Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2011
Come lo vediamo

Glucosio: L'uccisore silenzioso

Da William Faloon

Ricerca costituita un fondo per da prolungamento della vita nel 2010

Ricerca costituita un fondo per da prolungamento della vita nel 2010

Il fondamento del prolungamento della vita ha ampliato la sua ricerca che costituisce un fondo per nel 2010, con l'importanza particolare sulle concessioni agli scienziati che lavorano alle terapie di avanguardia del cancro. Costituiamo un fondo per selettivamente la ricerca che offre la migliore opportunità di scoprire una cura durante la fase sperimentale di test clinico in anticipo. Cioè quando i malati di cancro entrano nei nostri test clinici, prendiamo gli sforzi straordinari per dare loro la migliore probabilità di raggiungimento una risposta o dell'estirpazione completa della malattia.

Le ditte farmaceutiche, d'altra parte, intraprendono gli studi controllati con placebo sui malati di cancro per riunire i dati con scarsa considerazione per le vite umane che conoscono saranno perse a causa del modo barbaro i loro studi sono progettati. La ricerca sul cancro costituita un fondo per da prolungamento della vita non sta effettuanda dai giganti farmaceutici perché comprende raramente un composto che può essere brevettato. Poichè i membri sono informati, le terapie che non hanno il potenziale di produrre i profitti giganteschi sono trascurate e perfino sono soppresse dall'industria farmaceutica.

Il prolungamento della vita sostiene una campagna implacabile per riformare le politiche governative corrotte che privano gli Americani delle terapie di salvataggio. Esponendo l'impatto letale dell'ignoranza medica, come indicare che medici accettano il glucosio pericolosamente alto livella come essendo normale, noi risparmiano gli esseri umani innumerevoli le devastazioni delle malattie debilitanti e letali. Appena una volta all'anno, scontiamo il prezzo di ogni prodotto che offriamo. Durante la nostra vendita eccellente annuale, le azione dei membri su sulle nostre formulazioni più avanzate e godono di considerevole risparmio.

Voglio ringraziare i membri per l'acquisto dei la maggior parte dei loro supplementi dal club dei compratori del prolungamento della vita. Usiamo queste vendite per costituire un fondo per i progetti di ricerca critici puntati su eliminando la malattia e la morte, mentre il governo oppressivo di combattimento tenta di stabilire il controllo dittatoriale sopra la vostre salute e longevità.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

Metodi provati per ridurre digiunare ed i livelli postprandiali del glucosio

Gli studi scientifici indicano che qualsiasi quantità di glucosio a digiuno oltre 85 mg/dL aggiunge incrementalmente al rischio di attacco di cuore.34

Se potete scegliere una lettura di digiuno ideale del glucosio, probabilmente sarebbe di intorno 74 mg/dL.23 che conosciamo, tuttavia, che qualche gente è sfidata a tenere il loro glucosio al di sotto di 100 mg/dL. Che cosa questo il mezzo è che per gli individui invecchianti è estremamente importante seguire un programma aggressivo per sopprimere il glucosio in eccesso il più possibile.

Le buone notizie sono che molti approcci che riducono l'insulina più in basso di digiuno del glucosio inoltre,31,128-130 LDL,86,128,131-134 trigliceridi,21,22,28,128,130 e proteina C-reattiva,135 quindi che tagliano il suo rischio di malattia vascolare,21,31,76,136 cancro,137-141 demenza142-146 e una miriade di altri disordini degeneranti.

In questa sezione, descriviamo succinto le droghe, gli ormoni, le sostanze nutrienti ed i cambiamenti di stile di vita che facilitano i livelli sani del glucosio.

Opzioni nutrienti

Poiché i membri del prolungamento della vita sanno è meglio da prendere gli integratori alimentari con i pasti, non dovrebbe essere difficile affinchè loro gli renda una prassi proteggere la loro circolazione sanguigna da eccessivo assorbimento di caloria prendendo le sostanze nutrienti adeguate prima della maggior parte dei pasti.

Un modo efficace di ottenere le sostanze nutrienti che possono impedire l'impatto degli alimenti del grasso e del carboidrato una volta preso prima che i pasti sia un preparato in polvere della bevanda che fornisce le sostanze nutrienti nella scatola qui sotto:

Sostanze nutrienti che riducono l'impatto dell'assunzione in eccesso di caloria
Propolmannan 2.000 mg

Meccanismi: Rallenta lo svuotamento gastrico per ritardare l'assorbimento rapido del carboidrato. Inoltre fornisce una barriera viscosa che lega gli acidi biliari che facilitano normalmente l'assorbimento del grasso.80,81,147

Phaseolus vulgaris 445 mg

Meccanismi: Inibisce l'enzima digestivo dell'amilasi usato per ripartire gli alimenti del carboidrato per assorbimento finale nel sangue come glucosio.22,148,149

Irvingia gabonensis 150 mg

Meccanismi: Inibisce l'amilasi e le funzioni via tre meccanismi supplementari internamente per regolare il metabolismo del trigliceride e del glucosio.30,131,150

Tè verde Phytosome 150 mg

Meccanismi: Inibisce l'enzima digestivo della lipasi usato per ripartire gli alimenti grassi ed amplifica l'utilizzazione interna di glucosio amplificando il tasso metabolico a riposo.27,151

Suggeriamo di prendere un preparato in polvere della bevanda che contiene questi ingredienti prima dei due pasti più pesanti del giorno.

Per Sugar Addicts

Miglioramento della sensibilità dell'insulina

Per quelli di cui il glucosio livella rimane in modo inaccettabile alto malgrado la presa del preparato in polvere della bevanda, è sostanze nutrienti incapsulate che funzionano specificamente per bloccare gli enzimi digestivi della glucosidasi e della sucrasi. La sucrasi riparte il saccarosio e la glucosidasi converte tutti i carboidrati in glucosio. Il blocco dei questi enzimi riduce la quantità di glucosio assorbente dalle fonti dietetiche. Una capsula che contiene l'L-arabinosio e un estratto speciale dell'alga bruna dovrebbe essere presa prima del cibo del saccarosio (zucchero di tavola) che contiene gli alimenti.33,79,152,153

Miglioramento della sensibilità dell'insulina

Invecchiare causa una perdita di sensibilità dell'insulina, in modo da significa quel glucosio che sarebbe utilizzato normalmente dal resti delle cellule di produttore d'energia invece nel sangue o dai convertiti a stoccaggio come trigliceride (in sangue e cellule grasse) o glicogeno nel fegato.

Un nuovo estratto della cannella è stato sviluppato per migliorare la capacità di insulina di guidare la glicemia nelle cellule di muscolo. Questo composto novello della cannella che migliora la sensibilità dell'insulina si combina con l'estratto dell'alga bruna (per inibire l'enzima della glucosidasi) per fornire il controllo additivo sopra i livelli del glucosio.29,77,153-157

Opzioni della droga

Una droga antidiabetica che il prolungamento della vita suggerisce che la gente normale di invecchiamento studi la possibilità di prendere al glucosio più basso è metformina. È disponibile nella forma generica a basso costo.

La metformina ha una lunga storia di uso umano sicuro, più i dati intriganti suggerire che possa possedere le proprietà antinvecchiamento.158.159 pensiamo che quelli con glicemia in eccesso (superiore a 80-85 mg/dL) dovrebbero chiedere al loro medico a questo proposito anche se non sono diagnosticate come diabetico.

Alcuni dei vantaggi collaterali di metformina comprendono la perdita di peso160-162 e la riduzione del trigliceride,163-165 che sono in se stessi riduttori provati di rischio di attacco di cuore.

Dosaggio e precauzioni della metformina
La dose di metformina varia considerevolmente. La dose cominciante può essere bassa quanto mg 250-500 una volta al giorno con un pasto. Se l'ipoglicemia (glicemia bassa) non si manifesta, la dose di metformina può essere aumentata a mg 500-850 preso prima dei due o tre pasti, tutti sotto la supervisione del vostro medico, naturalmente. Un effetto collaterale di metformina è che può indurre i livelli dell'omocisteina ad elevare.172 questo sono meno probabili accadere ai membri del prolungamento della vita che già prendono le sostanze nutrienti che sopprimono l'omocisteina. Quelli con guasto alterato di funzione o di scompenso cardiaco del rene non possono potere prendere la metformina.

