Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2011
Rapporto

Carnosine: Superamento delle aspettative scientifiche

Da Kirk Stokel

Formazione della cataratta di didascalia

Oltre ad estendere la quantità di vita, il carnosine può contribuire a qualità della vita migliore riducendo il rischio e la severità di cataratte nell'occhio.48 la lente dell'occhio sono altamente sensibili al glycation delle sue proteine, che lo rendono opaco. Gli effetti anti--glycation di Carnosine, quindi, assicurano la protezione prominente della visione.49 Carnosine in delivery system differenti sono stati manifestazione per ridurre la formazione della cataratta negli studi degli animali diabetici, che, come gli esseri umani diabetici, sono allo lo sviluppo incline della cataratta.50-52

Perché abbiamo bisogno di Carnosine supplementare

I livelli di Carnosine nel corpo diminuiscono con l'età. I livelli del muscolo fanno diminuire 63% fra le età 10 - 70, che possono rappresentare la riduzione della massa e della funzione del muscolo vedute negli esseri umani di invecchiamento.1

Carnosine agisce non solo come antiossidante in muscolo, ma anche come amplificatore di pH.2 in questo modo che tiene sulle membrane cellulari proteggenti del muscolo dall'ossidazione nelle circostanze acide di sforzo muscolare.

Carnosine permette al muscolo del cuore di contrarrsi più efficientemente con il potenziamento della risposta del calcio in cellule del cuore.3 livelli del muscolo di carnosine correlano con la durata massima delle specie animali.

Carnosine è stato indicato per ringiovanire le cellule del tessuto connettivo, che possono spiegare i suoi effetti benefici sulla guarigione arrotolata. Le proteine nocive si accumulano e legame incrociato nella pelle, causando le grinze e la perdita di elasticità. La molteplicità di effetti patologici ha causato dai posti di degradazione della proteina questo problema oltre il sope degli antiossidanti semplici.4 Carnosine sono lo schermo dell'ampio spettro di promessa contro degradazione della proteina.

  1. Stuerenburg HJ, Kunze K. Concentrations del carnosine libero (un antiossidante membrana-protettivo presunto) in biopsie umane del muscolo e muscoli del ratto. Arco Gerontol Geriatr. 1999.29:107-13.
  2. PC di Burcham, PAGINA di Kerr, Fontaine F. L'idralazina antipertensiva è un organismo saprofago efficiente di acroleina. Rappresentante di redox. 2000; 5(1): 47-9.
  3. Il GP di Zaloga, Roberts PR, il chilowatt nero, et al. Carnosine è un modulatore novello del peptide di calcio intracellulare e della contrattilità in cellule cardiache. J Physiol. 1997; 272 (1 pinta 2): H462-8.
  4. Wang, mA C, Xie ZH, Shen F. Use del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc). 2000;65(7):869-71.

Riassunto

L'interesse scientifico crescente in composti l'longevità-amplificazione ha condotto alla nuova ricerca approfondita sul carnosine. Altamente concentrato in cervello e muscolo, il carnosine è un antiossidante e una sostanza nutriente naturali di glycation-combattimento di cui i livelli nel corpo diminuiscono naturalmente con l'età.

Uno studio 2010 ha rivelato che il carnosine estende la durata in animali da laboratorio, coerenti con altri risultati recenti che il carnosine combatte l'invecchiamento agli obiettivi multipli nel cuore, in cervello, in pelle ed in altri sistemi dell'organo.

