Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2011
Come lo vediamo

Un'epidemia del rifiuto

Da William Faloon
Circolazioni sanguigne cronicamente gonfiate un colpevole di obesità

Circolazioni sanguigne cronicamente gonfiate un colpevole di obesità

Un altro colpevole coinvolgere nell'obesità relativa all'età è che le nostre circolazioni sanguigne sono cronicamente gonfiate con glucosio, insulina e trigliceridi.60-64 una ragione per questa è che la gente invecchiante perde la loro sensibilità ad insulina.

Mentre il glucosio si accumula nella circolazione sanguigna, il pancreas secerne l'insulina per ridurre la glicemia. (Diabete di tipo 2 risulta quando il pancreas può più non produrre abbastanza insulina per controllare i livelli della glicemia mentre le cellule in tutto il corpo perdono la sensibilità ad insulina.) In presenza di alta insulina di digiuno (hyperinsulinemia), la perdita di peso continua può diventare difficile da raggiungere.

Una dieta alta in grassi non sani e carboidrati semplici provoca i livelli di trigliceridi nel sangue cronicamente elevati. Questi trigliceridi ulteriori alterano la sensibilità dell'insulina e contribuiscono ai disturbi della fisioregolazione del glucosio ed ai livelli elevati dell'insulina.65

La posizione di lunga durata del prolungamento della vita è che la prevenzione dell'obesità e del diabete comincia mangiando meno calorie. Futhermore, bloccante l'impatto negativo degli importi in eccesso delle calorie semplici del grasso e del carboidrato prendendo le determinate sostanze nutrienti e/o droghe prima che i pasti pesanti possano anche ridurre il carico di caloria.

Ulteriori punti per migliorare la sensibilità sistemica dell'insulina possono provocare un'inversione delle dismutazioni metaboliche connesse con l'obesità, compreso l'insulino-resistenza osservato nella maggior parte dei pazienti con il diabete di tipo 2 mellito.

Gli oggetti di studio che prendono il nuovo estratto doppio della pianta hanno mostrato le riduzioni dei livelli ematici del glucosio e del trigliceride.50 questo indica che queste piante stanno funzionando attraverso una vasta gamma di attività biologiche per correggere gli squilibri metabolici stanti alla base che predispongono gli esseri umani di invecchiamento ad obesità.

Medici invitati a riconoscere odierna epidemia di obesità

Poichè stavo scrivendo questo editoriale, un commento è comparso nel giornale di American Medical Association (JAMA) che discute le difficoltà di esame dei pazienti obesi a causa dello strato spesso del tessuto (grasso) adiposo che avvolge i loro tessuti vitali. Ha suggerito che i medici migliori si istruissero per assicurare la buona cura dei pazienti obesi.67

L'articolo di JAMA aperto dichiarando, “la nozione della norma un paziente da 70 chilogrammi (154 libbre) è antiquato.„

Il fatto triste è che questa epidemia micidiale sta spargendosi attraverso tutte le età compreso un terzo di 9-month-olds che sono già obesi o di peso eccessivo.68

Una nuova arma potente…

Secondo il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti, gli Americani hanno consumato un supplemento 331 caloria ogni giorno durante l'anno 2006, rispetto a 1978. Quello traduce in approssimativamente 34 libbre di grasso corporeo immagazzinato.66

Virtualmente ognuno consuma le calorie in eccesso che potrebbero tagliare senza privare stesse. Per un medico non è irragionevole chiedere ad un paziente di peso eccessivo di determinare quali calorie sono il più minimo l'importante e cancellare questi dalla sua dieta normale. Gli esempi stanno eliminando il pane ed il burro prima di un pasto o di un dessert dopo un pasto se questi non sono vitali a raggiungere la sazietà. Una volta che si abitua le calorie di taglio che non sono quella importante, è facile da restare a partire da loro nel lungo termine. Un articolo nell'edizione di questo mese dai fondatori del programma di modo del CR fa la nuova luce sui benefici multipli che accadono quando gli esseri umani riducono i loro carichi di caloria.