La metformina funziona per ridurre l'assorbimento dei carboidrati ingeriti,98.166.167 sopprimono l'appetito,168.169 migliorano la sensibilità dell'insulina,91-93 ed il più unicamente, la metformina inibisce il rilascio del glucosio immagazzinato del fegato (glicogeno) nuovamente dentro il sangue.95-98,170

Uno dei problemi che frustra tanta gente che segue una dieta ipocalorica, eppure ha elevato con insistenza i livelli del glucosio è che il fegato scarica impropriamente troppo glucosio nel sangue. Ciò naturalmente è una funzione vitale di vita in uno stato di inedia, ma per gli individui invecchianti, il rilascio epatico in eccesso di glicogeno (chiamato gluconeogenesi) li induce a soffrire i livelli elevati cronicamente dell'insulina e del glucosio. La metformina inibisce la gluconeogenesi.170,171

Un'altra droga a basso costo che abbassa i livelli del glucosio è acarbose, che riduce l'assorbimento dei carboidrati ingeriti inibendo la glucosidasi ed altri enzimi assorbenti dello zucchero nell'intestino tenue. Una dose tipica è mg 50-100 di acarbose preso prima di ogni pasto. Qualche gente avverte gli effetti collaterali intestinali, ma altrimenti, il acarbose è altamente efficace nella riduzione dei livelli della glicemia e nella riduzione dei parecchi indicatori cardiaci di rischio nel sangue.21,31,76

Ci sono naturalmente altre droghe approvate dalla FDA che abbasseranno i vostri livelli del glucosio. Molte di queste droghe, tuttavia, funzionano dai meccanismi che portano i rischi di effetto collaterale.

Il prolungamento della vita sta su terra scientifica solida nella raccomandazione che quelli con tolleranza al glucosio alterata seguono un programma aggressivo che comprende mangiare i pasti più sani e più piccoli, esercitare e prendere le sostanze nutrienti prima dei pasti che deviano l'impatto dell'assunzione in eccesso di caloria. Le droghe come metformina possono essere considerate per i suoi benefici multipli che estendono oltre mero controllo del glucosio. Acarbose dovrebbe essere utilizzato se i livelli elevati del glucosio rimangono testardo.

Opzioni dell'ormone

L'invecchiamento normale è accompagnato da un declino tagliente in ormoni che sono compresi nella sensibilità di mantenimento dell'insulina e nel controllo epatico del glucosio. Ristabilendo i livelli di DHEA (deidroepiandrosterone) alle gamme giovanili negli uomini ed in donne può contribuire a migliorare la sensibilità dell'insulina ed il metabolismo del glucosio nel fegato.173-177

Medici progressivi stanno rend contoere che negli uomini, una carenza del testosterone può indurre una riduzione seria della sensibilità dell'insulina. Per gli uomini, ristabilire i livelli giovanili di testosterone è stato indicato per essere particolarmente utile nella facilitazione del controllo del glucosio.178 analisi del sangue possono valutare il vostro stato ormonale in modo da un uomo può riempire il testosterone (e DHEA) alle gamme più giovanili. I livelli ematici liberi ottimali del testosterone negli uomini sono fra 20-25 pg/mL.179

Precauzioni dell'ormone
Gli uomini con carcinoma della prostata preesistente dovrebbero evitare il testosterone fino a curare il loro cancro. Le donne con determinati tipi di cancri in relazione con l'ormone si consigliano di evitare DHEA fino a curare il loro cancro. Gli uomini che sostituiscono il testosterone si consigliano di verificare il loro sangue nei 60 giorni per assicurarsi che i loro livelli dell'estrogeno (estradiolo) e PSA non stiano aumentando. Testosterone del convertito di alcuni uomini (aromatizzi) nell'estradiolo. Se questo accade, ci sono droghe (come Arimidex®) o sostanze nutrienti che inibiscono l'enzima di aromatasi per tenere l'estradiolo nella gamma sicura tra 20-30 di compreso pg/mL. Queste analisi del sangue, prese i 60 giorni dopo che la terapia del testosterone è iniziata, possono anche individuare il fegato o le anomalie di conteggio dei globuli che in rari casi possono essere esacerbati da testosterone.

Il prolungamento della vita ha pubblicato gli articoli che indicano che gli uomini diabetici possono derivare i benefici enormi ristabilendo il testosterone alle gamme giovanili, rispetto a sovraccaricare il corpo di insulina in eccesso mentre medici della corrente principale continuano a fare.180-182

Opzioni dietetiche

Uno può raggiungere il controllo notevole sopra i livelli del glucosio alterando la loro dieta ed esercitandosi più. Sotto sono tre opzioni dietetiche da considerare:

  1. Consumi una dieta ipocalorica (spesso meno di 1,400-1,800 calorie un il giorno). La maggior parte della gente non può aderire a questo genere di dieta ipocalorica.56
  2. Consumi una dieta Mediterranea, con i lotti della frutta e verdure fresche, pesce ed i fagioli come fonti della proteina e omega-3 e grassi monoinsaturi (olio d'oliva), mentre evitano i grassi saturi, i carboidrati raffinati, degli gli alimenti carichi di colesterolo, i grassi in eccesso omega-6 e la maggior parte dei prodotti di origine animale. Una percentuale aumentante degli Americani salute consapevoli sta adottando questo genere di dieta.183-185
  3. Eviti i succhi di frutta zuccherati (quasi tutti i succhi di frutta contengono troppi zuccheri) e le bevande chiodate con fruttosio,186-190 il saccarosio,191-196 e/o sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio.197-201 consumi un indice basso glycemic e una dieta basso glycemic del carico.202,203

Riassunto

Da un approccio pratico, raggiungere le letture ottimali del glucosio sulla vostra analisi del sangue seguente probabilmente comprenderà una combinazione di vari approcci descritti in questa sezione. Ciascuno singolo risponderà diversamente.

Per alcuno, una riduzione modesta dell'assunzione di caloria e un aumento nell'attività fisica sufficientemente abbasseranno i livelli del glucosio del dopo-pasto e di digiuno. La maggior parte dei individui di invecchiamento, tuttavia, dovranno prendere il preparato in polvere della bevanda descritto alla pagina 12 prima dei due pasti più pesanti del giorno per impedire l'impatto delle calorie ingerite. Altri dovrebbero chiedere al loro medico riguardo ai suggerimenti del farmaco da vendere su ricetta medica quale metformina.

Quando uno mette in discussione l'importanza di fare tutta questo, sappia prego che l'incidenza del pre-diabete, della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 sta aumentando ai tassi in modo allarmante. Infatti, le malattie relative a danno del glucosio stanno salendo alle stelle dappertutto nel mondo che adotta le abitudini alimentari occidentali non sane.

Una catastrofe medica è preveduta per gli Stati Uniti poichè la vasta maggioranza della popolazione ora è sovrappeso e soffre spaventoso gli alti livelli di glucosio, di insulina e di trigliceridi.

La singola componente più importante del suo programma di longevità può essere le misure prese prima che i pasti per neutralizzare gli effetti tossici delle calorie in eccesso la maggior parte di noi ingeriscano invariabilmente.

Il prolungamento della vita invita tutti i membri a promulgare un programma personale destinato per sopprimere i livelli di digiuno del glucosio alle gamme di 80-85 mg/dL (o abbassarsi). Fortunatamente, ci sono una vasta gamma di opzioni che permettono agli esseri umani di invecchiamento di compire questa profondo efficace abilità antinvecchiamento.

Riferimenti

1. Welin L, Eriksson H, Larsson B, et al. trigliceridi, un fattore di rischio coronarico importante in uomini anziani. Uno studio degli uomini sopportati nel 1913. Cuore J. 1991 di EUR giugno; 12(6): 700-4.

2. LA di Carlson, Bottiger LE, PE di Ahfeldt. Fattori di rischio per infarto miocardico nello studio prospettivo di Stoccolma. Una messa a fuoco di seguito di 14 anni sul ruolo dei trigliceridi e del colesterolo del plasma. Acta Med Scand. 1979;206(5):351-60.

3. Trigliceridi di Jagla A, di Schrezenmeir J. Postprandial e funzione endoteliale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2001; 109(4): S533-47.

4. CF di Ebenbichler, Kirchmair R, Egger C, JUNIOR di Patsch. Stato postprandiale ed aterosclerosi. Curr Opin Lipidol. 1995 ottobre; 6(5): 286-90.