I meccanismi multipli e correlati di Carnosine della media di azione che il carnosine può fornire i benefici alle cellule ed i tessuti in tutto il corpo che soccomberebbe altrimenti agli effetti patologici di invecchiamento.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Carnosine sul lavoro

Una caratteristica ovvia del carnosine è il suo effetto antiossidante potente, che può impedire l'accumulazione relativa all'età dei radicali liberi e del loro impatto disastroso sui tessuti.53-55

Carnosine è dipeptide-che è, una piccola molecola composta di due aminoacidi, istidina e beta alanina. Continua a lavorare per impedire il danno dell'ossidante anche dopo che le molecole cellulari sono attaccate. Impedisce gli effetti distruttivi dei prodotti chimici ossidati quale la malondialdeide (MDA) che sono associati con la morte di cellula cerebrale nei disordini neurodegenerative quali Alzheimer e le malattie del Parkinson.4,43

Una caratteristica separata ed ugualmente importante del carnosine è la sua capacità di interferire con le modifiche della proteina da glucosio e da ossigeno, due eventi che contribuiscono potente ad infiammazione e ad invecchiamento.3,56 Carnosine anche direttamente ed inibiscono indirettamente il rilascio dei mediatori infiammatori quali le citochine e la sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto (iNOS) e molto attentamente stanno studiandi affinchè la sua capacità attenuino gli effetti infiammatori delle infezioni virali quale influenza.57

La somma di tutti questi eventi biochimici intracellulari contribuisce a spiegare l'esplosione notevole di letteratura sul carnosine come riempitivo possibile della durata. Una caratteristica biochimica centrale di invecchiamento è l'accumulazione delle proteine alterate dalle reazioni chimiche con ossigeno, azoto e glucosio.La capacità di 58,59 Carnosine di interferire con quell'alterazione può rappresentare la sua capacità osservata di estendere la durata non solo delle mosche della frutta ma anche “di più alti„ animali da laboratorio ed il tessuto umano nella cultura.1, 2, 60-63

Uno sguardo del primo piano alle azioni dei carnosine rivela un effetto notevole sui telomeri, le sequenze del DNA all'estremità dei cromosomi che fungono da una specie di “orologio cellulare,„ in gran parte controllanti il processo di invecchiamento. Mentre i telomeri accorciano con ogni replica cellulare, la durata rimanente della cellula è diminuita.Una riduzione di 64 telomeri è indotta precisamente tramite i cambiamenti ossidativi ed altre modifiche della proteina del genere che il carnosine può impedire.65 Carnosine possono quindi bloccare la riduzione del telomero e ridurrsi invecchiare gli effetti in diversi tessuti.66 per esempio, il carnosine può impedire dalle le cataratte indotte da riduzione del telomero nella lente dell'occhio.64,67,68

 

Linee guida di dosaggio di Carnosine

La maggior parte della gente consuma relativamente le piccole quantità di carnosine nella loro dieta. Sulla base di una rappresentazione di studio quel 250 mg di carnosine ingerito da 7 once. dell'hamburger la carne completamente è stata rimossa dal sangue dei volontari di studio in 5-6 ore dall'enzima di carnosinase, il prolungamento della vita 69 raccomanda che individui che cercano il suo supplemento antinvecchiamento di effetti con almeno 1.000 mg di quotidiano di carnosine per mantenere i livelli ottimali nel corpo.

Riferimenti

1.Hipkiss AR. Sull'enigma delle azioni antinvecchiamento dei carnosine. Exp Gerontol. 2009 aprile; 44(4): 237-42.

2.Hipkiss AR. Invecchiamento, proteotoxicity, mitocondri, glycation, NAD e carnosine: correlazioni e risoluzione possibili del paradosso dell'ossigeno. Front Aging Neurosci. 2010;2:10.

3.Hipkiss AR. Carnosine ed i suoi ruoli possibili nella nutrizione e nella salute. Ricerca di Nutr dell'alimento di adv. 2009;57:87-154.

4.Cheng J, Wang F, Yu DF, Wu PF, Chen JG. Il meccanismo citotossico della malondialdeide ed effetto protettivo del carnosine via reticolazione della proteina/disfunzione mitocondriale/via reattiva dell'ossigeno species/MAPK in neuroni. EUR J Pharmacol. 21 settembre 2010.

5.Stvolinsky S, Antipin m., Meguro K, Sato T, Abe H, Boldyrev A. Effect del carnosine e dei suoi derivati Trolox-modificati sulla durata del drosophila melanogaster. Ricerca di ringiovanimento. 2010 agosto; 13(4): 453-7.