Un problema più nel fronte del mondo occidentale è che consumano troppe calorie anche quando provando a ridurre. Ecco perché è così importante per chiunque che cerca di perdere il peso (e vivere più lungamente) per ridurre il numero delle calorie ingerite che lo trasformano la circolazione sanguigna. Fortunatamente, ci sono sostanze nutrienti e farmaci sicuri che neutralizzano gli enzimi nell'apparato digerente che ripartono l'alimento per assorbimento rapido nella circolazione sanguigna. Invitiamo tutto il membro di peso eccessivo a prendere le sostanze nutrienti e/o i farmaci prima dei pasti che impediscono l'assorbimento di caloria per abbassare la glicemia, l'insulina ed i trigliceridi.

Una nuova arma potente…

Potreste pensare che quel riducente un pezzo su cui mangiate ed impedire l'assorbimento dei grassi e dei carboidrati inducessero la considerevole perdita di peso. Per alcuni individui, la perdita di peso significativa accadrà. Per la maggior parte dei individui di peso eccessivo ed obesi, tuttavia, devono migliorare l'utilizzazione di caloria al livello cellulare e mobilitare i loro depositi grassi in eccedenza per raggiungere un peso corporeo sicuro.

Fortunatamente, una tecnologia doppia novella dell'estratto della pianta è stata sviluppata che funziona per inibire lo sviluppo del gonfiato di, adipocytes disfunzionali, impedire l'assorbimento degli acidi grassi nei adipocytes e facilitare la ripartizione dei lipidi immagazzinati nei adipocytes attuali.

L'estratto doppio della pianta descritto nel primo articolo nell'edizione di questo mese fornisce una nuova arma potente per quelle che cercano di raggiungere il peso corporeo più sano, particolarmente quando si tratta della riduzione del grasso viscerale testardo che si accumula nelle pance di tanti individui di invecchiamento.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.usatoday.com/news/health/2003-05-13-obesity-usat_x.htm. 21 aprile 2011 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.harrisinteractive.com/NewsRoom/HarrisPolls/tabid/447/mid/1508/articleId/558/ctl/ReadCustom%20Default/Default.aspx.
11 aprile 2011 raggiunto.

3. L'incidenza di Reeves GK, di Pirie K, di Beral V, et al. del Cancro e la mortalità relativamente all'indice di massa corporea nelle milione donne studiano: studio di gruppo. BMJ. 1° dicembre 2007; 335(7630): 1134.

4. Calle EE, Kaaks R. Overweight, obesità e cancro: prova epidemiologica e meccanismi proposti. Nat Rev Cancer. 2004 agosto; 4(8): 579-91.

5. Schapira DV, Kumar N.B.:, Lyman GH. Stima di riduzione di rischio di cancro al seno con perdita di peso. Cancro. 15 maggio 1991; 67(10): 2622-5.

6. Lorincz, Sukumar S. Molecular si collega fra l'obesità ed il cancro al seno. Cancro di Endocr Relat. 2006;13:279–92.

7. Pentola SY, DesMeules m., Morrison H, interruttore di Wen. Obesità, assunzione dell'alta energia, mancanza di attività fisica ed il rischio di cancro del rene. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 dicembre; 15(12): 2453-60.

8. Ahrens W, Timmer A, Vyberg m., et al. fattori di rischio per carcinoma biliare extraepatico del tratto in uomini: condizioni mediche e stile di vita: risultati da uno studio multicentrato europeo di caso-control. EUR J Gastroenterol Hepatol. 2007 agosto; 19(8): 623-30.

9. Ceschi m., Gutzwiller F, Moch H, Eichholzer m., Probst-Hensch nanometro. Epidemiologia e patofisiologia di obesità come causa di cancro. Svizzero Med Wkly. 2007;137:50–6.

10. Obesità di Despres JP, di Lemieux I. Abdominal e sindrome metabolica. Natura. 14 dicembre 2006; 444(7121): 881-7.

11. Hirani V, Zaninotto P, Primatesta P. Generalised ed obesità e rischio addominali di co-morbidità del diabete, di ipertensione e del ipertensione-diabete in Inghilterra. Salute pubblica Nutr. 2008 maggio; 11(5): 521-7.

12. Meisinger C, Doring A, Thorand B, Heier m., distribuzione del grasso corporeo di Lowel H. e rischio di diabete di tipo 2 nella popolazione in genere: sono ci differenze fra gli uomini e le donne? Lo studio di gruppo di MONICA KORA Augsburg. J Clin Nutr. 2006 settembre; 84(3): 483-9.

13. Kenchaiah S, Evans JC, imposizione D, et al. obesità ed il rischio di infarto. Med di N Inghilterra J. 1° agosto 2002; 347(5): 305-13.