5. TUM di Jacobson, Miller m., Schaefer EJ. Ipertrigliceridemia e riduzione cardiovascolare di rischio. Clin Ther. 2007 maggio; 29(5): 763-77.

6. Teno S, Uto Y, Nagashima H, et al. associazione di ipertrigliceridemia postprandiale e spessore carotico di intima-media in pazienti con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2000 settembre; 23(9): 1401-6.

7. Prodotti finiti di glycation di Basta G, di Schmidt, del De Caterina R. Advanced ed infiammazione vascolare: implicazioni per aterosclerosi accelerata in diabete. Ricerca di Cardiovasc. 1° settembre 2004; 63(4): 582-92.

8. Uribarri J, Cai W, Sandu O, Peppa m., Goldberg T, prodotti finiti avanzati di glycation Dieta-derivati H. di Vlassara è contributori importanti allo stagno dell'ETÀ del corpo ed induce l'infiammazione negli individui sani. Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1043:461-6.

9. Toma L, CS di Stancu, GM di Botez, Sima avoirdupois, Simionescu M. Irreversibly LDL glicato induce lo stato ossidativo ed infiammatorio in cellule endoteliali umane; effetto aggiunto di alto glucosio. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 18 dicembre 2009; 390(3): 877-82.

10. Bonnefont-Rousselot D. Glucose e specie reattive dell'ossigeno. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2002 settembre; 5(5): 561-8.

11. Esposito K, Nappo F, Marfella R, concentrazioni infiammatorie di citochina di m. et al. acutamente è aumentato dall'iperglicemia in esseri umani: ruolo dello sforzo ossidativo. Circolazione. 15 ottobre 2002; 106(16):2067-2072.

12. Marfella R, Quagliaro L, Nappo F, Ceriello A, iperglicemia di Giugliano D. Acute induce uno sforzo ossidativo negli individui sani. J Clin investe. 2001 agosto; 108(4):635-6.

13. Ceriello A. Hyperglycaemia: il ponte fra il glycation non enzimatico e lo sforzo ossidativo nella patogenesi delle complicazioni diabetiche. Diabete Nutr Metab. 1999 febbraio; 12(1): 42-6.

14. Hirsch IB, Brownlee M. Dovrebbe la variabilità minima della glicemia trasformarsi nella parità aurea di controllo glycemic? Complicazioni del diabete di J. 2005 maggio-giugno; 19(3): 178-81.

15. Quagliaro L, Piconi L, Assaloni R, Martinelli L, Motz E, alto glucosio di Ceriello A. Intermittent migliora gli apoptosi relativi allo sforzo ossidativo in cellule endoteliali umane della vena ombelicale: il ruolo dell'attivazione della chinasi proteica C e dell'H-ossidasi di NAD (P). Diabete. 2003 novembre; 52(11): 2795-804.

16. Ceriello A, Motz E. È lo sforzo ossidativo l'insulino-resistenza di fondo, il diabete e la malattia cardiovascolare del meccanismo patogeno? L'ipotesi comune del suolo rivisitata. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 maggio; 24(5): 816-23.

17. Libby P, Ridker PM, Maseri A. Inflammation ed aterosclerosi. Circolazione. 5 marzo 2002; 105(9): 1135-43.

18. Bansilal S, Farkouh ME, Fuster V. Role di insulino-resistenza e dell'iperglicemia nello sviluppo di aterosclerosi. J Cardiol. 19 febbraio 2007; 99 (4A): 6B-14B.

19. Ms di Johnson RJ, di Segal, Sautin Y, et al. ruolo potenziale di zucchero (fruttosio) nell'epidemia di ipertensione, obesità e la sindrome, il diabete, la malattia renale e la malattia cardiovascolare metabolici. J Clin Nutr. 2007 ottobre; 86(4): 899-906.

20. Tzotzas T, samara m., Constantinidis T, Tziomalos K, amministrazione di Krassas G. Short-term di orlistat ha ridotto il triglyceridemia di giorno in donne obese con la sindrome metabolica. Angiologia. 2007 febbraio-marzo; 58(1): 26-33.

21. Hanefeld m., Cagatay m., Petrowitsch T, Neuser D, Petzinna D, Rupp M. Acarbose riduce il rischio per infarto miocardico nel tipo - 2 pazienti diabetici: una meta-analisi di sette studi a lungo termine. Cuore J. 2004 di EUR gennaio; 25(1): 10-6.

22. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: un test clinico facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

23. Walford RL, SB di Harris, Gunion Mw. La dieta sostanza-densa a bassa percentuale di grassi calorico limitata nella biosfera 2 abbassa significativamente la glicemia, il conteggio totale del leucocita, il colesterolo e la pressione sanguigna in esseri umani. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 1° dicembre 1992; 89(23): 11533-7.

24. Kemnitz JW, Roecker eb, Weindruch R, Elson DF, st di Baum, Bergman Marina militare. La restrizione dietetica aumenta la sensibilità dell'insulina ed abbassa la glicemia in resi. . J Physiol. 1994 aprile; 266 (4, pinta. 1): E540-7.

25. Martins C, Morgan LM, MD di Robertson. Effetti di abittudine alimentara repressa sulla sensibilità dell'insulina negli individui del normale-peso. Physiol Behav. 23 marzo 2009; 96 (4-5): 703-8.

26. Bischoff H. Pharmacology di inibizione dell'alfa-glucosidasi. L'EUR J Clin investe. 1994 agosto; 24 supplementi 3:3-10.

27. Kobayashi m., Ichitani m., Suzuki Y, et al. polifenoli del Nero-tè sopprime il hypertriacylglycerolemia postprandiale sopprimendo il trasporto linfatico di grasso dietetico in ratti. Alimento chim. di J Agric. 12 agosto 2009; 57(15):7131–6.

28. Juhel C, Armand m., Pafumi Y, C più ottimistica, Vandermander J, l'estratto del tè verde di Lairon D. (AR25) inibisce la lipolisi dei trigliceridi in in vitro medio gastrico e duodenale. Biochimica di J Nutr. 2000 gennaio; 11(1): 45-51.

29. Zhang J, cultivatore C, Shen J, et al. proprietà antidiabetiche delle frazioni polifenolico-arricchito e del polisaccaride dall'ascophyllum nodosum dell'alga bruna. Può J Physiol Pharmacol. 2007 novembre; 85(11): 1116-23.

30. Ngondi JL, Etoundi BC, CB di Nyangono, Mbofung cm, Oben JE. IGOB131, un estratto novello del seme dell'irvingia gabonensis dell'Africa Occidentale della pianta, riduce significativamente il peso corporeo e migliora i parametri metabolici in esseri umani di peso eccessivo in una ricerca controllata placebo randomizzato della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 2 marzo 2009; 8: 7.

31. Benefici di Zeymer U. Cardiovascular di acarbose in tolleranza al glucosio e diabete di tipo 2 alterati. Int J Cardiol. 8 febbraio 2006; 107(1): 11-20.

32. Osaki S, Kimura T, Sugimoto T, Hizukuri S, alimentazione di Iritani N.L-Arabinosio impedisce gli aumenti dovuto saccarosio dietetico in enzimi lipogenic ed i livelli del triacilglicerolo in ratti. J Nutr. 2001;131:796-9.

33. McGlothin, P, Averill M. Glucose Control: Il punto dolce nella longevità. Il modo del CR: Facendo uso dei segreti della restrizione di caloria per una vita più lunga e più sana. NY: HarperCollins; 2008:57-78.

34. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.

35. Rossetti L, Giaccari A, RA di DeFronzo. Tossicità del glucosio. Cura del diabete. Del 1990 giugno; 13:610-30.

36. Prodotti finiti ed aterosclerosi di glycation di Vlassara H. Advanced. Ann Med. 1996 ottobre; 28(5): 419-26.

37. Stattin P, Björ O, Ferrari P, et al. studio prospettivo del rischio di cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007 marzo; 30(3): 561-7.

38. Levi B, Werman MJ. Il consumo a lungo termine del fruttosio accelera il glycation e parecchie variabili relative all'età in ratti maschii. J Nutr. 1998 settembre; 128(9): 1442-9.