6.Stvolinsky SL, Bulygina ER, Fedorova TN, et al. attività biologica dei derivati sintetici novelli del carnosine. Cellula Mol Neurobiol. 2010 aprile; 30(3): 395-404.

7.Guiotto A, Calderan A, Ruzza P, Borin G. Carnosine ed antiossidanti in relazione con carnosine: una rassegna. Curr Med Chem. 2005;12(20):2293-315.

8.Niijima A, Okui T, Matsumura Y, et al. effetti di L-carnosine su attività del nervo e su ipertensione comprensive renali del DOCA-sale in ratti. Auton Neurosci. 31 maggio 2002; 97(2): 99-102.

9.Zieba R, Wagrowska-Danilewicz M. Influence del carnosine sulla cardiotossicità di doxorubicina in conigli. Politico J Pharmacol. 2003 novembre-dicembre; 55(6): 1079-87.

10.Rashid I, van Reyk DM, Davies MJ. Carnosine ed i suoi costituenti inibiscono il glycation delle lipoproteine a bassa densità che promuove la formazione delle cellule della schiuma in vitro. FEBS Lett. 6 marzo 2007; 581(5): 1067-70.

11.Stvolinsky SL, attività Anti-ischemica di Dobrota D. del carnosine. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 849-55.

12.Shen Y, P, il fan il YY, et al. Carnosine protegge da ischemia cerebrale permanente nei topi di knock-out della decarbossilasi dell'istidina riducendo il excitotoxicity del glutammato. Med libero di biol di Radic. 1° marzo 2010; 48(5): 727-35.

13.Min J, Senut MC, Rajanikant K, et al. effetti neuroprotective differenziali del carnosine, anserina e carnosine dell'N-acetile contro ischemia focale permanente. Ricerca di J Neurosci. 2008 ottobre; 86(13): 2984-91.

14.Rajanikant GK, Zemke D, Senut MC, et al. Carnosine è neuroprotective contro ischemia cerebrale focale permanente in topi. Colpo. 2007 novembre; 38(11): 3023-31.

15.Dobrota D, Fedorova T, Stvolinsky S, et al. Carnosine protegge il cervello dei ratti e dei gerbilli del mongolian dalla lesione ischemica: dopo-colpo-effetto. Ricerca di Neurochem. 2005 ottobre; 30(10): 1283-8.

16.Stvolinsky S, Kukley m., Dobrota D, Mezesova V, Boldyrev A. Carnosine protegge i ratti nell'ambito di ischemia globale. Brain Res Bull. 2000 1° novembre; 53(4): 445-8.

17.Fujii T, Takaoka m., Muraoka T, et al. effetto preventivo di L-carnosine su ischemia/da su insufficienza renale acuta indotta da riperfusione in ratti. EUR J Pharmacol. 8 agosto 2003; 474 (2-3): 261-7.

18.Fujii T, Takaoka m., Tsuruoka N, Kiso Y, Tanaka T, il completamento di Matsumura Y. Dietary di L-carnosine evita l'ischemia/dalla lesione renale indotta da riperfusione in ratti. Toro di biol Pharm. 2005 febbraio; 28(2): 361-3.

19.Kurata H, Fujii T, Tsutsui H, et al. effetti di Renoprotective del l-carnosine su ischemia/dalla lesione renale indotta da riperfusione in ratti. J Pharmacol Exp Ther. 2006 novembre; 319(2): 640-7.

20.Baykara B, Tekmen I, Pekcetin C, et al. Gli effetti protettivi del carnosine e della melatonina nella lesione di ischemia-riperfusione nel fegato del ratto. Acta Histochem. 2009;111(1):42-51.

21.Fouad aa, EL-Rehany mA, Maghraby HK. L'effetto hepatoprotective del carnosine contro il disturbo al fegato riperfusione/di ischemia in ratti. EUR J Pharmacol. 15 ottobre 2007; 572(1): 61-8.

22.Hipkiss AR, Brownson C, trasportatore MJ. Carnosine, il dipeptide antinvecchiamento e antiossidante, può reagire con i gruppi carbonilici della proteina. Sviluppatore invecchiante Mech. 15 settembre 2001; 122(13): 1431-45.

