anderson RA. L'estratto della cannella regola i livelli del plasma di fattori e di espressione adiposo-derivati dei geni multipli relativi a metabolismo dei carboidrati e la lipogenesi in tessuto adiposo dei ratti di fruttosio-federazione. Ricerca di Horm Metab. 2010 marzo; 42(3): 187-93.