39. Makino H, Shikata K, Kushiro m., et al. ruoli dei prodotti finiti avanzati di glycation nella progressione di nefropatia diabetica. Trapianto del quadrante di Nephrol. 1996; 11 5:76 del supplemento - 80.

40. Kimura C, Oike m., Koyama T, Ito Y. Impairment di produzione endoteliale dell'ossido di azoto da sovraccarico acuto del glucosio. J Physiol Endocrinol Metab. 2001 gennaio; 280(1): E171-8.

41. Palladio di Winocour. Fluidità in diminuzione della membrana della piastrina dovuto il glycation o l'acetilazione delle proteine della membrana. Thromb Haemost. 10 novembre 1992; 68(5): 577-82.

42. Ziyadeh F-N. Mediatori dell'iperglicemia e della patogenesi di accumulazione della matrice nella malattia renale diabetica. Minatore Electrolyte Metab. 1995;21(4-5):292-302.

43. Kikuchi S, Shinpo K, Takeuchi m., et al. tempter dolce di Glycation-a per la morte di un neurone. Brain Res Brain Res Rev. 2003 marzo; 41 (2-3): 306-23.

44. Il EL-Assaad W, Buteau J, Peyot ml, et al. acidi grassi insaturi potenzia con glucosio elevato per causare la morte di cellula beta pancreatica. Endocrinologia. 2003 settembre; 144(9): 4154-63.

45. Maedler K, Spinas GA, Lehmann R, et al. glucosio induce Fas gli apoptosi della cellula beta via il upregulation del ricevitore in isolotti umani. Diabete. 2001 agosto; 50(8): 1683-90.

46. Agardh E, Hultberg B, Agardh C. Effects di inibizione di glycation e di sforzo ossidativo sullo sviluppo della cataratta e di anomalie retiniche della nave in ratti diabetici. Ricerca dell'occhio di Curr. 2000 luglio; 21(1): 543-9.

47. Morohoshi m., Fujisawa K, Uchimura I, Numano F. L'effetto di glucosio e dei prodotti finiti avanzati della glicosilazione su produzione IL-6 dai monociti umani. Ann N Y Acad Sci. 17 gennaio 1995; 748:562-70.

48. Kaneto H, Fujii J, Suzuki K, et al. fenditura del DNA indotta dal glycation di Cu, dismutasi del Zn-superossido. Biochimica J. 1994 15 novembre; 304 (pinta 1): 219-25.

49. Disponibile a: http://apjcn.nhri.org.tw/server/APJCN/ProcNutSoc/2000+/2004/65.pdf. 23 agosto 2010 raggiunto.

50. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004 di maggio; 147(5): 803-7.

51. Assessore communale JM, Flurkey K, ruscelli nl, et al. inibizione neuroendocrina di produzione del glucosio e resistenza a cancro in topi nani. Exp Gerontol. 2009 gennaio-febbraio; 44 (1-2): 26-33.

52. Chan JM, Wang F, agrifoglio ea. Dolci, bevande zuccherate e rischio di cancro del pancreas in un grande studio basato sulla popolazione di caso-control. Il Cancro causa il controllo. 2009 agosto; 20(6): 835-46.

53. Bluher m., BB di Kahn, CR di Kahn. Longevità estesa in topi che mancano del ricevitore dell'insulina in tessuto adiposo. Scienza. 24 gennaio 2003; 299(5606): 572-4.

54. Vicolo mA, Ingram dk, Roth GS. Restrizione di caloria in primati non umani: effetti su diabete e sul rischio cardiovascolare. Toxicol Sci. 1999 dicembre; 52 (2 supplementi.): 41-8.

55. Ugochukwu NH, CL di Figgers. Modulazione dei modelli di cambiamento continuo nel metabolismo dei carboidrati nei fegati da di ratti diabetici indotti streptozoticin dalla restrizione calorica dietetica. Ricerca di Pharmacol. 2006 settembre; 54(3): 172-80.

56. Lefevre m., Redman LM, Heilbronn LK, et al. la restrizione calorica da solo e con l'esercizio migliora il rischio di CVD in individui non obesi in buona salute. Aterosclerosi. 2009 marzo; 203(1): 206-13.

57. Restrizione e cancro di Kritchevsky D. Caloric. J Nutr Sci Vitaminol. 2001 febbraio; 47(1):13-9.

58. Weindruch R. Effect della restrizione calorica sui cancri età-collegati. Exp Gerontol. 1992 settembre-dicembre; 27 (5-6): 575-81.

59. Colman RJ, RM di Anderson, Sc di Johnson, et al. la restrizione calorica ritarda l'inizio e la mortalità di malattia in resi. Scienza. 10 luglio 2009; 325(5937): 201-4.

60. Weindruch R, Walford RL, Fligiel S, ritardo di Guthrie D. The di invecchiamento nei topi dalla restrizione dietetica: apporto energetico di longevità, del cancro, di immunità e di vita. J Nutr. 1986 aprile; 116(4): 641-54.

61. Hsieh ea, Chai cm, Hellerstein Mk. Effetti della restrizione calorica su proliferazione delle cellule in parecchi tessuti in topi: ruolo di alimentazione intermittente. J Physiol Endocrinol Metab. 2005 maggio; 288(5): E965-72.

62. Mukherjee P, EL-Abbadi millimetro, Kasperzyk JL, Ranes Mk, Seyfried TN. La restrizione dietetica riduce l'angiogenesi e la crescita in un modello ortotopico del tumore cerebrale del topo. Cancro del Br J. 20 maggio 2002; 86(10): 1615-21.

63. CE di Matthews, Sui X, LaMonte MJ, Adams SA, JUNIOR di Hébert, SN di Blair. Sindrome e rischio metabolici di morte dai cancri dell'apparato digerente. Metabolismo. 2010 agosto; 59(8): 1231-9.

64. Noto H, Osame K, Sasazuki T, Noda M. Substantially ha aumentato il rischio di cancro in pazienti con l'esame sistematico di diabete mellito A e la meta-analisi di prova epidemiologica nel Giappone. Complicazioni del diabete di J. 2010 Settembre-ottobre; 24(5): 345-53.

65. Sommerga A, Strayer L, Schairer C, Schatzkin A. il Diabetes ed il rischio di cancro colorettale di incidente in un gruppo futuro delle donne. Il Cancro causa il controllo. 2010 agosto; 21(8): 1277-84.

66. CS di Michaud DS, di Fuchs, WC di Liu S, di Willett, carico glycemic di Colditz GA, di Giovannucci E. Dietary, carboidrato, zucchero e rischio di cancro colorettale in uomini ed in donne. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005;14(1):138-47.

67. Carico di Lajous m., di Willett W, di Lazcano-Ponce E, di Sanchez-Zamorano LM, diHernandez-Avila m., di Romieu I. Glycemic, indice glycemic ed il rischio di cancro al seno fra le donne messicane. Il Cancro causa il controllo. 2005;16(10):1165-9.

68. Huxley R, Ansary-Moghaddam A, Berrington de Gonzalez A, Barzi F, diabete di tipo II di Woodward M. e cancro del pancreas: una meta-analisi di 36 studi. Cancro del Br J. 2005;92(11):2076–83.

69. St di Chari, CL di Leibson, Rabe chilogrammo, et al. diabete mellito Cancro-collegato pancreatico: prevalenza ed associazione temporale con la diagnosi di cancro. Gastroenterologia. 2008 gennaio; 134(1): 95-101.

70. Gapstur MP, Gann pH, Lowe W, Liu K, Colangelo L, metabolismo del glucosio di A. Abnormal del tintoriale e mortalità del cancro del pancreas. JAMA. 2000 17 maggio; 283(19): 2552-8.

71. Li Q, Chen AH, canzone XD, et al. analisi dei livelli del glucosio ed il rischio per la coronaropatia in pazienti anziani nel distretto di Canton Haizhu. Nan Fang Yi Ke Da Xue Xue Bao. 2010 giugno; 30(6): 1275-8.

72. Disponibile a: http://www.livingthecrway.com/home/blog/09-07-20/High_Glucose_after_Meals_is_a_Risk_Factor.aspx. 2 agosto 2010 raggiunto.

73. Disponibile a: http://www.idf.org/webdata/docs/Guideline_PMG_final.pdf. 29 luglio 2010 raggiunto.

74. Tormo mA, Gil-Exojo I, Romero de Tejada A, Campillo JE. L'inibitore dell'amilasi del fagiolo bianco amministrato oralmente riduce la glicemia nel tipo - 2 ratti diabetici. Br J Nutr. 2006 settembre; 96(3): 539-44.