23.Szwergold BS. La tossicità intrinseca di glucosio, dovuto il glycation non enzimatico, è controllata in vivo dai sistemi di deglycation compreso: Deglycation di FN3K-mediated dei fructosamines e transglycation dei aldosamines. Med Hypotheses. 2005;65(2):337-48.

24.Aldini G, RM di Facino, Beretta G, Carini M. Carnosine e dipeptidi relativi come quenchers delle specie reattive del carbonilico: dagli studi strutturali alle prospettive terapeutiche. Biofactors. 2005;24(1-4):77-87.

25.Yan H, Harding JJ. Carnosine protegge dall'inattivazione dell'esterasi indotta dal glycation e da uno steroide. Acta di Biochim Biophys. 30 giugno 2005; 1741 (1-2): 120-6.

26.Nagai K, Niijima A, Yamano T, et al. ruolo possibile di L-carnosine nel regolamento di glicemia through controllando i nervi autonomi. Med di biol di Exp (Maywood). 2003 novembre; 228(10): 1138-45.

27.Korobov VN, RB di Maurisio, Mukalov IO, Stvolinskii SL. Stabilizzazione di Carnosine delle membrane normali dell'eritrocito ed in diabete sperimentale. Patol Fiziol Eksp Ter. 2000 aprile-giugno (2): 13-5.

28.Lee YT, Hsu cc, Lin MH, Liu KS, Yin MC. L'istidina e il carnosine ritardano il deterioramento diabetico in topi e proteggono la lipoproteina umana di densità bassa dall'ossidazione e dal glycation. EUR J Pharmacol. 18 aprile 2005; 513 (1-2): 145-50.

29.Sauerhofer S, yuan G, Braun GS, et al. L-carnosine, un substrato di carnosinase-1, influenza il metabolismo del glucosio. Diabete. 2007 ottobre; 56(10): 2425-32.

30.Hyland P, Duggan O, Hipkiss A, Barnett C, effetti di Barnett Y. The del carnosine su DNA ossidativo danneggiano i livelli e la durata in vitro nei cloni di cellula T di CD4+ derivati sangue periferico umano. Sviluppatore invecchiante Mech. 2000 20 dicembre; 121 (1-3): 203-15.

31.Son FANNO, Satsu H, Kiso Y, Shimizu M. Characterization dell'assorbimento di carnosine e della sua funzione fisiologica in cellule epiteliali intestinali umane Caco-2. Biofactors. 2004;21(1-4):395-8.

32.Chuang CH, Hu ml. L-carnosine inibisce la metastasi delle cellule SK-Hep-1 tramite inibizione di espressione della matrice metaoproteinase-9 e di induzione di un gene antimetastatic, nm23-H1. Cancro di Nutr. 2008;60(4):526-33.

33.Renner C, Zemitzsch N, Fuchs B, et al. Carnosine ritarda la crescita del tumore in vivo in un modello del topo di NIH3T3-HER2/neu. Mol Cancer. 2010;9:2.

34.Renner C, Asperger A, Seyffarth A, Meixensberger J, Gebhardt R, Gaunitz F. Carnosine inibisce la produzione di ATP in cellule da glioma maligno. Ricerca di Neurol. 2010 febbraio; 32(1): 101-5.

35.Calabrese V, Colombrita C, Guagliano E, et al. effetto protettivo del carnosine durante lo sforzo nitrosative nelle colture cellulari astroglial. Ricerca di Neurochem. 2005 giugno-luglio; 30 (6-7): 797-807.

36.Reddy VP, SIG. di Garrett, sidro di pere G, Smith mA. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

37.Dukic-Stefanovic S, Schinzel R, Riederer P, masticano le ETÀ del G. nell'invecchiamento del cervello: Età-inibitori come droghe neuroprotective ed antidemenziali? Biogerontology. 2001;2(1):19-34.