14. Logue J, HM di Murray, Lingua gallese P, et al. l'obesità è associato con la coronaropatia mortale indipendentemente dai fattori di rischio e dalla privazione tradizionali. Cuore. 2011 aprile; 97(7): 564-8.

15. Arnlov J, Ingelsson E, Sundstrom J, Lind L. Impact dell'indice di massa corporea e della sindrome metabolica sul rischio di malattia cardiovascolare e di morte in uomini di mezza età. Circolazione. 19 gennaio 2010; 121(2): 230-6.

16. Wong CY, O'Moore-Sullivan T, Leano R, Byrne N, Beller E, TH di Marwick. Le alterazioni delle caratteristiche del miocardio ventricolari sinistre si sono associate con l'obesità. Circolazione. 9 novembre 2004; 110(19): 3081-7.

17. Safar ME, Czernichow S, Blacher J. Obesity, rigidezza arteriosa e rischio cardiovascolare. J Soc Nephrol. 2006 aprile; 17 (4 supplementi 2): S109-11.

18. Calabro P, Yeh ET. Adiposità intra-addominale, infiammazione e rischio cardiovascolare: nuova visione del rischio cardiometabolic globale. Rappresentante di Curr Hypertens. 2008 febbraio; 10(1): 32-8.

19. Suk SH, Sacco RL, Boden-Albala B, et al. obesità e rischio addominali di colpo ischemico: lo studio nordico del colpo di Manhattan. Colpo. 2003 luglio; 34(7): 1586-92.

20. Yatsuya H, Folsom AR, Yamagishi K, KE del nord, Brancati FL, Stevens associazioni di J. Race- e sesso-specifico delle misure dell'obesità con l'incidenza ischemica del colpo nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studia. Colpo. 2010 marzo; 41(3): 417-25.

21. O'Donnell MJ, Xavier D, Liu L, et al. fattori di rischio per il colpo aemorrhagic ischemico e intracerebrale in 22 paesi (lo studio di INTERSTROKE): uno studio di caso-control. Lancetta. 10 luglio 2010; 376(9735): 112-23.

22. Kurth T, Gaziano JM, Berger K, et al. indice di massa corporea ed il rischio di colpo in uomini. Med dell'interno dell'arco. 2002 9-23 dicembre; 162(22): 2557-62.

23. Bosnar-Pureti m., Basi-KES V, Jurasi MJ, Zavoreo I, Demarin V. L'associazione di obesità e della malattia cerebrovascolare in giovani adulti--uno studio pilota. Croato di Clin di acta. 2009 settembre; 48(3): 295-8.

24. Disponibile a: http://www.wfaa.com/news/health/Study-75-percent-of-Americans-will-be-overweight-by-2020-103639534.html. 21 aprile 2011 raggiunto.

25. Disponibile a: http://www.unitedhealthgroup.com/hrm/UNH_WorkingPaper5_FactSheet.pdf. 12 aprile 2011 raggiunto.

26. Krotkiewski m., Bjorntorp P, Sjostrom L, Smith U. Impact di obesità su metabolismo in uomini ed in donne. Importanza di distribuzione tissutale adiposa regionale. J Clin investe. 1983 settembre; 72(3): 1150-62.

27. Arner E, Westermark PO, Spalding chilolitro, et al. volume d'affari di Adipocyte: rilevanza a morfologia umana del tessuto adiposo. Diabete. 2010 gennaio; 59(1): 105-9.

28. Karlsson ea, Beck mA. Il carico di obesità sulla malattia infettiva. Med di biol di Exp (Maywood). 2010 dicembre; 235(12): 1412-24.

29. Smith AG, PA di Sheridan, arpa JB, Beck mA. da topi obesi indotti da dieta hanno aumentato la mortalità ed hanno alterato le risposte immunitarie una volta infettati con il virus dell'influenza. J Nutr. 2007 maggio; 137(5): 1236-43.

30. Louie JK, Acosta m., Samuel MC, et al. Un fattore di rischio novello per un virus novello: obesità e 2009 influenza pandemica A (H1N1). Clin infetta il DIS. 2011 febbraio; 52(3): 301-12.

31. Karlsson ea, PA di Sheridan, Beck mA. dall'l'obesità indotta da dieta altera la risposta a cellula T di memoria all'infezione del virus dell'influenza. J Immunol. 15 marzo 2010; 184(6): 3127-33.