75. Henness S, sidro di pere cm. Orlistat: una rassegna del suo uso in gestione di obesità. Droghe. 2006;66(12):1625-56.

76. Oyama T, Saiki A, Endoh K, et al. effetto di acarbose, un inibitore dell'alfa-glucosidasi, sui livelli della massa della lipoproteina lipasi del siero e sullo spessore comune di intima-media dell'arteria carotica in mellito del diabete di tipo 2 trattato dalla sulfonilurea. J Atheroscler Thromb. 2008 giugno; 15(3): 154-9.

77. Lamela m., Anca J, Villar R, Otero J, Calleja JM. Attività ipoglicemica di parecchi estratti dell'alga. J Ethnopharmacol. 1989 novembre; 27 (1-2): 35-43.

78. Seri K, Sanai K, Matsuo N, Kawakubo K, Xue C, L-arabinosio di Inoue S. inibisce selettivamente la sucrasi intestinale in un modo non competitivo e sopprime la risposta glycemic dopo ingestione del saccarosio in animali. Metabolismo. 1996 novembre; 45(11): 1368-74.

79. HG di Preuss, Echard B, Bagchi D, Stohs S. Inhibition dalle sostanze dietetiche naturali di assorbimento gastrointestinale di amido e di saccarosio in ratti ed in maiali: 1. Studi acuti. Int J Med Sci. 6 agosto 2007; 4(4): 196-202.

80. McCarty MF. Glucomannan minimizza l'impulso postprandiale dell'insulina: un adiuvante potenziale per la terapia hepatothermic. Med Hypotheses. 2002 giugno; 58(6): 487-90.

81. Vuksan V, Jenkins DJ, Spadafora P, et al. Konjac-mannano (glucomannan) migliora il glycemia ed altri fattori di rischio collegati per la coronaropatia in diabete di tipo 2. Una prova metabolica controllata randomizzata. Cura del diabete. 1999 giugno; 22(6): 913-9.

82. Biorklund m., van Rees A, Mensink RP, Onning G. Changes in lipidi del siero e concentrazioni postprandiali nell'insulina e nel glucosio dopo consumo di bevande con i beta-glucani dall'avena o dall'orzo: ad una prova controllata a dose randomizzata. EUR J Clin Nutr. 2005 novembre; 59(11): 1272-81.

83. Deviazione standard di Poppitt, van Drunen JD, McGill A, TB di Mulvey, Fe di Leahy. Il completamento di una prima colazione del alto-carboidrato con il beta-glucano dell'orzo migliora la risposta glicemica postprandiale per i pasti ma non le bevande. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007; 16(1):16-24.

84. EM dell'ostacolo, Tatsioni A, Lichtenstein AH, Lau J, Pittas AG. Effetto del completamento del cromo sul metabolismo e sui lipidi del glucosio: una rassegna sistematica delle prove controllate randomizzate. Cura del diabete. 2007 agosto; 30(8): 2154-63.

85. WC di Obiro, Zhang T, ruolo nutraceutical di Jiang B. The dell'inibitore dell'alfa amilasi del phaseolus vulgaris. Br J Nutr. 2008 luglio; 100(1): 1-12

86. Sood N, panettiere WL, ci di Coleman. Effetto di glucomannan sulle concentrazioni nel lipido e nel glucosio del plasma, sul peso corporeo e sulla pressione sanguigna: rassegna e meta-analisi sistematiche. J Clin Nutr. 2008 ottobre; 88(4): 1167-75.

87. Heilbronn LK, Noakes m., Clifton PM. L'effetto delle diete ristrette alte- e basso glycemic di energia di indice sui profili nel tipo - 2 oggetti diabetici del lipido e del glucosio del plasma con la variazione del controllo glycemic. J Coll Nutr. 2002 aprile; 21(2): 120-7.

88. Walsh DE, Yaghoubian V, Behforooz A. Effect di glucomannan sui pazienti obesi: uno studio clinico. Int J Obes. 1984; 8(4):289-93.

89. Wu H, Dwyer chilometro, fan Z, et al. fibra dietetica e progressione di aterosclerosi: lo studio di aterosclerosi di Los Angeles. J Clin Nutr. 2003 dicembre; 78(6): 1085-91.

90. Disponibile a: http://www.lef.org/Vitamins-Supplements/Item01492/Optimized-Irvingia-with-Phase-3-Calorie-Control-Complex.html. 2 agosto 2010 raggiunto.

91. Luna RJ. L'aggiunta di metformina in diabete di tipo 1 migliora la sensibilità dell'insulina, il benessere diabetico di controllo, della composizione corporea e del paziente. Diabete Obes Metab. 2007 gennaio; 9(1): 143-5.

92. Sir T, Castillo T, Munoz S, Lopez G, Calvillan M. Effects di metformina su insulino-resistenza in donne obese e hyperandrogenic. Rev Med Chil .1997 dicembre; 125(12): 1457-63.

93. Giugliano D, De Rosa N, Di Maro G, et al. metformina migliora il glucosio, metabolismo dei lipidi e riduce la pressione sanguigna in donne ipertese e obese. Cura del diabete. 1993 ottobre; 16(10): 1387-90.

94. Zander m., Taskiran m., MB di Toft-Nielsen, Madsbad S, Holst JJ. Effetti d'abbassamento dell'additivo di peptide-1 del tipo di glucagone e di metformina in diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2001 aprile; 24(4): 720-5.

95. Saenz A, Fernandez-Esteban I, Mataix A, Ausejo m., Roque m., monoterapia di Moher D. Metformin per il diabete di tipo 2 mellito. Rev. 2005 il 20 luglio del sistema della base di dati di Cochrane; (3).

96. Wiernsperger N-F, Bailey CJ. L'effetto antihyperglycaemic di metformina: meccanismi terapeutici e cellulari. Droghe. 1999; 58 1:31 del supplemento - 9.

97. Mithieux G, Guignot L, Bordet JC, meccanismi di Wiernsperger N. Intrahepatic che sono alla base dell'effetto di metformina nel fare diminuire la produzione basale del glucosio in ratti ha alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi. Diabete. 2002 gennaio; 51(1): 139-43.

98. MB di Davidson, Peters AL. Una panoramica di metformina nel trattamento del diabete di tipo 2 mellito. Med di J. 1997 gennaio; 102(1): 99-110.

99. Fioretto P, Bruseghin m., Berto I, Gallina P, Manzato E, protezione di Mussap M. Renal in diabete: ruolo di controllo glycemic. J Soc Nephrol. 2006 aprile; 17 (4 supplementi 2): S86-9.

malattia di 100.Bilous R. Microvascular: che cosa il UKPDS ci dice circa la nefropatia diabetica? Med di Diabet. 2008 agosto; 25 2:25 del supplemento - 9.

101.Stocks T, Rapp K, Bjørge T, et al. glicemia e rischio di incidente e di cancro mortale nel progetto metabolico del cancro e di sindrome (me-possa): un'analisi di sei gruppi futuri. Med di PLoS. 2009 dicembre; 6(12): e1000201.

102.Cowey S, RW resistente. La sindrome metabolica: Uno stato ad alto rischio per cancro? J Pathol. 2006 novembre; 169(5): 1505-22.

103.Jee SH, Ohrr H, Sull JW, YUN JE, Ji m., Samet JM. Livello del glucosio del siero e rischio di cancro di digiuno in uomini ed in donne coreani. JAMA. 12 gennaio 2005; 293(2): 194-202.

104.Wu L, ruolo di Derynck R. Essential di TGF-beta segnalazione nell'ipertrofia indotta da glucosio delle cellule. Cellula dello sviluppatore. 2009 luglio; 17(1): 35-48.

105.Kabat GASCROMATOGRAFIA, Kim m., Chlebowski RT, et al. Uno studio longitudinale sulla sindrome e sul rischio metabolici di cancro al seno postmenopausale. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2009 luglio; 18(7): 2046-53.

106.Pannala R, Basu A, GM di Petersen, st di Chari Diabete di nuova insorgenza: un indizio potenziale alla diagnosi precoce di cancro del pancreas. Lancetta Oncol. 2009 gennaio; 10(1): 88-95.