38.Hobart LJ, Seibel I, Yeargans GS, Seidler nanowatt. proprietà di Anti-reticolazione del carnosine: significato di istidina. Vita Sci. 30 luglio 2004; 75(11): 1379-89.

39.Hipkiss AR. Ha potuto il carnosine sopprimere l'inibizione e il neurodegeneration proteasome zinco-mediati? Potenziale terapeutico di un dipeptide non tossico ma non brevettato. Biogerontology. 2005;6(2):147-9.

40.Trombley PQ, ms di Horning, Blakemore LJ. Interazioni fra il carnosine e zinco e rame: implicazioni per il neuromodulatore e il neuroprotection. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 807-16.

41.Balion cm, Benson C, Raina PS, Papaioannou A, Patterson C, Ismaila AS. Tipo carnosinase del cervello nella demenza: uno studio pilota. BMC Neurol. 2007;7:38.

42.Fonteh, Harrington RJ, Tsai A, Liao P, Harrington MG. Cambiamenti del dipeptide e dell'aminoacido nei liquidi organici dagli oggetti del morbo di Alzheimer. Aminoacidi. 2007 febbraio; 32(2): 213-24.

43.Tsai SJ, Kuo WW, Liu WH, Yin MC. Protezione antiossidante ed antinfiammatoria dal carnosine nel corpo striato dei topi MPTP-trattati. Alimento chim. di J Agric. 6 ottobre 2010.

44.Hipkiss AR. Ha potuto il carnosine o le strutture relative sopprimere il morbo di Alzheimer? J Alzheimers DIS. 2007 maggio; 11(2): 229-40.

45.Shen Y, Hu WW, Chen Z. Carnosine e malattie del sistema nervoso centrale. Zhejiang Da Xue Xue Bao Yi Xue Ban. 2007 marzo; 36(2): 199-203.

46.Boldyrev A, Fedorova T, Stepanova m., et al. Carnosine [corretto] aumenta l'efficienza della terapia del DOPA della malattia del Parkinson: uno studio pilota. Ricerca di ringiovanimento. 2008 agosto; 11(4): 821-7.

47.Boldyrev aa, Stvolinsky SL, Fedorova TN, Suslina ZA. Carnosine come un antiossidante e geroprotector naturali: dai meccanismi molecolari ai test clinici. Ricerca di ringiovanimento. 2010 aprile-giugno; 13 (2-3): 156-8.

48.Liu YF, Liu HW, Peng SL. Effetti di L-canosine nell'impedire e nel trattamento della cataratta del ratto indotta da selenito di sodio. Zhonghua Yan Ke Za Zhi. 2009 giugno; 45(6): 533-6.

49.Guo Y, effetto di Yan H. Preventive del carnosine su sviluppo della cataratta. Yan Ke Xue Bao. 2006 giugno; 22(2): 85-8.

50.Yan H, Guo Y, Zhang J, Ding Z, ha W, Harding JJ. Effetto del carnosine, del aminoguanidine e delle gocce di aspirin sulla prevenzione delle cataratte in ratti diabetici. Mol Vis. 2008;14:2282-91.

51.Attanasio F, Cataldo S, Fisichella S, et al. effetti protettivi della l e D-carnosine su formazione della fibrilla dell'amiloide dell'alfa-crystallin: implicazioni per la malattia della cataratta. Biochimica. 14 luglio 2009; 48(27): 6522-31.

52.Babizhayev MA. Nuovo concetto in nutrizione per il mantenimento del regolamento redox dell'occhio di invecchiamento e del trattamento terapeutico della malattia della cataratta; sinergismo dei composti a base d'acido amminici imidazolo-contenenti dell'antiossidante naturale, del chaperon e degli agenti d'amplificazione del glutatione: una prospettiva sistemica su invecchiamento e sulla longevità è emerso dagli studi in esseri umani. J Ther. 2010 luglio-agosto; 17(4): 373-89.

53.Yuneva AO, GG di Kramarenko, Vetreshchak TV, S prode, Boldyrev aa. Effetto del carnosine sulla durata di drosophila melanogaster. Med di biol di Exp del toro. 2002 giugno; 133(6): 559-61.