32. SG di Leveille, cc piccolissimo, Iezzoni LI. Tendenze relative all'obesità ed all'artrite fra i figli del baby boom ed i loro predecessori, 1971-2002. Salute pubblica di J. 2005 settembre; 95(9): 1607-13.

33. Voigt LF, Koepsell TD, Nelson JL, CE di Dugowson, JUNIOR di Daling. Fumo, obesità, consumo dell'alcool ed il rischio di artrite reumatoide. Epidemiologia. 1994 settembre; 5(5): 525-32.

34. EM di Badley, Ansari H. Arthritis e limitazioni artrite-attribuibili di attività negli Stati Uniti e nel Canada: un confronto di frontiera. Ricerca di cura di artrite (Hoboken). 2010 marzo; 62(3): 308-15.

35. Disponibile a: http://www.cdc.gov/mmwr/pdf/wk/mm5939.pdf. 12 aprile 2011 raggiunto.

36. O'Shea D, Cawood TJ, O'Farrelly C, cellule di uccisore naturali di Lynch L. nell'obesità: funzione alterata e suscettibilità aumentata agli effetti del fumo della sigaretta. PLoS uno. 25 gennaio 2010; 5(1): e8660.

37. Disponibile a: http://www.nature.com/oby/journal/v17/n3/full/oby2008565a.html. 13 aprile 2011 raggiunto.

38. Disponibile a: http://endo.endojournals.org/cgi/reprint/149/7/3370.pdf. 13 aprile 2011 raggiunto.

39. Nave H, Beutel G, Kielstein JT. immunodeficienza in relazione con l'obesità in pazienti con influenza pandemica H1N1. La lancetta infetta il DIS. 2011 gennaio; 11(1): 14-5.

40. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Pazienti ospedalizzati con infezione virale novella di influenza A (H1N1) - California, aprile-maggio 2009. Rappresentante di Wkly del mortale di MMWR Morb. 22 maggio 2009; 58(19): 536-41.

41. Filtri il CY, Gao Y, Chen JW, et al. efficacia di acarbose negli oggetti cinesi con tolleranza al glucosio alterata. Ricerca Clin Pract del diabete. 2003 settembre; 61(3): 183-90.

42. Hauner H. L'impatto della farmacoterapia sulla gestione del peso in diabete di tipo 2. Int J Obes Relat Metab Disord. 1999 giugno; 23 supplementi 7: S12-7.

43. Golay A. Metformin e peso corporeo. Int J Obes (Lond). 2008 gennaio; 32(1): 61-72.

44. Desilets AR, Dhakal-Karki S, Dunican KC. Ruolo di metformina per la gestione del peso in pazienti senza diabete di tipo 2. Ann Pharmacother. 2008 giugno; 42(6): 817-26.

45. Paolisso G, Amato L, Eccellente R, et al. effetto di metformina sull'ingestione di cibo negli oggetti obesi. L'EUR J Clin investe. 1998 giugno; 28(6): 441-6.

46. Fontbonne A, Charles mA, I Juhan-vaga, et al. L'effetto di metformina sulle anomalie metaboliche si è associato con distribuzione superiore del grasso corporeo. Risultati della prova di BIGPRO 1. Cura del diabete. 1996 settembre; 19:920-6.

47. Berrington de Gonzalez A, JUNIOR di Hartge P, di Cerhan, et al. indice di massa corporea e mortalità fra 1,46 milione adulti bianchi. Med di N Inghilterra J. 2 dicembre 2010; 363(23): 2211-9.

48. Guo W, Pirtskhalava T, Tchkonia T, et al. invecchiante provoca la suscettibilità paradossale dei progenitori delle cellule grasse al lipotoxicity. J Physiol Endocrinol Metab. 2007 aprile; 292(4): E1041-51.

49. Basato sui risultati su analisi iniziale dei dati non pubblicati di ricerca.

50. Lau FC, Golakoti T, Krishnaraju avoirdupois, Sengupta K, Bagchi D. Efficacy e tollerabilità di Merastin™- A randomizzata, prova alla cieca, studio controllato con placebo. FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011. No. 601,9, manifesto no A278 di programma.

51. Yamauchi T, Kamon J, Waki H, et al. Il adiponectin grasso-derivato dell'ormone inverte l'insulino-resistenza connesso con sia lipoatrofia che l'obesità. Nat Med. 2001;7:941-6.