107.Cust EA, Kaaks R, Friedenreich C, et al. sindrome, livelli del lipido del plasma, della lipoproteina e del glucosio e rischio di cancro dell'endometrio metabolici nell'indagine futura europea su Cancro e su nutrizione (EPICI). Cancro di Endocr Relat. 2007 settembre; 14(3): 755-67.

108.Jones Sc, Saunders HJ, Qi W, Pollock CA. L'alto glucosio intermittente migliora la crescita delle cellule e la sintesi del collagene in cellule tubulointerstitial umane coltivate. Diabetologia. 1999 settembre; 42(9): 1113-9.

109.Ceriello A, Quagliaro L, Piconi L, et al. effetto di ipertrigliceridemia postprandiale ed iperglicemia sulle molecole di circolazione di adesione e generazione ossidativa di sforzo ed il ruolo possibile del trattamento di simvastatine. Diabete. 2004 marzo; 53(3): 701-10.

110.Esper RJ, JO di Vilariño, RA di Machado, disfunzione di Paragano A. Endothelial nel metabolismo normale ed anormale del glucosio. Adv Cardiol. 2008; 45:17-43.

111.Rodriguez CJ, Miyake Y, Grahame-Clarke C, et al. relazione del glucosio del plasma e funzione endoteliale in un campione multietnico basato sulla popolazione degli oggetti senza diabeti melliti. J Cardiol. 1° novembre 2005; 96(9): 1273-7.

112.Williams lo SB, Goldfine l'ab, Timimi FK, et al. iperglicemia acuta attenua la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in esseri umani in vivo. Circolazione. 5 maggio 1998; 97(17): 1695-701.

113.Kawano H, Motoyama T, Hirashima O, et al. iperglicemia rapidamente sopprime la vasodilatazione dipendente dall'endotelio flusso-mediata dell'arteria brachiale. J Coll Cardiol. 1999 luglio; 34(1):146-54.

114.Nappo F, Esposito K, Cioffi m., et al. attivazione endoteliale postprandiale negli individui sani e nel tipo - 2 pazienti diabetici: ruolo dei pasti del carboidrato e del grasso. J Coll Cardiol. 3 aprile 2002; 39(7): 1145-50.

115.Hink U, Tsilimingas N, Wendt m., disfunzione endoteliale di fondo di Munzel T. Mechanisms in diabete mellito: implicazioni terapeutiche. Ossequio Endocrinol. 2003;2(5):293-304.

116.Lteif aa, Han K, Mather kJ. Obesità, insulino-resistenza e la sindrome metabolica: fattori determinanti di disfunzione endoteliale nei bianchi e nei nero. Circolazione. 5 luglio 2005; 112(1): 32-8.

117.Panus C, Mota m., Vladu D, Vanghelie L, CL di Raducanu. La disfunzione endoteliale in diabete mellito. Med dell'interno della ROM J. 2003; 41(1):27-33.

118.Dziewierz A, livello del glucosio di Giszterowicz D, di Siudak Z, di Rakowski T, di Dubiel JS, di Dudek D. Admission e risultati in ospedale in pazienti diabetici e non-diabetico con infarto miocardico acuto. Ricerca Cardiol di Clin. 11 maggio 2010.

119.Selvin E, Coresh J, SH dorato, Brancati FL, Folsom AR, Steffes Mw. Rischio Glycemic della coronaropatia e di controllo in persone con e senza diabete: il rischio di aterosclerosi nello studio delle comunità. Med dell'interno dell'arco. 12 settembre 2005; 165(16): 1910-6.

120.de Vegt F, Dekker JM, HG di Ruhé, et al. iperglicemia è associato con la mortalità per tutte le cause e cardiovascolare nella popolazione di Hoorn: lo studio di Hoorn. Diabetologia. 1999 agosto; 42(8): 926-31.

121.Ceriello A. Lo stato e la malattia cardiovascolare postprandiali: rilevanza al diabete mellito. Rev. 2000 di ricerca di Metab del diabete marzo-aprile; 16(2): 125-32.

122.Liu S, WC di Willett, Stampfer MJ, et al. Uno studio prospettivo del carico glycemic dietetico, assunzione del carboidrato e rischio di coronaropatia nelle donne degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 2000 giugno; 71(6):1455-61.

123.Zavaroni I, Bonora E, Pagliara m., et al. fattori di rischio per la coronaropatia in persone in buona salute con il hyperinsulinemia e tolleranza al glucosio normale. Med di N Inghilterra J. 16 marzo 1989; 320(11): 702-6.

124.Levitan eb, canzone Y, Ford es, iperglicemia nondiabetic di Liu S. Is un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare? Una meta-analisi degli studi prospettivi. Med dell'interno dell'arco. 25 ottobre 2004; 164(19): 2147-55.

125.Sorkin JD, CC del Muller, relazione di Fleg JL, di Andres R. The di digiuno e 2 concentrazioni nel glucosio del plasma del postchallenge di h a mortalità: dati dallo studio longitudinale di Baltimora su invecchiamento con una recensione della letteratura. Cura del diabete. 2005 novembre; 28(11):2626-32.

126.Held C, Gerstein HC, Yusuf S, et al. livelli del glucosio predicono l'ospedalizzazione per guasto di scompenso cardiaco in pazienti all'alto rischio cardiovascolare. Circolazione. 20 marzo 2007; 115(11): 1371-5.

127.Coutinho m., relazione di Gerstein HC, di Wang Y, di Yusuf S. The fra glucosio ed eventi cardiovascolari di incidente. Un'analisi di metaregression dei dati pubblicati da 20 studi di 95.783 individui è seguito per 12,4 anni. Cura del diabete. 1999 febbraio; 22(2): 233-40.

128.Lucas CP, MN di Boldrin, GM di Reaven. L'effetto di orlistat ha aggiunto alla dieta (30% delle calorie da grasso) sui lipidi, sul glucosio e sull'insulina del plasma in pazienti obesi con ipercolesterolemia. J Cardiol. 15 aprile 2003; 91(8): 961-4.

129.Behall chilometro, Scholfield DJ, Hallfrisch JG, HG di Liljeberg-Elmståhl. Il consumo sia di amido resistente che di beta-glucano migliora il glucosio postprandiale e l'insulina del plasma in donne. Cura del diabete. 2006 maggio; 29(5): 976-81.

130.Nizami F, ms di Farooqui, Munir MP, Rizvi TJ. Effetto del pane della fibra sul themanagement del diabete mellito. J Coll Physicians Surg Pak. 2004 novembre; 14(11): 673-6.

131.Ngondi JL, Oben JE, SR di Minka. L'effetto dei semi dell'irvingia gabonensis sul peso corporeo e dei lipidi del sangue degli oggetti obesi nel Camerun. Salute DIS dei lipidi. 25 maggio 2005; 4:12.

132.Anderson JW, Allgood LD, Turner J, Oeltgen PR, Daggy BP. Effetti dello psyllium sulle risposte del lipido del siero e del glucosio in uomini con il diabete di tipo 2 e l'ipercolesterolemia. J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 466-73.

133.Chandalia m., Garg A, Lutjohann D, von Bergmann K, Grundy MP, Brinkley LJ. Effetti benefici di alta assunzione dietetica della fibra in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Med di N Inghilterra J. 2000 11 maggio; 342(19): 1392-8.

134.Smith U, Holm G. Effect di una preparazione modificata della gomma guar ai livelli di lipidi e del glucosio in diabetici ed in volontari sani. Aterosclerosi. 1982 ottobre; 45(1): 1-10.

135.Borges RL, Ribeiro-Filho FF, Carvalho chilometro, la TA di Zanella Impatto di perdita di peso sui adipocytokines, sulla proteina C-reattiva e sulla sensibilità dell'insulina in donne ipertese con obesità centrale. Reggiseni Cardiol di Arq. 2007 dicembre; 89(6): 409-14.

136.Vasdev S, branchia V, Singal P. Role dei prodotti finiti avanzati di glycation nell'ipertensione e nell'aterosclerosi: implicazioni terapeutiche. Biochimica Biophys delle cellule. 2007;49(1):48-63.

137.Available a: http://www.bmj.com/cgi/reprint/330/7503/1304. 10 agosto 2010 raggiunto.