54.Aydin AF, Kucukgergin C, Ozdemirler-Erata G, Kocak-Toker N, Uysal M. L'effetto del trattamento di carnosine su equilibrio prooxidant-antiossidante in fegato, cuore e tessuti cerebrali di maschio ha invecchiato i ratti. Biogerontology. 2010 febbraio; 11(1): 103-9.

55.Baguet A, Bourgois J, Vanhee L, Achten E, ruolo di Derave W. Important del carnosine del muscolo nella prestazione di rematura. J Appl Physiol. 2010 ottobre; 109(4): 1096-101.

56.Yan H, Harding JJ. Carnosine inibisce le modifiche e l'attività molecolare in diminuzione del chaperon dell'alfa-crystallin della lente indotte dal fosfato del fruttosio e del ribosio 6. Mol Vis. 2006;12:205-14.

57.Babizhayev mA, Deyev AI. Gestione dell'infezione virulenta del virus dell'influenza dalla formulazione orale del carnosine nonhydrolized e dal isopeptide del carnosine che attenua da produzione indotta da citochina proinflammatory dell'ossido di azoto. J Ther. 14 settembre 2010.

58.Hipkiss AR. NAD (+) e regolamento metabolico del proteoxicity relativo all'età: Un ruolo possibile per methylglyoxal? Exp Gerontol. 2010 giugno; 45(6): 395-9.

59.Calabrese V, Cornelius C, Mancuso C, et al. risposta cellulare di sforzo: un obiettivo novello per il chemoprevention e neuroprotection nutrizionale nell'invecchiamento, nei disordini neurodegenerative e nella longevità. Ricerca di Neurochem. 2008 dicembre; 33(12): 2444-71.

60.McFarland GA, Holliday R. Retardation della senescenza dei fibroblasti diploidi umani coltivati dal carnosine. Ricerca delle cellule di Exp. 1994 giugno; 212(2): 167-75.

61.McFarland GA, prova di Holliday R. Further per gli effetti ringiovanire del dipeptide L-carnosine sui fibroblasti diploidi umani coltivati. Exp Gerontol. 1999 gennaio; 34(1): 35-45.

62.Holiday R, McFarland GA. Un ruolo per il carnosine nella manutenzione cellulare. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 843-8.

63.Boldyrev AA. Protezione delle proteine dallo sforzo ossidativo: una nuova illusione o una strategia novella? Ann N Y Acad Sci. 2005 dicembre; 1057:193-205.

64.Babizhayev mA, Vishnyakova KS, Yegorov YE. fenotipo senescente Telomero-dipendente delle cellule epiteliali della lente come indicatore biologico di invecchiamento e del cataractogenesis: il ruolo di intensità di sforzo ossidativa e del meccanismo specifico di tossicità del perossido d'idrogeno del fosfolipide in lente ed acquoso. Fundam Clin Pharmacol. 19 aprile 2010.

65.Babizhayev mA, EL di Savel'yeva, SN di Moskvina, Yegorov YE. La lunghezza del telomero è un biomarcatore dello sforzo ossidativo cumulativo, dell'età biologica e di un preannunciatore indipendente della sopravvivenza e del requisito terapeutico del trattamento connessi con comportamento di fumo. J Ther. 29 marzo 2010.

66.Shao L, Li QH, Tan Z.L-carnosine riduce il danno del telomero ed il tasso della riduzione in fibroblasti normali coltivati. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 12 novembre 2004; 324(2): 931-6.

67.Babizhayev mA, Yegorov YE. Attrito in cellule epiteliali della lente - un obiettivo del telomero per la terapia di N-acetylcarnosine. Front Biosci. 2010;15:934-56.

68.Wang, mA C, Xie ZH, Shen F. Use del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 869-71.

69.Park YJ, Volpe SL, Decker ea. Quantificazione del carnosine nel plasma degli esseri umani dopo consumo dietetico di manzo. Alimento chim. di J Agric. 15 giugno 2005; 53(12): 4736-9.