52. BI di Shand, Scott RS, PA dell'anziano, George PM. Adiponectin nel sovrappeso, individui nondiabetic del plasma con o senza insulino-resistenza. Diabete Obes Metab. 2003 settembre; 5(5): 349-53.

53. Yamamoto Y, Hirose H, Saito I, Nishikai K, Saruta T. Adeponectin, una proteina adipocyte-derivata, predice l'insulino-resistenza futuro: studio di approfondimento biennale in popolazione giapponese. J Clin Endocrinol Metab. 2004 gennaio; 89(1): 87-90.

54. Ryo m., Nakamura T, Kihara S, et al. Adeponectin come biomarcatore della sindrome metabolica. Circ J. 2004 novembre; 68(11): 975-81.

55. Fasshauer m., Paschke R, Stumvoll M. Adeponectin, obesità e malattia cardiovascolare. Biochimie. 2004 novembre; 86(11): 779-84.

56. Pischon T, Girman CJ, Hotamisligil GS, Rifai N, Hu FB, Rimm eb. Livelli di adiponectin del plasma e rischio di infarto miocardico in uomini. JAMA. 7 luglio 2004; 292(1): 40.

57. Han SH, Quon MJ, Kim JA, KOH KK. Adeponectin e malattia cardiovascolare: risposta agli interventi terapeutici. J Coll Cardiol. 6 febbraio 2007; 49(5): 531-8.

58. Kumada m., Kihara S, Sumitsuji S, et al. associazione del hypoadiponectinemia con la coronaropatia in uomini. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° gennaio 2003; 23(1): 85-9.

59. Okui H, Hamasaki S, Ishida S, et al. Adeponectin è un migliore preannunciatore della funzione endoteliale dell'arteria coronaria che HOMA-R, l'indice di massa corporea, l'insulina immunoreactive, o i trigliceridi. Int J Cardiol. 7 maggio 2008; 126(1): 53-61.

60. Ribeiro RT, Afonso RA, mp di Guarino, mp di Macedo. Perdita di sensibilizzazione postprandiale dell'insulina durante l'invecchiamento. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2008 giugno; 63(6): 560-5.

61. HG di Preuss. Effetti delle perturbazioni insulina/del glucosio su invecchiamento e dei disturbi cronici di invecchiamento: la prova. J Coll Nutr. 1997 ottobre; 16(5): 397-403.

62. Godsland SE, truffatore D, Walton C, Wynn V, Oliver MF. Influenza di insulino-resistenza, della secrezione e dello spazio sul colesterolo nel siero, sui trigliceridi, sul colesterolo della lipoproteina e sulla pressione sanguigna in uomini in buona salute. Arterioscler Thromb. 1992 settembre; 12(9): 1030-5.

63. Ginsberg HN, Zhang YL, Hernandez-Ono A. Regulation dei trigliceridi del plasma in insulino-resistenza e diabete. Arco Med Res. 2005 maggio-giugno; 36(3): 232-40.

64. Simental-Mendía LE, Rodriguez-Moran m., il Guerrero-Romero F. Il prodotto di glucosio e di trigliceridi a digiuno come sostituto per l'identificazione dell'insulino-resistenza negli individui sani apparentemente. Metab Syndr Relat Disord. 2008 dicembre; 6(4): 299-304.

65. Chalkley MP, Hettiarachchi m., Chisholm DJ, Kraegen EW. L'alimentazione ad alta percentuale di grassi a lungo termine conduce ad insulino-resistenza severo ma non al diabete nei ratti di Wistar. J Physiol Endocrinol Metab. 2002 giugno; 282(6): E1231-8.

66. Disponibile a: http://blogs.wsj.com/health/2010/05/12/white-house-obesity-report-suggests-more-pe-is-not-enough/. 13 aprile 2011 raggiunto.

67. Seta aw, McTigue chilometro. Riesame dell'esame fisico per i pazienti obesi.
JAMA. 12 gennaio 2011; 305(2): 193-4.

68. Muschio BG, Yeaton WH. Traiettorie del peso dei bambini piccoli e fattori di rischio collegati: risultati dal gruppo longitudinale di Studio-nascita di prima infanzia. Salute Promot di J. 2011 gennaio-febbraio; 25(3): 190-8.