138.Patel R, Krishnan R, Ramchandani A, polifenoli del tè nero di Maru G. Polymeric inibiscono la carcinogenesi chimica della pelle del topo facendo diminuire la proliferazione delle cellule. Cellula Prolif. 2008 giugno; 41(3): 532-53.

139.Letchoumy PV, Mohan chilovolt, Prathiba D, Hara Y, valutazione comparativa di Nagini S. di antiproliferativo, di antiangiogenico e gli apoptosi che inducono potenziale dei polifenoli del tè nero nel modello orale di carcinogenesi del sacchetto del criceto. J Carcinog. 3 dicembre 2007; 6:19.

140.Prasad S, Kaur J, Roy P, Kalra N, Shukla Y. Theaflavins inducono l'arresto di G2/M modulando l'espressione di p21waf1/cip1, di cdc25C e del cyclin B in cellule umane di carcinoma PC-3 della prostata. Vita Sci. 13 ottobre 2007; 81 (17-18): 1323-31.

141.Shoji Y, effetto d'abbassamento di Nakashima H. della formulazione della polvere dell'estratto africano del tè nero in KK-A (topo del diabetico di y)/TaJcl. Ricerca di Pharm dell'arco. 2006 settembre; 29(9): 786-94.

142.Whitmer RA, Karter AJ, Yaffe K, junior di Quesenberry CP, JV di Selby. Episodi e rischio ipoglicemici di demenza in pazienti più anziani con il diabete di tipo 2 mellito. JAMA. 15 aprile 2009; 301(15): 1565-72.

143.Yaffe K, RA di Blackwell T, di Whitmer, livello dell'emoglobina di Krueger K, di Barrett Connor E. Glycosylated e sviluppo di danno o di demenza conoscitivo delicato in donne più anziane. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2006 luglio-agosto; 10(4): 293-5.

144.Xu W, Qiu C, Winblad B, Fratiglioni L. L'effetto del diabete limite sul rischio di demenza e di morbo di Alzheimer. Diabete. 2007 gennaio; 56(1): 211-6.

145.Ott A, Stolk RP, van HF, et al. diabete mellito ed il rischio di demenza: Lo studio di Rotterdam. Neurologia. 10 dicembre 1999; 53(9): 1937-42.

146.Abbatecola, SIG. di Rizzo, Barbieri m., et al. escursioni postprandiali del glucosio del plasma e funzionamento conoscitivo nel tipo invecchiato - 2 diabetici. Neurologia. 2006; 67(2):235-40.

147.Gonzalez Canga A, Fernández Martínez N, Sahagún, et al. Glucomannan: proprietà ed applicazioni terapeutiche. Nutr Hosp. 2004 gennaio-febbraio; 19(1): 45-50.

148.Celleno L, Tolaini sistemi MV, D'Amore A, Perricone NV, HG di Preuss. Un integratore alimentare che contiene l'estratto standardizzato del phaseolus vulgaris influenza la composizione corporea degli uomini e delle donne di peso eccessivo. Int J Med Sci. 24 gennaio 2007; 4(1): 45-52.

149.Oben JE, Ngondi JL, CN di Momo, Agbor GA, CS di Sobgui. L'uso dei quadrangularis di un Cissus/combinazione dell'irvingia gabonensis in gestione di perdita di peso: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 31 marzo 2008; 7:12.

150.Oben JE, Ngondi JL, Blum K. Inhibition dell'estratto del seme dell'irvingia gabonensis (OB131) sul adipogenesis come mediato via giù il regolamento dei geni di leptina e di PPARgamma ed il su-regolamento del gene di adiponectin. Salute DIS dei lipidi. 13 novembre 2008; 7:44.

151.Bose m., Lambert JD, Ju J, Kr di Reuhl, Shapses SA, CS di Yang. Il polifenolo principale del tè verde, (-) - epigallocatechin-3-gallate, inibisce l'obesità, la sindrome metabolica e l'affezione epatica grassa nei topi di alto-grasso-federazione. J Nutr. 2008 settembre; 138(9): 1677-83.

152.Iwai K. Antidiabetic ed effetti antiossidanti dei polifenoli in stolonifera di Ecklonia dell'alga bruna in KK-A geneticamente diabetico (y) topi. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 2008 dicembre; 63(4): 163-9.

153.Available a: http://www.naturalproductsinsider.com/news/2009/12/insea2-reduces-glycemic-response.aspx#. 12 agosto 2010 raggiunto.

154.Hlebowicz J, Darwiche G, Bjorgell O, Almer LO. Effetto di cannella su glicemia postprandiale, sullo svuotamento gastrico e sulla sazietà negli individui sani. J Clin Nutr. 2007 giugno; 85(6): 1552-6.

155.Qin B, Nagasaki m., Ren m., Bajotto G, Oshida Y, l'estratto di Sato Y. Cinnamon impedisce l'insulino-resistenza indotto da una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Horm Metab. 2004 febbraio; 36(2): 119-25.

156.Khan A, Safdar m., Muzaffar Ali Khan m., Nawak Khattak K, Anderson RA. La cannella migliora il glucosio ed i lipidi della gente con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2003 dicembre; 26(12): 3215-8.

157.Broadhurst CL, Polansky millimetro, Anderson RA. attività biologica del tipo di insulina degli estratti acquosi della pianta culinaria e medicinale in vitro. Alimento chim. di J Agric. 2000 marzo; 48(3): 849-52.

158.Anisimov VN, Berstein LM, PA di Egormin, et al. metformina rallenta l'invecchiamento ed estende la durata dei topi femminili di SHR. Ciclo cellulare. 1° settembre 2008; 7(17): 2769-73.

159.Onken B, Driscoll M. Metformin induce uno stato del tipo di restrizione dietetico e la risposta ossidativa di sforzo per estendere i elegans Healthspan del C. via AMPK, LKB1 e SKN-1. PLoS uno. 18 gennaio 2010; 5(1): e8758.

160.Fontbonne A., Charles mA, I Juhan-vaga, et al. L'effetto di metformina sulle anomalie metaboliche si è associato con distribuzione superiore del grasso corporeo. Risultati della prova di BIGPRO 1. Cura del diabete. 1996 settembre; 19:920-6.

161. Guthrie R. Treatment del diabete mellito non insulino-dipendente con metformina. Bordo Fam Pract di J. 1997 maggio-giugno; 10(3): 213-21.

162.Paolisso G, Amato L, Eccellente R, et al. effetto di metformina sull'ingestione di cibo negli oggetti obesi. L'EUR J Clin investe. 1998 giugno; 28(6): 441-6.

163.Emral R, Koseoglulari O, Tonyukuk V, Uysal AR, Kamel N, Corapcioglu D. L'effetto del regolamento glycemic a breve termine con il gliclazide e la metformina sul lipemia postprandiale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2005 febbraio; 113(2): 80-4.

164.Nordestgaard BG, trigliceridi di Benn m., di Schnohr P, di Tybjaerg-Hansen A. Nonfasting e rischio di infarto miocardico, malattia cardiaca ischemica e morte in uomini ed in donne. JAMA. 18 luglio 2007; 298(3): 299-308.

165.Hollenbeck CB, Johnston P, BB di Varasteh, Chen iarda, GM di Reaven. Effetti di metformina su glucosio, su insulina e sul metabolismo dei lipidi in pazienti con ipertrigliceridemia delicata e diabete di tipo II dai criteri di test di tolleranza al glucosio. Diabete Metab. 1991 settembre-ottobre; 17(5): 483-9.

166.Wilcock C, Bailey CJ. Riesame di effetto inibitorio di metformina su assorbimento intestinale del glucosio. J Pharm Pharmacol. 1991 febbraio; 43(2): 120-1.

167.Ikeda T, Iwata K, effetto inibitorio di Murakami H. di metformina su assorbimento intestinale del glucosio nell'intestino irrorato del ratto. Biochimica Pharmacol. 2000 1° aprile; 59(7): 887-90.

168.Lee A, Morley JE. La metformina fa diminuire il consumo alimentare ed induce la perdita di peso negli oggetti con l'obesità con tipo diabete di tipo II di II. Ricerca di Obes. 1998 gennaio; 6(1): 47-53.

169.Mannucci E, Ognibene A, Cremasco F, et al. effetto di metformina sul peptide del tipo di glucagone 1 (GLP-1) e livelli di leptina negli oggetti nondiabetic obesi. Cura del diabete. 2001 marzo; 24(3): 489-94.

170.Hundal RS, Krssak m., Dufour S, et al. meccanismo da cui la metformina riduce la produzione del glucosio in diabete di tipo 2. Diabete. 2000 dicembre; 49(12): 2063-9.

171.Otto m., Breinholt J, Westergaard N. Metformin inibisce la sintesi e la gluconeogenesi del glicogeno negli epatociti coltivati del ratto. Diabete Obes Metab. 2003 maggio; 5(3): 189-94.

172.Carlsen MP, Følling I, griglia V, Bjerve KS, Schneede J, Refsum H. Metformin aumenta i livelli totali dell'omocisteina del siero in pazienti maschii non-diabetico con la coronaropatia. Il laboratorio di Scand J Clin investe. 1997 ottobre; 57(6): 521-7.

173.Dhatariya K, Bigelow ml, Nair KS. Effetto della sostituzione del deidroepiandrosterone sulla sensibilità dell'insulina e dei lipidi nelle donne di hypoadrenal. Diabete. 2005 marzo; 54(3): 765-9.

174.Villareal distacco, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

175.Boudou P, Sobngwi E, Ibrahim F, et al. iperglicemia acutamente fa diminuire i livelli di circolazione del deidroepiandrosterone in uomini in buona salute. Clin Endocrinol (Oxf). 2006 gennaio; 64(1): 46-52.

176. Diamante P, Cusan L, Gomez JL, Bélanger A, effetti di Labrie F. Metabolic di terapia sostitutiva percutanea di 12 mesi del deidroepiandrosterone in donne postmenopausali. J Endocrinol. 1996 settembre; 150 supplementi: S43-50.

177.Yamashita R, Saito T, Satoh S, Aoki K, Kaburagi Y, Sekihara H. Effects del deidroepiandrosterone sugli enzimi gluconeogenic e sull'assorbimento del glucosio nella linea cellulare umana del tumore epatico, HepG2. Endocr J. 2005 dicembre; 52(6): 727-33.

178. Kapoor D, Malkin CJ, Channer KS, TH di Jones. Androgeni, insulino-resistenza e malattia vascolare in uomini. Clin Endocrinol (Oxf). 2005 settembre; 63(3): 239-50.

guida di 179.Faloon W. Physician: Facendo uso delle analisi del sangue per indurre sicuro perdita di peso. Rivista del prolungamento della vita. 2009 giugno; 15(6): 42-63.

180. Bain J. The molti fronti di testosterone. Invecchiamento di Clin Interv. 2007; 2(4):567-76.

181.Kupelian V, st della pagina, Araujo ab, Travison TG, Bremner WJ, McKinlay JB. La globulina ormone-legante del sesso basso, il testosterone totale e la carenza sintomatica dell'androgeno sono associati con lo sviluppo della sindrome metabolica in uomini nonobese. J Clin Endocrinol Metab. 2006 marzo; 91(3): 843-50.

182.Traish, Saad F, Guay A. Il lato oscuro della carenza del testosterone: II. Diabete di tipo 2 e insulino-resistenza. J Androl. 2009 gennaio-febbraio; 30(1): 23-32.

183.Paniagua JA, de la Sacristana AG, Sánchez E, et al. Di una dieta ricca MUFA migliora il glucosio, il lipido e le risposte posprandial GLP-1 negli oggetti insulina-resistenti. J Coll Nutr. 2007 ottobre; 26(5): 434-44.

184.Tzima N, DB di Pitsavos C, di Panagiotakos, et al. livelli Mediterranei di sensibilità dell'insulina e di dieta, di profilo del lipido e di pressione sanguigna, in gente di peso eccessivo ed obesa; lo studio di Attica. Salute DIS dei lipidi. 19 settembre 2007; 6:22.

185.Chrysohoou C, DB di Panagiotakos, Pitsavos C, Das ONU, Stefanadis C. Adherence alla dieta Mediterranea attenua il processo di coagulazione e di infiammazione in adulti in buona salute: ATTICA Study. J Coll Cardiol. 7 luglio 2004; 44(1): 152-8.

186.Gaby AR. Effetti contrari di fruttosio dietetico. Altern Med Rev. 2005 dicembre; 10(4): 294-306.

187.Hallfrisch J, Ellwood KC, Michaelis OE quarto, Reiser S, O'Dorisio TM, Prather es. Effetti di fruttosio dietetico sulle risposte del glucosio e dell'ormone del plasma in uomini normali e hyperinsulinemic. J Nutr. 1983 settembre; 113(9): 1819-26.

188.Tokita Y, Hirayama Y, Sekikawa A, et al. ingestione del fruttosio migliora l'aterosclerosi ed il deposito dei prodotti finiti glicati avanzati nei conigli di colesterolo-federazione. J Atheroscler Thromb. 2005 12(5):260-7.

189.Beck-Nielsen H, Pedersen O, Lindskov UFF. Grippaggio cellulare alterato dell'insulina e sensibilità dell'insulina indotta dall'alimentazione ad alta percentuale di fruttosio negli oggetti normali. J Clin Nutr. Del 1980 febbraio; 33(2): 273-8.

190.McPherson JD, Shilton BH, Walton DJ. Ruolo di fruttosio in glycation e reticolazione delle proteine. Biochimica. 22 marzo 1988; 27(6): 1901-7.

191. Van Wymelbeke V, Beridot-Therond ME, de La Gueronniere V, Fantino M. Influence di consumo ripetuto di bevande che contenente saccarosio o i dolcificanti intensi sull'ingestione di cibo. EUR J Clin Nutr. 2004 gennaio; 58(1): 154-61.

192.Palmer il JUNIOR, Boggs DA, Krishnan la S, Hu il FB, Cantante la m., Rosenberg L. Zucchero-ha zuccherato le bevande e l'incidenza del diabete di tipo 2 mellito in donne afroamericane. Med dell'interno dell'arco. 28 luglio 2008; 168(14): 1487-92.

193.Yudkin J, saccarosio di Eisa O. Dietary e concentrazione nell'estradiolo in giovani. Ann Nutr Metab. 1988 32(2):53-5.

194.Blacklock NJ. Saccarosio e calcolo renale idiopatico. Salute di Nutr. 1987 5(1-2):9-17.

195.Tjaderhane L, Larmas M. Un'alta dieta del saccarosio fa diminuire la forza meccanica delle ossa in ratti crescenti. J Nutr. 1998 ottobre; 128(10): 1807-10.

196.Torronen R, Sarkkinen E, Tapola N, Hautaniemi E, Kilpi K, Niskanen L. Berries modificano la risposta postprandiale del glucosio del plasma a saccarosio negli individui sani. Br J Nutr. 2010 aprile; 103(8): 1094-7.

197.Moeller MP, Fryhofer SA, terzo AJ di Osbahr, CB di Robinowitz; Consiglio su scienza e su salute pubblica, American Medical Association. Gli effetti dello sciroppo dell'isoglucosio. J Coll Nutr. 2009 dicembre; 28(6): 619-26.

198.Angelopoulos TJ, Lowndes J, Zukley L, et al. L'effetto del consumo ad alta percentuale di fruttosio dello sciroppo di amido sui trigliceridi e sull'acido urico. J Nutr. 2009 giugno; 139(6): 1242S-1245S.

199.Stanhope chilolitro, Havel PJ. Effetti endocrini e metabolici di consumo delle bevande zuccherati con fruttosio, glucosio, saccarosio, o lo sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio. J Clin Nutr. 2008 dicembre; 88(6): 1733S-1737S.

200. RA di Forshee, piano ml, DB di Allison, et al. Un esame critico della prova che collega lo sciroppo e obesità di amido dell'isoglucosio. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2007 47(6):561-82.

201.Ouyang X, Cirillo P, Sautin Y, et al. consumo del fruttosio come fattore di rischio per l'affezione epatica grassa analcolica. J Hepatol. 2008 giugno; 48(6): 993-9.

202.Willcox CC, Willcox BJ, Todoriki H, dieta di Suzuki M. The Okinawan: implicazioni di salute di un di un modello dietetico ipocalorico, sostanza-denso, ricco d'antiossidante basso nel carico glycemic. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28 supplementi: 500S-516S.

203.Brand-Miller J, McMillan-prezzo J, Steinbeck K, indice glycemic di Caterson I. Dietary: implicazioni di salute. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28 supplementi: 446S-449S.